Muore Kohl, vola Amazon: cosa ha voluto dirci il fato? Di non credere ai paradisi a portata di mano

Di Mauro Bottarelli , il - 178 commenti


Certo, tra la presunta morte di Al-Baghdadi e quelle reali della Grenfell Tower di Londra, la dipartita di Helmut Kohl non ha forse ricevuto gli onori e gli spazi che meritava. Una cosa, però, è certa: per tutti quanti con lui se ne va, non solo il padre della riunificazione tedesca ma anche uno statista in senso classico, qualcuno che con il suo modo di fare politica finirà dritto nei libri di storia. E fin qui, poco da eccepire. Stonano però i peana in suo onore da parte di chi, sempre parlando di politica con la P maiuscola, quando è chiamato a definire la figura di Bettino Craxi utilizza con spregio il termine “latitante”. Helmut Kohl, in tal senso, ha soltanto avuto un salvacondotto ma il suo curriculum presenta una macchia enorme, molto simile a quella dell’ex segretario socialista: finanziamento illecito al partito.

Solo che in Italia era in atto la grande rivoluzione per via giudiziaria decisa da chi aveva capito che Andreotti e Craxi non erano più alleati affidabili, vedi Sigonella e la politica verso il mondo arabo, quindi occorrevano le forche – non in piazza ma nelle redazioni dei giornali -, mentre in Germania si poteva derubricare tutto. Fu proprio Angela Merkel, di cui Kohl è stato mentore, a garantire un’onorevole uscita di scena al padre nobile della riunificazione: abbandona il partito e ti verrà evitata la gogna e la vergogna del processo. A Bettino Craxi questo non fu concesso, andò in esilio e lì vi morì, coperto dal pubblico ludibrio dei manettari che non sanno riconoscere una storia da la Storia.

Sia chiaro, politicamente Bettino Craxi era lontano anni luce da me, la mia non è la difesa d’ufficio che mettono in campo i tanti ex socialisti sparsi un po’ ovunque per l’arco parlamentare (molti dei quali nelle file post-comuniste, supremo sfregio per la memoria del loro un tempo osannato leader) ma una constatazione storica e politica. Certo, Helmut Kohl ha riunificato la Germania, un atto talmente epocale da tramutare le tangenti e i finanziamenti illeciti in polvere ma resta una domanda, ancorché sia ancora presto per poter trarre bilanci con un profilo chiaro: a quale prezzo è stata ottenuta quella riunificazione? Con quali finalità? E chi l’ha resa possibile, tramutandola quasi immediatamente in vantaggio geopolitico? Forse, gli stessi che hanno deciso di chiudere i conti con Craxi e Andreotti e spalancare le porte a quel museo degli orrori chiamato Seconda Repubblica. E poi, perché tanti osanna – al netto del rispetto per la morte – per l’uomo che ha creato le condizioni per un’egemonia tedesca con tanto di leader inamovibile, lo stesso status contro cui la gran parte degli italiani pontifica?

Quello che segue è un estratto del discorso tenuto da Bettino Craxi all’Assemblea nazionale del PSI, il 1 giugno 1984 a Roma: “..A volte la Germania sembra lavorare per indebolire l’ Europa. L’asse franco-tedesco è un grave errore. Sarò pacato ma sono abituato a chiamare gatto, il gatto. Kohl si muove a piccoli passi, con cose dette e non dette. Esca allo scoperto perché l’Italia, la sua macchina economica, si è agganciata alla ripresa internazionale e questo sembra dar fastidio ai tedeschi. Il nostro governo non può tollerare il lavorio, il tramestio, il manovrio. Se chi lavora nell’ ombra non uscirà allo scoperto saranno dunque i socialisti a denunciare il pericoloso duopolio che danneggia e danneggerà in futuro il resto d’Europa. Il recente accordo tra Francia e Germania mette a rischio gli intenti e il benessere di tutti, in favore di una super-nazione nel cuore del continente. Pensare ad un’ Europa costruita su un asse franco-tedesco sarebbe un grave errore e provocherebbe reazione, disaffezione e alla fine distacco dalle altre nazioni”. Non suona nulla alle vostre orecchie?

Davvero il crollo di quel Muro e la riunificazione della Germania, prodromo alla dissoluzione dell’Unione Sovietica che comincerà solo l’anno dopo, possono essere ascritti alla categoria politica dello spontaneismo sovranista oppure, esattamente come Tangentopoli, siamo di fronte a un’operazione eterodiretta, i cui frutti sono stati decenni di asservimento tedesco, quindi europeo, agli interessi USA nell’area, addirittura parossistico durante l’amministrazione Obama? Nel suo libro “Der deutsche Goldrausch” (Munchen, 2012, pagina 1999), Dirk Laabs riporta le parole di un cittadino di Lipsia intervistato dall’emittente televisiva NDR nel 1991: “Se Erich Honecker è responsabile dei morti per il Muro, Helmut Kohl è responsabile dei disoccupati che si impiccano”. Certo, la gente non rischia più di farsi ammazzare per passare il Muro e scappare a Ovest, certo c’è formale democrazia, certo non c’è più la Stasi: ma, al netto dei soldati e delle spie, la libertà regalata da Kohl al suo popolo, può dirsi oggi reale libertà? Se Facebook diventa la nuova Stasi, c’è da gioire? Certo, i social non ti possono arrestare. Per ora. Perché già possono segnalarti, bannarti, renderti di fatto un soggetto “attenzionato”. E poi collaborano con la polizia e le agenzie di intelligence, oltre a profilarti e trasformarti nel consumatore che questo mondo vuole, più che nel cittadino che credi di essere.

Nel 1992, davanti al tribunale di Berlino, il padre della DDR, Erich Honecker, si difesa in questo modo: “…giunto alla fine della mia vita, ho la certezza che la Rdt non è stata costituita invano. […] Un numero sempre maggiore di persone dell’Est si renderà conto che le condizioni di vita nella Rdt li avevano deformati assai meno di quanto la gente dell’Ovest non sia deformata dal capitalismo e che nelle scuole i bambini della Rdt crescevano più spensierati, più felici, più istruiti, più liberi dei bambini delle strade dominate dalla violenza della Repubblica Federale. I malati si renderanno conto che nel sistema sanitario della Rdt, nonostante le arretratezze tecniche, erano dei pazienti e non oggetti commerciali del marketing dei medici. Gli artisti comprenderanno che la censura, vera o presunta, della Rdt non poteva recare all’arte i danni prodotti dalla censura del mercato. […] Molti capiranno che anche la libertà di scegliere tra CDU, SPD, FDT è solo una libertà apparente”. Sbagliava? Forse. Ripensate però alle presidenziali e al primo turno delle legislative francesi, riflettete di nuovo e datevi una nuova risposta.

Direte voi, cosa c’entra Amazon? C’entra perché il destino non gioca a dadi e il fatto che Helmut Kohl, la cui agiografia si sostanzia con la personalizzazione ontologica di un mondo nuovo e più libero, sia morto nel giorno in cui il gigante dell’e-commerce abbia deciso di compiere il grande passo nel “mondo reale” dei consumi, deve farci riflettere rispetto al modello a cui stiamo aprendo le porte. Totalmente. Acriticamente. Aprioristicamente. Proprio come abbiamo fatto con la caduta del Muro. E cosa ha fatto Amazon ieri? Ha scommesso sui supermercati biologici e lanciato una nuova rivoluzione nel settore delle vendite al dettaglio. Il colosso di Jeff Bezos ha pagato 13,7 miliardi di dollari in contanti per Whole Foods, confermando la volontà di conquistare il mercato alimentare e di farlo a colpi di negozi “tradizionali”. La mossa, giunta a sorpresa, ha portato a questo risultato in Borsa

per i rivali di Amazon e Whole Foods: Wal-Mart ha perso oltre il 6%, Supervalu è arrivato a cedere il 17% e Target il 9,7%. Ma Amazon rappresenta anche questo.

Dunque, Amazon ( che anch’io utilizzo, lo ammetto) scende sulla terra. E come lo farà, visto che parliamo di un mercato, quello degli alimentari, che vale 600 miliardi di dollari, caratterizzato da consumatori che ancora preferiscono scegliere di persona la frutta e la verdura? Con i 460 punti vendita di Whole Foods negli Stati Uniti, in Canada e in Gran Bretagna, Amazon si trova “a un’ora o mezz’ora di distanza” da milioni di persone e quindi – afferma Bain & Company – nella posizione di offrire consegne a domicilio quasi immediate.

L’acquisizione, la maggiore della storia di Amazon, è un’operazione che “trasforma non solo le vendite al dettaglio degli alimentari ma le vendite al dettaglio in generale. Le implicazioni vanno ben al di là del settore alimentare”, metteva in evidenza Moody’s. A preoccupare le rivali delle due società non sono tanto le consegne ma la possibilità che con Amazon alle spalle e grazie alla sua spinta deflazionistica, Whole Foods possa abbassare i prezzi divenendo meno elitaria e più competitiva. Insomma, il rischio è quello di una guerra al ribasso dei prezzi.

Beh, un bene per i consumatori. Certo ma per essere consumatore occorre essere anche un lavoratore, ovvero portare a casa uno stipendio che ti garantisca potere d’acquisto. Altrimenti, Amazon può anche vendere i pomodori che ti salutano quando li guardi ma resteranno soltanto un oggetto da guardare, per quanto più a buon mercato di quello di altre catene. E qual è il modello Amazon che potrebbe presto prendere piede nel mercato alimentare, ovvero nel mondo dei consumi di tutti i giorni di beni che non avevano finora una dimensione virtuale e on-line? Ce lo mostra questo video:

Introducing Amazon Go and the world’s most advanced shopping technology

a Seattle, già oggi, ci sono due supermercati di Amazon dove non si entra: si fa la spesa in Rete e la si ritira nel parcheggio. Amazon impiega sì oltre 200mila persone a anche 45mila robot, i quali solo un anno fa erano però 30mila. E cosa ha contribuito a creare Amazon nel mercato dei consumi USA, voce che ancora oggi pesa per il 70% del Pil? Questo,








ovvero una rivoluzione totale: non chiudono più solo i piccoli negozi, i punti vendita delle grandi marche retail ma anche i malls, i mega centri commerciali che impiegano migliaia di persone. Il mondo sul modello di Amazon, comodissimo e super-efficiente, non ha bisogno di tutta quella gente per prosperare. Anzi, con i progressi della robotica e dell’automazione (oltre che dell’information technology) ne avrà sempre meno. La comodità di un libro o un paio di scarpe recapitate a casa comodamente, al netto delle condizioni di lavoro degradanti dei dipendenti del gigante USA, valgono un esercito di disoccupati in più? O vogliamo che il mondo diventi un’enorme catena di montaggio?

Forse non tutti lo sanno ma in soli sei anni Amazon ha anche erogato prestiti alle piccole e medie imprese per 3 miliardi di dollari: il prestito arriva in 24 ore e, in caso di insolvenza, l’azienda impegna la merce per rivalersi. Amazon non influenza il mondo, Amazon sta diventando il mondo: quanto accaduto ieri è il prodromo di una rivoluzione economica e dei consumi pari, per intensità e magnitudo, al crollo di quel Muro che abbiamo festeggiato senza chiederci quale ordine sarebbe subentrato a quello garantito per quaranta anni da quei mattoni che erano al tempo stesso simbolo di repressione ma anche di stabilità, di Guerra Fredda ma anche di quella deterrenza che ha garantito, lei sì, settanta anni di pace, altro che l’Europa intesa prima come comunità e poi come Unione. Infine, Amazon è l’editore del “Washington Post” e la campagna che quel giornale, affiancato dal “New York Times” del miliardario messicano Carlos Slim, sta ponendo in essere sul cosiddetto Russiagate ci fa capire come il colosso degli acquisti on-line sia già, di fatto, soggetto politico attivo, negli Stati Uniti come nel mondo.

Amazon, poi, finanzia la corsa allo spazio e sta studiando un sistema di consegne sulla Luna. Non serve scomodare né Aldous Huxley, né George Orwell per capire dove stiamo andando. Attenti a non commettere con la rivoluzione capitana da Jeff Bezos lo stesso errore compiuto con quella governata e voluta da Helmut Kohl. Perché se per voi progresso è un drone che vi consegna a casa un set di coltelli entro un’ora dall’acquisto on-line, allora gioite pure. Se invece siete ancora esseri umani e non consumatori asserviti, cominciate a preoccuparvi. E a rimpiangere il Muro. Ovunque esso fosse, nel cuore di una città o nella porta che si apre stridendo del droghiere sotto casa.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Antonello S.

    Riguardo Helmut Kohl, la foto più eloquente, quella che ha potuto meglio descrivere rispetto ad altre, la sua vita politica, è stata quella che lo ritraeva con Ronald Reagan e Margaret Thatcher.
    Direi che c’erano grosse differenze con Craxi, e poi è opinione comune che la riunificazione tedesca ha avuto molti padri (compreso il Santo Padre polacco) e lui ha avuto la “fortuna” di trovarsi al momento giusto nel posto giusto (un pò come Churchill).

  • GianAntonio

    OT ma non troppo..

    e mi aspettavo un articolo sul sito.. ma NIENTE….

    UN EDIFICIO BRUCIA PER UN GIORNO E UNA NOTTE A LONDRA… MA NON CROLLA… E NON SI RIDUCE IN **POLVERE** COME A NEW YORK..

    TEMPERATURE COME QUELLE DELLE TORRI GEMELLE….

    UN INTERO PALAZZO (E NON SOLO ALCUNI PIANI COME A NEW YORK) CHE BRUCIA PER 24 ORE…

    E NON COLLASSA.. NE SI RIDUCE IN POLVERE… CON POZZE DI METALLO FUSO ALLA BASE (COME NEL 9/11)

    COME MAI ???

    Why Didn’t the Grenfell Towers Collapse After Burning for Over 12 Hours?

    https://www.youtube.com/watch?v=kjZDDfxL1Kw

    • thomas

      Hai perfettamente ragione.

    • televisione falsa

      Perché nel grattacielo di Londra non c’erano gli esplosivi piazzati all’interno come nei tre grattacieli di New York

    • ativizzimo e co troveranno una risposta al tuo quesito, vedrai
      -_-

      • GianAntonio

        ha ha h aha …

  • thomas

    Un ottimo articolo,complimenti.E’ certo che dobbiamo porci tante domande riguardo al futuro “immediato”,che ci attende.Penso che il livello di asservimento generale,farà scivolare la massa dei consumatori nel tritacarne commerciale in maniera indolore.Un “soma”per ora impalpabile offerto da Huxley sembra sempre più ottundere le menti comuni,o bisogna considerare profetica e possibile l’intervista ad Attali dove diceva che anche la Vita umana sarebbe diventata un mero valore di mercato ,in una società dove tutto è diventato mercato,anche quello che prima era opera del crimine.

  • killerclown

    uno dei peggiori post di rc finoa d oggi. retrogrado, perdente, anacronistico. un conto è capire la rivoluzione industriale 4.0, un altro è sperare di fermarla, ostracizzarla. un poco come con il muro di berlino, che i perdenti vorrebbero non fosse avvenuto. ma la globalizzazione è(ra) un fenomeno fisiologico, non ha nulla a che fare con la volontà dell’occidente, tanto meno dei perdenti sovranisti. triste vedere come l’italia si è trasformata in un paese di perdenti, che vede complotti dappertutto perchè occupato a rimirasi l’ombelico, ma forse in fondo lo è sempre stato.

    • Il Cercatore

      e svegliatevi un poco

    • davide

      esattamente come scrivi è “capire la riv ind 4.0”
      capire significa se porta vantaggi in generale cioè progresso materiale e umano o se sarà un fallimento per avidità

      • killerclown

        nessuna rivoluzione industriale può essere un fallimento, ma tutte producono delle conseguenze anche spiacevoli. per esempio la prima(le prime due) ha prodotto il socialismo come effetto collaterale(e le sue conseguenze, nel bene e nel male), la terza invece il rafforzamento della classe media. temo che questa porterà conseguenze sociali più simili alla prima. e se l’ipotesi si rivelerà corretta, la questione interessante è come verranno gestite e quale sistema paese starà fra i vincitori e chi fra i perdenti. dunque già il parlare di “vantaggi in generale” significa avere una mentalità fascista o comunista(=).
        questo articolo affronta l’argomento in maniera similmente delirante. infatti sembra di stare in qualche circolo di comunisti o di fascisti paranoici anche a leggere i commenti. con perdenti del genere a fare massa critica staremo fra i perdenti, come nella prima. quindi bottarelli delusione totale, ma già da temo lo si sospettava.

        e sto blog sta facendo una strana fine: i post pubblicati sono arrivati ad elogiare la ddr.

        • davide

          Quindi alla Santa Sede, con le varie encicliche sociali da Pio IX in avanti, sono di mentalità fascista o comunista?
          Il progresso deve portare vantaggi generali per tutti stando alla dottrina!

    • Ronf Ronf

      Ti ricordo che c’è da occuparsi dei disoccupati prima che questi usino la violenza

  • Lanciafiabe

    Una sola frase un solo inno per Bottarelli: Hasta la victoria siempre…

  • Mister Libertarian

    Il peggior articolo di Bottarelli.

    L’elogio dei vopos, che ammazzavano chi voleva scappare da quel campo di concentramento che era il comunismo, e la polemica contro Amazon, straordinario esempio degli immensi benefici che il capitalismo dà all’umanità, è un orrendo rigurgito di stalinismo.

    • paolinks

      In che cosa il monopolio di Amazon sarebbe capitalista? Sbaglio o Adam Smith e soci odiavano i monopoli piu’ di ogni altra cosa?

      Amazon e’ l’emblema dello pseudo-capitalismo globalista, ovvero di quell’impero americano che divora tutto con ogni mezzo, corruzione e omicidi compresi. O credi che tutta quella potenza finanziaria nasca dalla bravura di questi geniacci? Geniacci che vivono di sussidi statali, come Elon Musk che manda avanti imprese in perdita, finanziate lautamente coi soldi dei contribuenti.

      Questi sono peggio dei nostri furbetti del quartierino!

      • Mister Libertarian

        No. Gli unici monopoli sono quelli creati dallo Stato attraverso una legge che vieta la concorrenza.

        Le aziende che riescono a primeggiare sul mercato grazie alla loro superiore efficienza NON sono monopoli.

        Amazon non è protetta dallo Stato né riceve sussidi.

        • AndreAX

          Sei sicuro che Amazon non riceva dalla stamperia avevo recentemente letto di sì; che fosse ne più ne meno come il caro Munsk di Tesla/SpaceX

        • cito :
          “Le aziende che riescono a primeggiare sul mercato grazie alla loro superiore efficienza(…)”
          ah, quindi tu credi che le aziende in cima al mondo sono lì a causa della loro efficienza?
          Adesso capisco perché non riesci a seguire i miei ragionamenti.
          Per cui un zuchemberg è un zuchemberg a causa del suo talento e non perché…
          @[email protected]

          • AndreAX

            Siccome è un libertario come me quando parliamo di mercato e di aziende di successo implicitamente escludiamo qualsiasi azienda di stato o amica foraggiata a mezzo di banche centrali. Se ora Amazon sia o meno foraggiata dalla FED io questo non lo so infatti l’ho chiesto anch’io.

          • tu puoi essere quello che vuoi, Marchese, ma nelle favole non dovrebbe crederci più nessuno, superata una certa età
            ù_ù

          • AndreAX

            Concordo infatti non sono favole ma solida realtà

          • mediolanum docet
            O_o

          • AndreAX

            Ahahha hai colto la citazione! Bravo! Scherzi a parte però hai tutta la casistica storica per verificare/falsificare le mie affermazioni Buon divertimento! fai i compiti per le vacanze! XD

            PS: ti lascio in calce un video che tocca parte della casistica. Enjoy https://www.youtube.com/watch?v=0Xg4Uq1W4L8&t=60s

          • grazie per il video, ho visto degli altri ad esso correlati, davvero interessanti, grazie (:
            Marchese, dovresti sapere che le eccezioni confermano la regola (;
            p.s.
            in estate non ho mai studiato, era già un miracolo vedermi studiare durante l’anno XD
            ciaooo

          • AndreAX

            E’ un buon canale affronta molte tematiche non solo politico economiche!

          • troppo liberaldemocratico per i miei gusti (direi anche troppo) ma non è tutto da buttare @[email protected]

          • AndreAX

            Mah liberal? Ti sono parsi liberal? Mi paiono più conservatori repubblicani…. Cmq si avvicendano varie voci questo sì.

          • per me sono tutti liberal, specialmente in nazioni come usa o gb patrie di quel ciarpame che tanto non vorrei che importassimo (idem per ciò che viene da est)

          • AndreAX

            Nemmeno io stimo McDonald e non ci sono mai andato a mangiare e mai ci andrò ma è fortemente superbo pensare di riassumere in sè tutte e solo le tendenze “giuste” e quindi per contro dall’altra parte vi siano solo le “sbagliate”. Alla fine non fanno che proporti una cosa se non la vuoi nessuno ti costringe a comprarla.

          • Marchese, non sono d’accordo con te. Giustamente mi dici che nessuno mi obbliga a comprare o a farmi delle scelte, questo però avviene solo formalmente, di fatto ollivudd, mtv e spazzatura correlata sono più invasivi di un esercito di occupazione.

          • AndreAX

            E vabbè allora dipingiamo di grigio il mondo…

          • naa, meglio di Nero

        • Fabio E. Nategh

          e secondo te bezof coi sui miliardi gioca pulito senza appoggi politici?? se cè davvero concorrenza i prezzi si abbassano cosi tanto che alla fine nn cè piu guadagno per le aziende . sono secoli invece che molte prosperano proprio perche in realta non c’è mai una vera concorrenza ma cartelli e accordi sottobanco. con la vera concorrenza le imprese soppravvivono a malapena

          • AndreAX

            Non è vero perchè esiste un minimo al di sotto del quale è antieconomico produrre, al massimo puoi dirmi che si satura il mercato.

        • davide

          mi permetto una considerazione in controcorrente.
          Senza la FED (non è monopolio di stato a dispetto del nome) che produce la principale voce di export USA, in un modo che è ben peggio dei cravattari – (chi ci prova a vendere oil barrels pagati diversamente dai $ finisce male) – come dicevo senza la FED, Bill Gates, Ellison (oracle), Steve Jobs, Warren Buffet, Zuckenberg, e tutti gli altri avrebbero solo un aziendina.
          Ora è fuor di dubbio (almeno spero) che il leggendario Deep State è stato il mediatore nonchè patrocinatore delle fortune di costoro per conseguire i propri scopi.
          Io preferisco posizioni meno manichee delle tue.
          In effetti è ben difficile districare oramai la rete di commistioni e interessi che intreccia la libera impresa, dal monopolio dei detentori di denaro, e dal monopolio dei padroni dell’urna elettorale, dal monopolio dei padroni del discorso.
          Alla fine penso che il mercato Libero (L maiuscola) inteso come l’incontro di due soggetti liberi sia esistito raramente.

          • Mister Libertarian

            Per quanto mi riguarda, gli italianissimi dipendenti pubblici e pensionati retributivi esercitano nei miei confronti una tirannia infinitamente superiore a quella di tutti i Google, Amazon e Facebook della terra.

            Sono loro che mi mandano ogni mese degli scagnozzi in divisa da finanzieri, con i mitra spianati, a rapinarmi il 70-80 % dei miei redditi, che finiscono direttamente nelle loro tasche.

            Bezos e Zuckerberg non mi hanno mai fatto niente, se non offrirmi gratuitamente o a prezzi molto economici dei beni e servizi molto utili.

    • Antonello S.

      Noto una lieve contraddizione nella seconda parte della frase.

    • winston-universe

      Quando le multinazionali avranno comprato l’ultima PMI, quando non ci sarà più nessuna concorrenza ma solo giganteschi cartelli delle multinazionali e quando il 95% della ricchezza mondiale sarà in mano al 0.5% della popolazione mondiale ne riparleremo.
      Spero vivamente che farai parte di quel 0.5%.

      Ci stiamo avviando verso un sistema più repressivo, più criminale, più feroce, più disumano che produrrà più miseria e povertà che il communismo più rosso, quello albanese prima del crollo del muro. Sveglia.

      • Mister Libertarian

        I monopoli sono sempre creati dagli Stati, ma vengono sempre sbriciolati dal mercato. Per evitare lo scenario che paventi dobbiamo sperare che il potere degli Stati si riduca il più possibile

  • Craxi era un corrotto, ora scopriamo che era meno corrotto della classe poLLitica odierna che è letteralmente venduta. Dalla padella alla brace…… non avevo dubbi.

    Non sono il futuro o la globalizzazione o i droidi a preoccuparmi, sono la mancanza di visione e la mancanza di indirizzo etico. Non è Amazon il problema, è la mancanza di etica in ciò che si acquista.

    Per il nuovo schiavo prezzo=valore, se pensate che tale equazione sia più vera che falsa siete dei nuovi schiavi.

    Il Kapò dei nuovi schiavi pensa che moneta=valore. Se pensate che tale affermazione sia più vera che falsa allora sarete degli ottimi nuovi schiavi che comanderanno altri nuovi schiavi.

    Se pensate che si deve stringere la mano per cortesia a tutti, sappiate che siete stati educati da nuovi schiavi.

    Efficienza=valore.
    Prezzo=risorse.
    Risorse=moneta.

    Meno risorse uso, più valore creo. Il prezzo è fumo, guardate da cosa proviene, puntate al pollo e non ad esserlo.

    Nessuna regola fisica è stata rispettata. Se pensate che le risorse non siano solo materiali, allora avete la possibilità di liberare un nuovo schiavo.

    Fatelo.

  • Questo articolo mi ha costretto a rivalutare Craxi e Honecker… Pazzesco!

    • johnny rotten

      Craxi è da mo’ che viene rivalutato, anche tra la gente “comune”, quelli che ad una certa età hanno misurato la differenza.

    • Nicola Albano

      È come domandarsi chi fosse meno criminale tra Riina e Provenzano.

      • Ronf Ronf

        Craxi venne condannato per finanziamento illecito al partito, non è mai stato trovato un solo denaro frutto di corruzione sulla sua persona o sui suoi parenti (lo ha scritto la Cassazione). Poi, il famoso tesoro del PSI e della Famiglia Craxi infatti non è mai esistito. Ergo, evita di offendere…

        • Nicola Albano

          Quando ho scritto la frase non mi riferivo nello specifico a Craxi… essendo convitamente libertario credo che chiunque rappresenti lo stato sia ontologicamente criminale.

    • silvia

      Cosa dire: appartennevano a una vecchia classe dirigente composta da individui che erano ancora in grado di pensare e agire autonomamente e non coltivavano perversioni immonde nel privato. Crollato il muro non servivano piu’.

  • Albert Nextein

    Kohl fu un super-statalista.
    Tedesco, ma statalista.
    Insieme ad altri criminali politici fu fautore dell’attuale unione europea, la nostra attuale prigione sovrastatale.
    Per me kohl non è uno statista, ma uno statalista supremo.
    Quanto ad amazon, devo confessare che io non ho mai acquistato presso il suo circuito.
    Innanzitutto perché non ne sento il fascino.
    Poi perché sono pigro e poco interessato.
    Infine, perché non ho soldi da buttare.
    Spendo per sopravvivere.
    A cosa mi serve amazon?

  • Opinionlader

    Da una recente indagine 2/3 dei tedeschi dell’est sono delusi dalla riunificazione e pensano si stava meglio nella ex-DDR rispetto ad ora.
    Frequento per lavoro le zone ex-DDR dal 1990 e ho sempre notato tra i miei interlocutori un certo rimpianto nell’essere stati inglobati dalla Germania, ma mai avrei pensato ad una maggioranza così schiacciante.
    Se poi 1/3 dei tedeschi dell’est che affermano si stia meglio nella nella Germania unificata possono essere nati dopo l’unificazione e quindi non hanno possibilità di confronto tra prima e dopo abbiamo un risultato che nessuno si sarebbe mai aspettato.
    Penso che Helmut Kohl non sia stato particolarmente contento di saperlo.

    • Mister Libertarian

      I tedeschi orientali dicono di rimpiangere la Germania Est, ma sono solo chiacchiere per farsi compatire e scroccare sussidi.

      Anche i comunisti nostrani dicevano che i paesi comunisti erano un paradiso, ma nessuno di loro si è mai trasferito là per lavoro.

      Contano le azioni effettive, non le chiacchiere.

      Se domani rimettessero il muro, i vopos, la stasi, le Trabant, i negozi vuoti, vedrai che quei piagnoni dei tedeschi orientali scapperebbero tutti a ovest senza pensarci due volte!

      Scommettiamo?

      • AndreAX

        Come sei arido….. credi che tutti compiano scelte logiche e razionali come le tue invece a sinistra sanno come si getta il cuore oltre l’ostacolo come ci si sacrifica per il prossimo. XD

        • Marchese, vedo che anche tu utilizzi XD
          bravo
          ^_^

        • yuk yuk

          non capisco se parli sul serio o sei sarcastico: ma credo che non possa essere che la seconda ipotesi.

          • AndreAX

            Te lo confermo ero sarcastico!

      • fnatile

        L’ex-DDR aveva gli standard di vita piu’ alti di tutto il blocco orientale, pur sempre di tedeschi si trattava, non c’era grande scelta di prodotti ma gli scaffali erano pieni, c’erano persino problemi di obesita’ nella popolazione

        • AndreAX

          Vabbè ora finisce che era il paradiso in terra… suvvia…

        • Mister Libertarian

          Ma fammi il piacere, quella era solo propaganda.

          La DDR era uno Stato completamente fallito dal punto di vista economico, morale, spirituale.

          La distanza con l’Ovest, in termini di libertà e benessere, era siderale.

          • fnatile

            Non metto in dubbio le distanze siderali con la Germania Ovest, ho semplicemente detto che la DDR grazie all’efficienza teutonica aveva gli standard di vita migliore di tutti gli stati d’oltrecortina, persino Putin che visse per anni a Dresda ha scritto che si stava meglio che in URSS, alcuni miei amici dell’est me l’hanno confermato, altri paesi come la Romania erano invece letteralmente con le pezze sul sedere

          • Mister Libertarian

            Così il discorso è ragionevole.

          • ws

            altri paesi come la Romania erano invece letteralmente con le pezze sul sedere
            perché si erano indebitati in dollari convinti di ripagare i debiti con materie prime e semi lavorati , ma poi (guardacaso) negli anni ’80 il costo delle materie prime crollò.

          • fnatile

            Che il crollo del prezzo delle materie prime fu il chiodo alla bara del sistema sovietico e’ vero, cio’ pero’ non toglie che improcrastinabili riforme economiche sul modello cinese andavano implementate molto prima

      • Fabio E. Nategh

        infatti tu che sei libertarian ti sei coerentemente trasferito in USA o nuova zelanda

        • Mister Libertarian

          Infatti considero l’Italia uno Stato criminale di stampo stalinista.

          Cercherò di andarmene appena possibile.

          • Ronf Ronf

            La riunificazione tedesca venne fatta con il famigerato cambio 1 a 1 che mise fuori mercato la DDR quando invece il vero cambio di mercato era 1 a 6 (cioè 6 Marchi Est per 1 Marco Ovest) e poi tu dovresti sapere meglio di chiunque qui dentro che cosa significa fare una rivalutazione così forte… la DDR finì in rovina per quel motivo: i sussidi servono per risarcire la DDR della rivalutazione che ha causato il Ciclo di Frenkel a danno della DDR, pensaci su

          • Mister Libertarian

            Gli ex abitanti della DDR non hanno nessun titolo a farsi risarcire nulla, perché vivevano una vita da straccioni priva di ogni minima libertà.

            Il cambio alla pari gli ha dato in mano una moneta con un forte potere d’acquisto al posto della loro cartastraccia, e dovrebbero solo ringraziare.

            Dopo la riunificazione non hanno fatto altro che scroccare sussidi all’Ovest, come i meridionali italiani nei confronti del nord.

          • Ronf Ronf

            I sussidi vengono dati per “convincere” l’area povera ad accettare la valuta dell’area ricca invece di avere una propria valuta autonoma. Cioè, ci siamo scordati del Ciclo di Frenkel e della Teoria delle Aree Valutarie Ottimali?!? Adesso tu dirai che il Veneto con l’indipendenza può permettersi l’Euro e che la crisi in Veneto è colpa dei terroni?!? Cioè, tu dovresti sapere meglio di chiunque altro che c’è il combinato disposto tra il Ciclo di Frenkel e la violazione della Teoria delle Aree Valutarie Ottimali a creare la crisi del Veneto, quindi la colpa è dell’Eurozona. Il resto viene dopo, soltanto dopo, e tu lo dovresti sapere meglio di chiunque altro. Per la DDR, come per il Sud Italia, si doveva lasciare la valuta locale e quindi NON fare l’unificazione. Ogni area valutaria deve avere la sua valuta! Capito?

          • Mister Libertarian

            Non credo esista nessuna area monetaria ottimale.

            Se gli individui sono lasciati liberi di utilizzare il mezzo di scambio preferito senza imposizioni statali, sceglieranno sempre la moneta che conserva maggiormente il proprio potere d’acquisto.

            In altre parole, nessuno vorrà essere pagato in bolivar venezuelani o nelle valute degli ex paesi comunisti, ma tutti vorranno essere pagati in oro o in una moneta forte convertibile.

            Quindi la moneta migliore, quella che emergerebbe spontaneamente dal mercato in assenza di corsi forzosi, è sempre quella che riesce meglio a conservare il proprio potere d’acquisto.

            Le monete inflazionabili o manipolabili dai governi non le userebbe nessuno, senza obbligo legale.

          • Nikos

            Continui a scrivere delle fesserie. Ma dimmi hai qualche contatto con la realta’? Ho spari a casaccio?. Ma in quale manuale dell’ economia vengono svilupate queste tue teorie? Facci sapere. Altrimeti saresti cantidatto per l’ oscar della idiozia.

          • Ronf Ronf

            Esci dal mondo teorico e vieni nel mondo reale: qui ci sono le banche centrali, ci sono i Parlamenti e quindi se ti astieni… beh, favorisci il PD a causa del meccanismo del riparto dei seggi. Lo sai caro?

          • winston-universe

            Per la Germania l’Euro è sottovalutato di ca. il 30-40%.
            Perchè la Germania preferisce a mentere una moneta cosi fortemente sottovalutata e non esce semplicemnte dal Euro ?

            La prossima volta che vai in Germania, fai questa domanda ad un industriale tedesco che lavora nel Export.

          • cipperimerlo

            E la DDR fu costretta a risarcire completatamente i debiti di guerra, mentre la RFT ne fu graziata. Che è l’unica vera causa delle differenze di reddito tra Est e Ovest alla riunificazione.
            E che dimostra le aporie del debito che deve essere pagato e dei pacta sunt servanda

          • Nikos

            Esci e chiudi la porta…La realta’ piu’ deformata dei liberisti europeo- germanisti non e’ stata inventata mai prima nella storia. VAI.

          • Mister Libertarian

            Perchè, vuoi forse negare che lo Stato italiano sia una feroce dittatura stalinista dei ceti parassitari che vivono di spesa pubblica sul ceto privato dei produttori?

            Neghi l’evidenza?

          • Nikos

            Tu vedi degli incubi.Come tutti come te. Se lo stato italiano e’ stalinista semplicemente VATTENE dal Italia. Vai a vivere in germnia dove governa una ex communista della DDR da 16 anni. Altroche’ toltalitarismo .Allo stato purro.

          • Mister Libertarian

            Non esagero affatto quando dico che l’Italia è uno Stato di tipo stalinista. Infatti:

            1) che in Italia vi sia un feroce accanimento fiscale e burocratico contro le imprese private è un fatto: il total tax rate ufficiale è quasi al 70 %, forse il più alto del mondo. In certi casi supera l’85% e talvolta addirittura il 100%: percentuali da confisca analoghe a quelle sovietiche;

            2) che vi sia una martellante campagna propagandistica di regime contro i ceti produttivi privati (bollati come “evasori, bottegai, delocalizzatori, parassiti”), proprio come nell’Urss di Stalin, è un fatto;

            3) che migliaia di imprenditori, partite iva e lavoratori privati rimasti disoccupati si siano suicidati o siano emigrati negli ultimi anni a causa di questa guerra fiscale e burocratica scatenata dal regime, è un fatto;

            4) che in Italia la casta politico-burocratica goda di privilegi immensi, paragonabili a quelli della nomenklatura sovietica, è un altro fatto incontestabile;

            5) che, proprio come in Urss, la classe politica italiana sia disposta a rovinare l’economia del paese pur di indebolire i lavoratori autonomi, giudicati inaffidabili perché si mantengono da soli senza dipendere dalla politica o dalla spesa pubblica, è anch’esso un fatto difficilmente contestabile.

          • Nikos

            Che stai a raccontare delle barzellete te e quelli che ti danno pure dei voti di apprezzamento?
            Questo e’ il tuo livello intelettuale. Cioe’ nullo, al servizio del disegno criminale e imperialista che e’ l’ integrazione europea.
            Dimmi allora. Perche’ l’ Italia dal 1980 fino al 2000 aveva un livello di cressita uguale a quello tedesco e lo stesso pil pro capita in ppp con la germania? Perche’ nel 2001 aveva un debito estero quasi nullo e adesso e’
            idebitata fino al collo?.
            Te e gente come te avete scoperto lo stanilismo italiano ora ? Siete stati illuminati dalla stalinista della DDR ,una donna che incontrantolo per stranda avrebbe fatto penna a chiunque . VACCI IN GERMANIA. Come fai a vivere tra stalinisti?

          • Mister Libertarian

            La risposta alle tue domande è semplicissima.

            Negli anni Ottanta la tassazione non superava il 30% e la burocrazia era molto meno pesante, mentre oggi la tassazione sul lavoro supera il 70% e la burocrazia è infernale: stalinismo, appunto!

            Ti ricordo inoltre che nel ventennio del miracolo economico, dal 1948 al 1968, le tasse e la burocrazia erano quasi nulle. Ti posso dare i dati, e ti sorprenderanno. Quindi è tutto chiarissimo: gli italiani sono passati dalla miseria alla ricchezza quando lo Stato era minimo, fino al ’68; la crescita è rallentata nei decenni successivi, quando lo statalismo è aumentato.

            Oggi che lo Stato possiede tutto e controlla tutto, in regime cioè di comunismo quasi integrale, gli italiani si stanno impoverendo e stanno perdendo tutto quello che avevano accumulato nel passato.

            Naturalmente, il contrario vale per la nomenklatura, cioè i parassiti che vivono di politica, impiego pubblico e pensioni abusive, che godono di privilegi indecenti, mentre le partite iva e i lavoratori privati si suicidano.

            Cosa c’è da non capire? E’ tutto così ovvio…

          • Nikos

            Ti scrivo e ti ripeto. Tu non hai nessuna idea e scrivi delle fesserie sostenendo delle cose che neanche un ragazzino oserebbe a dire. Ti ho gia’ scritto vai a vivere in Germania.Tu anticommunista viscerale come fai a vivere in un simile paese? .Nessuno sostiene fesserie simili in Italia.Esci e chiudi la parta e non tornarne piu’. Vai dalla tua stimata frau ex communista della DDR. Il communismo calo’ in Italia nel 2000 si vede. Con Prondi Berlisconi Monti Letta Renzie e compagna bella. Tutti coministi noti fino al midolo. Ma vai a racogliere dei radichi .

          • Mister Libertarian

            Le cose che ho detto sul crescente livello di tassazione e burocratizzazione dell’Italia dal dopoguerra a oggi, fino a raggiungere oggi un livello paragonabile a quello dei regimi stalinisti, sono FATTI OGGETTIVI incontestabili.

            Nessuno li può contestare e li ha mai contestati.

            Tu poi sei libero di trarne le conclusioni che credi.

          • Nikos

            Ma che conclusioni?. Tu hai in mente una realta’ distorta. Secondo la tue “teorie” l’ occidente del dopo guerra e per 40 anni e’ stato governato dagli stalinisti. Pure per 22 anni prima del euro l’ Italia cresceva allo stesso livello della la germania, non aveva debiti esteri e aveva lo stesso livello di vita con la germania. Adesso non cresce per 15 anni e indebita fino al collo( 130% il sua debito estero brutto e 60% quello netto) e il suo livello di vita e’ a 1/3 di quello tedeso. Sara’ colpa dei noti stalinisti,Prondi,Berlusconi,Monti,Letta e renzi ecc. pure del alta tassazione. Ma quando hai vistato per ultima volta da una analista?Ma vai a fare il pastore.

          • Mister Libertarian

            Non so perchè, ma ho come l’impressione, dalle sue risposte, che anche lei sia uno di quelli che sbafa dalla mangiatoia della spesa pubblica.

            Così si spiega tutto.

          • Nikos

            Mr Libertarian. Ti sei creato in testa una realta e voi piegare con questa la realta’ ogetiva. Cosi continui a ripetere cose sbandate non sensate assurde e cosi’ dai delle spiegazioni infondate. Uno che dice che l’ Italia e’ stata governata da stalisnisti e’ sbandato e richiede l’ analista.

          • yuk yuk

            Nikos , scusa se mi intrometto, ma ho letto oggi la vostra discussione. Si può non essere d’accordo, ma dovresti portare dei dati e non limitarti a definire assurdità le affermazioni del tuo interlocutore. Io invece trovo credibili le sue osservazioni che seguono a “la risposta alla tua domanda è semplicissima”. Io sono stato socialista militante dagli anni 60 agli anni 90, e ho vissuto il “miracolo economico”e il suo progressivo deteriorarsi vivendo a contatto con il sindacato, gli amministratori pubblici e la loro burocrazia, il mondo produttivo sempre più depauperato e trattato con odio, la crescita progressiva della tassazione ecc ecc . Me ne sono andato dai socialismi di destra e di sinistra per disgusto ed esaurimento del malox, e non sono mai stato uno in cerca di potere. Credo che l’affermazione che l’Italia sia diventata progressivamente uno stato totalitario “morbido” e illiberale sia vera, e temo molto per il futuro.Rispetto il tuo patriottismo ma dovresti spiegarti meglio.

          • Nikos

            Vorei soltanto dire due parole. Io rispetto pienamenamnte i pareri degli altri. Fino adesso al meno. Pero’ esiste della gente che ormai segue ciecamente il progetto euro ecc, che sta per finire la democrazia, non rispetta la sovranita’ nazionale e manda miglioni di persone in disoccuzione.La EZ e’ il bucco del economia mondiale. Questo ormai l’ ha capito la maggioranza della gente in europa, del sud almeno. La gente che continua a sostenere questo progetto nei vari forums lo fa soltanto per interesse personale ed e’ indeferente delle conseguenze.Come sono credibili le sue ossservazioni?
            L’ Italia dal 1980 fino al 2000 cresceva al 2,1% in media ,aveva debito estero nullo il netto, e 3% del pil il brutto , lo stesso livello di vita della germania. Nel 2016 dopo 15 anni del euro e’ a cressita media nulla, debito estero 130% del pil il brutto e 60% del pil il netto e il livello di vita tedesco e’ superiore di 1/3 del italiano.MA SSACRATA COMPLETAMENTE . tu trovi le sue osservazioni giuste? Cioe’ dal 2000 i poi e’ governata da stalinisti?. Oppure perche’ la tassazione era inferiore prima? Ma come riuscira’ a pagare il suo debito estero fatto con euro? Diminuiendo la tassazione tornera’ allla cresita del 2,1%? . Queste giustificazioni non hanno a che fare con la scienza economica . Sono giustificazione assurde del interpretazione comportamentistica del economia. Non mi risulta che esista una materia simile in economia.Uno che sostiene queste idiozie lo fa assolutamente per mancanza di argomenti. Altrimenti e’ ignorante

            Come mai poi la germania ha avuto un impennata nel suo surplus estero dopo il 2000?
            Cosa e’ successo?Uno che non condanna questo surplus tedesco che a tutti gli effetti e’ un atto di aggessione e al contario lo sostiene pure ,e’ un traditore della sua patria. Guarda ache prima dello scoppio dellla WW2 Hitler ha avuto tanti sostenitori in europa.La storia si ripete
            http://data.worldbank.org/indicator/BN.CAB.XOKA.CD?locations=DE

          • Miss Libertarian

            Tutto condividile. Una sola precisazione: tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi 30 anni hanno contribuito a creare il quadro da lei perfettamente descritto. Governi formati da tutti gli schieramenti. Ma con un unico comune denominatore: il socialismo. Che sia di sinistra o di destra non cambia nulla. Non trovo nessuna differenza subire la vessazione fra un governo di destra o di sinistra. Purtroppo a parte pochissime eccezioni che hanno capito che il problema non sono gli esecutivi che si susseguono ma lo Stato come potere e come istituzione, la stragrande maggioranza delle persone continua a ragionare in termini di schieramenti e programmi elettorali. Credo faccia parte della natura degli italiani la necessità di individuare il capo popolo del momento che risolva i loro problemi, auspicando fantomatiche rivoluzioni (che siano del popolo o librali, è ininfluente).

            Ma la vera rivoluzione, qualunque essa sia, la sí può fare solo rivoluzionando la nostra natura.

          • Opinionlader
          • valentino

            Vabbè dai se come paragone prendiamo la “truffa col Paese intorno” (cit. di Mazzali)…

          • Opinionlader

            Secondo me in Italia non si vive più bene dalla adesione all’€.
            Ho abitato e lavorato 4 anni in DK, 1 anno in DE + un anno in UK, dopo 6 anni all’estero quando sono tornato nel 1989 si respirava un aria diversa, si viveva nettamente meglio rispetto ai paesi s.c., solo la DK aveva il vantaggio di servizio sanitario insuperabile rispetto a tedeschi e inglesi.
            A metà degli anni 90 con lo SME e l’adesione all’€ sono iniziate a cambiare molte cose, tasse per l’Europa e varie altre hanno iniziato a cambiare tutto. In seguito è sempre peggiorato.
            Però con un buon lavoro e salute si sta decisamente meglio qui.

          • Mister Libertarian

            Non sono un fan della Germania, dato che anch’essa è uno Stato-ladro, come tutti.

            Dico solo che l’Italia è, nel mondo, uno degli Stati che si avvicina di più al modello neo-stalinista, dopo la Corea del nord, Cuba e il Venezuela.

            Ed è facilmente dimostrabile in base a parametri oggettivi.

          • Opinionlader

            Ho vissuto 4 anni in DK, 1 in DE, 1 in UK, e da 25 anni giro tutti i paesi europei per lavoro, forse il posto migliore a livello di servizi era la DK, ma quando sono tornato in Italia dopo 6 anni ho cominciato a vivere veramente, poi da fine anni 90 ha cominciato a peggiorare tutto.

            Grazie € e grazie UE e i co- glioni che continuano a tassare per stare nei trattati truffaldini che qualche scemo ha firmato a nome del popolo italiano.

          • Mister Libertarian

            E’ qui che ti sbagli.

            Lo Stato italiano sta tassando a morte l’economia non “per stare nei trattati”, ma per sfamare gli appetiti famelici di milioni di parassiti che vivono di spesa pubblica: in primis, dipendenti pubblici e pensionati retributivi.

            Se anche uscissimo dalla UE e dall’Euro, queste zecche sarebbero sempre lì, a consumare miliardi e miliardi di tasse senza aver dato nulla in cambio.

          • Opinionlader

            Beato te che vivi di certezze….
            Mi fate un po’ pena voi libertari, avete letto 4 pagine di Mises o Von Hayek e credete di sapere come gira il mondo.
            Mi ricordate tanto i comunisti, anche loro erano convintissimi delle teorie a cui credevano, poi sappiamo come è andata…

          • Mister Libertarian

            Mi sembra di aver detto solo una ovvietà. Non è forse vero che milioni di statali e pensionati rubano a man bassa stipendi per impieghi inutili e pensioni non coperte da contributi, mandando così in rovina le finanze pubbliche? Mi chiedo come fai a contestare un fatto oggettivo come questo.

          • Opinionlader

            Che ci sia parecchia gente che gode di pensioni non giustificate dai versamenti e parecchi imboscati nell’apparato statale è certo, ma che tutti i mali dell’Italia dipendano da questo lo può vedere solo una mente malata. Certo che voi libertari per aver letto 4 cazzate di Mises o Von Hayek sparate sentenze a nastro dimenticandovi tanti fatti, molto più importanti: divorzio tra Tesoro e Bankitalia, per esempio, con crescita esponenziale degli interessi sul debito pubblico, poi l’aggancio allo SME con il corso forzoso della Lira, ma cosa scrivo mai…
            Certo a voi libertari vanno bene i mercati liberi delle merci e dei capitali, ma non quelli delle valute…siete libertari a corrente alternata.

          • Mister Libertarian

            E’ sicuro al 100% che statali e pensionati retributivi siano la causa della crisi finanziaria dello Stato italiano. In quali tasche credi che vada a finire la stragrande maggioranza della spesa pubblica?

            Se domani decidessimo di fare una semplice e sacrosanta operazione di giustizia, licenziando tutti gli statali inutili, riducendo tutti gli stipendi pubblici eccessivi, e abolendo tutte le pensioni per la parte non coperta da contributi, lo Stato italiano avrebbe un surplus di bilancio eccezionale, e tutti i problemi finanziari sarebbero risolti in un battibaleno.

            Perché non si fa? Forse perché i parassiti e gli abbuffoni di denaro pubblico protesterebbero e non voterebbero più i propri padrini e protettori politici? Ma chi se ne importa!

            Per quanto riguarda il cosiddetto divorzio tra Tesoro e banca d’Italia, è servito a eliminare la devastante inflazione del decennio precedente.

            Tuttavia i governanti-ladri, al posto della stampa di moneta hanno utilizzato un altro metodo per sperperare e comprarsi i voti delle proprie clientele parassitarie: l’indebitamento. Da qui l’aumento degli interessi sul debito.

            Si è quindi risolto un problema per crearne un altro. Purtroppo è rimasta intatta la vera causa di tutti i problemi: la spesa pubblica fuori controllo.

          • Opinionlader

            Mister Libertarian sei malato, curati. Affermi cose contrarie ai fatti.
            Mi occupo di automazione industriale, vendo per 4 milioni l’anno tutti all’estero, ho solo dei ritagli di tempo tra un’offerta e l’altra per rispondere ai tuoi commenti, quindi chiudo qui e ti lascio alle tue convinzioni, resti uno sfigato pieno di livore e vivi male.

          • Mister Libertarian

            Ti mancano gli argomenti per controbattere.

            Se anch’io usassi i tuoi toni, potrei dire che sei solo un povero rintronato dalla propaganda statalista che la scuola e la televisione ti hanno inculcato fin dalla più tenera età.

            Purtroppo ce ne sono tanti come te.

          • Opinionlader

            Sei tu che sostieni che è tutta colpa delle pensioni d’oro e degli statali, io ho molti altri argomenti che supportano il contrario: divorzio Tesoro-Bankitalia, SME, Euro, etc….
            Ma io non devo dimostrare che le 4 cazzate di Mises e dei libertari sono la Bibbia, questo lo vuoi fare tu.
            Si, si, dai ho il cervello lavato dalla propaganda statalista, questi sono i tuoi argomenti intelligenti…
            Stammi bene.

          • Mister Libertarian

            Ho capito. Tu sei una sorta di sindacalista delle categorie che hanno distrutto la finanza pubblica italiana saccheggiando a man bassa il bilancio statale. E che continuano a farlo in maniera sempre più indecente.

            Abbiamo interessi di classe contrapposti. C’è poco da dialogare.

          • Opinionlader

            Vedi caro, oltre ad essere pieno di livore verso statali e pensionati hai anche con un basso quoziente d’istruzione. Non so da dove tu abbia capito che sono un sindacalista, e avrei persino contribuito a saccheggiare il bilancio statale.
            Se ti può consolare ho lavorato per lo Stato solamente nei 12 mesi di servizio militate a Lire 1500 al giorno, gli altri 38 anni li ho lavorati nell’export per l’industria privata, di cui 3 come residente estero.
            Avendo appena 58 anni lavorerò almeno altri 9-10 anni perchè non ho l’età da pensione, inoltre il mio lavoro mi diverte, oltre a farmi guadagnare diverse migliaia di €.
            Alla fine quando andrò in pensione farò il consulente per la ditta per cui lavoro attualmente, quindi i soldi dell’INPS posso permettermi di lasciarli a quelli meno fortunati. Stammi bene e rosica pure.

          • Mister Libertarian

            Un lavoratore del settore privato che si fa derubare il 70 % dei propri redditi da parassiti, statali e pensionati, e difende a spada tratta i propri aguzzini, non è proprio il massimo della furbizia.

            Comunque, contento tu…

          • Opinionlader

            Sei troppo pieno di livore e secondo me scopi anche poco.
            Non vorrei mai essere un pensionato o statale italiano, OK molti prendono i soldi senza averne diritto, e allora? Pensa alla vita di merda che fanno… Meglio un lavoro che mi rende e pagare le tasse per gli sfigati di parassiti che con i 4 soldi che prendono non vanno da nessuna parte.

          • Mister Libertarian

            Ma quali quattro soldi! Le pensioni degli statali sono mediamente più alte del 70 % di quella dei privati! Gli unici perseguitati che fanno la fame, emigrano e si suicidano in Italia sono le partite Iva e i lavoratori del settore privato, perché rapinati dai consumatori di tasse che tu difendi.

          • Opinionlader

            Sei pieno di luoghi comuni.
            Per tua sfortuna ho il 30% di una società operante nel settore turistico dagli anni 60, so benissimo quanto si paga di tasse, quindi non rompere con la solita lagna.
            Prova a scopare più spesso, così ti sfoghi e ti rilassi.

          • Mister Libertarian

            Anch’io ho un’azienda, e so benissimo che quello che si paga di tasse corrisponde, in difetto, ai dati ufficiali del total tax rate sulle aziende: intorno al 70%.

            Se tu lo neghi stai bluffando o sei un paraculo dello Stato-ladro italiota.

          • Opinionlader

            Hai un cattivo commercialista, io pago meno.
            Poi paraculo dello stato-ladro sarai tu, oltre ad essere anche parecchio ignorante, nel senso che ignori molte cose.
            Ti nascondi dietro un nome del cazzo come Mister Libertarian per acquisire il prestigio che non hai. Auguri.

          • Mister Libertarian

            Ho parlato con migliaia di piccoli imprenditori, partite iva e anche dipendenti privati.

            Tutti sono disperati per una pressione fiscale e una persecuzione burocratica senza pari.

            Tu sei l’unico sedicente lavoratore autonomo che dice che le tasse sono basse, e che difende quell’infame organizzazione ladra e criminale che è lo Stato itagliota.

            Per questa ragione ti ritengo un bluffatore o un impostore. Probabilmente sei un “prenditore” che prende le commesse statali, se non addirittura un dipendente pubblico o un pensionato retributivo,.

          • winston-universe

            Caro Libertarian

            Il governo italiano PD praticamente non decide più un cazzo. Vengono solo eseguiti ordini dal Politbüro di Brüssel e da Berlino. Quel che succede in Italia viene deciso da Brüssel e Berlino.
            Le tue critiche le devi rivolgerle a Brüssel o Berlino.

          • Mister Libertarian

            Veramente sono Brussel o Berlino che ordinano ai governi italiani di assumere milioni di statali inutili, di approvare i vitalizi, le pensioni d’oro, baby e retributive, di assegnare stipendi faraonici ai burocrati?

            Questa mi giunge veramente nuova!

          • yuk yuk

            può essere, la cosa non cambia il succo della questione. A me pare che tutt’europa sia più o meno socialista, con qualche variante rispetto all’efficenza, alle libertà individuali, e rispetto alla tassazione ma con uno stato sempre dominante e intrusivo. L’obiettivo e sempre quello di distribuire privilegi a spese dei ceti produttivi che mantengono il paese e assicurarsi con questo il potere, a livello del superstato europeo come nazionale.Con questo tutti sappiamo che non possiamo uscire dall’europa senza andare il giorno dopo in default…e che l’italia detiene tutti i rekod negativi negli indicatori economici, sociali e politici.

      • Opinionlader

        Il problema non è il comunismo (morto) ma il luogocomunismo nel cervello della gente (vivo). La tua risposta ne è un bell’esempio.
        I fatti dicono che la DDR e i tedeschi dell’Est sono stati rapinati di tutte le proprietà e aziende che avevano dalla Germania Ovest attraverso false privatizzazioni a favore di aziende compiacenti che non hanno pagato niente o quasi per quello che hanno ottenuto.
        Ho un cliente di Amburgo che ha acquisito (a prezzo simbolico = niente) un’azienda di Berlino Est e una di Chemnitz nel 1990-91, quindi vissuto tutto in prima persona, e sono tuttora clienti.
        ANSCHLUSS di Vladimiro Giacchè lo documenta molto bene, tutti dati ufficiali del governo tedesco, niente di inventato.
        Caro il mio Libertarian con il c. ulo degli altri.

  • johnny rotten

    Amazon, microsoft e un sacco di altre aziende del settore sono state create e finanziate per farne strumenti di controllo globale, non per caso nei board di tali aziende siedono i bankster e nei board delle aziende della difesa siedono questi presunti geni, creati a tavolino con i soldi della finanza, e col controllo delle principali banke centrali del mondo, questo è un disegno di dominio globale altro che capitalismo, quello a cui stiamo assistendo non ha nulla a che vedere col capitalismo, basti l’esempio della cia che finanzia bezos con 600 milioni all’anno e bezos che mette a disposizione della cia il wall street journal, questa gentaglia è più comunista dell’unione sovietica, ed è anche più parassita perchè si prende tutto senza dare in cambio nulla, a partire dal lavoro per arrivare all’assistenza medica ed all’istruzione universitaria, per di più i soldi li rubano agli stati interi tramite operazioni di corruzione, noi itagliani stiamo assistendo all’esproprio di tutto quanto aveva un valore e lo vediamo finire nelle tasche di questi capitalisti, ma quali capitalisti, questa è una truffa smisurata, e le agenzie di rating continuano a sostenere la truffa e a non finire in galera, per quanto riguarda la germania dell’est basti dire che il capo negoziatore era wolfgang schäuble, lo storpio emblema del capitalismo libertario, il gioco è truccato, c’è stata una lotta di classe e l’hanno vinta quelli che i soldi li vogliono fare con i soldi, warren buffet docet, ma questo è solo un sistema basato sull’avidità e non porterà bene a nessuno, nemmeno a loro, perchè stanno segando il ramo su cui sono seduti, gli stupidi, quelli che credono di avere vinto la partita perchè le regole se le stanno facendo da soli, grazie ai servi corrotti.

    • Hai centrato il punto secondo me, la chiave di volta è: hanno vinto quelli che vogliono fare i soldi con i soldi. Loro sono i padroni perché i nuovi schiavi vogliono fare i soldi. Senza le persone che vogliono fare soldi, la classe di quelli che vogliono fare soldi con i soldi non esisterebbe.
      Ormai puoi fare il presidente dell’Ordine dei Consulenti dei Nuovi Schiavi. 😀

      • AndreAX

        Perdona l’intervento a gamba tesa ma se tu speculi su Ethereum per tua stessa ammissione quello non è far i soldi dai soldi?

        • Io non speculo su Ethereum, li mino. Inoltre rappresentano iniezione di libertà per me non soldi.
          Inoltre da buon Consulente non sono né schiavo ne padrone. Sono semplicemente diverso: LIBERO. Non voglio schiavi e non voglio essere padrone, non voglio essere schiavo.

          • AndreAX

            Bon ho sulle cripto un pregiudizio che non ho mai nascosto e riguarda la mancanza di fondamentali (aka passato da merce). Detto ciò concettualmente la disposizione d’animo con cui vedo la gente avvicinarsi alle cripto è quella di conseguire un subitaneo guadagno sarà che mi sbaglio io, forse sono un presidio di libertà come tu e altri ritenete.

          • Io nelle crypto vedo un esperimento di moneta priva di banca centrale e con base monetaria molto più certa. Inoltre è un modo per combattere lo stato centrale in generale e l’AdE in particolare. Infine vedo la volontarietà di chi vuole usarla e non il corso forzoso legale. Scusa se è poco. La mia vita si arricchisce di persone che vogliono fare qualcosa per me perché glielo chiedo non perché le pago. Ed io faccio tante cose perché le voglio fare e non perché traggo vantaggio nel farle. Si chiama etica, ognuno è libero di aver la sua, basta che la rispetti. Come vedi non mi interessano i soldi ma un bene che vale molto di più, si chiama bene relazionale. Non a caso non mino da solo, ormai non faccio quasi più niente da solo, non ho neanche mai bevuto da solo. L’uomo è un animale sociale dotato di anima. Né Facebook o i soldi potranno mai essere un fine. Per chi lo sono ci sarà solo insoddisfazione e dipendenza. Nuova schiavitù.

          • AndreAX

            Tutto condivisibile specie i punti a favore delle cripto e lo erano anche per i “tulipani olandesi” per questo non riesco a togliermi dalle spalle il sospetto della sola. Curiosità mia è complicato usare il programma di ethereum? Dove si compra potenza di calcolo? Magari mi divertirò a buttarci un centinaio d’euro per vedere come funziona.

          • Prova che è facile, compra e contribuisci alla causa. Ci sono più siti, prendine uno che c’è da tempo….. fanno presto a sparire. In attesa che l’oro torni ad essere un fattore igienico per le monete fiat, sfancula un pochino i padroni del vapore anche tu. Inoltre, visto l’andazzo tulipanesco, è facile cadere in piedi 😉
            La base di tutto è sempre diversificare, perché privarsi delle crypto?

    • Caio Giulio

      Sono in un delirio di onnipotenza e troppo stupide queste merde, credono veramente che il “ramo” sia stato creato a loro uso e consumo, e quando arriverà, perchè arriverà, la sveglia..

    • Gianox

      Lo diceva anche Uriel Fanelli alcuni anni fa.
      La Federal Reserve stampa denaro a più non posso, e questo denaro creato dal nulla serve appunto per permettere alle grandi corporation americane, inondate di liquidità, di praticare una concorrenza che di fatto mette fuori mercato ogni altra impresa del settore.
      In altre parole, la Federal Reserve sta attuando un programma di espansione monetaria che è finalizzata alla globalizzazione ed al mondialismo.
      A questo serve la moneta emessa a debito, quella contro cui per esempio si era scagliato Ezra Pound: da una parte serve per imporre la linea politica ai governi indebitati, costretti a cedere parti sempre più cospicue della propria sovranità nazionale, dall’altra favorisce quelle Corporation che si fanno promotrici della globalizzazione contro cui i governi, che nel frattempo hanno visto la propria sovranità ridotta, non sono più in grado di reagire.

  • marcoferro

    sono orgoglioso di dire che non ho mai ne mai comprerò nulla su amazon. che si fotta. vuole togliere pure il piacere alla gente di uscire e fare due passi, andare in centro o altrove, avere una relazione umana con le persone che si incontrano, con i commessi per comprare un vestito o altro. vogliono che la gente super obesa come negli usa non si debba più muovere da casa.
    per quanto riguarda helmut kohl, la merkel è stata sempre un cesso anche da giovane da come si vede, ha fatto due cose che col senno di poi entrambe sbagliate. l’unificazione tedesca, tant’è che la gente in germania quando io ci parlavo mi dicevano che il muro non lo dovevano abbattere ma anzi farlo più altro. l’altra cosa è la ue, questa ue così come è fatta priva di democrazia e con questa moneta debito chiamata euro ci ha distrutti e continuerà a farlo inesorabilmente i debiti cresceranno sempre. craxi era uno statista vero, corrotto quello si come tutti ma almeno mangiavano tutti prima, e il discorso qui citato è straordinario per chiarezza, lucidità e per la previsione fatta.

    • Caio Giulio

      La sola Sigonella, rende Craxi il più grande poltiico dal 45 in poi a prescindere.

      • alex

        Insomma!!

      • Teseo T.

        Assolutamente d’accordo. E lo riconosce uno che, in quegli anni, non era certo schierato tra i cortigiani di Bettino.

    • LucaF.

      Kohl fece anche una terza cosa sbagliata: promosse l’espansione della Nato ad Est: http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/1994/01/08/Esteri/NATO-KOHL-SPEZZA-UNA-LANCIA-A-FAVORE-DELLEST_154100.php

      • winston-universe

        Senza avvisare i partner europei Kohl nel 1992 in modo unilaterale proclamò l’indipendenza della Croatia e della Slovenia poi si scatenarono le guerre Jugoslave e la Jugoslavia cessò di esistere. Thatcher andò su tutte le furie.
        Pochi sanno che la Germania finanzia tutti i movimenti indipendisti europei. Sopratutto in Francia, UK, Italia, Spagna. Il motivo è indebolire questi paesi. Salta al occhio che l’unico paese dove non esistono movimenti indipendisti è la Germania. In UK i tedeschi sono molto attivi (Scozia, Irlanda del Nord)

    • nathan

      “sono orgoglioso di dire che non ho mai ne mai comprerò nulla su amazon. che si fotta. vuole togliere pure il piacere alla gente di uscire e fare due passi”

      Quindi secondo il tuo inappuntabile filo logico, l’avvento dell’automobile è la principale causa d’infelicità del pianeta ed Ebay lo strumento del diavolo, giusto?

      • kikko19

        Infatti compro on-line appunto perché faccio prima e ho molto più tempo libero invece che andarmi a rincoglionire nei centri commerciali.

      • marcoferro

        non ho capito che vuoi….

  • Tex42

    Il mondo contemporaneo, così come concepito dai padroni del discorso, si può riassumere conuna famosa citazione di “1984”: Amava il Grande Fratello.

  • Fabio E. Nategh

    “Se Erich Honecker è responsabile dei morti per il Muro, Helmut Kohl è responsabile dei disoccupati che si impiccano

    • Antonello S.

      Insieme al degno compare Schroeder.

      • Mister Libertarian

        E questa è l’idiozia numero due.

        • nathan

          Attendiamo la terza, chi sarà il prossimo concorrente, a giudicare dai primi vaneggiamenti la lotta sarà serrata.

        • Antonello S.

          Accetto la tua banale considerazione perche’ profondamente convito della tua buona fede. Sei uno dei pochi che riesce a propagandare un ideologia inattuabile, facendo il gioco di personaggi come il proprietario di Amazon.
          Siete riusciti a farli sbellicare dalle risate facendogli aumentare austima e portafoglio.
          Almeno Scacciavillani e’ piu’ furbo.

    • Mister Libertarian

      Una delle più grosse idiozie che mi sia capitato di sentire ultimamente.

  • Fabio E. Nategh

    Un numero sempre maggiore di persone dell’Est si renderà conto che le condizioni di vita nella Rdt li avevano deformati assai meno di quanto la gente dell’Ovest non sia deformata dal capitalismo e che nelle scuole i bambini della Rdt crescevano più spensierati, più felici, più istruiti, più liberi dei bambini delle strade dominate dalla violenza della Repubblica Federale. I malati si renderanno conto che nel sistema sanitario della Rdt, nonostante le arretratezze tecniche, erano dei pazienti e non oggetti commerciali del marketing dei medici. Gli artisti comprenderanno che la censura, vera o presunta, della Rdt non poteva recare all’arte i danni prodotti dalla censura del mercato. […] Molti capiranno che anche la libertà di scegliere tra CDU, SPD, FDT è solo una libertà apparente. ————-IMMENSO ! ! ! !

    • AndreAX

      Hai dimenticato più affamati e malati… ah nos cusa quello era l’elenco delle cose reali tu parlavi di un mondo di fantasia colpa mia…… -,- Ma come si fa a rimpiangere la miseria nera mah!

    • Antonello S.

      Escludendo gli specifici contenuti, sembra proprio di ascoltare la retorica di Renzi.
      Che il fiorentino abbia un lontano parente in Germania?

      • ricci_nuff

        Sì, tale Flo Renz

    • Mister Libertarian

      Neanche ai tempi di baffone Stalin i comunisti arrivavano a un tale livello spudorato di propaganda menzognera!

      • Ronf Ronf

        E invece aveva ragione lui: basta vedere cosa è successo con Macron…

        • AndreAX

          Esplicita che dare ragione a Stalin getta seri dubbi sulla tua sanità mentale… XD

    • Caio Giulio

      Guarda caso le ultime resistenze arrivano proprio dall’est, dove i danni sono comunque stati limitati rispetto ai nostri beoti totalmente andati.

  • Caio Giulio

    Ma ricordate tutta la tiritera sull’antitrust, i cazzo di garanti ..blah,blah,blah: dove cazzo sono finiti? E tutta la dietrologia che li pompava come toccasana dei “mercati”?
    Oggi assistiamo ad un vero e proprio miracolo dove un sito virtuale al 100% sta per mandare a stracci milioni di persone che dovrebbero essere i consumatori con le pezze al culo, ma i furboni non per niente vogliono il reddito di cittadinanza garantito in moneta totalmente elettronica, sempre che si arrivi al fatidico miliardo di popolazione tanto agognato.
    Se guardate zeitgieist, il loro palese “manifesto”, vi renderete conto di come cerchino di spacciare la loro merda come un paradiso che ci attende 😉

  • paolosenzabandiere

    Semplicemente nemici dell’umanità.

    • Caio Giulio

      E il loro dio creò la terra a loro uso e consumo: questa è la loro delirante fede!

  • Paulo Paganelli

    Devo ammettere che uso Amazon, dai libri ai server AWS passando dall’acquisto di hardware. Amazon, come tante altre multinazionali, sono frutto delle distorsioni del sistema finanziario (FED & Co.) e per niente frutto di un libero mercato (che non esiste) o del solo ingegno di persone super dotate. Secondo me, non è un errore acquistare da Amazon (o Uber o altre simili) poi non fanno profitto e sono sicuramente in perdita nonostante la “super efficienza” , sono diventate una specie di ridistribuzione di ricchezza 🙂

    Esiste un piano indietro per dominare il mondo? Credo di sì, ma non a priori. Le élite hanno cavalcato l’onda della tecnologia come hanno fatto nel passato (treni, navi etc) per ampliare il loro potere. Il piano non funziona poi arriva un punto che per sostenere organizzazioni in perdita o troppo complesse, il costo (e energia) sale alle stelle. Esiste un limite a tutto, anche al controllo del padrone verso gli schiavi. Come notato da tanti, il modello che distrugge occupazione chiudendo attività provoca un cambiamento che non può essere previsto ne controllato. Dopo Uber, sono apparse concorrenti e lo stesso modello di uso delle auto apre possibilità che prima non esistevano. Per non parlare delle automat. Con Amazon la cosa è simile, il libraio chiude, la casa editrice anche, ma sorgono altre lavori come la auto pubblicazione di libri online (qui ci vorrà la censura prima eseguita dall’editore) e gli editori della carta diventano solo consulenti. Inoltre, tanta gente senza occupazione, alla fine, combinano qualcosa che può non essere augurabile per le élite.

    • Parole sante, manca una visione. Il reddito di cittadinanza è un secchio bucato non una visione però. Le uniche visioni che vedo, tipo Attalì, sono peggio dell’apocalisse di San Giovanni. Qualche idea io ce l’avrei ma l’individuo medio dà troppa importanza ai soldi ultimamente, Stato compreso che spende troppo e male senza preoccuparsi seriamente delle risorse primarie.

      • Paulo Paganelli

        “…peggio dell’apocalisse di San Giovanni.” questa è bella 🙂

  • Mister Libertarian

    Per quanto mi riguarda, gli italianissimi dipendenti pubblici e pensionati retributivi esercitano nei miei confronti una tirannia infinitamente superiore a quella di tutti i Google, Amazon e Facebook della terra.

    Sono loro che mi mandano ogni mese delle cartelle esattoriali per rapinarmi il 70-80 % dei miei redditi, che finiscono direttamente nelle loro tasche.

    Bezos e Zuckerberg non mi hanno mai fatto niente, se non offrirmi gratuitamente o a prezzi molto economici dei beni e servizi molto utili

    • A. Luca B

      Concordo al 100%

    • Domenico

      Aspetta che l’italia agonizzando finisca col diventare uguale ad una repubblica sudamericana (per libertà e qualità della vita) e vedrai come molti di loro finiranno di farsi pippe mentali su google, amazon e la “dominazione di coloro che liberamente hai fatto entrare in casa tua”.
      Finché si sta bene la gente sfoga le proprie frustrazioni sul web ed è soddisfatta, aspetta che lentamente le cose peggiorino, con la gente in fila per la razione di qualche bene o servizio e vedrai come tutti rimpiangeranno i periodi degli ordini online.

    • AndreAX

      Forse ti sei perso il mio post sotto ma te lo richiedo sei sicuro che Amazon non goda della stamperia FED? Se sì puoi fornirmi qualche fonte così che verifichi?

      • Mister Libertarian

        Non lo so. Bisognerebbe dimostrare che riceve denaro pubblico oppure crediti provenienti dal QE.

        Questo è un fatto da dimostrare.

        Invece, per quanto riguarda il ceto politico-burocratico e i pensionati privilegiati, la certezza è del 100%.

        • AndreAX

          beh indubbiamente quello anche per me!

      • winston-universe

        L’intero systema pensionistico americano dipende totalmente dei mercati azionari.
        I soldi delle pensioni negli USA vengono investiti direttamente nei mercati azionari (Dow Jones, S&P 500, S&P 100, Russel 2000, Nasdaq)

        • AndreAX

          Ok ma non confondiamo le cose che il nonno si giochi la pensione o che la banca lo faccia a sua insaputa è un conto. Quando parlo di sovvenzioni intendo la FED che ti dà dollaroni freschi di stampa, è più diretto come intervento non so se mi sono spiegato poi per carità quel che dici è anche vero e rientra nelle distorsioni di mercato generate dalla moneta fiat

      • Winston Smith

        Già… solitamente riesco a comprare libri a qualche € di meno rispetto a quello di copertina (che pagherei in libreria), consegna gratuita e sotto casa.

  • A. Luca B

    Aho se rimpiangete la rdt e la stasi c’e’ sempre la Corea del Nord.

    • Mister Libertarian

      Ben detto. Tutti i nostalgici della DDR hanno a disposizione la copia esatta, la Corea del Nord. Cosa aspettano a trasferirsi? Perché non lo deportiamo in massa ?

    • winston-universe

      Io credo che nella DDR si stava meglio che attualmente in Grecia.
      E chi crede che la crisi riguarderà solo la Grecia è un povero illuso.
      Se in Francia tolgono i systemi sociali, migliaia di persone vanno in merda e se dico merda intendo merda. Questo vale per tutti paesi del europa occidentali con systemi sociali svilupati ma non per l’Italia, l’Italia non ha un systema sociale o al massimo estremamente sottosvilupato. Se in Svizzera tolgono i systemi sociali qui la pace sociale salterà in aria con disordini da per tutto.
      Gli USA hanno quasi 50 mio. di Food Stamps che vivono nei boschi, nelle fogne, sotto i ponti. Un settore sanitario allo sfascio. Il 50% degli americano non hanno un assicurazione malati, se a questi succede qualcosa e dovranno essere ricoverati in ospedale finiscono in rovina da un giorno al altro, sempre sè l’ospedale non si rifiuti di curarli, perchè succede anche questo.

      Parlate di corea del nord e non vi accorgete che la corea del nord sta venendo da noi.

  • Domenico

    Mauro Bottarelli è una di quelle persone che stanno troppo bene per capire i problemi reali delle società. E con tanto tempo libero da farsi tutte le pippe mentali che vuole.

    • Mister Libertarian

      Concordo. Ha scritto un articolo delirante

  • Gianox

    Grande articolo e grandi commenti.
    Mi sento dire: bravi a tutti.

  • Angel

    “..A volte la Germania sembra lavorare per indebolire l’ Europa. L’asse
    franco-tedesco è un grave errore. Sarò pacato ma sono abituato a
    chiamare gatto, il gatto. Kohl si muove a piccoli passi, con cose dette e
    non dette. Esca allo scoperto perché l’Italia, la sua macchina
    economica, si è agganciata alla ripresa internazionale e questo sembra
    dar fastidio ai tedeschi. Il nostro governo non può tollerare il
    lavorio, il tramestio, il manovrio. Se chi lavora nell’ ombra non uscirà
    allo scoperto saranno dunque i socialisti a denunciare il pericoloso
    duopolio che danneggia e danneggerà in futuro il resto d’Europa. Il
    recente accordo tra Francia e Germania mette a rischio gli intenti e il
    benessere di tutti, in favore di una super-nazione nel cuore del
    continente. Pensare ad un’ Europa costruita su un asse franco-tedesco
    sarebbe un grave errore e provocherebbe reazione, disaffezione e alla
    fine distacco dalle altre nazioni”.

    Una perla storica, da salvare gelosamente. Sigonella, e i rapporti dell’Italia col “Mondo Arabo”, c’entrano quasi nulla con quanto accadde in Italia dal ’92 in poi. Sigonella pesò per il 5%. Il restante 95% fu la programmata, precisa volontà franco-tedesca di depredare il tessuto produttivo e industriale del nostro Paese. Manca il nome del complice, Il Gran Falso Amico dell’Italia di allora: Francois Mitterrand, degno rappresentante di una Nazione altrettanto “amica”. Ma di lui non diremo una parola, consapevoli del rispetto che si deve ai morti.

    • Verklarte

      Nessuno depreda senza il consenso del depredato che, invece di difendersi, accoglie il depredatore a braccia aperte convinto di sbarazzarsi di cose superflue.
      Spero che un giorno persone come Ciampi, Andreatta, Prodi, Amato, Draghi saranno inquadrate dagli storici nella giusta connotazione negativa, è il meno che si possa dire.

      • winston-universe

        Quoto al 100%

        Mossad, CIA, BND(servizio segreto tedesco), MI6, FSB e direi persino i servizi arabi in Italia trovano porte apperte e politici che per un piatto di lenticchio vendono e tradiscono il loro paese.

        E il servizio segreto italiano dove cazzo è, e che cazzo fà ?
        Probabilmente persino il servizio segreto italiano lavora contro l’Italia. Non mi meraviglerei.

        • Verklarte

          Qualche mese fa il gen Mori ha risposto ad una domanda di un giornalista della 7 sulla scarsa operatività dei servizi segreti italiani: “Dall’8 settembre 1943 i servizi italiani sono stati implementati in quelli americani, dovreste saperlo voi giornalisti”.

        • Angel

          Sono cose che ho scritto ripetutamente, fra l’altro usando le stesse metafore, ma lasciamo perdere… La colpa degli italiani di essere più boccaloni degli altri non regge minimamente. La rivolta di Gezi Park in Turchia, Tienanmen, e le mille rivoluzioni colorate in giro per il Mondo, nonchè gli infiniti Flash-Mob sparsi per tutto il Globo, non vi fanno pensare che il Deep State globale possegga delle leve potentissime?

      • Angel

        Si chiama corruzione, e non solo in senso economico, ma anche morale. Secondo lei, gli italiani “educati” dai potentati stranieri tramite le loro autorevolissime “quinte colonne” di Repubblica e Corriere (che urlavano istericamente all’arresto di Craxi e all’azzeramento della classe politica italiana), a chi dovevano dar retta? Quali altri mezzi avevano a disposizione per capire quello che REALMENTE stava succedendo? La sua speranza su Ciampi, Andreatta & Co è ovviamente tardiva. Dica la verità: ha pensato la stessa cosa nel ’92, o non era piuttosto anche lei confuso fra le fila di quelli che plaudivano a “Mani pulite” e ai processi sommari, trasmessi in diretta dalla TV di Stato? Il Paese è parassitato, letteralmente ricattato dall’interno nelle sue istituzioni fondamentali: magistratura, servizi segreti, massmedia, politica (PD in primis).

        • Verklarte

          Inizialmente, come quasi tutti, ho plaudito agli interventi della magistratura milanese, poi ho cominciato a leggere Il Sabato (vicino a Comunione e Liberazione) e ho cominciato a dubitare della perfetta buonafede dei guistizialisti. Quando poi ho visto che il Pci era stato graziato ho capito meglio il bluff. Però, a Mario Chiesa glielo aveva ordinato il medico di prendere le mazzette dalla ditta di pulizie del Trivulzio?

          • Angel

            Mario Chiesa è l’ennesima storiella imbastita ad uso e consumo del popolino. Esattamente come gli Alberi di Gezi Park (ormai leggendari nella storia della manipolazione delle masse bovidi che popolano il pianeta), e mille, mille e mille altre STRONZATE partorite alle feste nei castelli di campagna delle Elites.

  • kikko19

    Amazon è una formica rispetto ad aibaba/aliexpress…. Aspettate un paio d’anni e farete articoli pure su di loro..

  • Peppino Prisco

    quante stupidaggini in questo articolo. la ricchezza rimane la stessa e il lavoro umano diminuisce, significa che a parità di ore lavorate possiamo permetterci le stesse cose!
    ben vengano i vari amazon che accorciano le filiere ed eliminano i lavori inutili.

    • manoell.carvalh

      tutto benissimo
      finchè è il TUO posto a sparire
      Eh?

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi