la più grande “RAPINA DEL SECOLO” (FONDI PENSIONI) è ora conclamata. Bruciato il 32% dei capitali affidati. Altro che terza gamba! meno pensioni per tutti.

Di Joe Black , il - 23 commenti

joe_black

 

 

 

roulette_fondipensione

Mediobanca ha elaborato uno studio che arriva al 2014 su 961 fondi arrivando a determinare una perdita media del 32% sui capitali affidati. Ma il dato reale potrebbe essere addirittura peggiore posto che si riferisce ai soli fondi italiani e Sicav che costituiscono attualmente circa il 29% del totale (il resto sono fondi esteri o estero-vestiti i cui oneri di gestione sono ancor più elevati.)

Tra i dati più preoccupanti  (ricavabili nella loro completezza al sito www.mbres.it ) che, negli ultimi 10 anni  il 24% investito in fondi pensione aperti sia stato reinvestito in altri fondi. Una sorta di “sub-appalto” che elimina la trasparenza e espone il sistema ad eventuali malversazioni molto ben “coperte”

download

Ma il pensiero si incendia tornando a ripercorrere le EcoBalle che accompagnarono l’inserimento dei Fondi Pensione nel nostro ordinamento:

Svolgendo anche la professione di consulente del lavoro oltre a quella di commercialista ho avuto modo di seguire estremamente da vicino la nascita e l’evoluzione (involuzione) del monster e delle sottili tecniche con le quali l’iimenso e ancor grasso pueblo di pecore nazionale veniva imbonito a pensare al proprio futuro affidandosi al nuovo strumento che avrebbe puntellato (insieme alla previdenza obbligatoria e alla ancor seria polizza vita il loro futuro finanziario da vecchi e grinzi.

Mi trovai ad affrontare da subito una normativa nuova e le contemporanee richieste da parte dei datori di lavoro da me seguiti a loro volta subissati dai loro dipendenti che avevano sentito dire dalla televisione (grande creatrice di domande, più che di risposte) che c’era un importante novità, ma volevano farsi consigliare sentendo anche il datore di lavoro.

Riuscii a farmi un idea, più guardando i sorrisini dei politici che le astruse norme tecniche, ma si sa , la vita è fatta anche di intuizioni, riuscendo a salvare dall’abisso la pressochè totalità, meno una delle aziende che, stimolata abilmente da un promotore finanziario (esistevano allora ed erano molti e simpaticamente dinamici come nei film di Wall Street) fece kascare nel buco i suoi dipendenti col miraggio di un plus valore al termine della carriera rispetto al bistrattatissimo ed antiquato TFR, l’anomalia italiana mondiale del risparmio forzoso inventato ad personam dalla Fiat e altre grandi aziende.

I poveri diavoli firmarono quindi la loro condanna con pensiero lieto, scegliendo naturalmente il fondo del simpaticissimo e sorridente promoter a loro presentato. Tra le altre cose scooprii che il datore di lavoro non aveva effettuato i versamenti concordati e che il dipendente avrebbe dovuto avviare una lunghissima causa, cosa che visto come funziona da “Noiantri” decise di non fare, trovandosi cosi senza tfr (non più dovuto da momento della firma) nè l’accredito su fondo pensione (non versato dal datore di lavoro)

I dipendenti che allora volontariamente firmarono a seguito della tamburellante propaganda Mainstream sponsorizzata da banche , assicurazioni e poteri economico-politici che fiutarono l’affarone e magari ne ebbero immediati benefici in tasca (Il Patron di Mediolanum usci dalla stanza al momento del voto, ma si fermo sull’uscio mettendo che doveva decidere sotto pressione scrivettero alcune cronache non allineate) e fu dato il via alla più grande truffa di tutti i tempi, a mio avviso anche in modo incostituzionale

Truffa fondi pensione

 

La prima questione era infatti legata all’obbligatorietà: se eri dipendente pubblico o di impresa oltre i 50 dipendenti D O V E V I per forza abbandonare il Tfr a favore dalla previdenza complementare o altrimenti veniva versato obbligatoriamente ad un fondo tesoreria presso l’Inps.. Che bello!!

Gli altri no. (nel senso che non erano obbligati)

Gli Italiani sono uguali davanti… ma va là.

truffa_fondi_comuni

Ma c’era di più per arringare i datori di lavoro e direttamente qualche dipendente affinchè non compiesse l’insano gesto:

La scelta è irreversibile. Se per un solo giorno, al momento dell’assunzione firmi per la destinazione ad un fondo – caso forse unico in Italia nel panorama normativo – non puoi più recedere dall’opzione e ti sarai Auto-incatenato per sempre. Potrai solo scegliere di giocare cambiando fondo, ma mai e poi mai potrai elemosinare il ritorno al caro vecchio fondo Tfr. Anche dimettendoti e cambiando datore di lavoro saresti per sempre stato macchiato a fuoco e avresti obbligatoriamente dovuto comunicarlo al nuovo datore di lavoro al momento dell’assunzione. Chissà che succedeva se non lo dicevi…

Se devo scegliere il fondo, ma non so quale: Nel caso tu non sia ferrato su quale fondo sia il migliore (anche se i grandi datori di lavoro avevano già attratto qualche fondo quale satellite privilegiato e ti suggerivano non troppo sottilmente di indicare nella scelta proprio questi) ecco pronto lo scodellamento sul fondo di tesoreria nebulosamente gestito dall’Inps, anche se a volte con piacevoli sorprese rispetto ai fondi privati

L’anticipo sul tfr. E sul fondo pensione? In una prima fase si creò anche il panico circa la possibilità o meno di chiedere anticipi (me invece previsto per il tfr nella misura massima del 80% in determinati casi) ma si verifico che , seppur nella misura del 75% poteva sempre, con determinati requisiti, essere chiesta. A dire il vero veniva pure  inserita, ma solo nella misura del 30%, la possibilità di chiedere un anticipazione senza particolari motivi. Non è dato a sapere l’effetto devastante sul montante previsto a fine piano da tali anticipazioni, assi più misurabili nel tfr.

Rendimenti. Gia dopo qualche anno cominciarono ad emergere le migliori performance da parte del vecchi Tfr che aumentarono il distacco progressivamente. Infatti i costi di gestione e le piccole e la qualità degli investimenti (almeno di alcuni fondi) fece intuire che la strada vecchia irrimediabilmente abbandonata fosse spesso la migliore (anche il sole 24 ore meno di un anno fa lo documentò ampiamente)

Rischiosità: sì , il datore di lavoro può fallire… ma la stragrande maggioranza dei dipendenti ha un fiuto tale che quando accade sono già lontani e con il loro tfr, semmai sindacalmente, in tasca. Anche i fondi potrebbero fallire… anche se sono spesso “Too Big To Fail”. Quindi il fondo difficilmente fallirà. Ma che titoli ha in “pancia”? Se il capitale versato è stato intaccato, come potrà garantire quella rendita cosi attesa ? E il capitale ci sarà ancora alla scadenza?

Collegamento tra la speranza di vita e le regole previdenziali Inps. Quasi nessuno sa che , adesso che l’Inps ha portato la pensione a 68 anni AUTOMATICAMENTE lo slittamento è avvenuto anche per i requisiti per poter decidere di recuperare sotto forma di rendita o parzialmente come rimborso di capitale. In altre parole se pensavate di poter prendere finalmente la vs pensione integrativa a 65 anni dovrete aspettare i 68. E se la portano a 70?

Polizze vita e fondi pensione: restituzione parziale o totale. Con il fondo pensione potrete chiedere alla scadenza solo al massimo il 50% ed il resto lasciarlo in rendita rispetto alla polizza vita che può tuttora permettere di incassarne il capitale

Tassazione: Con la manovra di fine anno 2014 raddoppiata la tassazione sui fondi pensione retroattivamente dal 2014. Colpite anche pesantemente le casse professionali.

Redditometro, fondi pensioni e polizze vita. Già al momento dell’introduzione dei fondi pensione non è stato mai chiarito se nel vecchio redditometro fossero esclusi i premi versati ai fondi. Tale dubbio riguardava il vecchio redditometro che monitorava i redditi fino al 2008.
Attenzione: nel nuovo redditometro ogni tipo di polizza vita e fondo pensione rientrano tra le 100 voci che determinano il reddito presunto. Ricordo che la tolleranza fra il reddito dichiarato e quello induttivamente calcolato dall’Ufficio è ridotta da uno scarto del 25% ad uno del 20%.

Fondi truffa

Vecchio articolo tuttora attualissimo.

Pubblico, se ancora qualcuno avesse dubbi quale è stato l’andamento dei fondi pensione a un anno dalla controriforma sponsorizzata da Cgil, Cisl e Uil.

Da maggio 2007 i fondi negoziali, secondo la Covip*, hanno perso l’1,9%, mentre il tfr ha reso il 3,6%.
Le adesioni crescono poco o addirittura calano.
Non aderiscono i giovani.

Non si è dovuto aspettare troppo perché si capisse che affidare il tfr ai fondi era peggio che giocare a bingo.

La previdenza integrativa non è decollata e il progetto di smantellare la previdenza pubblica è sostanzialmente fallito. E’ questo il giudizio che emerge dai dati ad un anno dal tentativo di scippo del Tfr a favore della previdenza privata.

In un anno i maggiori fondi aziendali o di categoria hanno perso l’1,9%, con punte dell’8/10% per le linee azionarie mentre Tfr in azienda si è rivalutato del 3,6%.
Tra mancato guadagno e perdite realizzate chi ha conferito ai fondi il tfr ha perso il 5,5%.

altan_tfr

 

E’ bastato un anno per far capire che c’e un forte rischio per il salario dei lavoratori e guadagnano, a prescindere dalla resa dell’investimento, solo i gestori, le banche e gli speculatori che hanno la possibilità di “giocare” con i soldi dei lavoratori.

Alla fine di aprile 2008, sono circa 4,65 milioni gli aderenti alla previdenza complementare, un quinto dei circa 22 milioni potenziali sottoscrittori. Tra i 12,2 milioni di dipendenti privati aderisce solo il 25%, circa tre milioni di lavoratori.

In fatto di adesioni nei primi quattro mesi del 2008, si registrano rallentamenti, e addirittura cali. Inoltre i fondi, non convincono giovani e i precari già sfruttati e mal retribuiti.

pensioni_vignetta

Derivati e fondi pensione: E giusto per stare allegri:

Pensioni: Ue, moratoria di 2 anni Fondi per mercato derivati

Bruxelles chiede proroga per adozione nuovi requisiti

04 febbraio, 16:44
(ANSA) – BRUXELLES, 4 FEB – La Commissione europea raccomanda una ‘moratoria’ di due anni nell’adozione dei nuovi requisiti comunitari per le transazioni di derivati da parte dei Fondi pensione. Secondo l’esecutivo di Bruxelles, obbligare immediatamente i Fondi a rispondere ai nuovi requisiti previsti dalla normativa europea per i propri portafogli di derivati, avrebbe un costo tra i 2,3 e i 2,9 miliardi di euro l’anno, con una diminuzione di rendimento sugli investimenti 20-40 anni fino al 3,66 per cento.

L’obiettivo delle legislazione europea è di rendere vincolante sul lungo periodo determinati criteri di trasparenza per le transazioni di derivati anche per i Fondi pensione così come previsto per le altre istituzioni finanziarie, sempre con l’obiettivo finale di rendere l’intero mercato finanziario europeo più solido. Secondo un recente rapporto pubblicato dalla Commissione europea, obbligare i fondi pensione a soddisfare subito questi requisiti li obbligherebbe a sostenere ingenti spese per cambiare il proprio business model, con ricadute dirette sulle future pensioni dei propri investitori. “È preferibile prendere più tempo per sviluppare una soluzione più adeguata alla questione”, ha detto il Commissario Ue ai servizi finanziari, l’inglese Jonathan Hill. In molti Paesi Ue, alcuni fondi pensione si avvalgono di particolari network di vendita di derivati per coprirsi dai rischi dei tassi di interesse a lungo termine e dei rischi legati all’inflazione. Tuttavia, di solito, questi fondi pensione non contano su molto capitale bensì investono in asset con tassi di interesse più elevato e più a lungo termine per garantire ai suoi pensionati determinati ricavi. Con il report pubblicato dalla Commissione europea, viene chiesto un prolungamento dell’esenzione in scadenza il prossimo agosto 2015. (ANSA).

4975570_orig

Chi vuol esser lieto sia, nel doman non v’è certezza”
Lorenzo de’ Medici”

(Canti Carnascialeschi, Canzona di Bacco) anno 1450 c.ca.

 

Disclaimer: non sono nè un esperto di pensioni, nè un attuariale, nè un giornalista e le mie possono essere tutte caxxate. Tuttavia, per il Vostro bene… verificatele…

Shares

Incoming search terms:

  • fondo cometa truffa
  • fondi e sicav forum
  • fondi pensionitici rischi
  • fondi truffa
  • fondo cometa cosa devo fare se l\azienda fa i versamenti dopo qualche anno
  • fondo pensionitipografi perdita rendimento
  • previdenza integrativa truffa
  • qual e la pensione piu redditizia
  • truffa fondi pensione
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Gianbattista

    Con questa comparazione e’stata presa in considerazione che comunque con un fondo aziendale il datore di lavoro ci mette di tasca sua il 50% ?

    • Consulente dei nuovi schiavi

      Anche per questo ci saranno sempre meno datori di lavoro in ItaGlia. Lei aprirebbe una azienda e assumerebbe allegramente? Io no e sono un Cdl, guardi è un disastro annunciato fare impresa in ItaGlia con una bella matricola INPS carica di dipendenti, magari 50% donne tra i 25 ed i 35 anni. Ahahahah finirò anche io a zappare la terra!

      • Dogui

        Non posso che sottoscrivere. Da quest’anno inoltre l’azienda in cui lavoro mi versa per dovere di legge , il suo 33 % in fondo pensione.

        • Consulente dei nuovi schiavi

          Sia chiaro che nn sono contro il fatto che il datore dia di più ai lavoratori, sono contro al fatto che ogni volta chi ci guadagna e solo la bestia statale, a volte ci perde il lavoratore, altre volte ci perde il datore ma, guarda caso, in un modo o nell’altro, la bestia mangia di più. Quando una delle due parti (datore o lavoratore) ci perde, ci perde sempre e cmq l’attività, è solo una questione temporale il vederne gli effetti. Nella disperazione industriale nella quale siamo arrivati si dovrebbe solo fare norme che lascino completamente fuori la bestia in modo da poter fare accordi win-win tra le parti. Senza la bestia è facile, credetemi, soprattutto in Veneto nn esiste la fantomatica contrapposizione classista tra datore e lavoratore. Sono fesserie di un becero sottosocialismo, il comunismo anche se più becero e classista almeno ci teneva alla produzione e la pianificata con tutte le cagate annesse.

      • mariobond

        Io che non sono CdL, ti dico che con il poco che so di queste cose, ho più volte rimandato l’apertura di una nuova attività per non rimanere intrappolato in un sistema talmente complesso e complicato, poi vedo gente che ci prova e penso, quello è pazzo oppure sa qualcosa che io non so su come schivare tutte le fregature a cui si va in contro burocrazia e tassazione. Spiegami cosa li spinge ad alcuni ad avviare una attività in queste condizioni in Italia di questi tempi

        • Consulente dei nuovi schiavi

          Esistono attività abbastanza sicure, tuttavia per partire, tutti i soci prestano attività, dipendenti a part-time ma lavorano anche 40 ore ma sono part-time in foglio presenze (meglio anche per l’irap), allegri buoni lavoro…. ripeto allegri…… come la penso lo dice il mio nome stesso, siamo tutti nuovi schiavi di questo sistema. In qualche modo, con tanto sudore e cercando di dare qualcosa in meno alla canaglia dell’ AdE in favore dei lavoratori e dell’attività stessa, con dipendenti che la maggior parte è gente seria e che si spacca, beh, si può sopravvivere,

  • Consulente dei nuovi schiavi

    Io sono un CdL e dico ai datori di dire ai dipendenti di lasciare il TFR in azienda e di non aderire a fondi, se hanno domande o problemi di dire ai lavoratori di chiamarmi. Io ho sempre cercato di aiutare gli altri a non prendere fregature, l’articolo dimostra che è una fregatura legalizzata.

    • Albert Nextein

      IO penso che il datore di lavoro debba versare il tfr ogni anno al dipendente.
      E che il dipendente si informi e si ingegni per fare fruttare i suoi denari.
      L’azienda non dovrebbe trattenere un centesimo dei tfr dei dipendenti.
      Mai, e neppure come opzione.
      Il dipendente si arrangia e si occupa del proprio sudore e dei propri denari.

      • Consulente dei nuovi schiavi

        Concordo, nella realtà ad oggi, i lavoratori che scelgono di avere per 36 mesi il TFR in busta è per pagare la finanziaria. L’evidenza empirica dimostra che siamo delle capre, senza che me ne vogliano i lettori di questo blog che escludo e soprattutto le caprette, sono utili, parche ed intelligenti.

        • Albert Nextein

          Specifico meglio.
          Quando dico che il tfr lo devono avere i dipendenti, io intendo tutto il tfr , che deve essere esente da ogni balzello.

  • Belaundeterzo Terzo

    Io mi rifiutai di aderire ma per un motivo semplice. In Italia gli imbroglioni hanno vita facile. E alla fine la fanno sempre franca.

  • Cartomante

    Perché, c’erano dei dubbi che andasse a finire così?

  • Franco Maraschi

    Bruciato il 32%, ma per fortuna il rimanente 68% e’ investito per la maggior parte in solidissima carta straccia di obbligazioni bond.

    • Massimo

      alla prox recessione come andrà a finire
      ce la faranno a dire
      “signori i fondi pensioni sono a secco”?

  • formic

    Colgo l’occasione per chiedere all’esperto se è possibile riavere, in parte o per intero, i soldi versati, i miei sono 28, per la pensione.
    Questo perchè penso che il sistema attuale sia uno schema Ponzi e che, forse, avrò diritto alla pensione solo quando vedranno il mio nome sulla lapide.
    grazie

    • Ronf Ronf

      Se il tuo nome è sulla lapide, allora non hai diritto alla pensione perchè il morto non ha capacità giuridica (perchè il morto non è in grado di firmare dei contratti).

  • Luca

    ho aderito ad un fondo pensione qualche anno fa’ sia con il tfr che con un cotrinìbuto di tasca mia. Appena ho letto il titolo dell’articolo mi sono preoccupato, ma poi leggendo non ho capito dove è la fregatura

    • Ronf Ronf

      I rendimenti dei fondi pensione (gestiti dai sindacalisti e dai politici – già dovrebbe bastare questo per farti capire dove sta la fregatura) sono inferiori al TFR, quindi tu paghi degli “esperti” che ottengono rendimenti INFERIORI prendendosi rischi SUPERIORI rispetto al vecchio Trattamento di Fine Rapporto.

  • LucaDj77

    Perché la tabella del confronto rendimenti si ferma al 2009? Forse perché nei sei anni successivi si è totalmente ribaltata? Giusto per fare un esempio i fondi aperti hanno reso in media nel 2012-2013-2014 il 9,1% 8,1% 7,5%, mentre il TFR il 2,9% 1,7% 1,3%. Una bella differenza. Se si conta poi che il Tfr subirà al momento del pagamento una tassazione separata (23% minimo) mentre i fondi il 23% massimo (ma solo nei casi peggiori, normalmente il 9-15%) c’è un ulteriore vantaggio. L’articolo puntualizza su casi patologici, come aziende truffaldine che non pagano i contributi, ma è forse questa la normalità? Si parla di scelta irreversibile, ma non è vero. La scelta è irreversibile solo se non si cambia lavoro. Se si cambia, basta riscattare per tornare “vergine” e poter rifare la scelta. Personalmente, in 10 anni di adesione ho accumulato un capitale non indifferente. Con il Tfr in azienda avrei avuto molto di meno. Sono contento di aver aderito e ho anche aumentato la mia contribuzione, dato che come investimento è molto più sicuro e redditizio di altri. Non lo so, io penso che la gente veda truffe e fregature ovunque, anche quando non ci sono o comunque le cose sembrano funzionare abbastanza bene, meglio che in altri settori.

  • milano1954

    i fondi pensione sono quelli che investono nelle varie ipo di regime, regalando i soldi dei polli a tutti gli avanzi della pattumiera delle pseudo privatizzazioni.e poi sono in prima fila a sostenere i corsi delle varie imprese di regime alla bisogna, ovvero a sottoscrivere obbligazioni incredibili….
    ma tanto per il risparmiatore italiota l’importante è fuggire dal mattone… invece i vari Cometa e soci pensano proprio ai loro risparmi…

  • Attilio

    Qualche tesi può essere valida ma nel complesso l articolo contiene forti inesattezze disponibile ad un confronto ad una tavola rotonda . Certo di poter affermare che la maggioranza dei fondi abbia battuto il Tfr come benchmark e poi molti si dimenticano che va sommato ai rendimenti anche il contributo datoriale . Chi non riconosce questo rischia di essere antagonista per partito preso della previdenza complementare che rimane se ben gestita anche con il contributo dei lavoratori che siedono nei cda in forma paritaria una delle riforme più lungimiranti degli ultimi decenni . Come del resto riconoscere che la pensione base non potrà più essere essere con tassi di sostituzione dei tempi d oro e chi non lo fa si arrocca su posizioni non sostenibili per il bilancio dello Stato e superata dalla storia delle ultime teorie delle politiche del welfare e dello stato sociale. Si combatta la evasione i contributi ridotti il sistema a ripartizione le pensioni di invalidità e la non separazione tra assistenza e previdenza e poi possiamo riparlare di chi sta andando o meno nella giusta direzione proponendo riforme sostenibili e non il no a tutto nell immobilismo che non fa certo gli interessi della classe lavoratrice cordiali saluti

  • Ronf Ronf

    Persino nel film “Scusa ma ti chiamo amore” c’è la propaganda a favore dei fondi privati

  • MaAncheNo

    La civiltà occidentale, di matrice anglosassone, protestante e capace di creare sistemi di regole di buon senso e inflessibili è terminata.

    Draghi ha ormai trasformato la BCE in una misto di FED e Banca d’Italia.

    I tedeschi stanno per votare Schulz cancelliere (ovvero un socialista, ex alcolista, calciatore fallito convertito in libraio).

    Gli USA ormai sono ridotti a uno sfacelo economico, morale e demografico.

    Rimarranno un paio di isole un pelo piú felici (Danimarca, Norvegia, Svizzera, Lussemburgo forse) e il resto andrà definitivamente a ramengo, tra varie religioni coi loro vari gradi di demenza, statalismo spinto con stati in continua alternanza tra fallmenti e inflazione, dementi fascisti verso dementi comunisti e QI in continua decrescita felice.

    Siamo in piena idiocrazia.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi