Analisi FTSE MIB (n.15, W10_2012)

Di Giovanni Baudo , il - Replica
banner-Trading_640x80

1. Post-analisi report settimana precedente

La settimana scorsa la posizione relativamente al FTSE MIB era la seguente: “… Si rimane in attesa dell’uscita dal trading range che ci indicherà la strada per le prossime due settimane circa. La posizione ciclica e  intermarket ci suggerisce molta prudenza e di puntare a rialzo solo sui titoli che rompono precedenti massimi confermando la loro forza.”. Il nostro indice dopo aver segnato il minimo centrale della ciclica dell’intermedio è ripartito a rialzo rompendo la figura che per le caratteristiche che mostra è stata classificabile come flag.

2. Analisi grafica FTSE MIB

Vediamo il grafico su base giornaliera del FTSE MIB:

FTSE grafico per articolo 04 03 20121 650x468 Analisi FTSE MIB (n.15, W10 2012)

Il FTSE MIB è dopo aver rotto il trading range che aveva vincolato i movimenti nella fascia 16.200/16.800 circa, ha iniziato la salita verso il primo target che potrebbe essere collocato in area 17.400.  Da un punto di vista di resistenze (sia statiche che dinamiche) sono  due i principali livelli da superare a rialzo. Il primo in area 17.050 circa, massimo del 31 ottobre scorso. Il secondo invece è rappresentato dalla resistenza dinamica passante  per 17.200 circa la settimana che sta per iniziare (tracciate in verde tratteggiato sul grafico).  Quindi per quanto il trading range (o flag che sia) proietta le quotazioni ben al di la di questi livelli, sarà necessario prestare una certa attenzione in prossimità di tali livelli, dove probabilmente verranno segnati massimi relativi dei cicli minori. Gli indicatori più veloci hanno scaricato un po di ipercomprato e lasciano un po di spazio per la continuazione del trend.

3. Posizione ciclica

Vediamo subito il grafico con la ciclica aggiornata (grafico su time frame 2 ore):

FTSE 2 ore ciclico 04 03 2012 650x462 Analisi FTSE MIB (n.15, W10 2012)

Nel grafico soprastante è disegnata la curva del modello ciclico rappresentante l’intermedio (in blu, in rosso il dettaglio dei due semi-intermedio). L’avvio del terzo quarto d’intermedio ha dato nuova forza al movimento, come è visibile anche sul grafico pubblicato la settimana scorsa e aggiornato oggi. Il target della figura tecnica disegnata è collocabile poco sotto i 17.400 punti. Il movimento dell’intermedio è saldamente a rialzo in questo momento e, anche se è davvero prematuro pronunciarsi, ci sono tutte le premesse per veder chiudere a rialzo anche questo terzo parziale.

Ci sono due trendline principalmente che ci indicano l’effettiva forza del movimento. La prima è la trendline superiore che ha contenuto il trading range nelle ultime settimane, e la seconda è la trendline disegnata in nero che unisce i minimi del 30 gennaio e 27 febbraio. La rottura a ribasso di queste trendline ci darà il segnale che la chiusura del ciclo è ormai alle porte e che potrebbe aumentare la volatilità a ribasso.

Pubblico anche l’altro studio previsionale che anche per questa settimana sembra funzionare in modo eccellente:

FTSE previsione biennale storico 04 03 2012 650x468 Analisi FTSE MIB (n.15, W10 2012)

La settimana scorsa sulla base di questo previsionale avevo affermato: “Secondo questa evoluzione il trading range potrebbe essere rotto a rialzo”. Alla fine ha avuto ragione. Secondo questa previsione ciclica, c’è ancora spazio per salire.

Rammento per chiarezza che l’analisi ciclica non indica i livelli dei massimi e dei minimi, ma la loro collocazione temporale. Quindi è opportuno non lasciarsi ingannare dalla proiezione della ciclica in termini di punti/livelli raggiunti.

4. Visione intermarket

Ancora un Ross Hook per CAC, mentre va un po meno bene per il DAX, che a differenza del FTSE e del CAC non riesce a segnare nuovi massimi relativi questa settimana.

SP e DOW viaggiano sui massimi degli ultimi quattro anni, e continuano a stare al di sotto delle due soglie importanti segnalate la settimana scorsa: 1370 per l’SP (superata e poi rientrata) e 13.150 per il DOW.  Gli indicatori, è quasi inutile rammentarlo, sono in vistoso ipercomprato.

Da notare una forte divergenza tra DJ Industrial Average e il Trasportation Average. Inoltre è in divergenza anche il Russel 2000 che ha rotto a ribasso proprio da venerdì scorso. Putroppo tali divergenze sono solo campanelli d’allarme, perchè prima o poi tali divergenze vengono recuperate (di solito Russel e DJTA anticipano) ma non è dato sapere quando. Unica indicazione che possiamo trarne è “prudenza”.

Il Bund ha rotto il trading range, come previsto la settimana scorsa. Ha effettuato il pullback e ora sembra pronto a continuare a rialzo.  Putroppo la correlazione con l’azionario in questo  momento è molto debole e non è possibile utilizzare tale movimento come indicatore previsionale verso l’azionario appunto.

Come previsto la settimana scorsa l’Euro/USD dopo aver raggiunto quota 1.35 circa, ha ritracciato  verso 1.32 (avevamo previsto 1.324). Anche in questo caso, è stata rotta la correlazione che dava Eur/Usd e azionario europeo in correlazione diretta.

Dall’intermaket poche indicazioni purtroppo se non le divergenze indicate sugli indici americani.

5. Posizione per la settimana prossima

Sulla base della posizione ciclica e della recente rottura del trading range, si è positivi sul nostro indice per la settimana prossima. Unico elemento di preoccupazione sono i titoli bancari, i quali hanno sofferto un po la settimana scorsa e tecnicamente dovrebbero continuare in questo momento dei debolezza per la settimana prossima. Quindi la domanda lecita da porsi è: “come farà il nostro indice a crescere senza l’importante supporto dei bancari?”.  In generale, confermando la posizione della settimana scorsa, si suggerisce di puntare a rialzo solo sui titoli che rompono precedenti massimi confermando la loro forza evitando di entrare sulla debolezza,  potrebbe essere non pagante e, in ogni caso, con un rapporto rischio/gain a nostro sfavore. Per gli short, è opportuno attendere un inversione sul quarto d’intermedio prima di prendere posizioni importanti.

Come d’abitudine, saranno proposte alcune possibili operazioni nel corso della settimana su  RC Plus+

Buon trading!

Se vuoi sapere quando pubblico su Rischio Calcolato e RC Plus+ SEGUIMI su Twitter!

Condividi
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
Banner-Non-si-puo-fare-03 (1)

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

ARGENTO SENZA IVA: SI PUO'!

Schermata_2013-06-05_alle_15.48.32

Link alla Recensione di RC

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.