La tratta dei nuovi schiavi e la lunga scia di quelli che hanno capito il nuovo mercato

Di Nuke The Whales , il - 49 commenti

Massa di uomini che scappano da paesi in guerra e da paesi che non lo sono: quanti di costoro stanno veramente scappando o vengono in Europa per iniziare una vita semi-clandestina ed insinuarsi nei gangli della società? La pista più corretta da seguire è la solita: quella dei soldi. Emerge sempre di più che sono in molti ad approfittarsi di questa massa di migranti, ma al contempo si sfrutta anche la potenziale violenza – che scaturisce dal malcontento di queste persone – per instaurare uno stato di polizia, in ossequio alla “democrazia” di Bruxelles.

Le dittature si formano sempre in due modi:

  • Una ribellione popolare sovvenzionata dai soliti noti – col portafoglio a destra e le mani in pasta dappertutto – che deve essere stroncata con la massima severità.
  • Una situazione sociale non più controllabile da un governo – che nella fattispecie sarà definito reazionario, ma che invece rappresenta il volto alternativo al primo caso – ma con un volto più istituzionale.

Un cancro che lentamente ci trascina tutti, mentre affascinati veniamo attratti nel vortice utopico delle neo parole e delle neo-libertà.

Ma cerchiamo di capire che cosa è questo immenso Terremoto Artificiale, chi ci guadagna, i nuovi lavori, i nuovi sbocchi, insomma chi ci mangia e chi ci campa: scusate il gioco di parole, ma non sono certamente gli immigrati che ci mangiano e ci campano, ma siamo proprio noi italiani a mangiarci e camparci sopra.

Da nouveau Tippu Tip (https://it.wikipedia.org/wiki/Tippu_Tip) abbiamo deciso di modernizzare il metodo, un lifting storico passato sotto gli abili bisturi dei canoni della modernità e del human right.

Molte Organizzazioni e privati che sono “sinceramente dedicati alle sofferenze” di questi sventurati, dove lo stato italiano si assume molti costi gravosi (tratto da http://www.cestim.it/sezioni/dati_statistici/italia/2016_10_27-Presentazione-Dossier-Statistico-Immigrazione-idos.pdf), ebbene si parla di 3,3 miliardi di Euro con oneri destinati ad aumentare (le fonti sono aggiornate al 27/10/2016): ma il report sostiene con i dati che la migrazione paga le pensioni dei nostri pensionati.

Dunque la tratta dei nuovi schiavi mette a frutto i primi risultati, ovvero risolvere il problema del mantenimento di un terzo della nostra popolazione composta da pensionati: peccato però che metà degli immigrati lavori in nero, tutti contributi persi che potrebbero mantenere egregiamente anche la classe politica, un’altra occasione sprecata!

Ovviamente la politica, vista la statistica, vuole incrementare gli immigrati senza tenere conto di un dato tecnico molto importante: chi versa questi contributi sono indicati nel seguente grafico (dove emerge che la metà degli stranieri sono di origine europea).

Nel frattempo chiariamo le differenze tra:

  • Migranti: qualcuno che si trasferisce per andare a vivere in un paese e restarci, avere una vita migliore per sé e la propria famiglia.
  • Rifugiati: si tratta di persone che, vivendo in zone di conflitto, hanno bisogno di protezione e la trovano scappando in altri paesi.
  • Richiedenti asilo: coloro che, perseguitati nel loro paese per le loro idee, cercano di scappare per ottenere asilo politico.

Come in fondo poter scordare il mitico discorso della On. Boldrini https://www.youtube.com/watch?v=E7QePDmPHfk

dove ci prospettava – a Marzo 2014 – i migranti come l’avanguardia del nostro futuro stile di vita: infatti ha ragione, presto il nostro stile di vita sarà uguale allo stile di vita dei poveracci del terzo mondo, per errore le è scappata di bocca … la verità…

C’è una frase di Oriana Fallaci indimenticabile : “E visto che parliamo di invasione, ditemi perché in Europa gli immigrati mussulmani materializzano così bene l’avvertimento che nel 1974 ci rivolse l’Onu e il leader algerino Boumedienne. «Presto irromperemo nell’emisfero del nord. E non vi irromperemo da amici, no. Vi irromperemo per conquistarvi. E vi conquisteremo popolando i vostri territori coi nostri figli. Sarà il ventre delle nostre donne a darci la vittoria». Bando alle illusioni: noi italiani, francesi, tedeschi, inglesi, spagnoli, svedesi, danesi, olandesi eccetera stiamo per diventare ciò che diventarono i Comanci e gli Apache e i Cherokee e i Navajos e gli Cheyenne quando gli rubammo l’America. Stranieri in casa nostra. Anno 2016? Anno 2100? Parlando della futura dominazione mussulmana dell’Europa-Eurabia, alcuni studiosi già riferiscono a noi come ai «nativi». Agli «indigeni». Agli «aborigeni». Di questo passo finiremo anche noi dentro le Riserve come i Pellerossa.

Il fulcro dello sviluppo della migrazione in Europa è una espansione islamica sottile, basata sul numero di figli (lo stesso sultano Erdogan lo ha affermato) e su una fasulla integrazione, dove si tiene bassa la testa e si aspettano i tempi giusti per colpire. E fate bene a temere la vecchiaia perché lo scenario previsto coinvolge quasi tutti i popoli europei e molti comprenderanno che alla fine si arriverà a uno scontro inevitabile. L’Unione Europea non è la Russia, dove il mondo islamico coopera con lo Stato. Ad esempio la polizia che sta gestendo la sicurezza di Aleppo ha come comandante un Ceceno Sunnita, un vice che è Sciita, vi sono Buriati, Buddisti ed Ortodossi e, come precisa lo stesso comandante, prima di tutto sono Russi, poi Ceceni ed infine le altre cose. https://www.youtube.com/watch?v=6PEzqc7kUQA

L’Italia e nemmeno l’Europa non hanno questa concezione forte dello Stato. Infatti neppure sapete che le guardie di protezione della Grande Imperatrice Caterina erano solo Ceceni sunniti, e questo fa molto pensare.

Ma torniamo al presente e alla nostra Italia, dove l’affaire della migrazione sembra essere gestita come un erasmus della sofferenza, opportunamente amministrata da varie ONG (le quali svolgono un lavoro gravoso), da altri enti dello Stato e soprattutto, sopra questa cupola organizzata emerge il Vaticano S.p.A.. Un grave errore commesso dai sacerdoti – invece di portare il pane della vita che è Cristo a questi sfortunati, per alleviare il dolore nei loro animi o quanto meno predisporli ad un maggiore rispetto per la società che li accoglie – è che non tengono conto che sono loro che vengono in Europa. Sono veramente tante le persone di fede che iniziano a pensare che dietro tutto questo sommovimento di popoli c’è qualcosa di poco chiaro.

Infatti emerge ogni giorno da notizie di cronaca che sono veramente tanti i soldi che circolano per i centri di accoglienza, chi paga, chi ne beneficia e gli intrallazzi con le organizzazioni mafiose. http://www.avvocatocastellaneta.it/articoli.asp?title=connessioni-tra-fenomeno-migratorio-e-criminalita-organizzata-dott-ssa-di-girolamo-anita : «la schiavitù esiste anche nelle società occidentali e i nuovi schiavi sono gli immigrati, soprattutto i clandestini, che costano poco e generano alti profitti. L’Italia in tutto ciò, per la sua collocazione geografica, è diventata uno snodo del traffico di persone, dove operano organizzazioni criminali albanesi, nigeriane, cinesi, magrebine ed est europee, specializzatesi nel traffico e nella tratta di connazionali sul nostro territorio, nonostante le organizzazioni mafiose autoctone (cosa nostra, ‘ndrangheta, camorra e sacra corona unita) continuino ad avere un ruolo primario nello scenario criminale, soprattutto in determinati settori illeciti in cui la penetrazione di sodalizi stranieri non è permessa (traffico di stupefacenti, appalti pubblici, etc.).»

Consiglio di leggere alcune parti del rapporto http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/Online/_Oggetti_Embedded/Documenti/2016/11/16/Rapporto_protezione_internazionale_2016.pdf : da pagina 196 fino al “bellissimo” capitolo 4 sulla salute mentale degli immigrati. Veramente ragazzi c’è più lavoro per tutti, anche per psichiatri e psicologi.

Mentre avanza anche la giungla delle coop nel business dei migranti http://www.iltempo.it/politica/2016/09/29/news/business-migranti-senza-regole-stop-alla-giungla-delle-coop-1021911/ il giro di affari toccato nel 2016 dovrebbe attestarsi sui 4 miliardi di euro, ma mancano le rendicontazioni, la trasparenza e la legalità: infatti le coop usufruiscono del mini regolamento fermo al decreto ministeriale n. 233 del 02/01/1996. Quindi le attività che si occupano di “vitto, alloggio e attività” non devono giustificare la spesa pubblica attraverso fatture, scontrini o dettagli spesa.

Un oceano dorato in cui si sono tuffati in massa: scafisti, costruttori di gommoni, clan libici – nemmeno abbiamo parlato delle banche che prestano micro-crediti per affrontare il viaggio – persone finite nel mirino come http://www.ilgiornale.it/news/politica/ecco-chi-luomo-ferrari-che-fa-i-milioni-i-profughi-1228464.html e l’indimenticabile Mr Christopher Paul Catrambone http://liberticida.altervista.org/rapporto-sui-gommoni-dei-migranti-libici-facciamo-chiarezza/  Stay tuned!

ALESSIA & DIACONO MARTINO http://liberticida.altervista.org/

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • marcoferro

    come se non bastasse tutto questo, come se questa invasione capillare non fosse ancora sufficiente, oggi la ue ha minacciato i paesi dell’est perche non hanno accolto un solo migrante. vorrebbero colonizzare allegramente anche loro. intimano, minacciano e questa sarebbe l’europa della democrazia e dei popoli ? minacciano di fare cosa poi ? mi sa che quelli dell’est sono più svegli di noi e da quelle parti di negri non ne vogliono.
    inoltre per il G7 di taormina che si terrà il 26-27 maggio gli sbarchi saranno fermati, qualsiasi nave carica di risorse non potrà neppure avvicinarsi, ma allora è possibile fermali ….

    • paolinks

      certo che e’ possibile fermarli

      se Kennedy riusci’ con un blocco navale a fermare le consegne di missili sovietici, non vedo come non si possano fermare quattro gommoni

      • Friendly Cynic

        L’Australia li respinge tutti.

    • fnatile

      Nel lungo periodo prevedo che i paesi dell’est si avvicinino progressivamente alla Russia. Bisogna osservare attentamente la Polonia; gia ora i polacchi sono arrabbiati perche’ pur prendendo gia molti immigranti ucraini la UE gli vuole imporre un certo numero di nostre risorse, e loro vorrebbero poter scegliere chi mettersi in casa. Il ricordo dell’URSS e’ ancora recente, ma se in futuro le due maggiori nazioni slave si accordano sarebbe probabilmente la fine per i piani degli occidentali

  • Fabrizio de Paoli

    Massimo rispetto al nero che lavora in nero e pallottola sempre in canna per chiunque rubi.

  • Maximus

    Bene.

    Dopo trent’anni avete scoperto l’acqua calda e state diventando tutti leghisti.

    Ma forse è troppo tardi.

    Ora andate affanculo.

    • paolo

      Magari…. solo una piccola parte… il pensiero dominante è ancora pd

  • Friendly Cynic

    Gli immigrati-risorsa hanno inviato oltre 60 miliardi di euro di rimesse all’estero negli ultimi dieci anni:

    https://impresalavoro.org/gli-immigrati-mandano-64-miliardi-allestero/

    Quindi con una media di 6 miliardi l’anno che abbandonano il nostro paese, il conto é ampiamente negativo, cari signori immigrazionisti, o meglio collaborazionisti dell’invasione.

    Conto negativo che non tiene ovviamente conto dei danni socialmente gravissimi ma difficilmente quantificabili legati alla criminalità straniera (omicidi, stupri, lesioni, rapine, furti) che da un trentennio affligge i cittadini italiani e del danno incalcolabile alla nazione causato dalla sostituzione etnica e culturale della popolazione indigena italiana, ridotta dal 100% al 92% della popolazione in soli tre decenni, per metà da extraeuropei, il cui numero sta aumentando fortemente dal 2011 in poi con l’arrivo in massa dei piú non-integrabili in assoluto.

    • gianni

      questo succede perche’ l’ italia non e’ uno stato

  • gianni

    che peccato che finira’ la nostra societa’ italiana perche’ e’ cosi’ giusta e bella

  • Tenerone Dolcissimo

    Sottolineo che l’aspetto ladresco è solo quello minore.
    Piu’ importante è il tradimento della propria patria

    • land 110

      la tua amata patria ha fatto questo prima ai suoi sudditi
      e adesso importa altra materia prima da sfruttare

      non vedo il tradimento se é cosa normale

    • Cruciverba

      Qui c’è molto piu’ del tradimento della propria patria , c’è il tradimento del proprio popolo , della propria cultura , dei propri avi e del proprio DNA stesso .

  • silvia

    Ciechi e sordi stanno tutti segando il ramo sul quale sono seduti, o meglio scherzano con un accendino seduti su barili di tritolo.
    C’e’ qualcuno che crede che siano finalita’, ma orrore, finalita’ non ce ne sono e’ solo un processo di declino irreversibile di una civilta’….rassegnatevi.

  • Filippo Candio

    l’europa non ci lascia più “elasticità” sulla spesa pubblica ? Ecco trovata la soluzione ! I soldi per i migranti (per gli italiani che “curano ” i migranti) non sono conteggiati ! E vai di “elasticità umanitaria” !!

    • Uto Uto

      esatto! ci sono soldi solo per le emergenze…….. capitto mi ai?

  • Uto Uto

    Evidentemente, la Boldrini, per raggiungere un delirio simile, deve
    avere avuto in un passato recente, qualche significativo incontro con
    alcuni grossi membri della comunità “migrante”

  • Uto Uto

    erasmus della sofferenza…. geniale!

  • cipperimerlo

    Io, sinceramente, sono stremato. Non ce la faccio più. Sempre le solite cazzate.
    Se gli stranieri regolari (tra 15 e 64 anni) sono circa 5 milioni, con tasso di occupazione al 61,9%, vuol dire che lavorano circa 3 milioni. 16,9 miliardi di euro per 3 milioni di contribuenti fa 5650 € pro capite che, con un cuneo fiscale al 47% dà un salario lordo annuo inferiore ai 12000 €. Se la spesa pubblica è attorno agli 800 milioni di euro per circa 60 milioni di abitanti, cioè attorno ai 13500 € pro capite, come cazzo fanno QUELLI CHE LAVORANO a pagare le pensioni se il loro reddito lordo medio è inferiore alle spese collettive?

  • Verklarte

    Oscar Farinetti vi risponderebbe che “nessuno chiede di nascere in un determinato Paese” e Vittorio Sgarbi gli farebbe eco invocando l’art. 10 della Costituzione con Fabrizio Rondolino a fianco che si scatenerebbe: sono ancora troppo poche le risorse che ci pagheranno la pensione!!

    Assistiamo ad una Trahison des Clercs alla rovescia ma non sarebbe stata possibile senza la passività delle popolazioni “native”. Quando si tratta di rimettere in discussione le abitudini acquisite la gente ha paura, lo si è visto nelle presidenziali francesi. La pacchia del business dei migranti comunque non durerà, lo sappiamo tutti.

    • Ronf Ronf

      Le pensioni si pagano con il sistema a capitalizzazione e NON con il sistema a ripartizione. Solo che la sinistra MAI E POI MAI ammetterà che la Legge Pinera fatta da Pinochet (e mai abolita da tutti i governi di sinistra nel post-caduta del regime di Pinochet in Cile: notare che lì la sinistra è DAVVERO di sinistra, NON come da noi…) e quindi pur di tenersi il sistema a ripartizione andranno a fare i casini dovuti alla sedicente “integrazione” successiva allo sbarco degli immigrati

      • Verklarte

        Anche in nostro Inps quando nacque nel 1932 era a capitalizzazione, perse questo aspetto nel dopoguerra. Il sistema a ripartizione è insostenibile. L’ho detto tante volte ai miei coetanei pensionati come me, ma non sono stato creduto. I sindacati i casini li hanno sempre fatti, ora che tra gli iscritti figurano solo stranieri e pensionati sono soddisfatti.

  • Cruciverba

    Bell’articolo .
    Purtroppo faremo la fine di tutti i popoli invasi .
    Verremo divisi , schiavizzati ed estinti .
    Che fine ingloriosa per una delle piu’ grandi civilità del pianeta .

    • Davide

      probabilmente hai ragione tu, ma io spero tanto che come la legge fisica ad azione corrisponde reazione quando la situazione diventerà davvero critica ci sia un “risveglio” delle coscienze, dove per risveglio intendo gruppi di cittadini che si organizzano e usano i loro metodi per farli sentire a casa, tipo le teste rimpicciolite sui pali

    • Friendly Cynic

      I popoli degli imperi Incas ed Azteco: quasi completamente cancellati sia razzialmente che culturalmente dalla combinazione micidiale di crollo demografico ed invasione migratoria di massa di popoli razzialmente e culturalmente alieni.

  • Uto Uto

    Le risorse si devono integrare, gli indigeni si devono disintegrare.

  • Uto Uto

    Vogliamo parlare di quele donne itagliane che nessun indigeno ha voluto e che, animate dall’immensa ansia di prolificazione, si fanno sposare da furbi mussulmani, i quali poi le lasciano sole mentre si fanno i cazzi propri con gli amichetti al bar?

    • Verklarte

      Ne conosco molte, ma più che ansia di prolificazione c’è nelle donne europee ansia di novità. E’ sempre stato così. Tra il ’44 e il ’46 sono nati migliaia di colorati in Italia.

      • Uto Uto

        di solito si tratta di cessi esemplari e con problemi di relazione

        • Verklarte

          Magari. Invece sono le più belle che sposano o convivono con le risorse. I marocchini sono i più ambiti, seguiti dai nigeriani.

    • Ronf Ronf

      Una a caso: Antonella Clerici, cornificata da Eddy Martens mentre lei lavorava in prima serata in RAI (per fortuna non si erano sposati, altrimenti lei sarebbe finita in rovina con gli assegni di mantenimento all’ex marito…) e ovviamente la Clerici si offese NON per le corna, bensì perchè Barbara D’Urso a Pomeriggio5 ne aveva parlato. Comunque, la Clerici senza Eddy non sarebbe diventata madre

  • “in ossequio alla “democrazia” di Bruxelles”

    L’Unione Europea non c’entra niente, anche se fa figo chiamarla in causa.
    L’immigrazione è regolata dalla legge “Bossi-Fini” e non da una legge “Juncker-Merkel”.

    • Lila

      Dissento, l’Europa Junker Merkel, proibisci a paesi come Ungheria, Polonia , Austria e altri, il limite dell’accoglienza delle “risorse”

      • Quella è un’altra cosa: è l’accoglimento provvisorio di chi arriva in Europa e fa domanda d’asilo politico. Siccome, per ovvie ragioni geografiche, arrivano tutti in Grecia, Italia e Spagna, e siccome, secondo la normativa internazionale vigente, sono tenuti a fare domanda nel paese di sbarco, questi tre paesi, o si assumono l’onere di gestirli da soli, oppure hanno l’incentivo di lasciarli transitare e di passare la patata bollente alla nazione di transito successiva.
        Per risolvere il problema, in sede UE è stato proposto che i richiedenti l’asilo vengano gestiti da tutti, e non solo da noi a sud.

        Ma il trattamento della domanda d’asilo non è l’immigrazione: Ungheria, Polonia, Austria e altri sono libere di trattare le domande e di concedere o meno l’asilo politico, secondo le loro rispettive normative.

        Per quanto riguarda l’immigrazione non dipendente da asilo politico, anche lì ogni nazione ha piena sovranità: se Ungheria, Polonia, Austria e altri non vogliono immigrati musulmani, sono liberissime di perseguire quella politica.

        • Ronf Ronf

          Gli immigrati vanno respinti. Tutti, a prescindere. Altrimenti gli italiani torneranno ad essere fascisti. E sappiamo bene che gli italiani sono fascisti per loro natura, quindi gli immigrati in Italia NON devono arrivare per la LORO sicurezza. Io non mi fido del popolo italiano. Vedi, caro, prima o poi gli italiani eleggeranno “il nuovo Hitler” che a quel punto risolverà il “problema immigrati” a modo suo (bruciandoli direttamente). Ergo, gli immigrati vanno a prescindere respinti visto che gli italiani sono inaffidabili. E sappi mio caro che il ragionamento sul “poi arriva Hitler” viene fatto da molta gente a sinistra che infatti teme il ritorno di Hitler perchè il tipico italiano potrebbe cedere alle sirene del neofascismo pur di risolvere il problema che la sinistra (o i moderati) non risolve(rà)

          • GrimReaper

            ma magari!

            88

        • Friendly Cynic

          Non possono respingerli su base etnica, nazionale o religiosa senza rischiare una procedura di infrazione della UE.

        • Lila

          quindi è un’ ingerenza

    • Ronf Ronf

      Corte Costituzionale, Corte di Cassazione e altre magistrature hanno demolito pezzo per pezzo la legge da te citata. Lo sai oppure parli solo per sentito dire?

    • Friendly Cynic

      Dal 2011 i giudici applicano la direttiva europea sulle espulsioni, piú morbida di quella italiana precedente.

  • Lila

    Chi la fa…l’aspetti.
    In fondo è vero che gli indiani sono nelle riserve perchè ,a frotte gli europei si sono fiondati in America. Ma anche l’Europa cristiana esiste per un occupazione dei popoli europei da parte del medio oriente , romani prima, e cristiani poi. E’ vero che i ladri sentono loro il maltolto.

  • Albert Nextein

    A proposito dei vantaggi che queste risorse producono.
    Basta fare un giro nei posti ove si prenotano visite, interventi, esami laboratoristici, nei pronto soccorso, per rendersi conto dei costi per la sanità pubblica.
    Si vedono molti operatori sanitari e anche medici stranieri nelle strutture sanitarie, non c’è dubbio.
    Ma ritengo che il peso finanziario sia molto alto.
    Troppo alto.
    Chissà se esistono dati inerenti i costi che la sanità pubblica sostiene per questo gruppo di stranieri più o meno regolari.
    Io ad esempio ho parlato con un pakistano che appena arrivato in italia ha fatto operare al cuore il figlio di 8 anni salvandogli la vita.
    In pakistan , a suo dire, l’intervento sarebbe costato 12mila dollari americani.
    In italia il conto è stato pari a zero.
    Mi sa che l’italia sia una risorsa per tutti costoro, e non viceversa.

  • cito : “ma non sono certamente gli immigrati che ci mangiano e ci campano”
    ASSOLUTAMENTE FALSO dato che gli immigrati mandano MILIARDI nei loro paesi per costruirsi palazzi o avviare attività che (oggi) noi possiamo solo sognarci.
    Buonasera RC

  • davide

    Nuke, mi permetto di contestare la n°2 ovvero bilancio previdenziale positivo, + 2.2 miliardi dagli immigrati.
    In associazione mi hanno chiarito che molti Magrebini già ben istruiti sul da farsi, dichiarano tutto a fisco e previdenza, ma non versano gli F24.
    Cioè dichiarano ma non versano.
    Poi quando si fa viva Equitalia (almeno 5 anni sono trascorsi ) se ne tornano al loro paese con bottini di 50-60 mila euro di versamenti non fatti.
    Chiariamo un punto (due punti, punto e virgola e a capo. Abbundadis in abbundadum)
    Quello che dichiara l’agenzia delle entrate non è detto che coincide con quanto effettivamente incassato. Chissà perchè non ci dicono quante sofferenze hanno.
    Che ci fa specie che quest’anno c’è stata grande moria delle vacche. Come voi ben sapete!
    Sennò perchè si sono inventati Equitalia?
    https://youtu.be/w-0dBKlVJSg?t=92

    • Alessia la Kazara atea

      l’articolo l’ho scritto io con Diacono Martino. In particolare i dati (http://www.cestim.it/sezioni/dati_statistici/italia/2016_10_27-Presentazione-Dossier-Statistico-Immigrazione-idos.pdf) li ho letti e riportati io.
      Anche io nutro grossi dubbi sull’integrità dei dati dichiarati dalla agenzia delle entrate.

    • Uto Uto

      Non solo. Essi aprono piccole ditte e fanno fatture regolari, peccato che poi non paghino, irpeg IVA e contributi. Poi si dilettano in false assunzioni con produzone di regolari buste paga con stipendi mai versati per regolarizzare i loro simili e per sfruttare l’assegno di disoccupazione. Dopo qualche anno, quando le occhiute trinariciute agenzie italiote li martellano di cartelle esattoriali, chiudono tutto e tornano nel loro bel paesino d’origine. Il vero deus ex machina dell’organizzazione, quello che non compare mai ufficialmente, resta in itaglia a far danno con altri connazionali da promuovere novelle teste di legno. E vai n’altro giro, n’altro regalo…….

      • davide

        Infatti…qui si parla di cifre dell’ordine di miliardi di Euro che le Entrate mettono a bilancio ma che non hanno mai riscosso.
        Poi ci vengono al TG a dichiarare quanto ha fatto di bilancio lo stato italiano (falso) e altre amenità…tanto il popolino non distingue fra le parole “bilancio” e “realmente incassato.”

  • Luben22

    La maggior parte degli italioti è mentalmente bloccata dal timore di passare per “razzista”, anche se si accorge che i veri razzisti sono le boldrinazze politiche e i profittatori dell’imigrazione, sia italiani che stranieri. Francesi, tedeschi e altri europoidi occidentali sono messi pure peggio di noi e nulla cambierà fino a quando non ci sarà la fame, gli assalti, gli stupri e i disordini politici. Gruppi dell’ISIS e di Boko Haram sono già qui, silenti, (lo disse il Copasir), in attesa dell’arrivo delle armi nei nostri porti-colabrodo. E noi potremmo opporre solo i nostri marinaretti-crocerossine e qualche bel soldatino dell’operazione “strade sicure”. La sirianizzazione dell’Italia è lo scenario più probabile e veloce, o almeno l’arma dei neocon per tenere in pugno chiunque vinca qualunque prossima elezione, mentre l’altra arma, più sofisticata e attualmente in uso, è di proseguire con ancora più massicce dosi d’immigrati, imporre la legge sulla discriminazione positiva, abolire le ultime tracce di un’antica cultura e trasformarci in un popolo diverso con la forza e non per libera scelta.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi