Flussi di Denaro, Oro e Argento

Di FunnyKing , il - 3 commenti

Sono d’accordo con voi, è stato maledettamente duro mantenere e incrementare le posizioni in oro fisico, ed eventualmente in argento fisico in questi 3 anni di discesa dei prezzi.

Ma non è stato affatto un atto di fede ma un disegno lucido.

Ora come tutti noi sappiamo esiste all’interno dei mercati finanziari una quantità di denaro creato dal nulla mai vista nella storia umana, questo denaro non è finito quasi mai a finanziare l’economia reale se non per ri-gonfiare deleterie bolle immobiliari.

Se vi cheiedete il perchè gli immobili sono l’unico bene reale che beneficia della liquidità (se ci sono le condizioni eh, per l’Italia non se ne parla) , la motivazione è banale: esiste un industria e procedure consolidate per ottenere credito con garanzia immobiliare, come esistono procedure consolidate (anche se non sempre funzionanti) per escutere quel credito se il debitore non paga. Cosi’ non è per il credito al consumo e specialmente per il credito alle attività produttive e dunque rischiose.

Ad ogni modo i mercati oggi sono cosi:

  • I mercati obbligazionari sono più o meno nello più grande bolla finanziaria di sempre
  • Le borse principali sono a prezzi di bolla
  • molti mercati immobiliari sono di nuovo in bolla

E tutto quetso contemporaneamente.

Ed è tutto retto da nuova liquidità che necessariamente deve essere pompata nel sistema con un flusso sempre maggiore.

Il gioco dura fino a quando…. dura.

Si avete capito bene, non esiste una regola, ad un certo momento il circolo “virtuoso” (o “vizioso”) si rompe per una maggiornaza di operatori economici che decide di vendere…. e di vendere tutto contemporaneamente.

Per paradosso un crash del mercato azionario non può portare ad un boom di quello obbligazionario, anzi l’esatto contrario: tutto si sposterà in un primo momento nel primo porto percepito come sicuro, la liquidità, conti in banca.

Poi capito che tutto sommato lasciare miliardi in banche che peraltro sono esposte sia al mercato azionario e quello obbligazionario tutto si sposterà sull’unico asset che rappresenta il valore di ultima istanza. L’Oro e sarà meglio averlo fisico.

Di riflesso i prezzi dell’argento saliranno, e probabilmente sovraperformeranno di tantissimo l’oro soprattutto perchè il mercato dell’argento a questi prezzi è ridottssimo, una barzelletta rispetto a quello dell’oro.

Ovviamente la domanda è: si ma quando?

La risposta non ce l’ho, mi pare che i segnali ci siano tutti gia adesso.

p.s. io comincerei a considerare un piccolo switch sull’Argento Fisico, siamo ad un rapporto vicino a 70. Difficile perderci nel medio preiodo.

 

 

 

 

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Rocker Duck

    Penso che gli americani c’è la stiano mettendo tutta perché’ quel giorno arrivi. Basta un colpo ben piazzato e magicamente tutto crollerà’. Però’ penso anche che un piano c’è l’hanno da tempo nel cassetto, purtroppo noi Europei della minchia estrema siamo dentro quel cassetto.

  • 356pella

    Sono d’accordo con voi. Andare short sull’oro è stato giusto. E, vi dirò, non so se sia ancora finito questo calo. Attendo, con calma, l’evoluzione dei mercati e della loro avidità. Il 2016 si avvicina … stay tuned …

    • Parov Stelar

      Perchè proprio il 2016? Te lo ha detto la Madonna? 😀

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi