Provate a Chiedervi Perché in Svizzera il PoS non è affatto Obbligatorio

Di FunnyKing , il - 51 commenti

Come sapete, dal punto di vista economico e fiscale, io non ho più nulla a che spartire con l’Italia e tuttavia ho ancora alcuni parenti e amici che hanno il grande privilegio di viverci. Leggo dall’ottimo Gerardo Gaita che alfine in Italia è stato reso di fatto obbligatorio il dotarsi di PoS attivo per praticamente tutte le categorie merceologiche e di professionisti. Il che implica, tanto per incominciare, che lo Stato ha imposto una nuova tassa che va direttamente nelle casse delle banche, ovvero il canone per dotarsi di siffatta e sofisticatissima tecnologia ( ironia eh ).

Nella mia opinione questa nuova gabbella / favore alle banche mentre ho seri dubbi che serva ad incentivare l’uso della moneta elettronica ho la certezza che incentiverà l’evasione fiscale perchè di fatto alza ancora la soglia di sconto che gli operatori economici saranno disposti a concedere per ottimi pagamenti in contanti rigorosamente in nero.

Tornando alla Svizzera dovete sapere che non solo il PoS non è obbligatorio ma che in alcune zone è difficile trovare esercenti che lo utilizzano, tanto per dirne una le Poste Svizzere accettano pagamenti SOLO in contanti oppure tramite la loro carta bancomat (Poste Svizzere è anche una banca). Oggi ho pagato l’integrazione annuale richiesta da Comune, Cantone e Federazione (le tasse del 2016) e sono prima andato presso la mia banca a dotarmi di un notevole quantitativo di contanti al bancomat (ah giusto in Cialtronia c’è il limite a 4 spiccioli) e poi sono andato alle Poste Svizzere a pagare.

Perché?

Perché secondo voi gli Svizzeri sono così scemi da non imporre il PoS per legge, e sono ancora più scemi da non combattere in contate ma lo considerano un mezzo di pagamento in concorrenza con altri?

Intanto è una questione di principio. Parlare di libertà individuale, di scelta e di privacy in Italia ormai è del tutto inutile eppure al confine c’è un paese e un popolo che difende questi principi da secoli e non intende cambiare idea. Poi a mio parere è proprio una questione pratica, ovvero imporre altre tasse occulte e obblighi di legge  (e il PoS lo è) semplicemente ha un effetto distorsivo e che riduce la produttività totale dei fattori nei settori coinvolti dalla nuova regolamentazione.

Infine c’è una questione di fondo: continuare a sussidiare un settore in agonia, quello bancario, che deve solo pensare a ristrutturasi specie nella raccolta e nella gestione delle informazioni per fare credito di qualità  è un enorme spreco di risorse.

Ma tant’è.

 

 

 

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Semplice

    Che stupida domanda, ma è ovvio, in Svizzera la gente è buona e brava, fa il suo dovere, versa tutte le tasse e quindi l’evasione non esiste 😀 ….dicevano i parassiti di casa nostra !

    Comunque mi pare che la multa sia 30€ e quindi è il solito cazzeggio dei politicanti/burocrati italini che sanno di violare la legge/Costituzione e allore fanno le cose a metà.
    Faranno ricorso e vedrete che i giudici diranno che è una norma incostituzionale e a nulla è servito fare delle multe ridicole. Non mi puoi obbligare, è casa mia, una attività privata e anche se fosse gratis sarebbe illegale comunque.

    • Buon Giorno

      Ti obbligano a vaccinare i figli come bestiame e ti stupisci che ti obblighino ad avere un POS?

      • Semplice

        Io no, non mi stupisco di nulla.

      • Luca

        Vale + questa risposta di tutte le altre messe assieme. Complimenti.

    • what you see is a fraud

      E i giudici di metteranno solo OTTO anni per scoprire che la norma e’ incostituzionale . Ma siccome questo e’ un paese con politici mentecatti prima approvano la legge incostituzionale e poi si scopre che e’ illegale . Non sarebbe meglio accertarsi PRIMA della legalita’ ? Noooooo ???? Qui succede tutto il contrario di come dovrebbe essere .

      • Semplice

        E, ma puoi mai chiedere ad un ladro di non rubare ?

      • paolosenzabandiere

        succede di peggio. Dopo anni la legge sarà dichiarata anticostituzionale ma colui che l’avrà voluta per i c.s. non sarà penalizzato per questo e avrà evitato anni di processi.

  • daniele phobos

    questo io non me lo chiedo, mi chiedo quanto ancora potranno reggerti cuore&fegato prima di esplodere di rosicamento.

    non riusciresti a provare divertimento o piacere credo neanche con una iniezione di endorfine dirette nel cervello.

  • Jean-Charles

    Fino a qualche anno fa, negli uffici postali svizzeri si poteva ottenere senza difficoltà fino a 10’000 CHF in contante senza preavviso. Siamo scesi a qualche migliaia.

    Lo scambio automatico di informazioni transnazionale potrebbe tracciare proprio i prelievi in contanti di chi li utilizza di più in % al flusso addebito-credito o importo.

    Il sistema finanziario limita ovunque l’utilizzo della moneta fiduciaria ( fides) in contante per imporre la scritturale ( da conto a conto), creata senza controparte dalle banche private che ottengono interessi e copertura di varie spese.

    Quando si potranno consolidare prestiti privati o pubblici in bitcoin – creando – così moneta decentralizzata con algoritmi, sarà un altro paradigma.

    La vera bomba a neutroni che i Signori impediranno.

    • Ingenuo, ti costringeranno ad una crypto tutta loro!

      • Jean-Charles

        È già il caso con moneta scritturale creata ex-nihilo senza contro-parte e prestata a fior d’interessi passivi.
        Aspetto con riserva la variante crypto. Cosa cambierebbe?

  • Disca

    Il contante è una forma di libertà? Certo, quindi ha le ore contate. Forse in Svizzera ci arriverete dopo ma nessuno mi toglie dalla testa che nel giro di pochi anni lo faranno sparire, per il nostro bene naturalmente…..ah, qualcuno riesce a fare bancomat e prelevare biglietti da 100? io ormai, anche per prelievi da 300 in su, ricevo solo banconote da 20, al massimo qualcuna da 50.

    • Vincenzo Laino’

      A dirla tutta in quei paesi dove la moneta locale viene rifiutata ( sia elettronica o cartacea) si crea naturalmente il canale parallelo.Tradotto in soldoni: se devo rispermiare con l’idraulico 30 euro,lo paghero’ in dollari,rupie,yuan,conchiglie e lui a sua volta paghera’ qualcun’altro allo stesso modo.In un mercato globale e’ tutto sicuramente piu’ complicato rispetto a 40 anni fa,quando bastava chiudere la frontiera.

  • mariobond

    Certo che per il gregge è un discorso complesso, perche le continue e martellanti campagne antievasione hanno creato nella loro mente un concetto di bene e male del tutto distorto, chi si fa il qlo tutto il giorno e riesce a guadagnare, pagare le spese, gli stipendi e magari mette qualcosa da parte deve essere punito, chi campa a sbafo sulle spalle degli altri è un furbo e deve essere imitato. Ma la seconda categoria non contenta con lo stile di vita tranquillo è rilassato che la prima categoria gli proporziona, cerca in tutti i modi di continuare a fregarlo creando leggi ad hoc, com’è il caso del pos obbligatorio sotto minaccia (come tutto in questo paese).

  • Albert Nextein

    L’altro giorno si è rotto un piccolo pezzo elettrico in una porta basculante del garage.
    Chiamato il tecnico che arriva dopo 24 ore.
    Riparazione piuttosto rapida, controllo generale, lubrificazione.
    60 con ricevuta, oppure 35 senza ricevuta , in contanti.
    Mi sono conformato al sistema di autodifesa fiscale usuale.
    Chissà per quale partito vota l’artigiano.

    • Bravissimo.
      Già da quelle cifre si capisce quanto mangiano i papponi shdadali…

      • DMP

        E pensa il risparmio quando aumenteranno l’IVA al 25% e oltre..

        • Albert Nextein

          Perché devo versare 22€ allo stato quando mi compero un paio di braghe da 100€?
          Che servizio ne ricavo?
          E perché , un domani, dovrei versarne 25€?
          Se me ne chiedessero 3-4, beh, allora per pura pigrizia potrei accedere alle richieste dello stato ladro.
          Ma solo per pigrizia, perché le tasse sono sempre e comunque un furto.

          • GattoMaculato

            Ma come, non sei contento di versare 22 euro che contribuiranno a mezza giornata di mantenimento di una preziosissima risorsa clandestina?

    • Vincenzo Laino’

      tecnicamente ( non me ne abbia per carita’) anche lei e’ un evasore.L’iva come imposta grava interamente sull’utente finale,cioe’ lei.l’artigiano e’ solo il tramite con cui lo stato incassa l’iva.( fermo restando che sulla ricevuta l’artigiano deve pagare ovviamente le sue imposte:irpef etc).Ne’ si puo’ dire ” se potessi scaricarla” L’iva e’ appunto imposta sul consumo quindi l’utente finale non potra’ mai scaricarla.Questo giusto per chiarire che quando qualche dipendente sostiene di pagare le tasse fino all’ultimo centesimo dovrebbe fare qualche riflessione e poi parlare.

      • Albert Nextein

        Non mi sta bene il termine “evasore” , sia per me che per l’artigiano.
        Siamo, eventualmente, dei combattenti fiscali.
        E per quanto mi riguarda, ne vado fiero.

        • Vincenzo Laino’

          Mi deve scusare.Non intendevo farle alcuna accusa.Il mio era un j’accuse nei confronti di alcuni lavoratori dipendenti che si scagliano contro la parrucchieretta evasore sostenendo che loro ” pagano fino all’ultimo centesimo” e poi razzolano male.Nient’altro

    • Siber Massai

      e quindi, sai che novità, pensi che se avesse avuto il pos invece ti avrebbe fatto la ricevuta ?

    • Buon Giorno

      Probabilmente é piddino.

  • FP

    Anche in Italia le.poste accettano solo contanti….
    Ps ma costringere la gente a recarsi in.posta per pagare non è altresì una limitazione della libertà individuale??

    • Dusty

      Mah, veramente io pago sia con bancomat che con carta di credito (Nord Italia)

  • Lucio

    Sei andato a pagare le tasse del 2016? Ecco come mai la Svizzera va male.
    Qua nella nostra magnifica Italia si pagano quelle del 2018

    • Siber Massai

      Non esageriamo però, si pagano in anticipo quelle del 2017, che è già tanto !

  • davide

    fuori tema ma non troppo visto per come è nato RC ed ogni tanto è bene tornare alle origini.
    L’oro andrà sotto 1000 €/oz?

    • Concordo, è da tempo che questo argomento non è stato tirato in ballo, ma è comprensibile, visti gli impegni dell’autore di questo blog.

      Per questo, da qualche mesetto mi sto dedicando alla lettura su http://srsroccoreport.com (è in inglese, ma con google translate si può afferrare il senso generale degli articoli, compresi i commenti, di cui alcuni di interesse).

      • davide

        Grazie!

  • davide
  • Ronf Ronf

    Il settore bancario italiano deve “solo pensare a ristrutturasi specie nella raccolta e nella gestione delle informazioni per fare credito di qualità”, dice il nostro Funnyking: in teoria ha ragione lui, in pratica ha torto perchè non puoi chiedere ai banchieri italiani di pensare soprattutto perchè adesso il PD ha un’altra priorità. Regalare a Bollorè 11-15 miliardi dei soldi pubblici perchè lo Stato vuole prendere i tralicci Telecom Italia (e qualche decina di migliaia di dipendenti), ma soprattutto il PD vuole accelerare questa cosa perchè con gli 11-15 miliardi in questione poi Bollorè potrà comprare Mediaset e quindi sostenere il PD bastonando a sangue ogni oppositore del PD (compreso il centrodestra moderato che la Mediaset a guida Berlusconi ha sempre tutelato per ovvi motivi). Leggete qui http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/che-tim-sei-messo-testa-vivendi-non-vuole-farsi-carico-33-miliardi-153892.htm e http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/dago-fixer-perche-bollore-sara-proprio-difficile-153903.htm e http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/bollore-rsquo-rete-tim-materasso-mediaset-vivendi-ha-fretta-153928.htm e http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/dago-fixer-39-non-39-controllo-vivendi-153951.htm

    • Ronf Ronf

      @@disqus_YDDosZzOX9:disqus @Andrea_SO:disqus leggete qui sopra

      • paolosenzabandiere

        Ti ringrazio ma avevo già letto. Certo mettere in mano al piddi anche la televisione privata è un poco la riedizione di quanto faceva Berlusconi quando era capo del governo. Possedeva in pratica tutta l’informazione televisiva. Ieri lo faceva nel silenzio complice dei piddini. Purtroppo oggi questo ci evidenzia un’opposizione quanto meno distratta.

        • Ronf Ronf

          Hai ragione, ma devo farti notare che hai dimenticato un dettaglio: quando Berlusconi era al governo, la sinistra aveva la gestione di un pezzo della RAI (fu il PDS-DS, Segretario Fassino, a imporre la nascita di Ballarò su Rai 3 nel novembre 2002 con l’allora sconosciuto Giovanni Floris in quanto bisognava compensare la fuoriuscita di Santoro dalla RAI avvenuta qualche mese prima) e soprattutto c’era un fortissimo movimento di opinione (i Girotondi di Nanni Moretti nel 2002-2003, il Popolo Viola negli anni successivi) che contestava violentemente Berlusconi: oggi invece non c’è proprio nulla di nulla e questa cosa non va bene. C’è da sperare che il centrodestra francese (che di fatto è l’unica forza politica esistente in Francia che è in grado di prendere in mano il governo dopo il futuro crollo di Macron) ordini a Bolloré di creare un vero centrodestra (che però sarà fatto con lo stampo francese…) in Italia dopo la fine di Berlusconi (cioè dopo la vendita di Mediaset), altrimenti avremo il regime totalitario del PD. Notare che Bolloré sta con il centrodestra francese da sempre e quindi il legame è profondo (il padre di Vincent era sostenitore di Georges Pompidou) e perciò il PD rischia di fare un boomerang con la vendita di Mediaset (Berlusconi infatti è ricattabile dal PD, ma i Bolloré invece sono invece loro ad essere in posizione di forza contro il PD perchè basterebbe fare i pestaggi mediatici – come ha sempre fatto Bolloré in Francia – per distruggere il PD, magari facendo un’intesa con Murdoch: immagina “la Mediaset a guida Vivendi” che attacca il PD insieme a SKY).

  • Firmato Winston Diaz

    Il settore bancario e’ il parcheggio dei moltissimi raccomandati di buona famiglia un po’ tonti (democristiani al nord, comunisti al centro) ai quali non sarebbe altrimenti restato altro che fare l’operaio, il commercialista, il promotore finanziario o l’architetto: molto piu’ sicura e remunerativa la sistemazione in banca. Sono intoccabili. La banca, nel nostro paese, era l’equivalente della sinecura religiosa di un tempo (molto meglio dell’impiego statale che se non altro e’, o era, molto meno pagato). Tant’e’ che tutt’ora molti impiegati statali dell’agenzia delle entrate hanno un trattamento di favore rispetto ai colleghi statali proprio in quanto assorbiti, mantenendo i vecchi privilegi, dalle vecchie agenzie di riscossione delle banche, dopo i vari scandali di non moltissimi anni fa, tipo GeRiCo.

    • winston-universe

      Infatti furono i banchieri fiorentini a inventare lettere di credito e buoni del tesoro. Quest’attività fece di Firenze una delle città più ricche e potenti del mondo. All’inizio del XV secolo Firenze aveva un’ottantina di banche che facevano prestiti a Re, Imperatori e Papi, con un reddito superiore a quello dell’Inghilterra.
      La prima banca in senso moderno nacque nel 1406 a Genova. La novità era che il “Banco di San Giorgio”, questo il suo nome, fu il primo ad occuparsi di gestione del debito pubblico e venne definito dal Machiavelli uno stato nello stato, ossia una vera e propria istituzione pubblica nella quale i genovesi si riconoscevano molto più che nel governo, spesso ottenebrato dal controllo di altri stati, quali il Ducato di Milano od il Regno di Francia.

      https://it.wikipedia.org/wiki/Banca#Storia

  • Pieretto

    Una curiosità terra terra, se un cittadino svizzero va ad esempio alle Poste e fa un versamento in contanti c’è una sorta di somma limite oltre la quale la corrispondente svizzera dell’ Agenzia delle Entrate, mi pare si chiami Amministrazione federale delle contribuzioni, fa poi scattare un accertamento?

    • winston-universe

      Se sei un nuovo cliente delle Poste si. Ma solo se si tratta di somme alte, non saprei dire a partire da quale somma.
      L’accertamento viene fatta dalla banca stessa.

      Le poste Svizzere ti possono comunque dare informationi più dettagliate sul argomento.

      https://www.postfinance.ch/it/privati.html

      • Pieretto

        Grazie dell’info, come detto era solo una curiosità riguardo l’atteggiamento dell’amministrazione fiscale svizzera verso i suoi cittadini.

  • milano1954

    Scusate un commento terre terra… forse in Ticino i mezzi di pagamento elettronico non sono diffusi per i costi folli .
    La tipica carta di credito costa 80 chf, il bancomat 50;
    un pagamento con il bollettino postale costa al ricevente fino al 3%;
    Tutto in linea con i costi abnormi dei servizi bancari (una cassetta costa 10 volte quello che si paga in italia).
    La tradizione svizzera e’andato quella di pagare tutte le spese importanti a fine mese con i bollettini postali e comunque non c’e’bisogno di andare alla posta; si fa tutto per Internet quasi come in italia tranne le commissioni esorbitanti.

    • MaAncheNo

      Probabilmente non hai ben presenti i salari medi in Svizzera.

      In termini reali quei costi sono inferiori a quelli italiani, e nemmeno di poco.

      • milano1954

        ma che c’entra…sono costi esorbitanti rispetto alla Norvegia (per dire un paese con costo della vita “notevole”) o a Londra.
        e comunque stiamo parlando di Ticino, un posto dove i mercati finanziari stanno conoscendo una crisi strutturale di prima grandezza , non di Zurigo o Basilea…

  • Antonello S.

    In realtà la più grande insidia che si nasconde dietro questo provvedimento non è quella di obbligare la semplice detenzione del POS per sovvenzionare le banche o creare altre tasse occulte (che esagerazione la distorzione del mercato…).
    Ma il vero rischio è quello di condurci lentamente alla scomparsa del contante vero e proprio.
    I media servi hanno usati un frame ingannevole, facevano prima a dire che lo Stato vuole abolire l’uso dei contanti, non incentivare l’utilizzo dei POS, ed allora si rivelerebbe tutto un altro significato.

  • Mela

    Uno stato “democratico” che obbliga, costringe, un libero esercizio a dotarsi di un sistema di pagamento privato è da demolire senza pietà. Tranquilli però, i commercianti e gli artigiani non sono alla stregua dei parassiti che sostengono questo sistema, è gente che si è fatta da sola, e che si fa far rispettare. Nessuno lavora in perdita.

  • nemo_propheta_in_patria

    In Ticino sarà così, ma nella Svizzera tedesca risolvono tutto con versamenti e fatture elettroniche (E-Rechnung). Vi assicuro che è sempre più raro non poter pagare con la carta di credito. E non è vero che alla posta non prendano contanti, a partire da 10 CHF si può pagare con la carta bancaria.

    • milano1954

      ma infatti, è il solito presentare le croniche arretratezze del Ticino come segno di libertà…
      In Ticino c’è una scarsa diffusione dei pagamenti elettronici a causa dei costi esorbitanti delle commissioni bancarie. Una carta di credito costa 80-Fr e un bancomat 50- all’anno…per non pagare del 3% abbondante delle commissioni postali (a carico del venditore, l’acquirente non le vede ma ci sono). per non pagare del costo dei POS, che sono 4 o 5 volte quelli in Italia…
      Comunque alla Posta si paga con Visa etc, non c’è problema da anni e anni, e si può fare direttamente in internet banking con un cc (ma le commissioni sono le stesse…).
      Il vero problema in Ticino è l’esplosione dei pagamenti protestati al dettaglio..i vecchi precetti di fatto non servono più a nulla perché c’è una buona fetta della popolazione che non paga comunque (d’altra parte con un buon 5-6% dei ticinesi in assistenza, cosa hanno da perdere?). tradizionalmente per spese di una certa entità il venditore dà il bollettino postale e il cliente paga a fine mese 8che è una forma rozza di dilazione del credito…), ma con l’esplosione dei protesti insoluti è ovviamente un problema.
      Semplicemente IL TICINO NON E’ SVIZZERA…

      • MaAncheNo

        Esoso.

  • MaAncheNo

    GaBella*

  • Leoponzio

    Cavolo…io mi sarei aspettato che scrivesse che

    ” in svizzera evadere le tasse è considerata attività lecita ed anzi onorevole ”

    ah no…forse….

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi