Verso la Bancarotta: Consumi di Elettricità in Italia ai Minimi di Sempre

Di FunnyKing , il - 46 commenti

banner_spi_01

question-mark_318-52837

(ah i bei tempi del Cazzaro)

.

Continua la grande vocazione “green” e di “decrescita diversamente felice” degli Italiani, Ottobre 2016 fa segnare un nuovo minimo da quando esistono rilevazioni del consumo nazionale di energia elettrica (per quel dato mese)2-bp_-blogspot-com-lg9hybcnsywwewvinbx2wiaaaaaaaabduv-1bkrqbdwugnjxqucs7nfgig1oyafcraclcbs640terna2016ottobre2-ddd50804cbc9d7a48e913cdee62c81647a6aa8d6

da Mondo Elettrico

Nel mese di ottobre 2016, secondo quanto rilevato da Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, la domanda di elettricità in Italia è stata di 25,8 miliardi di kWh, con una flessione dell’1,7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

La domanda dei primi dieci mesi del 2016 è in flessione del 2,5% rispetto al corrispondente periodo del 2015. A parità di calendario il risultato è -2,7%.
A livello territoriale, la variazione tendenziale di ottobre 2016 è stata ovunque negativa: -2,1% al Nord, -1,4% al Centro e -1,1% al Sud.

In termini congiunturali, il valore destagionalizzato della domanda elettrica di ottobre 2016 ha fatto registrare una variazione negativa rispetto al mese precedente (-0,8%). Il profilo del trend si porta su un andamento stazionario…..

Come noto i consumi di energia elettrica di un paese non sono rilevanti come indice di attività economica…. eh già… infatti in Italia è ancora diffuso l’utilizzo della forza motrice animale e dell’illuminazione a lume di petrolio.

Scherzi a parte, se è vero che esiste una tendenza all’efficienza è anche vero che non può comunque esserci una crescita delle attività produttive e dei servizi (che vanno esclusivamente o quasi a energia elettrica) senza che si veda dai consumi.

Voi cosa vedete?

 

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Consulente dei nuovi schiavi

    “Decrescita diversamente felice”. Per me hai detto tutto, nulla da aggiungere, approvazione totale anche se sono solo tre parole.

  • FY78

    è anche vero che i consumi diminuisco anche perchè gli elettrodomestici come le lampadine di nuova generazione consumano 1/3 di 5/6 anni fa.

    • andrea pippo

      e a settembre è notorio che facciamo tutti il cambio delle lampadine.

      • FY78

        “La domanda dei primi dieci mesi del 2016 è in flessione del 2,5% rispetto al corrispondente periodo del 2015.”… credo molto prima di settembre.

        • andrea pippo

          mah, credo sia difficile che il calo sia dovuto alle abitazioni civili. le lampadine le abbiamo cambiate da anni, quindi dubito che l’aver sostuito la mia luce del locale caldaia perchè si è bruciata abbia inciso così tanto.

    • angelo m.

      esattamente…ma non glielo dire altrimenti non può più fare i soliti post bancarottiani :-)))

  • FP

    Io passando da incandescenza a led vero , ( cioè sostituendo , lampade e portalampade e faretti) ho ridotto del 20 25% la mia bolletta media…
    Nb Il frigo è nuovo

    • angelo m.

      però anche te non sai quanto consuma una industria…:-))
      lasciali perdere…

  • angelo m.

    guarda che esiste anche l’efficienza energetica… io nel mio piccolo quest’anno ho sostituito le lampade a risparmio energetico con quelle a led e ho sostituito forno e lavastoviglie prendendoli di classe a++

    magari motliplica x qualche mln di famiglie… in più le aziende pure possono aver tagliato la bolletta sempre con l’efficientamento e il risparmio energetico…insomma ci sarebbe da stare a disquisire per ore…

    • andrea pippo

      si a disquisire se è statisticamente rilevante passare ad una lampadina led. hai presente quanto consuma una semplice tipografia o un taglio laser o una saldatrice industriale, fai conto una industria quanto può consumare.

    • FP

      Sostituire il.forno è ininfluente, in quanto il.sistema di riscaldamento è lo stesso da quando sono state inventate le resistenze elettriche, cambia l isolamento , cioè la.tenuta di temperatura in caso.di cotture mooolto lunghe,ma per cordonbleu e spinacine cambia zero. Altri elttrodomestici discorso poco diverso. Mentre il frigo influisce molto di più.

  • Lorenzo Ghiselli

    Boh, io vedo solo una gran bolletta in giro…

  • angelo m.

    fk rassegnati a vedere un rally di natale da +10% anche per il derelitto ftsemib
    non mi andare in depressione :-))

  • biafra66

    Sarà che in tanti hanno chiuso i contratti di energia per non pagare il canone RAI!!!!….gli ita-gliani sono fuuuuurbi.

    • Albert Nextein

      Io ho revocato la domiciliazione bancaria.
      Voglio controllare le bollette prima di pagarle.
      Dovesse, nonostante la mia comunicazione, apparire una voce inerente il canone , io prendo un modulo in bianco e lo compilo detraendone l’ammontare.

  • Fabio Pauselli

    Eh NO CAZZO!!! Voglio la foto del Cazzaro a bocca aperta. Questi dati sono tutti farina del suo sacco (di cazzate)! (pure coi dati ISTAT taroccati). Come detto nelle precedenti settimane avrei votato SI solo per farlo rimanere in carica al crollo del castelletto costruito con tutti i danni ed i debiti che ci ha lasciato con politiche economiche dissennati, riforme ad minchiam (non ne è passata una, non è la Corte Costituzionale e basta che non gliele fa passare, anche quegl’ignoranti degl’italiani, pensa quanto sono scritte male), e tutte le promesse e regalie elettorali. Il CAZZARO deve restare almeno fino a marzo.

  • angelo m.

    complimenti alla censura…la mia esperienza come frequentatatore di questo blog finisce qui.

    Tieni duro, questo commento deve ancora
    essere approvato da Rischio Calcolato.

  • aiccor

    merito delle lampadine a LED….

  • Austrian school

    Visto che il trend è in costante decrescita, potremmo dire che quando c’era Berlusconi si consumava più elettricità, così come con Monti e Letta. Quindi Renzi al momento si pone al gradino più basso della scala. Però le buone notizie per lui sono che chi lo seguirà continuerà a gestire un trend decrescente quindi fra qualche mese qualcuno rimpiangerà il cazzaro.
    In realtà questo dimostra come nessuno che abbia guidato l’Italia negli ultimi anni sia stato in grado di invertire un trend di declino continuo e costante.

    • nathan

      “In realtà questo dimostra come nessuno che abbia guidato l’Italia negli ultimi anni sia stato in grado di invertire un trend di declino continuo e costante”

      Ed aggiungo, soprattutto provandoci a parole, le vere nemiche dell’economia.
      Visto che votano tutti, ma proprio tutti, i fatti non ce li possiamo ancora permettere.

  • Il_disturbatore

    Per avere un quadro preciso ed incontestabile se siamo verso la bancarotta, sarebbe da sovrapporre il grafico dell’energia elettrica con quello del gas.
    Noto a pochi che molte aziende energivore possono autoprodursi l’energia con impianti di cogenerazione e sono tutti impianti di grossa potenza.
    Ecco se il grafico dell’energia ricalca quello del gas vuol dire che sta morendo tutto senza dubbio e senza appello.

  • Alonso Fantoni

    Infatti i governi contano cosi’ tanto che con la crisi di governo lo spread scende. Ennesima dimostrazione che conta solo il quantitave easing e che Renzi era solo tutta fuffa.

    • Svicolone61

      Si, e probabilmente, a Angelona, Draghi, i mercati di Londra e gli euro burocrati non dispiace affatto di essersi, per il momento, tolti dai coglxxxxni un personaggio potenzialmente spigoloso, e con un inglese fluente, come Renzie.

    • Phobos88

      Buy on rumors, sell on news… la vittoria del no era data per scontata e quindi spread, borsa ecc stavano già prezzando questo avvenimento nelle settimane prima

  • Svicolone61

    Bisognerebbe vedere un dato anche per utilizzo: industriale, commerciale e residenziale.
    Ci sono tanti utilizzi industriali legati a vecchie aziende old economy e quindi una decrescita potrebbe anche segnalare uno switch positivo verso i servizi e altri comparti.
    Poi il residenziale potrebbe decrescere grazie ai dispositivi più efficienti ed alle bollette salatissime.
    Bisognerebbe vedere anche gas, trasporti….

  • Patricia Van Ness

    E’ un’analisi interessante ma che da sola non basta a fare delle congetture. Dovrebbe essere messa in relazione al PIL (ancora meglio se diviso per area produttiva identificando quelle piu’ energivore). E poi gli stessi dati confrontati con quelli di altri Paesi Europei. Allora forse potremmo ricavarne un’informazione piu’ significativa.

  • nathan

    Non vedo festeggiamenti dei grillini in giro per le strade di Cialtronia, eppure si stà decrescendo felicemente come volevano e come recitato nel punto del loro mitico programma.
    Bipolari?

  • Guido Sogliani

    Sono passato da 3 a 4,5 Kw, ho in progetto di sostituire il piano cottura a gas con uno a induzione e in gennaio installerò un impianto di climatizzazione…non è che da solo posso risolvere la situazione nazionale neh!

  • Albert Nextein

    Stagnazione, ecco cosa vedo.
    Io sono passato da 6 a 4,5 kw.
    E ho ridotto sensibilmente i consumi elettrici.
    La gente consuma meno.
    Le industrie , forse.
    Di certo cessano di consumare quelle che chiudono o escono dall’italia.
    Ma in germania, francia, spagna, austria, etc i consumi hanno il medesimo andamento?

    • Svicolone61

      Ma si risparmia passando da 6 a 4,5? L’ultima volta che ho guardato era quasi nulla (Enel)…

      • Albert Nextein

        Ho modificato il contratto ed il gestore.

        • Svicolone61

          Ma sono dovuti venire a modificarti il contatore?

          • Albert Nextein

            Tutto in automatico. Costo circa 50€ per la modifica contrattuale.
            Il contatore è quello solito, solo la potenza impegnata è ridotta.

          • Massimo Decio Meridio

            “Costo circa 50€ per la modifica contrattuale”

            Azz.. certo che spingere un tasto per diminuire la potenza e cambiare un campo di un database è particolarmente costoso…

  • Johnny Palomba

    Sempre colpa mia e di tutte le lampade led che ho comprato dai cinesi. E non si sono ancora rotte.
    Seriamente penso che sarebbe meno confuso e statisticamente più rilevante il confronto della somma degli ultimi 6 o 12 mesi di consumo, piuttosto del rozzo mese per mese anni su anno.

    • Massimo Decio Meridio

      Esatto, anche io ho sostituito tutte le lampade con le Led ed ho anche sostituito i vecchi elettrodomestici con versioni A+++, installato prese a comando e temporizzate per spegnere tv e elettronica varia senza stand by, utilizzo di multiprese con singolo interruttore per caricabatterie e similari e utilizzo lavatrice ore serali . Come me molti miei conoscenti … i risparmi sono sensibili …

      • Dannibri

        i risparmi energentici delle famiglie sono infinitesimali rispetto a quelli di una attività.
        quello che te consumi in un anno stabilimenti lo consumano in un’ora.
        sicuramente il risparmio energetico aiuta, FV aiuta, ottimizzazioni delle produzioni aiuta…ma non basta a spiegare il calo continuo e costante mese su mese anno su anno

        • Massimo Decio Meridio

          Sicuramente … anche se piccoli numeri insieme fanno grandi numeri …

        • alex

          Saranno infinitesimali, non dubito, ma sommati hanno una qualche valenza. Personalmente avevo l’illuminazione in giardino e intorno alla casa in modo tradizionale “faretti, lampade incandescenza e neon, etc.. etc.. mi sono fatto convincere a cambiare tutto con lampade ad energia solare, ciascuna autonoma (tipo faretti da giardino, plafoniere sul tetto, etc.. etc.. Fatto è che il consumo è passato da 140 kw mensili a 105, saranno pochi 30-35 kw mese, però se sommati a milioni di utenze, un poco di differenza la fanno.

        • Maxmun

          Prima di scrivere bisognerebbe appurare se ciò che si afferma è realtà o frutto di un pregiudizio: in Italia, i consumi domestici incidono per il 22% del consumo totale di energia (dati Terna: http://download.terna.it/terna/0000/0841/77.PDF) e, in estate, a causa dell’uso massiccio dei condizionatori questa percentuale aumenta considerevolmente (tra l’altro proprio quest’anno io ho cambiato il vecchio energivoro condizionatore con uno in classe A++). Queste singole piccole azioni volte al risparmio energetico, moltiplicate per decine di milioni di cittadini, incidono sui consumi nazionali in maniera importante. Il terziario consuma il 34,6% del totale ed anche in questo settore sono in atto trasformazioni importanti volte al risparmio energetico…

  • Piergiorgio

    Dai, alla diminuzione dei consumi ho dato una mano anch’io! Da quando lavoro all’estero consumo gas annuale 5 mc, energia elettrica 20 kw/h.

  • Österreicher

    Ma almeno lo rispettiamo il protocollo di Kyoto?

    • Cruciverba

      Hai voglia ! Se continuiamo di questo passo arriviamo al Protocollo Cazzaniga …

  • HarinGV

    Paese curioso in cui le utilities che vendono e.e. fanno a gara a spiegarti come economizzare i consumi… Puntiamo decisamente all’estinzione, istinto suicida, come i lemming…

  • marcoferro

    si ma a dicembre i consumi saliranno, con tutte le lucine natalizie….

  • Fabrizio Bertuzzi

    questo e’ il dato migliore per vedere come vanno le cose, un organismo piu’ si muove e piu’ consuma energia, la storia dell’efficienza e’ marginale.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi