Moneta Digitale: The Big Crash e la Resilienza di #Bitcoin (e di #Litecoin)

Di FunnyKing , il - 1 commento

Mentre scrivo è in atto un vero e proprio crash dei prezzi in valuta fiat delle criptovalute e tuttavia è in atto un forte riposizionamento su bitcoin e litecoin le quali pur scendendo lo fanno ad un ritmo più lento e tendono a tenere molto bene.

Come si nota la “bitcoin dominance” ha ripreso fiato, con bitcoin tornato oltre il 48% del totale.

Si chiude quindi la fase di euforia che ha caratterizzato i primi 6 mesi del 2017, la terza fase del genere che io ricordi.

Per quello che mi riguarda tuttavia, ciò che realmente conta è l’adozione e l’utilizzo delle criptovalute, un fenomeno in crescita esponenziale a prescindere dal prezzo di mercato e da queste enormi fluttuazioni. Come noto io apprezzo moltissimo ethereum per ciò che già oggi è in grado di fare e abilitare e ne osservo la blockchain:

In questi due grafici tratti da https://etherscan.io/charts potete apprezzare la crescita del numero di transazioni su rete ethereum e l’hashrate ovvero la potenza di calcolo con cui i miners competono per minare ether (e mettono in sicurezza le rete).

Si nota che i recenti crolli di prezzo non hanno scalfito la tendenza di fondo, anzi per quello che riguarda ethereum è prevedibile una esplosione delle transazioni, almeno un raddoppio entro la fine dell’anno dal momento in cui almeno alcuni dei progetti abilitati con le ICO produrranno smartcontract e servizi di valore e con una domanda di mercato (si lo so molto pochi hanno valore, me bastano quei pochi).

In termini relativi di prezzi questo round lo stanno vincendo bitcoin e litecoin, il che implica che bitcoin e litcoin sono percepite come riserva di valore nei momenti di paura di mercato più di ogni altra criptovaluta. Ethereum non è ancora riuscito a ottenere questo tipo di status nonostante l’enorme liquidità di cui gode su tutti gli exchange del mondo. Bisogna prenderne atto.

Per quello che vale…. vi posso dire come la penso sul futuro dei prezzi, ho già vissuto questa esperienza su bitcoin e su ethereum, vi assicuro che tutto quello che conta è l’adozione e le transazioni come base di fondo, le varie ondate speculative servono alla rete per accelerare lo sviluppo anche se sono seguite da fasi di crollo, un normale ciclo di boom e bust, solo che alla base non c’è una Bnaca Centrale che stampa discrezionalmente. Una differenza non da poco.

In altre parole. Abbiate pazienza, vi assicuro che se io l’avessi persa con bitcoin ora non sarei ciò che sono, e ciò che sono mi piace moltissimo.

p.s.s.

di bitcoin noi ne parliamo qui, su telegram, Bitcoin Inside: https://t.me/joinchat/AAAAAEFXGlsK7A53vDPAvw

di ethereum e del suoi token noi ne parliamo qui, su telegram, Ethereum Inside: https://t.me/joinchat/AAAAAEKGbPSZ8RXydlNsFg

Se siete curiosi di sapere chi sono e cosa faccio questo è il mio linkedin.


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐


Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • theGreat

    Spero proprio che tu abbia ragione… altrimenti credo che rimpiangerò a lungo di non aver venduto eth quando era a 400$. Effettivamente ho visto che diverse ICO si appoggiano alla blockchain di Ethereum, il che fa presagire che la tecnologia sia percepita come valida.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.