Quanto è Grande il QE Giapponese

Di FunnyKing , il - 35 commenti

banner_spi_01

Mi sono messo a fare due calcoli.

Dunque la Banca Centrale del Giappone ha deciso di arrivare a stampare 80 triliardi di Yen all’anno per comprarci:

  • Titoli di Stato
  • Etf e Reit sul mercato immobiliare
  • Etf sulla banca del giappone

Quanti sono 80 triliardi di Yen all’anno?

Allora scriviamo in cifre:

80.000.000.000.000 Yen fanno:

  • 712.3 milairdi di $ all’anno

Con 712.3 miliardi di dollari ogni anno ai prezzi di oggi si può:

  1. Comprare tutti i bitcoin in circolazione per 163 volte l’anno, ovvero quasi una volta ogni due giorni
  2. Comprare circa 6.8 volte tutto l’oro prodotto in un anno, una volta ogni 2 mesi e ne avanza
  3. Comprare 1,4 volte tutte le società quotate alla borsa italiana, ogni singolo anno

Ma bisogna mettere il tutto nel contesto giusto. Ovvero quanto è grande il Qe giapponese per il Giappone?

Se lo stesse facendo gli USA, mettendo a paragone i due PIl (rapporto: 2.8) avremmo: circa 2000  miliardi di dollari all’anno, ovvero, 167 miliardi di dollari al mese.

Per memoria vi vorrei ricordare che il QE3 della FED nel suo massimo fulgore ha raggiunto gli 85 miliardi di dollari al mese, ovvero la metà della follia che è stata messa su in Giappone.

No cosi’ per dire.

Condividi
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Davide

    Fantastici questi orientali, i Giapponesi mi ricordano goldrake robot e mazinga pensa quando arriveranno i Cinesi che botto! Loro si che fanno correre il mercato.

    • tombecker76

      Sono avviati a diventare una colonia cinese non appena le circostanze internazionali lo permetteranno.

      • Davide

        Si già negli anni trenta c’ era il Duce d’ Italia che diceva, all’ orizzonte arriverà
        ‘ il pericolo giallo’

        • tombecker76

          Ne ha dette tante il pelatone.

          Incluso lo spezzare le reni di un paese che va avanti a muli e feta.

          • Davide

            In venti secoli di storia ognuno ha fatto la sua parte per ridurre questo stupendo paese più simile a una pattumiera pelatone compreso.

          • tombecker76

            Da antifascista devo dire che ne ha certamente fatte tante (troppe),
            a partire dalla concezione centralizzata, paternalistica, e violenta dello stato che e’ ancora alla base della mentalita’ del 90% degli italiani.

            D’altro canto, credo che vada riconosciuta UNA sola cosa a Mussolini: e’ stato l’unico momento in cui l’Italia ha avuto qualche ambizione a livello nazionale ed internazionale (quasi sempre messa in pratica in modo patetico, ma almeno c’era un’intenzione che andava al di la’ dell’intascarsi la pensione o la rendita a vita).

          • Davide

            Di solito gli errori danno anche esperienza ma non per gli Italiani, storicamente non ne abbiamo mai azzeccata una.

            Forse su questioni nazionali non abbiamo interesse e preferiamo discutere sul palio di Siena o la partita della domenica tirando a campare.

          • tombecker76

            L’Italia non esiste. Tutto qua.

  • Rocker Duck

    Ka Troia

  • Mike J. Lardelly

    La prima parola che mi è venuta in mente leggendo questo articolo è TSUNAMI.

  • Rnewal

    Avranno fatto i loro conti…
    anche loro sono in pole position per la gara di calcio al barattolo

  • iuter andrea

    svalutazione “competitiva”.
    fortuna che i nostri anni 80 sono durati poco ed è arrivato l’euro impedendoci di continuare a fare questo tipo di follia.

    ma i giappo non hanno pensato a mettere un reddito di cittadinanza? così ci dimostrano come defaultare nella maniera più veloce.

    • Nicola067

      eh… si … che culo che abbiamo avuto noi con l’euro!!

      • iuter andrea

        davvero preferisci lo stampare soldi accazzo, tenendo presente che non abbiamo un mercato espansivo e fortemente aggressivo come quello giapponese?

        ti piace vedere un raddoppio del rapporto debito/pil (da 60% a 120%) in 10 anni?

        • Nicola067

          Che l’unica alternativa a dare il completo controllo della NOSTRA moneta alle banche private sia “lo stampare soldi a cazzo” continuate a dirlo voi……..

          L’euro è semplicemente lo strumento per trasferire ricchezza dalle masse alle elites… e svolge il suo compito alla perfezione…

          Ma è possibile che una nazione non possa creare nemmeno un nichelino ma debba prendere in prestito TUTTI i SUOI soldi dalle banche private pagando interessi assurdi??

          Sinceramente si, preferisco siano i miei governanti che posso anche prendere a calci in culo a controllare la creazione del denaro rispetto a rothschild, goldman sachs e compagni … intoccabili dall’alto delle loro too big to fail banche…
          il vostro amatissimo mercato non è altro che un branco di avvoltoi speculatori che hanno divorato l’africa, l’america latina ed ora l’europa…

          Indebitare e derubare… questo è il “mercato” che vi piace tanto..
          mettere dipendenti contro imprenditori, statali contro privati, operai contro borghesia… e funziona da Dio in questo paese di invidiosi e livorosi….

          “licenziamo un milione di dipendenti pubblici!! anzi due milioni!!! anzi tre!! tutti a casa!!! dottori, infermieri, poliziotti, pompieri!!! TUTTI A CASA!! ci pensa il santo mercato a fare tutto!!”

          e i banchieri incassano, e ringraziano… anzi no…. ridono, eccome se ridono….

          • iuter andrea

            [Che l’unica alternativa a dare il completo controllo della NOSTRA monetaalle banche private sia “lo stampare soldi a cazzo” continuate a dirlo voi……..
            Ma è possibile che una nazione non possa creare nemmeno un nichelino ma debba prendere in prestito TUTTI i SUOI soldi dalle banche private pagando interessi assurdi??]

            non lo diciamo noi ma i dati storici economici italiani.
            il costo di creazione (di mantenimento e distruzione) ,cè sempre stato anche con la lira.

            [L’euro è semplicemente lo strumento per trasferire ricchezza dalle masse alle elites… e svolge il suo compito alla perfezione…]

            l’euro è solo una moneta. i problemi italiani non sono legati all’euro, ma ai pessimi governi/l’evasione/la corruzione ecc.
            dare la colpa all’euro è come dare la colpa ad “altri” per non accettare le proprie responsabilità, lo fece hitler con gli ebrei, lo facciamo noi italiani riguardo ai “rumeni e negri” che vengono qui a rubarci il lavoro.

            [Sinceramente si, preferisco siano i miei governanti che posso anche prendere a calci in culo a controllare la creazione del denaro rispetto arothschild, goldman sachs e compagni … intoccabili dall’alto delle loro too big to fail banche…]

            nel 92 quando i conti dovevano essere sistemati saltò fuori tutta la merda: 120%, eravamo già tecnicamente falliti se non fosse arrivato l’euro che ci ha fatto svalutare il debito. non ti ricordi il prelievo forzoso su tutti i conti correnti fatto da amato?

            poi oh, sia mai che dal 95 al 2008 visto che eravo messi meno peggio, si decidese di pensare a quel problema eh? col cazzo! abbiamo continuato a vivere sopra le nostre possibilità.

          • Nicola067

            Bah… ci rinuncio… continuate pure ad arricchire rothshild e compagni.. io tra poco me ne vada da questa merda di paese prima che fallisca (con l’euro, non con la liretta… ma su questo sorvoliamo, vero?)

            Vedere che l’euro è un problema non vuol dire non vedere che questo paese è governato da schifo e abitato da “cittadini” ancora peggiori…

            non preoccuparti… ci penseranno i “mercati” a farvi vivere “sotto le vostre possibilità”…

            “facciamo sacrifici per rothshild” è la parola d’ordine….

          • iuter andrea

            sisi prova a vivere nel giappone (tra l’altro hanno un sistema lavorativo molto chiuso che quasi impedisce agli stranieri di entrarci), o in argentina (prossimi al secondo default), così mi dici come stanno.

          • Nicola067

            Come stanno te lo dico subito… la mia ragazza è giapponese… son stato in Giappone quasi un anno negli ultimi tre…

            Stanno MEGLIO DI NOI!! La disoccupazione è praticamente inesistente … l’IVA all’8% (noi viaggiamo dritti verso il 25%, con l’euro)

            Nonostante quasi un quarto del paese sia stato distrutto dallo tsunami e abbiano avuto migliaia di morti e centinaia di migliaia di sfollati…

            Nonostante le centrali nucleari chiuse per TRE anni li abbiano costretti ad importare energia mandando a puttane la bilancia commerciale e i costi di produzione…

            Sono chiusi, verissimo… sempre meglio che fare entrare cani e porci come da noi… se non fossero cosi chiusi ormai Tokyo sarebbe la periferia di Pechino…

            ripeto, restate pure ad arricchire i banchieri che hanno tanto, tanto bisogno….

            Ah, già… a parte quelli che delocalizzano in paesi a sovranità monetaria… che caso….

  • zioru

    Ormai è tutto follia pura, la cosa divertente è che siamo ormai nella sperimentazione spinta. Ormai è tutto un rilancio, ricorda il gioco delle sedie e della musica che improvvisamente s’interrompe e si vede chi rimane in piedi. Nel gioco di solito il numero delle sedie è lo stesso dei giocatori meno una, ma in questo gioco mi sa che le sedie sono proprio pochine, e quando la musica si fermerà, sarà un casino della miseria, e la miseria farà da padrona.

  • Pareggiamoiconti

    assai interessante

    ancora più interessante sarebbe sapere come mai ci sia qualcuno disposto a vendere qualcosa di reale (oro petrolio o automobili) a fronte di questi yen inventati dal nulla…

  • ultor

    il giappone ha aziende e tessuto economico consolidato che necessitano di continua linfa, e una banca centrale nazionale che stampa per soddisfare la richiesta; così facendo mantiene salda la sua economia, crea inflazione, ma non deflazione o stagnazione; non conosco una via migliore per mantenere il paese competitivo glocalmente parlando

    • Pareggiamoiconti

      scusa ma di cosa stai parlando?

      con un pil che cresce (forse) del 2%, la base monetaria è proiettata verso il +50%…

      nella linfa finiranno per annegarci, anche perchè la competitività non va mica tanto bene…

      • ultor

        lascia stare, quando un paese è in difficoltà si immette moneta nel circuito e si permette il pagamento dei debiti e il rilancio dell’economia endogena; il deprezzamento della valuta aiuterà invece le esportazioni; tutto questo a 2 condizioni: che il sistema bancario sia regolato dalla banca centrale e che lo stato adotti misure protezionistiche e fiscali per controllare l’inflazione. Tutto il resto è filosofia non applicabile a periodi di crisi sistemica

        • Pareggiamoiconti

          ma fammi il piacere…

          l’ “economia endogena” si rilancia abbassando le tasse, o al limite facendo buoni investimenti infrastrutturali

          le misure protezionistiche distruggono valore, e non esiste politica fiscale in grado di “controllare” l’inflazione: la stampa di moneta è una politica intrinsecamente totalitaria, che funziona per un limitato periodo di tempo e solo in un regime di limitazione delle libertà personali

          e come tutti i regimi è destinato a generare inevitabilmente l’impoverimento generalizzato e/o il sangue nelle strade

          • ultor

            appunto:
            misure fiscali=abbassare anche le tasse
            rilancio dell’economia endogena = investimenti anche infrastrutturali.
            Le misure protezionistiche sono ovviamente temporanee ma necessarie, e possono essere anche “soft” (p. non doganale)
            tutto il resto di quello che dici è filosofia non applicabile a periodi di crisi sistemica.
            La nascita dell’IRI e il new deal ti dovrebbero dire qualcosa, o sei della scuola austriaca?

          • Pareggiamoiconti

            Si certo, temporanee…

            Iri e new deal mi dicono molto: uno era la piu’ ignobile fogna di corruzione e clientelismi che la storia europea abbia mai conosciuto, l’altro e’ la bufala piu’ strombazzata dalla propaganda statalista

  • Davide

    A parte le battute, il bilancio statale del Giappone si muove in modo decisamente diverso dal nostro , per loro spese in investimenti e infrastrutture hanno come segno + il che gli permette di stampare moneta a volontà portando il conto di bilancio a zero, inoltre loro non devono chiedere il pass alla BCE o FMI , è un gioco rischioso ma loro possono agire in grande autonomia , inoltre hanno in cassa i titoli pubblici di mezzo mondo US compresi, prima di loro è più probabile che salti l’ economia mondiale.

    In questo passagio economico è quindi logico che giochino al rialzo anche perchè non possono fare diversamente , vedremo presto quale direzione prenderanno Russia e Cina e forse saranno scintille.

  • The Eye

    E’ tutto un gioco truccato dove tutte le banche centrali barano e inventano soldi dal nulla, siamo alla follia economica applicata. non credo che possa finire bene.
    Ah poi la crescita economica Cinese sembra stia frenando con il freno a mano
    come si dice sembra quasi la “tempesta perfetta”, spero di sbagliarmi ovviamente.
    Magari qualche nuovo trucco della “speculazione creativa” rimette tutto in “ordine”

  • The Eye

    pochi minuti fa esce questo

    Euro Suddenly Crashes On “No News”

    http://www.zerohedge.com/news/2014-11-02/euro-suddenly-crashes-no-news

  • Giovanni

    Secondo me è un gomblotto!
    Si stampa carta e si fanno debiti per comprei beni reali (che si accumuleranno facendoli contemporaneamente sparire dal mercato).
    Default globale.
    Poi quale sarà la soluzione?
    Ritornare al gold standard o a una valuta non fiat.
    Ricomprarsi il mondo.

    • Nicola067

      Ma perchè l’euro è per caso d’oro?? convertibile al portatore?? parlate dell’euro come se non fosse carta straccia come tutto il resto… l’unica differenza è chi lo crea e lo controlla… l’euro lo controllano le banche private, le altre monete le creano le banche centrali PUBBLICHE (a parte la FED) dei vari paesi… ma sempre “carta straccia” è… però noi per averlo paghiamo interessi usurai ai “mercati”… ma quanto siamo furbi!!

      • Tommasodaquino

        Appunto “a parte la fed ” sa tanto di ironico dato che è solo la maggiore banca mondiale

    • Davide

      Gli unici che forse possono tornare al Gold Standard sono i Russi, Cina e alcuni paesi del Brics tipo South Africa, mentre la Libia è sparita

      • Giovanni

        Ma mica stavo parlando di stati nazionali.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi