La Tempest(ina) che Verrà, State attenti al Bund

Di FunnyKing , il - 21 commenti

schermata-2017-01-11-alle-19-33-05

Calma piatta per ora sulle piazze finanziarie, almeno così sembrerebbe.

In realtà però si è innescato qualcosa che non si vedeva da parecchi anni, ovvero una inversione del trend al ribasso dei rendimenti sui titoli di stato, anche quelli europei.

Un trend che a mio parere continuerà fino a quando effetti palesemente negativi non esonderanno dai mercati finanziari alle economie reali, in particolare quella tedesca.

Ad oggi la Germania ha un problema legato a tassi troppo bassi, una situazione che ne sta minando (come nel resto d’Europa) il sistema bancario e quello previdenziale, oltretutto vista la svalutazione dell’Euro sul Dollaro la Germania non ha bisogno di altri stimoli monetari e dunque da ora in poi spingerà per fare risalire in maniera ordinata i tassi di interesse.

Il mercato come ovvio sta solo cercando di anticipare il trend.

Dobbiamo anche ricordare che Mario Draghi esaurisce il suo mandato a fine 2017, e toccherà di nuovo ai “nordici” toccare palla a Francoforte. Se in questi anni di allenamento quantitativo selvaggio, i paesi mediterranei non hanno preso profitto cavoli loro.

Comunque, attenzione alla soglia di 0.4% di rendimento sul bund decennale, tasso ancora assolutamente ridicolo e lontanissimo dai rendimenti sul t-bond americano. Inutile fare notare che il bengodi finisce anche per gli italiani, diciamo che se dovete fare un mutuo meglio farlo ora.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Feuerbach J

    A me pareva di ricordare che il mandato di Draghi scada a fine 2019 e non 2017.

    • Marco Oro

      Anche io io rete ho trovato come scadenza del mandato il 31 ottobre 2019

      • FP

        Se non ricordo male quel giorno volarono botte da orbi con -6% in tutte piazze finanziarie.

      • Franco Maraschi

        Confermo ottobre 2019, quasi 2 anni ancora. Ma tanto l’euro finisce prima…

  • marcoferro

    Tutta Europa, e tutta la sua vita economica è appesa al filo del Tapering della BCE di Draghi. Il Tapering è il momento certo e già annunciato nel quale la BCE finirà di tenere viva l’Europa comprandogli trilioni di euro di assets (Statali e privati) che altrimenti nessuno vorrebbe o che altrimenti avrebbero prezzi stracciati e tassi alle stelle. Il Tapering di Draghi è oggi l’oggetto di discussione frenetica di tutti gli AD di ogni singolo istituto finanziario del Pianeta. C’è il totale panico ed è panico vero. Da noi chi ne parla? nessuno….

    • Zappatore

      Condivido in pieno ma si sa l’Italopiteco medio deve pensare ad Lisa dagli Occhiblu che faceva lo spione con la figlia del dottore. Il 99,9 % degli Italioti figli Mamma Stato non sa un cavolo di finanza nè gli frega niente. Ho molti amici spagnoli laureati e non di cui molti che non hanno frequentato economia e qualcosa di finanza nè sanno. Siamo uno dei peggiori popoli al mondo ! La colpa è la mentalità statale instaurata negli anni. A Morte lo STATO parassita dei liberi Individui !

      • Zappatore

        PS non me nefrega un cavolo degli altri ! L’importante è che non rompano le palle loro e il caccoso Monte Paschi e le altre banchette ! Viva la Scuola Austriaca

      • marcoferro

        condivido, io vivo all’estero, precisamente costarica e da lontano seguo le vicende italiane ed europee. questi forum sono importanti perche ci scambiamo opinioni e idee. aiutano a creare il pensiero critico diciamo…

        • Zappatore

          non conosco il Costa RIca. Spero si paghino meno tasse che in Italia (non è difficile). Chissà se il Costaricano medio ne sa più di finanza dell’italiano medio (anche questo non è difficile). In Italia siamo intrappolati tra una classe politica indegna (papponi dei più grandi) ed un popolo bue con una mentalità statalista che non la estirpi neanche se gli spieghi le cose col cucchiaino. Comunque un altro poco (il tempo di sistemare un paio di faccende e mettere a posto un altro paio di persone) e faccio le valigie anche io. (Giovane, laureato, spero intelligente, un piccolo risparmio e via). L’Italia perderà altra ricchezza e importerà al posto mia una bella risorsa di quelle tipo: Africano, senza un cent, che non sa dire 2 parole, arrapato, senza voglia di lavorare. C’est la vie. La verità che non me ne fotte un cavolo nemmeno di essere italiano. Mi fotte solo il fatto che questo stato ladro e parassita deve campare sulle mie spalle ! Devono fare una brutta fine. Hasta Luego !

          • marcoferro

            buonafortuna, e se proprio devi, scegli un buon paese….

          • Zappatore

            Grazie

  • Zappatore

    Calma piatta… la quiete prima della tempesta ! C’è un bel conto da pagare… soprattutto in Europa !

  • Nicola

    Il mandato di Draghi finisce nel 2019..,

    • giggi251

      Draghi dura otto anni: è stato nominato ad ottobre 2011 quando il governo Berlusconi è andato in crisi; quindi scadrà nell’ottobre 2019. Ecco perché tutti parlano di default dell’Italia a fine 2019. Un banchiere nordico non darà spazio ai paesi mediterranei e Trump ha altri problemi più grandi che salvare i paesi mediterranei ( ammesso che in europa le elezioni vadano secondo i desiderata del establischement)

      • MaAncheNo

        Il prossimo banchiere centrale sarà tedesco, olandese o finlandese.
        Altrimenti l’Euro salterebbe al 110% per ragioni politiche.

    • Zappatore

      il mandato di Dragi è vero finisce nel 2019, ma l’anno prima (2018) è visto in genere come un mero periodo di transizione. Non puoi stabilire un QE nel 2018 se l’anno dopo non ci sei più, per questo Draghi operativamente finisce nel 2017. Nel 2018 al massimo può fare un mini QE da 30-40 Mld. per i primi 3-4 mesi giusto per dare ossigeno durante le elezioni in FALLITALIA che vincerà il GRILLO cog…one parlante con quel deficiente di Di Maio. Faranno vincere Grillo per spaventare la Germania e ricattarla. AHAHAHAHAH poveri illusi. Sic redono che i tedeschi sono come noi. Che banda di deficienti

      • cavallo pazzo

        I tedeschi sono più stupidi di noi visto che negli ultimi anni si sono fatti fregare decine di miliardi dai parassiti di Wall Street, surplus commerciali “investiti” in prodotti finanziari. Peraltro noi abbiamo MPS fallita, ma loro hano Deutsche Bank che è fallita, e mi sembra un problemino un po’ più grosso. Giusto un tantino. Vero, noi siamo come il cugino fancazzista che vive di esedienti ed è simpatico. Ma loro sono il cugino che si fa il culo in fabbrica 10 ore al giorno e poi compra il sale da Wanna Marchi e risponde alla mail del principe della Nigeria. Non so chi sia messo peggio dei due…

        • Zappatore

          i tedeschi però hanno il terrore dell’inflazione ed in Germania è all’1,8 % ufficiale. Quindi significa che la reale è molto di più. Questo li frenerà. Per quanto riguarda Deutsche Bank è vero che ha dei problemi, però dipende da che derivati ha. Tutti si sciacquano la bocca con la parola Derivati, è diventato un mantra. Sento parlare di Derivati anche dal Salumiere :”la colpa è dei Derivati, i Derivati ueeeh ueeeh salam murtadell”. La verità è che dipende da che derivati hanno. Coi derivati si possono anche un bel pò di soldi se si è dalla parte giusta. Poi mi sembra che le multe ad U$RAELE le abbiano pagate sia VW che DEUTSCHEBANK.

      • Nicola

        Zappatore, sei un grande! 😉

  • pol pot

    Siamo in una deflazione da debiti , il QE 4 è quasi sicuro. Quasi………

    • Zappatore

      col cavolo che i tedeschi lo permetteranno (giustamente) ! Già ci hanno concesso un anno in più. Ma si sa l’Italiota medio guidato dai PAPPONI Politici alla Grillo o Salvini o quel bugiardo di Renzi vogliono fare i debiti, vogliono ancora più moneta fiat ! Svaluta svaluta. PS L’inflazione è tutta una balla. Non rispecchia niente di reale. Loro stampano stampano ma l’inflazione non sale perchè ci sono dei paradigmi che dicono quante panetterie devono esserci per Tot. abitanti. Se chiude una arriva Invitalia o Prestitalia prende un cog..one qualunque gli finanzia € 30.000 e l’offerta è di nuovo aumentata, di conseguenza i concorrenti non possono alzare i prezzi. La domanda è sempre la stessa perchè quante baguettes possono mangiare tot. abitanti? Sempre lo stesso numero.

      Il Libero mercato come è concepito oggi è una balla colossale. E’ tutto pianificato. Se chiude un Supermarket, tempo due mesi ed arriva un altro col finanziamento. E’ così su tutto. Per questo i prezzi non aumentano. E questo meccanismo permette loro di stampare stampare stampare. Prendono 2 piccioni con una fava. Mantengono alta l’offerta ed hanno i locali commerciali fittati in modo da sostenere il mercato immobiliare che altrimenti andrebbe da -50 % a -100 % in alcune zone d’Italia dove praticamente non c’è più mercato. Solo capannoni abbandonati.

      Poveri i coglioni che ci cascano !!!! E’ una cazzata hahahaha come diceva Gordon Gekko

      Il tutto a danno dei tedeschi che loro si stanno per vedere l’inflazione vera. Di fatto già c’è sull’immobiliare tedesco. Si sono rotti e rischiano grosso con questo giochetto del QE ! Loro qualcosa hanno da perdere (un sistema efficiente). Noi NO ! La nostra catastrofe sarebbe la fortuna dei tanti Italiani onesti ed intelligenti ! COMRPATE ORO e Franchi svizzeri !!!!!! tic tac tic tac tic tac

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi