IL RITORNO DELLA “GRANDE DEPRESSIONE”, COME NEL 1931 OCCHIO ALLE BANCHE

Di Leonardo , il - 21 commenti

banner_spi_01

bankdisegnodi GERARDO COCO

Il crollo della borsa di Wall Street nel 1929 non fu la causa della Grande Depressione. Seminò sì, panico dappertutto ma già a metà del 1930 le economie mondiali si stavano stabilizzando. Fu due anni più tardi che cominciarono i guai. Nel maggio del 1931 il Creditanstalt di Vienna, l’istituto di credito più importante d’Austria, fallì, scatenando un effetto domino nel settore bancario e poi nel resto del mondo. La banca, dopo aver assunto crediti a breve termine per prestarli a lunga scadenza a chi non era in grado di rimborsarli accumulò nel bilancio gravi sofferenze. Tipico della prassi bancaria. Per abbellire la posizione i dirigenti vararono un piano di riacquisto di azioni proprie allo scopo di farne salire il corso. L’operazione condotta nel momento in cui i depositi si stavano già contraendo, squilibrò ancora di più il rapporto liquidità/depositi rendendo il Creditanstalt insolvente. Fu l’inizio di corse agli sportelli nel settore, di crisi valutarie e di un tracollo generale che culminò nel 1933 con il default di debiti sovrani in Europa e Stati Uniti. Il crollo del Creditanstalt segnò l’inizio della Grande Depressione spianando, in Germania, la strada a Adolf Hitler.

La storia non si ripete ma fa la rima diceva Mark Twain. L’episodio sopra ricordato ha delle allarmanti analogie con la situazione attuale soprattutto con riferimento alla Deutsche Bank (DB), la più grande banca tedesca che potrebbe scatenare una nuova grande depressione. Come il Creditanstalt, ha varato programmi di buyback azionari ma addirittura dal 2002 e in più ha un’esposizione in derivati che lascia esterrefatti: 70 trilioni di euro.  

Qualche giorno fa, dopo che il titolo è calato del 36%, il CEO della DB, John Cryan ha dichiarato: “La banca è solida come una roccia”. Quando si è costretti a fare queste affermazioni è il caso di preoccuparsi. Alla vigilia del crack della Lehman Brother i suoi dirigenti avevano detto una cosa simile. La DB è troppo grande per fallire ma anche troppo grande da salvare. Il suo collasso creerebbe una situazione persino peggiore di quella del 1931. Ma potrebbe essere anche qualche altro grande istituto a far da detonatore, ad esempio la BNP Paribas, la più grande banca francese i cui titoli sono affondati del 52%. Oppure qualche altra banca meno in vista. Da un sistema bancario con una leva finanziaria di 30 a 1, la scintilla può scatenarsi dovunque. L’indice STOXX Europe 600 Banks Index, che segue l’andamento delle più grandi banche è da mesi in caduta libera: proprio quello che ci si aspetta in una crisi finanziaria in grande stile.

Ora va detto chiaramente che la responsabilità di questa situazione è sopratutto della banca centrale europea. La prima domanda che anche il profano dovrebbe porsi è: la vigilanza prudenziale e il mantenimento della stabilità finanziaria non rientrano nelle funzioni delle banche centrali? Ma lasciamo stare, diventate ormai entità politiche hanno dimenticato la loro missione originaria.

Qui preme sottolineare che tutta situazione è degenerata dopo il varo di quella monumentale idiozia che sono i tassi di interesse negativi, pronti a rappresentare il nuovo assetto dell’ordine finanziario mondiale. Questa misura adottata prima in Europa nel 2014 e di recente anche in Giappone, equivale a una tassa sulle “riserve in eccesso” cioè sui depositi che le banche commerciali detengono presso le banche centrali. Lo scopo era di incentivarle a concedere prestiti ma ha avuto esattamente effetti opposti: lungi dall’essere espansiva è stata, come tutte le tasse, depressiva. Le banche hanno aggirato questo costo in modi diversi: o hanno impiegato i depositi per anticipare il rimborso dei prestiti alla banca centrale contraendone il volume e quindi la capacità di erogare prestiti; o li hanno trasferiti dove potevano catturare un interesse piuttosto che pagarlo, ad es. depositandoli presso filiali americane che sulle riserve in eccesso lucrano il 0.25%; o, infine, li hanno impiegati in operazioni speculative contribuendo a creare quelle bolle che ne stanno  compromettendo ancora di più i malandati bilanci.

Solo in Europa, oggi, ci sono oltre 5 trilioni di euro di titoli a interesse negativo ed è proprio questa massa ad aver acuito l’instabilità sistemica, riflessa nell’aumento degli spread. Sarà il mercato a forzare il rialzo degli interessi liberandosi dei debiti di governi a rischio di esplosione. Quanti, infatti, continueranno a mantenere in portafoglio bond a dieci anni con rendimenti negativi? I bond sono l’architrave del sistema finanziario poiché costituiscono le coperture dei prestiti e quando queste coperture salteranno, crollerà l’intero edificio del credito mondiale.

tassareCom’è possibile pensare che i tassi negativi possano risollevare economie moribonde? E che imporre un costo alle banche e allo stesso tempo derubare i risparmiatori, possa stimolare la ripresa? L’idea invece è proprio quella di sopprimere l’interesse per stimolare i consumi! Non passa per la mente dei geni che dirigono le banche centrali che a stimolare l’economia non sono i consumi ma la produzione, cioè i redditi senza i quali è impossibile consumare e che per farli crescere non serve la politica monetaria ma quella fiscale finalizzata ad abbassare le tasse.

Ora si è verificato questo fenomeno: con i tassi negativi il risparmio invece di diminuire è aumentato. Perché? Semplicemente perché la soppressione dei rendimenti sta distruggendo i piani privati di pensionamento. In assenza di rendimenti, l’unico modo per incrementare il capitale è di accantonarne di più spendendo sempre di meno. Esattamente l’opposto di quello che i geni bancari si aspettavano. E’ la loro catena di causalità a non funzionare. Si sono auto-convinti che sia il consumo a guidare la spesa e che per far questo sia sufficiente ridurre il tasso di rendimento degli investimenti. Volete vedere la spesa dei consumatori salire? Cominciate a toglierli la paura di spendere non sabotando i loro piani di investimento.

I tassi negativi stanno alimentando un’inquietudine generale. (Anche la Yellen s’è dichiarata pronta ad adottarli, ndr). Ovvio che risparmiatori e investitori ritirino i propri risparmi dalle banche per impiegarli in attività reali. E’ il sintomo della crisi che avanza. La crisi del 1931 cominciò con la contrazione dei depositi. Quale sarà la prossima mossa dei geni bancari? L’abolizione del contante per evitare la corsa agli sportelli. Ma potrebbe essere proprio questa ulteriore manovra totalitaria a mandare ad effetto la “soluzione finale” delle economie.

The post IL RITORNO DELLA “GRANDE DEPRESSIONE”, COME NEL 1931 OCCHIO ALLE BANCHE appeared first on MiglioVerde.

Condividi
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • francesco

    Volevo solo aggiungere che la Creditanstalt di Vienna era posseduta a maggioranza dal ramo austriaco dei Rothschild che non pagarono se non in minima parte. Banca affossata dalla sparizione dell’impero austro-ungarico

  • gianluca pointo

    grande articolo vorrei aggiungere che come diceva Marx chi non ricorda la storia è condannato a riviverla pertanto la storia invece si ripete eccome

    • alexander della vedova

      “L’esperienza è una delle tante menzogne convenzionali.”
      “Essa non serve a niente, perché ogni atto della vita è un fatto nuovo e va risolto con l’intuizione. Infatti, da secoli e secoli, l’umanità commette gli stessi errori e li sconta con il sangue.”

      https://www.youtube.com/watch?v=aEWA5wo3FjA

      • gianluca pointo

        Guarda, sono di destra anch io, ma sono due cose diverse, forse ti ha tratto in inganno il fatto che io abbia citato Marx, ma l hai letto? Lui parla di capitale, capisci, e poi, se si commettono sempre gli stessi errori, secondo te, cosa significa?? Non ti confondere, sono due cose completamente diverse sull esperienza sono anche un pochino daccordo con te, ma sulla storia, siamo su un altro piano

  • Turbo mind

    Articolo da applausi!

  • Mister Libertarian

    Ottimo articolo.

    Perché il “salvataggio interno” (bail in) sui conti correnti è un furto?

    Perché quasi sempre chi porta in soldi in banca non li vuole investire, ma solo depositare, magari anche pagando qualcosa di custodia ma con la sicurezza del 100 %.

    Purtroppo le leggi civilistiche, che prevedono per il depositante la perdita della proprietà dei soldi (con solo un obbligo di restituzione da parte della banca) e il sistema della riserva frazionaria rendono il sistema bancario estremamente pericoloso per i correntisti, una volta introdotta la regola del salvataggio interno.

  • lucarinimarie

    ottenete il vostro finanziamento senza timore

    lucarinimarie@libero.it

    Siete alla ricerca di un finanziamento per aumentare le vostre attività allo stesso tempo per la realizzazione di un progetto, un appartamento, ma purtroppo, spesso vi cadete sulla gente disonesta che approfitta dei poveri gente che hanno bisogno di questo prestito per rispondere alle loro necessità.

    Quindi la banca vi impone condizioni di cui siete incapaci di riempire fuori la festa si avvicina e dovete affrontare alcuni problemi familiari, più preoccupazione, io sono pronto a voi accordate un finanziamento che va 2000€ a 10.000.000€

    Se siete una persona seria potete scrivere e spiegare la vostra situazione
    ecco la mia mail: lucarinimarie@libero.it

    Avete necessità di denaro per iniziare la vostra impresa?
    Prestito all’alloggio?
    Prestito internazionale?
    Prestito educativo?
    Prestito agricolo
    Prestito per sviluppare la vostra attività?

    • alexander della vedova

      di la verita’ ti chiami Mario Draghi?

      • fabiotto

        ma chi ca@@o è???????????????????????? bannatelo……

        • alexander della vedova

          scherzi tempo fa c’era uno che vendeva passaporti
          😉

          • lucarinimarie

            io faccio partiti delle tre donne che si riuniscono fra i dieci membri dei prestatori europei dunque io voglia che conservate alcuni commenti al mio riguardo.

            è sempre ciò quando un compatriota emerge e vuole aiutate questi fratelli voi siete disporte a tutto dire su lui se fosse una persona che non è della nazionalità italiana ora voi siete atta a lui gettate tutti i fiori che vuole, non vi chiedo necessariamente di venire a fare un prestito da me io si sono fatto bene comprendere io spero

          • compatriota di chi?
            Non sei capace neanche di scrivere in italiano.

          • GrimReaper

            succhiami il cazzo ebreo usuraio

          • fabiotto

            :-DDDDDDDDD azzz….sembra il traduttore di google quando scrive… sti trolll…

    • giovanni

      scommetto che per sperare di avere un prestito bisgona versare qualche migliaio di euro di anticipo.. di ma vedi in giro quacluno con scritto giocondo sulla fronte? vedi vecchiette a cui fare il test del mercurio nell’acqua e chiudere nel sacchetto l’oro di casa? vedi specchietti rotti nei parcheggi? vedi di tradurre ora con google quello che ti ho detto va….

    • SUPERCAZZOLAPREMATURATA

      Ma vai affanculo, usuraio di merda! (Questo con Google lo traduci perfettamente)

  • fabio

    Esatto analisi perfetta: la grande depressione si sta’ avvicinando a grandi passi e sara’ un brutto risveglio per tutti perche’ molti credono ancora alle favole di Renzi a Padovan e non pensansano che nella vita si puo’ andare avanti anche raccontando palle o imbrogliando i cittadini. Mentre noi pensiamo che stiamo uscendo dal tunnel i furbi stanno saccheggiando lo stato rubando dappertutto tutto quello che possono e quello che resta.

  • lucarinimarie

    io faccio partiti delle tre donne che si riuniscono fra i dieci membri dei prestatori europei dunque io voglia che conservate alcuni commenti al mio riguardo.

    è sempre ciò quando un compatriota emerge e vuole aiutate questi fratelli voi siete disporte a tutto dire su lui se fosse una persona che non è della nazionalità italiana ora voi siete atta a lui gettate tutti i fiori che vuole, non vi chiedo necessariamente di venire a fare un prestito da me io si sono fatto bene comprendere io spero

  • Il “Big crunch” finanziario è imminente.

  • Raphaela Diaz

    CIAO alla vostra attenzione
    Hai bisogno di un prestito urgente, voi che siete stanchi di essere respinti dalle banche siete stanchi non si sa dove mettere il
    testa dopo i vostri problemi finanziari si vuole iniziare un business con progetti o costruzione di un bene o di credito. Si sono bloccati questa è un’opportunità, mi sono imbattuto in una donna di nome Maria Mazzaferro, un direttore e azionista della banca che il mio ha concesso un prestito di 55.000 euro a un tasso del 2% l’anno e ho parlato con molti colleghi che hanno anche beneficiato di prestito attraverso questa donna senza preoccupazioni. Soprattutto per me che ho ricevuto la mia richiesta di credito tramite bonifico bancario entro 72 ore senza protocollo. questo non è un problema la signora Maria Mazzaferro di vedere il denaro dal tuo prestito approvato.
    E-mail: mazzaferromaria15@gmail.com

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi