Vi ricordate i Vu’ Cumprà? Bene, adesso è il Turno di noi Europei.


Giuseppe Sandro Mela.

 

Schiavi Egizi.

                Vi ricordate i Vu’ Cumprà? Vi ricordate lo sguardo distratto con cui li osservavamo? Vi ricordate il fastidioso tedio con cui li allontanavamo?

                Bene, grazie all’Operosa industria della Confraternita di Giuda Iscariota, alla nostra Società dei diritti (inalienabili e precostituiti) sbandierati dagli illuministi, grazie alla pensione di papà e mamma che mantiene i figli nullafacenti anche se ben ci sono offerte di lavoro, adesso anche l’Europa inizia ad esportare mano d’opera. La fame induce alla ragione. Immigrati per cercare di mettere la galletta sul tavolino. E, ironia della sorte, é proprio la pena del contrappasso, se ne vanno proprio nei paesi da cui prima venivano i Vu’ Cumprà da noi.

                Le parti si stanno rapidamente invertendo.

                Dopo la Grecia, adesso è il turno del Portogallo a fare default. Però, attenzione!

                In portogallo «lo scorso anno il Pil è diminuito del 2,8%, il tasso di disoccupazione ha toccato il picco del 14% con punte oltre il 35% fra i giovani.». Non sono valori poi dissimili da quelli italiani: ci arriveremo presto.

                Dopo il Portogallo toccherà alla Spagna e, quindi, all’Italia.

                «Vista la crescente richiesta di manodopera in Angola e Brasile è in atto un forte processo di emigrazione di giovani portoghesi nei due Paesi. Dai dati forniti dall’ambasciata del Brasile a Lisbona il numero di portoghesi con un permesso di lavoro in Brasile è balzato dai 52mila del 2010 a 328.860 di metà 2011

                Da un continente già vecchio, avaro di prole, i giovani devono emigrare verso quelli che una volta erano definiti “paesi emergenti“. Adesso sono emersi e l’Europa si avvia a diventare il nuovo Terzo Mondo. La sussieguosa nobile decaduta andrà a fare la baldracca. E così il blasone dell’Europa, il welfare, andrà a finire sotto l’arcata di un ponte.

                Questo dato dovrebbe dar da pensare ed indurre gli europei ad una profonda autocritica.

                Quando la realtà dei fatti smentisce clamorosamente le idee, o, peggio, le ideologie, occorre avere il coraggio e la lucidità mentale di cacciarle via. E’ solo questione di sano e robusto buon senso. Adaequatio rei et intellectus.

                Questa nostra sterile società dei diritti sacrosanti e del welfare, di cui peraltro adesso ben pochi possono ancora goderne, é morta e putrefatta, e se non seppelliamo rapidamente il suo cadavere, creperemo dal fetore che emana. Pensiamoci bene sopra: non possiamo emigrare tutti e non é detto gli altri Paesi ci accolgano. In ogni caso, da emigranti ci passeranno via dal capo le ubbie dei diritti. In caso contrario, ci penseranno i nostri nuovi padroni.

                Anche se continuo sempre a sperare che la gente inizi a voler vedere le cose come stanno ed a pensare con la propria testa in modo coerente e logico, traendone le conseguenze, temo però che finirà come la parabola del figliol prodigo. Rinsavì solo quando si ridusse alla miseria ed alla fame. Solo che nel nostro caso non c’é Padre cui ritornare.

 

 

Sole24Ore.  2012-03-15. Spread vola a 1.600 punti. E il Portogallo (a un passo dal default) chiede aiuto a ex colonie Angola e Brasile

Il 96% dei creditori privati ha aderito allo swap sul debito greco. Una ristrutturazione “volontaria” in base alla quale i creditori rinunciano al 53,5% del valore nominale dei titoli in portafoglio e al 75% del valore del mercato. Un default bello e buono, per dimensioni più grave di quello argentino del 2003.

Leggendo i dati dei mercati la Grecia potrebbe non essere l’unico Paese insolvente dell’Eurozona. La strada che ha intrapreso il Portogallo, purtroppo, è piena di spine. Oggi lo spread tra i titoli a 10 anni di Lisbona e i rispettivi titoli tedeschi (Bund) si è ulteriormente impennato e ormani da settimane viaggia a 1.200 punti. In questo momento il governo di Lisbona è costretto a pagare il 14% sui titoli a 10 anni. Non va meglio se si guardano le scadenze più brevi dove spread e rendimenti decollano. Lo spread tra i titoli portoghesi a 5 anni e i corrispettivi Bund tedeschi si attesta a 1.590 punti. Con il rendimento dei titoli a 5 anni al 17% e quello dei titoli a 2 anni al 13%.

Altri dati, questi, non confortanti dato che le difficoltà di un Paese a sostenere il peso del suo debito si denotano proprio quando si impennano i tassi a breve (fenomeno noto anche ai possessori di BTp a 3 anni che lo scorso dicembre sono decollati oltre quelli a 10 anni in una spettacolare inversione della curva dei rendimenti). Segnale che i mercati non hanno più fiducia che quello Stato sia in grado di onorare i debiti a imminente scadenza.

Le cose non vanno meglio se si guardano i Cds (Credit default swap), una sorta di polizze che coprono contro il rischio di fallimento del titolo sottostante. Titoli finiti nell’occhio del ciclone proprio in occasione del fallimento della Grecia (i rimborsi ai titoli di cds sulla Grecia sono scattati in forte ritardo) che, in ogni caso, al netto di fenomeni speculativi, danno comunque la dimensione di quanto un Paese sia ritenuto a rischio dagli investitori. Oggi i cds sul Portogallo sono risaliti a 1.347 punti. Due anni fa, quando non c’erano ancora le avvisaglie del contagio al Portogallo e quando solo la Grecia aveva fatto ricorso al (primo) piano di aiuti europeo i cds sul Portogallo quotavano “appena” a 112,94 punti.

Il Portogallo è uno, con Irlanda e Grecia, uno dei tre Paesi dell’Eurozona ad aver fatto ricorso agli aiuti forzosi della troika (Ue-Fmi-Bce) con un prestito triennale a tassi ageevolati da 78 miliardi di euro. Un finanziamento necessario per provare ad alleggerire la più grande recessione che ha colpito il Paese da quando, nel 1970, è passato alla democrazia. Lo scorso anno il PIl è diminuito del 2,8%, il tasso di disoccupazione ha toccato il picco del 14% con punte oltre il 35% fra i giovani.

Nelle ultime settimane le autorità politiche lusitane hanno più volte negato di aver intenzione rinegoziare gli aiuti ma i numeri non sono confortanti. I tassi a cui è in questo momento aggrappato lo Stato sono insostenibili per qualsiasi economia del mondo nel lungo periodo.

Il monito è arrivato anche oggi dalle autorità europee. Il vice presidente della Commissione europea, Olli Rehn, responsabile di Affari economici e euro ha avvertito Lisbona delle sfide che bisogna ancora superare. Pur confermanto che «il programma di risanamento procede a buon ritmo» hanno indicato che la situazione economica generale e l’accesso al credito per imprese e famiglie, restano «difficili».

Del resto, che il quadro sia difficile lo indica anche il fatto che il Portogallo stia chiedendo aiuto alle ex-colonie Brasile e Angola. Il piano di austerity a cui è vincolato il piano di aiuti della Troika comporta anche una serie di privatizzazioni di imprese portoghesi. Tra gli acquirenti internazionali c’è anche l’Angola che sta investendo massicciamente nelle aziende dell’ex colonizzatrice. Le compagnie di Luanda, infatti, possiedono circa il 4% delle società portoghesi quotate in Borsa. Una quota destinata a crescere al pari degli investimenti del governo del presidente angolano José Eduardo Dos Santos in favore delle società dello Stato guidato dal primo ministro portoghese Pedro Passo Coelho.

Gli aiuti delle ex colonie portoghesi all’ex colonizzatore Portogallo non sono solo finanziari. Vista la crescente richiesta di manodopera in Angola e Brasile è in atto un forte processo di emigrazione di giovani portoghesi nei due Paesi. Dai dati forniti dall’ambasciata del Brasile a Lisbona il numero di portoghesi con un permesso di lavoro in Brasile è balzato dai 52mila del 2010 a 328.860 di metà 2011.

Secondo i mezzi di informazioni locali il numero di portoghesi in Angola è più che quadruplicato raggiungendo quota 100mila, quattro volte il numero degli angolani emigrati a Lisbona. Se questa non è crisi.

 gsm

 

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi