Costituzione italiana: perifrasi dell’art.16

Di JLS , il - 16 commenti

Dal manuale del perfetto democratico taGliota: esercizio acrobatico (art.16)

Costituzione Italiana, Art.16 – “Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche. Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge.”

costituzione-art-16

Continua il corano statalista a codificare un’altro diritto. Il fatto stesso di codificare un diritto, equivale al potere di sospenderlo o ritiralo alla bisogna. Ne consegue che l’avverbio “liberamente” è solo uno delle centinaia di trucchi linguistici, di cui il corano statalista è pieno zeppo. Infatti:

LIBERAMENTE, cosa vuol dire?

  1. senza autorizzazione
  2. senza autorizzazione/controllo
  3. senza autorizzazione/controllo/limitazioni

Il termine Libertà era imprecisato all’art.13 ( https://www.rischiocalcolato.it/2016/10/perifrasi-della-costituzione-puntata-13.html ) , imprecisato rimane pertanto anche l’avverbio “liberamente” dell’art.16.

In realtà, sebbene non sia “ancora” richiesta alcuna autorizzazione per circolare e soggiornare all’interno dei confini nazionali, gli spostamenti e i soggiorni sono totalmente monitorati. Quindi liberamente, una beata fava !!

Se compri un biglietto del treno, usi l’autostrada, alloggi in un albergo , transiti da qualsiasi provinciale, via comunale, mulattiera, ogni tuo movimento è tracciato, registrato e documentato per sempre.

Nel paese con la più bella costituzione del mondo, in hotel devi presentare la carta di identità per un Regio Decreto del 1931, sebbene la guerra sia finita dal 1943 e la repubblika delle banane si dichiari da allora antifascista. Bastano e avanzano i primi 16 articoli della magna charta taGliota, per trasformare uno sano di mente in un piromane.

Qualche giorno fa in un hotel di Boario Terme, mi hanno chiesto anche il Codice Fiscale. Il mio stupore mi è valso soltanto la filastrocca ad orologeria della receptionist: “ma signore, non sa che è un obbligo di legge! Ho timidamente risposto: noooo, non posso crederci signorina, sono rimasto al 1931.

Proseguendo: secondo l’art.16 chiunque non risulti cittadino (unico soggetto richiamato),  non può quindi circolare o soggiornare liberamente. Qualcuno mi spiega allora, come si introducono, gironzolano, soggiornano da decenni in questa fogna di paese, individui provenienti da ogni angolo del pianeta che non sono appunto, cittadini?

L’art.16 indica in motivi di sanità e sicurezza, i due unici ambiti ove possono subentrare limitazioni o divieti alla libera circolazione e soggiorno. Praticamente tutto.

Sarà sempre l’autorità di turno e le leggi a stabilirlo alla bisogna.

Davvero emblematica nell’art.16 rimane l’esclusione categorica delle ragioni politiche dai motivi di limitazione o divieto alla circolazione e al soggiorno. D’altro canto i padri costituenti si trovarono subito ad un bivio : costituirsi o farsi politici? Optarono tutti compatti per la seconda, evitando accortamente di costituirsi per passare la vita dietro le sbarre, passando alla storia per “costituenti”.

Solo gli iscritti a un partito o organizzazione politica godono della libera circolazione e soggiorno nella repubblika delle banane. Si spiegano molte cose.

L’apoteosi dell’art.16 viene comunque raggiunta con l’espressione “circolazione fuori dai confini nazionali

Cosa significa salvo gli obblighi di legge?

Avere forse in sospeso una pena?

Ok, ci sta. Ma perchè con una pena a carico, si è ancora a zonzo ?

Avere forse in sospeso tasse, cartelle, debiti da pagare?

Dovrebbe quindi essere vietato l’espatrio a tutti, partendo da mattarella, capo di uno stato debitore per oltre 30 miliardi di euro, nei riguardi di migliaia di imprese private.

Non aver forse votato all’ultimo referendum? Non aver pagato il canone?

Deduco quindi che è sufficiente creare un obbligo di legge per ritirare la facoltà di espatrio.

L’art.16 conferma lo stupro della Libertà, con l’enunciazione di inviolabili principi, subordinati prontamente a non meglio precisate norme e obblighi di legge. Stabilite da chi? ma ovvio! dagli eredi contemporanei dei padri costituenti: parlamentari e senatori taGlioti.

Personalmente non sono affatto sorpreso della plateale truffa costituzionale. Le acrobazie linguistico-religiose, per usare la legge come arma di potere, e non come limite invalicabile dal potere stesso, ne sono la vergognosa evidenza.

E dopo esservi azzuffati sul nulla per mesi fino al 4 dicembre scorso, cari cittadini: circolare, circolare !

Shares

Incoming search terms:

  • art 16 costituzione esempi
  • art 16 cosa comporta
  • il cittadino italiano è libero di uscire dal territorio
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi