I Francesi sono Fottuti

Di FunnyKing , il - 167 commenti

banner_spi_01

(carina… dall’alto)

Per lavoro…. vabbeh scherzo, per una cosa divertentissima che ho deciso di fare per lavoro sono a Parigi, proprio ora ad un meetup che precede l’Edocon (e se non sapete cosa sia, meglio che vi aggiornate). Mentre scrivo Vitalik Buterlin sta spiegando cosa è eteherum e la sua storia, grande rispetto a Vitalik ma questa parte la so mi sto annoiando quindi scrivo un post.

Su Parigi e su quello che ho visto in 3 ore di giri intorno a Place de la Repubblique.

Degrado, insicurezza, sporcizia e fondamentalmente un sacco di gente a ciondolare in giro.

Vi consiglio di ascoltare questo podcast di Francesco Carbone io me lo ascoltavo mentre giravo per Parigi. Vi assicuro che anche nel centro di Parigi si percepisce chiaramente un senso di insicurezza e decadenza, non oso neppure pensare cosa siano le periferie, l’unica nota positiva rispetto a quello che vedo normalmente in Italia è la quantità di bambini e giovani rispetto alle teste bianche.

Poi c’è qualcosa di ancora peggiore, mi riferisco ad un senso di rilassatezza collettivo che non deriva però da avere raggiunto un risultato o da sapere di poterlo raggiungere. Mi riferisco a qualcosa di negativo, molto spesso mi sono azzardato a definire gerti giovani italiani che scendono in piazza per il “uelfer” degli Zombi.

Ebbene ho visto più Zombi che esseri umani a Parigi. Tenuti in vita dallo Stato. (ascoltate il podcast ne vale la pena). I Francesi sono completamente fottuti, nell’anima e nel cuore. Siamo molto ma molto oltre all’Italia.

E tanto per dire: Parigi è un cesso.

Magari ci sono posti carini per turisti e si, ok, bellissimi palazzi, piazze monumenti. In mezzo a merda di cane, graffiti ovunque, facciate scrostate e una quantità di ceffi da galera da paura. (in piazza mi sono spaventato per un paio di soggetti su cui Lombroso avrebbe scritto un trattato).

Che volete che vi dica, avvilente.

p.s. la Le Pen può vincere ma non cambierà nulla è solo un altra socialista/statalista del cazzo, come ogni singolo politico e quasi tutti i cittadini Francesi. Faranno una brutta fine.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Johnny Palomba

    Embe, ti stai facendo amici in Francia…

  • Consulente dei nuovi schiavi

    Almeno i francesi hanno ancora voglia di far casino andando a prendersi presunti colpevoli per il collo, in ItaGlia nessuno protesta se non per la TAV.

    • AndreAX

      Bisogna vedere chi è che anima le strade….. da quel che vedo non sono gli autoctoni che preferiscono la via politica, salvo restarne delusi come probabilmente accadrà.

  • Gianox

    Beh, è quello che dico da tempo anche io: la France c’est foutue.
    La Francia, anche se quella del sud, la conosco assai bene, e quando dico che, malgrado tutto, gli italiani non hanno poi così tanto da invidiare ai francesi, lo dico con cognizione di causa.
    Anzi, l’ho scritto proprio oggi nell’articolo di Blondet. Nonostante tutto, i francesi invidiano gli italiani. Non lo diranno mai apertamente, ma se parli con loro lo percepisci.
    Si sentono schiavi, ma la loro grandeur li porta a negare la verità.
    Noi siamo certamente incamminati su una brutta china, ma loro sono avanti, nel peggio.
    In ogni caso, va detto che da sempre Parigi non è Francia. E’ una cosa a sé.
    .

    • MaAncheNo

      Che ci invidino dubito, che sotto sotto sappiano che sono messi male quasi quanto noi, lo sanno ma non lo ammettono.

      • Gianox

        Invece, secondo me ci invidiano proprio.
        Forse perché vedono ancora nell’italiano quello che loro erano un tempo. D’altronde, noi siamo 70 anni che siamo bombardati dalla propaganda buonista della sinistra; loro dalla fine del XVIII secolo.

        • Caio Giulio

          Il problema è che loro hanno inventato con i giacobini il comunismo, altro che carletto, e ne sono anche fieri.

    • gianni

      Con 10 milioni di persone Parigi potrebbe essere considerata quasi uno stato con la sua cultura , mentalità….

  • MaAncheNo

    Funny la prossima volta che ci vai, prendi il bus di linea che va dal De Gaulle al centro (quello che ci mette piu’ tempo, di linea).

    Senza esagerare, passerai 1 ora piena su 90 minuti circa di viaggio in Africa. Non in un posto che sembra vagamente l’Africa…proprio in Africa.

    • gianni

      Ahahahah , Parigi sono stato 10 anni fa e mi dicevano che e’ divisa in zone , in una sono tutti e dico tutti musulmani

      • SDM

        Tutta Seine-Saint-Denis e Barbès, anche se le zone islamizzate si vanno espandendo molto rapidamente. Lì anche le donne miscredenti cominciano a girare imbacuccate.

        • MaAncheNo

          Non e’ solo questione di islam.

          Passi un’ora sul bus, con fermate ogni 2 minuti, in cui non sale un bianco e in cui la gente si veste con abiti tipici africani.

          Per un’ora intera, con fermate ogni due minuti. Non rende l’idea finche’ non lo provi di persona.

          • AndreAX

            Ma vivi a Parigi?

          • MaAncheNo

            No ci son stato un paio di volte e ho preso l’autobus di linea invece prendere quelli rapidi.

            Parlo correntemente francese pero’. il che ovviamente mi ha aiutato a conoscere MOLTI francesi, oltre a darmi la possibilita’ di leggere i giornali in quella lingua.

  • Lorenzo Ghiselli

    Leggendo l’articolo ed alcuni commenti, ricordo che i francesi hanno fatto una rivoluzione che ancora c’è la ricordiamo. Magari la storia si ripeterà..

  • biafra66

    ….io ricordo anche un terribile odore di urina nelle strade! Ma era due anni fa….ora magari anche peggio. Parigi non è nei miei programmi…no proprio no.

  • gianni

    Tra l’ altro e’ una settimana che ci sono disordini a Parigi , gente di tutte le razze che fanno a botte con poliziotti , auto incendiate

  • Grazie FK per aver dato corpo ad una sensazione che avevo. E scommetto che anche in Germania è così.

  • Giesse

    E’ tutta l’europa occidentale che è fottuta. Mica solo da francia. Se in futuro ci sarà una rinascita dell’identità collettiva, partirà dalle piccole comunità.

  • SDM

    SOCIALISMO-STATALISMO

    Ecco la formula magica che rovina tutto.

    Lo stato sociale atrofizza e castra i cittadini. Solo la necessità risveglia la virtù.

    Vi credete che nella linda Svezia sia tutto perfetto? No: se vi voltate nell’angolo sbagliato, calpestate spazzatura e rischiate lo stupro.
    ALMENO molti di noi italiani (ancor di più fino a dieci anni fa) evadiamo le tasse e ci risparmiamo, chi può, di pagare per servizi mai conosciuti. La tristezza è che in Nordeuropa la gente paga senza cercare la scappatoia: in questo caso la mentalità mediterranea è molto più aggiornata coi tempi.
    Il loro magnifico socialismo li appiattisce e li ingrigisce. L’invasione dal terzo mondo completa l’opera.
    Posso capire che vi siano quartieri degradati, ma almeno quelli di lusso, dopo tutto il denaro che uno gira al comune, dovrebbe essere in buone condizioni.
    Mah, forse nel futuro sarà più vincente la concezione all’americana o alla brasiliana, dove la città fa schifo ma tutti i ricchi e i benestanti vivono rinchiusi in quartieri separati da muri e cancelli in cui c’è parecchia sicurezza e grande pulizia. Almeno chi riesce ad alzare qualche soldo può aspirare a non vivere in discariche a cielo aperto con orde di relitti umani autoctoni e dal terzo mondo. https://uploads.disquscdn.com/images/137109dbc960195e03eb7bd3149230c340d5b0e3b3701b7c6df5d3200ae2bdcd.jpg https://uploads.disquscdn.com/images/213b4b1f9c480626a576ec7e3bcc5a37e4bd8539e8327f15812127b0802de8b3.jpg https://uploads.disquscdn.com/images/8ffa8e7fa9146e168c5dd764ec4d59e0361d5c2200591655abf9fe5e2400d935.jpg https://uploads.disquscdn.com/images/239f1eba31f4cfeb30682eab048dd9ca32897e7db156d84c310805e8007a06bd.jpg

  • Il_disturbatore

    … ehhhh che sara”…. le nuove risorse ed il loro way of life… si sa che le nuove risorse sono portatori di civiltà….

    • gianni

      Ihigihih

    • andrea xxl

      È vero, è vero, lo dice anche la boldrini.

  • what you see is a fraud

    Emmanuel “Rothschild” Macron: The Globalists’ Response to Trump, Putin, and Le Pen.
    http://www.fort-russ.com/2017/02/emmanuel-rothschild-macron-globalists.html

    • Ronf Ronf

      Stai tranquillo: Macron farà la fine di Balladur (terzo posto nel voto del 1995)

      • fnatile

        Lo spero proprio, ho gli incubi la notte di vederlo all’ Eliseo

        • Ronf Ronf

          Di solito il centro (ieri UDF, oggi EM) parte forte poi scendere (vedi il 1988, 1995 e 2007) e farsi superare dal centrodestra: comunque, se il centrodestra arriva terzo… allora si estingue. Nel 2002 si salvò grazie all’eliminazione di Jospin (PS). Notare il Tiggì del giorno dopo del I turno del 2002 con “Chirac vuole la formazione di un partito unico di centrodestra a suo sostegno” ://www.youtube.com/watch?v=dLFsEkogzUA

  • Mister Libertarian

    Il socialismo porta sempre alla rovina e all’estinzione le società che lo adottano. Non è un sistema che può durare nel tempo, perché spinge i parassiti a diventare sempre di più e i produttori a diventare sempre di meno, fino al crollo.

    • AndreAX

      Il problema è che pur non potendo durare può TORNARE è come l’Herpes una volta che te lo sei preso te lo sei preso e se ne va solo una volta che muore l’ospite.

  • giggi251

    Se hai queste brutte sensazioni a Parigi, se vai a Roma ti consiglio di prenotare qualche seduta dallo psicanalista perché rischi di cadere in depressione. Il brutto di tutto questo è che si fanno previsioni economiche positive in tutta Europa quando ci troviamo ad un passo dalla recessione. Non so come se ne esce

    • AndreAX

      Io lo so finisce in scontri tra poveri come lasciano intendere la situazione economica e per chi si diletta di esegesi numerose fonti profetiche.

    • gianni

      Tutta la civiltà occidentale e’ al capolinea

    • gianni

      Di solito gli umani da queste situazioni ne escono con le guerre

  • AndreAX

    E’ vero nel contesto socialista bisogna distinguere varie declinazioni, mi limito a quelle accennate nell’articolo:

    1 Il Socialismo all’italiana è come l’Ebola uccide dando segno di sè quindi chi è intelligente a sufficienza si guarda dall’epidemia e riesce a sopravvivere. E’ autolimitante in virtù della sua mortalità.

    2 Il Socialismo europeo (soprattutto tedesco e nord europeo) è come l’HIV è un virus evoluto prima che capisci di averlo hai infettato tutto il possibile. Non lo togli mai di dosso e quando lo capisci è ormai tardi sei in avanzato stato di immunodeficienza. Anche qui è una dote naturale quella di far sembrare che il sistema regga.

    Per me non c’è storia messo con le spalle al muro il primo è meglio del secondo al primo si sopravvive al secondo mah… purtroppo questo si vede nel tempo e in ciò sta la fregatura.

    • GattoMaculato

      Mah… io il nord Europa “socialista” l’ho sempre visto messo benissimo, prima che arrivasse l’invasione dei selvaggi ciabattanti. Tanto che è molto difficile pensare che non sia stata voluta appositamente per sfasciarlo… concordo sul fatto che, invece, il socialismo all’italiana e alla francese sia niente più che un cancro.

      • AndreAX

        E’ solo apparenza se conosci la logica sottostante comprendi la non sostenibilità nel tempo, infatti è solo una questione di tempo; questa differenza temporale dipende da molte variabili che nel medio periodo danno effettivamente l’idea di funzionare e funzionare bene e qui sta il tranello perchè quando quei socialismi verranno giù faranno mooolto più male del nostro, da noi infondo dallo stato nessuno si aspetta nulla e questa è la nostra salvezza là invece questo sentimento non esiste e questa sarà la loro rovina.

  • Ciaone

    Penso tutta l’Europa sia fottuta, magari i popoli anglosassoni si salveranno…forse…

    • AndreAX

      Mah Londra non mi pare tanto diversa come idee certo la gangrena non è al medesimo stadio.

      • cenzino fregnaccia pettinicchi

        Mi pare che le differenze tra le due metropoli siano minime e, col tempo, destinate ad azzerarsi. L’Europa è in declino.

  • ForzaKarolina

    Socialismo, liberismo ecc… sono tutte cose interessanti ma che vengono dopo, MOLTO dopo IL PROBLEMA NUMERO 1 cioè L’IMMIGRAZIONE!
    Se la Le Pen ferma l’immigrazione e rimpatria con la forza (e con la volontà politica di sopportare anche morti e violenze) qualche MILIONE di queste merde africane bisognerà fargli un monumento!
    Poi quando l’avrà fatto potremo parlare di tutto il resto…. e ci saranno altri leaders più preparati… ma se c’è un’emergenza non chiamo l’ingegnere super-esperto che tanto piace a te Funny… chiamo il pompiere che mi sfonda la porta e mi trae in salvo!

    • Caio Giulio

      No, certe zucche non lo capiscono proprio, tifosi delle loro convinzioni economiche dei miei coglioni che chissà da dove provengano i soldini da manipolare.

    • Ronf Ronf

      L’esercito obbedirebbe ad un ordine della Le Pen sulle espulsioni?

      • AndreAX

        ecco questa è una domanda sensata per me la risposta è NO perchè? Perchè sono nell’esercito come nelle banlieu….

        • Caio Giulio

          Non serve mica l’esercito per imbarcare i clandestini.

          • AndreAX

            Beh qualcuno che tenga in mano i fucili non lo vuoi? O pensi di risucire a convincerli chiedendoglielo perfavore?

          • Caio Giulio

            Si chiama polizia o gendarmeria caro, e con l’esercito non c’entra nulla 😉

          • AndreAX

            Suvvia non facciamo i cavillosi ha semrpe un fucile e un distintivo questo voleva essere ils enso.

          • Caio Giulio

            Infatti nota l’occhiolino e leggi sopra.

          • Ronf Ronf

            La polizia obbedirebbe ad un ordine della Le Pen sulle espulsioni?

          • Caio Giulio

            Pena il licenziamento in tronco e le tutte varie conseguenze per insubordinazione: CREDO PROPRIO DI SI’, ma non solo, con tutto il beneplacito dei milioni di francesi che si sono rotti i coglioni e che eleggeranno la Marine.

          • Ronf Ronf

            Io ho forti dubbi sulla fedeltà delle forze armate / forze dell’ordine.

          • Caio Giulio

            Sono le prime vittime della prepotenza di questi inutili selvaggi, basta vedere l’imponente protesta dopo che due sono stati bruciati vivi. Tranquillo, saranno i primi che non aspettano altro.

          • Ronf Ronf

            I vertici militari FR su ordine GER potrebbero ordinare l’assalto contro l’Eliseo pur di NON lasciare l’Euro e la UE (e forse pure la NATO). Ci siamo dimenticati di fatti del maggio 1958?

          • Caio Giulio

            La Polizia non è militare, questo lo sai? Come dovresti sapere che è di gran lunga superiore in numero all’esercito che ormai non conta un cazzo.

          • Ronf Ronf

            Riformulo meglio: i vertici di polizia e gendarmeria rispetterebbero gli ordini della Le Pen oppure starebbero fermi come nel maggio 1958 quando i vertici militari dissero al Capo di Stato Rene Coty “di muoversi, pena ritorsioni, in fretta” riportando De Gaulle al governo?

          • Caio Giulio

            Forse non hai capito bene che sarebbero proprio loro i primi, come con il generale, a sostenere la Marine.

          • Ronf Ronf

            Non penso che i vertici di polizia, gendarmeria e forze armate siano vicine al FN. Comunque in Grecia abbiamo Alba Dorata che ottiene il 50% dei voti della manovalanza (non dei vertici)

          • ForzaKarolina

            Se le forze dell’ordine non dovessero rispondere (cosa che onestamente trovo molto difficile da credere… per es. come in USA con Trump mi aspetto resistenze su altri livelli tipo magistratura) la Le Pen potrebbe appellarsi direttamente ai cittadini. In Francia non sono pecoroni come noi e passano alle vie di fatto se necessario.
            L’importante è che ci sia una VOLONTA’ POLITICA NETTA di farla finita con gli africani! Non solo di non farne entrare altri (cosa anche molto semplice da fare ma di impatto minimo) ma espellendo con la forza quelli che sono già entrati.
            O si ha le palle per fare questa cosa, sostenendo nel breve anche un costo molto alto (sicuramente succederà un casino allucinante con tanto di morti e violenze importanti) oppure la partita è persa prima ancora di iniziare. A quel punto parlare di pil, tasso di disoccupazione, euro ecc.. non ha più senso!

          • Ronf Ronf

            Papandreou (Pasok, socialista) poco prima del crollo del suo governo (inizio novembre 2011) dovette cambiare i vertici militari perchè temeva un Colpo di Stato: cosa succederebbe se ci venisse presa da Fillon la decisione di “andare verso la Russia” oppure addirittura se Marine Le Pen decidesse di uscire dalla NATO per conto suo? De Gaulle nel 1966 ha fatto l’uscita dal comando integrato della NATO con la sua firma lui da solo ai sensi della Costituzione ancora oggi vigente: ma a quel tempo l’esercito era compatto al fianco del suo Presidente. Mi sa che al giorno d’oggi persino un Fillon sarebbe in pericolo visti gli enormi interessi in vigore: poi ti invito ad andare su scenarieconomici.it a leggerti gliarticoli di Mitt Dolcino su Le Pen, oro dei tedeschi e Mediaset, ti assicuro che ne vale la pena. Sul resto hai pienamente ragione: bravo!

          • Fabio E. Nategh

            Se la Francia vuole lasciare nato ed euro nessuno può fermarla, neanche Germania e stati uniti.

          • Giorgio Ansan

            Scusa, non vorrei sembrare cavilloso ma la Gendarmeria francese è un corpo militare o se si preferisce sotto giurisdizione militare e dipende dal Ministero della Difesa non dal ministero degli Interni (infatti ha anche compiti di polizia militare)…..

          • Caio Giulio

            Non propriamente, a livello di ordine pubblico, praticamente il 99%, rispondono al ministero degli interni.

      • ForzaKarolina

        Tu sei molto più titolato a rispondere di me a questa domanda…

        • Ronf Ronf

          Il precedente del maggio 1958 depone parecchio contro il Capo dello Stato (il moderato di centrodestra pre-gollista Rene Coty dovette chiamare De Gaulle al potere su “ordine” delle forze armate che NON avrebbero garantito la pace in caso di rivolta popolare: a causa della vicenda citata poi il centrodestra pre-gollista, cioè “la diccì” e la “destra storica”, si estinse).

      • mac

        SE Marine vince, è perché votata dalla maggioranza dei Francesi (non ha alleati). Storicamente le forze armate (e la polizia) sono politicamente schierate più a destra della società media: se la Le Pen prende il 51% in Francia, tra le forze forze armate prenderà di più. Non avrà il supporto di tutti, ma della maggior parte si.

    • GattoMaculato

      Che poi il socialismo dei paesi del nord Europa non era affatto male: i cittadini non erano lasciati nell’indigenza e l’economia funzionava ugualmente molto bene, altissimo tasso di istruzione, salute e benessere… poi sono arrivati i politici folli che hanno spalancato le porte all’invasione delle cavallette, il modo più veloce per distruggere la civiltà tanto faticosamente costruita. Chissà, forse sono stati scientemente infettati dal virus ciabattante proprio perché quello era un socialismo che funzionava *troppo* bene, altri avrebbero potuto prendere esempio… e quindi fine dello sfruttamento del crony capitalism, che vuole sempre più schiavi senza diritti e del suo (apparente) opposto catto-comunismo , paradiso dei parassiti. L’opposizione è solo apparente, perché in realtà, nel pazzo mondo in cui ci troviamo oggi, queste due follie sono l’una la stampella dell’altra: il problema del catto-comunismo è il dato di fatto che, i soldi delle tasse altrui, a forza di venire regalati a torme di nullafacenti ma tanto riproducenti, prima o poi finiscono. E lì aspetta al varco il crony capitalism, pronto a sfruttare le folle immiserite dagli stati sociali crollati sotto il peso di orde di mantenuti.

  • Cavaliere Blu

    Il socialismo c’entra poco, in Francia è esistito per un secolo e fino a 30 anni fa Parigi era bellissima.
    Il problema è l’ethnos dell’umanità che sta sostituendo quella autoctona. Se importi gli scarti degli scarti di popolazioni che hanno come massima espressione di progresso le capanne di fango o le tende beduine, e come civiltà la pastorizia nomade o la spoliazione, quello che ottieni è la merda che trovi a Parigi.
    Comunque ad aprile vince la Le Pen, garantito. Spero solo che tutta Europa si ribelli all’invasione in modo coordinato, altrimenti i paesi più deboli (leggi Italia) diventeranno la discarica della feccia di tutta Europa.

    • Martin Lutero

      Diventeranno? Perchè l’Italia non è già una discarica di materiale umano, e anche dei rifiuti tossici? Mi sono perso qualcosa?

    • so_matic

      … ma non solo, bisogna anche dare serie opportunità di istruzione, altrimenti anche i figli degli ingegneri si ridurranno alle capanne di fango

      • Cavaliere Blu

        No, senza istruzione diventeranno elettricisti, idraulici, muratori, metalmeccanici, manovali, etc., tutti elementi essenziali di una società evoluta.
        Le scimmie che ciondolano nelle banlieu invece sono irrecuperabili, se le obblighi a frequentare la scuola impareranno a malapena l’alfabeto, e non sto scherzando.

        • so_matic

          per ‘seria istruzione’ intendo quella formazione che ti porta ad avere discernimento …

          • Cavaliere Blu

            Gli anglosassoni hanno portato l’uomo sulla luna, i latini hanno creato la cappella sistina e San Pietro, gli africani si sono fermati alle maschere di legno.
            Ci sono le eccezioni, certo, ma la qualità di una società è data dalla media dei suoi membri, non dagli elementi di spicco.

          • paolo

            Guarda che rispetto alle scimmie sono intelligentissimi… in fondo i negri dopo l’uomo sono la seconda specie più intelligente del mondo animale

          • Fabio E. Nategh

            L’intelligenza si misura in progresso scientifico. La saggezza no. E neppure la spiritualità. Per molti aspetti africani o pellerossa sono meglio degli occidentali. Qui attualmente la gente non ha il senso della parola, dell’ onore, del Sacro, della famiglia e della natura.

    • AndreAX

      Siccome la storia è un continuum di cause effetto è errato considerare la recente politica (che poi non è manco tanto recente) come slegata dalla radice socialista che l’ha invece posta in essere.

      • Cavaliere Blu

        Giusta la premessa, solo che il socialismo c’entra poco qui.
        Questa involuzione è stata voluta e pianificata dalle elites atlantiste per rendere l’Europa inoffensiva e facilmente soggiogabile.
        Secondo te, perchè l’ebreo George Soros spende milioni per finanziare le migrazioni dall’Africa, pilotare le elezioni e ostacolare i governi sgraditi in Europa?

        • AndreAX

          Devi capire che uso socialismo nel senso più lato possibile e non nella accezione italica da prima repubblica. Socialismo è: COERCIZIONE VERSO IL PROSSIMO. Difatti dal mio punto di vista Soros è un socialista. Di conseguenza per me ad esempio il socialismo è sempre esistito anche quando non si chiamava socialismo anche prima delle Internazionali; è un modo di pensare il prossimo sè stessi e il mondo.

          • Cavaliere Blu

            Soros ha un patrimonio di 25 miliardi di dollari. Mi spieghi che cazzo c’entra col socialismo? Venderebbe te e la tua famiglia se potesse ricavarne dei soldi, altro che coercizione verso il prossimo.

          • gino monte

            secondo lui anche un asteroide è socialista 🙂

          • AndreAX

            Come sempre riesci a stupirmi in bene! XD effettivamente con questa battuta hai sottolineato il mio procedere d assolutista perciò t dico che sotto le giuste premesse potrebbe davvero essere così ahahah XD

          • AndreAX

            Eh vedi scambi socialismo con pauperismo… i capoccia nei sindacati e nei partiti del popolo hanno sempre dormito su sette cuscini! Questo t ela dice lunga su come questo modo di pensare e luoghi comuni che è riuscito a creare condizionino il pensiero persino di chi magari se interrogato nega ogni relazione. Vendere me e la mia famiglia E’ COERCIZIONE VERSO IL PROSSIMO

          • Fabio E. Nategh

            Coercizione?? Anche un padre fa coercizione per educare e pure il fascismo faceva coercizione. E pure il capitalista fa coercizione. Il punto dirimente è capire a cosa serve la coercizione. E quella socialista ben venga altrimenti il pronto soccorso te lo paghi come un qualsiasi cinema o paio di scarpe.

    • MaAncheNo

      Senza socialismo tale sostituzione (di mantenuti) non sarebbe possibile ne’ incentivata, come invece lo e’ in Francia da 30 anni almeno.

      • Cavaliere Blu

        È un fattore che aiuta, ma non è la causa prima. Ripeto che questa invasione è stata scientemente pianificata per fini che non hanno nulla di umanitario, ma solo di manipolazione e sfruttamento da parte delle elites atlantiste.

    • winston-universe

      Quoto
      Il partito socialista spagnolo si oppose alla migrazione di massa già negli anni 90 è costruì un muro alto 5 metri.
      Governi socialisti del europa del est si opposero radicalmente alla migrazione di massa, con successo.
      I verdi austriaci sulla questione migranti non si deferenzia molto dalla destra estrema FPÖ.
      Dietro a questa migrazione o megli invasione di massa c’è dietro un sistema, socialismo centra poco o niente.

    • Big Grim

      La Merkel ha già fatto sapere che vuole espellere tutti i migranti che non hanno diritto di stare sul suo territorio. Se in Francia dovesse vincere la Le Pen, provvederà quanto prima a rinviarli oltre confine (cioè in Italia). Se a questi ci aggiungiungiamo che la Marina continuerà a salvarne (ops! volevo dire scaricarne) centinaia al giorno, prelevandoli direttamente sottocosta libica, ne consegue che il nostro Paese è letteralmente ”circondato”, dovendosi appioppare tutti gli scarti dell’Ue (provenienti dai Paesi del Nord e dalla Francia), tutti quelli ”inviati” dagli scafisti e, come ciliegina sulla torta, non bisogna dimenticare che una certa quota (anche se minima) entra dall’est, attraverso il Friuli.
      Risultato: l’Italia si appresta a divenire la ”cloaca maxima” di tutta la negritudine del Pianeta!!! Tutti a spese degli Italioti.

  • Mele

    Il Tavistock può aver deliberatamente demolito la cultura occidentale, può aver progressivamente deteriorato il rispetto per i valori della famiglia, delle guarentigie costituzionali, delle arti, della musica moderna, del cinema e dell’architettura. Tutto ciò si può fare pagando. Si assumono architetti esteri incapaci, e strapagati, per rovinare Roma, Parigi e le città italiane ed europee, s’impongono orari restrittivi e altri disagi per impedire gli accessi ai musei, si mettono sculture oscene in metallo nei parchi e nelle piazze, anche in città non italiane, rovinando quel poco di bello che hanno, si lanciano, con i milioni, cantanti rep e registi incapaci, per produrre musica e cinema sempre più scadente, eccetera eccetera..

    Abbattere le fondamenta culturali? Va bene, pagando si può fare. Controllando tutte le università e tutti i canali di comunicazione, si può ottenere una popolazione mondiale perfettamente ignorante sui fatti del mondo, della storia e della vita contemporanea.
    Sono squallidi meccanismi riscontrabili in tutto l’occidente.

    • Alessia la Kazara atea

      Licio Gelli lo scrisse: piano di rinascita democratica.

  • funnyking

    non sono d’accordo con voi. Il problema principale non sono i Neri o i Magrebini. Sono proprio i Francesi. Hanno il socialismo e l’assistenzialismo nell’anima. I neri stanno solo prendedno il potere su una massa di zombie imbelli annebbiati dai soldi pubblici e dal debito.
    Lo ripeto la Le Pen non servirà a un cazzo.

    poi…. è vero a Parigi si è un tantinello esagerato con le risorse….

    • AndreAX

      Aggiungo una provocazione. Per quanto possano apparire barbari sono molto più legati a un mondo fatto di tradizioni che si tramandano, e in questo senso uomini migliori degli europei attuali; poi tali tradizioni possono anche ripugnarci ma bisogna intendere che la medesima MODALITA’ di esistere ed essere è sopravvissuta sino al 1950 circa anche da noi, va da sè che non erano gli stessi valori.

      • Mister Libertarian

        Esatto, ma la sana cultura conservatrice da noi è durata fino al 1968, non fino al 1950.

        Gli anni dal 1950 al 1968, anni di ultra-tradizionalismo morale in tutto l’Occidente, sono stati i migliori in assoluto dal punto di vista economico e demografico.

        Poi dal 1968 in poi sono cominciati i disastri.

        • Dado

          ………..no!!!!!!!! ma cosa dici, sei PAZZO!!!!! Il femminismo ha fatto solo che bene!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! MATTO, MATTO, MATTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Cavaliere Blu

      Voglio pensare che ti sbagli. 🙂

  • enzo paludet

    oggi pomeriggio camminavo x pordenone , tutti barbari in giro , mamma mia . . .

  • Caio Giulio

    Insomma , alla fine levata la patria del formaggino è tutta una merda: ma cambia disco e scendi dal piedistallo ogni tanto!

  • Svicolone61

    Concordo in pieno.
    Un paio di anni fa presi qualche volta la metro e la RER. Veramente peggio di una città del terzo mondo africano, tra degrado, sporcizia e facce scure e tristi.
    Le periferie di Roma e Londra, a confronto, sembrano giardini popolati da vichinghi.

  • winston-universe

    Situazione in Germania.
    Un Siriano con 4 donne è 23 figli riceve 30.030 € di aiuto sociale al mese.
    Non è un caso unico.
    http://www.denken-macht-frei.info/syrer-mit-vier-frauen-und-23-kindern-erhaelt-monatlich-ca-30-030-e/
    Sè va avanti così in pochi anni in Europa avremo dapertutto Le Pens, Salvinis è Wilders al potere.
    Alternativa, collasso caotico del Europa intera.

    • marcoferro

      lui scopa a tutta forza e i tedeschi devono parargli il mantenimento dei figli ? stanno fuori di testa, lo devono castrare subito altrimenti questo continua……

  • Parigi é peggiorata enormemente negli ultimi 8 anni. E’da un po’che non ci passo ma alle cinque del pomeriggio la fermata metro Gare du Nord era praticamente una filiale di Nairobi. Con i pancabestia tra il binario 6 e il binario 8 con cani molossi senza museruola…

  • fabbri73

    Il vero problema è, paradossalmente, la democrazia. Bene io mi chiedo : cosa siamo disposti a sopportare per mettere una croce del cazzo su simboli ormai svuotati da ogni senso ideologico? Siamo disposti a sopportare rapine ormai quotidiane? Corruzione diffusa in ogni ambito? Immigrati che sfruttano un sistema sociale creato e costato sudore e soldi ai nostri padri? Io personalmente no. Tra una dittatura “illuminata” che mi garantisce sicurezza a tutti i livelli e questa FINTA democrazia, preferisco la prima. Non so voi.

    • Lucio

      Il sistema Putin, in Russia sta’ funzionando alla grande.
      Eppure Mosca mi è sembrata tutto tranne che vittima di una dittatura.
      Hanno ancora bisogno di tempo per portare benessere e ordine anche nelle aree rurali e centri minori.

      • Mauro Rossini

        Non entro nel merito dell’ordinamento politico russo, ma negli ultimi 10 anni ci sono stato 4 volte, sempre in moto (che è un mezzo che ti rende molto semplice entrare in rapporti con gli indigeni, non ti percepiscono come un turista se arrivi impolverato e magari infangato….) Sono sempre stato ad ovest degli Urali ma sono andato da Murmansk fino ad Astrakhan in questi viaggi, passando anche dalla Crimea.
        Quello che ho percepito (in diversi posti, come Velikji Novgorod, Astrakhan, Smolensk, Piter son passato più di una volta) è stata l’evoluzione dell’ambiente nazionale, tipo strade che diventano decenti, villaggi di isbe cadenti dove iniziano a spuntare costruzioni nuove,seppure in stile, sparizione dei poliziotti che ti multano per far soldi (li trovai nel 2006 andando verso Mosca dal confine di Rezekne), veicoli che passano, camion ed auto, dal preistorico-sovietico al contemporaneo. Allo stesso modo, sia pure prestando attenzione si riesce a far tardi anche nelle grandi città. La sensazione è che sia un posto dove c’è ancora una grandissima quantità di cose da mettere a posto (case scrostato-cadenti ce ne sono mica male…), le fabbriche staliniane ed i residui camion ‘Euro -256 appestano ancora, ma che tendenzialmente si sta muovendo nella direzione di un miglioramento degli insediamenti e della qualità di vita della gente.
        E questo mi pare giusto, la percezione che le cose migliorino, mentre qui la mia sensazione è che si stia involvendo.
        I controlli di frontiera sono sempre rigorosi, ma dalle 8 ore della prima volta son passato ai 20′ dell’anno scorso, moduli finalmente completamente bilingui e pure col qr-code..
        La gente è socievole, sotto i 40 parlano tutti un po’ di inglese (il mio russo son 100 parole e l’alfabeto per leggere i cartelli stradali), mi ricordo la volta che volli andare a vedere dove atterrò Gagarin, mi feci fare in albergo un foglio con scritto ‘Indicatemi dove atterrò Yuri’ e c’era quasi da commuoversi per come tutti quanti pur con la barriera linguistica si facevano in 6 per aiutarmi.
        Circa le donne, mai visto di più belle che a Kazan, lì arrivarono nel corso dei secoli russi, tedeschi e tartadi dalla Siberia, la mistura etnica ha prodotto delle vere opere d’arte.
        La mia opinione. come detto sopra, sono un motociclista e non un esperto di politica internazionale.
        Ciao!

  • In Russia niente neri, o, meglio, ce ne sono pochissimi e stano ben attenti a non girare per la strada in stato di “arabitudine” o “negritudine”, reati gravissimi per i poliziotti, che li fermerebbero immediatamente. Pure gli emigranti dalle repubbliche ex sovietiche non sono visti benissimo e vengono chiamati “negri”. Erano lo concittadini fino a poco più di venti anni fa.
    Un sano patriottismo causa tanti problemi, ma risolve quello degli immigrati . Semplicemente nessuno li vuole, e i deliri frocisti e ugualisti europei sono assolutamente ridicoli, per loro.
    Ragionateci un attimo. IN TUTTO IL PIANETA gli immigrati sono trattati malissimo, persino incarcerati n appositi campi di concentramento, e anche gli USA non scherzano affatto, pur essendo un paese multietnico presto con la maggioranza di “risorse” tra la popolazione.
    In Europa esiste una curiosa allucinazione , quella Boldrinista, che pensa che tutti gli uomini abbiano eguali diritti e che, anzi, i clandestini arrivati senza documenti abbiano gli stessi diritti dei cittadini regolari, se non di più. I migranti arrivano perché in tutto il pianeta non hanno altri posti dove andare, se non le nazioni europee, neanche tutte e il Canada. Ma il Canada è lontano e non riescono ad arrivarci.

    • marcoferro

      perfino qui in costarica non li vogliono gli immigrati. alcuni africani che volevano andare a nord e si sono permessi di protestare perche pretendevano sono stati presi a manganellate sui denti, si sono calmati subito. poi sono stati espulsi….

      • gino monte

        in brasile hanno fatto entrare qualche migliaio di haitiani, angolani e siriani tanto per far vedere che sono buoni.
        invece entrano na marea di illegali boliviani perchè conviene farli lavorare come schiavi.

        • marcoferro

          quelli più diffusi da me sono i nicaraguensi che fanno lavori che i giovani non vogliono fare. come raccogliere il caffè, lavorare nell’edilizia, etc..

          • gino monte

            qua i boliviani lavorano in piccoli laboratori tessili, in condizioni inumane. ma solo al sud e sudest, qua a bahia no.

      • GattoMaculato

        Musica per le mie orecchie. Mi confermi niente buonisti boldrinisti né nel governo né nei media? Sto mettendo da parte i 30+k per pagarmi il biglietto d’ingresso in paradiso e non vorrei, una volta arrivata, ritrovarmi le stesse cavallette che ormai infestano l’Europa…

        • marcoferro

          beh il costarica è un paese piccolino con una economia piccola. quindi non si possono permettere di fare i buonisti e mantenere le “risorse” non ne hanno la forza, ne ci sono fondi europei. inoltre a differenza di molti europei qui i negri islamici analfabeti e senza cultura non sono visti come “risorse” anzi , se alzano la voce e creano problemi randellate sui denti senza troppa pubblicità…

          • GattoMaculato

            Ti ringrazio per queste splendide notizie e, auspicando che la “linea” si mantenga ben salda nella medesima direzione, vado avanti a contare i giorni che mi separano dall’arrivo in quel fantastico paese. Pura vida!

          • marcoferro

            mi raccomando informati bene sul paese prima di prendere ogni decisione. anche qui non sono rose e fiori. hai poi idea dove andare a vivere, se sulla costa oppure in montagna nel valle central ?

          • GattoMaculato

            Sulla costa, ho adocchiato la regione del Guanacaste, ma, non avendo ancora visitato il paese, non ho un’esperienza diretta, anche se chi c’è stato me ne ha parlato bene. Conosco altre realtà sudamericane, però, quindi più o meno un’idea di cosa aspettarmi ce l’ho… e non mi dispiace. Ho vissuto in posti ben peggiori (compresi quelli da dove provengono i ciabattoni, che conosco bene: per questo me ne tengo accuratamente alla larga) e mi piace la natura, anche se mancante di molte “comodità”, di cui faccio tranquillamente a meno. In ogni caso, prima dovrò far tappa obbligata per un noto semi-paradiso fiscale europeo, per ragioni lavorative e finanziarie. Quindi ci vorranno ancora un paio di annetti prima del “salto” oltreoceano, durante i quali mi farò alcuni viaggetti esplorativi.

          • marcoferro

            Guanacaste ha una bella spiaggia, forse la più bella del costarica con quella di Manuel Antonio più a sud e punta leona. si chiama playa conchal ed è bianca. anche Tamarindo è molto famosa e ci vanno molti turisti. però li fa caldo e puoi incontrare anche animale come scimmie, iguane e quelle lucertole che corrono sull’acqua su due zampe, mi sembra si chiamino basilischi. io per andarci mi devo fare circa 4 ore e mezzo di macchina anche se sono solo 160 km se non ricordo male. il problema li a volte e la stagione secca e c’è la scarsità di acqua, anche dove vivo io comunque esiste questo problema che ho risolto con un autoclave. poi la notte l’acqua viene e riempio di nuovo il tanque. se avrai qualche domanda da farmi, anche più in la, non ti preoccupare sarò felice di aiutarti.

          • GattoMaculato

            Grazie per l’offerta! Tamarindo l’ho in agenda fra le località “papabili”, la visiterò sicuramente nel corso dei viaggi esplorativi. Alla cisterna sul tetto che si riempie la notte sono già abituata, è un lusso rispetto a dove l’acqua dolce arriva portata con i bidoni, mentre dai rubinetti esce solo quella salata (che pur va bene per lavare, lavarsi e cucinare ;-). Pura vida!

    • gino monte

      beh, in russia ci saranno pochi neri ma ci sono i mongoli, specie in siberia (pure putin ha l’occhietto un po’ mongolo) e non mi sembrano tanto tranquilli a giudicare dai tassi di omicidio.
      in realtà, clima escluso, la russia è molto simile al brasile e per questo mi è simpatica.

      • nemo_propheta_in_patria

        Mi piacerebbe capire in cosa siano simili. Di mio so che le russe mi piacciono, le brasiliane no.

        • gino monte

          entrambi sono paesi giovani “civilizzati” da pochi secoli. entrambi hanno una “frontiera” fatta di immensi territori forestali abitati da popolazioni indigene dotate di cultura molto diversa da quella occidentale. entrambe le popolazioni sono piuttosto nazionaliste.
          entrambi i paesi hanno cercato di svincolarsi dall’imperialismo occidentale. entrambi i paesi sono pericolosetti, gente educata in modo spartano, abituata a soffrire e devi avere le PALLE per farti rispettare.

      • Il tasso di omicidio negli states è più alto di quello russo. Dipende dalle circostanze. I mongoli sono cittadini russi da tempo e sono stati russificati . Se si prende il dovuto tempo, secoli di norma, le minoranze vengono assorbita da quella dominante. Vogliono solo fare troppo in fretta, in europa e soprattutto importano gli stranieri sbagliati. Est europa, ok, cinesi e gialli vari, benissimo, arabi con alcuni distinguo perfetto, ma niente africani. Mai.

        • AndreAX

          soprattutto non hanno colla sociale mentre in Russia c’è!

        • gino monte

          in brasile i neri sono perfettamente inseriti e personalmente li preferisco a tutti gli altri. certo stanno qua da secoli, non sono arrivati ieri.
          guarda che regalo che ti faccio: l’indice di omicidi in russia negli ultimi 10 anni e regione per regione.
          indici più bassi ovviamente nelle regioni islamiche. in siberia invece indici “sudamericani”

          https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_federal_subjects_of_Russia_by_murder_rate

          • Beh, i neri brasiliani sono stati “diluiti” da secoli di incroci, e solo per quelli sono sopportabili, anche se non contano un cazzo, mediamente.
            Detto questo nota il calo continuo del tasso di omicidi in Russia, dai roboanti anni 90.
            In siberia il tasso di omicidi è alto per via degli immigrati, russi provenienti da tante province lontane, e anche ucraini e cittadini delle repubbliche èx sovietiche, che sfidano il freddo per stipendi da cinquemila euro in su.
            Chiaro che tanti soldi e niente da fare nel tempo libero, a parte ubriacarsi, drogarsi e andare a troie creano dei piccoli attriti … Morire per un litigio o prendere una bottigliata per aver barato nel gioco è un attimo.
            Nel nord della Russia, leningrado e vicino ai baltici il tasso di omicidi è altissimo, sono gli scontri tra le bande di malavitosi per il controllo del contrabbando, che vanno avanti da decenni. Il bello è che gli omicidi in Russia avvengono perlopiù “a mano” per via delle leggi molto dure sul controllo delle armi.

        • Fabio E. Nategh

          A me sembra che i neri africani siano più mansueti dei maghrebini e sicuramente migliori degli zingari.

          • beh, evidentemente non conosci molto l’Africa… mansueti un cazzo.

      • ForzaKarolina

        Russia simile al Brasile? …. secondo me se lo dici ad un russo tira fuori un ak47! Con tutto il rispetto ma c’è un abisso, e sempre ci sarà!

        • gino monte

          di quello che pensano i russi non m’importa, anche loro possono sbagliare. ti riporto ciò che ho scritto a nemo:

          entrambi sono paesi giovani “civilizzati” da pochi secoli. entrambi hanno una “frontiera” fatta di immensi territori forestali abitati da popolazioni indigene dotate di cultura molto diversa da quella occidentale. entrambe le popolazioni sono piuttosto nazionaliste.
          entrambi i paesi hanno cercato di svincolarsi dall’imperialismo occidentale. entrambi i paesi sono pericolosetti, gente educata in modo spartano, abituata a soffrire e devi avere le PALLE per farti rispettare.

          • ForzaKarolina

            Si ok… ma in campo scientifico, tecnologico, militare, STORICO, artistico ecc… che cazzo hanno fatto i brasiliani, a parte il calcio e la lambada? La Russia in tutti questi campi ha fatto cose pazzesche…
            Un russo giovane probabilmente ha un’educazione superiore ad un italiano medio, un brasiliano medio non credo proprio…
            A livello di “achievents” è come confrontare una nazione del terzo mondo con una del primo. Ecco perchè dicevo che non sono minimamente paragonabili.

      • Mister Libertarian

        A Gino Monte piacciono molto le donne e non riesce proprio a capire il punto di vista dei gay.

        Per questo gli stanno simpatici i russi 😉

    • cavallo pazzo

      Nuke, mi meraviglio di te. Non c’è alcuna “allucinazione”. Seguono ordini, evidentemente. Nessuna civiltà del mondo in qualunque epoca si comporta così. Eseguono ordini dall’alto. Non c’è altra spiegazione.

  • Stefano74

    Ieri Le PEN la salvatrice, oggi testa di cazzo. Facile scendere nella classifica di Fk. Del resto scrive dai grigioni e ogni tanto va in giro e allora capisce come è il mondo .

  • marcoferro

    non mi sorprende che la francia sia fottuta, sono invasi da negri e arabi islamici. la loro nazionale sembra una nazionale africana. un mio amico francese, cristiano, bianco che viveva qui in costarica vicino a me mi disse una volta: gli arabi si riproducono come hamster e il francese bianco deve lavorare e pagare le tasse per mantenere loro. poi ha fatto il gesto dell’ombrello. odia quello che è diventata la francia oggi. mentre l’invasione continua imperterrita…

  • Disca

    https://youtu.be/SmMxJz9oOMg questa è una delle capitali mondiali, una città che abbiamo amato tutti. Qui non c’è razzismo, lepenismo fascismo socialismo e statalismo che tenga. Qui è andato tutto a rotoli. E’ vero, i francesi sono fottuti.

    • Caio Giulio

      Per questo vincerà la Marine alla fine.

      • gianni

        vincera’ LE PEN e cosi’ aumentera’ il disordine e la violenza

    • gianni

      se si e’ arrivati a tanto evidentemente la civilta’ occidentale e’ sbagliata e deve finire

  • Fabio E. Nategh

    Io sono statalista e fynnyking non capisce che la sua autonomia e facoltà di moversi è garantita da uno Stato perché nell’ anarchia non potrebbe fare il mestiere che fa. E mi pare che la Francia statalista produca le cazzatine lussuose e costosissime che tutti i liberisti libertari amano come le borse Luis Vuitton e lo champagne moet e le cremine l oreal. E i miliardari più ricchi di Europa sono francesi ai quali il cattivo stato francese evidentemente non impedisce di accumulare miliardi. CMA le periferie fan paura. Qui la criminalità è organizzata e non fanno risse e o rapine. Laggiù invece ti assaltano per strada per divertirsi, pure da adulti.

    • PClaudio

      “le borse Luis Vuitton e lo champagne moet e le cremine l oreal” le produce lo stato? Mi dai una notizia… Quanto ai miliardari francesi, “mi pareva” fossero scappati in massa a prendere la cittadinanza russa o belga per sottrarsi a una imposizione fiscale inaudita. Forse mi sbaglio…

      • Fabio E. Nategh

        Intendevo dire che la Francia statalista PERMETTE di produrre borsette e champagne. Alcuni miliardari se ne vanno dopo la recente nuova tassazione ma per decenni erano residenti nella Francia statalista . E lo sono ancora la padrona di L’Oréal, quello di luisvuitton, quello e PPR(Gucci più YLS più altri marchi) e migliaia di altri miliardari in costa azzurra. Se ne è andato l attore Depardieu, un barbone al loro confronto.

  • Davide

    ” I Francesi sono Fottuti ” E gli Italiani anche.

    • Caio Giulio

      E così pure i tedeschi, gli austriaci, gli svedesi, gli olandesi etc. etc.

      • gianni

        ma che volete se la nostra societa’ fa schifo ??? quando una cosa fa schifo SI CAMBIA

  • Nick

    E a Milano arrivano le palme e i banani.

    • Maximus

      E’ per la Domenica delle palme, ignorante…

      • peter

        Pensavo per commemorare i 25 anni di Tangentopoli, Craxi e il suo esilio ad Hammamet.

      • Nick

        Ah, quindi le banane sono tutte per il tuo culo, ora capisco.

        • Maximus

          Ero ironico, piccola testa di cazzo.

    • gianni

      e per far sentire a casa gli immigrati

      • Nick

        Ma và?

  • Germano Freni

    Il podcast è grottesco.
    Non mi pare che ci sia sostanza in nulla.
    Prima delle monete digitali sarà da risolvere il problema del petrodollaro e della montagna dei soldi del monopoli che ci sono in circolazione.
    La cosa che anche questo articolo omette è sempre lo stesso…….
    http://www.usdebtclock.org/index.html
    Se la Francia ha dei problemi, come l’Italia e l’occidente in genere, cosa dovrebbero dire gli yankees?
    Non c’è un podcast adeguato?

    • Mister Libertarian

      Che c’entrano i petrodollari e le criptovalute con il socialismo selvaggio francese di cui parla il podcast?

      • Germano Freni

        C’entrano invece. Probabilmente tu lo ignori perchè non conosci o non hai studiato la storia recente.Il selvaggio socialismo francese è comunque un falso problema.

  • Maximus

    L’unico che di salverà in questo Mondo sarà Funny King.

    L’unica persona intelligente che sa sempre cosa fare e dove essere.

    L’uomo giusto nel posto giusto.

    Come lo invidio…..

    • cenzino fregnaccia pettinicchi

      Concordo, poi, l’umiltà il buongusto ed il rispetto verso l’umana gnuranza, la potente semplicità della sue parole che traspaiono nei suoi post sono, anch’essi, invidiabili. si si

      • paolosenzabandiere

        Caro sor Castisco condivido ogni sua parola.

      • Maximus

        Mi adeguo allo spirito ecumenico del Sito.

    • Peppino Prisco

      vive di speculazioni alle spalle di chi lavora.. beato lui!

  • giuseppe

    …il mondo è pieno di persone indispensabili. Via loro, crollo totale. Ogni riferimento a fatti, cose e persone è puramente casuale.

  • Tom Kindle

    Podcast interessantissimo.
    In Italia a volte ringrazio la miseria, se fossimo stati benestanti saremo invasi dagli africani.

    • cavallo pazzo

      Ah non lo siamo? Invasi, dico…

  • Mauro Rossini

    Visto che si parla di evoluzione dell’ambiente sociale di una nazione, porto un piccolo contributo su un Paese di cui si parla molto. La Russia!
    Non entro nel merito dell’ordinamento politico russo, ma negli ultimi 10
    anni ci sono stato 4 volte, sempre in moto (che è un mezzo che ti rende
    molto semplice entrare in rapporti con gli indigeni, non ti
    percepiscono come un turista se arrivi impolverato e magari
    infangato….) Sono sempre stato ad ovest degli Urali ma sono andato da
    Murmansk fino ad Astrakhan in questi viaggi, passando anche dalla
    Crimea.
    Quello che ho percepito (in diversi posti, come Velikji
    Novgorod, Astrakhan, Smolensk, Piter son passato più di una volta) è
    stata l’evoluzione dell’ambiente nazionale, tipo strade che diventano
    decenti, villaggi di isbe cadenti dove iniziano a spuntare costruzioni
    nuove,seppure in stile, sparizione dei poliziotti che ti multano per far
    soldi (li trovai nel 2006 andando verso Mosca dal confine di Rezekne),
    veicoli che passano, camion ed auto, dal preistorico-sovietico al
    contemporaneo. Allo stesso modo, sia pure prestando attenzione si riesce
    a far tardi anche nelle grandi città. La sensazione è che sia un posto
    dove c’è ancora una grandissima quantità di cose da mettere a posto
    (case scrostato-cadenti ce ne sono mica male…), le fabbriche
    staliniane ed i residui camion ‘Euro -256 appestano ancora, ma che
    tendenzialmente si sta muovendo nella direzione di un miglioramento
    degli insediamenti e della qualità di vita della gente.
    E questo mi pare giusto, la percezione che le cose migliorino, mentre qui la mia sensazione è che si stia involvendo.
    I controlli di frontiera sono sempre rigorosi, ma dalle 8 ore della prima
    volta son passato ai 20′ dell’anno scorso, moduli finalmente
    completamente bilingui e pure col qr-code..
    La gente è socievole,
    sotto i 40 parlano tutti un po’ di inglese (il mio russo son 100 parole e
    l’alfabeto per leggere i cartelli stradali), mi ricordo la volta che
    volli andare a vedere dove atterrò Gagarin, mi feci fare in albergo un
    foglio con scritto ‘Indicatemi dove atterrò Yuri’ e c’era quasi da
    commuoversi per come tutti quanti pur con la barriera linguistica si
    facevano in 6 per aiutarmi.
    Circa le donne, mai visto di più belle
    che a Kazan, lì arrivarono nel corso dei secoli russi, tedeschi e
    mongoli dalla Siberia, la mistura etnica ha prodotto delle vere opere
    d’arte.
    La mia opinione. come detto sopra, sono un motociclista e non un esperto di politica internazionale.
    Ciao!

    • Lucio

      Infatto loro, anno dopo anno, migliorano. Noi invece crolliamo. Raggiunto il punto di uguaglianza (per Mosca e Sanpietroburgo credo siano già meglio loro, almeno non ho visto nero e zingari a fare schifezze come a Rom o Milano) noi continueremo a peggiorare grazie alla nostra mania di togliere e regole in nome della “democrazia”

    • Grazie per questa preziosa testimonianza!

  • aiccor

    Se scrivo EDOCON su google, mi manda a spigolare….

  • peacock

    la gente è un pochino di coccio su socialismo e immigrazione, se adesso io mi metto il cappuccio del ku klux klan e vado in giro a dire che bisogna fare i figli con i cavalli , non significa che il kkk come ideologia predicava la pratica suddetta.
    Il socialismo parla di redistribuzione della ricchezza tra capitale e lavoro, non ha a che vedere con i diritti civili et similia e sulla immigrazione è sempre o quasi stato per limitarla fortemente, questo comprende anche l’ “ottimo” presidente Napolitano negli anni 90 che cacciò via una bambina albanese non vedente.
    Se i quattro furbacchioni che governano l’europa oggi si comportano diversamente questo non cambia il passato.

  • Tony #OnanistiXMelania

    Sono stato a Parigi settimana scorsa poi fino al 14, l’ho trovata in ottima forma, per nulla sporca, piena di vita e turisti, ragazzi giovani in giro, tante belle donne, gente curata e col sorriso, trasporti efficienti, La Defense che ti proietta nel futuro, un Paese ancora vivo e in movimento. Inoltre pieno ancora di lavori per abbellire ulteriormente la città. Molti ragazzi di colore vero, ma francesi o comunque ben integrati, pochissime se non zero donne velate e tipi barbuti. Molto paggio quando si passa per Marsiglia. Non vedo nessun declino per la Francia, ma la vedo una potenza che con l’uscita degli inglesi e con l’invecchiamento dei tedeschi diventerà il nuovo polmone di un’Europa dinamica.

    • peter

      Dipende sempre quale altra città viene presa come metro di paragone. Ma venendo da qualsiasi altra città italiana paragonabile ad una cloaca, l’erba del vicino è sempre più verde.

  • Nikytower

    Seguo regolarmente gli ottimi podcast di Francesco.
    Quello segnalato da FK mi ha fatto venire la pelle d’oca…
    nonostante una tassazione oscena in Francia non c’è neanche l’assistenza sanitaria completa… per non parlare dwlle modalità di blocco del conto corrente..
    ascoltatelo perchè è veramente un “podcast dell’orrore” 🙂
    E questi assieme ai tedeschi son quelli che “comandano”… sono fottuti loro e siamo fottuti noi….

  • luis

    secondo me è tutto l’occidente che è fottuto ! Bisogna cambiare modo di pensare
    Ma poi tutte queste considerazioni in 3 ore che si ferma a parigi, gira per la città e stila un giudizio sull’intera francia !!!! MA va là

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi