Chi tocca muore ( the forbidden truth )

Di Nuke The Whales , il - 192 commenti

Ricevo e volentieri pubblico da Alessia.

Da settanta anni, parlare di lobby ebraica, significa attrarre su di sé rovina e disgrazia! 
Si può essere antisemiti senza essere nazisti e senza volere lo sterminio degli ebrei, ma si può anche essere ebrei e criticare aspramente la lobby ebraica. 
L’antisemitismo è ovviamente una forma di razzismo, ma è lo stesso razzismo che colpisce i neri e chiunque altro sia ritenuto “diverso”.

Le varie organizzazioni che compongono la lobby sono ormai visibili a tutti: gli interessi che difendono sono essenzialmente quelli economici, ai quali a volte si aggiungono gli interessi geopolitici di Israele. 
Parlare di queste lobby ebraiche è oggi ancora vietato. 
La geopolitica che prevede guerre in medio-oriente è sostenuta della lobby ebraica americana. 
La devastazione dell’Iraq, della Siria, della Palestina e in futuro dell’Iran infatti favoriscono solo Israele.
George Soros, nato György Schwartz, (udite udite da che pulpito viene la predica) ha attaccato l’American Israel Public Affairs Committee (volume 54, numero 6, della prestigiosa New York Review of Books del12 aprile 2007) ammettendo che l’amministrazione Bush ha sbagliato nel mancato riconoscimento del governo palestinese perché “la minaccia più grande per Israele viene dall’Iran e per questo una progressione verso una soluzione in Palestina aiuterebbe ad affrontare meglio quella minaccia”. 
Afferma anche che “l’attuale politica dell’amministrazione Bush non viene nemmeno dibattuta negli Stati Uniti. 
Mentre altre zone calde del mondo sono argomento di libera discussione, la critica delle nostre politiche verso Israele viene messa assolutamente a tacere”. 
Di fatto emerge la dilagante influenza dell’AIPAC sui partiti democratici e repubblicani. La missione dell’AIPAC è di assicurare il sostegno americano a Israele e nel fare ciò si è alleato strettamente con i Neo-conservatori.
Grazie alla libertà di espressione garantita dal 1° emendamento della Costituzione degli Usa, assistiamo a una corruzione che avviene attraverso i contributi finanziari concessi ai candidati politici: in questo sistema politico trionfano le lunghe e quindi costose campagne politiche. 
Queste lobby utilizzano questa forma di corruzione legale e francamente si può affermare che gli Usa hanno il migliore Congresso che i dollari possono comperare.
Oltre alla AIPAC, ci sono altre organizzazioni, e tutte perseguono lo stesso obiettivo: promuovere gli interessi di Israele negli Usa. 
Ve ne elenco brevemente qualcuna: l’ Anti-Defamation League, l’American Jewish Committee, i “think tanks” che si occupano di strategia e geopolitica come il Washington Institute for Near East Policy, l’American Enterprise Institute, la Foundation for the Defense of Democracy e B’nai B’rith. A questi vanno poi aggiunti i finanziamenti provenienti dagli enti religiosi ebraici: appare chiaro il successo ottenuto da questo gruppo etnico-religioso!
Gli ultimi tre presidente della Federal Reserve sono ebrei: 1987-2006 Alan Greenspan, 2006-2014 Ben Bernanke, 2014-“in carica” Janet Yellen. 
Questa ultima, attualmente in odore di dimettersi, verrà forse sostituita dall’ebreo con cittadinanza israelo-statunitense Stanley Fisher: costui è l’ex presidente della Banca centrale israeliana, è stato vice direttore del FMI e vice Presidente di Citigroup.   
L’industria della comunicazione, il settore bancario e le società finanziarie negli Stati Uniti sono dominati dagli ebrei, la maggior parte dei quali sono noti sostenitori di Israele.   
I contributi per le campagne elettorali sono un elemento chiave del potere ebraico come dimostra J.J. Goldberg nel libro Jewish Power: dopo la nascita di Israele sono state create strutture organizzative complesse che uniscono tutti i gruppi ebraici atti a influenzare ogni settore negli Usa.   
Roger Hilsman, che era stato nel settore dell’intelligence durante l’amministrazione Kennedy, aveva scritto: “Risulta ovvio, anche all’osservatore più distratto, per esempio, che la politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente, dove il fattore petrolio è fondamentale, è stata più sensibile alle pressioni della comunità ebraico-americana e al suo ovvio desiderio di sostenere Israele di quanto non lo sia stata agli interessi petroliferi americani”.   
Michael Neumann, professore di filosofia alla Trent University dell’Ontario, Canada, propone un metodo di lotta che consiste nel convincere gli americani che, dopo la fine della guerra fredda “l’America non ha più ragioni serie per sostenere Israele, mentre ne ha di molto buone per non farlo. Si immagini solo per un attimo se gli Stati Uniti cessassero di sostenere Israele e dessero anche un moderato sostegno ai palestinesi. 
Di colpo l’islam e l’America si troverebbero fianco a fianco. 
La guerra al terrore diventerebbe una passeggiata. La credibilità degli Stati Uniti nel Medio Oriente salirebbe al cielo. 
E tutto diventerebbe molto meno costoso”.   
James Petras scrive che “basta guardare soltanto ai documenti, alle testimonianze e ai rapporti dell’AIPAC e della Conferenza dei Presidenti delle Principali Organizzazioni Ebraiche d’America per notare come i sionisti si vantano dei successi ottenuti nel promuovere una determinata legislazione … e nel consegnare informazioni segrete ai servizi segreti israeliani”.
L’obiettivo delle lobby è di fomentare continuamente guerre statunitensi contro l’islam per rafforzare Israele nel medio-oriente. 
Quello che accade in medio-oriente dovrebbe far riflettere la popolazione americana, dovrebbe spingere la gente a chiedere la fine di queste guerre in questa zona martoriata, mai come ora la posta in gioco è molto alta. 
Il popolo americano non capisce che queste lobby stanno erodendo la democrazia, reprimono il dibattito pubblico, controllano i candidati e le loro campagne elettorali. 
La stampa è colpevole perché nasconde la realtà dell’inganno della democrazia.
Sono politically un-correct o sono nata nel periodo storico dove è stata repressa la libertà di parola? Quanto bisogna attendere per parlate di cosa hanno comportato le strategie dei “neo-conservatori sionisti americani” e degli israeliani in Iraq, in Libano e in Palestina? 
Come posso ritenere che la politica USA sia onesta quando ancora non prende in considerazione di mettere pace in Palestina, ma decide per tutti gli altri sulla politica da tenere con la Russia, con i Paesi Arabi e con la Cina?
Dopo l’Olocausto nessuno può toccare gli ebrei, pena l’ignominiosa stigma di antisemita. Se chiedete a cento persone il significato della parola “genocidio” tutti la assoceranno agli ebrei. 
Peccato che nessuno ricordi altri genocidi come quello del Popolo Armeno, degli Indiani d’America, degli Indios dell’Amazzonia, del Rwanda, del Congo, degli Herero … o il lento strangolamento del Popolo Palestinese.
Di sicuro però non intendo cadere nell’antico tranello di incolpare per ciò che accade solo gli ebrei. Sarebbe sbagliato affermare che gli USA sono solo condizionati dalle lobby degli ebrei: 
io semplicemente non apprezzo la politica estera USA. 
Io non apprezzo gli esperti (Henry) Heinz Alfred Kissinger e Zbigniew Brzezinski, noti manipolatori e consiglieri della politica estera americana. 
Dobbiamo capire anche che gli Usa utilizzano l’idea dello strapotere ebraico per salvarsi la faccia nei confronti di mezzo pianeta. 
Negli Usa è arrivato il momento che si svegli tutto il popolo americano: devono capire e analizzare le strategie scelte dalla loro nazione in merito al controllo del medio-oriente.
Davanti a tutto quello che sta accadendo, ebrei e non,
dovreste alzarvi in piedi e urlare: “non in mio nome” !
Condividi

Incoming search terms:

  • ce chi lo tocca contro la iattura
  • israeliani di merda
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Massimo Casali

    Delirante……….. Inutile aggiungere altro

    • Alessia la Kazara atea

      Desideri spiegare meglio il tuo commento? Tra persone civili si può parlare.

      • Svicolone61

        Non si ha tempo da perdere per rispondere a coloro che delirano.

      • gianluca2

        L’ha detto lui: non c’è da aggiungere altro.
        Il suo – di Casali – è un atto di fede al di là dei fatti e della dialettica.

  • Massimo Roncaglia

    Stanley Fisher… Il maestro Jedi ( tra gli altri ) di Ben Bernake e Mario “Darth Vader” Draghi …ma va..

  • Nix777

    Nuke, se sai il russo mi aiuti a capire di cosa si parla in questo video? https://www.youtube.com/watch?v=s15nsGfbFX8

    • interessante notizia, mi sembra che ci sia casino nella parte nord della regione di Swerdlowsk, ma viene accusato il nuovo governatore Kuyvashev.
      In effetti il tipo sembra ladroneggiare abbastanza, ne sentiremo riparlare, prima o poi.
      A Ekaterimburg e dintorni notato niente di strano.
      Ma hai una idea tu di che cosa si sta parlando?
      O prendi siti a caso segnalati da Censor,net o merda simile?

    • Leo Fabiani

      Il paese dove è nato Eltsin maka sta morendo. Non c e acqua ne riscaldamento/gas. C e una ondata di suicidi. Molti se ne vanno e abbandonano le case. Per i presidenti della oblast la zona non è di alcun interesse storico ne economico.

      • fabbriche chiuse, in mezzo al nulla, cosa dovrebbero fare?
        Ti posso fare esempi simili in centinaia di località USA.

        • Leo Fabiani

          io ho solo tradotto il video per quello sopra mica che è un commento.

  • Belfagor

    Pienamente d’accordo con Te, Nuke: una lobby di serpenti velenosi, usurai e guerrafondai da secoli, i quali giustificano i loro sporchi crimini nascondendosi sempre dietro l’olocausto e la morte di milioni di persone innocenti, la quale sta cercando di creare un Nuovo Ordine Mondiale, a cui occorre schiacciare la testa al più presto.

    http://www.italian-samizdat.com/2013/08/le-redini-del-potere-economico.html

    https://www.youtube.com/watch?v=m-dY8iHOLb0

    Parole da incidere nel bronzo.

  • agente21th

    Diffondete più che potete questo articolo, grazie.

  • Sandro

    Come già altre volte ho scritto nei miei commenti, il fatto che da millenni gli ebrei siano perseguitati vorrà pur significare qualcosa, ci sarà un motivo. Non può essere che da sempre capiti che uno si svegli una mattina e decida così, senza motivo, perché si annoia, non sa che fare, di perseguitare gi ebrei. Non esiste, non ha senso.
    È più plausibile invece che si rendano essi stessi invisi al mondo intero con il loro comportamento, il loro, ebbene si, essere razzisti per definizione, il popolo eletto da Dio, tutte le altre genti sono inferiori o indegne al loro confronto. Beh, queste non sono certo delle buone premesse per farsi degli amici. Insomma, bisognerebbe accendere un megafono planetario e far sapere loro a gran voce che hanno rotto i coglioni ! E che caspita…!

  • frank
    • alex

      Vishiiiiiiiiii, l’articolo può essere di parte, non dubito, ma che ha analisi degne di nota, è altrettanto vero.

  • agente21th
    • alex

      In tutta sincerità, è maledettamente convincente quel post. Solo non volendo vedere, si può negare quello che afferma. Infelicemente per poca voglia di studiare e analizzare, gli esseri umani preferiscono sempre il nemico mostrato loro da qualcuno, spegnendo il cervello. Quello che è successo in Germania con Hitler, è stata una tragedia ed una lezione. Una tragedia, l’eliminazione coatta e brutale, di tutti quegli esseri, una lezione, non avere imparato niente di utile, da questo..

      • agente21th

        Eliminazione coatta e brutale? Spiegati meglio.

        • alex

          Coatta e brutale nel senso di sforzata e risolutiva.

          • agente21th

            Vedo che hai capito che ho capito. Sei milioni di ebrei ammazzati dal male assoluto, cioè Hitler. E guai a chi o nega.

          • alex

            Stiamo surfando le stesse onde. Oggi bisogna essere politicamente corretti (sai quanto mi frega) ed usare termini ambigui e pro-fautori del momento. Non è cambiato niente sotto il sole del 21° secolo, la storia ufficiale e “vera”, la continuano a scrivere i vincitori (o almeno quelli che per ora sembrano tali). Infatti guardando ai risultati odierni (oltre i titoloni di propaganda), chiunque abbia ancora qualche sprazzo di lucidità mentale, accumula domanda su domanda,senza risposta, dubbio su dubbio. Beata idiozia e anestesia di pensiero, per chi la pratica.

          • agente21th

            A volte mi domando: è meglio vivere nella ignoranza e divertirmi a più non posso o continuare a pensare nel modo più logico che posso? (oltre a non divertirmi per niente) Sono andato per la seconda che ho detto. 🙂 E, a quanto leggo, non sono il solo.

    • valentino

      Ho dato un’occhiata molto velocemente all’articolo , si sostengono tesi abbastanza veriitiere ma c’è un guazzabuglio di date che lo rende poco attendibile

  • ufo

    “Vidi poi salire dalla terra un’altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago.
    Essa esercita tutto il potere della prima bestia in sua presenza e costringe la terra e i suoi abitanti ad adorare la prima bestia, la cui ferita mortale era guarita.”
    Dovremo aspettare un pò per vedere la fine di Israele e degli USA ma tutto è scritto , per due volte è stata distrutta per risorgere , la terza volta sarà spazzata via definitivamente.Tutto avverrà verso la fine di questo secolo. Amen…

  • Gianox

    Mi domando se l’autrice Alessia, più che kazara atea, non sia cripto-cattolica di stampo, per così dire, blondettiano.
    Battute a parte, è un articolo interessante e non posso che apprezzare l’onestà intelettuale di chi lo ha scritto con coraggio e partecipazione.

  • Gianbattista

    Il più grande investimento che una famiglia ebrea fa è sull’educazione dei propri figli……questo poi fa la differenza ….da millenni …..

    • Alessia la Kazara atea

      Questo è sicuramente vero, gli ebrei hanno sempre dato grande importanza alla cultura e all’educazione, molti dei più grandi scienziati e pensatori del XIX e XX secolo erano ebrei. Ma ciò non toglie che gli ebrei siano un gruppo di pressione esorbitante negli Usa e che sostengono le inaccettabili politiche di Israele. Ci sono libri e libri (scritti anche da ebrei) che dimostrano come Israele sia un elemento determinante nella destabilizzazione del Medio Oriente.

      • Svicolone61

        Preferiamo mille volte un medio-oriente destabilizzato (tanto lo sarebbe lo stesso) che un mondo senza Israele e senza il genio ebraico. La vostra e’ tutta invidia.

        • Alessia la Kazara atea

          1 – Preferisci un medi-oriente destabilizzato perché tanto non ci abiti tu, genio!
          2 Il mondo è vissuto senza lo stato di Israele fino al 1947 ed è andato avanti comunque.
          3 Invidia de che??

          • ForzaKarolina

            Se è per quello allora è andato avanti anche dopo il 1947 mi pare…. che caz… di ragionamento è?!

          • Alessia la Kazara atea

            Lo stato di Israele, come ben sai, è stato fondato ufficialmente nel 1947. Dopo il 1947, Israele crea scompiglio in mezzo pianeta: bell’affare! Affare che a me non piace, affare che a te piace.

          • Alphaenemy

            come in mezzo pianeta??Porta esempi concreti!!

          • Alessia la Kazara atea

            caro filo-israeliano inizio a risponderti così:
            i nazislamici fanno a gara con i nazisionisti….
            Chi è il più efferato?

          • Alphaenemy

            No no mia cara, voglio esempi concreti.
            Cosa fa Israele, tolti i conflitti occasionali con Gaza?
            Non ha più problemi con l’Egitto, nè con la Giordania. Con la Siria e il Libano c’era gelo(derivante dalle sberle prese) ma senza minacce serie. TU hai detto in giro per il mondo, adesso ti prendi la responsabilità delle tue parole e spieghi cosa fanno questi ‘nazisionisti’ (termine vergognoso che non fa nemmeno ridere)

          • Alessia la Kazara atea

            • Reprisal operations (1950s – 1960s) – Military operations carried out by the Israel Defense Forces during the 1950s and 1960s.

            • Suez Crisis (October 1956)

            • Six-Day War (June 1967)

            • War of Attrition (1967–1970) –

            • Yom Kippur War (October 1973) –

            • Palestinian insurgency in South Lebanon (1971-1982) -.

            • 1982 Lebanon War (1982)

            • South Lebanon conflict (1982–2000).

            • First Intifada (1987–1993) – First large-scale Palestinian uprising against Israel in the West Bank and the Gaza Strip.

            • Second Intifada (2000–2005) – Second Palestinian uprising, a period of intensified violence, which began in late September 2000.

            • 2006 Lebanon War (summer 2006) Gaza War (December 2008 – January 2009) – Three-week armed conflict.

            Operation Cast Lead (2008–2009)

            • Operation Pillar of Defense (November 2012) – Military offensive on the Gaza Strip.

            Ovviamente tutte guerre di difesa in cui Israele non ha alcuna responsabilità, e che Israele con le sue politiche non ha mai istigato.
            Parliamo poi delle bombe atomiche che Israele nega di avere, anche se è il segreto di pulcinella? Però se le hanno gli altri non va bene? Sei contento dottore della legge?

          • Alphaenemy

            Appunto, tutti conflitti con stati confinanti determinati a distruggere Israele e ad eliminare fisicamente i suoi abitanti. Quelli che io chiamo nazislamici, quelli di Hamas, che inneggiano a Hitler.
            Nessuna guerra in giro per il mondo, niente di niente.
            A voi gli ebrei stanno simpatici solo nei lager, quando si difendono allora diventate antisemiti, sinceramente: avete rotto il c… Israele esiste, è uno stato avanzato e democratico, voi rosicate pure.
            Israele non minaccia nessuno di usare la bomba, a differenza dell’Iran.
            Ci sono arabi israeliani che vivono in Israele e ringraziano Allah di non vivere in un paese arabo-islamico, come lo spieghi questo?
            Non è rimasto nessun ebreo in medio oriente mentre in Israele vive una comunità araba che costituisce il 27% della popolazione. Immaginati gli ebrei a Gaza liberi di vivere e votare. Immaginati i Gay Pride a Gaza o a Jenin. Immagina…puoi.

          • Alessia la Kazara atea

            Guarda che esistono molti ebrei che non appoggiano Israele. Noam Chomsky è l’autore che preferisco. Ma amo la lettera di condanna al sionismo di Einstein.
            Nell’articolo spiegavo chiaramente quanto non mi piaccia il comportamento delle lobby ebraiche statunitensi. Un mio amico ashkenazita svizzero mi aveva avvisato che sarebbero arrivati i falchi a “sdottorare tutto”.
            Ti saluto Kapò. Alla prossima.

          • Alphaenemy

            E ne esistono tanti che invece appoggiano Israele.
            Noam Chomsky lo conosco bene, è l’idolo dei complottari antioccidentali pacifinti terzomondisti. Il tipo comunque è migliore dei suoi fan, si mostra ragionevole, ma è molto meglio come linguista che come analista politico, IHMO.
            La lettera di Einstein è contro il fascismo ebraico responsabile di crimini di guerra non contro il sionismo.
            Chissà se degli arabi hanno mai scritto lettere di condanna ai propri crimini.

        • ThreeFiddy

          guarda, io li ho come vicini di casa qui a milano, non invidio i fanatici, sappi che i più tradizionalisti, proprio i miei vicini, obbligano le donne della loro famiglia a mettere un velo ed a camminare sull’altro marciapiede rispetto ai maschi, è uno spettacolo penoso, credimi.

          • Svicolone61

            Anche il cattolicesimo, fino a 40 anni fa, aveva le donne da una parte della Chiesa tutte velate di nero. Poi ci fu Vat II e non è detto che sia stato un bene. Anzi….

          • ThreeFiddy

            sei uno spasso cucciolone., negli anni 70? le donne cristiane da una parte e velate?
            mitico cucciolone, kidonim involontario.

          • Svicolone61

            E tu un ignorantone oppure molto giovane!
            Ho scritto prima di Vat II. Quindi anni 50-60.
            In qualunque chiesa le donne erano da una parte e con un velo nero sulla testa.
            E nei Paesi del Sud in tante si vestivano tutte di nero.

          • ThreeFiddy

            e 40 anni fa sono gli anni 70, anzi metà 70

  • ForzaKarolina

    Io sono al 200% dalla parte di Israele e non ho alcun problema a dirlo forte e chiaro! E’ persino uno dei paesi in cui ho considerato di emigrare…
    Anzi mi sembrano fin troppo moderati nel gestire i palestinesi… io per esempio al loro posto avrei già occupato Gaza, annesso la striscia ad Israele e spostato tutti i palestinesi che vivono li in West Bank….. mi sembra 10 mila volte più semplice rispetto a gestire la situazione attuale!

    • Qfwfq

      Lo ero anch’io poi… sona andato in Israele… Gerusalemme… Muro del pianto… quartiere ultraortodosso… vedere quelle persone che passano la loro vita davanti a libri scritti centinaia di anni fa, che non lavorano, che non fanno servizio militare con berretti di pelo a 40°C e che ormai sono il 10% della popolazione di uno stato con la bomba atomica….. Ora vedo Israele con una luce diversa.

      • ForzaKarolina

        Dici una cosa giusta e che anche molti israeliani non sopportano!
        Però Israele non si limita a quello… grazie a Dio aggiungerei!

      • Alphaenemy

        se è per quello l’Iran e l’Arabia Saudita son mille volte peggio, anche se a me preoccupano di più quei pezzenti degli Egiziani che son diventati 80 milioni, che se non li nutrissimo noi metà morirebbero d’inedia, l’altra metà verrebbe qui a pretendere di vivere in europa…

    • ThreeFiddy

      il tuo profilo disquis :” Former LucaS, financial analyst and aspiring Archailect, juventino ferocemente anti-interista”

      ಠ_ಠ

      dico, ma stammerda è il tuo profilo disquis! non sto neanche a commentare ciò che hai scritto, perchè è superfluo, ma dico io, c’è ancora gente che si definsce in base ad una squadra di calcio, anzi due? credevo proprio che su RC non ci fosse stammerda di calcio e stammerda di decerebrati che si definiscono in base a 22 coglioni con la terza media che rincorrono un pallone davanti a 30000 coglioni. lammerda che mi tocca leggere…
      farò una citazione, va. è il futuro bello, ed il passato non può battere il futuro, fino a che il futuro non sarà passato. Ma a quel punto sarà passato e non futuro.
      Vedi Tizzi, spaccereteste anni fa avrebbe giovato. anche, e soprattutto alle teste rotte.

      • ForzaKarolina

        Ho pensato di risponderti ma il tuo commento è talmente idiota che poi ho deciso di lasciar perdere! Ti dico solo una cosa: non giudicare una persona da una riga!

        • ThreeFiddy

          lo dicono anche i cocainomani, ma io continuo. imperterrito. e poi ci sono i tuoi commenti.

          • ForzaKarolina

            Subito non l’ho capita…. molto divertente!

        • ok, Luca, però anche il tuo commento su Israele di prima non scherzava, dai, deportare la popolazione che abitava su quei territori da oltre mille anni..
          Se volessimo essere proprio precisi dovrebbero essere gli israeliani ad andarsene, tecnicamente sono loro gli invasori.
          Ok, fosse così semplice… ma non lo è.

          • agente21th

            Per capire meglio la situazione bisognerebbe capire le origini dell’ebraismo. Come è nato e su quali basi si fonda.
            Tu magari ne sai qualcosa? Cosi per chiedere.

          • Bella domanda, è una religione, nata prima del cristianesimo, e basta in parte sugli stesi testi, ma questo dovresti saperlo pure tu.
            Personalmente sono ateo, e mi sembrano irrilevanti le pretese degli israeliani di ricostruire la loro “terra promessa”, ma per molti di costoro è una questione di fede, non di politica.
            Per quello al questione è così complicata.

          • Svicolone61

            Anche io sono ateo ma, al contrario di te, so che ebraismo e cristianesimo sono la stessa cosa, che i principi/valori giudaico-cristiani sono alla base della civiltà occidentale.
            Quindi io sarò sempre, politicamente, dalla parte dei miei fratelli ebrei nella lotta per la loro terra promessa.

          • secondo me sei un trollone ebraico, invece, anzi, sionista.
            ברוכים הבאים, שמוק!

          • Svicolone61

            Purtroppo non capisco una acca e non ho una goccia di sangue ebraico.
            E mi sarebbe molto piaciuto così sarei più intelligente, statisticamente parlando.
            Sono andato vicino a fidanzarmi seriamente con una bella ebreina ma, purtroppo, lei alla fine non voleva un goy.

          • Alessia la Kazara atea

            Appunto perché statisticamente più intelligente, in quanto ebrea, mi sa che con uno che ragiona come te non ci andava.

          • ThreeFiddy

            io sì, ma è antisemita dire che gli ebrei hanno qualcosa in più, o in meno, per il fatto di essere ebrei, sappilo.

          • ForzaKarolina

            Allora occorre cambiare la legge! NOn ha senso limitare la crescita di un popolo e di una civilizzazione cosi avanzata solo perchè non si possono ricollocare i palestinesi in altre aree del Medio Oriente che è enorme…. davvero io sta cosa non riesco proprio a capirla! Io mica propongo di ammazzarli… propongo semplicemente di SPOSTARLI in un’area dove tra l’altro potrebbero vivere meglio loro per primi….

          • ThreeFiddy

            eh no, avendo macato il Messia, loro ancora aspettano, con sempre più evidente trepidazioneansia.

          • agente21th

            O anche semplicemente una questione pratica.

            (The New York Times il 31/5/1936 scrive:

            La comunità cristiana chiede che venga concessa la possibilità di rifugiarsi in Palestina ai milioni di Ebrei che stanno soffrendo a causa del “european holocaust”… si chiede alla Gran Bretagna di aprire le porte della Palestina agli Ebrei che sfuggono allo “european holocaust”.) Fonte: http://maurobiglino.it/2015/08/chi-e-che-molti-decenni-prima-di-hitler-gia-sapeva-o-aveva-deciso-che-sarebbero-morti-6-000-000-di-ebrei/

          • Luigi Zambotti

            Cerca nel web le conferenze in video di Mauro Biglino., vi troverai la risposta alla tua domanda.

          • agente21th

            Ho trovato il suo sito e c’è parecchia roba, mi toccherà fare gli staordinari. 🙂 Grazie.

          • ForzaKarolina

            Leggimi con attenzione perfavore:
            Forse mi sono spiegato male io! Cerchiamo di guardare le cose cose per come sono in realtà: a Gaza ogni 2-3 anni c’è un’azione di guerra e tutti rimproverano Israele per chissà quali crimini. Israle a sua volta per non fare entrare armi è costretta ad isolare Gaza dove si vive oggettivamente di merda…
            Alla fin fine quello che propongo io credo sarebbe nell’interesse di entrambi sia israeliani sia palestinesi di Gaza: annettere la striscia ad Israele che si libererebbe di un fronte che causa solo casini e potrà sfruttare in modo completo tutta quall’area e quelle adiacenti all’attuale West Bank; in cambio di questo di crea un’area addizionale grande più o meno lo stesso e sottraendola ad Israle in cui portare tutta quella gente (con eventualmente una compensazione per la perdita dell’abitazione). Adesso dimmi sinceramente se ti sembra un’idea cosi assurda!

          • magari ritirare i coloni israeliani che stanno occupando illegalmente la striscia di Gaza, cacciando via a forza i palestinesi , non si farebbe prima?

          • Svicolone61

            E chi lo ha detto che è illegale?

          • le leggi israeliane stesse, è una discussione che si fa spesso in Israele.

          • ThreeFiddy

            e l’onu.

          • Alphaenemy

            nella striscia di gaza non ci sono più coloni dal 2005, e quelli sì che son stati deportati con la forza.
            ed è da quell’anno che anche l’amministrazione è stata lasciata completamente in mano agli arabi, che prontamente hanno pensato giustamente di eleggere i nazislamici di Hamas.

          • Alessia la Kazara atea

            Prendo le distanze da te perchè mi fai orrore:

            L’operazione Piombo fuso (ebraico: מבצע עופרת יצוקה, Mivtza Oferet Yetzukah) è stata una campagna militare lanciata dall’esercito israeliano con l’intento dichiarato di “colpire duramente l’amministrazione di Hamas al fine di generare una situazione di migliore sicurezza intorno alla Striscia di Gaza nel tempo, attraverso un rafforzamento della calma e una diminuzione dei lanci dei razzi, nella misura del possibile. L’operazione militare si è protratta dal 27 dicembre 2008 alle ore 00:00 GMT del 18 gennaio 2009.

          • ThreeFiddy

            nuke, come anche?
            rivendico il diritto di schiaffeggiare (bitchslap) ogni cazzone che mi paral di calcio, anche se non direttamente.
            non esiste niente di più statalista, ignorante, marcio e sintomo di paralisi cerebrale che seguire il calcio in italia.
            parlaimo delle tasse evase, dei costi accollati alla collettività, alle leggi speciali, ai soldi che ci costa l’ordine pubblico speciale per, a volte, 40 idioti che possono fare tutto, mentre ad una manifestazione di metalmeccanici la polizia carica, parliamo della corruzione del malaffare, della malavità nel calcio, della gestione dei diritti etc etc.
            per quello che RC rappresenta in fatto di liberismo e “meno stato più privato”, nessuno qua dovrebbe seguire il calcio italiano se avesse un minimo di coerenza, lo ripeto fanculo il calcio e le teste vuote che alimentano il sistema.

    • Massimo Decio Meridio

      Beh passiamo da Pinochet santo alla deportazione di massa …. a quanto un bel genocidio così tanto per gradire ?

      • ForzaKarolina

        Non pensavo che uno col tuo nickmame fosse cosi suscettibile…

        • Massimo Decio Meridio

          Beh uno parla di torture, omicidi, deportazioni e genocidi come se fosse una cosa assolutamente normale, anzi auspicabile e giustificata ..suscettibile non rende esattamente l’idea ….

          • ForzaKarolina

            Non è che i Romani ci andassero tanto leggeri con le cose che dice lei eppure nei libri di storia si celebra la grandezza di Roma e tutte le cose fantastiche che ha prodotto a livello tecnologico, militare, economico, scientifico, artistico ecc… Come la mettiamo allora?

          • Massimo Decio Meridio

            Ma che paragoni del menga ….. che cazzo vuol dire, che siccome lo facevano i Romani è giustificato farlo adesso ?
            Che per farsi celebrare bisogna uccidere e torturare ?

            Per te allora i crimini non esistono, tutto è giustificato …

    • gianluca2

      Una kazara al giorno leva il medico di torno.

  • ForzaKarolina

    PS: ancora con sta stronzata del “razzismo che colpisce i neri”… I neri ci campano di razzismo… è la scusa che hanno per spillare soldi ai bianchi che producono al posto loro…

    • FP

      Beh qua sei fuori strada. I tuoi amici ci tirano a campare da quasi 80 anni con la storia del razzismo. Come in tutti i popoli c è del buono da prendere anche da loro. Ma io per primo, purtroppo, non accetto il loro atteggiamento post 1945 ( sui cui numeri serpeggiano dubbi) da vittime. Ora a mio avviso c’è la stanno facendo pagare, basta vedere come ci troviamo, chi ci governa e da chi è manovrato. Non solo a livello nazionale ma europeo , per non parla degli USA e delle banche.

      • ForzaKarolina

        Io infatto ho scritto “Israele” non “ebrei”…. c’è differenza!

        • agente21th

          Quale?

          • un ebreo è un appartenente ad una determinata religione, un israeliano è un abitante di Israele, a maggioranza ebrea ma non assoluta.
            Una minoranza importante degli abitanti ebrei di Israele , attualmente al governo, crede nel “sionismo” ovvero la necessità storica e religiosa di riappropriarsi dei territori dell’antico popolo ebreo “persi ” quasi duemila anni fa, scacciandone a forza i palestinesi, che si sono insediati da oltre mille anni su quel territorio.
            Semplice.

          • agente21th

            A detta loro. Cioè, praticamente non mi faccio vivo per ben 2000 anni e quando ritorno pretendo… Bella logica, non c’è che dire.

          • sembra strano, ma è esattamente quello che succede, i primi coloni israeliani arrivarono circa cento anni fa e, piano piano, comprando terre o cacciando via con la forza gli autoctoni, hanno creato una nazione.
            Molti israeliani sono lì ormai da generazioni e accampano diritti su quei territori.
            Situazione complicata.

          • Svicolone61

            Che discorsi da bischero….
            Sai quanti popoli nella Storia sono andati via dalle terre dove vivevano per cause economiche e militari? Solo nel recente passato, hai mai sentito parlare degli istriani o dei tedeschi dell’Europa orientale?
            Gli ebrei hanno comprato quelle terre e le hanno difese col sangue!
            Hanno tutto il diritto di occuparle e di considerarle la loro patria. Sono fin troppo pazienti coi palestinesi.

          • una piccola parte le hanno comprate, le altre le hanno prese con la forza ai palestinesi, contestualizziamo.
            Se poi sono stati bravi a difendere le terre che hanno rubato è un altro discorso.
            Anche agli istriani e ai tedeschi dell’Europa orientale, così come ai Tatari della Crimea, se vogliamo, nessuno ha pagato niente, il più forte scaccia il debole.

          • Svicolone61

            Esatto, d’accordissimo!
            E allora perché rompete ancora i coglioni SOLO agli israeliani per terre “legittimamente” conquistate con la forza e il denaro (quasi un secolo fa) mentre, per tutti gli altri, a cominciare dagli istriani o dalle repubbliche baltiche o dei pellerossa nessuno di voi dice mai niente? I palestinesi/israeliani sono un po’ come i pellerossa con gli yankees….non c’è proprio partita.

          • Alessia la Kazara atea

            Beh veramente gli indiani d’America qualcosina da dire ce l’avrebbero, fatto sta che negli usa non contano un cazzo, e poi la vedo dura cacciare via 320 milioni di americani, come oggi sarebbe impossibile, e insensato, cacciare gli ebrei dalla Palestina. Il punto sarebbe di trovare un accordo di convivenza, che però gli israeliani in tutti questi anni hanno fatto di tutto per sabotare.

          • Svicolone61

            Ma quando!
            Impara prima un po’ di storia invece di scrivere vagonate di coglionaggini!
            Sia a Camp David che ad Oslo, I e II, gli accordi si trovarono e furono gli israeliani a concedere terra in cambio di pace.
            Ma fu proprio Arafat a fare fallire il processo, spesso all’ultimo momento, perché incapace di moderazione, avrebbe perso potere, e soprattutto incapace di controllare le sue frangie estremiste.

          • alex1

            Rabin fu eliminato da un ebreo israeliano, Arafat fu ridicolizzato dall’esercito sionista a Ramallah, che lo ha con ogni probabilita’ anche avvelenato a morte. Ma la colpa di Tutto e’ solo deiPalestinesi, vero?

          • Alphaenemy

            Non sono gli Israeliani che votano per i nazi-islamici e che lanciano razzi. Ah, e nemmeno accoltellano o investono le persone per la strada.

          • Alessia la Kazara atea

            sì, ma però sono gli israeliani che tengono in regime di apartheid i palestinesi e che colonizzano le loro terre in barba agli accordi. Sono gli israeliani che entrano a Gaza con i carri armati e spianano tutto o che bombardano con le bombe al fosoforo bianco. In tv questo non si vede. Fanno vedere, come tempo fà, gli israeliani come mostravano le tegole del tetto danneggiate, ma mai le foto dei palestinesi come questa
            http://www.laltralombardia.it/immagini/gaza/2009/fosforo.jpg

          • Alphaenemy

            pallywood <3

          • ThreeFiddy

            saddam ha “legittimamente” invaso il kuwait, eppure j’avemo rotto er culo, come mai?
            le colonie sono una continua invasione della palestina, come tali sanzionate dall’onu, solo che l’amico golem (usa) blocca costantemente le risoluzioni, come mai? se non erro proprio loro si misero a capo della coalizione contro saddam, come mai?

          • gli israeliani “continuano” a prendere terre con la forza, e la maggior aprte di esse le hanno prese una generazione fa, non molto tempo, per la gioia dei palestinesi.
            Minacciano una guerra atomica se sconfitti, e solo per quello possono continuare a farlo, altrimenti a furia di colazioni arabe prima o poi sarebbero stati spazzati via.
            Seguendo il tuo stesso ragionamento le altre nazioni con la bomba atomica possono prendersi i territori confinanti e cacciarne via gli abitanti.
            perché allora rompere tanto le palle alla Russia, per esempio?

          • Svicolone61

            Gli israeliani non hanno mai minacciato una rappresaglia atomica vs. Palestinesi o altro pericoli “minori”.
            La rappresaglia nucleare sarà reale e catastrofica se Iran, o qualche altra vera potenza regionale, metterà in pericolo l’esistenza dello Stato di Israele.
            Anche quando Saddam mando’ 42 Scud contro Gerusalemme non ci furono rappresaglie missilistiche.

          • beh, a me risulta che le bombe siano nel deposito presso Dimona, ed è logico , sono bombe relativamente piccole e facili da trasportare.
            Troppo alto sarebbe il pericolo che finiscano in mano agli arabi, meglio tenerle in un unico posto con una sorveglianza immensa e paranoica.
            Diciamo che se gli iraniani riuscissero ad avere la bomba con un unico colpo ben piazzato potrebbero annullare il potenziale nucleare israeliano.
            fatto questo toccherebbe a Tel Aviv e la guerra sarebbe finita.
            Forse è per quello che gli israeliani sono così agitati per il problema iraniano, mentre delle bombe in mano al Pakistan, altro paese islamico che è pieno di bombe , che tra l’altro potrebbero finire in mano anche ai sauditi non si preoccupano.
            Però non mi risulta che l’Iran voglia davvero distruggere Israele, vuole solo ritagliarsi il posto che merita nello scacchiere locale.
            Io sarei più preoccupato del fatto che delle formazioni terroristiche riescano a procurarsi dei piccoli ordigni atomici e a contrabbandarli in Israele.

          • Svicolone61

            Con un attacco nucleare iraniano sarebbe finito il mondo, almeno come lo conosciamo…
            Un attacco nucleare iraniano porterebbe ad un olocausto nucleare, sia per la reazione israeliana (hanno certamente almeno una diade se non una triade), sia per la reazione occidentale.
            Quindi non si può rischiare con frasi qualunquiste tipo “a me non risulta che l’Iran…” che lasciano il tempo che trovano. L’Iran va monitorato con tutti i mezzi che abbiamo.
            La cosa che mi fa più paura e’ il rincoglionimento attuale di CIA ed NSA (e della leadership americana attuale) che si trastullano coi software di bulk sniffing e di decryption dei telefonini di Isis……speriamo il Mossad stia facendo cose più serie….

          • Beh, a me non risultano diadi o triadi nei depositi, tutt’altro, prova ad immaginare un migliaio di terroristi kamikaze che si impossessano delle bombe sperdute in mezzo al deserto.
            No, perlopiù sono a Dimona, al massimo una o due coppie per le emergenze nei centri dell’aviazione.
            E anche quello è un pericolo assurdo, certo, senza i codici non esploderebbero facilmente, ma gli ingegneri ce li hanno anche i salafiti, ormai.
            In realtà prima o poi il casino scoppierà, troppi matti fanatici in zona.
            Anche senza contare gli iraniani, che , per il momento , sono controllati e calmati dai russi.

          • alex1

            La solita logica che muoia Sansone con tutti i Filistei…

          • Alphaenemy

            gli israeliani “continuano” a prendere terre con la forza

            questa è una boiata immane
            Israele è nata nel 1948, in seguito ad una guerra difensiva ha allargato i suoi territori spartendosi il territorio “palestinese” con Egitto e Giordania. Nel 1967 ha poi conquistato anche il sinai, il golan, gaza e la cisgiordania. Ha ridato il sinai all’egitto se non sbaglio nel 78. Incredibile, ha ceduto più di metà del proprio territorio in cambio…del semplice riconoscimento, cioè della pace!
            Da allora Israele non ha più modificato i suoi confini.
            La Russia continua ad avere comportamenti aggressivi contro: Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina, Moldavia e Georgia. Ha aiutato i separatisti in Ucraina e Georgia.
            Israele invece non si impiccia in questioni che non lo riguardano.

          • ForzaKarolina

            E allora perchè rompete i maroni da 60 anni solo ad Israele?

          • Massimo Decio Meridio

            Mei cojoni …. eccone un altro … cosa proponi dai … deportazione, genocidio, forni, batterio killer, virus letale ?

          • Svicolone61

            Norvegesi e tedeschi sembrano molto ospitali….

          • Massimo Decio Meridio

            Ah beh se la metti così …. sicuramente la Germania sarebbe la destinazione più opportuna visti i committenti ….

          • ForzaKarolina

            Sempre se consideriamo i palestinesi un “popolo”… per me sono solo un’accozzaglia di fanatici e violenti…. Non si possono mettere sullo stesso piano popoli (e civilizzazioni) cosi palesemente diversi

          • maggioranza_silenziosa

            E’ quello che hanno fatto gli Yankees con i nativi americani

          • Angeles Negre Cuevas

            Possiamo anche aggiungere che gran parte degli israeliani sono di origine europea, belli biondi, il cui antenati non c’entrano niente con quella che un tempo era la Palestina?

  • Cris Wien

    Isreale e’ una democrazia semi-riconosciuta che viola il diritto internazionale ed alcuni diritti di minoranze che vivono entro i suoi confini? Si vero.
    Il Vaticano e’ una monarchia assoluta che ha violato per 10 secoli il diritto di milioni di persone e rallentato lo scibile umano di 2 secoli? Si, alla grande.
    Ora da non credente e filo mi-faccio-i-cazzi-miei-ma-tu-fatti-i-tuoi vorrei vedere lo stesso trattamento riservato agli ebrei, Israeliani e massoni ai signori con la gonnella da transesseuale (cattolici ed ortodossi) che predicano cavolate sulla “famiglia” e penetrano da secoli le istituzioni politiche e le istitizioni finanziarie (non solo italiane) pensado al loro faraonico portafoglio. In quel giorno la bilancia segnera’ lo zero.

    • Francesco Gardini

      E’ già, lo Stato di Israele viola i diritti di “alcune minoranze” che vivono “entro i suoi confini”. Una sintesi perfetta di ignoranza o malafede.
      I sionisti dovrebbero venire a casa tua a impiantare un altro staterello buttandoti fuori di casa in un angolo merdoso del tuo, anzi “loro” cortile. 😉

      • ThreeFiddy

        credo si riferisca al 26% della popolazione d’israele araba, ed al 4% crisitiana, i primi non hanno diritti civili, non possono partecipare alle elezioni ed avere impieghi pubblici, uno stato di apartheid accalrato, tanto che fu denunciato come tale da mandela, tacciato, ovviamente, di antisemitismo. mi sa che non hai capito francè 😉

        • ForzaKarolina

          Se non gli sta bene possono anche emigrare…. nessuno li constringe dietro ad un muro come facevano altri… Se gli va bene è cosi altrimenti pio….

          • Gianni Iannelli

            nella storia dell’umanità non si è mai visto un popolo così duramente e più volte punito dal proprio stesso dio.

          • ThreeFiddy

            che stronzata, sono israeliani, lo capisci che sono cittadini di israele come gli altri, che hanno il passaporto israeliano e che vivono in israele, o è un concetto troppo difficile? in particolare gli arabi, erano lì prima, e sono rimasti in base a precisi accordi. poi ti lamenti se vado in moodalità bitchslappin, qui non si parla di gaza, lo capisci? acapisc?

          • ForzaKarolina

            1. E allora? Cosa me ne frega ma e che siano cittadini oppure no? Semplicemente sono cittadini che devono sottostare a certe condizioni e se non gli stanno bene quelle condizioni sono liberissimi di andarsene… non ho ancora capito dove sta il problema! L’idea che tutti i cittadini debbano essere uguali a prescindere è una stronzata, almeno per me! Se non l’hai ancora capito andiamo verso un sistema in cui il 5%, massimo 10% della popolazione lavora e crea riccheza per tutti e il 90-95% vivegrazie al avoro di questa minoranza iperqualificata e di gran lung asuperiore a loro… e secondo te dovrebbero contare uguale? Ma ci sei o ci fai?
            2. Vai pure nella modalità che vuoi…. ho fatto l’arbitro per 7 anni facendo anche 3 partite a settimana… sono abituato agli insulti e me lie faccio scivolare addosso!

          • ThreeFiddy

            sei davvero il più grande idiota che ho mai laetto su internet, in passato il bitchslappin l’ho riservato a cucciolone, ma tu sei lo steph curry dell’idiozia.
            tornando al messaggio originale, vedi che una riga basta ed avanza per sgamare un’idiota. non ha neanche senso spiegarti la differenza fra cittadinanza ed occupazione, nel senso di lavoro, che un conto è parlare di mantenere gente che non lavora ed un altro, quello che cerchiamo, inutilmente, di spiegarti è non avere diritti civili, che ovviamente prevede anche non poter aver impieghi pubblici, sussidi, quindi il 26% arabo e cristiano è lì e lavora in proprio, a differenza del 100% dei dipendenti pubblici che sono ovviamente ebrei, oltre che israeliani, e quindi sono loro ad essere mantenuti anche dal 30% non ebreo. del resto hai fatto l’arbitro per 7 anni…
            poi è questione di p.o.v., punti di vista, essere idioti non è reato, per me lo dovrebbe essere, e tu ti beccheresti qualche ergastolo. ma purtroppo è solo un p.o.v., come dicevamo. vai a vedere la partita, va, e lascia stare ciò che non comprendi.
            adieu, schmuck
            p.s. modalità bitchslappin off.

          • ForzaKarolina

            Mettiamola cosi: io quel 26% di origine araba li impacchetterei per bene e li estraderei dai loro cugini palestinesi… Che se la vedano con loro…. Già gli fanno un favore a tenerli dentro… altro che dicriminazione e trattamento unfair!

        • Cris Wien

          Non lo nego. Ma come mai nessuno vede il piccolo stato criminale che da secoli ALLA LUCE DEL SOLE viola constantemente i diritti dell’umanita’ da secoli? Un signore che va in Africa dicendo che i condoms sono peccato, uccide 0.2 milioni di persone all’anno di HIV. Questo e’ il verbo di Dio, inchinatevi. Prendetevela con i massoni sionisti ebraici, loro sono il danno.

          • ThreeFiddy

            alt, dire che una cosa è peccato, non vuol dire vietarla, ne tantomeno essere responsabili di alcunchè, io sono cristiano e credente ma i condom li uso. allora? ti ricordo che proprio il Cristianesimo ha introdotto il concetto del libero arbitrio. è una semplificazione del pensiero che non ti fa onore, dato che non sei un sempliciotto.
            mi incuriosisce sapere in che modo la Chiesa di Roma avrebbe massacrato la tua famiglia, è possibile saperlo o è troppo privato?

          • Cris Wien

            Non scherziamo. I cattolici africani putroppo non hanno un livello di emancipazione/indipendenza intellettuale simile a quella degli Europei. Bassa istruzione=creduloneria (in genere).
            La comunita’ Valdese (a cui io appartengo) non se l’e’ passata proprio bene negli ultimi secoli…

          • ThreeFiddy

            quindi il problema è l’ignoranza, non il messaggio.
            non che in america latina siano poi messi molto meglio in fatto di ignoranza, eppure l’aids lì non è così rampante, forse c’è anche qualcosa in più, magari qualcosa legato ai lavori in congo belga di hillary koprowsky.

            ahh sei un’apostata… scherzo, ovviamente. per me ognuno ha diritto di professare la propria fede senza che per ciò debba essere infastidito.
            😉

          • Cris Wien

            Attenzione pero’ chi lancia un messaggio cosi’ ‘sharp’ deve essere consapevole che chi lo ascolta DEVE avere gli strumenti per capirlo. Lo lo sanno. Trovo sconcertante che consapevoli di questo fatto non modulino i loro moniti… creando danni enormi alle loro stesse comunita’.

          • AndreAX

            Ma se la Verità che Cristo ha trasmesso è QUELLA un papa non può cambiarla solo perchè oggi non è più di moda (tanto non lo è mai stata), per inciso l’idea del condom esiste dalla notte dei tempi non è nata con la gomma vulcanizzata di Goodyear.
            Il papa lì ha detto esattamente quel che diceva qui “non dovete scopare fuori dal matrimonio” ed è vero che avere un unico partner sessuale per la vita garantisce l’assoluta certezza di non contrarre malattie sessuali non vedo dove sia l’illogicità se mi dici che è pesante come cosa da portare avanti sono d’accordo ma non nè falsa nè sbagliata.

          • Cris Wien

            “garantisce l’assoluta certezza di non contrarre malattie sessuali” eliminando trasfusioni e altre malattie sessuali legate alla scarsa igiene.
            Sulla verita’ del Cristo ognuno ha la sua e penso che ognuno debba professare cio’ che crede, mettendo comunque al primo posto il bene della comunita’ consideranto tutti i fattori al contorno che sono fondamentali. Fortunatamente non interpretiamo (piu’) i testi sacri alla lettera. Anche la morale cattolica cambia con i secoli, penso sia il risultato di una popolazione scolarizzata ed un po’ meno ignorante.

          • AndreAX

            Senti non ti offendere ma io con le malattie ci lavoro, la via di trasmissione preferenziale è al sessuale quello che dici sulle vie parenterali non è sbagliato ma sono minoritarie e valide per sottogruppi della popolazione europea (tossicodipendenti ovviamente); chiunque abbia seriamente intenzione di mutare al ribasso l’incidenza e la prevalenza di HIV non può non considerare di colpire la via preferenziale. Il condom NON RAPPRESENTA un mezzo efficace di prevenzione mi dispiace ma è così ed è così per due ordini di motivi:

            1) perchè non lo sanno usare
            2) perchè la sicurezza derivante dal mezzo contraccettivo (che è del 60% quando usato correttamente l’uso abituale restituisce statistiche assai più sconfortanti…) induce all’adozione di comportamenti a rischio facendo affidamento sulla fiducia posta nel mezzo stesso che è esagerata.
            Esempio pratico del condizionamento mentale che può dare un presidio medico: ai pazienti HIV+ spiego sempre che non devono MAI e poi MAI avere rapporti NON PROTETTI con altri sieropositivi poichè c’è la possibilità di contrarre un altro ceppo di HIV. E quelli puntualmente “Eh ma tanto faccio la terapia…” Peccato che la terapia non guarisca ma sia votata a fare sì che tu non generi ceppi resistenti mantenendoti in HIV+ quanto più tempo possibile procrastinando l’evoluzione in AIDS, e tu andandoti a fare la tua bella chiavata pensando, tanto peggio di così non può andare mandi tutto a puttane beccandoti il ceppo resistente a tutto e quindi va peggio molto peggio di prima.

            La morale cattolica non cambia nonostante numerosi siano ultimamente i tentativi di far passare il contrario poi che nella storia vi siano stati periodi in cui la si è sentita di più o di meno non dubito, questo è vero anche per le singole persone in ogni tempo.

          • Cris Wien

            Il condom si puo’ imparare ad usare in maniera corretta.
            Ovviamente le vie di trasmissione Uomo-Uomo sono le piu’ elevate. Sul 60% sono stupito, mi stai dicendo che nel 40% dei casi si fallisce?
            Sono un dottore fisica non un dottore in medicina e non ho dati sotto mano. quindi mi fido. Ma i numeri non mi tornano. Se nel40% dei casi fallisce e con una probabilita’ di ‘rimanere in cinta’ del (50% numero approssimativo) cio’ implica che nel caso uno usi il condom nel 20% dei casi non si rompe, nell 80 si rompe e nella meta’ dei casi il 40 porta a gravidanze. -_-

            La morale cambia e alla grande, personalmente non penso di essere messo al rogo nel futuro prossimo per apostasia. 🙂

          • AndreAX

            Il 60% è un dato estrapolato da metanalisi quindi è un dato cumulativo abbastanza significativo e considera profilattico maschile e femminile, per onestà ti dico che il dato è riferito alla contraccezione ma poichè l’azione di difesa è sempre data dalla barriera meccanica e che lo si usi come contraccettivo e come presidio medico antinfettivo anzi forse è anche una sottostima per la parte infettiva ti dirò perchè ti si può rompere e la becchi in un giorno ok e vai liscio mentre per le infezioni i giorni ok non esistono. Purtroppo è così non c’è la percezione del rischio, a questo aggiungi che quasi tutti comprano quelli ultrasottili che si sente tutto e però ha la sua controparte… poi la stragrande maggioranza non lo sa usare da chi li mette in pressione a chi lo indossa dal lato lubrificato (non sto scherzando…) e poi gli si sfila ne ho sentite diverse, la migliore fu quella del lubrificante praticamente utilizzò un lubrificante che fece da solvente del lattice con risultati che puoi immaginare…
            I numeri non ti tornano perchè il 60% come ti dicevo su è un dato che considera e la profilassi con profilattico penieno e vaginale assieme, Quello femminile è meno affidabile e tira in giù a statistica se scorpori e consideri solo la profilassi maschile sali all’80% di affidabilità sempre riferendoci alla sola contraccezione. Perchè come preisidio antinfettivo pur avendo tutto il potenziale per essere un valido ausilio restituisce delle statistiche tragiche davvero.
            Aneddoto per farti capire la differenza psicologica nella percezione del rischio, un mio amico va a farsi un viaggio in Estonia o cmq zona ex-patto di Varsavia torna febbricola tosse, la prima cosa che gli ho detto dopo ciao “Hai fatto turismo sessuale uno di quei giorni (non a pagamento quanto nel senso di liason) hai usato il profilattico perchè è zona a rischio?” e lui “Eccerto per chi mi hai preso, non è che bisogna fare medicina per sapere certe cose!” Allora siccome a me certe cose non le puoi dire a cuor leggero e questo era uno a cui piace la chiacchiera da barsport mi sono vendicato… e gli faccio ” ma di bocca come sono almeno un pompino te lo sarai fatto fare?” e lui tutto altezzoso “Solo uno…” ed io pensavo QUA TI VOLEVO COGLIONE gli metto una mano sulla spalla e gli faccio “oh naturalmente hai usato un profilattico anche lì lo sai che è a rischio anche quello vero? Siccome hai avuto la febbricola al ritorno”
            Diventa bianco… poi sta bene non gli è successo niente ed io sono stato uno stronzo di prima categoria però al di là di tutto lui si è esposto davvero a un rischio e questo non è che fa il muratore o il contadino è laureato ha fatto il liceo classico con me eppure…. vedi se glia acculturati ed emancipati stanno così figurati gli africani…

          • Cris Wien

            Hai stimolato la mia curiosita’ ora leggero’ un po’ di letteratura a proposito. 🙂

          • si è parlato di rarissimi casi di emissione dell’HIV+, c’è la conferma?

          • AndreAX

            Remissione spontanea io personalmente non è ho mai sentiti; esistono persone immuni ad HIV o meglio immuni alla sua fase T che vuol dire che resteranno con una infezione cronica a bassa viremia senza mai sviluppare AIDS anche in assenza di terapia; tempo fa lessi il caso di un HIV+ che è regredito a livello che non possiamo misurare la carica virale grazie all’associazione Truvada ma di regressioni spontanee in letteratura che io sappia no poi non faccio infettive sebbene ci sia stato per un periodo è stata la rotazione di passaggio non è il mio indirizzo.

          • quindi comunque l’infezione rimane latente .
            Spiegandogliela così non arrivano a capirlo i pazienti?
            Che sia il caso di fare anche uno screening sulla capacità mentali di costoro, per vedere se c’è una correlazione tra stupidità e HIV?

          • AndreAX

            Non è che non lo capiscono è che fanno valutazioni loro e non si rendono conto che fannod el male a sè stessi e agli altri. Altro esempio fumare fa venire il cancro lo scrivono con variopinte frasi sui pacchetti risultato…. io vedo che giovani iniziano a fumare lo stesso quindi c’è una irrazionalità di fondo che finchè non arrivi ad avere una bella infezione da HIV o un tumore nel caso del fumo non capiscono non so perchè… nel caso del fumo renderei obbligatorio un giro nei reparti di pneumologia così capiscono che vuol dire fame d’aria… mah vabbè io però sono un pò di aprte capsico che quando vai a letto con una persona o tiri a una sigaretta non èche ti fai ste domande se no finsici che non esci di casa

          • dici che per “miracolo” l’Aids adesso contagia più facilmente persone di colore?
            Le coincidenze, sempre le maledette coincidenze.

          • ThreeFiddy

            yep, come le pandemie moderne quelle asiatiche, anvedi le coincidenze

          • un caso, sempre un caso, ovvio , non vorrei mai che a indagare mi capitasse una calibro 22 nel cervello, sempre per coincidenza.

          • ThreeFiddy

            beh ma in quel caso Nuke sarebbe catalogato come avvelenamento da piombo.

          • donato zeno
          • Cris Wien

            Dal mio I.p (vpn) non riesco ad aprire il link

        • Francesco Gardini

          …non ho capito cosa? Non ho parlato di percentuali, non è quello il punto. Lo stato di apartheid in cui vivono i palestinesi è un dato di fatto sotto gli occhi di tutti. A casa tua possono arrivare in trecento finanziati e ben supportati per buttarti fuori di casa con la tua famiglia e relegarti nel garage o farti scappare in cerca di un luogo dove vivere, è la diaspora del popolo palestinese. E non venitemi a dire che i sionisti hanno comprato le terre, uno Stato non di compra. E’ stata una pura e semplice invasione.
          Per comprendere cosa è successo occorre informarsi bene ed avere un minimo di capacità intellettive autonome, ricordandosi sempre che i media dell’informazione sono in mano di chi vuol far valere un certo tipo di narrazione. Sveglia gente! Ripetere quello che si legge non è pensare in proprio e comprendere…

          • ThreeFiddy

            quando uno scrive “sveglia gente”, so automaticamente che è un …

            stiamo parlando non dei palestinesi dei territori, ma degli abitanti arabi e cristiani di israele, ora ti è più chiaro?
            se ti sposi con la signorina eshter cohen e ti trasferisci in israele e prendi il passaporto, che cosa sei (oltre che pirla a sposare la suddetta signorina)? tu rimani cristiano, ma vivi in israele ed hai il passaporto.

          • Francesco Gardini

            E’ davvero difficile da capire…

            Forse non ti è chiaro che Israele è stato impiantato su territori appartenenti a palestinesi, arabi, mussulmani, cristiani o semiti che fossero.

            Forse non ti è chiaro che prima dell’invasione sionista della Palestina con l’impianto del tumore sionista che è Israele, in quei territori vivevano in pace fra loro tutte le componenti anzidette.

            Per tornare poi a quello che ha detto Cris Wien, beh non ho parole. Fare dei raffronti tra ISIS e Vaticano! Io lascerei stare entrambi e mi concentrerei di pù sull’impero del male che è ben impersonato dagli Stati Uniti d’America, nati con un genocidio delle popolazioni indigene, seguito dallo schiavismo di popoli rapiti in Africa e segregati nella “patria della democrazia”, e poi da guerre e spargimenti di sangue in tutto il mondo fino ai giorni nostri.

            A leggere certi commenti sembra davvero che molta gente viva completamente fuori dalla realtà, imbevuta di idiozie radical del c..zo…

          • ThreeFiddy

            sei tu che non capisci e continui a pontificare come se la storia la conoscessi solo tu, tutto giusto, MA NOI STAVAMO PARLANDO DI ALTRO, CAZZO!
            ok, hai capito? STAVAMO PARLANDO DI ALTRO, CAZZO.
            In più Cris ha precisato di essere Valdese, ed anche se di tempo ne è passato, la sua confessione è stata parecchio perseguitata dal Vaticano ed ha le sue ragioni per dire ciò che dice, anche se si parla di un Vaticano molto diverso.

        • Alphaenemy

          gli arabi possono votare e farsi eleggere nella knesset, studia!
          L’unica colpa degli ebrei è che sono troppo buoni.

          • ThreeFiddy

            si hai ragione, per il resto è quello che ho scritto io. comunque, possono farsi eleggere e votare da relativamente poco.

      • Cris Wien

        I miei antenati sono stati massacrati dal Vaticano non dai Sionisti. Non per questo ora voglio che i Sionisti facciano lo stesso ad altri. La malafade sta in coloro che vedono solo il problema del vicino non dello stato criminale dentro Roma.

      • Nix777

        Ma i palestinesi invece di lamentarsi imparassero un po’ dagli israeliani cos’è la civiltà.

  • FP

    Allora vorrei mettere un po’ d ordine sul bel articolo scritto da Alessia .
    Primo farei attenzione a dare tutta la colpa a Israele degli errori in politica estera dell amministrazione Obama. Israele è molto più pragmatico per come si muove, mentre gli Usa dal Vietnam in avanti hanno solo creato dei “pantani” dentro i quali spesso ci sono caduti anche loro.
    Secondo, gli Americani come popolo sono capre, capre della peggior specie , ogni qual volta c è un problema, per serrare le fila basta(va adesso la situazione sta peggiorando come si è visto nelle città in rivolta) lo spauracchio del territorio , o dei Russi oppure degli alieni fate voi e li popolo si compatta e crede a qualsiasi menzogna.
    Terzo gli arabi per fare casino ci mettono del loro, sono divisi in mille fazioni, con mille interessi diversi contrapposti e per giunta si odiano a morte tra di loro. Adesso è arrivato pure il Turco che vuole ricreare l impero ottomano e siamo al gran completo.
    I neo-con come li chiama Blondet non sono niente di buono anzi, ma è evidente che agli americani fa piacere averli intorno.

  • Zazà la Superscimmia

    Un naneddoto, come direbbe frassica: 11 anni fa sono andato in vacanza a praga e tra le altre cose ho visitato il museo ebraico della memoria o qualcosa del genere. Era vietato scattare fotografie, ma uno dei visitatori, forse ignorando il cartello, scatto un paio di foto.
    In un museo qualsiasi sarebbe arrivato il custode e avrebbe detto: mi scusi, ha visto il cartello? Qui è vietato scattare fotografie. La prego di mettere via quella macchina
    Nel museo ebraico si avvicinò una donna,la custode, la quale per far desistere il tizio da scattare foto, non parlò, non disse mezza parola: semplicemente cacciò un urlo disumano, prolungato, e continuò a urlare come una pazza finché il tizio spaventato non rimise la fotocamera nella custodia. Ricordo che tutti i presenti si spaventarono a morte e il fotografo improvvisato, che probabilmente non aveva neanche notato il cartello, ne fu così terrorizzato che per poco non gli casco la macchina per terra.
    L’episodio lasciò a tutti una pessima impressione. Non sono uno di quelli che odiano gli ebrei ma pensai: ora comincio a capire perché stanno sulle scatole a un po’ di gente. Se fanno così per una misura foto, figuriamoci in altre situazioni…

    • Alphaenemy

      anche i napoletani, capisco perché stan sulle palle a un po’ di gente

  • donato zeno

    Kissinger ragiona, Hillary Clinton e Victoria Nuland seguono i propri furori uterini.

  • paolosenzabandiere

    OTTIMO ARTICOLO MA NON METTE A FUOCO PUNTI SALIENTI.

    Per sgombrare il campo da preconcetti iniziali devo dire che ho sempre avuto una certa simpatia per gli ebrei, ritenendolo popolo intelligente come pochi, costretto,
    a causa di numerosi pogrom contro di esso a impararsi a nuotare per non affogare, ma come ben sa chi mi conosce l’intelligenza, quella vera non è mai il piatto forte di questa nostra ridicola umanità, di cui anche gli ebrei sono parte.

    Per prima cosa vedo un’enorme differenza tra l’essere solo ebrei ed essere sionisti. Il sionista è un fondamentalista religioso che in qualsiasi terra viva fa solo gli
    interessi dello stato d’Israele. Non tutti gli ebrei sono sionisti, ma di certo non esistono sionisti che siano cittadini americani, saranno sempre quinte colonne di Israele sempre pronti a mettere in secondo ordine gli interessi del paese che li ospita. Per questo non saranno mai americani o italiani, paesi che nei fatti hanno deciso di usare/tradire per difendere gli interessi dell’ unico stato a cui sono legati. Significativa la scelta della ex deputata italiana Fiamma Nirenstein di accettare la nomina ad ambasciatrice israeliana con gran parte della comunità ebraica italiana contraria solo per il semplice fatto che questa sua accettazione, che loro auspicano sia ritirata, evidenzierebbe dove batte il cuore dei sionisti italiani.

    Il Sionismo ha condizionato l’esito della prima guerra mondiale con la dichiarazione di
    Balfour, ha in parte condizionato la preparazione alla seconda guerra mondiale,
    di cui poi molti ebrei sono stati vittime con la follia nazista. Con la fondazione di uno stato religioso in una terra cara a tre religioni hanno creato i presupposti per una possibile terza guerra mondiale, contribuendo a trasformare una religione fino a quel
    momento culturalmente dormiente, nella religione degli oppressi contro un
    occidente oppressore.

    Per sopravvivere Israele ha sempre avuto bisogno della guerra, per evitare che prolungati periodi di pace portassero i palestinesi ad innescare quella vera e propria
    bomba demografica che farebbe sparire Israele stessa perché la maggioranza dei
    suoi stessi cittadini sarebbe di altra religione. Per evitare questa iattura era necessario convincere una bella fetta di ebrei sparsi nel mondo ad andare a
    vivere impauriti in Israele. Caso strano la ridicola verbosità araba nel
    dichiarargli guerra e lo stesso terrorismo palestinese hanno funzionato “ad
    fagiolum” per portare avanti questo progetto sionista. Qualcuno ci dovrebbe
    spiegare come lo stato che finanzia il terrorismo palestinese sia lo stesso che
    di fatto è alleato con Israele nell’area.

    Avrebbero dovuto creare uno stato della Libera Palestina, garantito dall’Onu in cui
    ognuno, al di là della propria religione avrebbe potuto vivere in pace. Ma non
    è stato così, e questa criminale contrapposizione in cui si usano anche
    terroristi “funzionali” come l’Isis, dove le due potenze mondiali si guardano
    in cagnesco, pur con le enormi, clamorose differenze, ci può portare appunto
    alla terza guerra mondiale, perché in molti ragionano ancora in nome di Dio. Almeno il primo kamikaze della storia biblica (non a caso Sansone) aveva solo la forza del suo fisico, questi hano arsenali atomici.

    • Alessia la Kazara atea

      Concordo con te, grazie per il tuo bel commento. Concordo anche sulla distinzione tra ebrei in generale e sionisti. Gli integralisti di qualsiasi religione, ebraica, islamica o cristiana creano da sempre immani disastri.

      • Caio Giulio

        Questa storia della distinzione funziona fino a un certo punto. O si dice apertamente che il Talmud è una ……. oppure la questione diventa oggettivamente piuttosto razzista ed antipatica. Non si può sempre stare con due piedi in una scarpa.

        • valentino

          Il talmud è secondo solo alla bibbia come importanza , dunque per loro non sarà mai una …

  • mariobond

    Parole chiavi: riserva frazionaria.soldi facili dal nulla, potere infinito, false flag, distruzione, morte, soluzione finale pericolosa

  • El Bueno

    http://www.centrosangiorgio.com/occultismo/mondialismo/pagine_mondialismo/breve_storia_nwo.htm
    Interessante articolo per chi vuole capire piú a fondo riguardo a quello di cui si sta parlando. In esso si fa un’ analisi storica degli eventi. La conclusione é che l’obbiettivo delle elites é quello di eliminare e sopprimere l’indivualismo in favore del “bene” comune, ossia del comunismo. Quindi é evidente che mentre molti pensano che il comunismo lotti per i piú deboli, nei fatti favorisce i ricchi e i potenti, incitando alla lotta di classe per dominare le masse, secondo la logica del divide et impera.

    • Cartomante

      Giorgio napoletano lo aveva capito già dal periodo del fascismo.

  • Caio Giulio

    Il contenuto dell’articolo è piuttosto ovvio e chiaro come il Sole da tempo per menti . diciamo lucide.

  • Lila

    L’ebraismo non è una religione, ma un sistema , sbagliato confonderlo con una religione, infatti ci sono ebrei atei. — è semplicemente un prastarà. Isaele è un’anomalia, in quanto l’essere ebrei presuppone di non avere una Nazione, ma di esserlo all’interno di altre Nazioni, sfruttandone a proprio favore i sistemi. Tutto li.

    • agente21th

      Chissà perchè mi viene in mente la parola “parassita”…

      • Belfagor

        Direi di più, caro agente21th: “cancro”….

        • valentino

          metastasi , per la precisione

          • buoni, state buoni che il mondo ci osserva.

            Caaalma.

          • valentino

            Sì scusi , dimenticavo del mondo libero

          • sapore di libertà e democrazia, che però a volte lascia un sentore amaro in bocca.

          • Alessia la Kazara atea

            Caro Nuke, ricordati che non puoi fermare il vento che soffia sui mulini a vento degli Dei.

          • mariobond

            e fino a quando dovremmo aver paura?

          • per sempre, temo, siete nel paese della Libertà e Della Democrazia.

      • Angeles Negre Cuevas

        Anche a me: “parassita”, “saprofita” che si nutre dell’energia altrui…

    • AndreAX

      Effettivamente io mi sono sempre chiesto che cavolo credono gli ebrei. E’ vero che molti sono atei e mi chiedo come ciò sia compatibile con l’essere un ebreo osservante, realtà che spesso coesistono. Se chiedi a un ebreo cos’è la Bibbia ti dice che è la storia del popolo di Israele o che è la Legge di Israele e YHWH sostanzialmente un giudice con connotati molto terreni… davvero non capisco in cosa credano, lei che è più esperta ha mai capito se l’ebraismo ha una metafisica dietro?

      • Lila

        L’aveva, prima di Mose…,,poi hanno antropomorfizzato gli antichi dei, prendendone il posto, ( gli antichi dei erano considerate le costellazionne/pianeti ). Loro non hanno credenze in particolare ( come dice Biglino la Bibbia è un libro che spiega come si conquista e per chi si conquista ), e non è un testo teologico, ma la Saga di una famiglia . Credono nella forza della loro tribu, che agisce senza territorio ( come usa ancora adesso per i beduini ), l’importante è appartenere alla *famiglia ebraica” e la Nazione non è un territorio, ma la “famiglia” come h specificato bene Ezechiele.
        YHWh significa dio azzerato, ma per gli ebrei antichi residui, puo’ significare dio, fino a che sono funzionali . E’ il prototipo di massoneria, tutto li. La sinagoga è l êquivalente del tempio massonico

    • Mikahel

      La religione degli ebrei era (ed è in realtà) la stessa data ad i musulmani (ma meno completa), non esiste una religione ebraica ed un araba, ma essendoci un unico Dio vi è un unica religione.
      Il punto è che gli ebrei (in gran parte) erano troppo materialisti e non sono riusciti a concepire un Dio fatto di puro spirito, così si sono pervertiti e sono diventati dapprima esteremisti (prendendo la religione alla lettera, come in “occhio per occhio…”) poi abbandonando del tutto riscrivendo la Torah (che oggi è vera al 4%), e quindi radicandosi su principi materialistici creando un sistema.

      Insomma, stanno messi male.

  • umba

    Sono stato in Israele alcuni mesi fa e sono rimasto colpito dalla differenza fra la Galilea e la Giudea. Nella prima la convivenza è apparentemente tranquilla, molte città sono a prevalenza musulmane e amministrate da musulmani (Cana, Nazaret ecc..) pur essendo nello stato di Israele. In giudea invece la situazione è più complicata con i muri di divisione che conosciamo (Betlemme ecc.). Significativo notare che la situazione dei cristiani è ben peggiore a Betlemme che non a Nazaret. Non sono un profondo conoscitore della questione e mi sono chiesto, e vorrei chiedere quì a chi ne sa più di me, il perchè di queste diverse condizioni.

  • Angeles Negre Cuevas

    Interessante a questo proposito la dichiarazione via twitter di Snowden: Trump contro Goldman Sachs:

    http://www.zerohedge.com/news/2016-02-27/snowden-sums-presidential-campaign-just-one-tweet

  • giuseppe

    …c’è ancora chi crede alla favola (creata ad arte per fomentare odio) dei 6.000.000 di ebrei morti nei campi di concentramento. Ultimamente ho letto un libro di Anne Kling…”I bugiardi della shoah”. Libri di questo tipo andrebbero fatti leggere a scuola per “slavare” il cervello infettato degli studenti da una classe insegnante a senso unico!

    • Argomento molto pericoloso,drugo.
      in alcune nazioni finiresti indagato per “negazione dell’olocausto”.
      Personalmente ritengo che i numeri sono ben diversi, ma seicentomila o sei milioni non cambia l’atrocità del fatto.
      Ma ritengo molto strano che non si possa neanche tentare di confutare la cifra di sei milioni, come accade In francia, per esempio.

      • giuseppe

        …quando gli “alleati” liberatori aprirono i campi di concentramento al loro seguito c’erano troupe cinematografiche di Hollywood (registi del calibro di John Ford…) per far chissà cosa…
        …drugo?

      • Mikahel

        Non vi erano più di 3 milioni di ebrei in Europa al tempo

        • fossero anche sei , non sono morti tutti, evidentemente.

          • Mikahel

            Non è questø il punto, ma il fatto che la balla è tanto enorme da far giustamente pensare che è stato tutto inventato, i morti ci sono stati ma evidentemente non per volontà stragiste.
            E poi lo afferma anche Spielberg in Schindler list, ovvero il piano era di ricollocamento degli ebrei, come poi affermato da Netanyau (quello che non dice è che era dovuto alla guerra dichiarata dagli ebrei contro la Germania, innanzitutto costringendo le varie nazioni dove erano presenti a boicottare l’acquisto di merci tedesche, poi spingendo l’America ad una guerra non sua).

          • non esagerare, il mondo ti guarda.
            sei in zona rischio…
            via la Terra delle Libertà e della Giustizia, dove della Verità si può sempre discutere.
            “no signor giudice, certo che erano sei milioni, anzi mio cugino mi ha detto che erano sette o otto, dato che alcuni li hanno ammazzati due volte! E’ stato Mikhael a dire che non era vero, non io!”

          • Stent1942@superrito.com

            ma a chi dobbiamo l’onore del primo lager??
            ai tedeschi , of course!!!
            e invece no
            Nel 1864, durante la guerra di secessione
            americana, fu istituito quello che può essere ritenuto il primo campo di concentramento,
            ad Andersonville in Georgia. Un campo in cui, in quindici mesi, morirono 13.000
            prigionieri dell’esercito nordista. Militari in maggior parte ma anche civili.

            eheh i democratici espotatori di libertà e democrazia

          • alex1

            Ci siamo anche noi italiani o meglio piemontesi. Campo di Fenestrelle, nel 1861 furono internati I prigionieri Napoletani che si rifiutarono di servire l’esercito sabaudo ed molti resistenti ” i briganti”. Situato in montagna, senza finestre porto’ alla morte per freddo e stenti di circa 10000 meridionali, cifre approssimate.

    • alex

      SSSSSSSSSSSSSSSSSSSS, sei pazzo!! Cosa dici. Non è politicamente corretto, piuttosto da buon elettore e democratico prono, coltiva anche tu i miti utili, tipo Adamo e Ivo, Alicio nel paese dei meraviglio, etc..etc.. Se fai leggere i libri giusti a scuola, poi qualcuno dovrà rispondere alle domande imbarazzanti che generano. Ripeto: niente giustifica tali atrocità, però che si usino due pesi e due misure a seconda della parte, non è coerente ad una verità sacra.

  • 0889

    carlo mattogno
    olocausto dilettanti allo sbaraglio
    consigliato

  • Mikahel

    Si continua a dimenticare il massacro degli Ainu, ma quale nazione non è sporca di sangue?

    Quando si parla di queste cose bisognerebbe soffermarsi sul perchè l’1% della popolazione mondiale sottragga risorse e libertà al 99%, ovviamente va analizzato in ottica mistico-spirituale (e quindi in ottica evolutiva, non evoluzione darwiniana), non di certo contemporanea-materialistica, quindi troverete di conforto sapere che qualcuno deve pur occuparsi delle pulizie [dell’anima] cosi come i pesci spazzino si occupano di tenere pulite le balene da residui indesiderati, essi sono qui al nostro servizio per tenerci lontano dal mondo (chi è che disse il mondo è come una carogna, solo i cani la contendono?) e quindi facilitare la comprensione del distacco affettivo dal materialismo in ottica di purificazione [espansione della consapevolezza su cosa sia la nostra vita] dell’anima.

    Quindi, percarità, lasciateli fare!!!

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi