Verso la Bancarotta: #passodopopasso Il Nuovo DEF Prevede 70 Miliardi di Nuove Tasse in 4 anni, e il Tesoro Blinda il Pareggio di Bilancio Con l’Aumento dell’IVA

Di FunnyKing , il - 35 commenti

MATTEO-RENZI_12_resize

#passodopopasso …. sono schifato.

Cari amici, comunque la pensiate, e qualsiasi cosa pensiate di questo blog.

Non ho più nemmeno il cuore, ne la voglia di fare ironia sul livello di malafede, incompetenza, e cialtronaggine dell’attuale compagine di governo.

Potete pure credere se vi fa piacere, alle sparate del Cazzaro. In fondo è un tipo carino e decorativo.

Ma la realtà dei nuovi numeri del DEF è la seguente ( grazie al lavoro di  Scenari Politici)

SHIS-ECONOMIY

Ovvero 70 miliardi di nuove tasse, che però basteranno solo SE l’Italia crescerà ad una media ANNUA del 2,2%.

Incredibile.

E si noti anche la traiettoria della Spesa Pubblica (oh, prevista nero su bianco da Renzi-Padoan nel DEF, mica farina di RC) +38 miliardi di euro. Alla faccia di Cottarelli che infatti ha levato le tende.

Questa è cleptocrazia. E il Cazzaro è la marionetta vanitosa e incompetente messa li per fare show e prendersi i voti.

Un ultima cosuccia: Renzi-Padoan, per blindare il pareggi di bilancio hanno già previsti l’aumento dell’iva agevolata dal 4% al 10%. Saranno contenti i nostri ottimati dell’inflazione.

da Reuters (leggete):

ROMA, 2 ottobre (Reuters) – Il governo italiano cerca di rassicurare l’Europa blindando il pareggio di bilancio nel 2017 con un nuovo aumento dell’Iva e di altre imposte indirette.

L’ennesima “clausola di salvaguardia” è scritta nella Nota di aggiornamento al Def e sarà inserita nella legge di Stabilità per il 2015.

L’incremento delle tasse ha un valore di “12,4 miliardi nel 2016, di 17,8 nel 2017 e di 21,4 miliardi nel 2018”. Inevitabili gli effetti recessivi, che il ministero dell’Economia stima in 0,7 punti di Pil a fine periodo dovuti “ad una contrazione complessiva dei consumi e degli investimenti per 1,3 punti percentuali”.

L’Italia avrebbe dovuto ridurre il deficit strutturale – calcolato cioè al netto del ciclo e delle una tantum – quasi a zero nel 2015 e raggiungere il pieno pareggio nel 2016.

Appellandosi alle “circostanze eccezionali” previste dal Fiscal compact per ammettere deviazioni dagli obiettivi, il governo ha chiesto all’Europa un rinvio di 12 mesi.

Con un’economia piombata per la terza volta in recessione dal 2008, ha spiegato il Tesoro, le correzioni di bilancio possono provocare l’avvitamento in una “spirale perversa che potrebbe generare recessione e nuova disoccupazione”.

A sostegno della tesi, via XX Settembre include uno scenario previsivo nella Nota. Raggiungere il ‘close to balance’ nel 2015 avrebbe richiesto una manovra correttiva “pari a 0,9 punti di Pil”, 15 miliardi in valore assoluto. L’effetto negativo sul reddito nazionale sarebbe stato di 0,3 punti.

Rispettare anche la regola di riduzione del debito richiederebbe una correzione complessiva “pari a 2,2 punti”, 35 miliardi. “L’impatto sulla crescita risulterebbe negativo per 0,8 punti”, si legge nella Nota di aggiornamento.

Il governo quindi prende tempo e, nell’immediato, cerca di utilizzare tutte le risorse a disposizione per stimolare l’attività economica.

“In assenza di una ripresa robusta la tenuta del tessuto produttivo e sociale risulterebbe a rischio, la ricchezza delle famiglie minacciata, le prospettive dei giovani compromesse”, scrive il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nella premessa al documento.

La legge di Stabilità avrà un valore di circa 20 miliardi.

Secondo quanto riferisce una fonte governativa, dai tagli alla spesa dovrebbero arrivare tra 6 e 7 miliardi anziché i 17 miliardi stimati appena sei mesi fa.

L’aumento del deficit al 2,9% del Pil dal 2,2% tendenziale assicura altri 11,5 miliardi.

Non tutti però serviranno a finanziare nuove misure anticicliche. La leva sul deficit servirà anche a disattivare, in tutto o in parte, l’aumento delle tasse da 3 miliardi e i mancati tagli da 1,4 miliardi che Matteo Renzi ha ereditato dal precedente esecutivo di Enrico Letta.

Altri 4-6 miliardi sono già ipotecati per il rifinanziamento del ‘quadro esigenziale’: cassa integrazione in deroga, missioni militari all’estero, cinque per mille, manutenzione di strade e ferrovie e i rinnovi contrattuali delle forze dell’ordine.

Al netto di queste voci, il governo ha definito interventi per 12-14 miliardi.

Rendere permanente il bonus di 80 euro per i redditi medi e bassi costa 7,3 miliardi (2,3 sui 10 necessari sono già a bilancio).

Alla riforma degli ammortizzatori sociali andranno 1,5 miliardi.

L’istruzione dovrebbe assorbire 1 miliardo, mentre altri 2-3 miliardi serviranno a ridurre il cuneo fiscale per le imprese agendo sull’Irap o sui contributi sociali.

Il superamento del Patto di stabilità interno, anticipando al 2015 dal 2016 la regola sul pareggio di bilancio, costa un altro miliardo.

Siate consapevoli, siate preparati. Portate via il vostro patrimonio e la vostra vita dall’Italia. Non importa per dove.

E non sperateci proprio nella “rivoluzione”. Si votasse domani il Cazzaro stravincerebbe, e rimmarà li lui, o chi per lui fino al disastro.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi