Ankara: “L’accordo sui migranti è finito”. E mentre Rutte gode in vista del voto, il PD punta al suicidio

Di Mauro Bottarelli , il - 70 commenti


Già nel mio articolo di domenica avevo evidenziato come Germania e Olanda stessero usando strumentalmente la crisi diplomatica con la Turchia per ragioni di politica interna, strettamente legate agli appuntamenti elettorali in programma. Non ci voleva molto a capirlo, visto che fino alla scorsa settimana a nessuno in Europa fregava assolutamente nulla del referendum costituzionali turco che permetterà, in caso di vittoria, ad Erdogan di restare al potere fino al 2029 con deleghe pressoché totali, stato di emergenza in testa. Nessun summit ad hoc convocato a Bruxelles, nessuna presa di posizione ufficiale: tutti sapevano, nessuno aveva di che ridire. Strano caso, si avvicina il voto in Olanda e la visita di due ministri di Ankara (tra cui quello degli Esteri) presso la comunità turca olandese diventa un caso di Stato, capace di portare – di fatto – alla rottura delle relazioni tra Turchia e L’Aja.

Divieto di sorvolo degli aerei olandesi, espulsione dell’ambasciatore come persona non grata, minaccia di sanzioni dirette e richiesta di intervento dell’UE: la Turchia ci è andata giù pesante, anche perché questo sentimento anti-europeo e anti-occidentale porta acqua al mulino elettorale di Erdogan. Ma ora c’è qualcosa di più, come vi avevo anticipato. In un’intervista rilasciata questa mattina, il vice-premier turco, Numan Kurtulmus, dopo aver ribadito accuse e passi diplomatici verso l’Olanda, è andato oltre: “C’è una crisi in atto ed è molto profonda. Non l’abbiamo creata noi, né portata a questo livello”. Poi, la bomba, ancorché da verificare nei fatti: “L’Europa non ha mantenuto le promesse relativamente all’accordo sui migranti, per quanto ci riguarda quel patto è finito”. Boom, circa 2 milioni di rifugiati siriani attualmente bloccati all’interno dei confini turchi sarebbero quindi pronti a inondare la Grecia e portare pressione insostenibile sulla rotta balcanica, di fatto blindata da muri come quello ungherese o serbo ma decisamente a rischio di fronte a una pressione potenziale di quel genere.

Si sta facendo sul serio o siamo al gioco delle parti per fini meramente elettorali? Dal punto di vista economico, giova ricordare che gli investimenti diretti olandesi in Turchia rappresentano la maggiore fonte di intervento estero con il 16% del totale, mentre l’export turco verso l’Olanda ha totalizzato 3,6 miliardi di dollari nel 2016, di fatto tramutano l’Aja nel decimo mercato in assoluto per le merci turche, stando a dati del Turkish Statistical Institute. Dal canto suo, Ankara ha importato beni olandesi per 3 miliardi di dollari lo scorso anno: insomma, se la crisi diplomatica portasse a un collasso totale delle relazioni e a un embargo, una recessione per l’economia turca potrebbe essere non esclusa. In compenso, quanto accaduto sta facendo la fortuna del premier olandese Mark Rutte, da tre giorni presente in ogni media locale ed estero, proprio a ridosso del voto di domani.

E grazie alla tensione innescatasi con Ankara, Rutte ha potuto virare decisamente a destra nei toni, andando a competere con Geert Wilders sul suo terreno: prima ha infatti detto che “se ai cittadini turchi non va bene la democrazia olandese, posso andare altrove”, poi ha sottolineato come l’irrigidimento della crisi sia stato necessario perché “pensavano di venire a dettare le regole a casa nostra”. Insomma, siamo ai livelli di Borghezio ma l’Europa intera ha applaudito, perché il nemico è il satrapo e despota Erdogan. Lo stesso a cui si sono garantiti 3 miliardi di euro per bloccare i profughi turchi, soppesando anche le virgole ogni volta che c’era da trattare: ipocrisia all’ennesima potenza. Intervistato dalla NRC rispetto al fatto che la crisi gli abbia permesso di giocare il ruolo del leader forte, Rutte ha risposto che “non stavo certo aspettando un situazione simile… Mi sta costando ore e ore di campagna elettorale ma è il mio lavoro, essere primo ministro arriva prima di tutto”. Che martire della causa! Questa tabella

ci mostra l’ultimo sondaggio compiuto ieri da Pein.nl, il quale vede il partito di Geert Wilders alle soglie della vittoria ma che, soprattutto, certifica per la prima volta come i supporter del partito nazionalista non abbiano più paura di rivelarsi e ammettano di votare senza dubbio per il PVV domani. Ma il sondaggio ci dice anche altro, visto che tra i 2mila interpellati, ben l’86% ha dichiarato di ritenere come Rutte si sia comportato molto bene nel corso della disputa con Ankara. La questione, a questo punto, è tutta e soltanto di percezione e di segnali. Il proporzionale puro in vigore in Olanda, infatti, preclude al PVV l’arrivo al potere (salvo una performance bulgara, alquanto improbabile) e quindi Rutte potrà scegliere la via del compromesso e del governo di coalizione, escludendo fin da ora l’ipotesi di accordo con Wilders: “No, non faremo un patto di governo con lui. Già una volta, quando la crisi si è fatta più profonda, è scappato via”.

Di fatto, il rischio di instabilità politica post-elettorale resta molto alto, traducendo il voto per il PVV in qualcosa di più dell’atto di testimonianza: se una buona affermazione di Wilders porterà l’impasse a L’Aja, il segnale per gli elettori euroscettici francesi e tedeschi sarà decisamente chiaro. E diverrà una forte tentazione in vista del voto: anche non andando al potere, si può infilare il brechtiana granello d polvere nel meccanismo di potere reale europeista, creando le condizioni di ingovernabilità o instabilità politica. In ogni caso, grazie alla crisi ad hoc con Ankara, Rutte potrebbe evitare il disastro, limitando il risultato a una brutta gatta da pelare.

E attenzione, perché ieri sera nell’ultimo dibattito televisivo, Geert Wilders è stato molto chiaro rivolgendosi a Mark Rutte: “Sei stato preso in ostaggio da Erdogan, chiudi i confini olandesi. Tutto ciò che dobbiamo fare per proteggerci è non fare accordi come quello che abbiamo fatto con Ankara”. Come dire, basta compromessi, blindiamo le frontiere e che il costo lo paghi qualcun’altro: chi sarà quel qualcuno, a vostro modo di vedere? Noi e la Grecia, visto che già oggi i dati del ministero dell’Interno e di Frontex parlano di oltre 15.800 sbarchi dall’inizio dell’anno sulle nostre coste, un secco +66% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Se contiamo il fatto che ormai siamo alle soglie della bella stagione, che il governo di Al Serraj in Libia non sta facendo assolutamente per contrastare le partenze e che incombe il rischio di apertura dei confini turchi con Grecia e Bulgaria, capite bene quale rischio potenziale corra il nostro Paese. E la politica cosa fa, a parte scannarsi su mozioni di sfiducia contro Luca Lotti e dibattere su chi abbia ragione fra De Magistris e Salvini? Nulla, tanto più che con l’Europa in piena implosione (ora è arrivata anche la mina scozzese sul Brexit), l’Italia vanta il ministro degli Esteri più silente e irrilevante del continente. In compenso, come ci ricordava la prima pagina dell’Unità di oggi,

il resuscitato Walter Veltroni, lo stesso che il giornale fondato da Antonio Gramsci lo ha affossato sotto il peso di videocassette e album delle figurine, rilancia ancora la proposta del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, di dare vita a una marcia pro-migranti per unire il PD, scelta già sposata dal candidato alle primarie e ministro della Giustizia, Andrea Orlando e dall’assessore alle Politiche sociali del comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, il quale ha già anche avanzato il 20 maggio come data delle kermesse da tenersi nel capoluogo lombardo. Insomma, stanno facendo di tutto per suicidarsi da soli, per spianare la strada ai Cinque Stelle nel voto del 2018 e alla troika subito dopo, quando l’impossibilità di trovare una formula di governo di minoranza o con l’appoggio esterno in sede di incarico manderà il nostro spread sull’ottovolante. Non scherzo, all’appuntamento renziano del Lingotto dello scorso weekend questa era la road-map più accreditata dagli stessi seguaci dell’ex premier: insomma, tanto peggio, tanto meglio, almeno i grillini li spazziamo via del tutto.

Ma qualcosa pare muoversi anche a sinistra, visto che poco fa a “Omnibus” su La7, Elisabetta Gualmini, vice-presidente PD dell’Emilia Romagna e assessore al welfare e alla politiche abitative, ha rispedito al mittente l’ipotesi in tal senso avanzata in studio da Corradino Mineo, facendo notare che l’aria nel Paese è cambiata e l’emergenza immigrazione è reale e sentita, a tal punto da rendere un’iniziativa come quella della marcia pro-migranti poco digeribile ai cittadini ma anche agli amministratori che sul territorio devono lottare ogni giorno per trovare soluzioni a un flusso oramai senza fine e senza controllo. Ma non è l’unico caso di amministratore locale PD che esce dal seminato del politicamente corretto, pur scadendo nel ridicolo per cercare di salvare le apparenze. E’ infatti scattata l’emergenza sanitaria fuori dalla stazione ferroviaria di Ventimiglia, utilizzata come bagno pubblico “en plein air” da decine di migranti che, soprattutto di notte, bivaccano fuori e dentro lo scalo ferroviario, in attesa di trovare un modo per raggiungere la vicina Francia.

E se da una parte i netturbini hanno più volte minacciato di incrociare le braccia, se non saranno messi nelle condizioni di lavorare in sicurezza per la propria salute, dall’altra l’amministrazione comunale retta dal sindaco Enrico Ioculano (PD) ha investito 4mila euro (per il periodo tra marzo e giugno 2017) per disinfestare la piazza. Ma attenzione: l’aspetto più assurdo, alla fine, è che se tutti si lamentano – stando all’acuto ragionamento dell’amministrazione – la colpa è dei giornalisti, accusati di amplificare il disagio dei cittadini, scrivendo che la stazione è sporca. E l’affermazione è contenuta, a chiare lettere, nel testo della Determinazione numero 244, con la quale il Comune mette a bilancio l’impegno di spesa. L’avesse fatto un comune retto da Lega Nord o Forza Italia, avremmo già qualcuno che scomoda lager e Zyclon B ma se si tratta del PD, c’è sempre la scusa pronta e la colpa da scaricare su altri. Ancora per poco, stavolta il redde rationem sta davvero arrivando. E noi abbiamo un Parlamento che litiga su Lotti.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Peppino Prisco

    avete ancora qualche mese per scappare dal paese delle banane.

    • cenzino fregnaccia pettinicchi

      Si, per andare nel paese dei tulipani.

  • Massimo

    ottimo articolo!

    accoglienza e’ sicurezza
    e’ da vomito
    VOMITO

    • maboba

      Quel titolo è la quintessenza del PD, partito che ormai è divenuto la cloaca maxima del peggio di questo disastrato paese

    • ecomostro

      Dopo “la guerra è pace”, “la libertà è schiavitù” e “l’ignoranza è forza” di Orwell ci mancava proprio lo slogan “accoglienza è sicurezza”…

  • fabbri73

    Sarei curioso di vedere chi va alla manifestazione pro migranti. Poi prendere nome e indirizzo e spedire i negri a casa loro.

    • marcoferro

      chi andrà prenderà un gettone di presenza da parte di soros o avrà qualche benefit. perche la gente normale con i suoi problemi quotidiani non hanno tempo da perdere in queste stronzate…

  • Ronf Ronf

    L’autore scrive che l’impossibilità di trovare una formula di governo di minoranza o con l’appoggio esterno in sede di incarico manderà il nostro spread sull’ottovolante: vero, il M5S infatti serve solo a far sfogare la rabbia impedendo la nascita di una destra no-UE

  • Cavaliere Blu

    Purtroppo i sinistri italiani sono troppo imbecilli per capire i pericoli che corre il paese, anche perchè come è tipico dei piddini, pretendono che a pagare siano gli altri.
    Quindi, non sono per niente ottimista. Sarà un bagno di sangue.

    • Ronf Ronf

      E soprattutto per loro è SEMPRE E SOLO colpa degli altri (DC, la destra, M5S)

  • Mela

    Ma quale suicidio e suicidio? Perditempo assoluti.
    Siente 5 anni che state qui a parlare di suicidio di questo e quel’altro, di fine dell’europa, di fine dell’america, ma sono tutti lì.
    Ma in quale dimensione alberga il fautore del articolo?
    Il PD (che sta per Pirla Demenziali) avrà il duraturo supporto di 7 o 8 milioni di coglioni lecca scroto (anti-berlusconiani-antifascisti-comunisti che non hanno mai letto Marx) e non morirà mai, come il quotidiano cartastraccia Unità.

    • Ronf Ronf

      Con il proporzionale il PD dovrà allearsi con i partiti Pisapia, Civati, Fratoianni, Speranza, Ferrero a sinistra e con Alfano, Silvio, Casini al centro: dimmi tu se questo non è un suicidio… infatti io votai NO al referendum proprio per questo

      • Mela

        Intanto sono tutti lì. Non cambia nulla. Tutti i responsabili della tragica situazione economica e sociale che l’italia sta vivendo sono permanentemente lì
        In un mese ti tirano fuori un altro squallidissimo burattino come Renzi; i vili giornalisti lo promuoveranno, lo presenteranno ai cretini come bello, santo e immacolato, e ripartiranno a seguire le direttive dei padroni.

        • Ronf Ronf

          Ehm, mi sa che a te sfugge un dettaglio: se Silvio va di nuovo al governo con il PD, poi Silvio sparisce e la destra cresce. Infatti il mio desidero è proprio questo… poi tu dimentichi che OGGI nel Parlamento i numeri sono enormi a causa del premio, DOMANI nel prossimo Parlamento i numeri saranno RISTRETTI e poi dimmi tu come faranno a governare (oggi è facile: se Speranza vota di NO, allora Renzi va da Verdini a chiedere i voti sostituire Speranza. Ma nel prossimo Parlamento i numeri saranno talmente stretti che se un gruppetto vota NO, allora cade il governo). Studiati i numeri

          • Ale C.

            Prima sparisce Silvio (= prima torna una destra credibile) meglio è.

          • Noel

            … quando “cade” il governo eletto dal Popolo ne mettono un’altro detto “tecnico”!…quindi non cambierà mai nulla.ciao

          • Vincenzo Laino’

            Ma il problema non cambia.Deve avere la maggioranza ….

          • Ronf Ronf

            La maggioranza pro-Troika è FACILE da trovare: dopo che sarà crollato in Parlamento il governo dei grillini (con Salvini e Meloni) a causa dell’ala sinistra del M5S che MAI E POI MAI accetterà di allearsi con le destre (Salvini e Meloni), quindi ci saranno pien di Luis Alberto Orellana e di Adele Gambaro che tradiranno il M5S esattamente come hanno fatto questi due ai tempi del I governo Letta. A questo punto i traditori del M5S andranno insieme al PD (la Gambaro addirittura è andata in ALA, il gruppo di Verdini) e il governo pro-Troika quindi avrà la maggioranza (di pochi voti ma sufficiente per governare, tipo il II governo Prodi nel 2006-2008).

          • Ronf Ronf

            A me interessa la rappresentanza parlamentare: se FI perde voti, la destra guadagna seggi e quindi influenza. Per farti capire meglio, il PCI non stava al governo: però era molto influente grazie alla sua forte rappresentanza e quindi il Parlamento (vista la Costituzione attuale in vigore) è importante…

          • Mela

            E quanto tempo impiegherà Silvio a levarsi dalle scatole?
            E, in secondo luogo, i suoi eventuali succedanei saranno in grado di procedere autonomamente, come fece brevemente Berlusconi a suo tempo, non autorizzato dall’usura internazionale, finendo come ben tutti sappiamo (sputtanato con la montatura di scandali che sono stati diffusi da CNN, BBC, FOX, e da tutti gli altri ripetitori della propaganda giornalistica)?

          • Ronf Ronf

            Caduto il Berlusca, sparisce FI e quindi i voti andranno alla Lega e (se non sparisce prima a causa dello sbarramento perchè c’è FI che gli ruba tanti voti) Fratelli d’Italia. Poi bisogna puntare sulla rappresentanza parlamentare in modo da essere influenti tipo il PCI nella Prima Repubblica (fuori dal governo, influente dentro il Parlamento). Infine si vedrà cosa fare: fino a quando il M5S, per colpa di Silvio (lui non lascia la politica, la Meloni e Salvini non si possono staccare di lui per non essere distrutti e quindi il M5S è agevolato perchè ai grillini basta dire “con noi si manda a fare in cul* Berlusconi” per raccogliere tanti voti), tiene congelati i voti di destra, non si può fare nulla. Silvio resisterà ancora a lungo, sigh!

        • Consulente dei nuovi schiavi

          Ottima sintesi che condivido.

  • Caio Giulio

    Io personalmente non avevo dubbi che questa “trovata” del tulipano fosse ai fini elettorali, visto che questi soggetti sono un libro aperto per quanto mi riguarda, ed in fondo al merdogan come giustamente osservi, questo fa anche comodo. Sicuramente vedrete che dopo le elezioni finirà tutto a tarallucci e vino, sempre che Wilders non la spunti, ma i nazionalismi sono ormai risorti e più selvaggi importeranno e più perderanno; altro che marcette che solo due idioti sinistrati e decotti come il lombrico ed il mafioso eletto con un plebiscito bulgaro a Palermo potevano tirare fuori dal cilindro.

  • Lorenz85

    mi piacerebbe analizzare meglio la frase (ricorrente) “Arriva la Troika”: la troika fa accordi col governo fantoccio di turno, che però deve avere la maggioranza in parlamento. Quindi qualche partito la deve sostenere la troika, e saranno quelli che si suicideranno.
    Sarà il MoV+ coalizione (quale?) o il PD + coalizione? o PD + MoV per un suicidio collettivo?
    ho qualche dubbio che sarà il Mov, ma alla fine è lecito aspettarsi di tutto..

    Vedremo.

    • Ronf Ronf

      I grillini cercheranno di fare un governo con Salvini e Meloni visto che Masia (il sondaggista di Mentana) mette somma dei tre come SOPRA alla maggioranza dei seggi. Ma un pezzo dei grillini non accetterà MAI di andare con le destre (il Presidente della Commissione di Vigilanza RAI on. Roberto Fico ha detto che “i grillini quando presenteranno il programma sull’immigrazione saranno odiati da Salvini. E perchè voi giornalisti continuate a dire che il M5S si deve alleare con i leghisti e con la Meloni? Ma perchè non ci possiamo alleare ad esempio con gli esponenti di SEL?” e questo dimostra che Fico non conosce la politica: SEL nei numeri pesa molto meno di Salvini e Meloni, quindi un alleanza tra SEL e M5S, cioè votare insieme in Parlamento, non produce affatto una maggioranza) e poi alla votazione ci sarà quindi la caduta del governo: a questo punto molti grillini, cioè quelli che MAI accetteranno di andare con le destre, votaranno la fiducia a PD+SEL/SI+NCD+FI+Pisapia+Civati pur di non votare insieme a Salvini e Meloni

  • Maximus

    Il P.D. non sta spianando il voto ai 5 Stelle ma alla Lega Nord.

    Il partito di Grillo infatti sui migranti vota in Parlamento assieme al P.D. ed ha votato in passato per l’abolizione del reato di clandestinità.

    Grillo vaffanculo !

    E vergognati.

    • Ronf Ronf

      Il popolo che guarda la televisione non sa che i grillini votano uguali al PD e poi i leghisti hanno UN problema: la mancanza di coraggio nel staccarsi da Silvio (i suoi network sono ancora troppo potenti e quindi è comprensibile che Salvini e i Fratelli d’Italia della Meloni abbiano timore nell’andare allo scontro totale con i dirigenti di FI e di Mediaset). Il problema è che Silvio sta ricominciando a fare la solita tecnica: FI nelle campagne elettorali si sposta a destra per “rubare voti” a Lega e (soprattutto) Fratelli d’Italia, quindi FI manda in Parlamento gente come Nunzia De Girolamo che poi tradisce Silvio per andare con Alfano oppure come Lara Comi che è a Strasburgo è famosa per la sua fedeltà assoluta alla Merkel, ma a causa delle campagne elettorali di Silvio succede che Fratelli d’Italia non è in grado di superare lo sbarramento (vedi le Europee 2014) e quindi la Lega oltre un certo limite non va (e la soluzione potrebbe essere fare la “lista unica” con la Meloni perchè, mio caro, ogni voto perso sotto lo sbarramento favorisce Silvio)

      • davide

        La Comi ha una grana: restituire un 126 e passa mila euro di stipendio dato alla madre come sua segretaria in sede UE.
        A che punto sta con i debiti non lo so.
        Comunque una tizia che si prende mamma portaborse e non conosce ciò che è noto anche al portiere di Europarlamento (no parenti portaborse per eurodeputati) e per giunta laureata in economia lascia pensare male…leggerezza… ingenuità….prestanome per conto di chi?

  • Ale C.

    Lo scrivo pure qui,va là

    ok. ragazzi, mi pare che qui siamo tutti d’accordo.
    ora, mi pare chiaro che qualche ipotesi di reato si possa profilare (che ne so: truffa ai danni dello stato – non sono avvocato), no?
    e che ci sia pure un notevole quadro indiziario.

    io non so voi ma mi sono rotto i coglioni di vedere quel maledetto rospo di soros che distrugge il mio paese con quei complici traditori di Alfano Boldrini etc etc (per di più bullandosi da moralmente superiori) .
    e che fa sì che 500€ delle mie tasse siano andati a mantenere questo disegno criminale.
    e mi sono pure rotto i coglioni di lamentarmi solo su RC.
    seriamente parlando: non c’è nessun avvocato qui che può darci qualche lucidazione?

    qualcuno ci starebbe eventualmente a fare colletta per un’azione legale? Una sorta di class-action?

    • valentino

      La vedo dura querelare Soros, in Italia poi, magistratura a parte (saldamente rossa), gli abbiamo dato la laurea honoris causa in economia dopo lo “scherzetto” della £

      • Ale C.

        non pretendo querelare Soros. Ma perlomeno qualche ONG, come quelle mostrate nel video di Donadel e, certamente, quell’indegno essere, il peggiore ministro che potesse esistere, quello eletto solo grazie al CARA di Mineo.

      • Gianox

        Arrivati a questo punto, sono tutti complici. Nessuno escluso.
        Altrimenti, qualcuno si sarebbe già attivato.
        Ed ecco che la lista si allunga sempre più.
        Intendo, la lista dei traditori della patria, della civiltà europea e pure dell’etnia bianca, da assicurare al boia.

        • valentino

          Tra giornalisti, politici e magistrati non saprei chi “battezzare” per primo

    • Scrillo

      Secondo me sei fuori strada. Qualche avvocato che ti spenni lo troverai sempre, basta agire così. L’italia non è una vera democrazia, altrimenti questo governo non esisterebbe. L’unica cosa che si può fare è andare a votare, quando ci saranno le elezioni. So che è assurdo aspettare di morire così, ma non è neanche detto che i pdioti rimonteranno.

      • Ale C.

        forse hai ragione. allora siamo a posto: il pd ha già preparato l’ennesimo regalo elettorale, il reddito di inclusione.
        cacchio ma quei dementi, di abbassare le tasse alle imprese e creare lavoro proprio non ci arrivano eh?
        per tua info, comunque, sappi che da che posso votare non ho mai saltato un giro.

        • Mr.Y

          Forse hanno altre priorità, ahimé.

          • Ale C.

            “Forse”

      • Ale C.

        comunque, come mi hanno fatto notare:
        http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2017/02/17/migranti-inchiesta-pm-catania-su-ong_b96d7712-8dd7-4d0f-a97a-cc8894aa38f4.html

        per cui, dai, tanto fuori strada non ero… 😉

        • Noel

          si…Davide contro Golia(soros)

          • Ale C.

            Magari! Vado a prendere la fionda!

    • Mr.Y

      Buondì Ale, complimenti per l’iniziativa! Roba da uomini non da ominicchi quaquaraquà e compagnia… a questo proposito speriamo che l’iniziativa del pm catanese non segua la trama del romanzo di Sciascia.
      Al momento mi pare che i cadreghini siano ben saldi ai fondoschiena, ma magari mi sono perso gli aggiornamenti.
      A presto

      • Ale C.

        Buongiorno Y!
        Grazie ma a quanto pare come capopopolo faccio un po’ pietà.
        Forse mi conviene continuare ad avere a che fare con le onde.
        E sperare che a Catania non sia un giochino al contrario: “vedete?!? abbiamo pure indagato ed è tutto a posto!”

        • Mr.Y

          Magari primo o poi qualcuno lo farà. Forse addirittura nelle nazioni più ad ovest, chi lo sa?
          Tuttavia, se guardiamo al passato lontano e recente. la maggior parte dei cambiamenti “pesanti” o “rivoluzioni” che dir si voglia sono sempre avvenute con un forte attore esterno ad appoggiare i carbonari usciti allo scoperto. Meno illusione e ideali ma una robusta dose di “concretezza”.
          ps
          ma con sto diqus c’è il modo di mandare messaggi senza che li legga il mondo o no? mah!

          pps
          condivido l’osservazione su catania.
          A presto e grazie della risposta

          • Ale C.

            temo non si possano mandare messaggi privati su disqus.
            si dovrebbe chiedere la mail all’utente che si vuole contattare.

            questo in risposta la pubblica (così arriva il messaggio in posta personale) poi riedita il commento con un qualche blabla
            e poi lo cancella.

  • Ryszard Ewiak

    Dove ci stiamo dirigendo adesso? La Bibbia dice: “[il re del nord = Russia a partire dalla seconda metà del XIX secolo. Daniele 11:27)] ritornerà nel suo paese con grandi ricchezze [1945], e il suo cuore sarà contro il patto santo [l’ostilità nei confronti dei cristiani. L’Unione sovietica ha introdotto l’ateismo di stato], e agirà [attività in ambito internazionale], e tornerà al suo paese [1991-1993. La disintegrazione dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia. Le truppe russe restituito alla paese]. Al tempo fissato [il re del nord] tornerà.” (Daniele 11:28, 29a) Il ritorno della Russia significa qui crisi, che eclisserà la Grande Depressione, la disgregazione non solo dell’area euro, ma anche dell’Unione europea e della NATO. Molti paesi dell’ex blocco orientale tornerà nella sfera d’influenza della Russia.

    Questo sarà l’ultimo segno prima della guerra nucleare globale. (Daniele 11:29b, 30a; Matteo 24:7; Rivelazione 6:4)

    • ginepro

      ci tocca pure leggere i fissati con le scemenze religiose

    • non dimentichiamo Fatima e i 100 anni di “libertà” di Satana, dal 1917 al 2017

    • Frank P

      ma sicuri che questo re del nord sia la russia?

      • Ryszard Ewiak

        In 1882 British troops occupied Egypt. Great Britain then took the role of “the king of the south”. Around the same time, Russia expanded its influence in the region, which previously belonged to Seleucus I Nicator, and took the role of “the king of the north”. (Daniel 11:27)

  • marcoferro

    non ho capito bene questa marcia pro immigrati a cosa diavolo dovrebbe servire o cosa dovrebbe rappresentare. questa gente ormai lo diciamo da tempo vive scollegata dalla realtà sono pericolosi. quel parassita inutile water veltroni aveva detto che andava in africa anni fa, lo stanno ancora aspettando li andasse ad aiutare li i negri invece di favorire l’immigrazione da noi e le marce sovvenzionate dalle ong di soros.

  • Scrillo

    Io vedo che solo erdogan guadagna punti col nazionalismo: più fa lavoce grossa, più i suoi elettori sono galvanizzati. Lo ha già fatto anche con la russia quando ha fatto tirare giù l’aereo militare, salvo poi dopo un anno ritornare amicone. La sua è una strategia macchiavellica, i turchi ne vanno pazzi, poi non farà niente.

  • killerclown

    bottarelli, wilders ha già vinto. non centra nulla se potrà o no essere al governo, o se sarà il primo partito o no. anzi, e pure meglio così. lui sghignazza come un matto ben sapendo che i partiti al governo saranno costretti ad adottare molte delle sue politiche, e, nel caso il governo vada male, la sua chance di giocarsela sul serio l’avrà allora. è in una posizione che migliore non si può per un politico. e deve ringraziare erdogan e le fantastiche coincidenze: una milionata di turchi in olanda e due appuntamenti elettorali in concomitanza:turchi e olandesi.

    • Ronf Ronf

      Assolutamente no: Wilders alle elezioni deve MASSIMIZZARE i seggi della sua parte politica. Le polemiche tra Rutte ed Erdogan servono a Rutte per attirare i voti di destra togliendoli a Wilders che quindi perde voti e seggi che finiscono a Rutte che mette in lista dei candidati di centro. Con questa storia infatti la gente di destra finisce per far eleggere dei centristi invece che dei discepoli di Wilders esattamente come in Italia alle Europee 2014 la gente di destra ha seguito FI a causa di Storace che disse di non votare per Fratelli d’Italia e quindi la Meloni è rimasta sotto la soglia producendo in questo modo un seggio extra al Sud per FI

      • killerclown

        questa stronzatina di togliere un paio di voti all’avversario modificando verso la sua direzione alcune proprie posizioni politiche poco prima delle elezioni funziona su questioni contingenti, per lo più economiche. ma non funziona su situazioni incancrenite e stabilmente polarizzate come quelle olandesi e su argomenti socialmente così paradigmatici.

        nessun rutto preelettorale può aiutare rutte a togliere numeri rilevanti a wilders, inezie. e lasciamo perdere i sondaggi. e in ogni caso, com edetto, è irrilevante. questo scontro tra olanda e turchia dà semplicemente ragione a wilders. e lui può solo divertirsi a ripetere” ve l’avevo detto io con chi abbiamo a che fare”. è molto semplice da capire. non ovviamente per te.

        • Ronf Ronf

          La tecnica di Rutte contro Wilders del spostarsi a destra per fare la rapina dei voti ai partiti di destra in modo da far calare i partiti di destra è funzionata benissimo in Francia con Sarkozy contro Le Pen padre nel 2007, in Italia con Berlusconi contro la Meloni alle Europee 2014 (e adesso con il “Security Day” di FI siamo di nuovo come a quei tempi), quindi Rutte ci sta provando con Wilders

          • killerclown

            come al solito fai analogie sballate. sarkozy si era distinto come un falco già come ministro degli interni(presidenza chirac), non ha mai “customizzato” le sue posizioni politiche. non ha mai fatto nè tentato di fare il furbo alla rutte.

  • gedeone

    basta paure, l’ Alto rappresentante ecc U.E. Mogherini dr. Federica ha sparato un esiziale nonchè letale monito contro la Turchia :

    L’Ue ha preso ieri posizione con l’Alto
    rappresentate per la politica estera, Federica Mogherini, che ha fatto
    appello chiesto alla Turchia “affinché si trattenga da dichiarazioni
    eccessive e da azioni che potrebbero esacerbare ulteriormente la
    situazione”. – See more at:
    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Tensione-altissima-tra-Turchia-e-Olanda-Erdogan-attacca-Rutte-disgustoso-7b60568c-0da4-4b3d-86f8-f8cae94e1738.html

    https://uploads.disquscdn.com/images/ff9fde9912d25b91d4bc84543d32c890f3772422ddaf8009ecf45712244c3e55.jpg

  • cla

    Il noto opportunismo politico che lega tutte le classi dirigenti delle nazioni, quella turca anche con il peso di 75 pagine di rapporto violazione sui diritti umani, tra cui metterei anche questa campagna referendaria basata sul potere dell’attuale governo che nega l’equità di espressione all’opposizione.
    Ma in soldoni non c’è alcuna differenza tra un popolo turco non libero di decidere e un popolo, ad esempio italiano, libero di decidere, visto che non cambia mai nulla se non le poltrone e mansioni che i soliti noti si ricicciano a turno… tranne quando le urne urlano vendetta, e ci appioppano l’ennesimo governo tecnico per rimetterci al nostro posto, nel recinto.

  • Greetings

    Che merda di paese. Una cagata gigantesca. Questo è diventato il nostro stivale.

    • gianni

      72 anni senza guerra e gli ultimi 60 anni senza poverta’ ( apparte qualcosina in questi ultimi anni di crisi ) e ti lamenti ?

      • cenzino fregnaccia pettinicchi

        Massì, infatti, e ora andiamo allegramente verso la punizione che giustamente ci spetta. si si.

  • Mister Libertarian

    Nella vita ho sbagliato tutto.

    Avrei dovuto fare il bancarottiere che fa fallire banche e viene salvato dagli amici collusi e dalla figlia al governo, l’islamista che impone il Corano col sangue degli infedeli, il superparassita di stato che vive come un pascià grazie ai soldi del contribuente, la sindacalista rossa con la terza media che diventa il ministro più ricco della repubblica, oppure, perché no, il rapinatore di appartamenti o il vandalo che mette a ferro e fuoco le città.

    Tutte “categorie” molto diverse tra loro con due soli comuni denominatori: essere difese strenuamente dalla sinistra ed essere nocive per tutti gli altri.

    (L. Ronconi)

  • SDM

    Io vorrei che la gente -e quindi anche voi che commentate- capisse che se la Turchia decide di mandare 2 milioni di barbari verso la Grecia, non è conseguenza necessaria che in Grecia vi debbano entrare. Il problema sono i governi occidentali, impregnati di buonismo e di socialismo, per cui se arriva il barcone nelle acque nazionali o lì vicino lo si deve accattare. Noi poi siamo magnifici, li carichiamo davanti alla Libia.
    Tutto il gioco di Erdogan si basa su questo. Se la Grecia dimostrasse la volontà e la capacità di fare una campagna di respingimenti d’emergenza, magari creando un’alleanza sottobanco con qualche mafia locale per fargli fare il lavoro sporco, tutto il castello di carte del sultano crollerebbe.
    Se si vede l’orizzonte che diventa nero di barconi, si schiera la marina e si ricacciano i suddetti in acque internazionali appena si avvicinano. Se qualcuno riesce ad arrivare, che venga sequestrato e paracadutato in un deserto in Iraq previo pagamento di una tangente ad Al-Abadi. Vedrete che dopo tre settimane con questo programma non partono più. Se serve qualche false flag per addomesticare e preparare l’opinione pubblica, che si faccia. Nella storia delle civiltà non si era mai visto il ricatto dei profughi che fa stringere d’ansia un intero continente. Non abbiamo mai avuto tanti mezzi e tecnologia per proteggerci come oggi; manca solo la volontà. Li vuole la Merkel? Vuole accogliere tutto il Medioriente? Si crei un ponte aereo con la Germania, poi ci facciamo quattro risate a vedere gli inqualificabili deficienti che vanno a dargli il benvenuto in stazione. Ma gli altri, che finalmente si tirino fuori da questo ridicolo ricatto!!!
    Io che sono tanto appassionato di demografia, ho notato ieri che i kurdi, circa il 15% della popolazione turca secondo stime prudenti, hanno un tasso di natalità doppio se non triplo rispetto ai turchi. Grandi disordini e vasti cambiamenti demografici si profilano, a meno che non ci sia un nuovo genocidio… d’altronde i cristiani in quelle zone vengono sottoposti continuamente a genocidio, nel silenzio generale. Passano i decenni e spariscono milioni di persone, se della religione sbagliata.

    • difatti Bulgaria e Ungheria potranno sparare a vista ai clandestini islamici, vere truppe d’invasione, travestite da migranti e famigliole.
      Vano accettati solo i cristiani.

  • Ale C.

    Comunque vi faccio notare una cosa: da quando non vedete più notizie sull’ennesimo “salvataggio” di “migranti” in mare sui MSM?
    Eppure, come per magia, dopo un po’ salta fuori che quest’anno +74% yoy.
    Ora, se questo non lo chiamiamo insabbiamento, non saprei come definirlo.

  • Angel

    Si avvicina la Marcia su Versailles, per il PD. Lenta, lentissima, ma inesorabile. Anzichè in una reggia piena di specchi dorati, avverrà davanti ad un meno pretenzioso palazzo romano in Via delle Fratte. Unico elemento in comune, una miriade di teste sulle picche. Poco male: tanto erano vuote.

  • Hannibal Lecter

    Cari connazionali, qualche giorno fa scrissi in un altro post, che in questo paese la minoranza comanda. Mi sono sbagliato, a conti fatti se il 30% da il voto ai sinistrati e il 28-29% da il voto al m5stalle che è la stessa cosa del primo, vuol dire che a tutta questa gente gli sta bene tutto ciò che succede in questo paese OGGI TI PREPARANO CON UN ANNO DI ANTICIPO COSA TI ACCADRA DOPO, COME X ESEMPIO: ARRIVI PREVISTI QUEST’ANNO 250.000 MERDE, OPPURE, NOTIZIA DI QUESTI GIORNI: NOTIZIA,SALVATAGGIO NEL CANALE DI SICILIA, UN BLOGGER INDAGA E SCOPRE CHE LA MARINA E LE ONG VANNO DIRETTAMENTE A PRENDERLI IN ACQUE LIBICHE. TUTTO CIO COSA VUOL DIMOSTRARE: CHE QUESTA GENTE SA CHE IL POPOLINO SI PUO PRENDERE X I FONDELLI CHI GOVERNA SI RENDE CONTO DELLA NOSTRA ASSOLUTA ASSENZA CRITICA FA E DISFA TUTTO QUELLO CHE GLI PARE A GIORNI SARA DISCUSSO IN PARLAMENTO LO IUS SOLI, QUALCHE TEMPO FA IL POLITICO SE NE GUARDAVA BENE DI PARLARE DI ALCUNE QUESTIONI, SE COSTRETTO FACEVA IN MODO CHE TU NON CAPISSI OGGI IL POPOLINO IMBECILLE DIGERISCE TUTTO QUELLO CHE GLI PROPONI, ROBA DA MATTIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! MA FANNO BENE A INCENTIVARE QUESTE COSE, REAZIONI OPINIONE PUBBLICA PARI A MENO DI ZERO ASSOLUTO. LA COSA COMICA IN TUTTO CIO CHE ANCHE I DELINGUENTI VENUTI DA FUORI,HANNO CAPITO IL GIRO DEL FUMO IN QUESTO PAESE, CIOE CHE TU SE TI SENTI MINACCIATO E REAGISCI, PUOI ESSERE PROCESSATO E MESSO IN GALERA E PAGARE I DANNI A CHI TI HA MINACCIATO, SOLO IN UNO STATO DELLE BANANE PUO SUCCEDERE TUTTO QUESTO. MA BANDO ALLE POLEMICHE, DAI CHE TRA NON MOLTO ANDIAMO IN FERIE , E CHI SE NE FREGA DI TUTTO QUELLO CHE A NOSTRA INSAPUTA FANNO PASSARE SOPRA LE NOSTRE TESTE, TUTTI IN CORO VIVA LE FERIE TUTTI AL MARE!!! E CHI SE NE FREGA DI TUTTO IL RESTO!!!!!!!!!!! ROBA DA CHIODI!!!!!!!!!!! COME SIAMO GIULIVI E BEATI

  • illuso

    posso ?…
    non avete capito un cazzo nessuno.
    ancora un po e capirete..

  • Mr.Y

    Sempre interessanti le chiavi di lettura proposte dall’autore.
    Vedremo cosa succederà in Olanda; l’input a mettere pressione alla Turchia potrebbe avere senso anche da altri punti di vista. C’è stata qualche dichiarazione provvidenziale di Bruxelles volta a stemperare il tutto?
    Naturalmente le alternative ci sono allo stato di cose di cui sopra: bisogna guardare un pò ad est però.
    C’è gente che prende curiose decisioni da quelle parti. In Macedonia ad esempio è da un pò che vanno in giro con striscioni e bandiere colorate; si è pure incazzata la Mogherini di recente con il loro primo ministro o presidente. Deve essere successo qualcosa di interessante.

  • GrimReaper

    Lo Zyklon B in effetti sarebbe la soluzione perfetta

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi