Moneta Digitale: #bitcoin Megatrend, T-Mobile e Goldman Sachs

Di FunnyKing , il - 5 commenti

Supermodel-Obsession-victorias-secret-2360336-800-520

E’ interessante notare che all’interno della non più troppo piccola comunità bitcoin ormai notizie come quelle che andrò a elencarvi non suscitano quasi più interesse. Nel senso che chi ha posto la sua fiducia in bitcoin come valuta le dà ormai per scontate.

Ed è un errore, non lo sono affatto. Non ancora almeno. Parlo di queste due cose:

1) da Bitcoin Examiner

Following an announcement in late February, T-Mobile is accepting Bitcoin in Poland within a trial program. The company’s customers can now buy phone credits using cryptocurrency.

T-Mobile’s Polish unit, also known as Polska Telefonia Cyfrowa, teamed up with Warsaw-based Bitcoin processor InPay in order to accept digital money. The partnership aims to make the most of BTC’s popularity among Polish prepaid telephone users…..

Cioè in Polonia i clienti T-mobile ora possono comprare telefoni e pagare bollette in bitcoin.

La questione è di estrema rilevanza in quanto comincia a formarsi un ecosistema per cui un azienda commerciale può non solo limitarsi ad accettare pagamenti in bitcoin ma può anche usare gli stessi bitcoin per pagare un servizio o un bene.

Questo è un passaggio non banale poichè nel caso di T-Mobile Poland una piccola parte dei bitcoin ottenuti dalla vendita di beni e servizi possono essere utilizzati per pagare una piccola parte dei fattori della produzione…. senza passare dalla moneta fiat.

Ed è evidente che quante più aziende che vendono beni e servizi intermedi ad altre aziende (e non solo ai consumatori) accetteranno bitcoin tanto più bitcoin potrà essere usato come valuta corrente.

Faccio un passo in più: quanto più bitcoin verrà usato e considerato valuta corrente tanto più sarà necessario farne una piccola scorta come capitale di funzionamento e dunque diminuirne la quantità sul mercato degli scambi valutari ed in ultima analisi farne salire il valore in rapporto a monete fiat indefinitamente inflazionabili (bitcoin non lo è)

Ma passiamo alla seconda notizia:

2) da News Btc

A report written by two payments analysts, James Schneider and SK Prasad Borra, at the Goldman Sachs research division, has stated that Bitcoin and cryptocurrencies are part of a technology megatrend that could fundamentally alter the transactions mechanism.

The report titled, The Future of Finance: Redefining The Way We Pay in the Next Decade, was released yesterday and was second in a series, which has earlier taken up rise of the shadow banks.

The report suggests that if the concerns regarding the safety of funds are taken care of, along with implementation of the Big Data, Bitcoin, undoubtedly has the potential to disrupt the $1.2 trillion dollar global payment industry.

“Bitcoin, along with improved payment security, ‘big data’ analytics and faster payment networks are the components of a technology trend that will disrupt the payments ecosystem.”…

Di bitcoin ha cominciato ad interessarsi (in prima pagina) anche il Wall Street Journal, ora tocca a Goldma Sachs.

La questione è importante perchè per esperienza diretta vi posso dire che le persone benestanti e coloro che hanno attività imprenditoriali importanti ancora non si sono avvicinati a bitcoin.

Nella maggior parte dei casi non ne hanno ne hanno avuto ancora la voglia e il tempo per informarsi. Però sono interessati tanto che si siedono e ti ascoltano, il che non è triviale visto il valore del loro tempo.

Dunque la comparsa di bitcoin sui rapporti delle case di affari e sui giornali del mainstream economico mondiale farà si che per incominciare alcuni di costoro (ci sono persone che hanno più soldi dell’intera capitalizzazione di bitcoin di oggi) cominceranno a comprarsene un pochino. O meglio, daranno ordine a qualcuno di loro fiducia di farlo per loro.

Quindi bitcoin e la blockchain sono già un megatrend.

Ci sono ancora incognite?

Ovviamente si, se non fosse così non avreste la possibilità di comprare un bitcoin a 280€ sciocchini. Ma a 28.000€ più probabilmente..


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐


Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Lo Ierofante

    Segnali positivi. Il primo in particolare.
    Ci tengo a sottolineare una cosa. Il sottoscritto ha parlato delle criptovalute in termini sempre equilibrati. Equilibrati non significa in termini negativi.

    In questi anni ho letto molte sciocchezze sulle criptovalute
    La prima che al contrario dei metalli preziosi non posseggono valore intrinseco.
    Sta storia deve finire.
    Nulla su questa terra ha valore intrinseco. Intrinseco significa assegnare ad una cosa un valore fisso, stabile ed assoluto nello spazio e nel tempo.
    Non confondiamo il valore intrinseco con il valore di utilizzo. I metalli preziosi come altre cose (l’acqua ad esempio) hanno di certo un concreto valore di utilizzo (il bitcoin essendo un mero algoritmo, no); ma tale valore non è immutabile ed assoluto, bensì sempre relativo in base all’imputazione che l’individuo ne fa nel tempo e nei luoghi. e PERTANTO NON VA CONFUSO CON IL VALORE INTRINSECO.

    La seconda collegata alla prima è che bitcoin non possa diventare riserva di valore perché non ha una storia alle spalle di secoli come l’oro. Io non so so se bitcoin diventerà in futuro una riserva di valore di buona portata, ma di certo se non lo diventerà non è per il motivo che non è abbastanza “anziano” quanto ….

    GERARDO

  • E intanto ieri dopo quasi un anno il daily sta dando evidenti segnali Toro. Un rally è possibile… Buy the dips

  • Inoltre bitcoin è rimasto indifferente all’ultima asta degli US Marshall … Secondo me il mood degli investitori sta virando da orso a toro…. Carichiamo il razzo ….

  • Laura

    Ho appena acquistato i miei primi bitcoins ;-)))

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi