Italia la Fuga dei Pensionati

Di FunnyKing , il - 71 commenti

#Ciaone Agenzia delle Entrate

A fuggire dall’inferno fiscale e burocratico (e dalle nuove risorse fresche di importazione) ItaGliote non ci sono solo giovani cervelli e giovani cuori, ci sono anche loro: i pensionati.

E non certo quelli della pensione minima che oggettivamente al massimo possono permettersi il biglietto dell’autobus.

Parlo di pensionato di medio e alto “assegno” e che possono godere come residenti all’estero di trattamenti fiscali di gran lunga migliori dei quelli ItaGlioti e magari un clima e servizi migliori. In Europa il caso più clamoroso è senza dubbio la fuga verso le Canarie (dall’Italia verso le Canarie).

Sono (almeno) 400.000 per oltre 1 miliardo di assegni pensionistici che vanno a pagare qualche tassa (poche) all’estero appunto.

Fanno benissimo.

p.s. i dati si fermano al 2014, ho il leggerissimo sospetto che la realtà attuale sia un pelo più massiccia (giusto un pelo neh…)

da True Numbers

I paradisi fiscali per anziani e i furbetti della pensione Africana

Dopo la fuga dei cervelli, ecco quella dei pensionati. Dal 2010 al 2014, il numero di anziani che ha scelto la fuga in paesi con condizioni fiscali migliori rispetto all’Italia è più che raddoppiato, passando da 2.553 ai 5.345. Sono persone che, dopo una vita lavorativa in Italia, decidono di lasciarla, con riflessi sulla ricchezza nazionale di ordine fiscale. In totale sono espatriati, negli ultimi cinque anni, 16.420 pensionati, 5.345 nel solo 2014.

Da cosa fuggono i pensionati?

Fuggono da un elevato livello di evasione fiscale e da un cumulo di balzelli regionali e comunali. Secondo Confesercenti, nel 2014 la pressione fiscale per un pensionato che vive a Roma, con circa 20.000 euro l’anno di assegni Inps, è del 20.73%. In Germania è dello 0.2%. In quattro Paesi (Ungheria, Slovacchia, Bulgaria e Lituania) le pensioni sono addirittura esenti da tasse. Ecco perché il 71% dei pensionati emigrati negli ultimi cinque anni (vedi grafico) si è trasferito in altri Paesi europei, il 10% in America settentrionale e il 6% in America meridionale.

Quante pensioni eroga l’Inps all’estero?

Oggi l’Inps eroga all’estero oltre 400.000 trattamenti pensionistici all’anno, che al netto delle eliminazioni in corso d’anno significano quasi 385.000 pagamenti al mese, per più di un miliardo di euro in oltre centocinquanta Paesi, quindi praticamente in tutto il mondo. Negli ultimi anni il fenomeno è cresciuto e un numero sempre crescente di pensionati si è trasferito in Paesi in cui, pur in presenza di un livello sufficiente di servizi sociali, in particolari sanitari, il costo della vita è più basso di quanto avviene in Italia e il peso del fisco incide in misura inferiore sulle pensioni.

Molti sono gli stranieri che rientrano in patria

Il fenomeno della “fuga dei pensionati” non riguarda esclusivamente i pensionati di cittadinanza italiana che decidono di trasferirsi in Paesi in cui ritengono di trovare condizioni di vita migliori, ma anche i lavoratori stranieri che, dopo avere conseguito in Italia il diritto a pensione, decidono di fare rientro nel loro Paese natio o di trasferirsi in altro Paese.

I furbetti della pensione all’estero

Se è vero che aumenta il numero di anziani che scappano, l’importo delle pensioni risulta invece altalenante nell’ultimo decennio, con un picco registrato negli anni 2010 e 2011 e una riduzione negli anni successivi. Perché? Il motivo sono le nuove norme  intervenute per ridurre i pensionamenti e lo svolgimento di campagne incisive e massicce di accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati Inps pagati all’estero, che hanno portato alla sospensione di oltre 24.460 posizioni.

Paradisi fiscali per pensionati

Tra le mete preferite ci sono diversi Stati che offrono una tassazione più leggera. Molti anziani, per esempio, fanno rotta verso le isole Canarie o in Tunisia per godere dell’esenzione fiscale sull’80% della pensione.  Anche in Marocco è prevista una defiscalizzazione dell’80% sulla pensione proveniente dall’Italia, mentre in Bulgaria è zero.

In assoluto, il 71% dei pensionati emigrati negli ultimi cinque anni si è trasferito in altri Paesi europei, il 10% in America settentrionale e il 6% in America meridionale. Raffrontando il 2014 al 2010, le percentuali di incremento maggiore si registrano in Oceania (+257%), Africa (+163%) ed America centrale (+114%).

I dati si riferiscono al: 2010 – 2104
Fonte: Inps

 

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Massimo

    quando l’inps fallira’
    poi ridiamo

    • Rosso di sera

      É per questo che ritengo fondamentale costruirsi una fonte di reddito alternativa, finchè si hanno le forze fisiche e la lucidità mentale.

      • Peppino Prisco

        la maggior parte degli italioti sperpera tutto il surplus in stupidaggini, vedi fumo, alcol, slot machines, auto, cellulari. moriranno tutti di fame tra qualche anno.

        • Massimo

          quello che dovrebbe preoccupare
          e’ il tasso di spazzatura culturale
          i consumi materiali si possono ridurre neanche troppo difficilmente
          per la spazzatura culturale con i soldi del monopoli…servira’ parecchia miseria.

          gli ultimi 20 anni sono da tso
          peggio che gli anni ’70…almeno in quel periodo l’economia sorreggeva tutte le puttanate

          • Massimo Casali

            Veramente questa povertà culturale e figlia del ’68 e dei sessantottini buoni da niente che sono diventati classe dirigente ed ancora peggio hanno procreato.

          • Massimo

            i nostri discorsi non sono mica in contraddizione

            io sostengo che i figli dei 68ini
            non si potevano permettere la spazzatura culturale
            gli ultimi 20 anni sono delirio perche’ a mantenere la cialtroneria non c’e’ l’economia reale.
            ed e’ per questo che arrivera’ la miseria.

            il 68 doveva finire con il ’92

          • Massimo Casali

            Condivido.

      • Massimo

        serviva anticipare i tempi
        la china e’ irrimediabile da almeno 10 anni.

      • what you see is a fraud

        E’ un po’ difficile in un paese dove ogni guadagno deve essere dichiarato allo stato mangione . Non esiste nessuna possibilita’ di investire senza il rischio di perdere tutto .

    • Cruciverba

      Considerate le circostanze non manca molto …

      • Massimo

        la linea maginot e’ 120
        ovvero -5%

        • Aston

          scusa non mi è chiaro qual’è la linea maginot; 120 di cosa?

          • Massimo

            il valore nominale dei btp
            quello che negli ultimi 6 mesi del 2011 passo’ da 110 a 90
            e che fece strillare ai 4 venti il rischio bancarotta
            sanata da una “cura” montiana da 50 mld.

            non serve tornare a 90 per risentire le medesime grida di dolore….

  • Neofita

    “Fuggono da un elevato livello di evasione fiscale”

    Dubito fortissimamente che l’evasione fiscale sia tra le cause del fenomeno

  • marcoferro

    stanno scappando tutti dall’italia, che tristezza. un governo che permette questo senza fare niente, ne porre rimedio, un argine, fa semplicemente schifo non trovo altre parole.

    • formic

      permettere?
      Deve creare le condizioni per “non far scappare” e per tutto il resto!

      • Austrian school

        Infatti le persone scappano per vivere la propria vita in condizioni migliori. Se uno Stato volesse convincere le persone a vivere all’inferno dovrebbe nel minimo renderlo più accogliente.

      • marcoferro

        è vero, ma i nostri politici si azzuffano per lotti-minzolini, la legge elettorale che non avanza, le alleanze tra partiti, i diritti dei sodomiti e le adozioni per loro, etc….tutta roba che non serve a niente alla gente che assiste a questo teatrino sempre più sconcertata…

    • Pareggiamoiconti

      Immagino si potrebbe mettergli una catena alla caviglia…

    • Il_disturbatore

      Tranquillo, tappano i buchi con il catrame

    • what you see is a fraud

      Abbiamo al potere il governo degli immobili , quelli che non si muovono un centimetro dagli ordini a loro impartiti dai padroni Khazari . Siamo come ai tempi di Nerone , Roma bruciava e lui suonava . Oggi siamo invasi e loro obbediscono . Ma al tribunale di Norimeberga fu accertato che obbedire a ordini illegali non e’ una scusa accettabile e scagionante .

      • Stemby

        Più che “illegali”, immorali. C’è infatti una legge morale che supera quella dello stato.

    • GattoMaculato

      Sssttt!! Non suggerire, che questi l’unico modo che conoscono per non fare scappare gli italiani è sequestrargli il passaporto…

      • marcoferro

        o come ha detto un altro mettergli la catena alla caviglia….

  • Dabonett

    Contestualizziamo. State santificando la generazione che prende pensioni esagerate rispetto ai contributi ( a casa mia si chiama furto intergenerazionale ma capisco non sia politicamente corretto). Gente pensionata a 50 anni con l’ultimo stipendio e non ha neppure la decenza di pagare le tasse.
    Avete sbagliato nemico

    • davide

      diciamo che saranno metà e metà.
      metà come giustamente sostieni (furto intergenerazionale senza vergogna) l’altra metà che ha mille euro al mese lordi (anche meno), non è statalese, che in Italia dovrebbe cercare la verdura per il brodo negli scarti dei magazzini generali e va nei dintorni di Tunisi dove costa tutto circa la terza parte di quello che pagheresti in Gentilonia.
      Ospedali da schifo ma almeno liberi dall’angoscia della terza settimana quando in tasca ti rimangono solo 10 €. Anzi riesci anche a mettere via….
      Come scrivevo sopra a Libertarian ci vorrebbero dei Link.
      Se avessimo anche lo studio sociale di pensionati che tagliano la corda il post sarebbe completo.

    • Massimo Casali

      Guardi caro mio che non vale mica per tutti ma solo per parte di ex pubblici. Per il privato le cose sono state sempre ben diverse.

      • Dabonett

        Mi piacerebbe darle ragione, ma di pensionati 50enni privati ce n’erano a bizzeffe

  • Austrian school

    Ancora si parla di “furbetti” e paradisi fiscali???
    Perché non dire che chi resta con la sua pensione in Italia è (termine tecnico) “un coglione” e abbiamo un inferno fiscale?
    Hanno davvero rotto con questa retorica finto patriottica tesa solo a denigrare chi fa scelte di benessere individuale.

    • Cruciverba

      Sai com’è quando togli il sangue caldo alle zecche , loro si incazzano …

  • Burghy

    Una marea di pensionati italiani anche in Thailandia e in Kenya.
    Con una buona assicurazione sanitaria ottime cliniche private vip

  • biafra66

    Non necessariamente pensionati con alti assegni….se liquidi la casa di proprietà a cialtronia e godi di un assegno intorno ai 1000€ ….c’è un mondo che ti aspetta a braccia aperte
    Portogallo 10 anni senza tassazione….mentre a cialtronia “assumono” ricchi a 100k di tasse all’anno per 10 anni…..e già proprio TUTTO un altro mondo (di cialtroni).
    E siii…la decadenza…il degrado…che fine ingloriosa. Intanto altri “regali”ai libici con le vostre tasse (navi elicotteri motovedette) per fermare i ciabattanti….che però portano in salvo le ONG. Cornuti e mazziati. Bye…bye!

  • Mister Libertarian

    La maggior parte dei pensionati sono retributivi che stanno fregando e impoverendo i giovani.

    Soprattutto gli statali godono di pensioni altissime rispetto a contributi mai versati.

    E non gli basta ancora!

    • davide

      Hai qualche link a supporto?

      • chinaski137

        ovviamente no perchè dice cazzate…le pensioni più alte calcolate col “retributivo” sono ovviamente quelle dei lavoratori privati che percepivano uno stipendio più alto ( a parità di posizione) rispetto a quello elargito un tempo dal settore pubblico…

        • Mister Libertarian

          Guarda che oggi le pensioni degli statali sono del 70 % (!) più alte di quelle dei privati: dati ufficiali dell’inps,

          E non hanno mai versato nemmeno un euro di contributi!

          • chinaski137

            dici cazzate sesquipedali

          • Mister Libertarian

            Tu menti sapendo di mentire, probabilmente perché sei uno statale ladro:

            http://mediaware.selpress.com/UILCA/it/IT/Read?art=125060&a=c2VncmV0ZXJpYUB1aWxjYWxvbWJhcmRpYS5pdA==

          • chinaski137

            occhio alle offese eh che parte la querela

          • Mister Libertarian

            Ti ho sbattuto in faccia la pagina del Messaggero. Carta canta.

          • chinaski137

            ahahhahaha il messaggero che fonte illuminata il giornale di Caltagirone…dai però alla fine sei simpatico (se solo non facessi sul serio)

      • Aston

        “Operazione porte aperte” voluta da Tito Boeri e disponibile sul sito inps.it.
        A titolo di esempio il link sulla pensione del Fondo Speciale Ferrovie dello Stato S.P.A. (FS):

        http://www.inps.it/portale/default.aspx?sID=%3b0%3b10054%3b10166%3b&lastMenu=10166&iMenu=1&iNodo=10166&p4=2

        “Il grafico mostra che il 96% delle pensioni subirebbe una riduzione se
        calcolata col metodo contributivo, e più di una pensione su 4 una
        riduzione superiore al 30%.”

        • davide

          copio e incollo
          “Pensione di anzianità: si maturava con 19 anni, 6 mesi e 1 giorno di anzianità contributiva (considerati equivalenti a 20 anni per arrotondamento) a prescindere dall’età. I requisiti per le donne coniugate o con figli, erano di 14 anni, 6 mesi e 1 giorno (considerati equivalenti a 15 anni per arrotondamento).”
          Sembra una barzelletta….

  • Rosso di sera

    Praticamente dall’ItaGlia se ne vanno tutti quelli che possono. E rimane da capire, per quelli che per scelta o per necessità rimangono, quanto a lungo possa durare il tenore di vita attuale.

  • Mister Libertarian

    Vivono in un paese ove lo stato estorce loro il 70% dei redditi in cambio servizi da terzo mondo.

    Vivono in una paese con una burocrazia asfissiante che ti impone timbri e carte bollate anche per tagliare un albero a casa tua e poi tollera interi campi Rom abusivi.

    Vivono in un paese dove una magistratura onnipotente e intoccabile ti sbatte in galera quando e come le piace, ti perseguita se ti difendi e lascia libera la peggior feccia, ladri , assassini e stupratori sopratutto se di “importazione”.

    Vivono in un paese che strappa i figli ai genitori per una delazione (falsa) di un vicino.

    Vivono in un paese che ti manda a processo se dici “negro” o “frocio” e poi permette impunemente ai comunisti dei centri sociali di mettere a ferro e fuoco intere città.

    Ma di cosa gioiscono gli itaCoglioni che vivono in questo paese?

    Ma naturalmente della morte di Rockefeller, il grande vecchio che secondo i deliri complottisti sarebbe al vertice del potere occulto mondiale e la causa di tutti i loro mali.

    (A. Mascioni)

    • what you see is a fraud

      http://www.thetruthseeker.co.uk/?p=75133

      New studies: ‘Conspiracy theorists’ sane; government dupes crazy, hostile.
      Nuovi studi : I complottisti sono sani di mente ; mentre i grulli che credono alle balle governative sono matti e ostili .
      Leggere per credere !

    • Ronf Ronf

      Non so chi sia David Rockefeller, ma ti ricordo che è cosa molto nota che Soros è il finanziatore (da molti anni) delle varie associazioni gender e dei centri sociali

  • cipperimerlo

    La sagra del parassita è cominciata.
    Quando, poi, l’agenzia delle entrate, per evitare la voragine contributiva, pretenderà il pagamento delle tasse anche ai cittadini residenti all’estero (e il paese ospite non avrà nulla da obiettare), che siano pensionati retributivi o blogger delocalizzati in paesi che non conoscono, ci sarà da ridere…

    • andrea xxl

      Veramente la saga del parassita la stiamo vedendo nella p.a. e nella politica. Piu parassiti di cosi, neppure le zecche reggono il confronto.

  • Peppino Prisco

    ancora troppo pochi.

    • davide

      Eh…peppino…lo sai pure che con l’itagliano serve pazienza…

  • Tom Kindle

    Boeri pochi mesi fa ha dichiarato che sarebbe intervenuto su questa escalation

    • Forza-Karolina

      Credici…. Servirebbe la Dama del tuo avatar… quella si che aveva 2 palle cosi e non si faceva tante seghe mentali ad agire.

  • davide

    Signori vi riposto un sito che già a suo tempo un perditempo come il sottoscritto segnalò qui a RC.
    Se il perditempo in questione mi legge gli sarei grato se ci da altre info.
    http://www.numbeo.com/cost-of-living/comparison.jsp

    ti confronta il costo della vita in modo dettagliato fra varie località.
    Molto interessante, non so quanto attendibile e sopratutto sarebbe piacevole sapere chi lo ha finanziato e per quali scopi. (turismo? industria della fuga?….)
    Se lo vengono a sapere i ciabattanti…..

    • T_B_S_

      Bologna/Bari 20% mica caramelle

      • davide

        vero! già tempo fa un barese trapiantato in Romagna mi confermava parecchia differenza

  • T_B_S_

    Come non farlo,potendo….

  • T_B_S_

    Da cui: tra qualche anno ai “turisti permanenti” gli faranno pagare una tassona o gli decurteranno le pensioni.

  • Albert Nextein

    Molto interessante il Portogallo.
    Non solo per pensionati, ma anche per chi già in età da pensione, possiede altre rendite.
    C’è da considerare l’intenzione dell’Unione europea ad uniformare il fisco in tutta europa.
    A quel punto si chiude anche questa porta.
    Tutti schiavi fiscali, senza altra possibilità che uscire dall’unione europea, sbandierata e propagandata area di futuro e immenso benessere per tutti.
    Per tutti i consumatori di tasse.

    • Nikytower

      Si… però….
      Nessuno riflette sul fatto che il portogallo è nelle prime posizioni dei paesi falliti. Per non farsi tassare le pensioni in itaglia bisogna avere residenza fiscale lì… che significa pagare la prima patrimoniale che si inventeranno in Portogallo…scappare da uno stato fallito per andare in un altro mi sembra discutibile.. i famigerati patti sulla stabilità già di fatto impongono un aumento della tassazione indiretta, domani potrebbero prevedere il prelievo diretto dai conti in banca ovviamente dei residenti fiscali. Non capisco perchè sono l’unico a porsi questo problema… magari sbaglio qualcosa… 🙁

      • Cruciverba

        E’ un rischio sicuramente . Ma per persone anziane è piu’ difficile adattarsi ad un cambio di vita totale in paesi geograficamente e culturalmente troppo distanti.

  • Cruciverba

    Fanno bene . Anche i miei genitori pensionati stanno pensando di andarsene a vivere in Portogallo .
    L’Italia è diventata un paese invivibile .
    O sei un parassita della cricca statale o sei lo schiavo che li mantiene .
    E’ ora di dire basta .
    Delocalizzarsi ed aspettare che i parassiti si mangino fra loro .
    Quando ci saranno le macerie magari un giorno si potrà tornare per ricostruire ma considerando il ritmo con cui importano le “risorse” l’Italia potrebbe diventare uno Stato Africano permanente .

    • Rosso di sera

      Questa è una triste realtà

  • Lucio

    Che governo stupidi che abbiamo. Sanno solo aumentare le tasse. E magari non riescono ancora a comprendere perché la gente si leva dai coglioni appena può.

  • nathan

    Se l’esercito di cariatidi retributive (e non) avesse agito e votato nella giovinezza con lo stesso impegno e la stessa logica con cui ragionano adesso, le zecche dalle quali giustamente fuggono ed alle quali hanno gettato dolosamente in pasto gli sfigati arrivati dopo, non esisterebbero in numero così infestante ed ormai irreversibile.
    A costoro auguro di spendere tutta la mitica pensione in case di riposo sparse per il globo terrestre defiscalizzato.

  • luis

    aspetto il giorno in cui taglieranno drasticamente le pensioni, come successo in Grecia.
    così almeno, non solo non avremo niente noi che siamo giovani-per-la-pensione, ma vecchi-per-lavorare, ma ci faranno compagnia anche quelli che prima se ne strafregavano, avendo già acquisito il diritto alla pensione quando avevano intorno ai 50 anni, o anche quelli che hanno lavorato 15 anni nella p.a. e sono ancora lì a percepire la pensione indegnamente !

    Quelli alle canarie/kenia/sud america possono sempre rimboccarsi le maniche e iniziare un corso di caccia e pesca

  • verklarte

    Sono andato in pensione a 66 anni (cinque anni fa) e non mi illudo che l’assegno che percepisco rimarrà invariato, con l’aria che tira. Io sono preparato, ma i miei coetanei che si godono la pensione esentasse o quasi in Oceania o ai Caraibi avranno molto presto una sorpresa amarissima. La Grecia è dietro l’angolo.

    • Stopensando

      Questo sicuro.

  • Ghino di Tacco

    Non ci trovo nulla di male nel godersi la pensione pagando meno tasse, e secondo me chi può fa bene ad approfittarne. Non capisco invece l’acredine e l’invidia degli sfigati che non lo possono fare o che magari devono lavorare altri 20 anni per avere un giorno un pugno di mosche: iniziassero loro a farsi sentire, magari con il bastone in mano (o con qualcos’altro!) invece di piangersi addosso. L’Italia è un brutto paese e la sua classe dirigente/politica autoreferenziale è il vero male.

  • Rifle

    Uscire dall’Italia significa anche sottrarre al circuito economico i soldi che il pensionato spende.

    Considerando che non ha mai pagato tutti i contributi che gli fanno avere quella pensione, allora che gli venga almeno decurtata.

  • Mister Libertarian

    Un tempo gli stipendi del settore privato erano giustamente più alti di quelli del settore pubblico: un operaio ad esempio guadagnava più di un preside di scuola.

    Oggi una cosa del genere è impensabile. Le parti si sono completamente rovesciate: gli statali parassitari nuotano nell’oro, mentre i privati produttivi fanno la fame, emigrano o si suicidano.

    La lezione è questa: quando le tasse sono basse, i privati guadagnano più degli statali; il contrario succede quando le tasse sono alte, come accade oggi in Italia.

    C’è un’altra lezione importante: quando le tasse sono basse l’economia è in pieno boom e il tenore di vita aumenta rapidamente; quando le tasse sono alte l’economia è in recessione perenne, e il paese si impoverisce progressivamente.

    Questa non è altro che la storia italiana dagli anni 50 a oggi.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi