Verificare l’Oro della FED

Di Francesco Simoncelli , il - 8 commenti


Ci sono ancora milioni di investitori seduti in panchina, considerano ancora se comprare o meno oro. Secondo me, è una buona mossa. Le cose stanno sfuggendo di mano, adesso la Germania
pretende di avere il controllo sulla politica economica Greca. E’ una bomba ad orolegeria, ha bisogno di più “carburante”; tutti avranno bisogno di più “carburante” per rimanere a galla. Si odora nell’aria un Grande Default, ma solo l’oro non vi salverà se non sarete previdenti. Se il valore del denaro fiat scende a zero, avrete bisogno anche di armi ed appezzamenti di terreno in zone rurali. L’oro vi aiuterà certo, ma non vi salverà del tutto. Parte del vostro denaro in oro? Si. Tutto il vostro denaro in oro? No.

Ci sono altri asset di cui avrete bisogno quando arriverà il giorno della resa dei conti. La cosa da tenere a mente, però, è che ci potranno essere diversi “giorni della resa dei conti”; i modi in cui le banche centrali possono distruggere l’economia sono molteplici.

__________________________________________

 

 

di Gary North

 

Ho postato un video di una cosa che pensavo non avrei mai visto: tutti e cinque i candidati Repubblicani per il Senato degli Stati Uniti stanno verbalmente chiedendo una revisione della Federal Reserve. Potete vederlo qui.

Bernanke si trova ad affrontare quello che nessun presidente della Federal Reserve ha mai affrontato: la consapevolezza pubblica del Sistema della Federal Reserve. Dalla fine del Dicembre 1913, quando un Senato quasi deserto votò per il Federal Reserve Act, fino al 2008, quando la recessione ha confermato l’avvertimento di Ron Paul alla fine del 2007, non c’era quasi nessuna consapevolezza pubblica o anche una vaga comprensione del Sistema della Federal Reserve. Il genio è ormai uscito dalla lampada, in cui era stata relegato nel 1913. Ron Paul l’ha fatto uscire.

Dalla riunione segreta a Jekyll Island, Georgia, del Novembre 1910 fino alla candidatura per la nomina Repubblicana a presidente di Ron Paul nel 2007, la Federal Reserve aveva ricevuto carta bianca dal Congresso. Non c’era mai stata una severa supervisione. Questo perché la regolamentazione della FED era un errore. (La stessa parola è usata per trasmettere significati opposti.)

Il Democratico di Sinistra-populista Wright Patman era stato un critico. Era stato il presidente del House Banking Committee fino al 1975, un anno prima che Paul arrivasse al Congresso. Era un Greenbacker: un credente in un’economia senza interessi, un obiettivo utopistico da raggiungere attraverso l’utilizzo della cartamoneta fiat. Patman non era in grado di generare molto interesse sulla FED.

Patman ha inflitto una ferita importante alla FED. Lui e il Deputato della California Jerry Voorhis, un altro Greenbacker, nei primi anni ’40 convinsero il Congresso ad approvare un disegno di legge, che Roosevelt firmò, dove si vietava alla Federal Reserve di mantenere il pagamento degli interessi dei bond del governo che aveva acquistato tramite il denaro fiat contraffatto. Oggi, la FED deve restituire al Tesoro tutti questi soldi eccedenti i suoi costi operativi. Per il 2011, la FED restituirà $77 miliardi.

Una vera e propria revisione della FED, semmai avverrà, deve includere una verifica dell’oro ogni anno. I revisori devono verificare se l’oro è nei due caveau. Il primo caveau, a Fort. Knox, è il più famoso. Il caveau più importante si trova al 33 di Liberty Street, New York City: la Federal Reserve Bank di New York posseduta privatamente. Questo è il caveau di “Die Hard III”.

I revisori devono fare due cose. In primo luogo, devono determinare se vi sia la stessa quantità d’oro come riportata sui libri della FED al prezzo fasullo di $42.22 l’oncia. In secondo luogo, i revisori devono risalire alla proprietà. Devono assicurarsi che l’oro nei forzieri sia ancora legalmente in possesso della FED.

C’è la possibilità che la FED abbia trasferito la proprietà di quest’oro, tramite swap, alle banche centrali Europee, che hanno a loro volta dato in affitto – venduto – il loro oro agli acquirenti privati. Non è sufficiente stabilire che l’oro fisico sia nei due caveau. E’ inoltre obbligatorio determinare se la FED abbia indirettamente venduto l’oro del governo, che è conservato in fiducia per lo stesso governo sin dal 1933.

[Nota per i revisori: perseguite questa frase nelle dichiarazioni della FED: “deep storage gold.” Sul perché, leggete qui.]

 

BERNANKE CONTRO UNA VERIFICA SU LARGA SCALA DEL GOVERNO

Ogni presidente della FED ha resistito ad ogni tentativo del Congresso di incaricare un controllo indipendente della FED da parte del General Accountability Office del governo degli Stati Uniti. Bernanke è stato fermamente contrario nel 2009. Lui naturalmente non ha menzionato quello che io considero la ragione principale per la sua opposizione ad un audit: l’oro mancante. Poiché per tutti i presidenti della FED, l’oro è una parola di tre lettere. Ha parlato solo della politica monetaria, come se il Congresso non avesse autorità sulla politica monetaria con la Costituzione degli Stati Uniti, oltre che con l’antica “reliquia barabarica”.

Il Congresso ha recentemente discusso le proposte per espandere l’autorità di un audit da parte del Government Accountability Office (GAO) sulla Federal Reserve. Come sapete, la Federal Reserve è già oggetto di frequenti giudizi del GAO. Il GAO ha ampi poteri di controllo sulle nostre attività e funzioni.

Ciò naturalmente era ingannevole. In primo luogo, la FED è verificata a rotazione da un gruppo di società di revisione private, che sono nominate dall’Office of Inspector General. Questo sistema di rotazione a lungo termine rende la continuità della contabilità molto più difficile da raggiungere. La FED vieta alla società di revisione di ispezionare tutte le operazioni della FED. Secondo la Federal Reserve Bank di New York,

Le operazioni in ogni Federal Reserve Bank sono inoltre soggette al riesame da parte del Government Accountability Office (GAO), il braccio di controllo del Congresso degli Stati Uniti. Tuttavia, i revisori del GAO sono limitati per legge dal rivedere le operazioni di politica monetaria e le transazioni effettuate dalla Federal Reserve per conto di banche centrali estere. Questa restrizione è stata imposta dal Congresso per garantire l’indipendenza della Federal Reserve da influenze politiche.

“Influenze politiche”. C’è un altro termine per “influenze politiche”. Questo termine è “il governo degli Stati Uniti”.

La FED difende questo principio: “La politica monetaria è troppo importante per essere sottoposta a revisione da parte del governo”. Dopo tutto, quale pretesa ha il governo di esercitare una tale autorità, a parte il fatto che ha creato la Federal Reserve?

In secondo luogo, un vero e proprio controllo richiederebbe che il Congresso abbandonasse la limitazione della propria autorità, limitazione che il settore bancario ha convinto il Congresso ad imporre a se stesso. È per questo che Bernanke si oppone ad un controllo. Nel 2009 ha aggiunto quanto segue.

Il Congresso ha recentemente concesso al GAO nuova autorità per condurre un audit delle linee di credito estese dalla Federal Reserve a “singole e specifiche” società sotto l’autorità fornita dalla sezione 13 (3) del Federal Reserve Act, inclusi gli impianti di prestito a disposizione, o creati per, l’American International Group e Bear Stearns. Il GAO e lo Special Inspector General hanno il diritto di verificare il nostro programma TALF, che utilizza i fondi del Troubled Assets Relief Program.

Mentre stava dando questa testimonianza, la FED era coinvolta in una controversia giudiziaria che coinvolgeva il Freedom of Information Act richiesto da Bloomberg News per scoprire chi aveva preso i soldi del TALF. Bloomberg News ha avviato questa causa nel Novembre 2008, dopo che la FED aveva fatto ostruzionismo sulla richiesta FOIA di Bloomberg a Maggio. C’è voluta una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 2011 per strappare queste informazioni alla FED.

Bernanke ha continuato.

Il Congresso, però, ha escluso di proposito – e per una buona ragione – dall’ambito di eventuali revisioni del GAO alcune aree particolarmente sensibili, in particolare le delibere di politica monetaria e le operazioni, comprese le operazioni di mercato aperto e quelle della finestra di sconto. In tal modo, il Congresso ha attentamente bilanciato la necessità di responsabilità pubblica ed i benefici di una forte politica pubblica che derivano dal mantenimento di un adeguato grado di indipendenza della banca centrale nella realizzazione ed esecuzione della politica monetaria.

La frase “bilanciato la necessità” è una frase in codice per “autorità del Congresso abdicata”.

I mercati finanziari, in particolare, potrebbero vedere la revisione di quete aree da parte del GAO come un serio indebolimento dell’indipendenza della politica monetaria. Dato che le revisioni del GAO possono essere avviate su richiesta dai membri del Congresso, le revisioni o la minaccia di revisioni in queste aree potrebbero essere viste come uno sforzo atto ad influenzare le decisioni di politica monetaria. La percezione di una perdita dell’indipendenza sulla politica monetaria potrebbe sollevare timori per l’inflazione futura, portando a tassi di interesse di lungo termine più alti e ridurre la stabilità economica e finanziaria. Continueremo a lavorare con il Congresso per fornire le informazioni necessarie per sorvegliare le nostre attività in modo efficace, ma in un modo tale da non compromettere l’indipendenza della politica monetaria.

O, come avrebbe potuto dire, “Fuori dai piedi, idioti”. Indovinate un po? Gli idioti ono stati cacciati a pedate. Ho già scritto su questo argomento.

Ma ora gli idioti si trovano ad affrontare i segni di una ribellione politica. Milioni di elettori hanno capito che la FED è una truffa che viene perpetrata per il bene delle grandi banche commerciali, comprese le banche centrali straniere. Ron Paul rappresenta questo punto di vista. Una nuova generazione di candidati per il Congresso sta scoprendo che non esiste un’ampia circoscrizione dell’elettorato a difesa della FED. La maggior parte degli elettori non ha ancora alcun parere, ma tra coloro che ce l’hanno, il parere è negativo.

La FED ha fatto affidamento sulla segretezza e sull’oscurità per proteggersi dalle critiche per quasi un secolo. Questa strategia ha funzionato fino al 2008. Ma Ron Paul era come il bambino al corteo dell’imperatore. “Il re è nudo!”

L’imperatore è Bernanke, un blando accademico, che sicuramente potrebbe utilizzare un impianto di carisma.

Questo attacco è una grande rottura con il passato. William McChesney Martin è durato per oltre 18 anni, da Truman a Nixon. Era inattaccabile. Passò il testimone ad Arthur Burns. Fumava la pipa al Congresso, e sembrava così saggio. G. William Miller era un neofita monetario, ma è durato solo 18 mesi. Carter in qualche modo lo convinse a dimettersi per diventare Segretario del Tesoro, dove non avrebbe potuto fare altri danni. Poi è arrivato Paul Volcker, alto 1.90m e fumatore di sigari. Travolse ogni critica. Poi venne Greenspan, l’apprendista mago, il cui FedSpeak confuse il Congresso, e la cui politica di inflazionare ed inflazionare, offuscò e confuse, e disse che l’inflazione andava bene da 18 anni. Se n’è andato appena in tempo.

Poi è arrivato lo sventurato Bernanke, regalo al mondo di George W. Bush nel 2006. Obama l’ha riconfermato nel 2009. Rimarrà in carica fino al 1 Febbraio 2014. Questo è un bene per i critici della FED. Passerà alla storia come lo studioso di note a pié pagina che è stato in carica quando la marea dell’opinione pubblica è passata da “Cos’è la FED?” a “revisionare la FED!”

 

CONTEGGIO DOPPIO DELL’ORO

Se la FED viene completamente revisionata, è probabile che l’audit rivelerà che l’oro è intralciato. Le banche centrali straniere hanno dato in leasing il loro oro. Questa è una frase per dire “hanno venduto l’oro”, dal momento che le persone che lo hanno preso in prestito all’1% annuo poi lo hanno venduto per denaro ed hanno comprato titoli di Stato pagati al 5% o più. Non possono vendere questi titoli al valore nominale; i bond sono caduti di valore. Non possono permettersi di comprare oro nel mercato aperto per ridarlo alle banche centrali. Il prezzo è già molto al di sopra di quello a cui l’hanno venduto.

Le banche centrali non osano chiedere il ritorno di quest’oro. L’oro è ancora sui loro libri. Gli IOU che hanno ricevuto dai mutuatari sono considerati buoni come l’oro. Gli elettori non sanno che l’oro manca.

Nel Dicembre 2004, una commissione oscura con il Fondo Monetario Internazionale ha presentato una relazione sugli swap dell’oro e l’oro in leasing. Per quanto riguarda la contabilità per l’oro in leasing, il rapporto ha ammesso che non ci sono standard. “Le implicazioni statistiche dei gold swap e dei prestiti/depositi in oro sono complesse e non sono state completamente elaborate. Il lavoro della Commissione è ancora in corso per affrontare le implicazioni.” Quali implicazioni? Una di queste è la questione del doppio conteggio.

In particolare, l’oro può essere contato due volte sia come gold swap o prestito/deposito se la parte acquirente l’oro dovesse venderlo a titolo definitivo, perché sia il proprietario originale che l’acquirente a titolo definitivo reclamerebbero la proprietà dell’oro. Inoltre, vi è la difficoltà ad usare l’oro monetario in tali operazioni per scopi diversi da quelli di asset di riserva, e come si applicherebbe la (de)monetizzazione se l’oro fosse venduto per scopi industriali. Inoltre, c’è una proposta per il riconoscimento dell’oro non-monetario (in parte) come asset finanziario, piuttosto che come merce, e l’esito di tale discussione potrebbe avere ulteriori ripercussioni sul trattamento dei gold swap ed i prestiti/depositi d’oro. Infine, deve ancora essere risolto come trattare la “tassa” per i gold swap ed i prestiti/depositi d’oro. Tutte queste questioni sono al vaglio della Commissione ed un rapporto sarà consegnato all’AEG a tempo debito.

Non è cambiato nulla.

La Federal Reserve ha sempre negato di aver dato in leasing l’oro, il che significa l’oro del governo. Ma la FED è coinvolta in tutti i tipi di swap con le banche centrali straniere. E ricordate, citando la Federal Reserve Bank di New York,

. . . i revisori del GAO sono limitati per legge dal revisionare le operazioni di politica monetaria e le transazioni effettuate dalla Federal Reserve per conto delle banche centrali estere.

Considerare le conseguenze politiche se dovesse essere dimostrato che l’oro fisico nel caveau della Federal Reserve Bank di New York ha altre rivendicazioni. E se dovesse risultare che la Federal Reserve Bank di New York, che è un’organizzazione privata, ha in qualche modo compromesso la proprietà dell’oro del governo?

A che tipo di pressione proveniente dal “riprendiamoci il nostro oro” degli elettori potrebbe essere sottoposta l’assemblea degli idioti? Che tipo di risposta daranno gli idioti?

Bernanke andrebbe doverosamente al Congresso per presentare le sue note a pié pagina che dimostrano che ciò era un bene per l’economia mondiale. Troverebbe una calda accoglienza: furia cieca.

Pensa davvero che fornire note a pié pagina lo proteggerà. Questo è ciò che ha imparato nel mondo accademico. Ma i politici non badano alle note a pié di pagina.

La credibilità di Bernanke non è per nulla come la credibilità posseduta da tutti i presidenti della FED tranne Miller, che è da tanto che è stato dimenticato. Per quattro anni è stato in grado di respingere le richieste per un controllo della FED. Ma Ron Paul è ormai un serio contendente per la nomina Repubblicana. Continua a sottolineare un tema rispetto a tutti gli altri: l’incompetenza della Federal Reserve. Nessun candidato serio alla Presidenza nella storia ha così tanto menzionato nei suoi discorsi la Federal Reserve.

I media continuano a liquidare Paul a causa di ciò. Continuano a dire che questo problema non ha trazione sugli elettori normali. Ma il problema ha finora avuto trazione su almeno il 20% dei votanti alle primarie Repubblicane. Questi sono più elettori che i burocrati alla Federal Reserve abbiano mai incontrato. Non hanno idea di come affrontare la questione.

 

CONCLUSIONE

La candidatura di Paul continuerà per mesi. Continuerà a martellare su questo tema: la Federal Reserve è incompetente. Questo messaggio rimarrà, anche se non otterrà la nomina. I suoi sostenitori sono come Bruce Willis: duri a morire.

La Federal Reserve non sarà mai più in grado di nascondersi dagli elettori dietro una cortina di segretezza. Bernanke è il Mago di Oz, e Ron Paul è Toto. Ha tirato giù il sipario. Da questo momento in poi, ogni volta che si leggerà una relazione sulla sua testimonianza davanti al Congresso, pensate a questa scena.

La principale differenza tra questa scena e un discorso di Bernanke è la nota a pié pagina.

 

[*] traduzione di Johnny Cloaca

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Dan

    Sarebbe molto divertente constatare la reazione dei paesi di mezzo mondo se gli USA, eletto Ron Paul, scoprissero di non essere proprietari neppure di un chiletto d’oro e decidessero di riappropriarsi con la forza di quello intestato ad altri ma ancora nei loro caveau

  • Anonimo

    ho l’impressione che siano post a orologeria. Stamattina lo spread si riprende di 20bp ed ecco che arriva l’articolo su catastrofi, armi, oro e appezzamenti di terreno in zone rurali.. Che polli si vogliono prenedre?

    • Johnny Cloaca

      In realtà il post arriva in virtù del fatto che il dollaro negli ultimi 10 anni si è deprezzato del 30%.

      http://www.bls.gov/data/inflation_calculator.htm

      “Non c’è niente da guardare! Circolare!”

      • Giuseppe D’Andrea

        E che dal ’71 abbia perso il 95% del potere d’acquisto.

        “Largo, siori è tutto sotto controllo”

        • Dan

          Più o meno è quello che diceva Schettino mentre la nave dondolava in balia delle correnti

  • Camper

    mi chiedo …..L’oro che possiede L’Italia esiste ancora???? e se esiste dove si trova??? Speriamo bene??????

  • kappaesse

    Egr. Jonny
    è da parecchio tempo che ho grossi dubbi sull’oro Usa in generale, non solo della Fed, ed ancora di più su quello che paesi satelliti come il Ns. sono stati costretti a depositare presso di loro. Già in passato avevo sollevato questo problema su diversi blog, ricevendo rassicurazioni che non mi hanno mai convinto completamente.
    Questo post non solo conferma i miei “sospetti”, ma di più rafforza la convinzione che anche il tungsteno di Fort Knox non sia un’invenzione, ma una realtà.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi