Moneta Digitale: #Bitcoin Oltre 630$, Non è Solo la Cina

Di FunnyKing , il - 54 commenti

Chinese-Girls-HD-Picture

Un fiume fatto di centinaia di milioni di euro, dollari, yuan…. sta aumentando la capitalizzazione delle criptovalute, a partire da bitcoin. Nelle settimane scorse abbiamo visto come principalmente il denaro stia arrivando dalla Cina. Bitcoin e altre criptovalute (anche Litecoin e Ethereum) sono perfette come mezzo per fare uscire Yuan dalla muraglia (anche bancaria) Cinese. Peraltro è un mezzo democratico, a basso costo e accessibile alle masse. I grandi capitali usano altri mezzi come ad esempio la sovrafatturazione verso Hong Kong:

20160608_chinaHKLOL

….ora ditemi voi se le attuali condizioni economiche globali giustificano il boom di import di (non si sa bene cosa) da Hong Kong alla Cina. No si tratta di Yuan che fuggono dal sistema finanziario cinese attraverso Hong Kong e false fatturazioni, in modo da aggirare il controllo dei capitali.

Ma Torniamo a Bitcoin:

Schermata 2016-06-12 alle 09.54.38

La performance a un anno è di circa il 200% ( e avete/abbiamo avuto tutto il tempo di comprare intorno a 250$, a proposito ora non c’è più nessuno che sfotte neh…. tutti zitti).

ZeroHedge questa mattina fa giustamente notare che i tentativi di rottura del prezzo verso l’alto avvengono nelle ore notturne (per l’Europa) dei weekend, e avvengono con volumi enormi sugli exchange Cinesi:

20160611_BTC5_0

Ok Coin è l’exchange Cinese che in certi momenti fa il 90% di tutti gli scambi mondiali su bitcoin (si avete capito bene 90%). I movimenti nei week end sono il sintomo che oltre ad una pressione dovuta all’utilizzo di bitcoin come mezzo di trasferimento del denaro (e anche di riserva di valore), potrebbe anche esserci una manipolazione dovuta all’altrettanto enorme mercato dei futures (a leva che arriva anche a 20x) sempre in Cina, in particolare alcuni trader mi hanno segnalato che spesso  queste spike servono anche a fare fuori gli stop loss o i margin call di chi si mette short (o long, quando bitcoin scende). In questo senso i week end sono perfetti per non avere troppe interferenze dagli altri mercati internazionali. Sia come sia, chi manipola bitcoin o altre criptovalute  non lo può mai fare contro il mercato ma solo accompagnare e amplificare un movimento già in atto.

E oltre alla Cina c’è l’Inghilterra con la sua sterlina…. e oltre a Cina e Inghilterra c’è tutto il magico mondo delle banche centrali che sta distruggendo la moneta. Insomma le criptovalute sono al posto giusto al momento giusto. E fate attenzione che il mondo evolve, non esiste solo bitcoin la fuori, a sapere scegliere bene si possono ottenere performace anche superiori al 200% fatto da bitcoin in un anno… e di molto.

 

 


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐


Shares

Incoming search terms:

  • criptovalute promettenti
  • very nice girl picture
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Alex

    Interessante articolo.
    Credo che le criptovalute…per i motivi esposti…abbiano ancora molta strada da fare rivoluzionando il concetto stesso di “moneta”.
    I progetti in campo sono davvero molti..ed è spesso difficile optare per l’una o l’altra.
    Personalmente detengo qualche bitcoin in un wallet offline…ma vorrei diversificare con qualche altra criptovaluta.
    Qui..su Rischiocalcolato talvolta leggo commenti di utenti molto competenti in materia..post che leggo sempre con molta attenzione.
    Secondo la vostra opinione…quali sono le più promettenti?
    Una buona giornata

    • Speranza

      Secondo me Ethereum e Bitshares, perché sono applicazioni

      • funnyking

        Ethereum certamente, bitshares è un underdog che può esplodere e fare x100 o sparire

        • Giusto! infatti mettere un piccolo chip su alcune scommesse è certamente conveniente….

        • Speranza

          Sono d’accordissimo, ma secondo me è in fase di accumulazione

      • Alex

        Grazie mille. Attualmente mi stó un pò documentando sul Litecoin che…a quanto pare…è la seconda criptovaluta più scambiata ma…Ethereum devo dire che è sempre più presente nei vari thread o discussioni sulla materia

        • Speranza

          Ethereum ha un potenziale enorme per via dei cd. smart contracts, che altro non sono che programmi che trasfericono valuta automaticamente al verificarsi delle condizioni preimpostate. I campi di applicazione sono vastissimi.
          FK, c’è qualche altro protocollo che farà concorrenza ad Ethereum in questo campo?

  • kenzo2k

    Possiamo interpretare tutto come vogliamo a nostro piacimento.
    Il 200% annuo vuol dire tanto e nulla.
    Il 200% è da minimi…mentre si è ancora molto sotto dai massimi.
    Usare criptovalute come INVESTIMENTO oggi credo sia sbagliato….o comunque alla pari di puntare tutto sul rosso alla roulette o andare sul forex a leva 500x (è pura speculazione, dove si può guadagnare o perdere, ma a prescindere dalla propria abilità, a meno di avere informazioni privilegiate che dubito chiunque qui dentro abbia).

    Le criptovalute sono il futuro?????
    Forse, ma tutto dipende se sono in mano o meno a chi ha il potere, ovvero un esercito caxxuto, e se queste possono fare il comodo loro e non di altri. Punto!

    capisco la fame di molti (forse tutti) per avere i %%% che furono, ma è inutile….oggi tutto quello che rende più di -0,01% è a rischio (e non poco).
    E nel rischio si risika oppure rosika, ma SENZA PREAVVISO, soprattutto se le mosse vengono fatte in modo spike….da ignoti…la notte….dall’altra parte del mondo.

    Siamo realisti per piacere.

    L’ideale è posizionarsi su investimenti che abbiano un beneficio commisurato al rischio.
    Il nome del sito è sacrosanto.
    Vantarsi di saper cavalcare coscientemente una criptovaluta oggi è come se un bambino pensasse di saper domare un mustang (poi se ci sale in groppa mentre è in buona….buon per lui….ma vallassapè prima….)

    Buona domenica uggiosa a tutti.

    • funnyking

      sicuramente sono il mio futuro e di quelli che ci hanno creduto con me, degli altri non mi frega nulla.

      • Andrea Negro

        Grande Fk, onore a te per avere avuto l’umiltà e intelligenza di passare dall’altra parte della barricata e di aver aiutato questo mondo a crescere

      • Lina

        Come è raddoppiata la valutazione questa può dimezzarsi in qualunque momento certificando l’inutilità di questa moneta come mezzo per prezzare merci e servizi reali.Era inevitabile che finisse così in quanto per comprare bitcoin serve utilizzare le valute già esistenti.LO SCOPO UNICO E’ LA SPECULAZIONE TRA VALUTE IN QUANTO I POLLI CAMBIANO EURO CON BITCOIN CHE VA IN BOLLA,POI CHI HA INVENTATO QUESTA COSIDETTA CRIPTOVALUTA LA VENDE E TRASFORMANDOLA IN BANCONOTE(unica valuta a corso legale forzoso non convertibile)REALIZZA VERO DENARO SPENDIBILE NELL’ECOMIA REALE.

        • funnyking

          e vabbeh intanto IO ho fatto oltre x3. Poi magari domani chissà.Ciao Ciao, mi raccomando eh… tutto in banca che li #staisereno

    • Hari Seldon

      Crittovaluta e bitcoin sono 2 cose diverse. Le crittovalute HANNO un futuro. Il problema semmai è quale delle tante esistenti o delle prossime ha più futuro. La tecnologia invece è qua per rimanere

  • formic

    le criptovalute sono il miglior strumento per imporre il marchio sulla mano dx,
    poi, se dovesse scopppiare una bombetta e friggere il sistema infor_natico, che se magna?

    • paolinks

      Il sistema informatico di cui parli e’ composto da miliardi di computer sparsi ovunque sul globo, connessi da milioni di km di cavi in rame, fibra ottica, link a microonde, laser e satellitari.

      Come ho scritto sopra, se si arriva il punto in cui Internet e’ completamente fritta, avremo ben altri grattacapi.

      Ti invito a riflettere sul fatto che Internet e’ usabile anche in zone come la Siria!

      • Ma infatti…poi se calcoli che la stragrande delle operazioni sono fatte via internet basta una settimana per far scoppiare il caos in tutto il globo. Finito il contanti (quello che hai in tasca non il disponibile sul conto) voglio proprio vedere come paghi. Quindi tutti questi catastrofisti/e tutto può succedere, il futuro rimane un mistero….tuttavia la diversificazione economicamente parlando e nel limite del possibile rimane cosa buona e giusta.

  • Angel

    Basterebbe una tempesta solare (più scientificamente, un’espulsione anomale di massa coronale) per ritrovarvi senza un bitcoin, e col culo ben piantato a terra. D’altra parte, neppure i raggi Gamma, la più potente emissione energetica dell’universo, possono qualcosa contro l’oro. Magari possono estinguere la vita su un pianeta, ma i lingotti vi dureranno in eterno. Bitcoin è un fragile castello di carte in balia persino degli eventi naturali, prima che dell’umana cupidigia 😀

    • bit77

      Mia nonna se non era morta era viva

      • Angel

        Invidio la vostra fiducia nelle umane e progressive sorti.

        • Andromeda

          Il più grande danno arrecato all’umanità è ad esempio rappresentato dalla fiducia e volontà luciferina di Berlusconi di rimanere ancora in campo nel mentre sempre più pressanti si odono le voci dei vermi della putrefazione di assaltare il suo corpo.

    • funnyking

      ohhh come roooosssichiiiiii (sapessi come godo a leggere commenti come i tuoi, proprio una sensazione fisica)

      • Angel

        Ti assicuro Funny: nessuna invidia, o rosicamento. Vi trovo solo molto “naïve”. Per quanto mi riguarda, il bitcoin è solo una “candela nel vento”, come cantava quello (non ricordo più chi, però).
        Personalmente non mi curo degli orgasmi procurati altrui, cerco solo di premunirmi 😉

        • paolinks

          Si ma tu parli di una soluzione per porterebbe al collasso dell’intera societa’ industrializzata. In un simile cataclisma credi davvero che il problema sarebbe la perdere dei Bitcoin? Io mi preoccuperei di piu’ del gorilla armato di machete che cerca di sfondarmi la porta.

      • E’ la solita storia della volpe e dell’uva.

    • Michele M.

      Assolutamente vero, ma se si “frigge” Internet, salta tutto il sistema monetario, commerciale e industriale mondiale. L’azzeramento dei Bitcoin sarebbe totalmente trascurabile, in tal caso.

      Se invece la cessazione della Rete fosse temporanea, basta che si sia preservata una singola Blockchain (ad es. quella sul mio PC) per poter ripartire, con la garanzia che nulla sia stato alterato (eccetto forse gli ultimi 2-3 blocchi).

      L’oro è certamente una valida alternativa ai BTC come assicurazione contro i crolli finanziari. Chi è previdente possiede entrambi.
      Ricordo che i BTC sono stati tarati da Nakamoto per arrivare al valore di 1 milione di $ l’uno. In tal caso, il Satoshi varrebbe esattamente 1 centesimo di $! (e il valore totale sarebbe sui circa 40.000 miliardi di $: molto elevato, ma pur sempre inferiore all’attuale capitalizzazione delle borse mondiali, che è circa 70.000 miliardi, senza contare obbligazioni e immobili). Non dico che ci si arriverà (mi accontenterei di 100.000 $!) ma sinora tutte le intuizioni del creatore dei BTC si sono rivelate corrette.

      • Hari Seldon

        Forse per arrivare a 1 milione il limite del blocco potrebbe rappresentare un grave impedimento

      • Alex

        Concordo.
        A parte i metalli preziosi ed i beni immobiliari…ormai è tutto dematerializzato…ed in sostanza ridotto ad una catena di bit conservati su server.
        Un collasso della rete o qualunque altra “apocalisse informatica”..annullerebbe di colpo ogni “ricchezza”.

        • Stemby

          E in ogni caso la resilienza di una rete p2p è nettamente superiore alle più diffuse soluzioni centralizzate.

      • Non sono stati “tarati” da nessuno per arrivare da nessuna parte.
        La previsione di 1 BTC = 1 Milione di $ al valore attuale del $ la scrisse Rick Falkvinge (uno dei fondatori del Partito Pirata Svedese) nel 2013.

        Rick è uno che si è investito i soldi della pensione quando 1 BTC = 2 $.

        Fai te quanti ne ha adesso (infatti si sente poco).

    • Cris Wien

      Se il sitema informatico mondiale va in panne, niente piu’ records di possessione di materie prime, conti in banca, pensioni, cetrali nucleari in panne, e computers bruciati. Bhe si a quel punto anche le criptovalute saranno sparite ma nessuno se ne accorgera’.

      P.s.
      a gamma ray burst ci ucciderebbe tutti

    • Mario B

      per una “espulsione anomale” di quel genere in grado di cancellare tutti i sistemi informatici e di archiviazione in tutto il globo, ci sarebbe da preoccuparsi di ben altro che dei BitCoin, internet è ideata e nata in funzione militare proprio per prevenire distruzione totale delle comunicazioni e informazioni conseguente ad un pesante e distribuito attacco nucleare ( peggiori delle tempeste solari da cui ci separano svariati milioni di km) ed è detta rete non a caso, le tempeste coronali di sui parla una stampa ormai dedicata al sensazionalismo a tutti i costi è in grado di danneggiare ( forse ) alcuni sattelliti di telecomunicazione, meteo ( ma non militari) , provocare pericolo per la stazione internazionale ed il suo equipaggio, sovraccaricare alcuni isolatori della rete elettrica terrestre più che altro verso le zone polari, che possono provocare squilibri sull’ intero sistema generando di conseguenza black-out a macchia , non certo distruggere a terra tutto il materiale informatico altrimenti ci sarebbe da preoccuparsi per le cellule, tessuti e mollecole nostre, Bit-coin riflette proprio quelle caratteristiche di resistenza della rete, sarebbe molto peggio per le informazioni centralizzate ( che si tutelano con back-up ma non così diffusi )

      • Angel

        Certo, ovviamente è un Gombloddo… Mai sentito parlare dell’ “evento di Carrington”?

        Da wikipedia:

        “L’Evento di Carrington fu la più grande tempesta geomagnetica o solare mai osservata dagli astronomi. Registrata il primo settembre 1859, deve il suo nome all’astronomo inglese a Richard Carrington che, grazie al suo studio delle macchie solari, fu precursore anche della Legge di Spörer.

        L’evento produsse i suoi effetti su tutta la Terra dal 28 agosto al 2 settembre.

        La tempesta provocò notevoli disturbi all’allora recente tecnologia del telegrafo, causando l’interruzione delle linee telegrafiche per 14 ore, e produsse un’aurora boreale visibile anche a latitudini inusuali (ad esempio a Roma[1], in Giamaica, alle Hawaii e a Cuba).”
        Si badi bene: la struttura tecnologica più complessa di allora era il telegrafo…
        Un evento simile oggi sarebbe disastroso per la civiltà. Quanto all’indistruttibilità di Internet a seguito di eventi elettromagnetici anomali, non so dove abbia letto quest’enorme sciocchezza che non voglio commentare oltre.

        • Stemby

          Se non si conosce la storia di Internet, nata come ARPANET, sarebbe stato meglio astenersi dal commentare già da prima.

          Aggiungo: l’oro non è a livello teorico così affidabile. In futuro potrebbe essere creato sfruttando reazioni nucleari, con conseguente svalutazione (inflazione). Al momento resta un “sogno” da moderni alchimisti, ma in futuro…

          In ogni caso, come già detto, in caso di disastri tali da distruggere TUTTE le copie della blockchain sparse per il mondo (ad oggi svariate migliaia) è probabile che a sopravvivere siano solo batteri o al limite qualche insetto, la cui economia non si basa sulla moneta.

          • Angel

            In un futuro, QUANDO ?? Per creare l’oro servono le pressioni enormi generate dalle supernove, ovvero i fenomeni più potenti, distruttivi (e creativi) dell’Universo. Basti pensare che l’esplosione di una supernova crea sì i metalli preziosi in poche frazioni di secondo, ma al prezzo dell’emissione di un’energia pari a quella prodotta dal sole in un miliardo di anni. Dubito che neppure in un lontanissimo futuro sapremo creare e gestire una quantità simile di energia…A meno che non ci trasformiamo in Divinità.

            Certo, Arpanet era “sicuro” nel 1969, con 4/5 nodi dislocati esclusivamente nel territorio americano. Ma anche allora viaggiava a corrente elettrica! E comunque, in caso di tempesta magnetica, come lo accendi il PC per accedere a internet, o semplicemente la luce di casa?

            Ma perchè rispondo, poi, boh…

          • Ha letto un articolo su come si genera l’oro nell’universo in modo naturale e pensa che sia l’unico modo.
            L’oro può essere prodotto anche in un normale reattore nucleare, partendo (se ricordo bene) dal piombo.
            L’unico problema è che il costo di produzione è più elevato del costo di estrazione.

            Ma l’oro, come il platino, non è poi tanto scarso nell’universo.
            L’oro è scarso solo sulla superficie terrestre (diciamo nei primi 5 km della superficie, perché sotto non c’è modo di arrivarci senza la tecnologia di Star Trek).

            Ma se i personaggi di Planetary Resources ( http://www.planetaryresources.com/ ) hanno successo, i metalli preziosi (ed altro) che si trovano sugli asteroidi che passano vicino all’orbita terrestre diventeranno accessibili.

            Uno solo di questi ha più platino di quanto ce ne sia nella crosta terrestre.

            “Although Planetary Resources says platinum from a 30-meter-long (98 ft) asteroid is worth US$25–50 billion,[55] an economist remarked any outside source of precious metals could lower prices sufficiently to possibly doom the venture by rapidly increasing the available supply of such metals.[56]”

          • Angel

            …alla modica cifra di un milione di dollari per grammo 🙂

        • Mario B

          Non ho capito perchè da per scontato che non sapessi dell’ evento di Carrington dato che mi interesso dei astronomia ed eventi solari ( da rendermi scettico riguardo al famoso riscaldamento globale umanoide ) per quanto riguarda l’ allora recente tecnologia del telegrafo ti credo che abbia subito delle disfunzioni dato che le linee telegrafiche non erano nè schermate nè interrate e piuttosto lunghe ideale per convogliare le forze elettromagnetiche ( persino quelle terrestri ), per le auroree boreali averle visibili fino a latitudini basse non fà che confermare l’efficenza dello scudo terrestre nei confronti di eventi solari inusuali ( e quanto sia importate la sua presenza ce lo dice Marte ), potrebbero subire questi inconvenienti anche le attuali linee elettriche ( sopratutto a nord del globo ) , ma superare elettromagneticamente le barriere schermanti dei sistemi informatici al suolo, distruggendone le informazioni contenute in tutto il globo, vorrebbe dire che anche a livello cellulare il problema sarebbe molto grave, troppo per preoccuparsi della sorte dei BTC,
          detto questo ritorno su internet ,nata dalla necessità americana di trovare una soluzione per sopravvivere ad un attacco massiccio da parte sovietica e rispondere ( effetto deterrenza ) e la soluzione fù proprio nei famosi nodi, non esiste un centro ma tanti nodi interconnessi a rete, se non li distruggi tutti ( e insieme ), i nodi ( o il nodo) sopravvissuto avrebbe scatenato la risposta. liberissimo di non credere a quanto scritto , non lo attingo da wikipedia troppo recente, ma dal mio passato trascorso nel periodo culmine della guerra fredda.
          che poi i giornalisti ci vogliono ricamare sopra con articoli catastrofici affar loro , tanto ho visto che in questo periodo stanno concentrando l’attenzione sulla quantità dei…….fulmini ( il che è tutto dire )

          • Angel

            La CORRENTE ELETTRICA…Da DOVE la prendi in caso di tempesta magnetica??

  • Angel

    Come sopra

  • Andromeda

    In caso di collasso finanziario, se avessi bisogno di un pezzo di pane per sfamarmi, ammesso e non concesso che la piattaforma pluridirezionale di internet dovesse ancora risultare funzionante, potrei pagare questo prezioso alimento salvavita in bitcoin? Ho il leggero sospetto che la Blockchain et similia siano solo delle abbaglianti ed illusorie evanescenze.

    • funnyking

      si

    • Stemby

      In caso di collasso finanziario Bitcoin con ogni probabilità si diffonderebbe a macchia d’olio, e sì, anche dal panettiere.

    • “Ho il leggero sospetto che la Blockchain et similia siano solo delle abbaglianti ed illusorie evanescenze.”

      Si può avere tutto i sospetti che si vuole.
      Ma non bastano per fare affermazioni sensate.
      Ci vuole anche un ragionamento logico e razionale dietro.

      • Andromeda

        Mi esprimo terra terra, in caso di collasso finanziario globale, con la popolazione inferocita si degenerebbe facilmente in rivolte e da qui in una “benefica e grandiosa guerra”, all’improvviso la bella vita tanto decantata dai vari mercato libero, grande bluff nel rifugio all’estero e nelle capacità salvifiche della Blockchain si sgretolerebbe innanzi alla impellente necessità di salvare la pelle dalle armi e dal caos generale di un mondo in fiamme. In un mondo globalizzato ed interconnesso le conseguenze sarebbero infinatamente peggiori di quelle di un 1929 e di una seconda guerra mondiale. Se credete che innanzi ad una scontro Stati Uniti Russia la nostra “bella vita” ne uscirà illesa siete degli inguaribili ottimisti ed amate trovare riparo nelle vostre affermazioni sensate e nei vostri ragionamenti logici e razionali.

        • Lei vede troppi spettacoli come “The Walking Dead” e roba simile.
          Un mondo che viene sterminato da dei morti senza mente che camminano lentamente non merita di sopravvivere (e uno si meravoglia come abbiano fatto a sopravvivere fino a quel punto).

          La storia e l’esperienza di vita mostrano come, in situazioni similmente stressanti, i gruppi si uniscano strettamente e collaborino tra di loro in situazioni dove la vita è in pericolo.

          Per esempio, durante la Prima Guerra Mondiale, sul fronte del Nord Italia, i bombardamenti tra Austriaci e Italiani (all’insaputa per un pezzo dei generali) avvenivano in modo “ritualistico”.
          Si sparava a determinate ore (in modo che il soldato nemico potesse mettersi al riparo) e il soldato nemico tendeva a comportarsi nello stesso modo. Così facendo si riduceva la probabilità di essere ammazzati su entrambi i fronti.

          Altro esempio: i feroci pirati dei Caraibi, erano feroci solo con chi non si arrendeva prontamente. Ma, in caso di resa immediata senza combattere, facevano il possibile per rispettare le donne e i prigionieri. Perché? Perché sapere di poter sopravvivere all’incontro con una nave pirata faceva venire meno voglia di combattere agli equipaggi rapinati. Se invece avessero saputo di essere torturati, stuprati, uccisi, venduti come schiavi o peggio, avrebbero combattuto fino alla morte.

          Al-Qaeda e l’ISIS (e altri) nonhanno praticamente mai catturato un soldato americano vivo. Perché? Perché i soldati occidentali sanno esattamente cosa gli capiterebbe se cadessero nelle mani di quelle bestie. E quindi combattono n modo molto motivato fino alla morte o all’esaurimento.
          Ricordo che nel 2004 i soldati britannici inchiodati in una posizione precaria (e senza rinforzi disponibili) hanno fatto un assalto alla baionetta contro una forza di miliziani shiiti che era 4-5 volte superiore alla loro. E li hanno fatti correre tanto velocemente. Va detto che vedere un manipolo di “pazzi esaltati” urlanti che ti arrivano addosso con le baionette (30 cm di lama) in canna e non si fermano nemmeno se gli spari fa riconsiderare l’uso del pannolone in battaglia (per non lasciare tracce visive ed odorose che il nemico può facilmente seguire anche dopo giorni).

  • Cris Wien

    “Vola vola vola uccelin!”

  • Renziano di Ferro

    Avevo convertito tutto in altcoin, perché BTC mi sembrava al capolinea, tutto il famoso casino core/classic (al di la degli inevitabili interessi particolari) mi puzzava di progetto non scalabile, e invece ha avuto questa fiammata qui’, se le altcoin (almeno quelle più interessanti) i prossimi giorni non stanno al passo……boh!?

    • funnyking

      Io da più di un anno differenzio (non converto tutto) in alcune alt: bcy, eth, dcr, bts su alcune sono in mega gain su altre in perdita nel totale però le alt scelte bene possono esprime un potenziale enorme. Tuttavia abbandonare bitcoin no, affiancarlo si.

      • Speranza

        Eth ha rotto i 15$ e i 100¥

      • Renziano di Ferro

        Eth stà tenendo il passo alla grande, ma è già da qualche mese che non è più da considerarsi una semplice altcoin credo.

        Tutte le altre è veramente dura farci un ragionamento sopra (escluso BCY li è facile, se il gioco piace e si diffonde sempre più tra i Nerd è fatta sennò no).

        Lisk (che a naso come progetto ha cmq. senso) pensavo che era la solita truffetta e invece i pischelli che ci stanno dietro mi pare di capire che non sono scappati con il malloppo e da qualche settimana su poloniex ha il volume di scambio più alto dopo ETH……ma magari scapperanno a breve. A saperlo….

  • Speranza

    È stata una gran bella giornata, ora cosa succederà domani all’apertura degli uffici?

  • Marco Dal Prà

    Scusate la pignoleria ma il termine corretto, a mio modesto parere, è CRITTOMONETE, e non Criptomonete.
    Si chiamano CRITTOMONETE perchè sono basate sulla CRITTOGRAFIA, ovvero un metodo per rendere un messaggio “offuscato” in modo da non
    essere comprensibile a persone non autorizzate a leggerlo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi