CINA E IRAN: MANOVRE NAVALI CONGIUNTE AD ORMUZ. Risposta all’Escalation Usa.

Di Maurizio Blondet , il - 47 commenti

Il 18 giugno navi da guerra iraniane e  cinesi hanno compiuto manovre militari congiunte nello stretto di Ormuz, passaggio strategico posto al sud dell’Iran e a nord degli Emirati Arabi Uniti. Queste esercitazioni avvengono nel pieno dello scontro diplomatico tra Teheran e Washington  e di una crisi maggiore che scuote la penisola arabica,  e che oppone il Qatar ai suoi vicini, specie l’Arabia Saudita.  Il contrammiraglio cinese Shen Hao, citato dall’egenzia iraniana IRNA,  ha spiegato che  tali manovre  congiunte  hanno lo scopo di rinforzare la fiducia le due  marine militari”.

La zona delle esercitazioni navali cino-iraniane.

Nelle stesse ore i Guardiani della rivoluzione iraniani hanno reso noto di aver sparato due missili balistici a medio raggio contro obiettivi ribelli siriani nella zona di Deir ez-Zor:  questa è  l’enclave leale al governo di Damasco che resta da anni sotto accerchiamento di Isis e altre formazioni terroristiche, e che gli americani hanno bombardato nel settembre 201\6, deliberatamente  uccidendo 80-90 soldati israeliani là assediati – sia per aiutare l’ISIS (infatti ,lo Stato Islamico ha  sferrato un attacco subito dopo il bombardamento, in evidente coordinazione Usa) e per mandare a monte il primo cessate il fuoco imbastito da Mosca fra i belligeranti. Ipotizziamo come più che probabile che fra “il gran numero di miliziani” che l’Iran dice di aver ucciso coi suoi missili, ci siano anche “consiglieri” (leggi commandos) americani, britannici o israeliani.  IIIIGli iraniani hanno dichiarato che  il lancio è anche una riposta  al recente  attentato  al Parlamento di Teheran e al mausoleo di Khomeini, rivendicato dall’ISIS (o Rita Katz). “Lo spargimento di sangue innocente non resterà senza risposta”, hanno scritto i pasdaran in un comunicato.

Risposta alla risposta, subito  dopo,  “l’esercito siriano ha confermato che aerei della coalizione a guida USA hanno abbattuto un suo velivolo SU-22 alla periferia di Raqqa. “Questo attacco arriva in un momento in cui l’esercito siriano e i suoi alleati stavano avanzando nella lotta contro i terroristi dell’Isis, i quali sono stati battuti in più di un modo nel deserto”, scrive il portavoce dell’esercito di Damasco.

E’ una vendetta  per i rovesci che le forze americane alleate ai “ribelli” hanno subito ad Al-Tanf,  posto del confine tra Irak e Siria, dove hanno tentato invano, con attacchi proditori, di impedire alle forze siriane regolari di collegarsi con le forze irachene anti-ISIS.    Ad Al Tanf , le forze statunitensi (Berretti Verdi sotto comando CIA) dispiegate all’interno di una base  ufficialmente per “preparare” le forze ribelli,  ma sono state colte di sorpresa dalla velocità e l’efficienza delle tattiche  utilizzate dalle unità delle forze armate siriane .

L’intervento degli F-18 e degli A-10 americani hanno fatto pagare un alto prezzo ai combattenti siriani, privi di copertura aerea e ancor più crudelmente, di anti-aerea: 88 soldati uccisi  dai cannoncini di bordo.

E  nonostante ciò, una controffensiva sferrata dai ribelli  guidati dai Berretti Verdi subito dopo l’attacco aereo, evidentemente coordinata  con l’Air Force, è stata fatta fallire dai siriani.  Le cui forze speciali “hanno  superato sul fianco i ribelli e sono riusciti a condurre una perfetta  manovra di accerchiamento”. Si parla di 1300 ribelli perduti per l’America.Le perdite americane non sono dichiarate, come al solito  (mica possono confessare che si battono a fianco dei tagliagole), ma non possono esser mancate.

..”I ribelli e le forze Usa con loro si son trovati intrappolati  ed hanno dovuto la loro salvezza dall’annientamento solo ad  una pressione molto energica dei russi sul comando siriano. Il Pentagono ha riconosciuto il ruolo della Russia nello “acquietamento” di Al Tanf”. Fin qui il comunicato siriano.

https://strategika51.wordpress.com/2017/06/18/le-declin-tactique-dal-tanf/

Ovviamente la Russia  non dà  agli alleati la copertura aerea per non arrivare ad un confronto diretto con l’aviazione americana.  Il Pentagono   ha ringraziato,  riconosciuto che i suoi soldati sono stati salvati da Mosca, e poi 1) abbattuto il vecchio aereo siriano, e 2) mandato a rafforzare la base  di Al Tanf  i loro  lanciarazzi plurimi su automezzo  HIMARS (High Mobility Multiple Advanced Rocket System).

Mosca  avvisa: ogni oggetto volante sarà abbattuto

 

HIMARS Aamericani ad Al Tanf

Quindi vogliono la rivincita; siano i russi ad evitare il confronto, a mantenere un senso di responsabilità;  loro preparano l’escalation – fin dove, se non verso la guerra mondiale?

A questo punto, Mosca ha interrotto ogni coordinamento con la aviazione americana, ed ha annunciato che “nelle zone d’intervento della  flotta aerea russa in Siria, ogni oggetto volanti, droni compresi, della coalizione internazionale [ quella messa insieme dagli Usa] all’ovest dell’Eufrate, saranno considerati come bersagli dalle forze  terrestri e  aeree russe” (19 giugno).

I comandi regolari siriani, nonostante le perdite, hanno evidenti motivi  di soddisfazione: in tre occasioni le loro forze sono riuscite  ad accerchiare le forze  speciali americane, che hanno rivelato così una palese inferiorità tattica  e combattiva; hanno dovuto richiedere l’appoggio aereo; ma intanto  i siriani si sono spinti fino alla frontiera con l’Irak – ciò che i brutali interventi americani volevano impedire.

Cosa accadrà adesso è difficile dire.  “Alcuni civili pazzi alla Casa Bianca spingono per ampliare il conflitto in una vera e propria guerra Iran-Usa. I comandi militari  stanno frenando”, il che non stupisce dopo i rovesci sul terreno, e temendo per le loro truppe nella più vasta area irachena, esposte ad un vero conflitto – –  ma ci sono elementi al Pentagono e alla Cia che sono per  l’escalation.

https://www.yahoo.com/news/white-house-officials-push-widening-225019128.html?.tsrc=jtc_news_index

Frattanto il Senato Usa ha votato, con una maggioranza di 98 su cento, un vero e proprio atto di guerra contro Teheran. Non solo rimette in vigore  le sanzioni già tolte e ne aggiunge di nuove, ma esige dal presidente che dia ordine “di ispezionare sistematicamente navi e aerei iraniani”  per impedire ogni assistenza armata ai  paesi in preda alla guerra contro(o pro) il terrorismo; per la prima volta, pone le Guardie della Rivoluzione Islamica iraniane nella lista delle “organizzazioni terroristiche”; invita il presidente a “identificare ogni  altra azione iraniana suscettibile di essere sottoposta a sanzioni”,  e   aa studiare modo di impedire all’Iran di finanziare il suo programma missilistico.

Le esercitazioni navali congiunte Pechino-Teheran sullo stretto di Ormuz  sembrano essere una risposta, molto cinese, a  questa frenesia di rabbia e demenzialità Usa.

 

 

L’articolo CINA E IRAN: MANOVRE NAVALI CONGIUNTE AD ORMUZ. Risposta all’Escalation Usa. è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Angelo

    L’articolo contiene un refuso : ” e che gli americani hanno bombardato nel settembre 2016, deliberatamente uccidendo 80-90 soldati israeliani là assediati ”. Sicuramente l’autore voleva dire 80-90 soldati siriani.

    • johnny rotten

      Anche il numero delle vittime nella zona di Al Tanf è esagerato.

  • Mi stupisce molto il comportamento dei Cinesi.

    • Caio Giulio

      Non tanto direi, visto che sono i maggiori acquirenti del petrolio iraniano, mi pare l’80 % se non ricordo male ai tempi della sanzioni, da un pezzo.

  • Caio Giulio

    Certo che se Trump non si decide di sturare la fogna quanto prima e levarsi dalle palle il cane pazzo e soprattutto McMaster e tutti i loro sottoposti neocoglion, rischia veramente di mandare tutto all’aria; non fosse altro per gli schiaffoni che rischiano di prendere ed altro che MAGA..

    • paolinks

      Mah, io preferisco un cane pazzo ad un politico scemo. Non fu forse Mad Dog ha dire che una guerra contro la Corea del Nord sarebbe stata una catastrofe?

      Chi ha visto il film “Leoni per agnelli’ puo’ facilmente riconoscere che il vero politico per il mondo sono i politici americani e non i militari.

      • Caio Giulio

        peccato che Mattis si tinge i capelli con il fosforo bianco ed è una totale nullità sia come uomo che come generale.oltre a essere purtroppo un neocoglion al 100%. Forse Trump sarà anche quello che dici, ma almeno si rende conto che con le pezze al culo e un esercito da sturmtruppen è meglio stare tranquilli.

    • marcoferro

      esistono anche gli “incidenti” per liberarsi di certi personaggi…

  • Paolo Venturini

    I Mmerigani hanno veramente rotto il cazzo……………………………………

    • Lilith

      Mettici assieme anche i J che tengono i Mmerigani per le palle. Sono i J che hanno veramente rotto il cazzo.

    • Gianni Iannelli

      formidabile, il tuo modo di parlare mi ricorda il grande Funari

      • Proxima8

        Quanto mi mancano Funari e Montanelli, caxxo….

  • johnny rotten

    Altre fonti dicono che sia stato il Pentagono ad impedire l’escalation, e che sia il congresso il più bellicoso, in questo frangente, da un lato la spaccatura o le spaccature sono un male per chi vuol governare, dall’altro è un bene per chi le escalation le vuole evitare, l’impressione di fondo è che neanche sul campo i mangia spazzatura abbiano il controllo della situazione, sembra che regni l’anarchismo e manchi la responsabilità, qualcuno avrà dato l’ordine o è stata l’iniziativa personale del pilota? è effettivo il comando della coalizione o stanno già andando ognuno per la sua strada? quello che succede sui vari campi da mesi dimostra che ci sono conflitti all’interno del terrorismo che riflettono le tensioni nelle capitali dei paesi mandanti del terrorismo, e siamo così sicuri che anche in ambito europeo ci sia tutta quell’unità che vogliono mostrare? ci sarà pur qualche sano di mente che avrà tirato le somme, dichiarata persa la partita e si stia già attrezzando per uscirne, chiunque con un minimo di cognizione lo capisce al volo che la Syria è molto ma molto peggio del Vietnam sia in medioriente che in occidente, persino la nato rischia la defezione, che per alcuni versi è già in atto, del secondo esercito per effettivi, insomma il quadro mostra una disunione sia sui mezzi che sui fini, il qatar che consta di un numero esiguo di cittadini e non conosce la “democrazia” ha già tirato i remi in barca e vuole investire sul gasdotto Iraniano, in pratica siamo già agli accordi da armistizio, questa sconfitta per l’america e la nato sarà la più pesante della sua storia, perchè certifica inequivocabilmente la sua fine come unica superpotenza, e la Cina se la ride, a meno che la folle bestia non trascini il resto del mondo nella sua caduta.

    • Lilith

      La folle bestia si chiama Israele che vuole a tutti i costi la pelle dell’Iran. Costi quel che costi. Sta a noi isolarli e ricacciarli nel cesso dell storia dove meritano di stare. Se come dici tu il Pentagono frena e i politici vogliono accelerare non è forse perchè il congresso e la politica U.S.A. tutta è pesantemente infiltrata di J mentre l’esercito no? Io sono dell’opinione che sono loro a spingere, i J. E sono anche molto nervosetti perchè ora li voglio vedere ad entrare a bombardare i depositi di armi Hezbollah in Siria. Se gli Hezbollah si armano a dovere per Israele sono cazzi amari, ma molto molto amari. Le hanno già prese dagli Hezbollah e sono convinto che le prenderebbero ancora. Il loro piano del grande Israele dal Nilo all’Eufrate sta andando velocemente a puttane e questo li manda nel panico. Israele assieme agli U.S.A. senza guerra non vive e non sopravvive. La cosa che mi tranquillizza un pò (mica tanto) è che sia U.S.A. ed Israele sono bravi solo a prendersela con i più deboli e Russia, Iran e Cina non lo sembrano proprio. La cosa che mi dispiace e non mi tranquillizza nemmeno un pò è che noi siamo dannatamente dalla parte sbagliata della storia.

      • deadkennedy

        be se israel scompare ce ne faremo una ragione e magari qualcuno anche una bella bottiglia

        • televisione falsa

          Nooooo , come farà il mondo senza gli ebrei

          • deadkennedy

            ehhh ci sarà sempre qualcuno che si proporrà (falsamente) come popolo eletto la storia ricomincerà nuovamente.

          • what you see is a fraud

            Sara° sempre festa quando Israele sara° distrutto.!

      • ws

        Costi quel che costi.
        beh l’ iran ha mostrato ieri di aver la tecnologia per far costare la cosa molto cara anche al “committente”.

        • Lilith

          Lo spero vivissimamente….

      • johnny rotten

        Concordo, gli usa sono una colonia di isisraele, e alla knesset un parlamentare sionista lo ha detto bello chiaro, loro comandano sia sul popolo americano che sul loro governo.

  • cavallo pazzo

    Ascoltate, si sa che i russi hanno una certa predilezione per la strategia militare di creare sacche, anche lentamente, e poi eventualmente sezionarle o lasciarle indebolirsi a lungo. Bene, che stiano insaccando gli americani a cavallo tra Siria e Iraq?

    • Proxima8

      Bravo, basta guardare la cartina e lo capisce anche un coglione come il sottoscritto.

  • marcoferro

    fatela sta kazzo di guerra e scannatevi una buona volta. vediamo quanto valgono sul terreno veramente i soldatini usa. intanto l’attacco iraniano con i loro missili hanno provocato 360 morti tra i topi di fogna dell’isis ,mentre si è vero che hanno abbattuto un aereo siriano, ma con un blitz i siriani hanno tratto in salvo il pilota che ha solo una gamba rotta.

    • televisione falsa

      Minkia ..360 morti , e che missili erano ??

      • marcoferro
        • andrea xxl

          la propaganda di p.felix va presa con il beneficio d’inventario,
          trattasi di un fanatico sciita,

      • ws

        Direi cariche termobariche , come si evince dai video rilasciati.
        Sono perfette per eliminare la fanteria in campo aperto anche se protetta dentro edifici o mezzi blindati non equipaggiati contro questo tipo di esplosivo .
        Con una carica termobarica nel 2008 un solo iskander annientò trentotto carri georgiani fermandone l’ attacco di sorpresa in ossezia.

    • Alfercap

      Davvero il pilota è salvo? Sono contentissimo. Ormai gli Usa sono al terzo o quarto atto di guerra su suolo siriano, chi li ha autorizzati a calpestare le leggi intrnazionali? L’ONU che kazzo fa? Cina, Russia e Stati non allineati devono denunciare i criminali Usa!

  • televisione falsa

    Fanculo coalizione USA

  • televisione falsa

    Io i terroristi ISIS e i soldati americani ce li vedo bene a combattere assieme , perché sono entrambi delle merde umane criminali assassini drogati

  • televisione falsa

    Ma come hanno fatto i soldati siriani a risparmiare la vita a quelle 1300 merde sapendo che sono responsabili della guerra nella loro Siria negli ultimi sei anni? Boh…

  • GIANLUCAnisevic

    Io non capisco una cosa: mesi fa si diceva che avendo schierato s300 s400 i russi avevano il controllo sullo spazio aereo siriano, poi i turchi abbattono un caccia russo gli americani abbattono un caccia siriano e lanciano una caterva di missili su un aeroporto, gli israeliani bombardano gli alleati dei russi a Damasco quando e come vogliono, ma chiedo non è che questi missili russi sono un bluff?? No perché mi pare che le provocazioni sono decine e non c’è mai una reazione neanche minima da parte russa

  • alex

    Ad ogni momento che passa, o meglio ad ogni azione americana energica (vedi abbattere un aereo nemico), l’altra parte , russa, iraniana, siriana, batte i piedi per terra, si strappa qualche pelo, si cala le braghe e mostra il culo. Sarà tattica eccellente, sarà gioco di scacchi, a me, me pare una strunzata. Risparmiare la vita a chi, il giorno dopo ti spara fosforo bianco nel culo, proprio non lo capisco.. Aleggia nella mia mente che, anche il sig. Putin, faccia parte della stessa banda bassotti di Mc Cane, benché sotto mentite spoglie. Io grido qui, tu urli la e poi ci ritroviamo a far baldoria, con i soliti culi altrui.

    • Mikahel

      «Non verrà l’Ora fino a quando due grandi gruppi non si combatteranno tra di loro, il loro invito sarà unico»

    • silvia

      I Russi piano piano stanno vincendo la guerra in Siria. Usrael lo sa, e per questo cerca di provocare una risposta energica per avere la scusa per iniziare un’escalation che potrebbe far perdere ai Russi quanto guadagnato fin’ora e avere conseguenze impensabili (WWIII). I Russi e i loro compari fanno bene.

  • killerclown

    non hanno utilizzato la parola “bersagli”, hanno detto che verranno seguiti e hanno esplicitamente detto che non abbatteranno alcunche(quindi?). chicken shit. una farsa ridicola. e poi sarà già il terzo o il quarto avviso di mosca. come lo è stato quello dopo i missili usa ad aprile. e poi? e poi gli usa fanno e abbattono come meglio credono. i russi a ‘sto punto stanno diventando ridicoli. se avvisi in continuazione , poi esegui. altrimenti te ne stai zitto e non lanci avvisi. anche perchè se questi annunci servono a dare un messaggio agli alleati siriani e iraniani, beh credo che anche questi a ‘sto punto scuotano la testa.

    i russi piano piano si stanno rendendo ridicoli. o proteggono i loro alleati, come fanno gli americani, o stiano zitti. l’unico che per ora ha dimostrato di non bluffare è kim. quello sì è cazzuto, per un po’ di minacce ridicole usa ha rispedito in usa uno studente senza il cervello 🙂

    • enricodiba

      I russi stanno vicendo la guerra e si sono ripresi il mediterraneo.

  • Winston Smith

    ‘saranno considerati come bersagli’… è leggermente diverso dal dire che ‘tracceranno..

  • ittymixe

    “Frattanto il Senato Usa ha votato, con una maggioranza di 98 su cento, un vero e proprio atto di guerra contro Teheran.
    – Non solo rimette in vigore le sanzioni già tolte e ne aggiunge di nuove,
    – ma esige dal presidente che dia ordine “di ispezionare sistematicamente navi e aerei iraniani” per impedire ogni assistenza armata ai paesi in preda alla guerra contro(o pro) il terrorismo;
    – per la prima volta, pone le Guardie della Rivoluzione Islamica iraniane nella lista delle “organizzazioni terroristiche”;
    – invita il presidente a “identificare ogni altra azione iraniana suscettibile di essere sottoposta a sanzioni”,
    – e a studiare modo di impedire all’Iran di finanziare il suo programma missilistico.”

    Il senato usa ha votato una salva di peti, puzzolenti ma innocui.

    La verità è che gli americani (ed i giudei) hanno paura degli iraniani: con la recente riapertura del confine siria-iraq, un autotreno iraniano carico di micidiale materiale bellico può rifornire hezbollah libanese in meno di 36 ore, ad appena 120 km da Tel Aviv.

    I russi intanto stanno lavorando come ragni: egitto, libano, siria, iraq ed iran sono stabilmente dalla parte dei russi; manca solo la giordania, ed israele è di nuovo accerchiato come ai tempi della guerra dei 6 giorni.

    Quando anche israele sarà costretto ad obbedire ai russi, per gli usa sarà la fine. Non manca molto, quindi prepariamoci.

  • enricodiba

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi