Commercio dettaglio stravolto da caldo record ma è record

Di Massimo J. De Carlo , il - 6 commenti

Il caldo record dell’estate stravolge i consumi degli italiani nel carrello con aumenti che vanno dal +3% per l’ortofrutta al +17% per l’acqua, ma un incremento del 19% segnano le confezioni di gelati in cono, vere star del mercato, rispetto allo scorso anno. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione delle diffusione da parte dell’Istat dei dati sull’andamento dell’economia e del commercio al dettaglio a giugno che hanno evidenziato una crescita dello 0,6% rispetto al mese precedente e dell’1,5% rispetto all’anno precedente in valore, l’aumento maggiore da oltre un anno, a partire da marzo 2016. Gli alimentari crescono sopra la media con un incremento su base annuale dell’1,7% ma veri balzi si segnalano con il caldo – sottolinea la Coldiretti – anche per i consumi bevande a base di the con un +19% mentre per le birre chiare sotto i 6 gradi l’aumento è del 11%. L’anomalia climatica – sostiene la Coldiretti – ha influenzato comportamenti e consumi con gli Italiani che non escono di casa, cucinano meno e fanno aumentare gli acquisti di cibi pronti e rinfrescanti oltre che di bibite e frutta che ha fatto registrare nel 2017 il record degli acquisti degli ultimi 17 anni. Un andamento influenzato dalle condizioni meteorologiche, ma anche da uno stile di vita più salutistico con il ritorno della dieta mediterranea. Un vero boom con l’affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati consumati al bar, in spiaggia o anche a casa di frutta e verdura che – precisa la Coldiretti – soddisfa molteplici esigenze del corpo: nutrono, dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine, mantengono in efficienza l’apparato intestinale con il loro apporto di fibre e si oppongono all’azione dei radicali liberi prodotti nell’organismo dall’esposizione al sole, nel modo più naturale e appetitoso possibile. Antiossidanti “naturali” sono infatti le vitamine A, C ed E che – precisa la Coldiretti – sono contenute in abbondanza in frutta e verdura fresca. Peraltro quest’anno la frutta che si è salvata da nubifragi e siccità è dolcissima per le condizioni climatiche che hanno garantito un elevato grado zuccherino e di sostanze antiossidanti (vitamine, antociani e betacaroteni). Purtroppo però nelle campagne – conclude la Coldiretti – si soffre per i prezzi in calo fino al 40% che non coprono i costi di produzione per effetto delle distorsioni del mercato.

Comunicato Coldiretti

MondoElettrico è anche su   
Partner 

.

Post Tratto da Mondo Elettrico di Massimo J. De Carlo

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Dado

    “Purtroppo però nelle campagne – conclude la Coldiretti – si soffre per i prezzi in calo fino al 40% che non coprono i costi di produzione per effetto delle distorsioni del mercato.
    Comunicato Coldiretti”
    …..ma tranquilli, non preoccupatevi l’ importante è fare tanti soldi in borsa e diventare sempre più ricchi…….poi un giorno i contadini e gli allevatori, stanchi di essere presi per i fondelli, si limiteranno a produrre solo per la LORO sopravvivenza. Ed allora per VOI saranno “volatili per diabetici”…………

    • volatili per diabetici XD

    • ZeitGeist80

      L’ articolo finisce in effetti con una constatazione molto amara.. che i distributori alzino i prezzo mentre il produttore e’ costretto ad abbassarlo e’ una distorsione segno dell’ economia malata in cui viviamo. Fino a quando i nostri poliburicrati del menga pensano che la gente sia disposta a spaccarsi la schiena gratis!?

  • thomas

    Sembra un articolo da “regime”,da esperienza sul campo posso dire che per esempio AIA ed AMADORI due colossi ,questa estate hanno abbassato ancora i prezzi perchè non c’è vendita,vedo lamentarsi e non sono parole perchè vedo l’invenduto,i grossisti e i dettaglianti di frutta e verdura,i vari IPER si scannano sul prezzo delle carote,(sorridono solo poco,poco gli HART DISCOUNT),i saldi sono stati un fallimento,le sagre estive di paese,ritornano l’invenduto perchè c’è poca presenza,i bar hanno tavolini vuoti,vivo in una cittadina turistica e trovo parcheggio il dieci di agosto,i treni sono perlopiù frequentati da pendolari e venditori ambulanti (giovedì tre agosto la stazione Principe di Genova era quasi deserta alle 8:30 di mattina).E tutto va bene?Penso che bisogna un po’ vergognarsi a riportare queste notizie,soprattutto in un blog come questo che si ispira ad una informazione realistica.

    • Nikytower

      Eppure qui a Milano son partiti tutti … probabilmente scappano tutti all’estero dove l’azione predatoria statale limitata consente di offrire a prezzi molto minori di qua…

  • mamma mia che articolo XD

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.