La Commissione Europea finanzia i militanti pro-immigrati

Di Maurizio Blondet , il - 11 commenti

banner_spi_05

In Francia è stato notato che lo “spontaneo” ammassarsi di immigrati al Pas de Calais, da   cui cercano di giungere in Gran Bretagna sotto il tunnel ferroviario, è gestito da una organizzazione che si chiama No Border, di militanti anarchici e dei centri sociali. C’era un gruppo di No Border anche a Ventimiglia, ad organizzare la protesta e le manifestazioni, sotto forma anche di rivolte e sommosse occasionali.  Sul suo sito, l’entità si definisce “un network europeo di gruppi antirazzisti che lavorano insieme contro l’esclusione e la criminalizzazione dei migranti e la libera circolazione”.   Questa rete radicale di anarchici sostiene l’abolizione pura e semplice della frontiere, in una già significativa convergenza di veduta coi poteri forti mondialisti e Georges Soros. E’ una organizzazione-non-organizzazione – dunque “spontanea” essa stessa, informale, con il vantaggio   per chi la dirige di restare anonimo – di cui il grosso della truppa è formato da giovani anarchici, talvolta minorenni, in rottura con la famiglie, spesso essi stessi “nomadi”; ma inquadrati da vecchi esponenti della sinistra extraparlamentare francese.

No_border_camp_Calais-a9ee2

Il fatto interessante è che questa “spontanea rete” non è nata ieri, con l’ondata dei migranti.   E’ stata creata almeno 15 anni orsono – molto prima della “emergenza-profughi”, crescendo sotto forma di “No Border Camps”, attendamenti e campi in giro per l’Europa: al confine polacco con l’Ucraina, in Germania a ridosso del confine polacco, in Sicilia, in Francia. Nel 2002 hanno fatto un campo estivo a Strasburgo, nel 2010 a Brixelles, nel 2012 a Stoccolma. Un “camp” era stato allestito anche a Genova nelle roventi giornate del G-8 dove apparvero i black Block a fare i danni che sappiamo. In questi accampamenti, che durano in genere una settimana, i giovani “antifascisti e antirazzisti” vengono indottrinati in “gruppi di discussione”            e imparano a creare “nuove forme di resistenza contro i regime brutale e spesso assassino dei confini della Fortezza Europa”. Ora, l’organizzazione di tanti “campi” esige organizzazione e spese; e ricorda molto da vicino al tattica e l’addestramento di quei gruppi che hanno organizzato varie “rivoluzioni colorate” nell’Est, organizzando il malcontento di piazza contro i governi nella missione, ben compensata dal Dipartimento di Stato, di “diffondere la democrazia”.   Il più noto e vecchio di questi gruppi è la OTPOR (Resistenza in serbo), che contribuì a rovesciare Milosevic a Belgrado; oggi è una ONG, e una compagnia di giro di professionisti dell’agitazione, che vanno a insegnare “tecniche di piazza non violente” laddove sono chiamati.   In Georgia hanno rovesciato il vecchio Shevarnadze permettere al suo posto il noto Shaakasvili; elementi della compagnia Otpor sono stati in Bielorussia, Ucraina; nel 2000, all’Hotel Hilton di Budapest, hanno ascoltato i seminari del colonnello americano Robert Helvy sui metodi di “combattimento non violento”.

Anarchici per Soros

Soros è d'accordo
Soros è d’accordo

La rete NoBorder ha ispiratori simili? Una breve indagine mostra che il grosso del lavoro logistico e promozionale è svolto da un’altra organizzazione, United Agains Racism-Fascism-Nationalism, che appare molto più strutturata. Ed uno strano modus agendi.

http://www.unitedagainstracism.org/about-united/volunteers/

A Calais, dove diverrà rovente la questione immigrati in Francia, ad esempio, nel 2009 si tiene un No Border Camp e la United crea una entità locale ad hoc, la Calais Migrant Solidarity (CMS), che s’installa in modo durevole, e recluta e inquadra i militanti anarco-libertari sul posto.

http://www.unitedagainstracism.org/addressbook/calais-migrant-solidarity/

Questa CMS è sponsorizzata, oltre che dalla United, da una Unity Bank, una banca con sede nel New Jersey e quotata al Nasdaq. Quanto alla United, sponsorizza sia “antifascisti russi” che “antifascisti ” di tutti i paesi, è collegata e controlla 5 mila organizzazioni di base europee, organizza “settimane antifasciste” e “contro l’antisemitismo”;   promuove (paga?) Reflexes, ossia Réseau d’étude, de formation et de lutte contre l’extrême-droite et la xénophobie,  qualcosa che si definisce “un movimento antifascista radicale” composto da “militanti di estrema sinistra”: orbene,   tempo fa Indymedia ha lanciato una polemica contro Reflexes, accusandolo di avere “legami con servizi di polizia” attraverso, proprio,   l’organizzazione United Against Fascism.

Attivisti per l’Eurocrazia

Come, come? L’organizzazione libertaria ed alternativa che lotta per l’abbattimento delle frontiere, sarebbe collusa con organizzazioni poliziesche? Ebbene sì. Fra gli sponsor della United si trovano il ministero dell’interno britannico (HomeOffice UK) e quello Olandese.

Ma non basta. Questo benemerito gruppo anarco-antifascista, che abbatte le frontiere ed aiuta i migranti a violare i confini, è finanziato anche dalla Commissione Europea Programma Erasmus), dal Consiglio d’Europa, dal Consiglio Mondiale delle Chiese, dai gruppi parlamentari europei verdi e socialisti, di decine di istituzioni governative europee ufficialissime. Ma tra gli sponsor “privati” (diciamo così) della United che scaglia i militanti anarchici contro le frontiere europee e i governi che le difendono, potevano mancare la Fondazione Rotschild e il Jewish Humanitarian Fund? Ancor meno poteva mancare la Open SOciet y Foundation del miliardario ebreo-ungherese Georges Soris, quello che è stato accusato dal premier magiaro Victor Orban di essere tra gli organizzatori dell’ondata migratoria, come gli altri miliardari che “sostengono tutto ciò che mina lo Stato nazionale”. Ciò che Soros non nega affatto. Nel sito della sua Open Society (che gestisce 25 miliardi di dollari per gli scopi di Soros), si propugna che ogni richiedente asilo, nessuno escluso, diventi un rifugiato   col diritto di spostarsi come vuole entro lo spazio di Schengen. Esattamente quel che vogliono i militanti e attivisti di No Border.

title_big

E passi per Soros. Ma che sia il Consiglio d’Europa, anzi la Commissione Europea, a finanziare i No Border, ossia le piccole turbe di anarchici anti-sistema che “lottano” a volte con azioni clandestine e violente per un programma di radicale abbattimento delle frontiere, è – se si vuole ancora più illuminante. Tecnocrazia e sinistroidi uniti nelle “lotte”, militanti di base antirazzisti che lavorano per i miliardari mondialisti e gli eurocrati di Bruxelles. Non si può fare a meno di rievocare la sentenza di Spengler: la Sinistra fa’ sempre il gioco del grande capitale, a volte perfino senza saperlo.

 

Qui sotto, copio-incollo la lista degli sponsor e finanziatori della United:

 

« Since 1992 financial support was received from various sponsors such as : European Commission(General Budget/Socrates/Grundtvig/Youth in Action/Erasmus+/DG Employment Social Affairs/TACIS IBPP), Council of Europe (European Youth Foundation/European Youth Centres),OSCE-ODIHR, Heinrich-Böll-Stiftung, World Council of Churches, Olof Palmes MinnesFond, Cultural Council Sweden, Ministry of Education Slovenia, Green Group-, Socialist Group-, and GUE/NGL Group in the European Parliament, European Cultural Foundation, Stiftung West-Östliche Begegnung, Aktionsbündnis Gegen Gewalt, Rechtextremismus und Fremdenfeindlichkeit Brandenburg, Home Office UK, Ministry of Interior-BZK NL, Federal Department of Foreign Affairs CH, the Matra Programme of the Netherlands Ministry of Foreign Affairs, Instituto Português da Juventude, National Integration Office Sweden, Service Nationale de la Jeunesse Luxembourg, LNU – Norwegian Youth Council, Europees Platform Grundtvig, Friedrich Ebert Stiftung, Federal Social Insurance Office (Dep. for Youth Affairs) CH, Swiss Coordination Office of Youth for Europe, Federal Service for Combating Racism (Fund for Projects Against Racism) CH, Migros Kulturprozent CH, Comunidad de Madrid, Ministry of Youth and Sport of Azerbaijan, The Swedish National Board of Youth Affairs, Rothschild Foundation, Local Municipality of Budapest, Youth Board of Cyprus, Jewish Humanitarian Fund, Foundation Remembrance Responsibility and Future, Minority Rights Group Europe, OSCE – Mission to Skopje, Finnish Ministry of Education and Culture, Provincie Noord-Brabant, Open Society Foundations, Children and Youth Development Fund Georgia, Final Frontiers Internet, Dijkman Print and others.
This website has been funded with support of the Council of Europe (European Youth Foundation), the Erasmus+ Programme of the European Union and the Open Society Foundations.
 »

No Borders a Ventimiglia
No Borders a Ventimiglia

L’ultima frase è impagabile: “Questo sito web è stato finanziato col sostegno del Consiglio d’Europa (Fondazione Gioventù Europea), il Programma Erasmo della Unione Europea e dalla Open Society Foundation”. Ecco chi paga i “ribelli antirazzisti” che lottano per gli immigrati.

L’articolo La Commissione Europea finanzia i militanti pro-immigrati è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Condividi
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Lucio

    fosse per me i centri sociali ed i loro appartenenti sarebbero rinchiusi in una cassa di acciaio in fondo al mare.

  • verklarte

    La sinistra radicale e anarchica europea è finanziata e protetta dalle più alte istituzioni UE e dalle più prestigiose fondazioni culturali mondialiste? Ancora ce ne meravigliamo? Il premio Kalergi è stato assegnato ad Angela Merkel (2010), a Van Rompuy (2012) e a J.C. Juncker (2014). Il piano del conte nippo-tedesco procede speditamente, anzi, con la guerra in corso in Siria e Iraq ha beneficiato di un’accelerazione ulteriore. Il generale Clark, ai tempi della guerra del Kosovo, ci aveva ammonito: “gli europei sono ancora troppo identitari” e gli europei gli hanno dato ascolto. L’aspetto tragico della sostituzione etnica in atto non è tanto il clima di violenza e di insicurezza che sta generando, quanto il sentimento di colpa nei confronti dei migranti e dei profughi che sta incuneandosi nelle fragili menti delle nuove generazioni. Prima le classi dirigenti euro-americane riportano a suon di bombe sei o sette nazioni all’età della pietra, provocano l’esodo di diversi milioni di disperati ma poi riescono attraverso le suddette fondazioni ad instillare nei giovani europei la vergogna di esistere. Non sono solo i teppistelli dei centri sociali citati da Blondet ad invocare un mondo senza confini, ci sono anche moltissimi giovani delle periferie urbane, spesso provenienti da famiglie quasi agiate, giovani senza conoscenze e senza certezze che sposano la causa del radicalismo anarchico perché sanno di non avere nessun futuro…Sono i nuovi cittadini del mondo. Togliamoci il cappello quando li incontriamo, stanno facendo la Storia.

    • Gianox

      La chiosa finale non mi piace affatto. Concordo con il 90% di quanto scritto, ma non col finale.
      Questi giovani non stanno facendo la Storia con la S maiuscola, sono solo vittime di un sistema di manipolazione che vuole cancellare questa Storia.
      Io li compatisco, posso capire il loro spaesamento, ma questi giovani non sono altro che la prima generazione di futuri schiavi.

      • verklarte

        Concordo in toto. L’ultima frase era ironica, forse avrei dovuto aggiungere: la ‘loro storia’ (con la minuscola).

        • Gianox

          Ah, ho capito male.
          In effetti, mi pareva stonare col resto del commento.
          Allora, sì, concordo al 100%.

  • Luigi za

    New Year’s celebrations in the western German city of Cologne escalated into chaos with a series of sexual assaults, including a rape, being blamed on an uncontrolled crowd of intoxicated men of “Arab or North African” origin.

    The mass attack on women that happened “in the middle of the city” around Cologne Central Station on New Year’s Eve was “an intolerable situation,” Chief of Police Wolfgang Albers told reporters.

    https://www.rt.com/news/327927-cologne-new-year-sexual-assaults/

    Ecco le nuove risorse dell’Europa.

    Grazie piddini, grazie papa Pamurio I, avanti così che presto quelli vi cancelleranno dalla faccia di questa terra con mio grande gaudio.

  • ThreeFiddy

    la notte degli attacchi a Parigi, nel suk di Calais ci furono scontri ed incendi, si parlò anche di qualche morto, poi più niente, sarei davvero curioso di sapere come mai nessuno ne ha più parlato e cosa sia davvero accaduto.

  • Lila

    Stesso principio e finanziatore delle rivoluzioni colorate , povero mondo

  • Gianox

    Di fronte al palazzo sede del parlamento europeo, che sinistramente ricorda la Torre di Babele, così come raffigurata in un celebre dipinto di Bruegel il Vecchio, è posta una statua che raffigura la dea Europa in groppa ad un toro.
    La statua si rifà ad un mito dell’antica Grecia. Leggo da wikipedia: “Zeus (che si era innamorato della principessa Europa) quindi prese le sembianze di un toro bianco, le si avvicinò e si stese ai suoi piedi. Europa salì sul dorso del toro, e questi la portò attraverso il mare fino all’isola di Creta. Zeus rivelò quindi la sua vera identità e tentò di usarle violenza, ma Europa resistette. Zeus si trasformò quindi in aquila e riuscì a sopraffare Europa in un boschetto di salici o, secondo altri, sotto un platano sempre verde. Questa narrazione è riprodotta sulle monete di conio greco da 2 €”.

    Insomma, l’Unione Europea è nata per stuprare l’Europa.

  • Corsaro Siciliano

    Se non ricordo male l’Europa finanzio’ anche la pubblicazione di un mattone di Hans Kung per la convergenza etica delle religioni mondiali….alquanto anticristico,non trovate?Acquistai tale tomo in una localita’ balneare tanti anni fa e l’ho perso di vista ma ricordo distintamente il patrocinio attivo delle istituzioni europee.Debbo ripulite la soffitta.

  • davide

    fare scorta di proiettili

ATTENZIONE: SOLO 6 posti a Serata

image-1

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi