Le immatricolazioni delle auto elettriche e ibride e fuel cell (novità) negli Stati Uniti a Luglio


Le nostre analisi si arricchiscono di una nuovo grafico che si aggiunge ai grafici delle auto elettriche e ibride, le auto alimentate dal sistema di fuel cell, sempre e comunque da considerare auto a trazione elettrica, motore elettrico con elettricità generata dalla combinazione dell’idrogeno immagazzinato con l’ossigeno atmosferico producendo soltanto vapor acqueo come residuo. 
Il mercato delle auto elettriche e ibride negli USA a Luglio 2017 va bene particolarmente per le auto elettriche con la batteria e ancor meglio per le elettriche a percorrenza estesa, con nuovi record mensili, mentre le auto ibride tradizionali mantengono un numero elevato di immatricolazioni, con quasi 30 mila unità circa nel mese appena trascorso, pur rimanendo in una posizione di mediocrità rispetto agli anni passati.
I numeri pubblicati dalla EDTA, l’Associazione statunitense dei veicoli elettrici sono a noi utili per realizzare i consueti grafici che chiariscono meglio di qualsiasi altro discorso l’andamento delle vendite mese per mese con il trascorrere degli anni solari.

Altro dato interessante è quello che  nei primi 7 mesi dell’anno in corso, 2017, si è stabilizzato il rapporto tra le immatricolazioni delle auto elettriche e ibride rispetto al mercato totale mantenendo il 3,07%. Percentuali che il nostro Paese è riuscito finalmente a superare raggiungendo nel mese di Luglio ha toccato il 3,1% tra auto elettriche pure e ibride immatricolate.

I nostri grafici

Ricordiamo che negli USA si utilizza una classificazione ben precisa in base alle caratteristiche tecniche dei veicoli elettrici suddividendo le auto che hanno un motore elettrico di trazione da quelle che abbinano un motore termico ad uno di supporto parziale o alternativo. Ecco i dati ufficiali relativi al mese di Ottobre secondo le categorie ben precise: le auto elettriche pure, le elettriche a percorrenza estesa e le auto ibride.

Seguono qui i nostri grafici esplicativi suddivisi per categorie delle auto elettriche secondo gli anni solari a partire dal 2010 fino ad oggi considerando le immatricolazioni mensili.

Sono state vendute e quindi immatricolate negli USA ad Giugno 2017:

29.056 auto ibride (HEV)







7.407 auto a percorrenza estesa (EREV)




7.802 auto elettriche pure a batteria (BEV) …




… ed eccoci alla novità della auto a fuel cell (idrogeno) Sono state immatricolate a Luglio 165 auto….




… per un totale, relativamente al mese di Luglio di 44.430  auto elettriche tra HEV, EREV e BEV e Fuel Cell





La progressione mensile dal Gennaio 2010 .





L’introduzione delle auto elettriche/ibride è del 3,07% su 10.110.472 auto immatricolate nei primi 7 mesi dell’anno in corso.

MondoElettrico è anche su   
Partner 

.

Post Tratto da Mondo Elettrico di Massimo J. De Carlo

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Lorenzo Ghiselli

    Ma l’idrogeno , si trova negli States?

    • Leo Fabiani

      Si nelle piantagioni nei campi in Texas

      • Lorenzo Ghiselli

        Intendevo se c’è una rete di distribuzione sviluppata o meno..

        • Leo Fabiani

          sarebbe più interessante capire come lo producono sto idrogeno

          • Stemby

            Elettrolisi, reforming da idrocarburi oppure fermentazione anaerobica da biomassa (per quest’ultima dubito si tratti di grandi numeri…).

          • Leo Fabiani

            a sto punto meglio bruciare direttamente gli idrocarburi nel motore

          • Stemby

            L’efficienza di una cella a combustibile è immensamente maggiore rispetto a un motore endotermico: quindi il bilancio totale potrebbe benissimo essere a vantaggio dell’idrogeno (che è comunque un gas che non mi appassiona).

          • Leo Fabiani

            la cella non basta poi devi caricare le batterie ( per gestire lo spunto a meno di non avere fule cell enormi) e muovere il motore.. potrebbe.. potrebbe anche di no… (idrocarburo – > reforming -> cella -> corrente – > motore) vs (idrocarburo -> motore)… mah (senza considerare tute le altre complicazioni legate all’idrogeno

          • Stemby

            Hai dimenticato un passaggio importante tra reforming e cella: trasporto/distribuzione con relativi problemi di stoccaggio. Comunque non sono un tecnico e non ho in mano numeri per valutare il bilancio energetico totale, quindi mi fermo qui.

          • Leo Fabiani

            non l’ho dimenticato l’ho scritto sopra, in ogni caso vedremo, se qualcuno lo vuole fare con i suoli soldi che faccia basta che non mi chieda tasse per farlo

          • AndreAX

            Ma per H non c’è ancora il problema dello stoccaggio H è un gas corrosivo ed estremamente permeabile…. avevo udito della soluzione a idruri ma francamente non so neppure che piega abbia preso.

          • Stemby

            H2, non H. Sì, il fatto che sia la molecola più piccola in assoluto un bel po’ di problemini li provoca, ma che io sappia la tecnologia di stoccaggio è ormai piuttosto matura.

          • AndreAX

            era per non scrivere idrogeno

  • AndreAX

    Allora chiedo perdono per quanto ti scrivo ma te lo scrivo anch’io col sorriso sulle labbra; essendo caratterialmente ostinato controbatto che la mia dicitura è più corretta volendoci riferire alla tavola periodica dove vengono riportati con tale abbreviazione. Naturalmente la tua osservazione è corretta se avessi scritto una equazione chimica ma nel discorso trovo più idonea l’abbreviazione e non la formula chimica.

    PS: se mi rispondessi male lo capirò XD.

  • what you see is a fraud

    http://www.zerohedge.com/news/2017-08-10/tesla-cars-arent-carbon-and-taxpayer-friendly-you-think

    Tesla Cars Aren’t As Carbon (And Taxpayer) Friendly As You Think

    Le auto Tesla non sono cosi’ amichevoli verso il carbonio di come si pensa .

    citazione “You can’t make this stuff up – Tesla and other renewable energy industries are going to save the world by mining its natural resources to excess, without regard for the environmental impact and carbon emissions generated in the process. ”

    Non si puo’ inventare questa roba . Testal e le altre rinnovabili industrie dell’energia intendono salvare il mondo estraendo eccessivamente le risorse naturali , senza riguardo per l’impatto ambientale e emissioni di carbonio generate dal processo .

    Io speculo che in un paio di anni , dopo che le industrie avranno esaurito tante risorse minerarie , ci sara’ il lavaggio del cervello della popolazione al riguardo dell’esplorazione spaziale cosi ‘che , distrutto il paineta terra , gli umani potranno andara a distruggere i pianiti vicini senza considerare se lo sfruttamento di pianeti e’
    desiderabile o no . E’ questo che noi facciamo ?

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi