Archivi per categoria: pdl

Partito Cercasi, Preferibilmente di Destra

Di FunnyKing , il - 37 commenti

C’è una gigantesca, enorme, inaudita prateria politica in Italia. Ed è strano, di solito i vuoti politici vengono riempiti abbastanza rapidamente, eppure negli ultimi 3 anni in Italia è scomparsa del tutto la destra popolare. Quella che per intenderci è teoricamente maggioritaria da sempre in Italia. L’interprete ne è stato per venti anni Berlusconi, ma dal 2011, con l’avvento di Monti e l’appoggio del PDL a quel governo, poi con l’appoggio di fatto a Letta e... Continua a leggere

Quelli che… non c’è più la Democrazia! Orrore!

Di Marco Tizzi , il - 36 commenti

Ci fu un tempo in cui la politica in Italia era semplice: c’erano i comunisti e la democrazia cristiana. Se non eri comunista, votavi per la DC. Poi la DC faceva cose che oggi non verrebbero in mente nemmeno al Partito Comunista Cinese (ve lo ricordate il “piano casa” di Fanfani?), ma fa niente, perché tanto se non avevi votato comunista, allora non eri comunista. E quindi potevi star sereno con te stesso e con gli altri. Iperinflazione? Fa niente. Crisi petrolifere? Fa niente, si va a... Continua a leggere

1 MAGGIO FESTA RINVIATA

Di romix , il - Replica

Francesco Petrarca, nelle sue poesie, esortava gli italiani a rinascere, rifacendosi a valori virtuosi e patriottici che mettevano al centro l’uomo, la sua creatività, il suo spirito critico, il diritto di esprimere la propria personalità e contribuire, con il suo operato a far evolvere la società. Oggi come nel XIV secolo possiamo trovare segni di decadenza civile, basti pensare ad esempio, alla frattura ancora esistente tra il Nord ed il Sud del Paese, alle migliaia di imprese che hanno... Continua a leggere

Letta non dura se il Pd non fa sul serio con la pacificazione

Di Federico Punzi , il - Replica

Se il Pd fa sul serio con la pacificazione, Berlusconi dev’essere figura di primo piano nel processo costituente, se no il governo Letta non dura Anche su Notapolitica Può farcela il governo Letta? Quali sono gli elementi di fragilità e quali, invece, i potenziali punti di forza? Non che vi fossero alternative, se non il salto nel buio di nuove elezioni. Un accordo tra Pd e Pdl resta l’unica prospettiva da cui potrebbero scaturire in breve tempo quelle 3/4 riforme in grado di... Continua a leggere

L’enciclopedia Letta, non l’agenda

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Cosa possiamo aspettarci dal governo Letta? Quando, all’indomani del voto, abbiamo indicato come unica via possibile – per superare l’impasse determinato dal pareggio elettorale e per arginare lo tsunami grillino – quella di un governo Pd-Pdl, abbiamo anche sostenuto una precisa “road map”: cioè che dovesse porsi come scopo quello di realizzare 3/4 riforme fulminee, poche cose ma buone, in 6-12 mesi massimo, per poi riportare il paese... Continua a leggere

Incarico a Letta, Pd spalle al muro. E il Pdl prova ad alzare la posta

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica e L’Opinione L’hanno pregato di accettare la rielezione al Quirinale per sbloccare l’impasse da loro provocato, e ora Napolitano inchioda i partiti – Pd in primis – alle loro responsabilità. Niente governi tecnici, né “del presidente” (con sole figure istituzionali a risparmiargli l’imbarazzo di dover collaborare con il “nemico”), né formule ambigue, tipo “a bassa intensità politica”. Con... Continua a leggere

Renzi da rottamatore a riesumatore di salme

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Nella partita per il Colle è venuto fuori un Renzi che sospettavamo, ma che fino ad ora non avevamo conosciuto: è entrato in gioco con due occhi ben aperti sulle sue ambizioni e con una massiccia dose di tatticismo da vecchia politica. Bersani ha usato l’elezione del capo dello Stato per cercare di entrare a Palazzo Chigi, il sindaco di Firenze l’ha usata per far fuori Bersani. Contribuendo in modo decisivo a bruciare la candidatura di Marini ha forse ha... Continua a leggere

Dopo aver seminato vento, il Pd raccoglie la sua tempesta

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica e L’Opinione Si raccoglie quello che si semina: se è vento, allora sarà tempesta. Se fino ad un minuto prima si è seminato antiberlusconismo, se l’unico pensiero che scalda il cuore è “smacchiare il giaguaro”, è poi difficile spiegare ai propri elettori, e ai propri eletti, che bisogna far scegliere il nome del nuovo presidente della Repubblica agli “impresentabili”, come premessa di chissà quale altro accordo per far nascere un... Continua a leggere

E’ ora che gli italiani scelgano da soli il loro presidente

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica e L’Opinione Mentre Milena Gabanelli si chiama fuori (dopo una riflessione così prolungata da far trasparire scarso senso del ridicolo), e Rodotà dunque, alla fine, dovrebbe essere il nome scelto dal M5S per sfidare il Pd, e mentre Prodi sembra ormai uscito dalla partita, con il deludente ottavo posto ottenuto alle “Quirinarie”, sembra Giuliano Amato il fortunato (o sfortunato) destinato ad entrare Papa nel Conclave presidenziale (con D’Alema... Continua a leggere

POLITICA. QUESTA SCONOSCIUTA

Di romix , il - Replica

Il termine politica deriva dal greco pólis (città-Stato) per indicare l’insieme delle cose della “città”, gli affari pubblici (res publica) e, insieme, la conoscenza della cosa pubblica e l’arte del loro governo. Quindi originariamente e in senso proprio la politica non indica l’esercizio di un potere qualsiasi sugli uomini, ma, già con Aristotele, solo quel tipo di potere che esercitandosi su uomini liberi e uguali si fonda sul loro consenso e ha per fine il... Continua a leggere

Renzi silura la linea para-golpista di Bersani

Di Federico Punzi , il - Replica

Ciò che da qualche giorno – da quando è circolata la voce di possibili dimissioni di Napolitano di fronte allo stallo politico e all’incomunicabilità tra i partiti – appare a tutti evidente, e che oggi, nella sua intervista al Corriere, viene definitivamente svelato da Matteo Renzi («Si punta a prendere tempo e a eleggere un capo dello Stato che ci dia più facilmente l’incarico di fare il nuovo governo»), qui l’avete letto in quasi tutti gli articoli a... Continua a leggere

La resa pilatesca di Napolitano

Di Federico Punzi , il - Replica

L’arbitro che non se l’è sentita di fischiare rigore all’ultimo minuto Anche su Notapolitica Si congela qualcosa per conservarla e poterla utilizzare in un secondo momento, non per gettarla via. In questo senso è corretto sostenere che la decisione del presidente Napolitano di nominare i dieci saggi ha soltanto “congelato” Bersani, senza sancire il suo fallimento. Certo, il segretario del Pd avrebbe di gran lunga preferito ricevere un incarico pieno, per... Continua a leggere

Napolitano fai presto, Pd tentato dallo strappo

Di Federico Punzi , il - Replica

Se tentenna, il Pd lo pre-pensiona e si vota Anche su Notapolitica Al termine del colloquio con Napolitano, Berlusconi si dice disponibile a un governo politico Pd-Pdl-Lega-SC, anche con Bersani premier, e chiude invece a ipotesi di governo tecnico. Ma togliendo dal tavolo la partita per il prossimo inquilino del Colle («sta nella logica delle cose che, se si fa un governo di coalizione insieme, insieme si debba discutere su chi sia il migliore presidente della Repubblica»), toglie al Pd... Continua a leggere

Game over per Bersani

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Se le telefonate di un famoso spot allungavano la vita, le consultazioni hanno allungato la vita politica di Bersani, che ha cercato di vivere il più a lungo possibile il suo sogno di diventare presidente del Consiglio, pur rifiutando l’unica prospettiva politica che gli avrebbe potuto ragalare una chance. E’ riuscito a trascinare il suo testardo tentativo, costellato di passaggi davvero patetici – come le “consultazioni” con Saviano e il... Continua a leggere

Inciucio o voto, il dilemma del Pd

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Tre giorni sono trascorsi da quando il presidente della Repubblica ha conferito al segretario del Pd l’incarico di verificare preliminarmente «l’esistenza di un sostegno parlamentare certo», tramite consultazioni aperte a tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento. E in questi tre giorni Bersani tutto ha fatto fuorché quanto gli è stato chiesto dal presidente, dal momento che né i sindacati, né le associazioni imprenditoriali, né Roberto... Continua a leggere

Prosegue il braccio di ferro Napolitano-Bersani

Di Federico Punzi , il - Replica

Dunque, il presidente Napolitano ha deciso di attribuire a Bersani una sorta di “incarico esplorativo”. Non è il presidente del Consiglio incaricato di formare un governo. E’ il capo della coalizione con la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera e relativa al Senato incaricato di verificare «l’esistenza di un sostegno parlamentare certo». Napolitano è stato chiaro e rigoroso: al termine delle sue consultazioni, Bersani dovrà riferire l’esito della... Continua a leggere

Farebbe bene Napolitano a fidarsi di Bersani?

Di Federico Punzi , il - Replica

Il presidente ha un’unica chance: scaricare subito Bersani. Se lo incarica, il suo tempo è scaduto e la palla passa al successore Anche su Notapolitica A giudicare dal volto con il quale Pierluigi Bersani si è presentato davanti ai giornalisti, la consultazione con il capo dello Stato dev’essere stata piuttosto tesa. Il segretario del Pd è andato a chiedere per sé l’incarico di formare il governo, secondo la tesi “tocca a me provare”, ma Napolitano ha... Continua a leggere

Perché Napolitano deve scaricare subito Bersani

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Altro che Renzi, che resta in riva al fiume rischiando di distrarsi troppo. Oggi le due anime del principale partito di sinistra, il Pd, sono rappresentate la prima, quella maggioritaria, dal segretario Bersani, che dietro di sé (almeno per ora, almeno formalmente) ha la quasi unanimità del gruppo dirigente; e l’altra, decisamente minoritaria, da una personalità esterna, il presidente della Repubblica Napolitano, forte del suo ruolo e del sostegno “in... Continua a leggere

“Smacchiato” il piano di Bersani

Di Federico Punzi , il - Replica

Le ripetute fumate nere per l’elezione dei presidenti di Camera e Senato hanno “smacchiato” il piano di Bersani. Come previsto, i grillini si sono rivelati non integrabili: non sono disposti ad alcun accordo sui presidenti delle Camere, figuriamoci per una maggioranza di governo. Se ne restano seduti in aula a votare i propri candidati in un esercizio di autismo politico. La carta di riserva che il Pd avrebbe in mente di giocare sarebbe quella di un accordo con Scelta Civica... Continua a leggere

Omertà di casta anche tra i giornalisti?

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica I cosiddetti retroscena – un genere letterario, più che giornalistico, tipico della stampa italiana in cui si mischiano maliziosamente fatti e opinioni – ricevono smentite più o meno credibili quasi tutti i giorni. E’ capitato spesso anche che il Quirinale smentisse la Repubblica, ma il caso di oggi è particolarmente esemplare e merita una riflessione. Giorgio Napolitano, infatti, ha perso la pazienza e firmato personalmente una brutale smentita... Continua a leggere

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.