Archivi per tag: Johnny Cloaca

Perché la Legge di Say è sempre vera

Di Francesco Simoncelli , il - 15 commenti

di Alasdair Macleod Uno dei miei lettori abituali ha sollevato il tema importante riguardo la Legge di Say, concetto che monetaristi e keynesiani amano negare. Devono etichettare come falso questo assioma fondamentale per giustificare lo stimolo della domanda aggregata da parte dello stato. O la Legge di Say è giusta e l’intervento dello stato è economicamente distruttivo, o se è sbagliata allora gli economisti moderni hanno ragione ad ignorarla. La base teorica dei post-keynesiani... Continua a leggere

La prossima crisi finanziaria

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di James Rickards Nel 1998 eravamo a pochi passi dal crollo e sin da allora abbiamo sbagliato tutto quello che potevamo sbagliare. Nel 2008 eravamo a pochi passi dal collasso e abbiamo fatto la stessa cosa. Ogni crisi è più grande di quella precedente. Oggi il mercato azionario non è molto lontano da dove si trovava a novembre 2014. Il mercato azionario ha avuto grandi alti e bassi. Una brutta caduta ad agosto 2015, una brutta caduta a gennaio 2016. Il tutto seguito da grandi rally entrambe... Continua a leggere

Io e l’amico Fritz

Di Francesco Simoncelli , il - 5 commenti

di Richard Daughty (alias The Mogambo Guru) Mi è stato consigliato molte, molte volte che potrei arginare l’ostilità di collaboratori, vicini e familiari (tra cui quella, senza far nomi, che ha promesso di amarmi, onorarmi, finché morte non ci separi con questo anello io ti sposo bla, bla, bla,) se smettessi d’essere così critico nei confronti delle persone apostrofandole, qual è la parola che sto cercando?, idioti. Come la malvagia Federal Reserve ed i pazzi econometrici... Continua a leggere

Due modi per andare in bancarotta: velocemente o lentemente

Di Francesco Simoncelli , il - 6 commenti

di James Rickards Un crollo può avvenire in qualsiasi momento a causa dell’instabilità intrinseca del sistema finanziario. La causa di una perdita improvvisa di fiducia è inconoscibile. Potrebbe essere una guerra, una calamità naturale o un’epidemia. Potrebbe anche essere una dinamica meno visibile, come un cambiamento nella quantità di liquidità che vuole un piccolo gruppo di investitori e a cascata le cose vanno fuori controllo. I mercati faranno segnare “nessuna... Continua a leggere

Rinunciare alla nostra privacy

di Gary North Stiamo perdendo la nostra privacy, per sempre. La maggior parte delle persone non se ne preoccupa. Possiamo saggiarne l’ennesimo esempio con l’aggiornamento gratuito a Windows 10. È durato un anno. Era difficile non accettare l’invito. Bisognava intraprendere determinati passi per evitare l’aggiornamento. Qui ho spiegato come evitare l’installazione automatica. Windows 10 risucchia i nostri dati nel proprio database. L’accordo di Windows 10 è... Continua a leggere

Un curioso intermezzo letterario: Vortex

di Francesco Simoncelli Negli ultimi giorni c’è stata una persona per me molto importante che mi ha detto: “Lo scambio arricchisce sempre.” In un mondo in cui si rischia d’essere socialmente autarchici a causa della crescente ingerenza statale, spesso scordiamo come suddetta formula rappresenti la quintessenza del nostro benessere fisico e psichico. Quindi, oggi, cari lettori di Freedonia, voglio condividere con voi un pezzo di me che probabilmente ignoravate. Voglio... Continua a leggere

La “trinità rischiosa”

di James Rickards Gli osservatori si concentrano sulle azioni dei mercati e sui comunicati della FED, senza fermarsi a riflettere su ciò che sta realmente accadendo. Nel frattempo le tendenze a lungo termine persistono e non vanno via solo perché tutti nel mercato sembrano distratti. L’impatto di queste tendenze non si lascerà attendere. Il risultato a breve termine sarà uno tsunami finanziario che travolgerà i mercati, mentre gli investitori sono addormentati sulla spiaggia e non... Continua a leggere

Attenzione: la Russia sta accumulando oro, non solo testate nucleari

Oltre all’oro parliamo anche un po’ d’argento, il metallo spesso dimenticato. L’anno scorso l’argento ha performato bene: da un minimo di $13 l’oncia si è attestato a $17 l’oncia, con picchi anche a $20 l’oncia in estate. Se dovessi basarmi su un’analisi dettata dalla domanda e dall’offerta, non commetterei un azzardo dicendo che l’argento ha potenziale per salire ulteriormente. La Zecca degli Stati Uniti, ad esempio, ha dovuto... Continua a leggere

Perché a questo giro lo stimolo fiscale non si concretizzerà

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di David Stockman È praticamente una certezza che siamo in prossimità di un’altra recessione. Ma ciò che è veramente sorprendente, è che il mercato non sta dando alcun peso al fatto che la situazione fiscale della nazione sta finendo molto rapidamente all’inferno. E che non vi è praticamente alcuna prospettiva di un altro massiccio stimolo shovel-ready, come il piano di Obama da $800 miliardi. I segni premonitori della paralisi fiscale imminente sono evidenti: il deficit di... Continua a leggere

Keynes: l’economista sciroccato della ZIRP

di Gary North John Maynard Keynes era uno sciroccato. E lo sono anche i suoi seguaci, tutti. Già posso sentire una risposta sbigottita. “Ma lei non dovrebbe dire queste cose. Non è educato. Mostra una mancanza di galateo. Le persone che dicono queste cose sono a loro volta etichettate come sciroccate.” Al che io rispondo: “Etichettate da chi?” Ecco il mio punto di vista: “Sciroccato è, chi sciroccato fa.” Inoltre: “Sciroccato era, chi da sciroccato... Continua a leggere

I limiti empirici dell’economia

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Frank Hollenbeck Due sviluppi economici separati nel corso degli ultimi 100 anni hanno fatto regredire la macroeconomia. Il primo è il concetto keynesiano, o più precisamente malthusiano, della domanda aggregata. Il secondo è l’empirismo positivista di Milton Friedman, il quale sottolinea l’importanza della verifica empirica nella teoria economica. Secondo l’empirismo positivista, l’aderenza ai fatti economici è l’unico modo per convalidare le teorie... Continua a leggere

La battaglia disperata della FED contro la stagnazione

Di Francesco Simoncelli , il - 2 commenti

di James Rickards Quando si parla di “Giorno dell’Indipendenza” alla maggior parte degli americani, essi pensano al quattro di luglio. Ciò non vale per la Federal Reserve. Per quest’ultima il “Giorno dell’Indipendenza” è il quattro di marzo. Ed è possibile che il 4 marzo scorso potrebbe essere stato l’ultimo “Giorno dell’Indipendenza” della FED! Perché il quattro di marzo? Il 4 marzo 1951 la Federal Reserve raggiunse un... Continua a leggere

Bolle pericolose in piena vista

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di David Stockman Jesse Felder ha pubblicato un grafico interessante riguardante le bolle. È l’ennesimo promemoria che ci ricorda come Janet Yellen e la sua allegra banda di stampatori di denaro, siano ignari degli eccessi nella speculazione e nella valutazione in tutto il sistema finanziario avviati dalle loro politiche. Rispetto al loro reddito disponibile, il valore degli asset finanziari delle famiglie supera di gran lunga quello delle ultime due grandi bolle. E ciò è successo in... Continua a leggere

Un dollaro più forte causerà una guerra commerciale con l’Europa?

Di Francesco Simoncelli , il - 1 commento

L’articolo di oggi s’interroga giustamente su una possibile normalizzazione della politica monetaria in caso di guerra commerciale tra Stati Uniti ed Europa. Esso si focalizza solo sullo swap con titoli di stato. C’è un altro tipo di titoli che potrebbero creare grattacapi allo zio Mario: i titoli societari. Sin da quando la BCE ha affermato che i titoli societari europei erano tanto eligibili nel suo programma di QE quanto i titoli di stato, adesso possiede il 9.2% (€50... Continua a leggere

I problemi con la curva della domanda

Di Francesco Simoncelli , il - 3 commenti

di Frank Shostak Una delle poche cose su cui gli economisti concordano è che i prezzi sono determinati dalla domanda e dall’offerta. Questo concetto viene riassunto attraverso le curve della domanda e dell’offerta, le quali descrivono il rapporto tra i prezzi e la quantità dei prodotti forniti e richiesti. Nell’ambito delle curve domanda/offerta, un aumento del prezzo di un bene è associato ad una diminuzione della quantità domandata e ad un aumento della quantità... Continua a leggere

Gli elfi del capitalismo

Di Francesco Simoncelli , il - 14 commenti

Eccoci in prossimità del Natale, e un nuovo anno è in procinto di volgere al termine. La pubblicazione di oggi è sostanzialmente una potente lezione riguardo il sistema capitalista e la sua funzione fisiologica all’interno della società. Non un sistema produttivo “predatore”, come ritenuto da parecchi individui, bensì un sistema produttivo in sintonia con le esigenze di consumatori e produttori. Ovviamente, quando lo stesso non viene trasformato in un mostro clientelare... Continua a leggere

L’inflazione è oltre i target da cinque anni di fila ormai

Di Francesco Simoncelli , il - 9 commenti

di Lee Adler A giugno 2012 Ben Bernanke è stato il primo che ha fissato un obiettivo d’inflazione ufficiale al 2%. Da allora la FED ha sostenuto che avrebbe cominciato a normalizzare i tassi d’interesse quando l’obiettivo sarebbe stato raggiunto e la disoccupazione sarebbe scesa al di sotto del 5%. Quest’ultimo obiettivo è stato a lungo soddisfatto, ma per quanto riguarda l’obiettivo dell’inflazione? Beh, dipende da come si misura l’inflazione. E non... Continua a leggere

Il libero commercio è sinonimo d’abbondanza — Il protezionismo è sinonimo di scarsità

Di Francesco Simoncelli , il - 39 commenti

di Frank Hollenbeck In un attacco mirato contro il commercio con la Cina, Donald Trump ha sostenuto che l’America abbia perso posti di lavoro altamente remunerati nell’industria manifatturiera perché la Cina promuove le sue esportazioni attraverso sussidi, vantaggi fiscali e manipolazioni della valuta. La realtà è che non dovremmo preoccuparci di che cosa faccia la Cina. Più la Cina sovvenziona le sue industrie, tanto più ci guadagniamo in abbondanza di beni e servizi a basso... Continua a leggere

Come andrà a finire – Parte II

Di Francesco Simoncelli , il - 3 commenti

Qui la Prima Parte: https://francescosimoncelli.blogspot.it/2016/12/come-andra-finire-parte-i.html __________________________________________ di Bill Bonner OUZILLY, FRANCIA – […] La stampa riporta che i trader sono tranquilli, chiedendosi quale sarà la prossima cosa stupida che farà la FED. Si dice che nella riunione odierna potrebbe decidere di alzare i tassi ad ottobre… o forse novembre… o forse mai. Poco importa. La FED ha creato un’economia innaturale, come una... Continua a leggere

Come andrà a finire – Parte I

Di Francesco Simoncelli , il - 8 commenti

di Bill Bonner OUZILLY, Francia – “Come andrà a finire?” È una domanda ricorrente su questo blog. È anche una domanda che appare nel libro, The Breaking Point, di un nostro vecchio amico e consulente per gli investimenti, James Dale Davison. Naturalmente per vedere cosa accadrà, bisogna guardare indietro a ciò che è avvenuto prima. Nel 1900 venne lanciato un sondaggio: “Che cosa vedete nel futuro?” Tutte le persone interrogate prevedevano tempi migliori. Le... Continua a leggere

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi