Janet Yellen: la Houdini del ventunesimo secolo

Di Francesco Simoncelli , il - 11 commenti

di James Rickards

Harry Houdini è stato il più grande escapologo del XX secolo. Si liberò da manette appositamente realizzate per lui, da tronchi sommersi e una volta riuscì addirittura a scappare dopo essere stato sepolto vivo. Ora Janet Yellen cercherà di diventare la più grande escapologa del XXI secolo.

La Yellen è ammanettata ad una crescita debole, a tendenze deflazionistiche persistenti, allo stallo politico e ad otto anni di manipolazione del mercato da cui non sembra esserci scampo. Eppure c’è un modo affinché lei e la FED possano liberarsi dalle loro manette economiche, almeno nel breve periodo. L’unica via di fuga per la Yellen è quella di far diventare il dollaro carta straccia. Gli investitori che riescono a vedere tutto ciò in anticipo, possono fare guadagni spettacolari.

La Yellen e la FED devono affrontare molti ostacoli, come Harry Houdini, nel tentativo di sfuggire ad un potenziale crollo della fiducia nel dollaro statunitense e ad una possibile crisi del debito sovrano degli Stati Uniti. Diamo un’occhiata ad alcuni degli ostacoli — e ai possibili “trucchi” che potrebbe usare per fuggire.

Il primo e più importante ostacolo per la politica della FED è l’economia degli Stati Uniti ormai morta. I dati trimestrali del PIL sono stati volatili negli ultimi tre anni, con una crescita reale annualizzata fino al 5% nel terzo trimestre del 2014 e un minimo di -1.2% nel primo trimestre del 2014. Non abbiamo visto una crescita persistente o una tendenza — fino ad ora almeno. Infine, vi è un’altra tendenza e non è una buona.

La crescita annualizzata reale negli ultimi quattro trimestri è stata del 2.0%, 0.9%, 0.8% e 1.2%, per una crescita media dell’1.23%. Questa è una tendenza che condurrà gli Stati Uniti in una crisi del debito sovrano. I deficit sono ancora oltre il 3% all’anno e saliranno alle stelle man mano che i baby boomer andranno in pensione e rivendicheranno i benefici della previdenza sociale e del Medicare. Infatti l’economia degli Stati Uniti ha percorso la linea piatta ad un livello che non può sostenere la nostra spesa in deficit. Date un’occhiata al grafico qui sotto…

Il secondo ostacolo sulla strada della FED è una tendenza deflazionistica persistente. L’economia degli Stati Uniti non è ancora in deflazione. Ma ci sono potenti forze deflazionistiche derivanti dalla demografia, dal debito, dalla riduzione della leva finanziaria e dalla tecnologia. Questo tema è importante perché i problemi del debito pubblico potrebbero essere risolti con un po’ d’inflazione. (L’inflazione non è un buon affare per voi, ma la FED non se ne cura. Si preoccupa delle banche.)

L’inflazione contribuirebbe a risolvere il problema del debito degli Stati Uniti, perché ne abbasserebbe il costo reale. Rendere sostenibile il peso del debito non vuol dire una crescita reale; vuol dire una crescita nominale. La crescita nominale è quella che si ottiene quando si aggiunge inflazione alla crescita reale. Ad esempio, se la crescita reale è del 2% e l’inflazione è del 2%, allora la crescita nominale è 4%. Dal momento che il debito viene ripagato con dollari nominali, non reali, allora il 4% di crescita nominale è sufficiente a rendere sostenibile il debito anche se i deficit sono del 3% all’anno.

Il problema è che l’inflazione non è al 2% (quello che la FED vuole). In questo momento, l’inflazione è più vicina all’1.5%. Con un 1.5% d’inflazione e una crescita reale dell’1.23%, la crescita nominale è solo del 2.73%. Questo non è sufficiente per sostenere deficit superiori al 3%.

Il terzo ostacolo sulla strada della FED è lo stallo politico. La FED potrebbe essere in grado d’innescare una certa inflazione se potesse impiegare “l’elicottero monetario.” L’uso dell’elicottero monetario richiede la cooperazione tra Casa Bianca, Congresso e FED.

In sostanza, la Casa Bianca e il Congresso sarebbero d’accordo su massicci programmi di spesa e su deficit più grandi. Il Tesoro finanzierebbe i deficit mediante l’emissione di più obbligazioni. Poi la FED acquisterebbe le obbligazioni con denaro stampato e prometterebbe di non vendere i titoli. Il debito rimarrebbe sepolto nel bilancio della FED, forse per sempre se venissero utilizzati bond “perpetui”.

Sfortunatamente per la FED, quest’anno non c’è quasi nessuna possibilità per l’elicottero monetario. Ci sono le elezioni presidenziali negli USA. Deve prima vedere quale partito controllerà la Camera e il Senato, e poi cercherà di raggiungere un consenso su un nuovo programma di spesa. Questo non accadrà fino al febbraio 2017, come minimo. Quest’anno, quindi, gli USA continueranno lungo la linea piatta.

Il quarto ostacolo sulla strada della FED è la sua corsa disperata contro il tempo. La FED ha bisogno di alzare i tassi d’interesse in modo che li possa tagliare quando arriverà la recessione. Il problema è che l’economia degli Stati Uniti potrebbe finire in recessione prima che la FED possa normalizzare i tassi d’interesse. Se la FED non può tagliare i tassi per far uscire l’economia dalla recessione, potrebbe finire in una depressione permanente, come è successo in Giappone.

La mia opinione è che gli Stati Uniti sono stati in depressione sin dal 2007 (definita come crescita persistentemente sottotono). Il Giappone è stato in depressione per oltre 25 anni; gli USA sono stati in depressione per nove anni. Il mondo intero sembra stia andando nella stessa direzione.

Ecco i numeri. Gli economisti stimano che la FED debba tagliare i tassi d’interesse di circa 350 punti base per compensare gli effetti di una recessione e per stimolare un ritorno alla crescita. Oggi il tasso dei Fed Funds è allo 0.25%. La FED dovrebbe alzare i tassi di altri 325 punti base prima della prossima recessione per poi tagliarli di nuovo e combattere la recessione.

Il problema è che l’espansione economica media negli Stati Uniti, a partire dal 1980, è durata 79 mesi. L’espansione attuale è già durata 85 mesi. In altre parole, la prossima recessione è già in ritardo.

Se la FED si precipiterà ad aumentare i tassi ora, causerà la recessione che sta cercando di evitare. La politica attuale della FED è stata quella di non fare nulla e sperare per il meglio, ma questa strategia sta esaurendo il suo tempo.

Queste sono le manette della FED — la crescita debole, la deflazione persistente, niente elicottero monetario e nessuna possibilità di tagliare i tassi per evitare la recessione. Come può la FED sfuggire a questi ostacoli? Come può la FED ottenere l’inflazione di cui ha bisogno per sostenere il debito e per facilitare l’aumento dei tassi?

Per queste cose utilizzo il sistema IMPACT e prevedere variazioni dei tassi di cambio sulla base di inflazione, deflazione, tassi d’interesse e altre politiche delle banche centrali. Il sistema IMPACT utilizza le tecniche dell’intelligence che ho appreso durante i miei giorni alla CIA, in modo da prevedere attacchi terroristici e altri shock geopolitici.

Il sistema IMPACT cerca quello che gli analisti dell’intelligence chiamano “indicazioni e avvisi”, i quali sono unici per un particolare corso di eventi. Una volta che vengono individuati, l’analista si ritrova un’idea abbastanza chiara di quale sia il percorso preso e quale sarà la destinazione finale.

La destinazione finale della FED è l’inflazione — ne ha bisogno per sfuggire alle sue manette. Quali sono le indicazioni e gli avvisi riguardo l’inflazione da un punto di vista politico?

Ci sono quattro modi per ottenere l’inflazione quando i tagli dei tassi sono fuori discussione: elicottero monetario, valuta mondiale, prezzi dell’oro più elevati e guerre tra valute.

Come già detto, l’elicottero monetario è probabile nel 2017, se c’è volontà politica al Congresso e alla Casa Bianca. Ma l’elicottero monetario non garantisce l’inflazione. Persone e aziende potrebbero semplicemente risparmiare il denaro o ripagare i loro debiti, invece di spenderlo. Questo comportamento annulla “l’effetto moltiplicatore”. Ma questo non significa che non verrà utilizzato in ogni caso.

Il secondo modo passa per il Fondo Monetario Internazionale e l’emissione di valuta globale: diritti speciali di prelievo, DSP. Questo può accadere durante la prossima crisi finanziaria globale, ma non accadrà nel breve periodo. Il FMI si muove più lentamente rispetto alla FED. I DSP possono essere emessi in dimensioni sufficienti per innescare l’inflazione nel 2018. Ma è improbabile che avvenga prima di allora.

Il terzo modo passa per gli stati e l’impostazione di un prezzo più alto dell’oro, forse $3,000 l’oncia o più su. L’idea non è quella di premiare gli investitori in oro. L’idea è quella di svalutare il dollaro rispetto all’oro in modo che il prezzo in dollari di tutto il resto salga. Il governo degli Stati Uniti ha seguito questa strada con un certo successo nel 1933, quando fece salire il prezzo dell’oro del 70% nel bel mezzo della Grande Depressione.

Tuttavia, questo metodo è così estremo dal punto di vista dei banchieri centrali che non mi aspetto venga implementato, tranne che nelle circostanze più disperate. Potremmo aspettarcelo per il 2019, ma è improbabile che accada presto. Ciò non significa che l’oro non salirà di per sé. È solo che gli investitori non devono aspettarsi nel breve termine che il governo mandi più in alto il prezzo dell’oro come azione ufficiale.

Se possiamo aspettarci l’elicottero monetario nel 2017, i DSP nel 2018 e un prezzo dell’oro più alto nel 2019, cosa possiamo aspettarci qui e ora? Come può la FED innescare l’inflazione nel 2016?

C’è solo un modo per fuggire in questo momento — guerre tra valute. La FED può cestinare il dollaro ed importare inflazione sotto forma di prezzi più elevati delle importazioni.

Un dollaro più a buon mercato è un gioco complicato, perché si tratta di altre valute. Se il dollaro scende, qualcos’altro deve salire. Non sarà lo yuan cinese o le sterline inglesi. La Cina e il Regno Unito hanno già seri problemi di crescita e hanno bisogno di una valuta a buon mercato.

Se il dollaro scende, allora le tre forme di denaro che devono salire sono lo yen, l’euro e l’oro.

Saluti,

[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Maximus

    Sarà un caso, ma Houdinì era ebreo come Janet Yellen.

    • Ronf Ronf

      Per favore, evitiamo di cadere in ridicole controversie. Gli stronzi sono stronzi a prescindere dalla religione. Io neanche sapevo di che religione fossero questi 2 prima di leggere il tuo commento, ma ritenevo la Yellen una “truffatrice” tanto lo stesso. Personalmente da ateo io me ne frego di che religione è la Yellen o altri.

      • alex

        Di che religione sia, concordo, chi se ne frega. Di quale “etnia” sono, questo è un altro discorso, molto più complesso.

      • Maximus

        Senti, amore. Di ridicolo quì c’è soprattutto la tua osservazione.

        Intanto non ho mai detto che la Yellen sia stronza e nemmeno gli ebrei. Tutt’altro.
        Gli stronzi sono altri.

        Ti ricorso che il precedente capo della Fed era Ben Shlomo Bernanke : ebreo pure lui

        Prima di esso il capo della Fed fu tale Allen Greenspan che la diresse per ben 18 anni: casualmente era ebreo pure lui.

        La Fed è per caso diventata ebraica per usocapione.
        Se a te queste cose sembrano dettagli, per me non lo sono: questione di differenti sensibilità.

        La religione non è un semplice orpello dell’esistenza, come credi tu. te lo dico da ateo, quale sono pure io.

        Indicativo è il caso della Fed che non sarebbe altro che un consorzio di banche ebraiche. Azionisti della Fed di New York sarebbero:
        Rothschild Bank di Londra e Berlino,
        Lazard Brothers di Parigi,
        Israel Moses Seif Banks Italia,
        Warburg Bank di Amburgo e Amsterdam,
        Lehman Brothers di New York,
        Kuhn Loeb and Co. di New York,
        Goldman Sachs of New York,
        National Bank of Commerce NY/Morgan Guaranty Trust,
        Hanover Trust di New York.

    • alex

      Sarà un caso che nell’ ultima “esibizione”, a causa dei ripetuti “colpi”, ci rimase secco?

  • Alcoor26 .

    Ma cosa è che sono di preciso i DSP del FMI??

  • TheoGattler

    Credo che l’unica ancora di salvezza per gli statunitensi sia rappresentata dal relativamente basso livello di tassazione diretto ed indiretto.
    Una volta che la Clinton avrà assestato la stretta di vite definitiva al 2 emendamento, saranno pronti per l’aumento esponenziale della tassazione e gli statunitensi si ritroveranno anche loro con le pezze al culo.
    Noi nel frattempo le avremo già da tempo.
    Бог благословит Россию

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi