Amhed Al-Varvel da Londra: tutto è sotto controllo

Di JLS , il - 142 commenti

“Verba volant, scripta manent”

Poco fa il giornalista rai, corrispondente da Londra, a proposito dell’ennesima tragedia terroristica ha cosi riferito. Che le sue parole possano rimanere, almeno qui su questo sito.

Varvello parla in giacca blu e cravatta tonalità violacea, mentre dietro gli scorre un filmato che riprende l’insegna scintillante e girevole di Scontland Yard. Il telespettatore sia rassicurato insomma. Per quelli come il sottoscritto, la scena fa tanto Harrods o luna park.

Esordisce dunque il corrispondente: … tutto è tranquillo a London Bridge (sono le 8:00 circa di domenica 4 giugno). Come esordio mi sembra davvero illuminante.

Poi continua aggiungendo: tutto è durato solo dieci minuti, la polizia è intervenuta appena 8 minuti dopo la prima chiamata di emergenza.

L’evacuazione della zona e dei locali pieni di pubblico è avvenuta regolarmente sotto il coordinamento delle forze dell’ordine.

Vi risparmio l’elenco delle dichiarazioni ufficiali dei parassiti della politica nazionale UK, in coro con Francia, Italia, UE e tutto il resto degli apparati politici e pubblici.

Questo elenco di dichiarazioni è esattamente lo stesso. Cambiano solo coloro che le devono fare: Obama sostituito da Trump, Renzi rimpiazzato da Gentiloni, Hollande slogiato da Macron. In comune hanno il “verba volant”. Un classico dei parassiti di ogni latitudine.

Andatevi a riprendere le vomitevoli dichiarazioni degli ultimi 25 o più anni, rilasciate dagli allora presidenti e capi di governo in coincidenza con atti terroristici. O più semplicemente quelle rilasciate poche ore dopo che tre terroristi islamici si lasciarono esplodere a Londra nella metropolitana nel 2005, provocando 55 morti e oltre 700 feriti. Sono le stesse dichiarazioni di stamattina. Passate per le dichiarazioni di Manchester di poche settimane fa, e a ritroso a quelle dopo Nizza, Parigi e Bruxelles e cosi via. Se ce la fate.

Ma torniamo alle parole di Varvello, mezzobusto rai da London Bridge. Non so se le parole sono sue, o più probabilmente preparate prima del servizio, sapientemente dosate e cesellate per inviare un messaggio ai telespettatori, ansiosi di capire cosa è accaduto e come è andata a finire.

Partiamo dal varvelliano “tutto è tranquillo”. Io che di mente sono sano e non mi lascio intortare certo da frasi di rito e dal primo deficiente che prende lo stipendio da un carrozzone pubblico itaGliano, deduco che Varvello dice una cosa del tutto ovvia. Dopo 10 ore da un attacco terroristico è sempre cosi. Quale sarebbe la notizia o la novità? Il terrorismo è una guerra giocata così: effetto sorpresa per orario, luogo, circostanze e modalità. Quindi “tutto è tranquillo” è l’incipit di un servizio la cui prima preoccupazione evidente, non è raccontare i fatti nella loro gravità e tragica frequenza, ma rassenerare gli animi del cittadino medio. Affinchè le sue inossidabili certezze sullo stato, la polizia e i suoi apparati di sicurezza, non siano messe a rischio di credibilità e sostegno.

Dopo l’inquitetante incipit, sempre il Varvello informa i telespettatori attoniti e impauriti che tutto si è concluso in dieci minuti e i tre beduini metropolitani sono stati fatti secchi (l’espressione è mia). Prenderei Varvello e gli farei ripetere le stesse giulive parole del servizio, non davanti alla telecamera ma davanti ai parenti e familiari dei 5 morti e dei 70 feriti. Varvello farebbe da domani stesso il corrispondente rai dall’aldilà.

Ho riportato le parole del Varvello che è solo uno dei tanti cantanti dello zecchino d’oro che gli paga lo stipendio, perchè le parole del suo servizio siano fatte risalire al sistema mediatico che le ha predisposte e confezionate per tutti.

Il terrorismo che colpisce le persone inermi, nella vita ordinaria di ogni giorno, è una forma straordinaria di sostegno degli apparati e degli stati con i loro partiti e sistemi di rappresentanza. Nessuno stamattina infatti sarebbe sconcertato se un plotone di terroristi islamici ieri sera avesse fatto secchi i 930 parlamentari italioti in assemblea a camere riunite, al completo dei loro presidenti.

Ma putroppo non andrà mai cosi, e non avremo mai elementi probatori per collegare il terrorismo alla sua regia che non fa capo a quattro beduini metropolitani che in assenza di cammelli ricercano le vergini, ma a ben altri livelli di comando, potere e coordinamento. Di fronte al crollo o al vacillare della sicurezza personale e della comunità, tutti siamo tentati di chiedere misure di sicurezza, controlli, e altre stupidaggini. Più stato, più istituzioni, ecc…

Mi astengo dal partecipare al coro di milioni di schiavi inconsapevoli che è la base e la forza degli apparati e dei parassiti che vi appartengono.

Inviterei quanti leggono a ricordare che la correzione è ben diversa dalla prevenzione. I vostri politici, beniamini di partito, leader e capi popolo, non solo non conoscono la differenza tra correggere e prevenire, ma si guardano bene dall’applicarne il benchè minimo principio.

La perpetuazione della loro specie si fonda infatti sul creare o lasciar nascere un problema, farlo ingigantire quanto basta, e poi sempre loro unici autorizzati a fonire soluzioni, dopo l’apposito rilascio delle dichiarazioni di rito.

Le dieci regole della manipolazione sociale, attribuite a Noam Chomsky, sono emblematiche di questa terribile condizione in cui tutti siamo costretti a vivere. La seconda di queste regole è “2- Creare problemi e poi offrire le soluzioni” e le parole del varvello da Londra si prestano anche alla regola 5 di Chomsky “5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini”.

==============================

sempre a proposito di terrorismo, trovi i precedenti articoli dell’autore a questi link

Nizza, niente da fare. Credenze e superstizioni….

Nizza, Parigi, Bruxelles: i veri kamikaze

https://www.rischiocalcolato.it/2016/03/ok-bruxelles-studio.html

https://www.rischiocalcolato.it/2015/11/terrorismo-e-statalismo.html

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi