DISOCCUPAZIONE REALE (esclusiva per i lettori di RC): EUROPA 17,0%, ITALIA 19,8%, MEZZOGIORNO 33,8%

Di Gpg Imperatrice , il - 20 commenti

Dal 2011 l’Ufficio statistico dell’Unione europea (Eurostat) ha previsto la diffusione annuale di alcuni indicatori complementari al tasso di disoccupazione, pubblicati dall’Istat per la prima volta il 10 novembre 2011. Gli indicatori sono calcolati sulla base dell’indagine sulle forze di lavoro che ripartisce la popolazione residente in tre gruppi esaustivi e mutualmente esclusivi (occupati, disoccupati, inattivi).

Nel 2011 gli inattivi che non cercano un impiego ma sono disponibili a lavorare sono 2 milioni 897 mila, in aumento del 4,8% (+133 mila unità) rispetto al 2010. Gli inattivi inattivi che non cercano un impiego si sommano ai disoccupati in senso stretto (2 milioni 108 mila nel 2011).

Sempre nel 2011, i sottoccupati part time sono 451 mila unità (+3,9%, pari a 17 mila unità in più rispetto al 2010) e rappresentano l’1,8% del totale delle forze di lavoro. Nell’Unione Europea l’incidenza è pari al 3,6%.

 

 

 

 

Gli inattivi disponibili che non cercano lavoro sono in Italia il triplo di quelli europei

 

In Italia, il valore relativamente più basso del tasso di disoccupazione in confronto alla media dei paesi Ue (l’8,4% contro il 9,6% nel 2011) si affianca a una quota decisamente più elevata della popolazione inattiva più contigua alla disoccupazione: il 12,1% a fronte del 4,6% dell’Ue.

D’altro canto, il numero dei sottoccupati part time italiani rappresenta solo il 5,3% dei circa 8,6 milioni di sottoccupati part time dell’Ue. Di contro, quattro paesi (Francia, Germania, Spagna, Regno Unito) rappresentano da soli oltre il 70% dei sottoccupati part time dell’area. In confronto al 2008 il fenomeno si presenta in crescita (+11,3% in Italia e +15,6% nell’Ue).

Per la Germania vi rimandiamo ad un recente articolo di BLONDET su tema.

 

 

 

 

Dati del Mezzogiorno d’Italia imbarazzanti.

Gli individui che non cercano ma vorrebbero comunque lavorare equivalgono nel Mezzogiorno a circa un quarto delle forze di lavoro, un risultato di oltre sei volte superiore a quello del Nord.

 

 

 

 

Qui trovate i motivi ufficiali che gli inattivi adducono al loro non cercare il lavoro.  

 

 

 

Alla ricerca del Tasso di Disoccupazione Reale

 

Secondo voi, una persona inattiva (non lavora), che non cerca attivamente lavoro nell’ultimissimo periodo, ma che disponibile a lavorare (perche’ scoraggiato o attende esiti di ricerche precedent), cos’e’?  Secondo me e’ un disoccupato.

Secondo voi, una persona inattiva (non lavora), che cerca attivamente lavoro nell’ultimissimo periodo, ma che non e’ disponibile a lavorare, cos’e’?  Secondo me e’ un disoccupato.

Ed infine, un sottoccupato part time, cos’e’? Secondo me e’ generalmente un sussidiato, di fatto un disoccupato.

 

In base ai dati sopra riportati, andiamo a fare qualche calcolo, per calcolare la disoccupazione reale.

Si badi, che tra l’altro questi calcoli non tengono conto dei “sussidiati full time” (posti di lavoro fasulli, che di fatto sono disoccupati pagati per un posto finto) e dei “cassaintegrati” (fenomeno italiano non del tutto trascurabile).

Altra precisazione: molti diranno che in Italia c’e’ un forte “Lavoro nero” che il calcolo di cui sotto non rileva. Rispondo che e’ vero, ma si badi bene, che dando un’occhio ai dati, ho l’impressione che il grosso dei lavoratori in nero, non si definisca ne’ occupato, ne’ sottoccupato, ne’ inattivo disponibile a lavorare. Credo che si definiscano generalmente inattivi e basta (e cio’m’e’ confernato dal fatto, che il tasso di occupati+sottoccupati+inattivi disponibili rispetto alla popolazione totale tra I 15 e 64 anni nel nostro mezzogiorno, e’ comunque nettamente inferior a quello del centro nord e del resto d’Europa, segnale che conferma l’impressione di cui sopra)

 

 

In conclusione l’Europa ha un Tasso reale di disoccupazione nel 2011 del 17%, e l’Italia del 19,8%.

L’Italia del Nord, col suo 11,8% ha parametri simili alla Germania che sta al 12,9%.

L’Italia Centrale sta sul 16%, come Francia ed UK.

Il Mezzogiorno sta sul 34%, un po’ peggio della Spagna che sta sul 31%.

 

Benvenuti nel mondo reale.

 

GPG Imperatrice

 

Condividi

Incoming search terms:

  • tasso disoccupazione italia 2012
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi