Avete temuto il Brexit? Vedrete come vi spaventerà Erdoxit…

Di Maurizio Blondet , il - 49 commenti

Altro che Brexit, l’Erdoxit. La Turchia diventa un  gigantesco frammento dislocato e va per la sua rotta pericolosa e avventurista, e l’Unione Europea,  la classe (cosiddetta) dirigente resta senza parole. Angela Merkel, quella che comanda su tutti noi, quella che ci ha fatto sborsare a tutti i 3 miliardi l’anno ad Erdogan per rimediare ad una sua ignobile follia, che fa? Auspica che il sultano  apra “un dialogo rispettoso  con le altre forze politiche e la società”; invoca Erdogan di “non  mettere fine al sogno europeo”, cioè all’aspirazione di farsi ammettere nella oligarchia di burocrazie  omologanti e stati de-sovranizzati e castrati:  patetico, come se   quell’ente che  usurpa il nome di “Europa”, oggi prigione dei popoli, avesse ancora chissà quale capacità di attrarre, invece che di suscitare repulsione.

“La Turchia si allontana  dall’Europa e si allinea al modo medio-orientale di far politica,  a forma di  governo autoritario”, riconosce Le Monde: è ancora ottimista,  l’ex calciatore punta dritto al despotismo orientale,  con in più l’arricchimento sfondato per sé e la sua famiglia. Ma almeno il popolo turco  è tornato alla storia che è sua;   ha riconquistato  la sua identità, radicalmente anti-europea;   s’è liberato dalle mascherature del carnevale UE, voterà   la pena di morte (finalmente!), darà all’ex calciatore i poteri e prepotenze della Sublime Porta, e farà la sola cosa che sa  fare, quella che fa meglio  nella storia: distruggere, devastare  dove passa.

 

L’eurocrazia mai così insignificante..

L’eurocrazia che sperava di irretirlo,  castrarlo e neutralizzarlo  –  ciò che chiama “europeizzarlo” –   avvolgendo il Turco nelle “direttive” e “normative”, scopre che l’antica bestia s’è liberata.  La tristissima Mutti scopre persino che i “suoi” turchi “integrati alla Volkswagen”,  insediati con le famiglie da generazioni,   sono  i più sfegatati erdoganiani, non le sono grati  dei “diritti”  e  “parità” tanto lodati, anzi se ne  infischiano;  non sentono la  lugubre Germania come la loro patria. Figurarsi se la sentiranno i  300 -500  mila l’anno che, secondo il progetto Kalergi adottato dall’eurocrazia, Boldrini e Mogherini,  si integreranno nelle “normative”   di Bruxelles e Francoforte.

Chiunque abbia ancora un resto  di identità storica e nazionale, dalla UE vuole divincolarsi: i britannici e  dall’estremo opposto, i turchi sgretolano l’utopica illuministica “unità”, l’Ungheria  e la Polonia  scalpitano e tirano le redini, e costringeranno Mutti a cedere.. Resta nella UE, e si fa comandare dalla Merkel  e Draghi, da Juncker e Mogherini, solo chi vuole, solo perché “ha paura” della libertà e dei suoi rischi, di uscir  dall’euro, dalla NATO…insomma chi ha accettato la castrazione. Sapete di cosa parlo: i media ci hanno riempito di paura per “le conseguenze della Brexit”,  ora ci riempiono di paure infondate “se vince la Le Pen”, ed  infatti fanno paura alle nostre maggioranze – castrate. Solo dei castrati,  dei capponi, possono accettare quel che ci dicono e ripetono i media: “Non possiamo essere liberi, perché ci costerebbe troppo”, “perché Schauble ce la farebbe pagare”.

Solo che, o castrati e capponi, la storia che volete sfuggire , vi bussa alla porta: e voi avete come “capi” figure come Gentiloni, Merkel, Berlusconi, Boldrini.  Gente  piccola, che appare oggi anche più piccola. Gente che ha sbagliato tutte  le sue politiche, e si è data una burocratizzazione flaccido-autoritaria.  Gente che non ha alcuna legittimità per guidarvi nelle tempeste in arrivo. Juncker, Merkel ed  Hollande non sono stati capacità di prevedere nulla di quel che sta arrivando:  volevano Hillary e adesso vanno alle guerre di Sion con Trump, s’illudevano che Erdogan li  rispettasse, che i turchi immigrati si fossero  lasciati evirare.  Hanno  mormorato contro The Donald: “No, la NATO non è obsoleta!” (e dove andrebbero loro, senza NATO, il protettore?) e adesso Gentiloni si sente chiedere da Donald: manda i tuoi soldati a combattere nel carnaio di  Mossul, mica speravi di ridurli a  montare la guardia alla diga.

No, siete stati accontentati: la Nato non è obsoleta, ha detto Trump  – una delle sue  felici giravolte – e adesso combattete.   Per chi, lo sapete già, anche se non ne dite il nome.

Donald e Erdo  d’accordo: “Assad must go”.

Donald ha subito telefonato ad Erdogan. Non è vero che gli ha telefonato  per congratularsi, era una telefonata pianificata da tempo.  Tuttavia, telefonata importante: Trump ha voluto assicurarsi che Erdogan era con lui nel “ritenere Assad responsabile”  (ovviamente, dal gas sui bellissimi bambini che hanno commosso lui e Ivanka). Ovviamente, come risulta  dal comunicato della Casa Bianca,  “i due leader si sono detti d’accordo sull’importanza chi chiamare a rispondere il presidente Bashar al- Assad”.

http://russia-insider.com/en/trump-and-sultan-erdogan-discuss-holding-assad-accountable/ri19629

Inutile che vi spieghi cosa ciò significa. Erdogan è di  nuovo pronto a tradire Mosca,   e   gettarsi  nella nuova-vecchia  offensiva sionista-americana  di smembrare la Siria  e ritagliarsene un pezzo, a cui aveva dovuto rinunciare  aderendo obtorto collo al progetto di pacificazione organizzato da Putin e  Lavrov.

Il Deep State non  vuole lasciare che Mosca abbia successo, che in Siria finisca la guerra;  idrofobo  per l’umiliazione che Mosca gli ha inflitto, vuole “far pagare  un prezzo”, “dissanguare” le truppe russe e quelle iraniane e di Hezbollah; il Pentagono  vuol far vedere che ce l’ha  più grosso…Un miscuglio di ferocia e infantilismo, di mattana , inconsistenza impulsiva  e   di  irresponsabilità nel disonore, unisce sicuramente Erdogan  e Trump: sono  fatti per comprendersi.

“LA Russia è la minaccia principale per la sicurezza Usa”, ha appena sancito il generale Mattis, uno dei manovratori del Donald.  Ma anche una minaccia per voi, europei?

La  NATO vi porta in quella guerra, europei. Lo scopo finale è quello voluto dai neocon e zio-con: che   Assad sia trucidato e su Damasco sventoli la bandiera nera del Califfato wahabita. Voi pensate che Tel Aviv  dovrebbe aver  paura di   trovarsi ai confini  Daesh fatto stato?  Ingenui,  avverte “The Saker”.  Daesh non ha mai torto un capello a un solo israeliano, ma ha solo  massacrato   sciiti e decapitato cristiani, alawiti, yazidi…  Il Califfato   wahabita a Damasco  compirebbe l’opera di “dissanguare”  Hezbollah e “salassare” le truppe iraniane  in una guerra fratricida infinita, insomma  neutralizzare quelli che Israele sente come i suoi veri, temibili nemici militari.  Sion, per pretesti di “sicurezza” contro lo Stato islamico, si ritaglierebbe il suo pezzo di Siria, il Sud.

How to bring down the elephant in the room

Questo è l’interesse israeliano, almeno come loro lo percepiscono, e per il quale mobilitano la “nuova” Casa Bianca, e  la NATO. Ma  è anche vostro interesse, o capponi e castrati europei? Lo so,  non sapete più cosa sia “interesse nazionale”, da quando vi hanno evirato con la promessa di farvi ingrassare  tranquilli nella stalla UE,   alla greppia,  senza  il rischio di predatori  nella savana dello storia à a cui avete rinunciato. Ma dico: a voi conviene che cada Assad e a Damasco vada uno stato islamico wahabita e sterminatore?  Avete solo un’idea di quanti milioni di fuggiaschi dovrete accogliere?

Vi consiglierei di porvi queste domande, e rispondervi. E presto,  mi pare già di vedere quel che farà presto Erdogan, su incitamento americano o anche di testa sua (sapete, è un impulsivo, come Donald): un giorno a l’altro chiuderà gli Stretti alle navi di Mosca. Naturalmente, in violazione di tutti i più sacvri trattati internazionali; ma, o capponi, il tempo deii trattati internazionali è passato – rendetevi conto. Trump ha appena bombardato la Siria  senza  mandato alcuno, né interno né internazionale, al solo scopo di poter ripetere l’ingiunzione di sempre: “Assad must go”  la guerra in Siria non deve finire, Wahab deve dominare ai confini europei

Allora vediamo: Erdogan chiude il Bosforo alle navi della Russia. La Russia è costretta a reagire. Militarmente. Da  che parte state? Merkel, Mogherini, Gentiloni,  Stoltenberg vi hanno messo in “questa” NATO.   Erdogan  non è più “Europa”, ma è sempre NATO : è aggressore, se chiude gli Strettti? E’ aggredito, se Mosca risponde forzando a cannonate e missili il blocco sul Bosforo?  Aspettatevi qualche “direttiva” da Bruxelles. Qualche sagace  e chiaroveggente mossa politica della Merkel. Auguri.

 

 

 

 

 

L’articolo Avete temuto il Brexit? Vedrete come vi spaventerà Erdoxit… è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • dario t

    manca una testa ma di culi ce ne son milioni

    • Rosso di sera

      Giustissimo! Ma il nostro Dr. Blondet non ha pensato a quello che troverà Erdokan quando arriverà in ItaGlia: un paese di morti e moribondi seppelliti dalle loro stesse macerie, e non solo morali:

      http://www.quotidiano.net/cronaca/cavalcavia-crollato-fossano-1.3047967

      • ws

        e che gliene fregherebbe? loro hanno la loro “cultura” , metterebbero le pecore come hanno sempre fatto ( ovviamente dopo averci sgozzato tutti , salvo le ” ragazze da harem ” 😎 )

        • Ronf Ronf

          E infatti il celebre libro francese “Sottomissione” parla chiarissimo

  • Uto Uto

    ci sarebbe ancora una possibilità….Eu + Russia

    • l’internazionalismo è sempre fallimentare (per le classi disagiate, per i ricchi è una manna), io proverei la strada dell’autarchia, il cosiddetto “Male Assoluto”

    • Fabrizio Bertuzzi

      si ma avverra’ dopo la guerra eu contro russia che serve a distruggere il vecchio paradigma ormai stantio e far partirne uno nuovo. tanto alla guerra ci va il popolo.

  • bah io mi preoccuperei di un eventuale annessione della Turchia nell’eu…
    cito : “ang mer, quella che comanda su tutti noi,”
    si certo, cermania caput mundi, e io sono Babbo Natale

  • Franco Maraschi

    Se a Putin chiudono lo stretto e non reagisce, a Mosca vanno al potere i militari, di sicuro. E lo stretto lo riaprono.

    • lo farebbero più largo di qualche chilometro, già che ci sono, lo stretto…

      • gino monte

        e senza vasellina

        • deadkennedy

          quella la fanno pagare

    • Fabrizio Bertuzzi

      date troppo potere a Putin, la Russia e’ lei anche con un altro.

      • Ronf Ronf

        Ehm, la Russia con Eltsin non era come oggi. Infatti era molto peggio: ti immagini se le elezioni presidenziali venissero vinte dall’amico di Soros?

        • Fabrizio Bertuzzi

          se le vince l’amico di Soros e’ perche’ dietro ha gia’ vinto l’apparato che lo sostiene. questo il mio concetto, una persona non conta niente, e’ solo il rappresentante di una organizzazione. uno da solo non puo’ andare contro un’organizzazione, viene subito spedito al cimitero.

  • ThreeFiddy

    yep, esatto, questo è lo scenario più probabile, parlo dell’ultima parte. ma penso che arriverà prima la corea. complimentoni a tutti quelli, me compreso, che paventavano una sicura WW3 in caso di vittoria della clito, mentre la vittoria di trump garantiva pace e, finalmente, lungimiranza nelle strategie ‘mmuricane. bravi.

    • Fabrizio Bertuzzi

      il potere e’ lo stesso dietro entrambi. il potere non e’ mai stato nelle mani del popolo ma nelle mani di chi e’ capace di usarlo.
      il bambino va guidato finche’ non diventa grande, col bambino c’e’ sempre un padre.

  • ws

    che prima o poi erdogan vada allo scontro con la russia è matematico , come è matematico che U$rael lo lascerebbe solo &seppellito sotto le nucleari tattiche dei russi

  • Lodovico

    Direttore, non mi faccia il catastrofista. Lei ha descritto i ” sogni proibiti” di Tel Aviv, dei Wahabiti e dei neoco- parte dello stato profondo Usa.
    Ma tra questi sogni e la loro realizzazione ci sono di mezzo “semplicemente” Putin, Cina, Iran e tra 20 giorni ci potrebbe essere anche la Le Pen e i populisti europei che, dopo l’eventuale successo di Marine, potrebbero diventare maggioranza anche in Italia e in altre nazioni europee (non in Germania).
    La lotta è aperta, ma io non scommetterei sui primi, anche perchè Trump ha capito velocemente che per combattere e vincere i neocon e le 17 Agenzie bisogna essere più scaltri e cinici di loro.

    • gianni

      hai dimenticato il nord korea che potrebbe sturare le orecchie ai soldati USA con un bel funghetto atomico

      • Fabrizio Bertuzzi

        col nord corea tengono un po’ impegnati i cinesi.
        sono i cinesi l’obiettivo principale, tolti di mezzo loro cambia tutto lo scenario orientale.

        • deadkennedy

          sarei curioso di capire come li togli di mezzo…. mica sono gheddafi….

          • Fabrizio Bertuzzi

            con una grossa guerra alla Russia dove dimostri la tua superiorita’ militare.

          • deadkennedy

            opzione difficilmente praticabile… si litiga sempre contro chi sai di poter menare senza tornare a casa con le gambe spezzate: la Russia non mi pare proprio il soggetto con iniziare una guerra e le notizie di queste ultime ora dimostra come gli USA stiano più facendo rumore che altro

          • TheoGattler

            A Gaugamela, secondo te chi era militarmente più forte ?
            Alessandro o Dario III ?

          • Fabrizio Bertuzzi

            non sappiamo che armi tengono nascoste, possiamo solo vedere le azioni odierne. le azioni anglosassoni sono provocatorie verso la Russia, quindi non hanno paura, ovvero pensano di vincere.

          • TheoGattler

            Anche Hitler pensava di poter vincere facilmente contro l’Inghilterra…. per non ripetere il solito paragone del pugno di uomini con il quale Alessandro umilió Dario III

  • gianni

    https://it.sputniknews.com/mondo/201704184372326-turchia-precipita-elicottero/ oggi e precipitato un elicottero della polizia in turchia , sono morte 12 persone tra poliziotti e GIUDICI DELLA COMMISSIONE ELETTORALE , dicono per il mal tempo , dai su non fate i complottisti

  • johnny rotten

    Oltre a quanto prospetta Blondet c’è anche il fatto che erdolf è un adepto della fratellanza musulmana il cui scopo dichiarato è quello di conquistare il potere democraticamente per poi imporre la sharia, ovunque nel mondo naturalmente, anche se poi qualche volta, in Syria sarebbe già la seconda, optano per la lotta armata, fratelli musulmani sono anche i qatarioti che si stanno comprando pezzi importanti dell’economia europea ed in particolare di quella italiana, tra l’altro hanno anche il privilegio insieme ai sauditi di usare la Sardegna come campo d’addestramento per la loro aviazione al pari degli altri paesi nato. Però c’è anche da considerare che economicamente nè l’europa e nemmeno gli usa sono in grado di proporre ai turki offerte più vantaggiose di quelle quali entrare nell’unione economica euroasiatica o di partecipare ai grandi progetti tipo la via della seta Cinese, lo SCO o la banka asiatica investimenti, per cui ritengo comunque più probabile che il turko continui a guardare ad est, anche gli altri soliti finanziatori della turkia sono tutti nei casini economicamente, in ogni caso ci attende un grande spettacolo con simili pazzi sul palcoscenico della storia.

    • Fabrizio Bertuzzi

      erdolf ha gli americani in casa ed usa armi americane.
      lo spettacolo non e’ come sembra.

    • verklarte

      Geopoliticamente converrebbe al sultano stare con il blocco euroasiatico e le sue istituzioni (Sco, Aiib ecc) ma ha più fretta dei neocon angloamericani e israeliani. Vuole un pezzetto di Siria e forse con una guerra lampo potrebbe ottenerla prima che i russi si riprendano dalla sorpresa. Ma deve fare i conti con i curdi ormai stabilmente insediatisi nel nord-est siriano, e sono loro la sua ossessione. A quel punto gli Usa dovranno decidersi a mollare l’alleato curdo se vogliono che il sultano faccia il lavoro sporco. La situazione è troppo complicata per le menti psicolabili incistate nei gangli dell’amministrazione Trump

  • Nabir Obar

    Che l’america stia seminando zizzania nel 90% del globo alla ricerca di una guerra da combattere in seconda linea è chiaro. Magari dopo aver finanziato Hitler ci riprovano con Erdogan illudendolo sulla spartizione della Siria, i baffetti ci sono pure, e forse tra kim-jong, e Trump lui è il più pazzo.
    Resto dell’idea che comunque vada sono azzi dell’europa, o ci becchiamo la guerra o il flusso di terroristi dalla turchia se non li facciamo entrare in EU

    • Fabrizio Bertuzzi

      Erdogan e’ d’accordo con gli anglosassoni, se non lo fosse partirebbe un embargo che lo mette a sedere in poco tempo. oppure si ammalerebbe gravemente. ha basi americane dentro la nazione, tanto per capire chi comanda.
      quello che sembra non e’ quello che e’. i creatori del teatrino sono abili nella messa in scena, e’ il loro mestiere.

  • Marius

    Il Blond è sempre da leggere, ma fa un po’ tenerezza e pena vedere che è così mindkontrolled da escludere la satrapia mediorientale più antica e poderosa d’Europa dai suoi ragionamenti: il vaticAno dell’imam bergoglione.
    Senza i gezuiti e le loro mene sarebbe tutto diverso, monsieur Blond.

    • Fabrizio Bertuzzi

      si, molto diverso ma non e’ possibie perche’ lo spirito regna sulla materia, quindi saranno sempre loro a comandare.
      in vero e’ una guerra di religione o meglio di stile di vita (interiore ed esteriore) che si cerca di imporre sul pianeta.
      al vertice non interessano i soldi, e’ solo uno degli strumenti che controllano, ne hanno fin troppi. la guerra non si fa per i soldi ma per il potere, da’ molta piu’ soddisfazione.

  • Fabrizio Bertuzzi

    la Turchia e’ la nazione mussulmana piu’ potente, messa a bada questa messe a bada tutte. per mettere a bada i mussulmani e (forse) convertirli al cristianesimo (una religione molto piu tollerante che serve a far stare insieme il pianeta) ci vuole una grossissima legnata sul groppone, la stanno organizzando.
    l’abilita’ dei leaders sta anche nel sembrare tra loro contrapposti. alla fine della guerra saranno sempre quelli a comandare, con nuove regole ed un nuovo paradigma.
    il popolo rimarra’ popolo ed avra’ una nuova minestra da gustare, contento come sempre delle novita’.

  • mau

    Comunque la posizione di Erdogan è più debole oggi di ieri perchè ha dimostrato di non controllare la nazione. Il suo 51% al massimo vale un 40% calcolando propaganda a senso unico e brogli. Il vero problema è che l’altro 60% di turchi non erdoganiani sono anche peggio di lui.

  • marcoferro

    proprio ieri scrissi dei turchi in germania che non si integrano e fanno vita a parte come un corpo estraneo alla società tedesca, salvo poche eccezioni e il direttore Blondet me lo conferma. ricordo che quando andavo in giro per lavoro col mio principale, tedesco, nella provincia di Colonia guardava storto i turchi con la barba e lo scolapasta in testa che se ne andavano in giro senza fare un kazzo tutto il giorno e diceva: guarda questi pezzi di merda nullafacenti io devo pagare le tasse per mantenere sta gente qua…
    per quanto mi riguarda i turchi e gli altri islamici li caccerei da tutta europa. la turchia poi come farebbe a entrare nella ue ? non ha niente in comune con noi, ne la storia ne la religione, etc…e adesso sono tornati alla loro vera realtà, a uno stato islamico e dittatoriale a loro piace così sono abituati così. merdogan è una mina vagante ma i russi non si lasceranno prendere alla sprovvista oggi i migliori cervelli sono quelli russi, intanto io sto ancora aspettando la lezione che cervello di mucca pazza voleva dare al suo pari ciccioipazzo.

    • Altai

      sai come vedono te e la tua gente i tedeschi in Germania povero italiano straccione ? Canta una bella canzone per noi e portaci una pizza, bitte.
      L’ Europa ce la prendiamo, con voi dentro , stai sicuro.

      • marcoferro

        cosa vuoi prendere tu poveraccio ? giusto calci in kulo e l’elemosina che vi facciamo per tenervi i clandestini, straccione. se fosse per il popolo vi caccerebbe a bastonate, sono solo i politici che vi tollerano, razza parassita che non siete altro.. per quanto riguarda gli italiani sono la comunità più integrata, ovunque , la più benvoluta informati beduino fanatico dei miei stivali. mentre voi siete i più odiati in Germania e non solo, IN QUANTO SIETE INFIDI e SUBDOLI. noi abbiamo la pizza certo ma ANCHE MOLTO DI Più . mentre voi che kazzo avete falliti ? quello schifo di kebab, mille volte il gyros greco e il cervello imbevuto di stupidità, fanatismo religioso e odio. vivete nel medioevo e la resterete.

  • Escorpion

    Non ci posso credere, occhi giorni fa siamo stati cosí vicino alla WW3, che oggi quasi non vedi una minchia di notizie sulla Korea. Giornali italiani, ZeroHedge, etc etc. niente. Mi fa ricordare come quando dovevano multare la Volkswagen per lo scandalo dei motori diesel. Anche la banca tedesca che doveva crollare da un momento all’altro. E le banche italiane? ultimatum di qua e di là. Senza dimenticare la Grecia, fatta a pezzi in tutti i sensi, ma niente. Chi si la ricorda la Grecia? Succede sempre lo stesso, é notizia un paio di settimane e dopo se ne parla d’altro, via.

    • Noel

      verissimo!

    • deadkennedy

      Non solo ma la fantomatica “invincibile armada” di Trump manco ha navigato verso la corea del nord ma è andata a fare le esercitazioni in Australia, come da programma…. mi pare che stanno tutti a giocare ad alzare la posta e poi presenteranno il conto.. d’altronde è più facile che vadano a prendere i soldi dove è facile prenderseli (parlo degli usa) rispetto a dove è più difficile: per es. in Cina…. mi sa che qualche altra nazione musulmana con tanto petrolio o che è importante strategicamente sarà oggetto di esportazione di democrazia

  • deadkennedy

    mi sa che i curdi di turchia a breve riceveranno supporto militare notevole… caro Blondet erdogan controlla solo la metà della sua gente… più facile la solita guerra sporca e asimmetrica: na bella guerra civile per l’autononomia del kurdistan e giu attentati ad ankara, istanbul e località di mare….il turimo finirà, qualche industria occidentale verrà opportunamente assaltata… vedremo come giocherà la partita mr putin…. lui il mercato di sbocco lo ha sia vs europa sia vs asia…da troppi giorni fuori dai riflettori dei media puttane di sion… chi è alla disperazione siamo noi e gli americani se volgiono l’opzione nucleare siamo tutti morti (compresi gli americani e non vi dico la terra santa come la vetrificano)

  • gianluca pointo

    “La Turchia si allontana dall’Europa e si allinea al modo medio-orientale di far politica, a forma di governo autoritario”, riconosce Le Monde: è ancora ottimista, l’ex calciatore punta dritto al despotismo orientale, con in più l’arricchimento sfondato per sé e la sua famiglia. Ma almeno il popolo turco è tornato alla storia che è sua; ha riconquistato la sua identità, radicalmente anti-europea; s’è liberato dalle mascherature del carnevale UE, voterà la pena di morte (finalmente!), darà all’ex calciatore i poteri e prepotenze della Sublime Porta, e farà la sola cosa che sa fare, quella che fa meglio nella storia: distruggere, devastare dove passa.”

    ahhh, questo è parlare cazzo….

  • gianluca pointo

    eeehhhhh vabeh…..son cazzi nostri cari….

  • ultor

    situazione di stallo: non mi meraviglio se c’è una trattativa tra assad e la nato + erdogan per la spartizione del sud della siria; ad assad e putin rimarrebbero gran parte dei territori del nord, erdogan si pappa un pò di terra a sud est (così poi israele lo fa fuori come ha già fatto nella WW1) e la nato anglofona crea un “protettorato” come ha fatto con il sud sudan, la libia, l’egitto, l’afganistan, l’iraq …
    e Trump? darà il via libera per l’attacco all’Iran, visto che la corea è in mano ad un pazzo pericoloso

  • Lucio

    Effettivamente mi stupisce come gli ebrei vedano un nemico solo nell’Iran sciita che minaccia solo loro e non nei sauditi che hanno attentato nel mondo intero.

    Mi sento sicuro di dire che Israele si accorgerà di quanto poi i sauditi non siano pacifici con loro.

    • deadkennedy

      i saud sono cripto ebrei

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi