Moneta Digitale: #bitcoin Comunque Vada ci Insulterete

Di FunnyKing , il - 44 commenti

jennifer-lawrence-su-glamour-1

Parlo a nome mio e dei sempre meno rari bitcoiners italiani.

Oggi che il prezzo di bitcoin è “relativamente” basso, ci date degli stupidi sognatori, domani invece:

  • Se bitcoin andrà a Zero (o quasi) ci spernacchierete
  • Se bitcoin moltiplicherà per 10, 100, 200 volte il suo valore ci insulterete come evasori, speculatori, e chiederete l’intervento dello Stato perché ci tassi e ci confischi (starete freschi, amici miei)

Eh cari ItaGlioti, ormai vi conosco bene, dopo 7 anni di blog e di commenti non c’è nulla di voi che non conosca, in particolare l’innata tendenza all’invidia e all’odio per chi in qualche modo, anche rischiando del suo ce l’ha fatta.

Non ve ne faccio neppure una colpa, vi hanno cresciuto in un orribile bagno culturale che è la somma del peggior insegnamento, falso cattolico pauperista incrociato con una solida cultura comunista (non esiste una peggiore o migliore cultura comunista). Ovvero quello che passa “il convento” della Scuola Pubblica.

Ma in fondo bene così, Darwin può essere tuo amico dopotutto.


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐


Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • angelo m.

    gli schema ponzi finiscono tutti male, presto o tardi, sia che siano fatti coi francobolli internazionali come se l’inventò il grande charles sia che siano cybernetici… il tempo sarà galantuomo

    • vito

      Confesso di non avere studiato ancora le monete digitali. Già sono culturalmente e per struttura mentale incapace di fidarmi delle monete fiat, non subisco il fascino delle monete elettroniche, anche se sono affascinato dalle implicazioni. Te lo chiedo pertanto seriamente: perchè a tuo parere il bitcoin sarebbe uno schema di Ponzi?

      • FunApp

        Un qualcosa che si rinforsa quando la base aumenta comprando poi da chi virtualmente è dentro prima di te ( visto che il numero dei bitcoin è sempre quello (Non so se è vero questo che è ho appena scritto) te come lo chiami? E inoltre non regolamentato se non dal solo fidarsi dell’algoritmo. Ma tutto questo poi porta ad un problema di governance. Perché mi garantisce che chi gestisce i server e il sistema non modifichi a proprio vantaggio i parametri dell’algoritmo?

        • vito

          Posto che avevo specificato che non sono affascinato dal bitcoin, al limite sono affascinato dalle sue implicazioni, quello che tu hai descritto, cioè l’aumento ( o la diminuzione) del valore del bitcoin in dipendenza della sua richiesta (o meno), non è uno schema di Ponzi, ma la normale dinamica del libero mercato, che quota tutto in base alle regole della domanda e dell’offerta. Ribadendo comunque che nutro, da ignorante, forti perplessità.

          • Ranotek

            volevo fare alcune precisazioni,
            1- il bitcoin è opensource, tutti conoscono il suo codice e puo essere aggiornato solo col 70% della potenza di calcolo della rete di mining che da risposta affermativa e le proposte di aggiornamento sono solo di tipo di migliorazione dell’algoritmo e delle sue applicazioni e mai sulla gestione dell’inflazione
            2-ogni singolo server detiene tutto il codice i la tracciabilità di tutte le transazioni, quindi anche saltassero tutti i pc del mondo e si salvasse solo il mio garantirei cmq il backup di tutti.
            3-nessuno puo congelarti il conto o sequestrarti i bitcoin in quanto sei tu banca di te stesso e nessuno può bloccarti limitarti od altro finche li tieni nel tuo portafoglio e non li affidi ad altri sono al sicuro da chiunque
            4-se le tecnologie avanzassero il bitcoin verrebbe aggiornato di conseguenza come gia successo parecchie volta ultima due settimane fa, l’unica vera minaccia sarebbe l’avvento dei computer quantistici, ma esiste gia da tempo un gruppo che si occupa di questa possibilità e hanno dichiarato che sarebbe possibile rendere indecifrabile il bitcoin a possibili futuri attacchi quantistici riproducendo digitalmente il meccanismo delle illusioni ottiche che inganna il nostro cervello pur essendo un calcolatore quantistico a base carbonica ad alto livello di parallelismo, molto piu evuluto di ogni altro calcolatore.

            a mio avviso chi si occupa di bitcoin ha fatto tutto al meglio e dal punto di vista della sicurezza del sistema, stara al mercayto capirlo o meno, ma il sistema è perfetto

          • Lorenzo Marchetti

            Penso che se realizzano il computer quantico tutti i classici sistemi di sicurezza (transizioni bancarie, accesso protetto dei conti correnti, codici militari etc) basati sulla infattibilità della decomposizione in numeri primi vanno a farsi benedire. Il problema dei bitcoin sarebbe infinitamente marginale.

          • vito

            La cosa che mi lascia perplesso è l’assenza di collaterali. Sono ignorante della materia, ripeto, ma non mi risulta che il valore del bitcoin sia garantito da alcun collaterale. Ne deriva che è tutto una questione di fede, e la fede non si misura ne’ a grammi, ne’ a barili e neanche a litri.

          • la moneta fiat che usi da cosa è garantita? da nulla o quasi, o forse si dalla coercizione! Devi usare quella non importa chi ne gestisce la quantità oppure il prezzo (intendo i tassi)…..

          • vito

            Mi dispiace disilluderti, ma le monete fiat sono garantite dal culo dei popoli, mi si perdoni il francesismo. Ogni pezzo di cartamoneta, ogni banconota, ogni moneta metallica ed elettronica emessa da una banca centrale, hanno come collaterale e garanzia le proprietà, i beni, il lavoro, il sangue ed il futuro del popolo della nazione in nome della quale sono state emesse.

          • Ranotek

            le monete fiat sono garantite dal culo dei popoli in quanto sono emesse a debito e i popoli gantiscono come hai spiegato perfettammente tu, il bitcoin invece viene generato da milioni di dollari di hardware sparso ovunque sul pianeta e esso garantendo livelli di crittografia altissimi ne garantisce l’integrita. si inverte il meccanismo sostanzialmente, le monete fiat generano un sistema a debito, il bitcoin genera un sistema a credito e fallirà veramente solo se il suo valore dovesse scendere a un prezzo inferiore a ciò che costa produrlo ma siamo molto lontani da questa possibilità e per come è strutturato il sistema di mining fallirebbero solo alcuni miner a vantaggio di altri che avranno saputo creare tecnologie migliori. in ogni caso nei primi di gennaio un ondata di panico generalizzato ha fatto riversare più del 10% della massa monetaria esistente sui mercati (percentuale enorme) e il valore ha toccato il fondo di 162$ per poi risalire subito sopra i 200, a mio avviso da quel momento in poi credo che qualcosa sia cambiato anche volento ora sarebbe difficile scendere sotto la soglia attuale, la tempesta sembra finita ora vedremo se verrà il sole, io sono fiducioso, poi si vedrà

          • stiamo dicendo la stessa cosa. Per come la vedo io i bitcoin sono quel lumicino di speranza insieme ad altre cosette ampiamente manipolabili e manipolate ossia la moneta quella vera (è una vita che non vado in palestra…uff)
            Con i bitcoin le balene che mangiano i pesci piccoli ci sono (vedi la volatilità del prezzo) guadagnandoci, ma alcune cose non sono manipolabili e non è poco, per il momento la vedo come una scommessa….

          • gianni espera

            la fede si misura in legge della domanda ed offerta.

            finchè ci sarà domanda ci sarà valore 😛

          • vito

            In bocca al lupo. Io passo.

          • gianni espera

            ad ognuno le sue scelte.

            è più che legittimo

            in fin dei conti bitcoin è come un biglietto della lotteria con buone possibilità di vincere

        • Cruciverba

          Da quello che ho capito di Bitcoin è l’esatto opposto di quello che hai scritto . Bitcoin ha un codice sorgente sparso per varie parti della rete e non c’è nessuno che gestisce un unico server .
          I parametri dell’algoritmo non possono essere modificati appunto perchè nessuno conosce l’algoritmo nella sua interezza ( a parte il creatore ) e nessuno sa dove si trovino i suoi pezzi ( prendi ad esempio una sfera distruggila in miliardi di minuscoli frammenti e spargili per il globo ) .
          I Bitcoin vengono emessi con una proporzione matematica , quindi i Bitcoin non sono sempre quelli .
          I rischi reali del Bitcoin sono a mio parere 3 :
          1)L’esposizione al rischio tecnologico ( che tutti sottovalutano ) :
          Se Internet collassa puoi dire addio ai tuoi Bitcoin
          2)Il rischio politico : Se i politici dichiarassero Bitcoin fuori legge sequestrerebbero tutti i conti .
          3)Il rischio umano : Se il creatore di Bitcoin ( Un genio fuori dalla portata di qualsiasi essere unamo ) volesse potrebbe riscuotere tutti i Bitcoin azzerando il sistema .

          • FunApp

            A livello informatico quello che hai detto te mi sa che ha nessun senso.

          • Anche a livello di interesse personale, parto dalla 3 se io creo i bitcoin e ne ho una gran quantità farò di tutto per guadagnarci (prezzo fiat più alto). La 2 il rischio c’è in realtà esistono già paesi che sono contro ma è un pochino più difficile per non dire impossibile bloccare sequestrare i conti.
            La 1 è altamente improbabile potrebbe bloccarsi per una tempesta magnetica (sparo è) ma non credo in modo definitivo ci sono troppi interessi anche economici su internet per chiuderlo.

          • Turbo-mind

            Ma ci sono anche interessi più grossi, per esempio tutti quelli che valgono il fare una bella guerra mondiale. Bombe EMP e atomiche e vedi dove va a finire la rete…

          • hai scritto una serie di cavolate.
            L’algoritmo è perfettamente conosciuto e compreso, dopo tutto il codice dei vari wallet e miners è open source.

      • angelo m.

        uno schema ponzi si ha quando si pagano i vecchi coi soldi dei nuovi…se non arrivano più soggetti nuovi nello schema che apportano denaro fresco, collassa il tutto
        il bitcoin a mio parere è simile… i primi che sono entrati nel sistema e che hanno minato o comprato la moneta virtuale hanno fatto soldi a palate sempre che abbiano ceduto la patata ai nuovi entrati… alla fine anche qui ci sarà stata solo una traslazione di ricchezza dagli ultimi a cui rimarrà una valuta azzerata ai primi…

        • vito

          C’è una nuova zona residenziale, di cento unità abitative. E’ fatto di cento unità, non potrà ne’ aumentare, ne’ diminuire. Questa zona residenziale viene venduta a cento persone, che le pagano 200.000 euro cadauna unità abitativa. Andando bene il mercato immobiliare, queste cento unità abitative aumentano il loro valore, per cui molti, che le avevano acquistate per investimento, dopo un po’ se le rivendono a 300.000 euro cadauna. Dove sta lo schema di Ponzi?

          • angelo m.

            bravo ma lì sotto hai sempre un bene materiale, col bitcoin non hai nulla se non una stringa di bit…poi basta che le banche centrali si mettano di traverso e plufff in mano non rimane nulla…

            cmq uno i suoi sudati risparmi li può buttare come meglio crede… (o non sono sudati risparmi? perchè allora cambia tutto )

          • vito

            A costo di ripetermi: Tu hai parlato di schema di Ponzi. essendo io ignorante della materia “bitcoin”, ti ho chiesto lumi. Non mi pare che tu me ne abbia dati, quindi concludo che Bitcoin non è uno schema di Ponzi. Che poi sia un qualcosa su cui investire, è un altro discorso.

          • gianni espera

            bitcoin NON è uno schema ponzi.

            il problema è che bitcoin è una valuta fiat, ossia non ha valore intrinseco.

            il giochino funziona fintanto che bitcoin sarà accettato come mezzo di pagamento.

            naturalmente potrebbe continuare ad essere accettato a tempo indefinito.

            l’essere valuta fiat (basata sulla fiducia) non implica che crollerà, ma solo che potrebbe crollare

          • non esiste il valore intrinseco, nulla a valore intrinseco.

    • Alessandro

      Tu ci mandi ancora le lettere coi francobolli vero?

      • angelo m.

        ragazzo io ci mando anche i pacchi come quello che ti rifileranno a te e ai tuoi bitcoin :-))

        • Alessandro

          Dai ne riparleremo sul mio Yacht…
          🙂

  • ricca

    al massimo ti potremo invidiare……. cazzo centra l’evasione???? Comunque rimarrete con il cerino in mano. Questi sfoghi non ti fanno onore, Funny.

    • funnyking

      oh centra centra. Vedrai.

      • Alessandro

        allo stadio si inizia a battere i piedi e a gridare “ooohhh” quando una cosa che pochi sanno già, perchè ascoltata nelle radioline, sta per apparire nel tabellone luminoso grande e visibile a tutti….
        ….ooohhh…..

  • toccodellamedusa

    Leggendo un articolo di astrofisica, mi è venuto da pensare che l’equivalente del Bitcoin in fisica è il neutrino. Nella fase finale della vita di una stella, il neutrino viene generato in grande quantità nel nucleo, e fugge senza essere trattenuto da nulla, per cui sottrae improvvisamente una grande quantità di energia al nucleo, per cui la stella prima implode e poi esplode. Ecco, mi domando se in una grande crisi spontanea o pilotata, i Bitcoin possano fuggire e far collassare un sistema finanziario. Nonostante ogni controllo sui capitali e sul contante.

    • ricca

      leggerissima estrapolazione…..

  • Michele Francia

    Non so se sarà un successo o meno (spero di si visto che la mia piccola fiche l’ho puntata) e non sono per nulla un’esperto di crittografia ma quello che ho capito e che penso è che bitcoin sia una grande intuizione/invenzione sulle reti informatiche, al pari del www o dell’email; non tanto il fatto di essere una valuta ma perché è il primo metodo che consente di trasferire un valore attraverso internet.

  • Gianbattista

    Boh , io non ci capisco tanto …ma siccome di Paolo mi fido , un cippino lo scorso anno l’ho acquistato …e seguendo i suoi consigli/suggerimenti ….. me lo sono dimenticato (non la chiave però) …ho ben presente il rischio di perdelo ma sopravviverò

  • Laura

    L’italiano è devoto all’invidia. E pure il francese.

    • ricca

      l’invidia è un sentimento umano insito nella specie. L’invidia può essere buona, perchè può stimolare a migliorarsi. IO a volte sono invidioso in questo senso, ovvero cerco anch’io di migliorare dinanzi a qualcuno migliore di me. Ma non è una questione di soldi. Forse altri a loro volta mi invidiano….. il mondo è pieno di invidia, l’importante è che sia stimolante e non venga usata, come è stato fatto dai recenti governi sinistronzi, come arma/scusa per tassare i frutti del duro lavoro o delle abilità delle persone “MIGLIORI” della media. (vedi mega tassazione su macchine potenti, barche, case, titoli, cc, etc… etc…) che tralaltro hanno ridotto il gettito fiscale, e mandato a casa decine di migliaia di lavoratori nei settori stra-tassati…..

      • Laura

        concordo

        • Pure io, in effetti l’invidia intesa come migliorare le proprie condizioni di vita in generale guardando chi ha avuto successo è cosa buona e giusta, ma temo che non intendeva quella.

          • Laura

            Esatto! Basta fare un piccolo test: quanto gente conosci che pratica l’invidia positiva?
            Ecco! Sarò sfortunata io, non dico di no, ma sono mosche bianche le persone che trasformano l’invidia in stimolo.
            Non so se è meglio o peggio, sta di fatto che della fortuna degli altri o del successo, a me non frega niente!
            Sono concentrata su ciò che ho e francamente mi accontento, magari manco di ambizione, ma sto un gran bene! ;-)))

  • Lorenzo Marchetti

    Sono pienamente d’accordo sulla invidia italiana per chi riesce nella vita.
    Chi ha coraggio viene visto come un povero scemo e, se gli va male, gli altri pensano che ” se l’è cercata”. Se gli va bene, “eh ma a riuscirci come ha fatto lui sono buoni tutti”. Trovano sempre una giustificazione alla loro passività che spacciano per secolare saggezza.

    Personalmente, mi tengo lontano dai bitcoin perchè non li ho ancora capiti bene.
    Come l’oro hanno in comune che ce ne è una quantita finità, e che per estrarne occorre sempre più energia. Ma qua le analogie si fermano. Uno è tangibile, l’altro virtuale. Il primo è passato indenne a migliaia di anni di conflitti, conquiste, scoperte, rivoluzioni. E siccome anche la moneta con cui pago l’affitto è virtuale, mi tengo la moneta classica. Vero è che il bitcoin non ha banche centrali che ne garantiscono il valore, è peer to peer. Ma non conosco ancora le modalità di sicurezza e il perchè dovrebbe aumentare di valore negli anni, o preservarsi. E come le nozioni valutarie classiche si possono sposare o non sposare con questa criptovaluta.

    • Se non sai queste cose, il consiglio è studiarle.
      Non ci vuole molto a afferrare i fondamentali.
      E c’è gente che può rispondere alle tue domande.

  • Albert Nextein

    Qualche migliaio di € li trasformerei in Btc.
    Ma mi sembra piuttosto complicato.
    Forse sono io un po’ arretrato e poco pronto.
    Mi trovo in difficoltà a capire il meccanismo.

  • Frubi

    chettedevodì’… appena recupererai tutte le perdite coi bitcoin comincerò ad invidiarti.. sempre di + man mano che il bitcoin moltiplicherà… chettedovodì…

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.