17 punti per spiegare lo sfacelo dell’economia italiana

Di Ticino Live , il - 2 commenti

banner_spi_05

La crisi della Zona euro è tutt’altro che archiviata. Lo scrivono in una nota gli analisti di Bridgewater, banca di investimenti americana, che citano cinque motivi per i quali si continuerà a soffrire:

1 – Gli stress test sulle istituzioni finanziarie potrebbero aumentare le preoccupazioni su alcune banche.

2 – I piani per gestire gli istituti finanziari in difficoltà potrebbero riproporre uno scenario come quello visto per Cipro.

3 – I problemi del debito del Portogallo potrebbero replicarsi in altri paesi.

4- L’incessante aumento del debito francese potrebbe causare seri problemi in tutta la zona euro.

5 – L’attenzione internazionale nei confronti di tutti questi problemi rischia di aggravare ulteriormente la situazione.

In sintesi il quadro oggettivo dell’economia italiana allo stato attuale:

1 – Debito pubblico: record a 2.074 miliardi, veleggiamo verso il 130% del Pil;

2 – Debito aggregato di Stato, famiglie, imprese e banche: 400% del Pil, circa 6mila miliardi;

3 – Pil: atteso un altro -2% quest’anno. Si aggiunge al -2,4 del 2012;

4 – Rapporto deficit/Pil: 2,9% nel 2013. Peggioramento ciclo economico Imu, Iva, Tares, Cassa integrazione in deroga lo portano ben oltre la soglia del 3%;

5 – Prestiti delle banche alle imprese: -5% su base annua nei mesi da marzo a maggio. In fumo 60 miliardi di prestiti solo nel 2012;

6 – Sofferenze bancarie: a maggio sono salite del 22,4% annuo a 135,5 miliardi;

7 – Base produttiva: eroso circa il 20% dall’inizio della crisi;

8 – Ricchezza: bruciati circa 12 punti di Pil dall’inizio della crisi. 200 miliardi circa;

9 – Entrate tributarie: a maggio -0,7 miliardi rispetto allo stesso mese di un anno fa (a 30,1 miliardi, -2,2%). Nei primi 5 mesi del 2013 il calo è dello 0,4% rispetto ai primi 5 mesi del 2012;

10 – Gettito Iva: -6,8% nei primi 5 mesi del 2013, un vero disastro;

11 – Potere d’acquisto delle famiglie: -94 miliardi dall’inizio della crisi, circa 4mila euro in meno per nucleo;

12 – Disoccupazione: sfondata quota 12,2%, dato peggiore dal 1977;

13 – Disoccupazione giovanile: oltre il 38%;

14 – Neet: 2,2 milioni nella fascia fino agli under 30, ragazzi che non studiano, non lavorano, non imparano un mestiere, totalmente inattivi;

15 – Precariato: contratti atipici per il 53% dei giovani (dato Ocse);

16 – Ammortizzatori: 80 miliardi erogati dall’Inps dall’inizio della crisi tra cassa integrazione e indennità di disoccupazione

17 – Crollo produzione industriale: -17,8% negli ultimi dieci anni

(Wall Street Italia.com)

L’articolo 17 punti per spiegare lo sfacelo dell’economia italiana sembra essere il primo su Ticinolive.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • faber

    che la crisi sia archiviata non ci crede nessuno, anche senza sciorinare tutti i dati, però bisogna ristabilire anche un po di fiducia nelle persone se no è finita!!!

    • Simone Tretti

      Ahimè i tontoloni e creduloni invece abbondano (ne conosco moltissimi, anche in ambito lavorativo..)

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi