Archivi per categoria: Blogs

L’intruglio rialzista di Wall Street

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di David Stockman In un post recente, Jeff Snider uccide una volta per tutte le gambe perennemente rialziste dei venditori ambulanti di Wall Street. Appena 22 mesi fa (giugno 2014), Wall Street proiettava per il 2015 utili GAAP per azione di $144.60 per l’S&P 500. Inutile dire che non c’ hanno preso. In realtà erano troppo alti del 67%, ma la storia interessante è quella che descrive come ci siano arrivati a quel numero. Dato che i risultati effettivi del 2013 e i documenti... Continua a leggere

BREXIT & CREPIT

Di Antonino Trunfio , il - 46 commenti

Il copione del pre-referendum e anche del post referendum, nella duplice versione BREXIT or NOT, era già scritto. Già prima del 2013, anno in cui Cameron e non per gli effetti di una rivelazione divina avuta in sogno, decise che era arrivato il tempo di chiudere definitivamente la questione EU yes or EU not, che diciamolo pure è sempre stata una questione open dall’inizio. Non è un caso che gli inglesi non sono mai entrati nell’euro. Egli sperava che Nigel Farage e il suo... Continua a leggere

Il fattore K? No, il fattore TS, che noi non abbiamo

Di Big Jack , il - 48 commenti

BREXIT, GIORNO 1.  Come tutti voi, mi sono interessato alla vicenda del Brexit, perchè ho trovato nella scelta del popolo inglese uno spunto di confronto con la mia situazione di esiliato politico in un paese che mi sta ospitando (egregiamente direi) e sono molto attento a percepire gli  umori della gente. Non sono un sociologo, ma avendo girando il mondo per lavoro, negli ultimi 20 anni, posso dire di avere affinato la mia capacità di osservazione e comprensione, oppure, per farla breve,... Continua a leggere

Viale del tramonto

di Alasdair Macleod Vi è una crescente paura nei circoli finanziari e monetari: c’è qualcosa di profondamente sbagliato nell’economia globale. I funzionari pubblici e gli operatori di mercato sono confusi dai fallimenti della politica, e in privato sono invece decisamente pessimisti poiché incapaci di vedere come lo stato possa risolvere questo caos. Non è esagerato dire che aleggia nell’aria un crescente senso di catastrofe imminente. La ragione è che i macroeconomisti... Continua a leggere

Ritroviamo la nostra identità. Sapendo cos’è.

Di Maurizio Blondet , il - 72 commenti

L’aborto libero e legale –  grande “conquista delle donne” –  in Gran Bretagna ha trovato un particolare favore tra le comunità di origine indiana e pachistana:  che l’ha usato come  mezzo gratuito e  pulito  per eliminare le nasciture femmine,  che in quella culture  sono un peso  morto e un costo economico  in pura perdita, perché vanno fornite dalla loro famiglia di una dote esosa che godrà, poi, la famiglia del marito. Ecco un caso spaventoso in... Continua a leggere

Etichette:

Brexit, ma c’è bisogno d’oro

di James Rickards Oggi il Regno Unito potrebbe incappare nel più grande errore monetario sin dal 1925. Allora Churchill tornò alla parità aurea della sterlina a £4.25 l’oncia, essenzialmente il rapporto pre-guerra. Keynes avvertì Churchill che era necessario un prezzo molto più elevato per evitare la deflazione. Churchill ignorò i consigli di Keynes, e fece finire in depressione la Gran Bretagna. Il nuovo errore non riguarda il prezzo dell’oro; riguarda la quantità. Se la... Continua a leggere

“Interesse preminente del minore”, nel diritto italiota

Di Maurizio Blondet , il - 23 commenti

I giudici  romani hanno (come programmato)  superato creativamente il divieto di adozione a coppie omosessuale, consegnando  a due lesbiche un bambino, appositamente generato all’estero da una delle due con fecondazione in provetta  e sperma di maschio ignoto.  I giudici l’hanno fatto “nel preminente interesse del minore”. Perché, come spiegano tutti i  media , nella legge italiana “l’interesse del minore è preminente”. Intervistata, l’ha ripetuto anche la Cirinnà,... Continua a leggere

Etichette:

Due diverse idee di progresso (noi sempre più avanti)

Di Maurizio Blondet , il - 135 commenti

  Cina supera Usa nel supercomputer   Il noioso supercomputer cinese Si chiama Sunway TaihuLight, è composto  di 41 mila chips tutti Made in China; secondo la lista Top500  che  recensisce  calcolatori più veloci  del mondo, questa macchina ha la potenza di calcolo  di 12,5 petaflops, che è cinque volte più  veloce del più rapido supercomputer americano.  Ovviamente sarà usato per calcoli scientifici, ingegneria,  meteorologia… Gli Usa non sono stati sorpresi.  Steven... Continua a leggere

Etichette:

Il Brexit e una nuova Lega anseatica

Domani la Gran Bretagna andrà al voto per decidere se rimanere nell’Unione Europea o meno. Se gli elettori voteranno per lasciare l’UE, allora questo esperimento del NWO finirà in grossi guai. Come sottolineato anche nel presente articolo, altri paesi domanderanno la stessa cosa. Inutile dire che l’establishment di Bruxelles odia quanto sta accadendo e quanto potrà accadere, perché non ha nessuna intenzione di onorare simili decisioni. Questo è stato vero sin dal... Continua a leggere

Elisabetta: “Datemi tre ragioni perché dobbiamo restare nella UE”

Di Maurizio Blondet , il - 93 commenti

La regina l’ha chiesto agli ospiti a cena.  L’ufficio stampa ha prontamente diramato la domanda  ai media. Così, la regina   ha fatto quel che ha potuto –  lei che deve essere neutrale – per  far sapere   agli amati sudditi come la pensa. Speriamo che la ascoltino. E’ bello  avere una nonna-patria. Che nel momento storico,   non manca di adempiere al suo dovere storico di garante della nazione,  al di là di ogni  regola e ogni forma: il che significa che davvero... Continua a leggere

Etichette:

I mercati sono la nostra speranza migliore per una cooperazione pacifica

di Andrew Syrios In un articolo precedente ho smontato quella fallacia secondo cui il libertarismo sarebbe intrinsecamente “atomistico” e che, mentre la moralità può essere applicata universalmente, non potrebbe esserlo la cooperazione umana e l’empatia. Siamo circondati dai “numeri di Dunbar”, i quali limitano il numero delle relazioni sociali che una qualsiasi persona può avere a circa 150. Rimane una domanda: qual è quella disposizione sociale che meglio si... Continua a leggere

Siamo stati a un pelo. Nei cieli siriani.

Di Maurizio Blondet , il - 101 commenti

“Caccia Usa e russi si sono affrontati sui cieli della Siria. I F-18  si sono levati perché Putin stava facendo bombardare i ribelli protetti dal Pentagono!”. Così il Daily Mail. Il 17 giugno siamo arrivati a un pelo dalla guerra mondiale. Secondo la versione occidentale, quando gli F18 statunitensi sono arrivati, hanno intimato ai russi di andarsene, e i Sukoy se ne sono andati. Ma quando gli F-18  sono andati via per  rifornirsi, i russi sono tornati – ed hanno finito il... Continua a leggere

Etichette:

Il gregge è servito…

Di Antonino Trunfio , il - 46 commenti

Al gregge per i prossimi 5 anni cosa rimarrà dopo i ballottaggi ? solo fiscali tatuaggi. E’ da tanto tempo che penso a un post che descriva la tragedia di una società guidata secondo i canoni della demokrazia rappresentativa. Proverò nelle prossime settimane a scrivere qualcosa. Devo anche onorare impegni presi con diversi amici e lettori che mi mandano segnalazioni e argomenti che mi invitano a trattare. Rimango lusingato di tanta considerazione che non merito davvero, ma rispetterò... Continua a leggere

Dopo la Raggi, perché la Undiemi no?

Di Maurizio Blondet , il - 46 commenti

  Spero  che nessun lettore si aspetti un  commento sul  secondo turno.  Nel caso,  posto   quello di Paolo Rebuffo: “Non è che ci sia molto da commentare, dove ha partecipato con candidati seri l’M5S ha vinto, il Partito Democratico in realtà nell’insieme è calato ma ha retto (strappando alcune città al centro destra), Renzi, Lega e Centro Destra hanno straperso. Il punto politico è gli elettori di centro destra non si fanno problemi a votare per il Movimento 5 stelle,... Continua a leggere

Etichette:

Trump ha ragione — È tempo d’abbandonare la NATO

di David Stockman Se volete sapere il motivo per cui abbiamo un debito pubblico da $19,000 miliardi e una struttura fiscale che porterà questa cifra già sconcertante a $35,000 miliardi e al 140% del PIL entro un decennio, vi basta considerare l’ultima rissa in campagna elettorale. Cioè, le urla di incredulità in risposta al suggerimento sensato di Donald Trump: gli europei dovrebbero accollarsi i costi della propria difesa. Il fatto è che la NATO è stata uno spreco obsoleto per 25... Continua a leggere

“NATO guerrafondaia”: Steinmeier si sveglia. Tardi.

Di Maurizio Blondet , il - 91 commenti

Non è Mosca, ma la NATO  che “provoca”. E’ la NATO ad essere “guerrafondaia a ”far tintinnare  le sciabole”. L’ha detto  (finalmente) il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, il cui paese è membro centrale della NATO.  L’ha detto al Bild  am Sonntag.  La sua è stata una critica  esplicita alla  gigantesca esercitazione NATO in corso in Polonia, con la partecipazione di 31 mila uomini di 16 eserciti (fra cui il germanico) il cui scenario consiste nel ... Continua a leggere

Etichette:

Ma quale complotto? Questo è solo l’inizio!

Di Big Jack , il - 70 commenti

Jo Cox ed i suoi supporters per il Bremain Oggi è proprio una bella giornata per terminare l’articolo che ho cominciato ieri: dopo un’altra delle mie notti brave, il cielo mi pare ancora più blu, il sole è alto, e dopo gli articoli sull’analfabetismo funzionale degli Italiani e sulla condizione del “Negro in America” descritta da Alexis de Tocqueville, trovo la giusta voglia e ispirazione per pubblicarlo (quest’ultimo un gigante del pensiero liberale, che... Continua a leggere

Agli schiavi italioti. Con omaggio agli indiani.

Di Maurizio Blondet , il - 84 commenti

Questi pensieri li dedico ai controllori di volo di Fiumicino, che hanno scioperato per vedere la partita Italia Svezia (110 voli cancellati); ai dipendenti dell’ATAC iscritti al sindacato Ugl che  lunedì hanno scioperato dalle 20.30  alle 0.30 per vedere l’Italia contro il Belgio. Li dedico ai palermitani dell’Amat, l’azienda trasporti di Palermo, che hanno fatto lo stesso. Siete negri. Lo dimostrate col vostro comportamento: negri. Quei negri che Alexis de Tocqueville  vide e... Continua a leggere

Etichette:

Ma allora si può osare di “stare con Putin”?

Di Maurizio Blondet , il - 82 commenti

“L’Italia   può andare fiera di Renzi, dico sul serio”: così Vladimir Putin al Forum di San Pietroburgo.  Vero  che è la Russia che può andar fiera di Putin.  Isolata, la Russia? Al Forum di San Pietroburgo   ci sono 10 mila partecipanti di 130 paesi; 1500 uomini d’affari e imprenditori da 62 paesi; è arrivato Juncker (speriamo sobrio) per a detta sua “costruire ponti”  (ma la UE ha rinnovato le sanzioni), c’è Ban Ki Moon, c’è Sarkozy, ci sono i paesi BRICs e... Continua a leggere

Etichette:

Perché le banche centrali non riescono mai a vedere una bolla

di David Stockman Ogni giorno abbiamo la conferma che il casinò è un luogo estremamente pericoloso e che l’esposizione ai mercati azionari e obbligazionari è da evitare a tutti i costi. In sostanza tutta la baracca si basa su una menzogna istituzionalizzata, ovvero, le dichiarazioni dei banchieri centrali, dei broker di Wall Street e dei grandi dirigenti di società sono costituite da depistaggi, offuscamenti e inganni. Come abbiamo indicato molte volte nei precedenti articoli, tutto... Continua a leggere

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi