Il parco buoi non ci sta ad essere tosato ancora. E arriva la deflazione alimentare

Di Mauro Bottarelli , il - 7 commenti

Ordinaria_follia
Vuoi vedere che il parco buoi si è stufato di essere l’agnello sacrificale delle politiche delle Banche centrali? In effetti, dopo aver pagato il bail-out di Wall Street nel 2008, i cittadini Usa potrebbero finalmente aver capito la lezione. Questo grafico di Credit Suisse,
Investor_revolt
sembra confermarlo, visto che nei mesi di luglio e agosto gli investitori retail sono scappati dalle equities ma non hanno dato vita alla solita rotazione verso l’obbligazionario: mamme e papà d’America hanno semplicemente venduto tutto! Un qualcosa che non succedeva dal quarto trimestre del 2008, quando però si vendeva in clima di crollo totale, qui in parte invece si anticipa. Stando a dati della banca svizzera al 19 agosto scorso, nel mese di luglio 6,5 miliardi di dollari sono scappati dai fondi equity, mentre 8,4 miliardi hanno detto bye bye ai bond funds. Di più, nelle prime tre settimane di agosto l’outflow è proseguito, con 1,6 miliardi fuori dai titoli e altri 8,1 fuori dal mercato obbligazionario.

D’altronde, il dato sui consumi personali della scorsa settimana ci dice qualcosa: ovvero che la crisi che governo e Wall Street negano o non vedono, è già ben presente all’interno delle famiglie statunitensi. Questi grafici,
Personal_spending3
Personal_spending4
ci mostrano come le spese personali hanno fallito di nuovo le attese e si muovono su livelli visti lo scorso gennaio, quando la Fed ci diceva che faceva troppo freddo per uscire a fare shopping, mentre il dato su base annua è su una china da pre-collasso.

Ma peggio ancora, questo grafico
Personal_spending
plasticamente distrugge il mito del wealth effect legato ai bassi tassi di interesse, visto che con i consumi personali a luglio a quota 1,2%, la più debole dal marzo 2011, questo trend ci mostra come la politica dell’indebitamento allegro non sia funzionata negli ultimi 35 anni.

Et voilà, proprio a causa del basso dato dei consumi, il 26 agosto la Fed di Atlanta ha abbassato da 1,4% a 1,2% la previsione del Pil per il terzo trimestre di quest’anno, attraverso il suo tracciatore in tempo reale GDPNow, un livello che è oltre i due terzi al di sotto della prima revisione ufficiale della crescita del secondo trimestre.
GDPNow_Q3
La ragione? “Debolezza nei consumi di servizi reali a luglio, che ha abbassato la stima del modello per i consumi personali da 3,1% a 2,6% per il terzo trimestre”. Colpa del caldo record?

O forse della disparità sempre più crescente all’interno della società statunitense, come ci mostra questo grafico.
Fat_cats
Il quale interpreta il Consumer Comfort calcolato da Bloomberg per aree geografiche, con il Nord-Est al massimi da 8 anni e il Midwest ai minimi da novembre 2014? Come dire, Wall Street e il suo indotto brindano e il granaio e cuore produttivo degli Usa piange. Fat cats and starving dogs again?

E in questo bel contesto generale, ecco che un altro effetto collaterale delle politiche da mal-investment delle Banche centrali sta palesandosi sul mercato, ovvero il fatto che l’economia mondiale stia per grippare in uno stato di saturazione globale da sovra-offerta. Un qualcosa che nessuno, forse, si attendeva che accadesse ma che ora è dimostrato da questo grafico,
Global_grain
il quale ci mostra come i trilioni iniettati dagli Stati non hanno suscitato l’effetto shock di defibrillazione per la domanda e il commercio globale ma hanno solo aumentato l’offerta, in un contesto di rallentamento, non ultimo cinese. Ed ecco che sul finire della scorsa settimana, l’International Grains Council ha comunicato che lo stock globale di cereali quest’anno toccherà il livello più alto da 29 anni a questa parte, 447 milioni di tonnellate metriche! Ed ecco che i futures di grano e frumento al Chicago Board of Trade stanno crollando rispettivamente del 6,2% e 17% e si preparano al terzo anno di perdite di fila, dopo la produzione record dello scorso anno, 720 milioni di tonnellate. La sola Francia, principale produttore di grano dell’Ue, nel mese di agosto ha prodotto 41 milioni di tonnellate, più dell’outlook da 40,4 preparato dal ministero dell’Agricoltura d’Oltralpe.

Ora, questi due grafici mettono la situazione in prospettiva.
Global_grain2
Trade_CB
Sarà per questo che dopo anni di sonore prese in giro e pranzi pagati per banchieri e affini, forse il parco buoi ha deciso di non venire spellato per intero questa volta? Ciò che i governi negano, strade e negozi lo gridano: siamo di nuovo in recessione e con una bolla obbligazionaria pronta ad andare fuori controllo. Non vorrei che il mondo sviluppato stesse per andare incontro al suo giorno di ordinaria follia finanziaria. O forse sì.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi