bannerInvestire_640x80

di Ugo Bardi -
Pubblicato su “Il Cambiamento” 18 Gennaio 2012

 Le vecchie bufale non muoiono mai: la leggenda del petrolio abiotico

Per qualche ragione, la leggenda del petrolio ‘abiotico’, che sarebbe abbondantissimo se non addirittura infinito, non ha attecchito in Italia. È difficile capire perché: negli Stati Uniti è tuttora molto diffusa, sostenuta da una variegata schiera di persone che si sono improvvisamente creduti geologi petroliferi dopo una onorata carriera come idraulici, parrucchieri, operatori turistici o assaggiatori di aceto balsamico. Forse in Italia siamo più intelligenti degli americani? Probabilmente no, ma quantomeno qui da noi ad una certa età smettiamo di credere a Babbo Natale mentre invece gli americani, a volte, sembra che continuino a crederci per tutta la vita.
Comunque sia, è anche vero che c’è chi ha fatto grossi sforzi per diffondere la leggenda del petrolio abiotico anche qui da noi. Ci ha provato per primo Roberto Vacca che, improvvisandosi geologo, è riuscito a rovinarsi la reputazione guadagnata in una vita di lavoro.
L’anno scorso, qualcuno che si firma ‘shooter’ ha messo su un blog sul petrolio abiotico dove si è messo di buona lena a tradurre vari articoli degli abioticisti americani. Non se lo è filato nessuno e dopo qualche mese ha cancellato il blog congedandosi con i lettori (?) con le parole, più o meno, “dovete morire”. Quest’anno, già a metà Gennaio arriva un ulteriore tentativo di diffondere la leggenda in Italia su un blog intitolato Aurora, dove qualcuno si è messo all’anima di tradurre un articolo vecchio di due anni e pieno di fesserie di tal John O’Sullivan, che come credenziali per parlare di geologia petrolifera non ha altro che quella di aver scritto i discorsi politici di Margaret Tatcher negli anni ’80. In compenso, di clima ne sa ancora meno di quanto ne sappia di petrolio, come appare chiaramente dall’ articolo (il titolo è tutto un programma: “La teoria del peak oil è fasulla come l’effetto serra”).
Evidentemente, continuano a provarci a diffondere in Italia la leggenda del petrolio abiotico. L’occasione per provarci di nuovo sembra arrivare sempre nei momenti in cui la benzina aumenta di prezzo. È allora che l’idea del petrolio infinitamente abbondante sembra più attraente. In ogni caso, da noi come dovunque nel mondo c’è una risorsa che è davvero infinitamente abbondante: il numero di allocchi che credono in queste cose.

da Risorse, Economia e Ambiente di Terenzio Longobardi

Incoming search terms:

  • petrolio abiotico
  • origine abiotica del petrolio vacca
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato