L’UE dichiara guerra al mondo, mentre l’ipocrisia su Trump sta spianando il ritorno dei neo-con

Di Mauro Bottarelli , il - 81 commenti


Per la serie anche le pulci hanno la tosse, ieri il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha voluto delineare gli scenari di rischio per l’UE nella lettera di convocazione del summit Ue alla Valletta di venerdì prossimo, praticamente una Yalta per craniolesi. Ipse dixit: “Le sfide che l’Unione Europea ha davanti sono le più pericolose di sempre. Il futuro è altamente imprevedibile a causa di una Cina prepotente sul mare, la Russia aggressiva verso l’Ucraina e i suoi vicini, e poi guerre, terrore e anarchia in Medio Oriente e Africa”. E. ovviamente, “le preoccupanti dichiarazioni di Trump che mettono l’UE in una difficile situazione”. Per Tusk, “l’Europa deva difendere con fermezza l’ordine internazionale basato sullo stato di diritto, perché non possiamo arrenderci a quelli che vogliono indebolire i legami transatlantici, senza di cui l’ordine globale e la pace non possono sopravvivere. Per questo, dobbiamo ricordare ai nostri amici americani il loro stesso motto: uniti vinciamo, divisi perdiamo”.

Di quale pace parla Tusk, di quella garantita in Siria dai jet che mancavano i bersagli Isis? O di quella che permette al regime golpista di Kiev di massacrare impunemente civili in Donbass, 20 morti solo negli ultimi giorni, nel silenzio generale? Inoltre, fonti diplomatiche hanno confermato all’Ansa che “l’ordine presidenziale di Donald Trump contro i migranti di sette Paesi a maggioranza islamica sarà la bomba sul tavolo del vertice informale”. Insomma, a occhio e croce l’UE a livello di relazione internazionali pare puntare tutto su un patto d’acciaio con le isole Svarbald e con i riformisti di Saturno, visto che ha da ridire su mezzo mondo. Poveretti, già non erano lucidi prima, ora sono completamente allo sbando. “La bomba sul tavolo del vertice”: ma per quale cazzo di motivo l’UE dovrebbe mettere becco su politiche interne Usa, ovvero comportarsi come Washington fino a ieri?

E chissà cosa diranno dopo aver letto quanto rilanciato ieri dall’edizione on-line del Washington Post, in base alla quale l’ordine presidenziale di Trump sui migranti avrebbe anche una secondo piano di intervento, la cui finalità sarebbe “quella di eliminare immigrati che tendono entrare negli Usa per sfruttare l’assistenza pubblica ma anche di, quando possibile, deportare immigrati già presenti negli Usa che dipendono però dal denaro dei contribuenti”. Insomma, chi campa di welfare, sussidi e food-stamps potrebbe presto dire addio agli Usa, se non è statunitense. Per il Post, “l’amministrazione ha incolpato gli immigrati che finiscono per ricevere servizi sociali negli Usa di mangiare risorse federali, mentre i lavoratori immigrati contribuiscono alla disoccupazione tra gli americani nati negli Usa”. Il draft, intitolato “Executive Order on Protecting Taxpayer Resources by Ensuring Our Immigration Laws Promote Accountability and Responsibility”, vedrebbe insomma un netto giro di vite nell’accesso e nei benefici del welfare da parte di cittadini stranieri, anche quelli che già risiedono negli Usa: accidenti che fascista, questo Trump! Mica come quell’anima candida di Bill Clinton, il quale ricevette una standing ovation per questo discorso,

Bill Clinton Wants to Build a Wall

dal quale estrapolo alcuni passi: “Siamo una nazione di immigrati ma anche una nazione con delle leggi.. Il nostro Paese è giustamente disturbato dal fatto che un gran numeri di stranieri illegali stiano entrando dai nostri confini.. Gli immigrati illegali prendono il lavoro ai cittadini americani o agli immigrati legali e impongono costi ai nostri contribuenti.. E’ per questo che stiamo raddoppiando il numero di guardie di confine, deportando immigrati illegali come mai prima d’ora, colpendo l’assunzione di illegali, negando i benefits agli stranieri non in regola e faremo sempre di più per velocizzare l’espulsione di immigrati illegali arrestati per crimini.. E’ sbagliato e autolesionista per una nazione di immigrati permettere il tipo di abuso che le nostre leggi sull’immigrazione hanno subito negli ultimi anni. Dobbiamo fare di più per fermarlo”. Clinton fu subissato di applausi, Trump vorrebbero appenderlo a testa in giù stile Piazzale Loreto: definirli ipocriti indegni è poco.

E poi, anche dal punto di vista militare, Donald Trump è un pericolo pubblico, almeno stando agli annunci. Vuole limitare l’impegno Usa nella NATO, di fatto ridimensionandone il peso, normalizzare le relazioni con la Russia e, di fatto, cercare di preoccuparsi dell’America e non cedere alla sirene dell’interventismo estero. Questa grafica

ci mostra come, in effetti, sono pochi i membri dell’Alleanza che spendono il 2% del Pil in spese di difesa: insomma, l’ombrello di sicurezza americano per l’Europa non è più garantito. Partendo dal presupposto che solo per questo, se fosse vero, invocherei la canonizzazione di Trump in vita, ecco che la signora Merkel, quella che si è vista sparare un siluro commerciale dove non batte il sole dal consigliere numero uno di Donald Trump, in fatto di euro svalutato e disegnato come un altro marco tedesco, parlando la scorsa settimana ha detto quanto segue: “Non prendiamoci in giro, non c’è una garanzia infinita”. Quindi, cosa facciamo, l’esercito unico europeo stile Sturmtruppen? I Paesi dell’Unione alzeranno e di molto i loro budget militari? Non la pensa così Jan Techau, capo del Richard C. Holbrooke Forum presso l’American Academy di Berlino, a detta del quale “gli europei dovranno fare qualcosa ma ho i miei dubbi che supereremo il livello del 2% di spesa”.

Insomma, Trump è stronzo se fa e dice ciò che ha fatto e detto prima di lui Bill Clinton in tema di immigrazione. E siccome promette meno NATO – o, almeno, meno partecipazione USA nell’Alleanza – è un pazzo che mette a repentaglio la sicurezza mondiale, quella minacciata da Russia, Cina, Iran, Medio Oriente e scie chimiche, come ci ha detto Tusk. E’ vero, sono altri gli americani autorevoli e di cui ci si può fidare. Ad esempio chi – non più tardi di due settimane fa – ha proposto questo,

cioé una spesa militare aggregata di 5 trilioni di dollari per i prossimi 5 anni. E chi è stato? Ma l’ineffabile e pacifico senatore John McCain attraverso un report di 33 pagine dal titolo, poco tranquillizzante, “Restoring American Power”. Per McCain, questa proposta “è solo l’inizio per riparare il danno che è stato compiuto verso il nostro apparato militare negli ultimi otto anni di amministrazione Obama. Ma quanto promesso da Trump non arriverà abbastanza in fretta, bisogna bloccare l’emorragia causata dei recenti tagli al budget della Difesa e questo richiederà almeno 5 anni, questo senza citare i sostenuti incrementi dei finanziamenti che saranno necessari”.

Insomma, non vi ricorda un pochino il PNAC (Project for a New American Century), il centro studi di quegli altri due pacifisti da Nobel di Dick Cheney e Donald Rumsfeld, embrione dei deliri neo-con degli anni successivi? E cosa accadde? Nel settembre del 2000, il PNAC pubblicò un rapporto di novanta pagine intitolato “Ricostruire le difese dell’America: strategie, forze e risorse per un nuovo secolo”, lavorando “nella convinzione che l’America dovrebbe cercare di preservare ed estendere la sua posizione di leadership globale mantenendo la superiorità delle forze armate USA”. Un anno dopo, l’11 settembre e il via all’esportazione della democrazia in grande stile e all’abbuffata di commesse per il comparto bellico-industriale Usa in ossequio alla grandeur militare Usa, alla minaccia terroristica globale e permanente e del warfare, il moltiplicatore keynesiano del Pil.

E oggi? Per i neo-con ancora presenti al Congresso e nel Deep State il nemico oggi è la Russia, come dimostra lo spiegamento NATO nei Baltico, mentre Trump ha già mostrato attitudine più dialogante con Mosca. Ma potrebbe cedere ai desiderata israeliani sull’Iran, dopo il lancio di un missile balistico da parte di Teheran: Benjamin Netanyahu ha già detto che chiederà a Trump il ripristino delle sanzioni nel vertice bilaterale del prossimo 15 febbraio. C’è poi la Cina, con il nodo Taiwan e quello delle isole del Mare Cinese Meridionale.

Insomma, se McCain e i suoi sodali vogliono far disastri, sarà come fumare in una polveriera, lanciando mozziconi a caso. Per ora quelle di Trump paiono di minacce di guerra prettamente commerciale ed economica ma si sa, l’America presentabile, aperta e democratica che tanto manca alla Botteri e all’intellighentzia nostrana, ci mette poco a trovare un casus belli, se serve. E in questo caso ci sono 5 trilioni di buoni motivi. Ma il cattivo è Donald Trump che caccia gli immigrati e quelle quattro checche isteriche che manifestano in piazza nemmeno si rendono conto di tirare la volata a multinazionali e personaggi alla John McCain.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

    • Maximus

      Giochi senza frontiere.

      • Cioè ma vi rendete conto che la nostra politica estera è decisa da polacchi e lettoni??? A parte il caso umano (e clinico) di Psycho…

    • Zappatore

      Cesare Lombroso lo avrebbe analizzato accuratamente sto soggetto !

    • Martino Mireles

      Che aria perbene…………..

  • what you see is a fraud

    quoto ” E siccome promette meno NATO – o, almeno, meno partecipazione USA nell’Alleanza – è un pazzo che mette a repentaglio la sicurezza mondiale, quella minacciata da Russia, Cina, Iran, Medio Oriente e scie chimiche, come ci ha detto Tusk. ”
    L’autore di queste scemate ignora cio’ che tanta gente sa . I veri criminali guerrafondai che mettono in pericolo il mondo sono gli USA .
    Lista di paesi bombardati dagli USA dopo la seconda guerra mondiale ….
    Milioni di persone morte , ferite ,che hanno perso la casa , che sono scappate e forzate a emigrare .
    http://www.globalresearch.ca/list-of-countries-the-usa-has-bombed-since-the-end-of-world-war-ii/24626

    E gli USA hanno a cuore la sicurezza mondiale ???!!! Minchia io non ci credo !

    • Ronf Ronf

      Ok, ma senza la NATO il nostro paese sarebbe già stato occupato militarmente da Francia e Germania: ergo, il nostro paese deve dotarsi di una propria “force de frappe”, quindi Trump che ci chiede di aumentare le nostre spese per la difesa è una notizia ottima per noi… a patto che l’Italia costruisca la sua “force de frappe”

      • Giovanni Netto

        force de frappé vorrai dire: ”

        Il frappè è una bevanda dolce che viene
        preparata frullando un ingrediente di frutta, come delle banane o
        fragole, o del cacao, del ghiaccio tritato e il latte, …

        e a chi cazzo gliela diamo in mano la valigetta con chiavi di lancio e i relativi codici? a Grillo? a Salvini? dalla Meloni? da Luxuria? oppure sarà gestita dalla cooperativa “pacem Eternam?”

        e i missili nucleari con cosa li lanciamo? con le fionde?

        • Ronf Ronf

          Che battutona… la Costituzione della V Repubblica Francese attribuisce al Capo di Stato il potere esclusivo sulla politica estera e sulle forze armate: ergo, bisogna semplicemente copiare la Francia

          • Giovanni Netto

            ma dove cazzo vuoi andare E CHE CAZZO VUOI COPIARE in questo paese di merda il ministro dell’istruzione ha malapena la terza media? o si il ministro della sanità ha una laurea in maturità classica? ma ti rendi conto?

            questo è il sito Wikipedia della signora Jane Philcott, ministro della Sanità in Canada

            https://en.wikipedia.org/wiki/Jane_Philpott

            estratto dei riconoscimenti

            Awards and honours
            2014 Integrated Medical Education Award for Excellence in
            Community-Based Teaching (Clinic/Office/Practice), Department of Family
            & Community Medicine, Faculty of Medicine, University of Toronto[53]
            2013 May Cohen Equity, Diversity, and Gender Award, Association of Faculties of Medicine of Canada[54]
            2013 Yves Talbot Award for Excellence in Global Health Leadership,
            University of Toronto, Department of Family and Community Medicine.
            (Distinction) [55]
            2012 Wilfred H. McKinnon Palmer Academic Award, University of Toronto. (Distinction)
            2011 Community Service Award, University of Western Ontario, Schulich School of Medicine & Dentistry. (Distinction)[56]
            2010 Janus Scholarship for Global Health, College of Family Physicians of Canada[57]
            2009 Casey Award, Casey House, Toronto. (Distinction)[58][59]
            2009 Honorary Member, Federation of Medical Women of Canada. (Distinction)[60]
            2008 Stairway of Excellence Award, Galt Collegiate Institute, Cambridge, Ontario. (Distinction)[4]
            2007 Everyday Hero, Global National Television. (Distinction)[61]

            capisci? neanche se mettiamo assieme i titoli universitari di tutti i nostri parlamentari non arriviamo a metà di questa signora!!

          • Ronf Ronf

            “Io sono stato al FMI, io ci ho lavorato e vi posso assicurare che se finisce l’Euro, finisce il PD e tutti voi, tutti noi e tutti i dirigenti del PD finiscono a casa per sempre: se finisce l’Euro, finisce il PD e noi del PD dobbiamo fare qualsiasi cosa pur di impedire la fine dell’Euro. Io ho lavorato al FMI, vi dico che ne va della nostra sopravvivenza: bisogna salvare l’Euro ad ogni costo” (Stefano Fassina, uomo FMI, ex Responsabile Economia del PD durante la Segreteria Nazionale a guida Bersani, ex membro del Governo Letta I come Sottosegretario all’Economia). La frase citata risale al gennaio 2014, dopo un mese Renzi divenne Premier perchè bisognava impedire ai grillini di vincere le Europee perchè il meccanismo dell’Euro sarebbe saltato in aria se lo spread fosse triplicato dopo la vittoria di Grillo…

          • Giovanni Netto

            cambi discorso?

          • Ronf Ronf

            Assolutamente no. Era solo per dire che se sparisce l’Euro, allora sparisce la classe dirigente oscena che l’Italia ha. Tu dovresti essere il primo a fare festa visto che tu critichi la classe dirigente italiana!

          • Giovanni Netto

            classe dirigente? gente ai posti di comando (hahahahahaha) una nazione che NON HA NEMMENO una laurea in ASINERIA?

            l’Italia è come una task force navale (tipo quelle USA) comandata un da ammiraglio che non sa neanche la differenza tra prua e poppa e pretendere di vincere la guerra !!

          • Giovanni Netto

            qui stiamo parlando di bombe atomiche e tu mi fuori il PD, fassina grillo meloni,Renzi, bersani, letta gente che ha QI < di un austropiteco (tranne quando si tratta di fottere la gente), gente a cui non dare manco le chiavi di casa di riserva , come sicurezza, nel caso dovessi chiudermi fuori.

            ripeto: cosa c'entrano questi ladri con il discorso che l'italia dovrebbe dotarsi di una forza nucleare?

          • Ronf Ronf

            Tu hai detto “a chi affidiamo le armi? Meloni, Salvini, Grillo?” e io ti ho risposto. Ciao, furbone (troll)

          • Giovanni Netto

            troll? e dov’è la tua bella faccina? la mia la vedi ma io non vedo la tua… paura della mamma?

          • paolosenzabandiere

            Centrato e affondato?

          • ThreeFiddy

            avete ragione entrambi, ma a metà,
            @ronfronf:disqus
            con quale sovranità culturale, politica e fattuale potremmo dotarci di un’arsenale nucleare? a quale scopo poi? il nucleare, per quanto devastante, è vetusto. se lancio un impulso e d ammutolisco ogni tuo apparato elettronico, come cazzo lo lanci il missile?
            @giovanninetto:disqus
            in itagli malaffare, pd, mafia europode e mungitura del popolo bue centrano con ogni discorso

            foto

            [img]http://i.imgur.com/AVzJnLe.jpg[/img]

            ancora un po’ e glielo suca!

          • Ronf Ronf

            Guarda che la force de frappe francese non è solo basata sul nucleare. Comunque io farei salire la spesa militare italiana fino a raddoppiarla: o ci svegliamo o finiremo sotto la Germania in nome del “sogno europeo” e rimpiangeremo persino gli anni settanta con la “strategia della tensione” US-UK

          • ThreeFiddy

            la francia si sta mangiando ciò che resta del tessuto economico italiano, forse anche questo fa parte della force de frappe?
            ti illudi se pensi che l’itaglia possa paragonarsi alla francia. non abbiamo nel nostro dna un’identità di stato millenaria come i francesi, siamo una germania sfigata, un paese sfilacciato che nel corso della sua storia ha inglobato e poi perso e poi riconquistato e poi riperso parte dei suoi territori naturali, considerando l’omogeneità culturale come pattern per identificare un’identità di stato. esattamente come la germania, ma più sfigata, appunto.
            un’altra cosa che ci accumuna e l’impossibilità di dotarsi di un serio sistema di difesaoffesa militare. ci è impedito, e la seconda guerra mondiale centra poco con questo divieto. la cemmania, forse, l’ha capito e cerca la sua strada con l’economia, l’itaglia non l’ha capito e… vabbè inutile descrivere ciò che tutti vediamo ogni giorno in itaglia.
            così, giusto per fare un esempio:
            http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/01/vasto-22enne-ucciso-dal-marito-della-donna-che-aveva-investito-e-ammazzato-sei-mesi-fa/3360118/

            https://youtu.be/VKcAYMb5uk4

          • Ronf Ronf

            Ma infatti in Italia è inutile fare qualcosa per il bene comune visto che mezzo paese non capisce (e quindi non ti sostiene) e l’altra metà ti contesta a prescindere (celebre la frase “il paese finisce alla rovina a causa dell’Euro, ma uscire dall’Euro è una follia perchè questa decisione favorisce Salvini, quindi bisogna restare nell’Euro perchè non possiamo noi [di sinistra] a gestire l’uscita dall’Euro”).

          • paolosenzabandiere

            Toh chi si rivede! Prima di pontificare, magari giustamente, sulla Costituzione della V^ Repubblica francese non dovrebbe riconoscere i suoi clamorosi errori di valutazione? Si ricorda quando asseriva che il referendum era stato vinto dal centro destra e dai 5s e io a spiegargli che senza quel 33% di elettori del piddi che hanno votano no, o che comunque si sono astenuti, il referendum lo avrebbe vinto Renzi?

            Lei ( a questo punto quando uno tiene il punto per tigna e non è capace di riconoscere le ragioni dell’avversario il Lei è doveroso) a sostenere che l’opposizione del piddi era insignificante. Ora sembra che i sondaggi la diano tra l’11 e il 14%, oltre il 30 del piddi. Io le portavo la documentazione sui flussi elettorali e lei per giorni e giorni a dare numeri campati in aria e a parlare di quello che gli avevano detto suoi amici scrutatori nelle trattorie sulla via Emilia.

            Poi è sparito. Tutto questo per non dare ragione. Oh puer quando si metterà in testa di crescere? Basta poco, due parole: HAI RAGIONE e si diventa uomini.

          • Ronf Ronf

            Semplicemente non ti ho risposto per lasciarti nel tuo brodo. Inoltre tu hai sbagliato i conti: Vespa e i suoi sondaggisti danno il “PD renziano” al VENTI (20) percento e la “minoranza PD” al 11-14 (ma questo dato INCLUDE i vari SEL, gruppo Civati, cartello elettorale di D’Attorre e Stefano Fassina, …) e quindi mi sa che tu hai sbagliato qualcosa visto che tu hai detto che il PD è al 30 percento e con il partito della minoranza al 11-14 percento (il totale sarebbe ben superiore al 41% delle Europee ed è impossibile). Rifai i calcoli e vatti a rivedere le registrazioni di Vespa: come sempre, ho ragione io

          • paolosenzabandiere

            I fatti. Lei non ha mai voluti riconoscere che sono stati ì dissidenti del piddi, un’opposizione per lei vicina allo zero ad aver al contrario fatto vincere il no con quasi il 20% di voti verso il No e il 14,4% di gente che ha preferito non votare che votare Renzi. Di fronte a due analisi del voto che avevo letto e avevo fatto vedere anche a lei, da persona che non riesce nemmeno a comprendere come il confronto, la dialettica, smascherino vergognose partigianerie, dava dei numeri e li sopportava con le sensazioni ricevute da scrutatori emiliani, visto che abita in quella regione. Evidentemente le chiacchere da osterie sono più forti delle analisi del voto che in pratica dicevano che grosso modo l’11% dei votanti nazionali che votano il piddi, quindi un 33/34% dei votanti del piddi non avevano seguito le direttive del partito.

            Anche un somaro capirebbe che togliere un 11 e più % nazionale a chi ha votato NO al 60% ed aggiungerlo a chi ha preso poco più del 40% col SI (Non solo votanti del piddi – non v’è un partito del NO che con percentuali più o meno significative non abbia visto suoi elettori votare per il SI)e probabilmente Renzi avrebbe vinto. Questo checché ne dica ronf e i suoi scrutatori da bar dello sport.

            Neanche a farlo apposta in questi giorni sono usciti sondaggi che danno l’opposizione del piddi all’11/14% e il piddi vicino al 20%. Cosa c’è da capire per uno che abbia un minimo d’intelligenza?

            Ps. Lei mi sembra come quei bambini che si nascondono dietro nascondigli improbabili e pensano di non essere visti, o che hanno le mani sporche di marmellata ma continuano scioccamente a negare l’evidenza. Poi la sua patologia raggiunge le vette più elevate quando lei, che si nasconde dietro un vergognoso priveé, non solo non riconosce ragioni che con questo modo ottuso di ragionare non saranno mai sue ma addirittura accusa gli altri di essere troll. Semplicemente ridicolo, meglio penoso.

          • Ronf Ronf

            Ora ti incenerisco subito: quel famoso 11-14 percento NON rappresenta la minoranza del PD, bensì la somma tra la minoranza del PD e l’estrema sinistra (SEL, civatiani, Rifondazione e altri), quindi la minoranza del PD non è stata decisiva visto che il 11-14 è composto pure dal 5 dell’estrema sinistra

          • paolosenzabandiere

            Pena sola immensa pena, per lei.

          • Ronf Ronf

            Ti dico solo una cosa: non fare attacchi personali, altrimenti poi gli admin potrebbero espellerti… e ti consiglio di non fare ulteriori attacchi personali: stai oltrepassando ogni limite, quindi smettila 😉

          • paolosenzabandiere

            Quindi lei che nasconde i suoi post può accusare altri, come il signor Netto o come il sottoscritto, che non nascondiamo nostri post, di essere noi Troll. Ci può mandare tranquillamente a vaff…
            come se piovesse perché non si sta più a sentire le storie che lei e i suoi amici scrutatori dell’Emilia ci volete propinare come verità assolute (questo per lo meno nel mio caso). Già questo la dice lunga sui comportamenti delle persone.
            La realtà è che lei vuole avere ragione sempre anche quando non l’ha e quando il gioco diventa chiaro diventa chiaramente inutile confrontarsi con siffatto modo di rapportarsi agli altri. Mi stia bene.

          • Ronf Ronf

            Te lo ripeto: il famoso 11-14 include anche l’estrema sinistra oppure pensi che SEL e gli altri partiti dell’area si presenterebbero fuori dalla lista della minoranza PD ipotizzata da Massimo D’Alema? Rispondi nel merito invece di offendere oppure verrai espulso a vita dagli amministratori. Hai capito?

          • paolosenzabandiere

            La percentuale assegnata alla nuova forza elettorale chi dovrebbe rappresentare? Anche il pci di Bertinotti? Ma via, la cosa ha la credibilità di un leone che si dichiari vegetariano. Né Bertinotti ne tantomeno D’Alema farebbero parte di un partito dove fosse presente l’altro e non c’è bisogno di scomodare i famosi scrutatori della via Emilia per capirlo.

            Comunque vedo che ha fatto dei progressi. Dall’affermare che l’opposizione interna del piddi non avrebbe raggiunto nemmeno il quorum a riuscire a comprendere che quella stessa forza potrebbe da sola stare al 10%, ammesso che nel sondaggio effettuato fosse considerata anche Sel, è già un passo avanti. Dovrebbe ringraziarmi per averle schiarito le idee sul ruolo avuto dalla minoranza del piddi nel voto referendario.

            Per il resto che dirle. Si è sentito offeso dal mio postare? Non mi sembra di averla offesa, al contrario sono io che dovrei essere offeso per aver dovuto portare avanti una diatriba assurda con un signore a cui non c’era verso di fargli comprendere che oltre il 30% dei votanti del piddi avevano votato No contro la riforma Renzi, considerando anche gli astenuti piddini. O lei ritiene di essere offeso perché io non ho accettato le sue “discutibili” tesi? E quando qualcuno non è d’accordo con lei lo si manda a aff… come ha fatto con me? Lo si taccia di essere un troll come sempre lei ha fatto con me e con un altro almeno, e lo si minaccia di farlo cacciare dal forum? Non mi sembra che con tutto questo ben di dio io abbia mai minacciato di farla espellere a vita, o forse mi sono perso qualche cosa?

            Io non nascondo i miei post, non scrivo 39 post al giorno circa che fanno una cosa eccezionale considerando che uno posta entro le 15 ore al giorno. La notte molti forum sono chiusi. Se a queste ore togliamo le ore di studio, di lavoro, per mangiare e per fare altre cose resta ben poco tempo per postare, e lei al contrario il suo tempo libero lo passa in gran parte scrivendo in media 39 al giorno da quando posta? Ma forse i mie calcoli sono sbagliati e poi ognuno fa quello che gli pare, certo accusare il signor Giovanni che si firma con nome e cognome e ci mette pura una sua foto di essere un troll ma non le sembra velleitario?

          • Ronf Ronf

            Guarda che io scrivo da molto più tempo di te, in altri posti a parlare di ben altro, quindi evita di insultarmi. Comunque, non hai capito un cavolo come al tuo solito: il 11-14 include i vari SEL, Rifondazione, Possibile (Civati) e gli altri partitini di sinistra radicale (compreso Stefano Fassina che a Roma nel voto comunale del 2016 prese il 5% con la sua lista autonoma), vedi su Rai1 cosa disse il sondaggista a Vespa pochi giorni fa. Ma tu non hai capito nulla: prendendo la calcolatrice, la minoranza del PD senza gli altri partiti sta al 5 e quindi è irrilevante (io non credo al 14, ma un 11 direi che è realistico: ma questo vuol dire che SENZA “i vari SEL, eccetera…” la minoranza PD sta al 5)

          • paolosenzabandiere

            Il bello del suo postare è che usa solo quello che gli fa comodo e sondaggi che stridono con le sue sensazioni avute insieme ai suoi amici scrutatori della via Emilia sono scartare. Si rammenta i flussi elettorali che ha avuto tutto il tempo di leggere e di capire? Eh no, non se li ricorda perchè non vanno bene, stringono con il suo pensiero.

            Che modo di (s)ragionare.

            Ps. Anche il vantarsi di scrivere prima di me malgrado le date del mio inizio e del suo siano sotto gli occhi di tutti. Che affermazione ridicola!!!

          • Ronf Ronf

            Vendola conferma che ho ragione io visto che il 10% riguarda la somma tra la minoranza del PD e l’estrema sinistra Roma, 2 feb. (askanews) – “Non so se un movimento popolare di riscossa della sinistra che vada da D’Alema a De Magistris e dopo la crisi del Pd oggi sulle labbra dei suoi stessi fondatori come Bersani, arriverebbe al 10% dei consensi o a quanto. So però che mettendo insieme le esperienze, le pratiche, la cultura di chi ha resistito a sinistra si può diventare punto di riferimento e speranza per milioni di italiani”. Lo afferma in una intervista a Repubblica Nichi Vendola (SEL) avvertendo che “non basta sommare forze occorre un progetto di radicale discontinuità”. RASSEGNATI, PERSINO VENDOLA LO HA AFFERMATO, CIAO!

          • paolosenzabandiere

            VERBA VOLANT SCRIPTA MANENT

            Alcune sue frasi prese da suoi post

            “Ma in realtà è stato il centrodestra a votare compatto per il NO visto che le analisi dicono che il NO avrebbe trionfato anche senza i (pochi) voti della minoranza PD”

            “Te lo ripeto: io abito in Emilia, conosco i ragionamenti della minoranza e io ti dico una cosa. Loro mai faranno la scissione perchè sanno che finirebbero irrilevanti”

            “Dove sto io AN era forte, ma il PDS-DS era maggioritario: non ci sarà mai la scissione dei bersaniani perchè “il partito dei bersaniani puri” nelle urne avrebbe solo il 5% (facciamo 6% se assorbe tutta SEL)”

            “…questo vuol dire che SENZA “i vari SEL, eccetera…” la minoranza PD stava al 5%….)

            “Poi, gli “scrutatori di fiducia” conoscono i loro territori in modo approfondito…”

            Poi sono arrivati i Vendola e i Fassina e io mi risparmio ogni tipo di commento, non ne
            vale la pena e poi “scripta manent”. Mi stia bene.

          • Ronf Ronf

            Se il comunicato ufficiale di Vendola dice che la somma tra la minoranza PD e l’estrema sinistra produce un 10% e ben sapendo che SEL vale il 3%, Civati e gli altri (D’Attorre & co) valgono il 2, quanto vale la minoranza PD?

          • paolosenzabandiere

            Ma non valeva l’1%, e poi il quasi 5, ora siamo scesi a tre? Li spariamo i numeri? Che argomenti, ma non si preoccupi di fronte a tale superiorità intellettuale mi taccio. Solo eviti in futuro di scrivere commenti ai miei post, non sono graditi, trovi altri…
            Ovviamente ha diritto ad una replica a cui non risponderò ho perso troppo tempo con lei.

          • Ronf Ronf

            Nessuno ha mai detto che la minoranza PD vale solo un 1% (casomai io dissi che era Civati a valere solo 1% che sale a 2% se includi D’Attorre) e poco fa io ho detto che è SEL a valere il 3% (non la minoranza PD). Ciao!

          • Antonino Trunfio

            Paolo, sa che la stimo e che leggo sempre con interesse i suoi commenti, come lei legge i miei articoli e i commenti che metto anche io. La prego di comprendere le ragioni altrui, interrompendo questo battibecco che non porta da nessuna parte. Non le faccio la morale, anche io mi lascio prendere talvolta dalla polemica e dalla sfida telematica. Non serve a nulla, anzi può allontanare qualche nuovo lettore o qualche lettore affezionato da questo blog. I lettori che non commentano mai o lo fanno raramente sono migliaia di volte superiore a quelli che invece amano commentare. La saluto cordialmente

          • paolosenzabandiere

            Antonino mi ero ripromesso di risponderle con più calma, prima volevo chiarire con il signore, e ovviamente lasciargli l’ultima parola, altrimenti la cosa andrebbe avanti all’infinito.

            Devo ammetterlo quando ho visto il suo commento sono rimasto perplesso, perplessità che è aumentata, quando ho visto che questo “buffetto” non era stato paritario ma riguardava solo il sottoscritto. Normalmente quando devo prendere una posizione su due “litiganti” mi documento e cerco di dare ragione a chi ce l’ha. Poi personalmente starei male a non dare ragione a chi dibatte con me, chiaramente quando ritengo che abbia ragione, ma la finisco qui.

            Solo un consiglio. Non tutti postano per portare avanti le loro idee, per convincere o essere convinti. C’è gente che la ragione agli altri non la riconoscerà mai. C’è chi oscura i suoi commenti dietro un ridicolo priveè proprio perché non vuole confrontarsi con gli altri. La qualità del servizio aumenterebbe se queste persone fossero costrette a mettere in chiaro i loro post, ma comprendo quanto questo sia di difficile attuazione considerando poi che alla categoria dei priveé appartiene il fior fiore della trolleria. degli influencers ecc. che sono così funzionali per i molti poteri che se ne servono.

            Grazie per l’attenzione.

          • Antonino Trunfio

            Egr.Paolo, non consideri i miei commenti una presa di posizione per tizio o per caio. Volevo solo invitare chiunque a non scambiare l’area commenti per un’arena o peggio un ring. Capita anche a me di farlo, ma io per primo poi mi pento e lo condidero quanto meno uno spreco di tempo

          • paolosenzabandiere

            Convengo, un’inutile perdita di tempo. Prima o poi capirà che i suoi commenti ai miei post non sono graditi e che non ho nessuna intenzione di entrare in discussione con lui.
            Buona domenica.

          • paolosenzabandiere

            Stavo facendo una rassegna di quanto da lei detto e mi è capitato di rileggere questo suo post. Io a differenza sua so quando sbaglio e lo riconosco. Ovviamente l’11/14%dell’eventuale nuovo partito era da scalare dalla percentuale del piddi senza scissione.
            Ma credo che il mio sia un peccato veniale…

          • Ronf Ronf

            Guarda che il tuo famoso 11-14 è eccessivo perchè Vendola già lo ha ridimensionato ad un 10% che include SEL e gli altri partiti minori dell’area a sinistra del PD. Quindi vedi di “volare basso”. Infatti il PD scende, ma non come pensi tu: il PD perde sia verso Grillo che verso “il nuovo partito”. Poi è una cosa assurda il fatto che tu dai credito a della gentaglia che ha già stra-fallito, che ha fatto le stesse identiche cose di Renzi e che lo critica solo perchè Renzi non gli ha dato le poltrone: hai scordato la nomina di Errani a Commissario Straordinario? Il giorno che Renzi ha dato a Errani la seggola, tutti i bersaniani all’improvviso persero la favella… il gatto gli aveva mangiato la lingua? Questi qui sono solo dei poltronari (al confronto i vecchi rottami del centrodestra sembra gente molto intelligente e ti posso assicurare che di intelligenza tra i rottami della destra ce ne sta ben poca) e degli ipocriti: il governo Renzi I fa il Jobs Act e i bersaniani che fanno? Gridano contro per poi votare a favore, però quando il governo Prodi I aveva fatto la Legge Treu del 1997 nessuno fiatava. Ti pare normale? (No)

          • paolosenzabandiere

            La tua logica è, come irresistibile, irresistibile. Siccome parlo di chi ha fatto vincere il referendum, contro tutti i tuoi calcoli astrusi, dovrei essere uno del piddi, meglio sostenitore dell’opposizione piddina?

          • Ronf Ronf

            Stai diventando uno stalker con i tuoi commenti persecutori contro di me: o la smetti di fare lo stalker oppure finisce molto male. Stammi alla larga: i tuoi comportamenti distruttivi creano solo del casino e del disagio al sito e al sottoscritto. Mi sono pentito di aver cercato di farti ragionare: smettila di farmi dello stalking con i tuoi tentativi di destabilizzarmi e isolarmi dal sito con tutti questi tuoi commenti persecutori. Un consiglio, non rispondermi.

        • i cinquemila sono già all’estero e anche qualcosina di più. io sul finanziamento alle missioni so qualcosa che non sai… per esempio alcune gare sono gonfiate per la manutenzione ed i ricambi degli autoblindo. i soldi in più servono per comprare divise e carta igienica per le caserme, robe così. L’esercito italiano è messo molto, ma molto peggio di quello che credete.

          • Giovanni Netto

            le cose che tu mi racconti e le spacci per novità le ho già sperimentate nel 19.. quando (durante la naja) ero addetto alla contabilità del magazzino del battaglione.

            sai che novità mi dici……LOL!!!

          • Giovanni , calmati, io , prima di passare a… (cazzi miei) ero in fureria, e ne ho viste di tutti i colori. Quello che la ggente non capisce è che questo clima di ruberia generalizzata, ormai all’affanno per mancanza di soldi, è voluto per trasformare l’esercito in un palude di imboscati e impedire un colpo di stato. Ha funzionato benissimo. Già allora vedere i cuochi che portavano fuori forme di parmigiano per il loro ristorante, e taroccare schede di viaggio per i colonnelli del cazzo, mi faceva schifo. Ma ero un soldato e dovevo obbedire. Le poche migliaia di operativi veramente efficienti sono a rotazione tutte all’estero, e devono essere pagate molto bene, altrimenti si fanno venire il mal di schiera e rimangono a casa. se non prendi cinquemila euro al mese con il cazzo che vai in iraq o in Libano….

          • what you see is a fraud

            Ma il governo i soldi li ha per le missioni all’estero e per proteggere qualche stato canaglia …… Chi glielo fa’ fare ?
            Napo disse famosamente ” abbiamo impegni internazionali ” = Abbiamo soldi da buttar via , ma non abbiamo i soldi per i terremotati , il sistema sanitario , i disoccupati , le strade , gli immigrati Illegali .

          • Giovanni Netto

            ma tu la sai o no che noi siamo un paese a sovranità limitata?

            dove pensi che venga decisa la politica estera italiana? A roma? a Bruxelles? NOOOOOO: risposta sbagliata! ……

            ti do un aiutino:

            è una città al di la dell’Atlantico, ci passa in mezzo il fiume Potomac, e porta il nome del 1° presidente degli USA.

            dai coraggio, ti ho aiutato troppo! E’ W………on

          • Giovanni Netto

            quello delle gare gonfiate è il segreto di Pulcinella: lo sanno TUTTI ma tutti tacciono (omertà): altrimenti succede come le purghe di Staliniana memoria dove Stalin fece fucilare tra i 200 e 300 generali dell’Armata Rossa tra i quali l’ex capo dell’esercito Mikhail Tukachevskij.

            in pratica ci ritroveremmo con un esercito dove il più alto grado al massimo sarà un sottotenente di complemento.

            http://www.agenziacomunica.net/2016/06/12/12-giugno-1937-le-purghe-staliniane-e-lassassinio-del-maresciallo-tuchacevskij/

            http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/04/19/stalin-fece-fucilare-generali-con-tedeschi-vicini.html

          • paolosenzabandiere

            Nuke scusami se ti devo interessare di un problema stupido ma diciamo che in molti si sono stancati di un signore che non riconosce mai le ragioni degli altri e lo puoi vedere dalle risposte che gli danno e/o dai like che ricevano da coloro che gli rispondono. Di certo si è stancato il signore a cui hai risposto, anch’esso accusato da questo di essere un troll. Da notare che il signo Netto si firma con tanto di nome e cognome e non nasconde i suoi post dietro un ridicolo priveé e accusarlo di essere un troll è quantomeno velleitario.
            Personalmente sò ben circoscrivere i problemi con altri postatori ma è già la seconda volta che vedo questo signore risolvere le problematiche che ha con gli altri accusandoli di essere troll e richiamando o solo minacciando richiami agli amministratori, entrambe cose fatte al sottoscritto, quando farebbe meglio a stare zitto, a continuare a postare e magari anche a confrontarsi con gli altri.
            Nel confronto con gli altri c’è a mio parere, irrinunciabile, il riconoscimento delle ragioni degli altri, ovviamente quanto hanno ragione.

          • ok, ci parlo io con Giovanni.

          • paolosenzabandiere

            Nuke vedo che sotto hai parlato con Giovanni e solo dopo ho compreso che si trattasse di Netto. Non hai compreso, non era lui a minacciare altri di espulsione dal sito ma il solito amico di sempre. Ma fa nulla oggi c’è il sole e se non c’è il sole ci sarà domani. Alla prossima.

          • mandami il link della persona e della comunicazione, che controllo lo storico del tizio. Se cambia nome lo dovrei beccare lo stesso.

          • paolosenzabandiere

            Nuke ti ringrazio dell’interessamento ma per me il caso è chiuso. Gli ho scritto un ultimo post e lui può scrivere in risposta tutto quello che gli passa per la testa, problemi suoi, già ho perso troppo tempo.
            Ti pongo comunque una semplice questione di metodo. Alla base del nostro postare ci dovrebbe essere il confronto con gli altri, con tutto quello che ne deriva. Esigere che ci venga data ragione quando l’abbiamo e darla quanto ci accorgiamo di avere torto.
            In questo quadro, dove il confronto deve regnare sovrano, nascondere i propri post dietro un priveè e già di per se dimostrazione di non volersi confrontare con gli altri. Sarebbe grande cosa se il sito riuscisse ad obbligare tutti i suoi partecipanti a mettere in chiaro i loro commenti. A diventare il primo sito libero dai priveè.
            Parliamo d’altro. Io sono un transfuga dal Fatto quotidiano, e ti chiedo perché RC non mette anche notizie di politica e cronaca che potrebbero avere costi ridicoli, basta Reuters o ansa , e invece far aumentare esponenzialmente i contatti?
            Ti saluto.

          • No nfa parte del piano editoria di Funny, lui dice chiaro e tondo che della massa non gliene frega niente.

          • paolosenzabandiere

            Lo avevo sospettato visto che è un po’ che lo propongo. Peccato, nella crisi del pensiero mainstream trovarsi apparecchiata una tavola già strutturata poteva essere una cosa grossa. Anche perché credo che nessuno possa pensare, poi come editore di RC, di non affrontare la possibile guerra chiamiamola editoriale che si avvicina, e avere 20mila o 2 milioni di lettori, può fare la differenza, nel senso di avere le stesse rogne a almeno con più potere poi.
            Poi bisognerebbe rispettare le masse. Cosa se ne farebbe uno di oro, bitcoin, ecc. se non ci fossero le masse? Ogni speculazione esiste solo se trovi qualcuno che voglia i tuoi asset ai prezzi da te pensati e fissati.
            Ovviamente visto che il sito è il suo che dire, non comprendo ma obbedisco.

      • Stopensando

        Sono d’accordissimo.

        • Giovanni Netto

          e i soldi? sai quanto costa ricerca + sciluppo + costruzione ecc ecc di una forza nucleare autonoma:
          e quante ne teniamo? 2…3…4

          fatti fare un preventivo di spesa dai nostri cugini d’oltrampe quanto spendono per la loro piccolissima dotazione nucleare… e poi fatti due conti….

          non è il caso che pensiamo prima a mettere al caldo i terremotati , ricostruire le strade che sembrano dei groviera, a fare bene i ponti e i cavalcavia senza che cadano al primo passaggio di un triciclo??

          • Stopensando

            Ma statti zitto, allora la Svizzera che un suo esercito di riservisti, credi che abbia rinunciato a difendersi nonostante conclamati limiti?

      • what you see is a fraud

        Guarda che ci sono, se non sbaglio, oltre 200 basi militari USA in Italia quindi dimenticati della Germania anche essa occupata e della Francia . Al limite essere occupati dalla Germania o la Francia non sarebbe una brutta idea considerando il calibro dei coglioni al potere in Italia . Nessuno potrebbe fare peggio di chi abbiamo qui .

        • Ronf Ronf

          Guarda che FR-GER occupano già l’Italia cooptando i vari Enrico Letta che quando sono al governo chiamano FR-GER per farsi fare i tanti report sulle privatizzazioni “da fare”, poi quando escono dal governo vanno a lavorare presso chi scriveva i report. Letta adesso lavora nell’Università francese che sosteneva che il governo Letta I doveva privatizzare Finmeccanica a favore dei francesi: ma ti immagini se una cosa del genere l’avesse fatta Gasparri o la Gelmini cosa sarebbe successo? Come minimo ci sarebbero stati i morti per strada a causa delle rivolte armate della sinistra! Se poi non ti sei accorto di dove siamo finiti, FR-GER si sono comprati i Dem USA (infatti Deu.Bank ha finanziato i loro politici per le loro campagne elettorali) apposta per fare quello che volevano: inoltre FR-GER si sono messi in testa di usare Euro e UE per radere al suolo la concorrenza italiana e quindi nel lungo termine sganciarsi dagli USA per farsi gli affari propri (vedi il North Stream fatto nonostante il NO di Obama e prima ancora di Bush jr. Ovviamente all’Italia è stato impedito di fare il South Stream per il gas russo e quindi Berlusconi è stato “eliminato” dalla guida del suo governo nel novembre 2011)

  • gianni

    spero che i separatisti del donbass si vendichino

  • gianni

    in arrivo altri false-flag……

  • Davide

    ” L’UE dichiara guerra al mondo”
    Alcuni giorni fa si è aperta la campagna dei media sussidiati d’ Europa contro l’ amministrazione Trump ieri il presidente del Consiglio europeo si schiera contro la nuova presidenza Trump direi che è una sfida lanciata dal vecchio potere globalista contro la nuova alleanza che avanza.

  • Davide

    I decreti emessi da Trump verso immigrazione e immigrati sono principalmente dovuti per pulire il suolo americano da terroristi assassini e fiancheggiatori fatti affluire sul suolo US il nuovo Presidente sa bene che una rivoluzione colorata è in atto contro di loro non bastavano i cartelli dell droga terrorismo islamico CIA Vaticano neocom e compagnia bella ieri anche la presidenza UE si è schierata.sarà una primavera molto vivace.

  • verklarte

    “Per ora quelle di Trump paiono minacce di guerra prettamente commerciale ed economica ma si sa, l’America presentabile, aperta e democratica che tanto manca alla Botteri e all’intellighentzia nostrana, ci mette poco a trovare un casus belli, se serve. E in questo caso ci sono 5 trilioni di buoni motivi. Ma il cattivo è Donald Trump che caccia gli immigrati e quelle quattro checche isteriche che manifestano in piazza nemmeno si rendono conto di tirare la volata a multinazionali e personaggi alla John McCain”.

    Forse le checche non se ne rendono conto ( a loro interessa percepire 50 dollari all’ora come promesso da varie ong) ma, più passa il tempo, più mi convinco che non se ne rende conto nemmeno Trump. The Saker – in un raggelante articolo – vede un parallelo inquietante tra la situazione odierna americana e quella russa del 1999-2000. Putin vinse il braccio di ferro con gli oligarchi filoatlantisti perché aveva dalla sua parte i servizi segreti e l’esercito. Trump non ha questi alleati e potrebbe non reggere a lungo allo sputtanamento mediatico gestito dai neocon, dai vertici militari e da Cia/Nsa che non controlla minimamente. Il generale Flynn non sa da dove cominciare per fare un po’ di chiarezza tra i vertici dell’intelligence. Per qualche TV e per qualche istrione regista cinematografico è ancora Obama il presidente. Trump è solo. Se ne rende conto?
    Secondo Saker il neo-presidente potrebbe giocare la carta dell’11 settembre: rivelare qualche retroscena del complotto di quel giorno potrebbe spaventare e far rinsavire molti neocon.
    Per questa volta non sono affatto d’accordo con Saker. Dopo 16 anni dall’evento le prove che potevano ricondurre l’attacco alle Twin Towers ai neocon saranno state seppellite sotto tonnellate di termite.
    L’unica possibilità che ha Trump per evitare l’impeachement o il suo assassinio è fare appello al popolo che lo ha votato, come fece a suo tempo Putin.
    Saker se lo augura e ce lo auguriamo tutti noi, ma Trump non ha la furbizia di Vlad e ancor meno l’appoggio dell’esercito. Mi sa che finirà malissimo per l’America e per l’Europa. I paranoici che credono di aver acquisito il diritto all’immortalità (per il day after) e hanno arredato e stipato di provviste i loro bunker antiatomici stanno già festeggiando. Intanto la rivoluzione colorata americana va avanti.
    Alle stesse conclusioni è giunto anche Giulietto Chiesa.
    Vk
    http://vocidallestero.it/2017/01/31/zero-hedge-negli-stati-uniti-e-in-corso-una-rivoluzione-colorata/

    • elf elrond

      “Putin vinse il braccio di ferro con gli oligarchi filoatlantisti perché aveva dalla sua parte i servizi segreti e l’esercito. Trump non ha questi alleati ….”
      Non sarei così sicuro che Donald sia così solo. Secondo te chi ha dato a Wikileaks le mail di Hillary? Gli hacker russi?
      Almeno una parte del deep state si è reso conto che l’America stava andando a sbattere il muso e ha messo a rischio carriera e pensione per affossare la pazza e/o l’abbronzato. Se oggi la Clinton avesse vinto, oggi assisteremmo a inspiegabili purghe all’interno delle forze armate e dei servizi segreti.

      • verklarte

        Una piccola parte dell’establishment (per esempio l’anziano Pieczenick che è una delle fonti di Assange) sta con la nuova amministrazione, ma se non hai nessun media per far sentire la tua opinione non vai da nessuna parte. Ma ora non basta nemmeno avere una TV come suggerisce Saker, lo scontro sta diventando sempre più violento. Quando i tuoi avversari giocano sporco devi contrattaccare con qualche colpo basso e micidiale o sei finito. Ho l’impressione che Trump abbia una concezione cavalleresca della lotta politica, a meno che non abbia qualche carta segreta da giocare.

        • Tex42

          Discussione molto interessante. Concordo sul paragone del periodo 99-00 in Russia.
          Per me Trump ha un grosso vantaggio rispetto a Putin (ma non so se compensa gli altri svantaggi che avete elencato). E’ un uomo di spettacolo ed è intelligentissimo nel capire gli “umori” della gente e agire di conseguenza. Prova ne è la sua elezione nonostante il 99% di opposizione mediatica.
          Ma non so questo basterà, considerando che gli avversari sono pronti a qualsiasi bassezza.

        • Gianox

          Sia lei sia l’utente Elf Elrond avete scritto cose corrette e condivisibili.
          Tuttavia anche io sono dell’opinione che Trump sia diventato presidente non per caso. Sicuramente una parte del deep state sta con lui. Altrimenti gli avrebbero fatto le scarpe tanto tempo fa.
          E Trump sapeva bene a cosa andava incontro.
          Semplicemente la partita è aperta ed entrambi gli schieramenti sono consapevoli del fatto che si tratta di una battaglia all’ultimo sangue. E non è che Trump si stia risparmiando quanto a colpi bassi. La Clinton potrebbe veramente rischiare la galera. Inoltre bisogna vedere qual è veramente lo stato delle cose in America. I nostri giornali non fanno altro che denigrare Trump 24 ore su 24. Però la maggior parte dei lettori è a favore di Trump perché si rende conto che i giornali mentono. Il fatto stesso che Trump abbia vinto le elezioni malgrado i palesi brogli elettorali della Clinton può forse essere un’indicazione del fatto che il grado di consapevolezza dell’americano medio è molto cresciuto ultimamente. Ai giornali credi più nessuno.

  • Martino Mireles

    Tutta gentucola senza cervello che commette sempre gli stessi errori. Tempo al tempo e questi figuri delinquenti che sono come virus scompariranno. Il fatto che agiscono sempre allo stesso modo li rende vulnerabili perché non sono creativi, sanno solo odiare e seminare la zizzania.
    Ma la resa dei conti si avvicina.

    • AnonimoSchedato

      Mi piacerebbe riuscire a pensare di vivere abbastanza per vederla!

  • the_joker_IT

    Trump farà lo scarpe allo status quo e questo include anche i neocon.

  • Scrillo

    Le solite false dichiarazione dei moralmente superiori europei, quando tutti sanno che chiunque facesse tabula rasa degli islamisti, sarebbe un bene per tutti. Ma tanto Trump non lo farà tranne che nel suo paese, e perché mai dovrebbe quando ci sono le idiocrazie del canada e della germania che fanno a gara per chi se ne infila di più su per c..o.

    • Giampaolo Segato

      Trump sposta l’attenzione al Messico per attaccare il protezionismo economico espansionistico cinese per fare ciò deve rompere gli schemi Obama_Merkel .Trump sceglie il popolo e i sui bisogni una spada di Damocle da sostenere con i fatti pragmatico imprenditore agisce con fermezza contro l’oligarchia finanziaria di un sistema che vacilla . Un nuovo millennials Robin Hood ?! Forse è quello che tutti in cuor nostro ci aspettiamo per scrivere la storia di equità e giustizia

  • Marco Oro
  • marcoferro

    ricordiamo sempre il famoso muro col messico lo ha voluto sempre il malato sessuale clinton e poi lo ampliò la scimmia assassina. invece per quanto riguarda la spesa che l’america pretende dai suoi alleati già adesso è una follia. l’italia oggi spende 80 MILIONI DI EURO AL GIORNO. Questi pazzi, già ci provò obanana, la vogliono far lievitare a 100 MILIONI AL GIORNO.

  • Francesco Biondi

    Per fare quello che apparentemente Trump ha dichiarato nelle sue intenzioni, a partire dal sovvertire la politica ultra globalista, free border e “diritti” nonchè fortemente antirussa, deve avere alle spalle un bel muro di persone interessate, accondiscendenti o comunque disposte a venire a patto con quanto sta facendo pur di avere ritorni o compromessi. Altrimenti sarebbe già morto.
    A parte l’appoggio del cognato Kushner – J, sionismo, che comunque non è poco – dei produttori di armi, di qualche “signore” degli idrocarburi e di pochi (secondo me) a Wall st. non penso sia spalleggiato da molti

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi