Come è Giusto che Sia : “La Francia non è Un Paese Bianco e Cristiano” ( Presto in Italia )

Di FunnyKing , il - 281 commenti

Hanno voluto la bicicletta (Macron) ora pedalare.

Comincia il lavoro per annientare definitavmente la radice culturale dei Francesi. Ed è giusto che sia così, l’hanno voluto loro. il sito Controinformazione.org riprende le considerazioni fatte per Al Jazeera della giornalista e scrittrice Rokhaya Diallo, Francese di origini senegalesi e del Gambia:

…Occorre ripensare il nostro modo di sentirci tutti francesi”, dice la Diallo. “Dobbiamo rimpostare il nostro modo di pensare e di considerarci come francesi: questo non è un paese bianco e cristiano, la narrativa deve essere cambiata”….

….i migranti che da molti anni sono diventati cittadini francesi non si considerano ancora integrati pienamente nella società frncese e questa sembra essere una sfida. Diallo: “Questo accade  perchè il paese, la Francia, si vede ancora un paese bianco. Tutto quello che si  produce in Francia come film, come in televisione , è di colore bianco. Nel  partecipare nei dibattiti in TV, mi trovo sempre ad essere l’unica rappresentante delle minoranze, l’unica donna. Non c’è alcuna altra minoranza ammessa a discutere  su un tavolo sulle questioni francesi. Non c’è nessuna volotà di cambaire questo”. Inoltre la butalità della polizia nei controlli si esprime sempre verso i giovani mussulmani o africani che hanno alta probabilità di essere detenuti, soprattutto nelle balnieu. (……………………) Bisogna affrontare questo razzismo istituzionale e dire che lo Stato è una parte del problema e bisogna conoscere la parte che è coinvolta nel problema. Parte della popolazione non si sente francese perchè viene maltrattata. Questo problema non si risolverà fino a che il paese non finirà di considerarsi bianco e cristiano“.

Nota: La soluzione prospettata dalla Rokhaya Diallo è quella condivisa dalla sinistra mondialista francese ed europea. Annullare l’identità culturale e storica del paese e proclamarsi un paese cosmopolita e multiculturale, come lo stesso Macron ha candidamente dichiarato, “la Francia non ha una sola cultura ma più culture”.

Presto in Italia ci potete scommettere, posto che la visione delle elites europee è rimasta all’idea  fallita di integrazione fra razze e culture, il trade-off fra votare per rimanere parte dell’Europa (sottotitolo: non lasciare l’Euro) e fra rinunciare alla propria identità culturale continuerà a pendere verso la soluzione francese.

Io non ho alcun dubbio a riguardo e d’altro canto è naturale, l’impoverimento demografico e di qualità del Demos Italiano è del tutto evidente e ha conseguenze ovvie.

Le rivoluzioni le fanno i giovani e i coraggiosi, non le teste bianche e gli zombie.

p.s. non ve la prendete con la giornalista, lei ha ragione.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi