L’ennesima (e stupida) frode del settore bancario centrale

Di Francesco Simoncelli , il - 2 commenti

banner_spi_05

Ricordo a tutti i lettori interessati che è in vendita la mia traduzione dell’ultimo libro di Gary North, L’economia cristiana in una lezione, acquistabile a questo indirizzo: http://bit.ly/1JUqFIt. Con questo manoscritto North, attraverso uno sforzo letterario pregevole, unisce ciò che è stato diviso per anni da un mondo accademico cieco e sordo alla centralità dell’individuo nell’analisi economica: etica ed economia. L’escamotage della chiave di lettura teologica è utilizzata per chiarire al lettore come una visione epistemologica chiara sia fondamentale per uscire dall’attuale pantano intellettuale in cui è finita la teoria economica moderna.
__________________________________________

di Bill Bonner

Waterford, Irlanda – Sulle pendici del Vesuvio ci sono luoghi per fare dei buoni picnic… Stendete le tovaglia. Aprite il cestino da picnic. Vi preparate per un pomeriggio di relax col caldo sole d’ottobre.

E poi arriva qualcuno di corsa urlando che il vulcano sta per eruttare. Quindi mettete da parte le vostre salsicce, mettete un tappo di sughero alla bottiglia di vino… e correte alla macchina. Meglio al sicuro che dispiaciuti.

E poi? Non accade nulla.

La maggior parte delle volte si possono ignorare le Cassandre profetiche. (Secondo la leggenda, Apollo diede a Cassandra il dono della profezia. Quando lei lo rifiutò, le sputò in bocca in modo che nessuno le credesse mai.)

Ma a volte gli ansiosi hanno ragione…

Abbiamo visto arrivare il crollo della bolla dotcom e abbiamo avvertito i lettori. La maggior parte non ha voluto sentire; stavano facendo soldi sul mercato azionario. Era una “nuova era” e non volevano che finisse.

Ma nel 2000 il Nasdaq è crollato… e non si sarebbe ripreso fino a 15 anni più tardi.

All’epoca credevamo che l’economia americana avrebbe seguito quella giapponese in un lungo, lento crollo. Con Addison Wiggin abbiamo scritto un libro su questo argomento, Financial Reckoning Day: Surviving the Soft Depression of the 21st Century.

“Non combattere la FED” è una delle regole della vecchia guardia di Wall Street. Comprendiamo il principio. Non bisognerebbe combattere la FED perché essa ha più munizioni di quelle che avete voi.

Ma quando stavamo scrivendo il nostro libro, non avremmo mai immaginato che la FED avrebbe creato un’intera economia basata su segnali completamente innaturali e manipolazioni grottesche.

Questa è l’economia del XXI secolo. Si tratta di un’economia in cui le vecchie regole della domanda e dell’offerta… del valore e del prezzo… del su e del giù … devono essere valutate attraverso la luce distorta dell’intervento della banca centrale.

Quando il prezzo della moneta – come stabilito dalla FED a favore dei suoi migliori clienti – è quasi a zero, quanto valgono le altre cose?

Ci aspettavamo che gli investitori sarebbero rimasti più sgomenti di noi.

Pensavamo che avrebbero individuato le distorsioni della FED… avrebbero storto il naso… e avrebbero chiuso i loro conti d’intermediazione.

Dopo tutto, chi vorrebbe pagare un prezzo elevato per un asset il cui valore dipende interamente dalla manipolazione della banca centrale?

A quanto pare tutti!

Invece di chiudere i loro conti, le persone si sono ammassate nel mercato come i giocatori d’azzardo in un casinò. Tutti sanno che tali giochi sono truccati. E tutti pensano che possano vincere.

In risposta alla scoppio della bolla dotcom e la mini-recessione che n’è seguita nel 2001, Alan Greenspan ha tagliato i tassi a breve termine e ha gonfiato un’altra bolla – questa volta nel settore immobiliare ed ipotecario.

Il settore finanziario è stato amplificato a dismisura e ha staccato centinaia di miliardi di dollari sugli imbrogli. E la bolla immobiliare è cresciuta talmente tanto che tutta Wall Street è diventata troppo tesa, sotto-capitalizzata e fuori controllo.

E’ stato allora che abbiamo avvertito di nuovo i lettori. In particolare abbiamo fornito questo suggerimento: vendete la vostra casa costosa in California; comprate una casa a buon mercato in Arkansas.

Il consiglio era un po’ generale, ma il punto era chiaro. Come avrebbe detto George W. Bush: “Questa cosa sta per saltare in aria!”

Il Vesuvio del debito ipotecario è esploso nel 2008.

Circa metà della ricchezza del mercato azionario americano è scomparsa in poco più di sei mesi. Milioni di proprietari di case sono diventati “sommersi”. E quasi ogni grande banca di Wall Street sarebbe finita in bancarotta se non fosse stato per i salvataggi dei federali.

Ancora una volta, tanto per utilizzare un altro giro di parole, avevamo “sottostimato” il potere dei cavilli legali, del tradimento e della frode.

Poi alla FED sarebbe arrivato un nuovo capo, Ben Bernanke – a tagliare i tassi quasi a zero e a sostenere che il mondo come lo conoscevamo sarebbe scomparso se il Congresso non avesse dato $700 miliardi ai clientelisti.

Aveva ragione. Il mondo schifoso che hanno creato i federali – finanziato dal credito ultra-economico – stava per ottenere quello che si meritava. Humpty Dumpty sarebbe caduto dal muro.

Credevamo che tutti i cavalli del re e tutti gli uomini del re, non sarebbero bastati per rimettere di nuovo sul muro Humpty.

Niente di più sbagliato. Gli uomini del re se ne sono usciti con la ZIRP e il QE. Il mercato azionario/Humpty Dumpty è salito più in alto che mai. E l’annuncio della scorsa settimana di Mario Draghi, secondo cui è in arrivo più Q€, l’ha fatto salire ancora di più.

Gli investitori sono consapevoli del fatto che il mercato sia manipolato… e non sembrano preoccuparsene. Non combattono la FED; si siedono al suo tavolo.

Stanno al gioco. E finora hanno fatto bene.

Ed ora… ecco il titolo del Wall Street Journal: “Fed Strives for Clear Signal on Interest Rates”

Questa è solo l’ultima delle frodi delle banche centrali – e per certi versi la più stupida. La FED è sotto la guida di Janet Yellen e lei crede nella “forward guidance.”

Lei crede di poter decidere in anticipo quale sarà la politica dei tassi d’interesse che la FED dovrebbe seguire e poi farla sapere in anticipo agli investitori. In questo modo saranno presumibilmente in grado di pianificare in modo intelligente.

Lei segnalerà che, ben presto, la banca centrale inizierà il lungo ritorno alla “normalità”. Non credeteci. L’intero sistema dipende dalla “non normalità”.

Dipende dai guai delle banche centrali: ZIRP; QE; e come già accaduto in Svizzera, Svezia e Danimarca, dalla NIRP.

Ancora una volta, sentiamo il brontolio del vulcano… e vediamo il fumo.

Saluti,

[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/

da Freedonia di Francesco Simoncelli

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi