Ora Sappiamo Dove è L’Oro della Banca d’Italia (Grazie all’M5S)

Di FunnyKing , il - 94 commenti

Gold-The-Safest-InvestmentVoglio ringraziare pubblicamente 3 Senatori apparteneti al MoVimento 5 Stelle:

  • Francesco Molinari
  • Giuseppe Vacciano
  • Andrea Cioffi

I quali grazie alle prerogative di Senatore sono riuscite ad ispezionere l’Oro della Banca d’Italia (in teoria 2451 tonelate) scoprendo le seguenti cose:

  1. Circa 1200 tonnelate di Oro Fisico Italiano sono custodite nella “sagrestia” di Banca d’Italia in via Nazionale
  2. le restanti 1200 tonnelate “sarebbero” conservate da qualche parte fra Svizzera, Stati Uniti e Inghilterra

dal Profilo Facebook di Giuseppe Vacciano

Oggi ho finalmente un po’ di tempo per proporvi una breve relazione sulla visita che con i colleghi Andrea Cioffi e Francesco Molinari abbiamo effettuato nella giornata di lunedì 31 marzo presso i locali della Banca d’Italia che ospitano la Riserva Aurea nazionale. Putroppo le domande che avremmo voluto fare erano molte, ma il tempo a disposizione poco, dato che l’apertura di locali di sicurezza così delicati avviene entro una finestra temporale molto ristretta, per un periodo non superiore ai 15 minuti e dopo l’espletamento di una serie complessa di procedure di sicurezza (che non possono essere in alcun modo derogate, anche in presenza di rappresentanti delle istituzioni) che coinvolgono un numero consistente di persone.

UN PO’ DI STORIA
Inizialmente ci sono stati forniti alcuni dati riguardanti la genesi della Riserva. In sintesi, ad un iniziale conferimento dell’oro alla neonata Banca d’Italia (1893) da parte della Banca del Regno (78 tonnellate) seguirono quelli del Banco di Napoli e di quello di Sicilia (ulteriori 70 tonnellate). Fino al 1943 la Riserva subi una serie di variazioni che ne portarono la consistenza poco al di sotto delle 120 tonnellate. Nel corso del secondo conflitto mondiale l’oro fu soggetto ad una serie di trasferimenti (Milano, Fortezza) sino ad essere definitivamente trasportato a Berlino. Alla fine della guerra, al momento della restituzione del metallo prezioso alla nostra nazione, risultarono mancanti 25 tonnellate.
Negli anni 50 e 60 la Riserva subi rilevanti movimentazioni che ne portarono la consistenza ai livelli attuali, ovvero 2452 tonnellate complessive, suddivise in lingotti d’oro di peso e forma differenti (il classico lingotto trapezioidale, ma anche dalla forma di mattoncino più o meno stondato) e monete (circa 4 tonnellate).

DOV’È L’ORO (e perché)
Ho già precisato che la Riserva consta di oltre 2.400 tonnellate di metallo prezioso (circa 80.000 lingotti), che la rendono (escludendo il Fondo Monetario Internazionale) la terza riserva al mondo per importanza. Tradotto in Euro, parliamo di un valore di mercato alla fine del 2013 pari a circa 69 miliardi, ma a tale riguardo mensilmente viene pubblicato un documento riassuntivo aggiornato che potete trovare a questo indirizzo: http://www.bancaditalia.it/statistiche/SDDS/stat_rapp_est/ris_liq (a breve saranno disponibili i dati di marzo, mentre a febbraio il controvalore dell’oro si è attestato a circa 75 miliardi).
Come noto, non tutto l’oro è custodito presso la sede di Via Nazionale della Banca d’Italia.
Presso le sacrestie di Palazzo Koch è detenuta circa la metà della Riserva per un peso di 1.199,4 tonnellate, il restante è depositato per la maggior parte presso la Federal Reserve, ma anche presso la Banca d’Inghilterra e la Banca Centrale Svizzera. Per motivi di riservatezza non ci è stata comunicata l’esatta consistenza dei depositi nei diversi Paesi.
La motivazione sottostante a tale suddivisione (operata peraltro da tutte le Banche Centrali Nazionali) è di mera “suddivisione del rischio”. Una dislocazione fisica distribuita della Riserva dovrebbe garantire, in caso di instabilità socio-politica nazionale e internazionale, preservarla almeno in parte. Può sembrare una estrema semplificazione, ma non siamo molto lontani dal concetto che andando in viaggio si cerca di suddividere il contante che ci si porta appresso in più borse o “nascondigli”. A titolo di curiosità: nessun Paese straniero ha deciso di depositare presso di noi parte della propria riserva.
La Banca d’Italia ha inoltre depositato presso la BCE 100 tonnellate d’oro in virtù dell’ appartenenza al sistema delle Banche Centrali. Si tratta tuttavia di un deposito contabile dato che gli 8.000 lingotti di “proprietà BCE” sono fisicamente rimasti nei locali del nostro Istituto. Proprio a tale proposito occorre specificare che anche il metallo depositato presso altre banche in base ad accordi di Safe Keeping Deposit (quindi improduttivo di interessi, si potrebbe fare un paragone con una immensa cassetta di sicurezza), non ha in realtà subito spostamenti “fisici”: è rimasto dove è stato acquisito.

LA DOMANDA DELLE DOMANDE: DI CHI È L’ORO
La risposta a questa domanda è stata netta, senza esitazioni e lo confesso, ci ha lasciato in parte perplessi, perchè avremmo voluto approfondire alcuni scenari che la risposta stessa apre.
L’oro è della Banca d’Italia. Non è dello Stato (e quindi dei cittadini) e tantomeno dei partecipanti privati al capitale, che sulle riserve non possono vantare alcun diritto (cosa che, unico elemento positivo, è stata specificata anche nel discusso decreto IMU – Bankitalia).
Ci è stato specificato che è impossibile per la stessa Banca disporre liberamente della Riserva dato che la stessa costituisce un presidio fondamentale di garanzia per la fiducia nel sistema Paese. Considerando però che la Banca Nazionale fa parte dell’Eurosistema, anche le riserve ne fanno parte e contemporaneamente garantiscono insieme a quelle degli altri Paesi europei il sistema stesso.
Ci è stato quindi detto che allo stato attuale la Riserva è INTOCCABILE e INUTILIZZABILE, quindi le ipotesi di vendita o quelle di utilizzo a garanzia di prestiti pubblici sono semplici speculazioni inattuabili.
La domanda che è rimasta senza risposta (anche se francamente non so se avrebbero potuto risponderci su due piedi) è stata: cosa accadrebbe al nostro oro se l’Italia uscisse dall’Euro? Saremmo costretti a “condividerlo” (anche solo contabilmente, dato che spostamenti fisici come già detto non se ne fanno) con l’Eurosistema? Rientrerebbe totalmente nella nostra disponibilità?

ALTRE NOTIZIE E CURIOSITÀ
– L’oro contenuto nei lingotti ha un tenore estremamente elevato che va da un minimo di 996,2/1.000 a 999,99/1000
– La Riserva è periodicamente sottoposta a verifiche da parte del servizio Revisione Interna e da una società di revisione esterna che le effettua anche nell’interesse della BCE.
– Le verifiche sono effettuate anche con riferimento alla qualità del materiale. Fino ad alcuni anni fa veniva prelevata la cosiddetta “unghiata” da alcuni lingotti che presentano effettivamente degli incavi che sembrano effettivamente scavati con una grossa unghia. Attualmente si utilizza un sistema molto meno invasivo, tramite fori realizzati con un piccolo trapano che preleva minime quntità di metallo per sottoporle ad analisi.
– Tutti i lingotti presentano un marchio che ne identifica la provenienza e un codice di fusione. Ne abbiamo visti alcuni sudafricani, molti americani, ma ce ne sono diversi che recano l’aquila nazista.

Questi gli elementi principali che hanno caratterizzato la nostra visita. Qualcuno l’ha definita “irruzione” ( ESCLUSIVO – i portavoce M5S irrompono all’interno…: http://youtu.be/RNbGc2P677s) , ma naturalmente si è trattato di un evento che ha comportato evidenti problemi di sicurezza e che quindi doveva obbligatoriamente essere concordato nei tempi e nelle modalità di svolgimento. Siamo stati comunque in grado di acquisire elementi conoscitivi che sono spesso ignoti alla cittadinanza e che probabilmente possono fugare dubbi che leggittimamente possono sorgere in assenza di informazioni diffuse.
Sotto l’aspetto puramente “umano” abbiamo potuto vedere con i nostri occhi (e con le dovute cautele abbiamo toccare con mano) una quantità tale di metallo prezioso che sfugge ad una percezione ordinaria... Devo dire che suscita sensazioni difficilmente spiegabili… (ohhhh come ti capisco, in Svizzera ho visto cose che voi umani… n.d. fk)
Purtroppo non è stato in alcun modo possibile effettuare foto o riprese all’interno dei locali di sicurezza e in effetti prima di entrarvi ci è stato chiesto di depositare borse, cellulari e cappotti, tuttavia posso testimoniare che quanto visibile in questo filmato di alcuni anni fa: “Passaggio a Nord Ovest – La riserva aurea italiana: http://youtu.be/4u4iSEQOxyk” corrisponde a realtà.
Spero di aver riferito in maniera più completa possibile, se ho dimenticato qualcosa integrerò sicuramente, così come invito a fare i compartecipanti alla visita. Se avete domande, nei limiti di quanto appreso e delle mie competenze proverò a rispondere.

Vorrei soffermarmi sul fatto più importante:

Metà dell’oro fisico italiano, ovvero 1200 tonnelate NON è custodito in Italia. Perchè?

Davvero ci voglimo bere la storiella dell’instabilità socio economica? Ma per favore.

Mi chiedo se quell’oro esista effettivamente da qualche parte nel mondo (ne dubito) e nel caso sotto quali condizioni potrebbe essere rimpatriato.

E se detto oro fisicio, esiste ed è libero da vincoli (cosa che dubito ancora di più) per quale CRIMINALE disegno rimane custodito in mani straniere. Ne parlo anche a uso e consumo di coloro che vorrebbero il ritorno dell’Italia alla sovranità monetaria (come noto sapete che non appartengo a quel gruppo).

Chiedo quindi al MoVimento 5 Stelle di continuare questa opera ispettiva ( la famosa apertura della scatola di sradine ) per fare luce su questi interrogativi:

  • Dove è esattamente l’Oro Italiano all’Estero
  • L’oro Italiano all’estero è LIBERO da vincoli e può essere rimpatriato in qualsiasi momento?

Vi dico già quale è il mio “cattivo pensiero”, io sospetto che l’Oro Fisico dell’Italia NON sia custodito presso le banche straniere ma sia stato prestato e riprestato nel tempo generando un interesse (gold lease), capite bene che per quanto basso 0.3-1% parliamo sempre di un montante di 80mld.

Il motivo del prestito sarebbe duplice:

  • Guadaganre un interesse (sottratto all’Italia che deposita l’oro in maniera infruttifera)
  • sopprimere il prezzo dell’oro

Grazie M5s.

Condividi

Incoming search terms:

  • oro italiano
  • caveau banca ditalia
  • lingotto peso risrrve
  • l'oro del banco di napoli
  • Italia terza come quantità d\oro
  • dove si trovano i lingotti d oro della banca d italua
  • dove si trova l oro dell italia
  • Dove è finito l\oro della banca d\Italia durante la 2 guerra mondiale?
  • tutto loro dellitalia custodito in inghilterra che fine ha fatto
  • cavo oro italiano
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Zazà la Superscimmia

    Io mi stupisco che esistano 1200 tonnellate custodite in Italia. Pensavo che l’oro se lo fossero tutto magnati da un pezzo. A questo punto sarebbe interessante sapere dove è finito il resto dell’oro “dato alla patria”: ovvero le tonnellate e tonnellate che gli italiani oppressi dalla crisi e dalle tasse hanno gettato nei famigerati “Compro Oro”.

    • Lucio

      quello è finito in Cina ed in Russia. Sai ganzo fosse così?

    • l.v.mises

      cina e india

    • Baldaccio Bruni

      I compro oro li hanno venduti alle fonderie italiane, che lo hanno affinato e in parte poi venduto ai produttori di gioielleria, in parte trasformato in prodotti chimici e quello che avanzava ( la maggiorparte ) venduto in svizzera e inghilterra

  • Edoxxx

    Facciamo una scommessa su dove si trova il restante oro?
    Dico 60 % usa 35 % Gb e 5 Svizzera.
    Come mai per esempio non lo teniamo in Giappone? O altri stati? Ma solo dagli “alleati”?

    • l.v.mises

      perchè c’era la guerra fredda e l’urss poteva invadere tutta l’europa in 10 giorni, confiscare l’oro e mandare a quel paese gli USA….siccome era improbabile che l’urss invadesse il territorio americano, gran parte dell’oro di TUTTI gli stati europei è stato trasferito negli USA…..molto semplice e intuitivo….

      • alexander della vedova

        abbiamo perso la guerra contro usa e Inghilterra e guarda caso sono loro che lo hanno preso in custodia

      • Edoxxx

        Ti sei accorto che la Guerra Fredda e l’Urss sono finiti vent’anni fa? O ti sei appena svegliato dal coma?

        • Simone Tretti

          Il patto di Varsavia anche, ma la NATO contrapposta è ancora la 😀

      • domotika4P Milano

        vedo che credi ancora alle favole, bravo continua così….

  • GiuseppeF

    Alla luce di quanto confermato, cioè che la Banca d’Italia sia la sola proprietaria dell’oro (ma che rappresenta la garanzia di credibilità del nostro paese), mi sembra ancora più grave aver dato alle banche azioniste gli ulteriori benefici del decreto legge di qualche settimana fa. Inoltre, il limite del 3% del capitale per ogni singolo azionista aumenterà ancora di più l’incognita sul destino di quell’oro.

  • Ma quale disegno criminale…
    Tutti gli stati europei hanno riserve d’oro in altri paesi alleati militari.
    E non ha molto senso spostarli visto l’alto rischio che si andrebbe incontro.
    Eccezione la fa la Germania che sta riportando l’oro a casa dagli USA.
    Fine dell’Alleanza militare?

    • domotika4P Milano

      quale sarebbe questo rischio a cui si andrebbe incontro spostandolo in casa ? e perchè la Germania se ne fotte del rischio e lo VUOLE indietro in casa sua?, non si fida degli usa ? e perchè l’america se ne fotte della Germania e NON le da un cazzo se non poche tonnellate ,circa 5 su 36 annue promesse ? non ha più l’oro fisico? quale alleanza militare ? noi siamo la massimo servi se non schiavi degli usa. Magari agggiornati un pochino, così tanto per non sparare troppe cazzate in un solo commento.

    • Zudomon

      Gli americani li hanno voluti come “garanzia” il loro oro per la questione dei debiti di guerra e mi sembra che l’america li ha abbia già aiutati da questo punto di vista.
      La Germania è stata impossibilitata a ripagare i debiti quindi si sono tenuti l’oro, come giusto che sia.

      • Simone Tretti

        “Debiti di guerra”..

        Dai, non commentiamo va..

  • DV

    AHEMM…
    “…una quantità tale di metallo prezioso che sfugge ad una percezione ordinaria”.

    Appunto, temo che molte cose siano sfuggite alle loro percezioni, stando al testo.

    Il lingottone Good Delivery persa poco più di 12 chili. Quindi le 1200 tonnellate fisicamente nel caveau di Bankitalia farebbero centomila lingotti. I nostri eroi sono stati dentro, dicono, quindici minuti. Se li volevano contare fa circa un centesimo di secondo a lingotto. Rapidi, i senatores!

    Ma forse la contabilità non era proprio la loro specialità. Leggo: “Ho già precisato che la Riserva consta di oltre 2.400 tonnellate di metallo prezioso (circa 80.000 lingotti)”

    Beh, no; 2400 tonnellate fanno 200.000 lingotti. La metà degli “80.000”, custoditi in caveau, farebbero circa 500 tonnellate. NON 1200.

    Insomma: visto che si sono presi la briga di entrare, ci dicono quanti cazzo di lingotti hanno visto là dentro?

    • aalberti

      Non è che li devi contare ad uno ad uno quando sono accatastati, eh!
      con gli elementi di una fila, conti le file, fai la moltipiicazione. Conti gli armati/pallett e fai un’altra moltiplicazione. Anche io alla banca d’italia (Fabbricazione Carte e Valori, dove stampano la carta moneta) ho visto tonnellate di soldi cartacei, ma 2 conti per sapere quanto c’era in quel pallett portato in giro dal muletto o in quella ‘balletta’ o in quel cestone pieno di ballette me li sono fatti in fretta. TANTI SOLDI.

      • DV

        A me dal testo sembra che questi la moltiplicazione non la sappiano fare neanche con la calcolatrice. No dico “2.400 tonnellate = circa 80.000 lingotti”??? Questi sono entrati, si sono bevuti la supercazzola dei funzionari Bankitalia senza fiatare, poi si sono stretti le mani e sono usciti!
        Se va bene c’erano davvero la metà degli 80.000, cioè 500 tonnellate. Ma non c’è una singola cifra nell’articolo che sia minimamente affidabile.

        • aalberti

          In effetti sono GRULLINI. Dimenticavo…

          • Luca

            Siete solo ridicoli. Sfottete gente che ringrazierete mai abbastanza. Chissà cosa fate voi nella vita per gli altri… Siete proprio mediocri!

          • disqus_IHDEizEkb4

            ROMPONO SOLO IL CAZZO E PER CAUSA LORP L’ITALIA E’ UNA MERDA

        • mau

          I grillini non sono andati per controllare quanto oro c’è ma solo per far campagna elettorale. Sono il niente politico, non sanno fare un cacchio e quindi promuovono iniziative puramente propagandistiche. Chi ci dice che il metallo depositato non sia parzialmente di tungsteno ricoperto o appartenga a qualche ETF ? i certificati di assaggio ? che mazza di controlli hanno fatto ? i 5 stelle potevano svilupparsi solo in italia o tutt’al piu’ in Uganda.

          • DV

            Già. In un paese normale le obiezioni aritmetiche che ho mosso qui sopra sarebbero state per giorni l’ansioso argomento sia delle prime pagine dei giornali che della gente al bar. Qui niente, hai fatto il tuo spettacolino, la gente sbadiglia e applaude stancamente, tutto continua come prima.
            Solo in Italia, in Uganda sono persone serie.

          • Quelcan Panar

            Vaffanculo protettore dei mafiosi e dei magna magna, ma come cazzo fai a non vergognarti del tuo partito che per qualche voto si è messo con berlusconi…………. dai dai dio cane non rompere il cazzo e vai vergognarti!!!!!!!!!!!

    • sosot

      i lingotti sono di vari tipi ed hanno pesi diversi… quindi questi conti non hanno senso..

      guardare qui: https://www.youtube.com/watch?v=4u4iSEQOxyk

      • DV

        La stragrande maggioranza dei lingotti sono Good Delivery da 12 chili e mezzo, come si vede anche dal video. Quelli più grossi sono pochissimi. Semmai ce ne sono svariati più piccoli, il ché peggiora ancora la situazione. I conti mostrati nell’articolo, appunto, non hanno senso. Se i nostri tre amici volevano fare un auditing serio, dovevano dare cifre precise. Un’incursione turistica fatta così alla cazzo di cane è solo una presa in giro.

        • sosot

          Cifre precise ??!! in 15 minuti di visita… pretese semplicemente ridicole !!

          • DV

            Appunto!

    • Davide Pentastellato

      Complimenti. Al posto di esaminare le cose in maniera tranquilla e pacata, butti dentro cose che con il discorso non c’entrano nulla solo per buttarla sul ridere (eroi, senatores). Bravo. Questi sono i fenomeni che poi piangano quando li portano via tutto

      • DV

        Almeno non mi hanno ancora portato via il libro di grammatica.

    • nina conti

      ma chiedilo ai tuoi compagni!
      come cittadino italiano dovresti essere contento che qualcuno ti informi di queste cose e tu invece fai il tifo x chi ti fotte?
      non ho capito…..in germania i cittadini prendono 25 centesimi ogni bottiglia di plastica che buttano e noi manco il nostro ora proteggiamo o controlliamo?

      • Pheelasyo

        sto in germania, non ti danno 25 cent per bottiglia che butti, ti restituiscono i 25 cent che paghi in piü quando acquisti i pieni. Esempio: sugli scaffali sta scritto che una bottiglia da un litro e mezzo costa 0.19 € tuttavia 6 bottiglie le paghi 2.64 € invece che 1.14 €. Quell’euro e cinquanta lo recuperi se riporti le bottiglie.

      • Sandro Cambuli

        Hai ragione, non interessarsi di politica è un errore e la non conoscenza dei fatti agevola chi detiene il potere. Purtroppo questi signori(almeno coloro che vengono eletti) molto spesso non si rendono conto di ciò che firmano(vedi gli sciagurati trattati internazionali in vigore che, in verità, sono lunghi e complicati e, soprattutto, quasi impossibili da leggere). Per conoscere le sorti della riserva aurea, e toglierci qualche legittimo dubio, servono indagini ulteriori. Riguardo ai 25 centesimi(Pfand), come dice Pheelasyo, sono già comprensivi nel prezzo d’acquisto, ma, è anche vero che diverse persone si sono inventate il lavoro di recupero delle bottiglie che, altrimenti, andrebbero perse.

    • giovanni pancari

      nel testo abbondano le contraddizioni che mi riservo di elencare se questo post e i suoi argomenti, avranno un seguito |||||

      • DV

        Beh, grazie per la garbata e interessante replica. Nove mesi di gestazione compensati da un buon parto.
        Per quanto riguarda il “seguito”, direi di non trattenere il fiato. Basta guardare post e commenti in quello che sarebbe anche un blog seguito da gente interessata all’argomento…

        • Guest

          Ciao ho trovato questo (hai ragione, ha senso quello che c’è scritto)

          Come è composta la riserva conservata nei depositi di Roma

          Presso la Sede della Banca d’Italia sono complessiva mente custodite 1.199,4 tonnellate di oro. Di queste, 4,1 tonnellate sono in forma di moneta (871.713 pezzi, c.d. “oro monetato”) e la restante parte in forma di lingotti.
          I lingotti sono 95.493, per un peso complessivo di circa 1.195,3 tonnellate. Una parte di questi sono detenuti per conto della BCE perché rappresentano una componente delle riserve valutarie conferite ai sensi dell’art. 30 dello Statuto del SEBC/BCE.

          Quale è la tipologia dei lingotti?

          La maggior parte dei lingotti è di tipo tradizionale a forma prismatica, ma non mancano diversi esemplari di tipo “americano” a forma di parallelepipedo con gli angoli smussati, o di tipo “inglese” dal caratteristico aspetto “a panetto”. Il peso dei singoli lingotti è ricompreso in un range che va da un minimo di 4,2 kg. a un massimo di 19,7 kg.; il peso medio è di poco superiore ai 12,5 kg.
          Molti lingotti presentano la caratteristica “unghiata”, prova dell’avvenuto controllo sulla bontà intrinseca del metallo. La purezza è certificata dal valore del titolo, che è la percentuale di oro fino usata nella lega. Il titolo medio si aggira intorno a 996,2; non pochi lingotti hanno anche il titolo di 999,99.
          In tempi recenti, per effettuare saggi sui lingotti, è stata utilizzata una nuova tecnica di prelievo di micro quantità di metallo (cosiddetto “carotaggio”), effettuata con uno
          strumento simile al trapano, che consente di saggiare qualsiasi punto della superficie della verga.
          Su ciascun lingotto è impresso il numero di fusione, una sorta di matricola apposta dalle varie officine di fusione che, normalmente, punzonano con il loro simbolo il lingotto.

          Fonte: https://www.bancaditalia.it/media/approfondimenti/documenti/riserve-auree.pdf

          • Alessandro

            Ho sbagliato nei commenti, vedo che c’è un guest. Ti do ragione, è sbagliato l’articolo

        • Alessandro

          Ciao ho trovato questo (hai ragione, non ha senso quello che c’è scritto)

          Come è composta la riserva conservata nei depositi di Roma

          Presso la Sede della Banca d’Italia sono complessiva mente custodite 1.199,4 tonnellate di oro. Di queste, 4,1 tonnellate sono in forma di moneta (871.713 pezzi, c.d. “oro monetato”) e la restante parte in forma di lingotti.
          I lingotti sono 95.493, per un peso complessivo di circa 1.195,3 tonnellate. Una parte di questi sono detenuti per
          conto della BCE perché rappresentano una componente delle riserve valutarie conferite ai sensi dell’art. 30 dello Statuto del SEBC/BCE.

          Quale è la tipologia dei lingotti?

          La maggior parte dei lingotti è di tipo tradizionale a forma prismatica, ma non mancano diversi esemplari di tipo “americano” a forma di parallelepipedo con gli angoli smussati, o di tipo “inglese” dal caratteristico aspetto “a panetto”. Il peso dei singoli lingotti è ricompreso in un range che va da un minimo di 4,2 kg. a un massimo di 19,7 kg.; il peso medio è di poco superiore ai 12,5 kg. Molti lingotti presentano la caratteristica “unghiata”, prova dell’avvenuto
          controllo sulla bontà intrinseca del metallo. La purezza è certificata dal valore del titolo, che è la percentuale di oro fino usata nella lega. Il titolo medio si aggira intorno a 996,2; non pochi lingotti hanno anche il titolo di 999,99.
          In tempi recenti, per effettuare saggi sui lingotti, è stata utilizzata una nuova tecnica di prelievo di micro quantità di metallo (cosiddetto “carotaggio”), effettuata con uno
          strumento simile al trapano, che consente di saggiare qualsiasi punto della superficie della verga.
          Su ciascun lingotto è impresso il numero di fusione, una sorta di matricola apposta dalle varie officine di fusione che, normalmente, punzonano con il loro simbolo il lingotto.

          Fonte: https://www.bancaditalia.it/media/approfondimenti/documenti/riserve-auree.pdf

          • DV

            Sì, questo è quanto dichiara Bankitalia. Il problema è che nessuno (e tanto meno questi due senatori) si è mai preso la briga di controllare seriamente la consistenza FISICA del caveau. Notare che i report delle Banche centrali sulle proprie riserve auree contengono di solito codicilli quasi inavvertibili che in sostanza dicono che i lingotti dati in leasing vanno contabilizzati come compresi nella riserva. Il sospetto, che è più di un sospetto, è che buona parte delle 1200 tonnellate dichiarate (le altre 1200 sono a Londra e New York, ormai valle a pescare) sono appunto state date in leasing alle Bullion Banks. E sul loro ritorno fisico è perlomeno lecito porsi dei dubbi.
            Quando nel pappone di cifre di cui sopra spunta un “la metà degli 80.000 lingotti”, ho il forte timore che si tratti dell’unico dato sensato: 40.000 lingotti farebbero circa 500 tonnellate, che credo sia proprio proprio il contenuto del caveau. Se è così, ci siamo giocati il 75% dell’oro (e non lo vedremo mai più indietro). A giudicare dai commenti, di tutto questo non frega assolutamente niente a nessuno.

  • Svicolone61

    Ma perché PittiBimbo non se lo vende visto che lui, e i compagni, credono tanto nell’euro e nella URSE. Sembra siano quasi 70mld. Altro che solo 85 euro al mese ai propri elettori!

  • Davide Salamone

    Qui il futuro per chi vuole guadagnare e investire sull’ORO: https://www.facebook.com/pages/Karatbars-International-Gmbh/208237296022402?ref=hl

  • Nikytower

    Bene la visita! Adesso chiedete di fare un inventario! Non mollate!

  • foxthebest

    Attenzione gente!!!! dopo il 25 maggio SE VOTATE PD ce lo ritroveremo una spanna in der culer… poichè esiste un piano di REDENZIONE studiato dai tedeschi nel quale è previsto che noi daremo l’oro in pegno, qualora non adempiremo almeno al 60% degli impegni presi!!!… e sappiamo benissimo che non potremo adempiere neppure al 10%… figuriamoci al 60%!!!!
    STANNO PER FOTTERCI L’ORO!!! E RICORDATE CHE NON DOVETE CREDERE A NESSUNO CHE VI DICA CHE L’ORO NON SIA NOSTRO! L’ORO E’ DEGLI ITALIANI!!! L’ORO E’ DEL POPOLO ITALIANOOOOO!!!!! SIATE PRONTI AD UCCIDERE PER DIFENDERE LA COSTITUZIONE E LA RICCHEZZA DEL NOSTRO PAESE!!! CI VOGLIONO FOTTERE!!!
    RENZOZZO IL BURATTINO E’ LI’ PER FARE QUESTO!!! VINCERE LE EUROPEE E FIRMARE IL TRATTATO CAPESTRO CHE CI ESPROPRIERA’ DI ORO E BENI NAZIONALI!!!!
    Vogliono impoverirci… per costringerci ad accettare l’arrivo di un NUOVO ORDINE MONDIALE!!! …un po’ come dire… che se NON VI SVEGLIATE… CAXXOOOO…. è GIUSTO CHE ACCETTIATE DI DIVENTARE GLI SCHIAVI DI QUESTI BASTARDI!!!!
    Smettetela col calcio… spegnete la TV… aprite la mente… tra un po’ zittiranno pure il web… SVEGLIAAAAAAAAAA!!!!

    • giovanni pancari

      Il calcio è la rovina dell’Italia quasi quanto lo sono la mafia e la magistratura !!!!!!!

    • angelo

      Se su questo blog invece di cercare di vedere come quando possiamo riprendere la nostra sovranità si va a cercare la H la o la virgola offendendo chi invece partecipa alla discussione e grazie a Dio che lo fanno perché spesso gli Italioti pensano al pallone più. Che alla politica e all’interesse di questo Paese salve a tutti chiedo scusa.

  • bingbong boom

    Ognuno di noi è proprietario di 2541000 kg / 59.830.000 italiani= 42,47 grammi a testa
    Non è molto ma meglio che ce li diano, non mi fido delle cosiddette istituzioni!

  • Fiorenzo Mcfly Spina

    per piacere prima di dire frescacce informatevi. Questa è pura propaganda 5 stelle. questa é una puntata di Ulisse il piacere della scoperta del 13 gennaio 2010. Si sapeva già da tempo dove stava l’oro della banca d’Italia (altro che”grazie ai senatori”)

    https://www.youtube.com/watch?v=T_2d3LdPpbc

    • Guest

      ulisse..il piacere dell’ignoranza,eheh ma studia e leggi qualce libro ,la televisione a finito di rincoglionirti….ahahahah che coglione

      • Fiorenzo Mcfly Spina

        bravo studia e impara un po di educazione

        • Fiorenzo Mcfly Spina

          a proposito di ignoranza. “a” in questo caso vuole la “H”. Si dice “ha finito” non “a finito” e si dice “qualche” non “qualce” ahahahah… torna a scuola (se sai cosa é)

      • Fiorenzo Mcfly Spina

        esatto io credo di aver visto troppo la tv. Ma almeno quella l’ho vista! tu non fai ne quello, ne leggi libri e nemmeno studi. Che pena mi fa una nullità che sa solo offendere con un cervello piccolo piccolo quanto la sua virilità

    • Moschino Super

      ulisse..il piacere dell’ignoranza dei cazzari gatekeepers per eccellenza in italia,eheh ma studia e leggi qualche libro ,la televisione a finito di rincoglionirti,Pasolini docet,ahahahah che coglione

      • Fiorenzo Mcfly Spina

        io credo di aver visto troppo la tv. Ma almeno quella l’ho vista! tu non fai ne quello, ne leggi libri e nemmeno studi. Che pena mi fa una nullità che sa solo offendere con un cervello piccolo piccolo quanto la sua virilità

      • Fiorenzo Mcfly Spina

        a proposito di ignoranza. “a” in questo caso vuole la “H”. Si dice “ha finito” non “a finito” e si dice “qualche” non “qualce” ahahahah… vai a scuola (se sai cosa é)

        • maria grazia

          il pc a volte salta le vocali e consonanti …non si tratta d’ignoranza,che in questo contesto è soltanto tua ..maestro!!!

    • angelo

      Credo che a saperlo invece sono in pochi compreso me visto che i pagliacci di MonteCitorio che si sono succeduti in questi ultimi 20 anni non ne hanno mai parlato anzi anno sempre detto che siamo sul lastrico che siamo peggio della Grecia e che siamo la vergogna dell’Europa quindi secondo me è importante che si faccia veramente chiarezza senza sotterfugi e si dica la verità su l’oro

    • angelo

      Credo che a saperlo invece sono in pochi compreso me visto che i pagliacci di MonteCitorio che si sono succeduti in questi ultimi 20 anni non ne hanno mai parlato anzi anno sempre detto che siamo sul lastrico che siamo peggio della Grecia e che siamo la vergogna dell’Europa quindi secondo me è importante che si faccia veramente chiarezza senza sotterfugi e si dica la verità su l’oro

    • angelo

      Credo che a saperlo invece sono in pochi compreso me visto che i pagliacci di MonteCitorio che si sono succeduti in questi ultimi 20 anni non ne hanno mai parlato anzi anno sempre detto che siamo sul lastrico che siamo peggio della Grecia e che siamo la vergogna dell’Europa quindi secondo me è importante che si faccia veramente chiarezza senza sotterfugi e si dica la verità su l’oro

  • Fiorenzo Mcfly Spina

    qui è spiegato “l’arcano” che i nostri tre impavidi senatori hanno smascherato. dice per filo e per segno dove è depositato tutto l’oro. prrima di tutto una metà in Italia a palazzo koch a Roma in via nazionale e poi il resto in Svizzera, Inghilterra e alla Federal Reserve in America

    • Ci sono tante persone che non lo sanno; mica sono tutti militanti di partito per sapere come stanno le cose. In ogni caso grazie per l’informazione, vedremo di divulgarla anche a chi sta fuori dalla sinistra politica.

  • Gaetano Savoca

    Non siete convincenti. La cosa mi puzza. Fra PD e Berlusconi sono più che capaci di vendere l’anima degli italiani figurati l’oro

  • iuter andrea

    non hanno scoperto niente, quei dati si sapevano già da quando esiste internet, basta solo googlare (le fonti serie) per informarsi.

  • Ma quanti Piddioti qua dentro 🙁

  • Unoqualsiasi

    Interessant, mi piacerebbe però sapere da dove è venuto tutto quell’oro, che in pochi anni (50-60) pare abbia subito il miracolo della moltiplicazione dei pani e pesci di religiosa memoria.
    Se nel ’43 c’è n’erano slo 125 tonnellate, considerato poi che i tedeschi dopo avercelo rubato, ce ne hanno restituito 25 tonnellate in meno, e che negli anni 50-60 non c’era nemmeno tutto quell’accanimento fiscale oppressivo nei confronti della libera imprendtoria (vedasi emissione di scontrini e fatture obbligatori).
    E’ pensiero dietrologico e complottista credere che quell’oro (datoci sulla parola, ma tenutosiben stretto dalla federal reserve) generosamenteconcessoci dopo la guerra per risollevre una nazione da loroconqistata per poterla manipolare negli anni a venire come meglio gli pare?
    Non fa venire dubbi il fatto che destra o sinistra che siano al goveno, seguono allo stesso modo una linea politica che ha tutte le caratteristche di essere delineata da un fantasmagorico burattnaio?

  • Luciano Navarro

    L’ORO ITALIANO NON E IN ITALIA PERCHE DATO COME COLLATERALE X I PRESTITI DI CUI IL FONDO MONETARIO INTERNANZIONALE (FEDERAL RESERVE DI ROTHCHILD ) BCE E GERMANIA ! STATE SERENI ! PUTIN HA IL 55 % DELL’ORO MONDIALE !

  • Luciano Navarro

    STATE SERENI TUTTO L’ORO NON APPARTIENE X NIENTE ALLA BANCA D’ITALIA, DATO SI CHE SI E CEDUTA LA SOVRANITA ‘NAZIONALE E BANCARIA ! LA BCE E PROPRIETARIA DEL MALLOPPO ! NON ESISTE BANCA DI ITALIA O DI CITTADINI SOLO BANCHE PRIVATE CONTROLLATE SOTTO L’OMBRELLO ROTHCHILD CHE POSSIEDE TUTTO !

  • Trevisan Tiberio

    Correggo il link della riserva aurea che non è più funzionante, con questo che è visibile: https://www.youtube.com/watch?v=EbMud_5D6Dg

  • Paolo Terzi

    chi e’ il propietario di internet e sa tutto delle vostre opinioni, compreso le mie, ma chi e’ il vero padrone di tutto? tutti parenti di generazioni ROTHCHILD, anche la banca vaticana il padrone e’ un giovane dei ROTHCHILD.. ovviamente nessuno lo sa’, capelli lunghi e pure figo ha vederlo, visto dai occhi di una donna, peccato non ho piu la foto,

    tutti vivono in base ha come vogliono loro, e infatti pensate che l’euro non sia una moneta creata per impadronirsi di tutti gli stati? e poi mandarli tutti in macerie, per ridurre la popolazione mondiale, e questo perche??? perche siamo in troppi, e cosi fanno tutto questo per fare come una guerra senza bombe, il famoso nuovo ordine mondiale MWO. cosa si puo’ fare? nulla!!! ho lasciate perdere sto calcio di merda e scendeteveramente a roma ho continuate cosi, perche il male non e’ ancora arrivato…..

    e pensare che prima della crisi, cera una vignetta su facebook che ritraeva il disegno di darwin, all’incontrario, cioe’ da uomo a scimmia e cera’ scritto gli italiani, e chi ha messo quella previsione anni fa’??’ non me l’ ha scordero’ mai, qualcuno gia sapeva, e voi son passati 14 anni se non erro, ma vi ricordate che con 50 mila lire il carrello era pieno? vi ricordate che vivevate davvero? vacanze, ridere, uscire e spendere e spandere, non ricordate piu nulla??? scendete, e’ stato scritto migliardi di volte , scendete spegnerte quella tv di soap popera, di calcio e mandiamo via tutti. se non ti preoccupi tu della politica , e’ lei che si occupa di te… tu te ne freghi loro mai…. e infatti siamo cosi….

    • Angela Massari

      scusa caro Paolo Terzi ma tutto il senso del tuo post va perso a causa degli errori di grammatica da terza elementare… a cominciare da “ROTHCHILD” passando per “dai occhi” a “me l’ha scordero’ ” insomma “migliardi” di strafalcioni… impara almeno dove si mettono le acca, potresti avere un po’ di credibilita’ in piu’. con affetto, bye

      • Paolo Terzi

        scrivo parlando al microfono….

      • Paolo Terzi

        grazie professore

      • Paolo Terzi

        ok grazie diventero’ povero di nuovo per causa di cio’

  • Gaetano Savoca

    Ho solo un dubbio sulla vostra affermazione che l’oro italiano, circa 100 tonnellate, depositato presso la BCE è solo contabile, e che fisicamente si trova nei sotterranei di Palazzo Koch. Voi mi perdonerete ma tempo fa non ricordo se la TV o stampa ha affermato che il nostro oro, per la nostra qota parte, si trova fisicamente presso la BCE ed io mi sono sempre chiesto che fine farebbe, se si trova realmente a Francoforte, il nostro oro targato EUROPA

    • Gaetano Savoca

      ……..continua…… nel caso in cui l’Italia dovesse uscire dall’euro

  • Michele Fabiano

    Alberto Angela fece un servizio diversi anni fá dove diceva praticamente le stesse cose… Mi sa che se i pentastellati guardassero più documentari sarebbe meglio 😉

    • Rita Panarelli

      LE DOMANDE SONO DIVERSE…

      1 Metà dell’oro fisico italiano, ovvero 1200 tonnellate NON è custodito in Italia. Perché?

      (nel video a 07:30 si dice che negli anni 70, l’Italia chiese 2 miliardi di marchi alla Germania impegnando l’oro come garanzia, bene, Pero Angela afferma che il debito è stato poi saldato… quindi, i 1200 tonnellate di lingotti dove sono? Se sono stati impegnati, per cosa? a chi?).

      2 Mi chiedo se quell’oro esista effettivamente da qualche parte nel mondo (ne dubito) e nel caso sotto quali condizioni potrebbe essere rimpatriato.

      3 E se detto oro fisico, esiste ed è libero da vincoli (cosa che dubito ancora di più) per quale CRIMINALE disegno rimane custodito in mani straniere.

      in breve…

      Dove è esattamente l’Oro Italiano all’Estero?

      L’oro Italiano all’estero è LIBERO da vincoli e può essere rimpatriato in qualsiasi momento?

  • Gian Pietroj Pippia

    Quanto ancora dovemmo sapere ??? con quali soldi Bankitalia ha acquistato l’oro ? perché non è ricchezza nazionale ? Bankitalia dispone di soldi che non sono del popolo ? come li ha creati ? come si creano le riserve di un paese normale ? chi gestisce queste ricchezze nazionali ?

  • Deborah Yaya

    non mi ricordo dove ho letto su qualche media estero che anche meta’ di quello tedesco e’ negli USA. La Germania ha richiesto il rimpatrio che avverra’ da qui al 2020. Quindi l’Italia deve richiederlo e farlo rientrare se ancora ci appartiene.

  • andrea pippo

    “Ci è stato quindi detto che allo stato attuale la Riserva è INTOCCABILE e INUTILIZZABILE,”
    il punto fondamentale è questo! è una finta verità. non è una menzogna perchè “allo stato attuale” la rende vera, ma è ingannevole. allo stato attuale non vuol dire niente. una cosa intoccabile in qualsiasi condizione non è una garanzia, è una cosa inutile.

  • Rita Panarelli

    Quale governo ha deciso di usarlo senza farne parola al popolo italiano?

  • Rita Panarelli

    Di chi è l’oro della Banca d’Italia? (e chi vuole metterci le mani)
    https://www.youtube.com/watch?v=pN5F1mmaBwM

    • Rita Panarelli

      Con il decreto della rivalutazione delle quote si rischia di vedere legittimata la privatizzazione della banca d’Italia e con essa delle quote delle riserve auree. Le banche private hanno bisogno dell’ignoranza del popolo italiano.

    • Rosario Amico Roxas

      Di chi è l’oro della Banca d’Italia? (e chi vuole metterci le mani)

      *******************************

      Temo che si debba affermare: Di chi è l’oro della Banca d’Italia? (e chi ci ha messo le mani)

      • what you see is a fraud

        Scommetto che gli amici dei Khazari ne hanno una fetta .

  • gennaro squeglia
  • Antonio Paradiso

    Ho letto tutti gli argomenti del caso , ma non lo sapete ancora che l’oro di nostra appartenenza non esiste più, sia la banca d’Italia che i politici si sono mangiati tutto ‘ l’ oro che si vede nella banca d’Italia non è nostro , ma bensì di altri paesi , ora da parte nostra dovremmo fare più chiarezza di come il nostro patrimonio sia scomparso nel corso del tempo . Ci riusciremo perché il m5s ha le palle per farlo

    • Umberto Marilungo

      fammi leggere anche a me per cortesia

  • Umberto Marilungo

    se fosse vero ..-. che beffa per gli italiani

  • dahgbetekimin

    Si sono bloccati, banca vietata e non si ha il vantaggio di banche o è meglio avere un progetto e hanno bisogno di un finanziamento, cattivo credito o bisogno di soldi per pagare le bollette, soldi da investire per affari. Quindi, se avete bisogno di prestito di denaro non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni sulle mie condizioni molto favorevoli.

    Per ulteriori informazioni contattare gentilmente :

    Mail: tran.claudio@gmail.com

    Mail: tran.claudio@gmail.com

    grazie

  • what you see is a fraud

    Se parte dell’oro italiano e’ custodito negli USA la cosa logica da fare , e’ cercare di ripatriarlo al piu’ presto o si perdera’ completamente .
    Ricordiamoci dei seguenti fatti .
    1) Libia , Dopo l’assassinio di Gaddafi l’oro libico fu rubato dagli USA .
    2) Dopo il colpo di stato in Kiev 30 tonnellate d’oro Ukraino furono trasportate negli USA e non saranno mai piu’ visti in Ukraina .
    3) Iraq , stessa cosa .
    Conclusione : l’oro rubato a terzi paesi viene, molto porbabilmente svenduto sul mercato dei metalli preziosi a prezzi inferiori al valore di mercato per sostenere la farsa che e’ il dollaro USA carta straccia .

  • Sandro Pascucci

    veramente basta chiedere a bankitalia dov’è loro tengono l’oro a cui tanto tenete:
    “..
    Dove sono collocate le riserve auree della Banca d’Italia?

    Sono custodite per circa la metà della loro consistenza presso le “sacristie” della Banca d’Italia in Roma. Il resto delle riserve è depositato all’estero: la parte più consistente è custodita a New York presso la Federal Reserve. Altri contingenti di dimensioni più contenute si trovano a Berna, presso la Banca Nazionale Svizzera, e a Londra presso la Banca d’Inghilterra.

    La scelta della dislocazione presso diverse banche centrali deriva, oltre che da ragioni storiche, anche da una strategia di diversificazione, comune a quasi tutte le grandi istituzioni detentrici di riserve auree. Come riferito sul sito ufficiale della Deutsche Bundesbank (comunicazioni datate gennaio 2013), la Banca Centrale Tedesca ad esempio, detiene a Francoforte il 31 percento del proprio oro; si prefigge di reimportare con gradualità quantitativi tali da arrivare nel 2020 a detenere in Germania la metà della riserva aurea, lasciando all’estero la metà rimanente.
    ..”

    la fonte? http://www.bancaditalia.it/media/approfondimenti/2014/riserve-auree/index.html

    😀 😀 😀

    il mo’ Vi Mento 5ss puo’ dimostrarci l’esistenza di.. New York? dov’è VERAMENTE NYC? esiste davvero-DAVVERO?
    (ridicoli!)

    • andrea pippo

      ragioni storiche? tradotto: sono decenni che dormiamo e lasciamo le cose come stanno?

  • Lorenzo

    come “circa”, fuori le 51 tonnellate che mancano ahhaha

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi