E’ Colpa degli Spagnoli (ma Che Tedeschi, vedrete il Paiolo che ci Stanno per Aprire da Madrid)

Di FunnyKing , il - 58 commenti

Partiamo da un micidiale post di Mario Seminerio:

Il parlamento spagnolo ha dato il via libera definitivo alla riforma fiscale del governo Rajoy (No podemos? Si, podemos). Dal prossimo primo gennaio cambia la struttura della curva Irpef ed anche la tassazione dei frutti del risparmio. Andiamo a buttare un occhio.

L’imposta sulle società passa dal 30 al 28% e sarà ulteriormente ridotto al 25% nel 2016. Le imprese costituite nel 2013 e 2014 pagheranno per un biennio l’aliquota ridotta del 15%. Riguardo l’imposta personale sul reddito, gli scaglioni d’imposta passano da sette a cinque. La no tax area aumenta a 12.000 euro, l’aliquota minima scende al 24,75% nel 2015 e sarà del 19% nel 2016. L’aliquota marginale massima sarà del 47% dal prossimo anno e scenderà al 45% nel 2016. Di rilievo il fatto che questa aliquota, che sino ad oggi colpiva i redditi oltre i 300.000 euro lordi annui, ora scatterà dai 60.000 euro. Per dare un giudizio di senso compiuto sul beneficio netto (che comunque ci sarà) e sugli effetti distributivi e di progressività servirebbe conoscere le modifiche apportate a detrazioni d’imposta e deduzioni dall’imponibile.

Per contro, è possibile già ora dare un giudizio definitivo alla modifica della tassazione sui frutti del risparmio. La Spagna, come noto, adotta un sistema di imposte sostitutive per ottenere un effetto di progressività nell’imposizione sui redditi di capitale (altra cosuccia che i baldi progressisti italiani neppure conoscono, impegnati come sono a discettare di patrimoniali). Sino a 6.000 euro annui di redditi da capitale l’imposta sostitutiva passerà dall’attuale 21% al 20% nel 2015 ed al 19% nel 2016. I redditi da capitale sopra i 50.000 euro saranno tassati al 22% nel 2015 ed al 21% dal 2016. Sopra questa soglia, l’aliquota scenderà dal 24% del 2015 al 23% del 2016. Oggi, sopra i 24.000 euro di redditi di capitale annui si paga il 24%. Queste aliquote si applicano anche alla tassazione delle plusvalenze di breve termine, che invece oggi pagano tra il 52 ed il 56% se realizzate in meno di 12 mesi……

Non è difficile immaginare quali saranno gli effetti sull’economia Spagnola. (si si, lo so, gli Spagnoli ora se la passano maluccio, ma a livello tendenziale sono un altro pianeta)

Che si è vero, la Spagna si finanzierà (ancora) in defict ma….. per lasciare in tasca soldi ad aziende e produttori di ricchezza spagnoli, non per buttare i soldi nel cesso con la Spesa Pubblica.

E dunque abbiamo un nuovo simpaticissimo nemico mortale, la Spagna.

Che peraltro ha diversi settori che, come dire, collidono con l’interesse nazionale ItaGliota.

Oltre al fatto che, non è neppure difficile immaginare, viste le affinità linguistiche e culturali una nuova mecca per i giovani cuori e le giovani menti italiane.

Quindi preparatevi, perchè….. E’ Colpa dei Cattivi Spagnoli che abbassano le tasse.

Eh si si si si si.

p.s. Nel 2015 alla fine,penso che i sovranisti saranno accontentati. Anzi non faccio neppure troppa fatica a immaginare, dazi, controllo dei capitali e tutto per difendere ” l’interesse nazionale “, credo che il culo sui privilegi si declini con queste due parole.

p.p.s. vi siete mai chiesti come mai a nessuno in Italia viene in mente di fare deficit per un taglio drastico delle tasse?

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi