Il rischio bancario globale sta salendo. E forse servirà un’altra Lehman da sacrificare

Di Mauro Bottarelli , il - 4 commenti

Margin_call
I mercati stanno dicendoci di prepararci a qualcosa di poco piacevole da qui alle riunioni di Fed e Bce del prossimo marzo? Il sistema bancario sta davvero per varcare il Rubicone del rischio di controparte? Parrebbe di sì. Questo grafico
Global_panic
ci mostra come il rischio bancario globale stia salendo, sia in Europa che in Asia che negli Usa. Ma sono alcuni soggetti TBTF a far riflettere in queste ore. Partiamo da qui,
Deutsche_panic
ovvero dai credit default swaps di Deutsche Bank, i quali sembrano tracciare lo schianto del prezzo dei CoCo bond al 6% e ci mostrano plasticamente come le altre banche stiano comprando protezione sul rischio di controparte che hanno con Deutsche, la quale ha anche la più grande esposizione ai derivati d’Europa. Non pare cavarsela meglio una delle più grandi banche cinesi ICBC Bank, visto che questo grafico
ICBC_panic
ci mostra come parallelamente al rischio ad essa collegato sta salendo anche il rischio sovrano di svalutazione e crisi sistemica che è prezzato in quei contratti di credit default swaps. Avrete poi sentito che l’Arabia Saudita pare intenzionata a inviare truppe a terra in Siria all’interno della coalizione anti-Isis (più che altro, anti-Assad) ma questo grafico
Saudi_panic
ci mostra come lo stato di salute della National Commercial Bank – la più grande banche del Regno e quindi anche un proxy sul suo stato di salute economico – sembra dirci che l’avventurismo bellico saudita potrebbe non espandersi ma vedere l’esercito in grave crisi di approvvigionamenti anche in Yemen a breve.

E gli Usa? Questo graficoUS_panic
ci mostra plasticamente come il rischio stia tracimando anche nelle banche americane e nei loro bilanci a prova di bomba. E siccome quest’ultimo grafico comincia a preoccupare non poco, ecco che la cosiddetta “smart money” comincia a coprirsi dal rischio. E invece d farlo attraverso il mercato delle opzioni equity, diventato decisamente caro visto il panico generalizzato, come ci mostra il grafico,
Negative_bet3
lo fanno in altra maniera, ovvero scommettendo indirettamente su uno schianto del mercato attraverso opzioni euro-dollaro. Questo grafico
Negative_bet1
ci mostra l’open interest cumulativo per opzioni call di contratti futures euro-dollaro con scadenza 2016 e 2017, di fatto opzioni sui tassi a breve termine con strike price a zero e che quindi vedono il pay out se la Fed va in negativo con i tassi. E siccome questa opzioni è tutt’altro che fuori dalle discussioni in America, soprattutto dopo la sconfessione di Bill Dudley della Fed di New York riguardo il rialzo di dicembre e la mossa in tal senso della Bank of Japan, ecco che questo grafico
Negative_bet2
ci mostra cosa serva alla Fed per andare in negativo e garantire ai trader una buona copertura attraverso quelle call euro-dollaro: proprio un bel crollo del mercato.

La Federal Reserve arriverà a tanto? L’unica cosa certa è che la Bce a marzo manderà i tassi ulteriormente in negativo allo 0,40%. Anzi, no, di certezza ne abbiamo un’altra: il timore che la Fed abbia bisogno di un’altra Lehman per poter operare con il massimo della libertà. Sarà forse Deutsche Bank l’agnello sacrificale, in modo da schiantare l’Europa per bene? Il fatto che proprio oggi Parag Thatte, uno degli analisti più in vista del colosso tedesco, abbia pubblicato un report allarmato dal titolo “The Risks From Further ECB and BOJ Easing” mi fa pensare che dalle parti della Bundesbank non regni proprio la tranquillità olimpica.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Condividi
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Davide 7

    I tassi sugli hy usa salgono ANCHE perché sono per buona parte composti da titoli energetici, ed il prezzo del petrolio è anche la causa del cds in aumento su Arabia. Mi sembra evidente. Anche cds s DB vanno su per bilancio disastroso, mi sembra un movimento naturale. Meno lo sarebbe se a schizzare fosse cds di intesa.
    I movimenti sul cambio sono generalizzati dell’enorme incertezza del comportamento delle banche centrali, che esse stesse non sanno come muoversi.
    Poi tutto ci può stare. Anche vedere Db crollare sotto i colpi delle vendite e della speculazione.
    Poi mi sembra che la Fede sia già sotto pressione dal mercato azionario e creditizio americano.
    Staremo a vedere. Ma dagli errori non si dovrebbe imparare?

  • Speranza

    Non sono opzioni di futures euro-dollaro, ma di futures Eurodollar che non hanno nulla a che vedere col cambio euro-dollaro, ma rappresentano l’interesse traibile da un deposito in dollari in Europa.

  • Albert Nextein

    Tutti maghi e stregoni.

  • Ant Sim

    evvai di quantitative easing fino al 2050!

ATTENZIONE: SOLO 6 posti a Serata

image-1

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi