Il Deep State ha vinto, Harward al posto di Flynn. E domani doppio incontro ai vertici tra Usa e Russia

Di Mauro Bottarelli , il - Replica


Il Deep State ha vinto. Poco fa la Reuters ha confermato, stando a fonti vicine alla Casa Bianca, che Donald Trump ha offerto il ruolo di consigliere della sicurezza nazionale, lasciato vadante dall’addio di Michael Flynn, al vice-ammiraglio Robert Harward, vice-comandante dello US Central Command sotto l’attuale titolare del Pentagono, James Mattis, di cui è amico personale e con alle spalle ruoli di comando in Afghanistan e Iraq. E come notavo nell’articolo precedente, c’è una nota distintiva sul suo curriculum che probabilmente ha pesato non poco sulla sua nomina, oltre ai meriti in divisa.

Harward è infatti l’amministratore delegato della Lockheed Martin negli Emirati Arabi Uniti, ruolo che lo vede “responsabile per tutti gli aspetti degli interessi economici dell’azienda nel Paese, inclusa strategia, operazioni, crescita ed esecuzione dei programmi”. Insomma, una garanzia per il comparto bellico-industriale statunitense e la possibile certezza di incentivazione a perpetrare, se non accelerare, le varie guerre proxy in atto nella regione. Lunedì notte, Tommy Vietor, ex portavoce di Barack Obama presso il National Security Council ha twittato che “Harward è una persona che colpisce e molto gentile”. Ora occorre attendere la sua risposta all’offerta del presidente ma, con ogni probabilità, sarà un sì.

Ma c’è un’altra notizia importante. Domani si terrà il primo incontro tra rappresentanti russi e statunitensi e ad altissimo livello. Il generale dei marines e capo delle forze armate Usa, Joseph Dunford, si incontrerà infatti in Azerbaijan con il suo omologo russo, generale Valery Gerasimov, come confermato da un comunicato del Pentagono, nel quale si sottolinea che “i due leader militari discuteranno una varietà di argomenti, incluse le attuali relazioni militari tra Usa e Russia e la chiarificazioni delle comunicazioni militari tra le parti al fine di prevenire calcoli errati e potenziali crisi”. Ad accompagnare Dunfort ci sarà il segretario di Stato, Rex Tillerson, partito oggi per il meeting ministeriale del G-20 a Bonn, in Germania, location dove il ministero degli Esteri russo ha poco fa confermato che domani Sergei Lavrov incontrerà la sua controparte Usa a margine dell’incontro ufficiale.

Ma anche il segretario alla Difesa, James Mattis, sarà in Europa, per l’esattezza al meeting ministeriale della NATO a Bruxelles e alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera. Chiarimento in arrivo? E’ auspicabile, nell’attesa del primo incontro tra Donald Trump e Vladimir Putin. Una cosa è certa, Mosca non arretra sulla Crimea. L’ambasciata russa a Washington, infatti, ha risposto con un tweet molto secco alle richieste di “restituzione” del territorio all’Ucraina avanzate prima dall’ambasciatrice Usa presso l’ONU, Nikki Haley e poi dal portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer: “Continueremo con pazienza a spiegare alla nuova amministrazione Usa il perché la Crimea è Russia”.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi