Verso la Bancarotta: Il Tarocco di Fine Anno per Rientrare nel Magico 3% (MEF Grecia Style)

Di FunnyKing , il - 1 commento

 

1381817124 letta 650x216 Verso la Bancarotta: A Novembre 2013 Nuovo RECORD NEGATIVO di Consumi Elettrici

(Avanti così, Verso la Bancarotta)

E vabbeh. Non è che ci aspettavamo nulla di diverso. Un bel Tarocco finale per abbellire il fabbisogno dello Stato  di fine anno e spostare poste a Gennaio 2014. D’altronde in pieno stile Grecia bisognava pur far vedere che noi si rispetta il feticcio del 3%.

Aspettiamo il dettaglio per analizzare le singole poste in entrata, però che tristezza. A cosa ci siamo ridotti.

p.s. ovviamente Gennaio 2014 non comincerà esattamente bene…. ma tanto sarà solo 1 di 12 mesi.

da ScenariEconomici

Nel mese di dicembre 2013 il settore statale registra un avanzo di 15 mld

Il fabbisogno totale 2013, incluse le partite straordinarie, è stato di 79,7 mld, che si confrontano con i 49,5 del 2012 (+30,2 miliardi)

Nel mese di dicembre l’avanzo del settore statale è stimato, in via provvisoria, in 15 miliardi, superiore di circa 1,5 miliardi rispetto a quello realizzato nello stesso mese del 2012 (13,4 miliardi); il miglioramento risulta più elevato (circa 3,2 miliardi) se si escludono dall’avanzo del dicembre 2012 circa 1,7 miliardi di introiti relativi alla dismissione di quote SACE e SIMEST ininfluenti sull’indebitamento netto.
Dal lato degli incassi si segnala la crescita delle entrate fiscali, superiori di circa 3 miliardirispetto a quelle realizzate nel dicembre 2012, anche per effetto del buon andamento registrato dagli introiti IVA e da alcune imposte dirette. Sono stati, inoltre, realizzati, per il settore delle amministrazioni centrali, proventi relativi a dismissioni immobiliari per circa 320 milioni. Dal lato dei pagamenti, si registra una riduzione della spesa delle amministrazioni centrali per circa 1,5 miliardi.

Sulla base dei dati preliminari del mese di dicembre, il fabbisogno annuo del settore statale del 2013 si attesterebbe sui 79,7 miliardi, che si confrontano con i 49,5 del 2012.
Il risultato sconta operazioni straordinarie, fra le quali si segnalano: l’aumento dei pagamenti dei debiti pregressi delle pubbliche amministrazioni, la partecipazione all’aumento di capitale a favore della Banca Europea per gli Investimenti, la sottoscrizione di strumenti finanziari a favore del Monte dei Paschi di Siena e gli incassi relativi alla cessione di Fintecna. Ai fini di un confronto omogeneo si segnala, inoltre, che lo scorso anno il saldo di cassa era migliorato di circa 10 miliardi per effetto del ripristino del sistema di Tesoreria Unica.
Escludendo le partite di entrata e spesa ininfluenti ai fini del computo dell’indebitamento netto, il fabbisogno del settore statale risulta inferiore a quello del 2012 di oltre un miliardo di euro

COMMENTO
 
Stavolta il Ministero e’ piu’ loquace del solito: ammettono i 30,2 miliardi di aumento del Fabbisogno, ma imputano la cosa ad operazioni straordinarie: chiudono dicendo che al netto di queste l’indebitamento e’ un miliardo sotto a quello del 2012, per cui sostanzialmente il Governo avrebbe centrato il deficit esattamente al 3,0%.
 
Ci sono parecchie cose che non tornano e ci inducono a dire senza mezzi temini che quel 3,0% tondo tondo e’ sostanzialmente fasullo. Qui le ragioni principali:
  • Nel computo delle Entrate del 2013 sono finiti anche 4,0-4,5 miliardi di IVA, incasso legato al pagamento dei debiti pregressi. Tale cifra e’ per definizione una posta straordinaria irripetibile
  • Riteniamo che il Governo abbia semplicemente spostato al 2014 alcuni pagamenti del 2013 (specialmente investimenti e contributi agli stessi). Dopo un anno con Spesa leggermente in crescita, magicamente a Dicembre la Spesa cala di 1,5 miliardi.
  • Ultimo dettaglio sono alcune entrate del 2013 sostanzialmente straordinarie ed irripetibili, per circa 4,0-4,5 miliardi; tra questi citiamo: aumento acconti fiscali, aumento degli acconti Ires e Irap di banche e assicurazioni dal 101% al 130% (una Robin Tax assurda), aumento degli acconti Ires e Irap dal 101 al 102,5 per cento per ogni società di capitale, etc.

 Tirando le somme, al netto dei provvedimenti straordinari ed irripetibili (valutabili in 9,0-12,0 miliardi), il deficit 2013 dovrebbe viaggiare tra il 3,5% ed il 3,7%, sfondando il 3,0% in modo piuttosto netto. Approfondiremo la questione ulteriormente in futuro.

Articolo introduttivo : Monti

Secondo articolo introduttivo: Letta-Berlusconi-Monti

Terzo articolo introduttivo: Letta-Monti-Alfano

 

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi