banner-Trading_640x80

QUATTRO+POLITICHE+L%2527INTENTO+ORIGINALE Quattro Politiche: LIntento OriginaleQuesto è un ottimo articolo perché riassume nel modo più breve possibile la maggior parte degl iargomenti trattati qui su Freedonia. Anche perché, se devo dire la verità, sono leggermente stufo di ritrovarmi gente che mi pone sempre le stesse domande; si vede che dovrò stampare questo articolo e crearne un opuscolo. Poi invece ci sono i dementi incalliti, come questo tizio qui, che non capisce la differenza tra un orifizio superiore ed uno inferiore e li scambia al momento di proferire verbo. Ed ecco che ti escono simili panzane. Questa fa il paio con “il mercato ha fallito”, “il capitalismo ha fallito” e “redistribuiamo il reddito di quelli lì per i poverelli”; adesso aprite dunque le orecchie, Mises sarebbe stato contrario all’intervento del governo per salvare le chiappe faraoiniche delle banche alla deriva e ai regolamenti che mandano a quel paese la concorrenza per gli operatori di Wall Street. Come lo so? Leggiamo: “[…] Il significato della libertà economica è questo: l’individuo è in una posizione di scegliere il modo in cui vuole integrarsi nella totalità della società.”
________________________________________

di Brian Anderson

In questi giorni, i regolamenti governativi sono la moda popolare. C’è un conflitto sul mercato? Regolatelo! C’è un conflitto con il regolamento? Regolatelo! E non si finisce mai.

Ora l’economia del nostro paese sta annegando sotto tutti i regolamenti, e la cosa buffa è che la loro origine non coinvolge le persone più pulite. I loro promotori iniziali avevano piani di gran lunga diversi rispetto a quelli degli attuali sostenitori di tali regolamentazioni.

La Federal Reserve

La scusa corrente per la banca centrale è che ha il potere di creare denaro con la caratteristica di estrema elasticità, uno strumento necessario per coltivare economie sane in tempi in cui la spesa dei consumatori diminuisce. L’espansione artificiale del credito permette la crescita economica, e quindi le persone possono utilizzare la maggior parte del loro reddito per l’acquisto di case di lusso ed auto di lusso e vivere felici e contenti. Purtroppo, questo sentimento ignora completamente l’inevitabile scoppio di queste bolle. Gli Austriaci hanno risposto a questa fallacia nella teoria e nella pratica, più recentemente prevedendo la crisi immobiliare.

Da questa lista, la Federal Reserve è forse l’organizzazione largamente sospettata dal pubblico in generale per essere colpevole di collusione, anche se una percentuale del consenso si basa su teorie di complotto e su una vuota sfiducia dei banchieri. Accredito alle campagne di Ron Paul — quella di End The FED — la divulgazione di una opposizione accademica sempre più crescente nei confronti delle politiche inflazionistiche e fraudolenti di tale istituzione. Eppure, con mia costernazione, molte persone continuano a criticare le società e gli amministratori delegati, invece della mano che li nutre.

Non dovrebbe essere una sorpresa che la creazione della Federal Reserve non aveva nulla a che fare con gli economisti umanitari che lavoravano per un mercato prospero. La sua attuazione aveva a che fare con banchieri infelici che non volevano competere nel mondo reale e che, invece, si concentravano nell’acquisire il controllo dell’offerta di denaro della nazione. Le ricche potenze dei Morgan e dei Rockefeller finanziarono un decennale “movimento di riforma bancaria” per convincere gli imprenditori influenti e gli intellettuali della presunta necessità di una banca centrale. Quando furono più fiduciosi che il loro piano sarebbe stato approvato con facilità dalle camere governative, J.P. Morgan programmò un ritiro estremamente riservato ed esclusivo a Jekyll Island. Agli invitati venne detto di non dire niente a nessuno in merito alla riunione e di procedere secondo il loro primo nome. Fu qui che, per un’intera settimana, i banchieri ed i funzionari governativi conclusero la loro bozza del Federal Reserve Act, creando la banca centrale come oggi la conosciamo. Come Sheldon Richman cita lo storico Gabriel Kolko: “Il vero scopo della conferenza era quello di discutere della vittoria della comunità bancaria sul controllo del governo, diretto dai banchieri per i propri fini.”

L’organizzazione agisce come un monopolio complesso ed alimentato dalla legislazione che vieta che lo stesso servizio — in questo caso, la fabbricazione di moneta — venga fornito da altri individui, lasciando una cricca limitata di banchieri d’elite a controllo della massa monetaria degli Stati Uniti. Questa autorità permette al cartello bancario di dare sussidi a corporazioni con i contatti giusti che possono spendere i soldi prima che siano tecnicamente entrati nell’offerta reale di moneta; il che significa che le aziende non avranno a che fare con l’insorgenza di prezzi più elevati a causa dell’inflazione, mentre gli ultimi destinatari del denaro — di solito la classe operaia — ne sentiranno gli effetti, principalmente attraverso il costo del cibo, della casa e dell’energia.

Molti economisti, anche dopo aver appreso la teoria Austriaca del ciclo economico ed aver ammesso l’esistenza di effetti negativi nella manipolazione dei tassi d’interesse, credono ancora che sia meglio avere un boom e bust che nessun boom. Che siate a favore di questo parere pro-interventista o avete fede nel classico ambiente laissez-faire dipende da voi, ma non è un mistero che la Federal Reserve fu creata solo a beneficio dei ricchi banchieri. La stessa organizzazione nella sua essenza rimane oggi senza risposta per la popolazione.

Istruzione Pubblica

Thomas Jefferson una volta scrisse: “Tra tutte le cose spero che ci si occuperà dell’educazione della persone comuni; convinto con molta sicurezza che possiamo contare sul loro buon senso per il mantenimento di un degno grado di libertà”. Abbiamo il diritto all’istruzione, ed è il governo il fornitore essenziale di questo diritto? E, cosa forse più importante, l’istruzione pubblica è un servizio necessario per preservare la libertà nel nostro paese?

Si presume che l’abrogazione della pubblica istruzione negli Stati Uniti spingerebbe i poveri nella povertà e segregherebbe le minoranze in scuole terribili, soprattutto perché le istituzioni private come la Yale University e l’Università George Washington costano circa $40,000 e $44,000, rispettivamente.

Guardando alla storia, però, ci viene presentato un racconto interessante di individui xenofobi che creano la pubblica istruzione al fine di reprimere le culture straniere.

Il movimento originale dell’istruzione pubblica fu condotto da un gruppo di abitanti del New England. Il loro scopo, nelle parole di Murray Rothbard: “era proprio quello di usarla per paralizzare la vita culturale e linguistica dalle ondate di immigrati in America, e di pasmarle, come dichiarò il riformatore educativo Samuel Lewis, in “un solo popolo””.[Scarica il PDF]

I primi obiettivi del movimento in gran parte sostenuto dai Calvinisti furono le scuole Cattoliche parrocchiali, ed il sistema dell’istruzione pubblica istituì un codice uniforme di insegnamento al fine di contrastare quell’educazione religiosa dei bambini.

Molti degli abitanti del New England — e cioè Horace Mann, Henry Barnard, e Calvin Stowe — ammiravano il sistema educativo creato in Prussia, che indottrinava i bambini allo scopo di renderli obbedienti allo stato. Nel 1837, Horace Mann divenne segretario del Consiglio del Massachusetts della Pubblica Istruzione, e solo 15 anni dopo lo stato approvò una legge di partecipazione obbligatoria, anche se l’azione era stata precedentemente dichiarata incostituzionale in Oregon attraverso Pierce v. Society of Sisters, 268 US 510 (1925).

Nel ventesimo secolo l’affluenza di pregiudizi educativi si allontanò dalla battaglia persa contro i Cattolici. Invece lottò contro gli immigrati da Puerto Rico ed i neri Americani attraverso una serie di eventi noti a Harlem. Tentativi analoghi di repressione culturale furono utilizzati per garantire che le minoranze non potessero conoscere le loro origini etniche e la propria storia razziale, e, in un primo momento, molti Portoricani furono costretti ad imparare le scienze, la matematica, ed altre materie in Inglese, che molti non parlavano. Fortunatamente, questo racconto è costituito solo da pochi conflitti che furono fortemente — e con successo — contestati da soluzioni di mercato reali.

William Wooldridge scrive: “Quando i neri delle grandi città divennero insoddisfatti dalle scuole pubbliche, cercare di stabilire un’alternativa privata fu una delle cose più Americane da fare”. La Urban League of Greater New York sponsorizzò volontariamente una serie di programmi chiamati “accademie di strada” che accoglievano coloro che abbandonavano il sistema della pubblica istruzione e fornivano loro una vera e propria istruzione scolastica. Una volta che i diplomati si sentivano abbastanza pronti, i loro mentori li aiutavano a trovare un lavoro nelle imprese locali, e un gran numero di diplomati rimaneva lì come reclutatori e mentori per le nuove leve. La parte migliore è che il pagamento di questi programmi era costituito da donazioni volontarie date da organizzazioni come la Fondazione Ford, l’IBM, e la First National City Bank.

Possiamo vedere come il riformatore Newton Bateman si sia dimostrato completamente in errore quando affermò che l’istruzione “non può essere lasciata ai capricci ed alle contingenze dei singoli individui.” I risultati dei test sono rimasti stagnanti negli Stati Uniti, nonostante il fatto che la spesa federale per studente sia aumentata notevolmente dopo la creazione del Dipartimento della Pubblica Istruzione nel 1979. Il sistema educativo del governo che non conosce eccezioni è innaturale, e non funzionerà mai.

Sicurezza nella Sanità

La presenza del governo nella regolazione della salute e del benessere è raramente contestato nella politica moderna. I progressi nel settore medico ed alimentare, si presume, non esisterebbero nemmeno senza la supervisione monopolitica della Food and Drug Administration. Una visione mentale distorta immagina l’assenza dell’agenzia con la somministrazione di antidolorifici come una miscela di morfina ed un tocco di etere, le nostre capsule dentarie riempite fino all’orlo con la cocaina, e la nostra carne ricoperta da insetti e batteri sconosciuti. Questo esame non tiene conto dell’idea che il progresso umano sarebbe continuato senza la supervisione di burocrati non eletti, e non presta molta attenzione ai dettagli che circondano l’approvazione della normativa come il lobbying da parte di diversi individui e le false accuse avanzate dal Upton Sinclair in The Jungle.

La gente loda il libro di Sinclair come l’unico lavoro che ha catalizzato la rapida approvazione del Federal Meat Inspection Act al Congresso. Ma lodare il testo di Sinclair equivale a lodare le fantasie sensazionalistiche dell’autore di un sistema capitalista a Chicago che non si è mai visto. E’ ragionevole ipotizzare che i pavimenti coperti da interiora e pozze di sangue degli animali sognati da Sinclair fossero, difatti, irreali e non semplicemente una distrazione da parte di centinaia di ispettori delle carni sanzionati dal governo Statunitense per tutto il decennio precedente al 1906. In entrambi i casi, il tentativo di Sinclair di illuminare gli Americani con la via pulita del socialismo ha aperto la strada a scappatoie nella legge a favore delle grandi imprese.

Le grandi aziende confezionatrici di carni hanno appoggiato la nuova normativa come un modo per paralizzare la concorrenza delle piccole imprese e fare in modo che i contribuenti fossero costretti a pagare il conto per la sua costosa applicazione. Ironia della sorte, Sinclair ha respinto apertamente la normativa per la sua vera natura fascista. Nel frattempo gli imballatori di carni Europei stavano rafforzando i propri regolamenti al fine di proteggere i guadagni interni dalle importazioni Americane; i fautori non hanno dato alcun pensiero alla salute dei consumatori.

Purtroppo l’industria alimentare non è l’unico settore con fondamenta corrotte — anche il settore medico è pieno di normative sulle autorizzazioni. La normativa che favoriva il processo delle licenze dell’American Medical Association non aveva niente a che fare con la protezione dei pazienti contro i medici ignoranti e gli strumenti sporchi. Invece, l’obiettivo principale era quello di aumentare gli stipendi dei medici allopatici i cui i pazienti si trasferivano sotto il trattamento dei medici omeopati, che usavano trattamenti più naturali per curare le malattie. I medici che emigravano da paesi come Puerto Rico (più tardi, Austria e Cuba) erano contenti di farsi una nuova vita negli Stati Uniti, e questi sogni rappresentavano un rischio per il sostentamento dei “medici regolari”. Mentre il potere dell’AMA continuava a crescere, la prima metà del 20° secolo fu accolta con un calo del 58% nelle scuole di medicina ed un calo del 25% dei medici. Più di recente, come Dale Steinreich nota: “Sin dalla creazione del Consiglio dell’AMA, un secolo fa, la popolazione degli Stati Uniti (75 milioni nel 1900, 288 milioni nel 2002) è aumentata in grandezza del 284%, ma il numero delle facoltà di medicina è diminuito del 26% a 123. “

E’ chiaro che una normativa come nei due pezzi precedentemente menzionati è stata creata al fine di limitare l’offerta dei concorrenti alternativi in diversi mercati. Le scappatoie nei regolamenti servono solo alle industrie da cui crediamo di essere protetti. Le normative non funzionano, e, quando le agenzie agiscono, vietano agli individui volontariamente consenzienti di essere curati con erbe naturali ed altre soluzioni che arricchiscono il nostro benessere.

Limitazioni alle Armi da Fuoco

I possessori di armi sono in genere raffigurati come cowboy usciti dal selvaggio West — persone i cui animi sono impazienti e dal grilletto facile. Se dovessimo abrogare tutte le leggi sul controllo delle armi, dicono i detrattori, gli Americani andrebbero in giro come animali. Finiremmo per vivere in un paese caotico tipo la Somalia con i signori della guerra dietro ogni angolo. L’appello all’emozione ignora tutte le statistiche sugli effetti negativi del controllo delle armi, ma molti crimini violenti che coinvolgono armi da fuoco sono ancora visti come il risultato di una lettura “fondamentale” del Secondo Emendamento, poiché si riferisce alla nuova tecnologia nel settore dell’auto-difesa. I critici del Secondo Emendamento dispongono di un buon punto: lo scopo originale del controllo delle armi era quello di proteggere le persone dai criminali con le armi. Tuttavia, i “criminali” in questo contesto storico erano schiavi che volevano essere liberi delle loro catene.

I secoli precedenti alla Guerra di Rivoluzione sono pieni di leggi orientate al divieto di possesso di armi da fuoco per i neri, con numerosi statuti che ammettevano apertamente l’intento di “prevenire le insurrezioni dei Negri“. La Guerra Civile determinò un eccesso estremo di armi a scapito della Valuta Continental, così l’aumento dell’offerta portò a prezzi molto convenienti per i neri interessati. La ribellione post-Costituzione guidata da Nat Turner nel 1831 dimostrò al governo che le sue peggiori paure si erano avverate. Molti proprietari di schiavi si dimenticarono il potenziale dei loro schiavi e cominciarono a temere i neri liberati, il cui gusto per la libertà li avrebbe convinti a liberare altri neri e ad uccidere i bianchi.

Un notevole e più recente caso della Corte Suprema è Cooper and Worsham v. Savannah, 4 Ga. 68 (1848), la sentenza del quale dichiarava:

Le persone di colore libere non sono mai state riconosciute come cittadini qui; non hanno diritto a portare armi, votare per i membri della legislatura, o ricoprire cariche civili. Essi sono sempre stati considerati come in uno stato di minoranza.

La sentenza era un effetto per spaventare i mercanti avvertendoli che, se ai neri liberati fosse stato permesso di possedere armi da fuoco in uno stato, il riconoscimento dello stato della loro umanità avrebbe portato ad una Unione instabile. C’era ancora la corruzione locale che si opponeva al possesso delle armi da parte dei neri dopo il Civil Rights Act del 1866, ma l’illegalità dell’azione rese ai governi molto più difficile il compito di applicare pienamente le confische.

Questo modello ci segue attraverso le sabbie del tempo, in luoghi tanto miseri e crudeli quanto l’Unione Sovietica degli anni ’30 e l’occupazione dell’Iraq da parte del governo Statunitense negli anni 2000. La 112° sessione del Congresso ha scritto un mucchio di leggi sulle armi, ed ora scopriamo che il Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms, and Explosives ha venduto queste potenti armi da fuoco ai cartelli della droga Messicani per due anni. Le leggi sul controllo delle armi non funzionano mai a favore dei cittadini rispettosi della legge, ma piuttosto vanno contro di loro e favoriscono i criminali ed i tiranni, come hanno sempre fatto.

Legge Naturale

Joseph Sobran scrive:

Nella Politica, Aristotele spiega bene il carattere della legge. Egli raccomanda che ci sia il minor numero di leggi, e che siano modificate il più raramente possibile. La ragione di questo è che la legge dovrebbe essere un’estensione del nostro normale senso di giusto e sbagliato, in modo che la gente possa osservarla, la maggior parte, semplicemente vivendo quello che considerano una vita moralmente retta. […] Meno frequentemente cambia e più permanentemente rimane, più i cittadini esprimeranno rispetto per essa.

Abbiamo bisogno di tornare ad una fede nel diritto naturale. La libertà è intrinseca, e la sopravvivenza e la progressione della civiltà umana dipendono dalla nostra capacità di comprendere questo fatto.

[*] traduzione di Johnny Cloaca

logo small Quattro Politiche: LIntento Originale

Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
Sono aperte le Iscrizioni all'UNICO EVENTO in Italia di Rischio Calcolato a Bologna il 13-14-15 di Dicembre, ovvero come "Investire con la Crisi". Ti aspettiamo, per informazioni clicca qui.
 

Seguici su Twitter: https://twitter.com/R_Calcolato

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/rischio.calcolato