Se non ha Taroccato i Conti….ora La Grecia può Essere Emendata dai Debiti

Di FunnyKing , il - 24 commenti

Secondo l’ufficio statistico Greco ELSTAT …. diciamo non esattamente il più affidabile degli istituti almeno come track record…. l’avanzo primario greco nel 2016 sarebbe stato del 3.9% e il surplus complessivo di interessi pagati lo 0.7% del PIL

Numeri enormi, che se sono veri (mi permettete un leggerissimo velo di sospetto?) dovrebbero indurre FMI e Europa non solo a rifinanziare il debito greco, anche ristrutturarlo.

Allo stato attuale il rapporto debito/pil della grecia è del 179% una follia impagabile.

Vedremo gli sviluppi tuttavia la Grecia dovrebbe essere nel radar per qualche investimento.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Nick

    Sulla veridicità dei numeri stanno decidendo proprio in queste ore Maria Latella, Paolo Attivissimo (personaggio di indiscussa professionalità divenuto famoso per aver “smontato” numerose catene di s.antonio) e altri saggi boldriniaci seduti a sto tavolo moderato nientemeno che da David Puente, convocato dal Venezuela per debunkerizzare le realtà italiane che disturbano la nostra Lady Hijab, mica cazzi.

    https://pbs.twimg.com/media/C97bAZcXgAEjwzy.jpg

    Scherzi a parte, speriamo non chiudano Rischio Calcolato e altri validi blog…

    • marcoferro

      tra tutti quelli seduti al tavolo non credo riusciranno a formare un cervello intero funzionante …

      • alex

        La vecchia saggezza del nonno: puoi mettere insieme quanti imbecilli vuoi, non riuscirai mai a farne uno intelligente!

        • marcoferro

          ah ah , vero…

        • Nikytower

          Anzi… un detto caro all’anubismo cita: dato un gruppo di umani la media delle teste di cazzo tende verso la massima testa di cazzo del gruppo. 🙂

      • Nick

        Qualcuno pensante c’è dai…

        https://image.ibb.co/cRXtFk/fggn.jpg

        • marcoferro

          ah ah, manca solo lui. ma per il suo “inchino” costato la vita a 34 persone e miliardi di danni , potrà unirsi alla allegra tavolata tra circa 16 anni .

    • Massimo

      c’e’ anche l’orietta berti del pd!!

  • nathan

    E tu volevi lasciare Funny..
    In tempi di psichedelica follia collettiva, dirigere un blog del genere vuol dire sedersi in tribuna d’onore alla prima dell’irripetibile colossal prima del baratro collettivo.

  • filippo pasini

    che tipi di investimento stai valutando?

  • ecomostro

    Se è per questo se è vero che hanno quasi il 4% di avanzo primario possono anche decidere di rinunciare a finanziarsi sui mercati per un bel po’ di anni e sparare “a spregio” un default di quelli proprio “a brinco rabioso” che club di Parigi e club di Londra li ostracizzano per un ventennio… ^e^

  • marcoferro

    pensare che nel 2011 sarebbero bastati “appena” 30 miliardi di euro per salvare la grecia senza indebitarla e farla camminare con le sue gambe. ma preferirono quei delinquenti ridurla allo stato attuale e farla mangiare dalle banche speculatrici tedesche e francesi

    • johnny rotten

      Anche l’itaglia come uno sciacallo si avventa sul cadavere della Grecia, le ferrovie itagliane si vogliono mangiare quelle Greche, pesce grosso mangia pesce piccolo, si chiama catena alimentare,

      • marcoferro

        parlando delle agenzie di rating, braccio armato dei banchieri, fich oggi ha declassato l’italia a BBB. significa che anche con le tasse più alte e i tagli sarà inutile. si dovrà pagare più interessi sul debito in quanto paese a rischio e il debito aumenterà ancora più velocemente. il tutto mentre quella kagata che abbiamo come primo ministro, Gentiloni , mentre era da trump gli ha promesso più soldi da spendere per la nato. come se gli 80 MILIONI DI EURO AL GIORNO fossero pochi. di questo passo, anche le spese per i clandestini islamici, finiremo in default…saremo la prossima grecia..

        • yuk yuk

          già, Gentiloni, che intanto porta il Canada ad esempio di accoglienza per l’Europa e l’Itaglia , perchè ha accolto in un anno e mezzo 40.000 rifugiati: cioè un paese sterminato, con grandi ricchezze e potenzialità, con due oceani in mezzo a Jihadisti – cui non interessa nulla – e poveracci africani che non ci arrivano certo in gommone; un “rifugiato” ogni 250 km quadrati e ogni mille abitanti, quando da noi ne arrivano 8000 in tre giorni grazie alle navi dell’ONG che, si ipotizza sul Fatto di oggi, possano essere in combutta con i trafficanti. Solo per lui meriteremmo una “tripla C” come quella cosa che fa rima con il suo bel nome.

          • marcoferro

            concordo con te. quelle navi che vengono pagate da soros che sono olandesi, tedesche, etc…stanno di base a Malta e raccattano gli islamici fin sotto la costa libica per poi scaricarli in italia. ebbene il nostro paese dovrebbe rifiutarsi di prenderli, che se li portassero ai loro paesi.
            inoltre per i trattati del mare i naufraghi o quello che sono per legge dovrebbero essere portati nel primo porto più sicuro, ossia tunisia, malta, etc..

  • Massimo

    a naso dico che sono numeri creati ad arte
    senza dimenticare che a luglio devono pagare 2 punti di pil ai creditori.

    haircut sul debito
    significa che salta un po’ di spesa statale e quindi molti debiti privati andranno in sofferenza…assieme a tutti gli altri.

  • Sandro

    Si vede che produrre yoghurt è redditizio….

  • johnny rotten

    É l’economia di oggi ad essere diventata tutta un tarocco, dopo i tassi negativi bisognerebbe chiamarla fantaeconomia, per uscirne bisogna fare tabula rasa.

  • Angel

    “Allo stato attuale il rapporto debito/pil della grecia è del 179% una FOLLIA IMPAGABILE”
    Mh…
    Giappone, terza economia mondiale: debito pubblico pari al 234.7% del PIL.
    Però il problema sarebbe la microscopica Grecia. Se non è follia questa…

    Evitiamo la nenia del “Eh, ma il Giappone ha quasi tutto il debito nelle sue mani”, please. Lo si diceva anche dell’Italia, fino a pochi anni fa.

    • Ronf Ronf

      I giapponesi hanno una loro moneta e soprattutto hanno un’economia industriale

      • Angel

        Nel settembre del 1992, l’Italia aveva un’industria al suo apice di espansione e sviluppo, il quarto PIL del mondo, una moneta sua, e un debito pubblico pari al 98,59% del PIL. Però, proprio in quell’anno, ci hanno spaccato le gambe con le mazze da baseball. Chissà perchè…

        • Ronf Ronf

          Esatto, ma la Grecia non ha mai avuto un settore industriale, ma solo un settore agricolo e fuori dall’Euro, infatti, la Grecia dovrà ripartire dal suo settore agricolo per esportare, quindi avere riserve di valuta estera (se si esporta, allora si ottiene la valuta estera che i clienti pagano per i prodotti che tu gli vendi con le tue esportazioni) da mettere in un conto di risparmio che andrà usato per costruire un settore industriale. Ma se la Grecia non la smette di accogliere “le risorse boldriniane”, allora nessun turista ci andrà, senza il turismo non arrivano le valute straniere da mettere via nella riserva

  • biafra66

    ….invece “pur avendo taroccato i conti” l’Ita-glia farà la STESSA medesima fine della Grecia. AMEN.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi