Il vero presidente USA aizza la NATO a Est per i war-games contro la Russia. E Oslo scodinzola

Di Mauro Bottarelli , il - 90 commenti


Nemmeno ce ne stiamo accorgendo, presi come siamo a discutere di migranti, Venezuela e Corea del Nord ma gli Stati Uniti e la NATO stanno imprimendo una pericolosa accelerazione al programma di totale accerchiamento della Russia, ora anche attraverso la militarizzazione di quella Scandinavia divenuta da bastione di neutralismo ad ennesima colonia del Pentagono. E attenzione, perché si sta scherzando davvero sul fuoco. Lo dimostra il modo in cui “La Stampa”, quotidiano filo-statunitense fino al parossismo, ha dato questa notizia:

di fatto, pare preannunciare un false flag per far sedimentare nella mente delle gente questo concetto come un mantra: l’Ucraina è buona e amica dell’Occidente, mentre la Russia arma i ribelli cattivi. E la notizia, ancorché nell’aria da giorni, ora è confermata: il Pentagono sta preparando un piano per armare Kiev. L’iniziativa, confermata dal vice capo degli Stati maggiori riuniti, Paul Selva e appoggiata dal nuovo inviato nella regione, Kurt Volker, sarebbe inoltre precedente all’ espulsione di 755 diplomatici americani dalla Russia annunciata domenica da Vladimir Putin, come ritorsione alle nuove sanzioni contro Mosca decise dal Congresso e che Donald Trump si appresta a tramutare in legge.

Quanto deciso varca un predeterminato Rubicone diplomatico, ovvero quello tracciato dal presidente Obama e dalla cancelliera Merkel dopo l’affaire Crimea: nessuna fornitura di armi a Kiev, perché questa mossa avrebbe provocato una reazione militare da parte del Cremlino. Ora, però, pare che a Washington abbiano fretta e dalla loro squadernano i numeri forniti dall’Ukraine Crisis Media Center: nel solo mese di luglio, 19 soldati ucraini sono stati uccisi e 65 feriti. Di più: quando il 19 luglio scorso un attacco costò la vita a nove militari di Kiev, la portavoce del Dipartimento di Stato, Heather Nauert, fu esplicita fino alla negazione stessa del dubbio diplomatico nell’assegnare la responsabilità, denunciando “cosiddetti separatisti, che sono guidati e sostenuti dalla Russia”.

E a far intendere che questa volta si fa sul serio, ci sono almeno un paio di indizi. Il primo è questo,


ovvero il fatto che nemmeno una diagnosi di tumore al cervello pare aver spento le ambizioni e le fregole di destabilizzazione del senatore McCain. Il secondo, forse peggiore, è che a menare le danze, accelerando di parecchio i tempi, sia il vice-presidente USA, quel Mike Pence notoriamente riferimento del Deep State all’interno della Casa Bianca, troppo occupata a coprirsi ulteriormente di ridicolo con il licenziamento dopo appena 10 giorni di Anthony Scaramucci dal ruolo di portavoce. E anche il piano ucraino parte da lontano: il 18 luglio, durante un’audizione al Senato, il generale Selva aveva rivelato che gli Stati maggiori stavano preparando un piano per offrire forniture militari letali a Kiev. “Sarà più di una semplice raccomandazione. Si tratterà di una scelta politica, se dare o no al governo ucraino gli strumenti di cui ha bisogno per difendersi, contro quello che noi riteniamo un movimento di insurrezione sostenuto dalla Russia nella regione di Donbass”, dichiarò. Il tutto mentre – stando a “Usa Today” – Mosca avrebbe appena ricostituito e spostato verso Ovest tre reparti dell’ epoca sovietica: la First Guards Tank Army, la Ventesima e l’ Ottava Armata. La prima di queste, tra breve, terrà una grande esercitazione in Bielorussia, dove sono stati mobilitati 4mila vagoni ferroviari per portare in zona i carri armati.

Insomma, il grande risiko si sta dipanando e tra non molto Rex Tillerson dovrà prendere una decisione sulla fornitura di quelle armi, così come Donald Trump dovrà decidere se controfirmare e autorizzarla. Ma come dicevo, a guidare le danze è Mike Pence, il quale oggi pomeriggio è arrivato in Montenegro, dove domani si incontrerà con il premier Dusko Markovic. Pence rappresenta la carica più alta mai mandata dagli USA nello Stato balcanico, il quale è a sua volta il più recente, nonché più piccolo, membro della NATO con i suoi 620mila abitanti. Questa visita “è una conferma delle eccellenti relazioni politiche di Montenegro e USA e del fatto che i due Paesi sono partner strategici”, ha affermato il governo di Podgorica. E cosa farà domani Pence da quelle parti? Parteciperà, con tutti gli onori, al vertice della Carta dell’Adriatico, iniziativa dei Balcani per la cooperazione sulle riforme democratiche e nel processo di integrazione della NATO.

Ma il buon Pence ha già seminato cioè che doveva, visto che ieri era in Georgia – altro nervo scoperto rispetto al rapporto con Mosca – dove ha dichiarato che gli Usa “condannano fortemente l’occupazione del territorio georgiano da parte della Russia” e ha promesso che “presto il presidente, Donald Trump, firmerà nuove sanzioni contro il Cremlino”. Di fatto Pence è impegnato in un tour nei Paesi dell’Europa orientale per rassicurare gli alleati NATO del sostegno americano. In Georgia, il vice-presidente ha ripetuto il fermo appoggio statunitense alle aspirazioni della Georgia di unirsi all’Alleanza Atlantica, anche se la Russia rimane fortemente ostile all’espansione dell’alleanza militare lungo la sua costola occidentale. Nella conferenza stampa al termine dell’incontro con il premier georgiano, Giorgi Kvirikashvili, Pence ha ripetuto il suo forte sostegno alla piccola nazione del Caucaso, alla sua sovranità e integrità territoriale: “Siamo con voi, siamo accanto a voi”, ha detto, definendo l’ex repubblica sovietica “un partner strategico-chiave per Washington”.

E con un riferimento diretto ai fatti del 2008 e un linguaggio inusualmente forte, Pence ha parlato di chiaramente di “occupazione della Russia e blindati russi parcheggiati sul suolo georgiano”. E il giorno precedente all’arrivo nel Paese di Pence, proprio in Georgia sono iniziate le più imponenti esercitazioni militari congiunte mai realizzate tra USA e l’ex Repubblica sovietica, circa 2800 uomini da otto Paesi (USA, UK, Germania, Turchia, Ucraina, Slovenia, Armenia e Georgia) e unità meccanizzate statunitensi come i veicoli da combattimento Bradley e M1A2 Abrams. Primo ministro georgiano, Giorgi Kvirikashvili, ha dichiarato che “queste esercitazioni ci aiuteranno ad avvicinarci agli standard NATO e a rafforzare la stabilità nell’intera regione”. Parole che sicuramente non sono suonate come musica al Cremlino.

Anzi. “La Russia rispetta i rapporti dei paesi vicini con gli Usa e con altri Paesi del mondo, ma suscita preoccupazione l’ampliamento di diverse alleanze e il rafforzamento delle infrastrutture militari di queste alleanze verso i confini russi”, ha dichiarato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, commentando proprio la visita del vice presidente americano, Mike Pence, in Estonia e in Georgia. E ancora: “Noi riteniamo che tutti i Paesi, soprattutto quelli che in qualche modo pretendono di avere un ruolo nella soluzione della crisi in Ucraina, debbano comunque evitare qualsiasi azione che possa provocare un altro giro di tensioni in questa regione già complicata”.

Anche perché, oltre all’Est Europa, al Baltico e alle ex Repubbliche sovietiche, Mosca guarda con attenzione al nuovo fronte NATO che si apre ai suoi confini, quello delle penisola scandinava. Dopo le mosse dichiaratamente filo-NATO di Svezia e Finlandia dei mesi scorsi, tra cui la partecipazione alle esercitazioni navali BALTOPS, ora è la Norvegia il nuovo epicentro dell’efficientismo atlantico in chiave anti-Mosca. L’ultima mossa è stata l’espansione della base aeronautica di Ørland, nel sud del Paese, dove stazionano gli F-15, aerei da guerra che Oslo ha comprato da Washington (56 velivoli) in chiave dichiaratamente di offesa e non di deterrenza verso la Russia. Tanto più che addestrare piloti norvegesi al pilotaggio di aerei che portano testate nucleari è una violazione del Trattato di non proliferazione del 1968.

Inoltre, Ørland si trova vicino a Værnes, la base dove sono di stanza 330 marines USA. In maggio, quest’ultima ha ospitato l’esercitazione biennale della NATO denominata “Arctic Challenge Exercise 2017” che ha coinvolto oltre 100 aerei da 12 nazioni: per la prima volta, il bombardiere strategico statunitense B-52H ha preso parte alle manovre. La scelta della base è stata debitamente calcolata per mantenere i velivoli lontani dalla portata dei missili russi Iskander ma nessuna località in Norvegia è al riparo dal missile a lungo gittata operativa Kalibr. In giugno, il governo norvegese ha annunciato che la decisione dell’ampliamento della base faceva capo alla volontà di estendere lo stazionamento rotativo dei marines nella base di Værnes fino a tutto il 2018: stranamente, la decisione contraddice la politica norvegese di non accoglimento di basi militare straniere sul proprio suolo in tempo di pace.

L’ampliamento vuole dirci qualcosa rispetto alla status operativo NATO? Unite a questo il fatto che sempre in giugno, USA, Gran Bretagna e Norvegia hanno concordato la creazione di una coalizione trilaterale basata attorno al P-8, la quale include operazioni congiunte nel Nord Atlantico vicino alla base della flotta del Nord russa, che le truppe di terra norvegesi sono stanziate in Lituania nel quadro della forza multinazionale NATO a guida tedesca e che la Norvegia contribuisce al sistema di difesa missilistica NATO (BMD) con il suo radar Globus I/III sull’isola di Vardøya al confine russo e capite da soli quale sia la situazione attuale. Ci troviamo, chiaramente, di fronte a un palese atteggiamento ostile della Russia verso l’Occidente, non trovate? Dio non voglia che il Deep State abbia voglia di tastare il terreno nel mese di agosto: Vladimir Putin non pare in vena di scherzi, ultimamente.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Caio Giulio

    Ma sì, lasciali giocare a risiko, o meglio rosiko, che tanto con i trans sul campo poi vediamo chi vince. Sono come i ratti all’angolo, nel panico totale alzano l’asticella, ma la realtà è che nessuno vuole una fottuta guerra e se proprio la vogliono ci sarà da divertirsi, visto che non fanno altro che puntare su nazioni che tutto sono meno che guerrafondaie e spesso con le pezze al culo. Al contrario leggevo oggi che i caccia russi ormai dispongano di laser..

    • cagliostro

      puoi postare il linck?
      grazie

      • Caio Giulio

        Era questa mattina su drudge, purtroppo lo aggiornano spesso ed ora non li ritrovo.

    • Ronf Ronf

      Quindi con il laser che cosa si può fare? Te lo chiedo perchè io non so nulla di queste cose: comunque, sei sicuro che la Russia vincerebbe contro la NATO?

      • Caio Giulio

        Sicuramente, pur non essendo un esperto, sarebbe un’arma micidiale in più contro gli avversari diciamo “obsoleti”.

  • Jean-Charles

    Interessante sentire George Friedman che descrive il piano degli USA in Ukraine, ma non solo…
    https://youtu.be/emCEfEYom4A

    • Lila

      senza vergogna……

  • fnatile

    Facendo in questo modo spingeranno sempre di piu’ la Russia verso la Cina, e poi i nuovi alleati di Washington sono militarmente ridicoli, me lo vedo proprio l’esercito femminista, gender-friendly, multiculturale svedese a fare la guerra sul serio

  • davide

    gente vi ricordate la profezia di Irlmayer?
    ….”Ma la scintilla vera scoppierà nei Balcani: “Vedo ‘uno grosso’ cadere, un pugnale insanguinato giace dietro di lui”- È un attentato ad un leader politico: “Due uomini ammazzano un terzo di alto rango. Sono pagati da altri. Uno degli assassini è un piccolo uomo nero, l’altro un po’ più alto coi capelli colorati”.
    C’è da cagarsi addosso…

    • silvia

      Quello con i capelli colorati c’e’ gia, il piccolo e nero … Forse porkoshenko.

  • cagliostro

    putin dovrebbe cominciare a ripagare con ugual moneta lo zio sam, qualche botto qua e la, qualche base us che vola x aria, qualche nave che affonda, con tanti takfiri in giro, sarebbe anche plausibile, qualche missile us che cade sopra una riunione di ministri, tanto x farli capire che muoiono pure loro,

  • ws

    debitamente calcolata per mantenere i velivoli lontani dalla portata dei missili russi Iskander
    Questi “ragionamenti” sono l’ ennesima conferma che i pianificatori NATO pensano ancora di aver a che fare con dei fessi ( cosa che i russi non sono ) . Ad esempio basta osservare la lunghezza dei TEL degli iskander in relazione al missile per capire che in caso di necessità i russi possono montare rapidamente su quei TEL iskander a due stadi raggiungendo gittate di 2500km.
    Purtroppo ormai il bluff americano rischia sempre di più di divenire un irriversibile processo verso la WW3 e il punto di non ritorno sarà quando gli U$A lanceranno contro la novorussia il loro botolo ukraino.

  • johnny rotten

    La nato è un’armata brancaleone, un esercito fasullo di soldati gender che ha persino paura di combattere contro gli invasati dell’isis, infatti preferisce mandare al macello gli stupidi creduloni kurdi, però è una buona scusa per la Russia, spinta così ad accellerare il rinnovo completo delle proprie forze armate, che già andava spedito di suo, e oltre ai poco credibili soldati c’è da notare che buona parte dei sistemi con cui vorrebbero “invadere” la Russia sono obsoleti se non vera e propria anticaglia, ultimamente l’occidente parla di poltica estera ma il suo obbiettivo rimane quello, a questo punto assai problematico, di serrare i propri ranghi, dato che ogni nazione parte per la sua tangente e i conflitti intestini sono numerosi, il vero nemico dell’occidente non è la Russia o la Cina ma lo sfaldamento che si sta facendo sempre più serio, anche se pence va a sbraitare ingiro, non chiarirà mai chi è che comanda in usa e se l’europa a questo punto sarebbe realmente disposta a farsi massacrare per minacce che esistono solo sui fake news, al pentagono per altro ci sono generali importanti che sono ben consci della situazione e sono andati già di persona al congresso a spiegare come le cose stiano in realtà, fuori dai deliri dei soliti mac caino e graham.

    • Caio Giulio

      Ma infatti ormai parliamo di una fazione criminale e pazzoide perdente, che esiste solo grazie ai vari fantocci avanzati nelle posizioni nato che contano. Si tratta solo di residui e metastasi di un progetto fallito che ancora rantolano prima di scomparire, e siccome lo sanno, tentano il tutto per tutto prima della fine ormai inevitabile.

  • silvia

    L’avevo scritto ieri che se ci sara’ scontro sara’ in Europa.

    • fnatile

      Ossia l’Europa ridotta ad un campo di battaglia, tanto sono gli unici sciocchi che fanno tutto quello che vuole l’America, intanto i paesi asiatici ormai stanno prendendo le distanze dallo zio Sam

      • Caio Giulio

        Il problerma è che in realtà non lo vuole neanche l’america: sono i soliti noti ormai, e come non mai, allo scoperto. Se la perdono la mano a questo giro, non li vedo bene per niente.

      • silvia

        Per questo gli Americani non rischieranno un conflitto nel Pacifico, questa volta avrebbero la Cina come nemica invece che alleata e il rischio e’ di perdere il controllo delle rotte commerciali piu’importanti del mondo. Invece l’Europa e’ sufficientemente lontana da casa e se anche alla fine perdessero avrebbero distrutto quello che sarebbe la meta’ dell’eurasia…ritardandone lo sviluppo economico e tecnologic.

      • Bruno Rosso

        L’Europa dell’est sarà un campo di battaglia: hanno rotto i coglioni con la russofobia e mangiato a sbafo per centinaia di miliardi di fondi UE (cioè pagati dai quattro stronzi padani, bavaresi, ecc.), se lo meritano tutto.

  • Rosalba48

    In realtà sono i Russi. incalliti comunisti, che se la fanno addosso dalla paura.
    Gli USA hanno a disposizione la più grande macchina da guerra di tutti i tempi e soprattutto la più grande e prestigiosa democrazia di sempre.
    Chiunque, nella storia degli ultimi 2 secoli ha sfidato la Libertas Americana, l’ha sempre pagata cara.
    Putin dovrà cedere sul Donbass e pure sulla Crimea, o avrà sulle sue spalle la responsabilità di una guerra generale in cui l’Unione Sovietica non potrà che perdere.
    Quelli del Donbass sono solo ribelli secessionisti, nemici della pace.
    Il governo ucraino per altro è stato eletto democraticamente con libere elezioni controllate e approvate dalla Comunità Internazionale.
    Nel Donbass invece ci sono solo capi improvvisati, come nel Daesh.
    La Nato ha il Dovere di rimettere le cose al giusto posto.
    Se la Russia, che per me rimane Unione sovietica, si opporrà sarà spazzata via dalla superpotenza americana.

    • Lilith

      Roba pesante eh stasera? Fumata o in pastiglia? 😉

    • Caio Giulio

      Ah,ah,ah! sei peggio di quel caino col cervello fritto ,-)

    • Edoxxx

      Che guerrafondai!
      Ti piace guardare le guerre in TV?

    • donato zeno

      L’America odierna somiglia alla Francia post Dien-Bien-Phu generali reduci da tre guerre perse e parlamentari rincoglioniti in cerca di rivincita.

    • guidino

      Nulla di tutto questo. E’ l’america che ha basi dappertutto mentre la russia sta a casa sua.

    • Dado

      non hai proprio idea di quello che scrivi……ti invito a documentarti meglio sui fatti.
      sono nato e cresciuto in un paesino dove sul muro all’ ingresso del paese c’era scritto ” NO USA, NO URSS ” …..mi è rimasto tatuato nel cervello

    • johnny rotten

      gli usa erano prima una colonia europea e adesso sono una colonia di isisraele, insieme al resto dell’occidente.

    • Dogui

      Un discorso degno di Emma Bonino

    • maurizio

      Ahhhhh la boldrina …… continua a dire che anche le donne hanno una intelligenza….. ( pazzesco !! )

  • marcoferro

    in effetti su sputnik dicevano che i merighi volevano dare ai nazisti ucraini missili anticarro e antiaerei, ovviamente senza dire che sono quelli di kiev a sparare indiscriminatamente contro civili inermi. comunque non solo intorno alla russia stanno facendo movimento, anche in corea del sud per esempio sempre i difensori della pace ed esportatori di democrazia hanno schierato ben 12 F-16.
    comunque a tutti quei nani e insignificanti paesi come georgia , norvegia, repubbliche baltiche, polonia, etc…spero che i russi li facciano piangere amaramente, devono rimpiangere di essere nati e poi di essere stato così koglioni da seguire gli psicolabili vaccari…

    • silvia

      Se scoppia una guerra piangiamo tutti, a questo punto si puo’ solo pregare.

      • marcoferro

        ci sono tanti che dovranno piangere molto di più…

        • silvia

          A fine guerra sicuramente perche’ i sopravvissuti capiranno tante cose… E faranno giustizia.

          • marcoferro

            se dovesse venire una guerra dobbiamo sperare solo che non sia nucleare, ma convenzionale. anche se sarebbe lo stesso devastante, nella seconda guerra mondiale con meno densità di popolazione e meno armi sofisticate si fecero 54 milioni di morti più o meno. ma purtroppo i neokoglion e i sionisti dovranno andarci a sbattere il muso…

          • silvia

            Parole sante.

          • Caio Giulio

            In realtà i morti allora furono oltre i 200 milioni civili compresi e temo che la stima pecchi per difetto.

      • Caio Giulio

        Io non la vedo proprio questa guerra apocalittica, ma anzi già vedo parecchie teste cadere appena ci provano. “You may say I’m dreamer, but I’m not the only one” cantava qualcuno… non per niente poi ammazzato, ma le idee sono a prova di proiettile come si dice.

        • silvia

          Imagine e’ un inno massonico e Lennon uno strumento dei soliti noti. Mi auguro che vada come dici tu, ma troppe cose ora spingono a pensare il contrario.

          • Caio Giulio

            Senti cara, se Lennon alla fine, dopo Yoko ed aver distrutto i beatles era uno strumento dei massoni, allora dovresti incominciare a rivederti la stessa biografia del loro manager epstein che io ho letto capendo che è stato lui a tirarsi fuori dallo star system appena l’ha capito.
            PS. E poi Imagine è semplicemente un mondo di pace che sogniamo tutti, e a quei tempi che vuoi che ne sapesse del NWO.

          • silvia

            informati meglio sul significato occulto di imagine … comunque sia, perche’ ti scaldi tanto? Cos’hanno fatto Lennon e il suo manager per te e l’umanita’ per generare questa venerazione?

          • Caio Giulio

            Guarda che io non mi scaldo per niente e non venero proprio nessuno. Che cosa ha fatto Lennon, e non certo il suo manager J? Beh, direi che ha scritto tante belle canzoni ed ha rivoluzionato la storia della musica all’epoca ancora dominata dai vari cloni di Elvis, e se permetti, per uno che ama la musica, è stato un gran bel passo avanti. Poi ribadisco, che John fosse un idealista figlio dei fiori, sono anche d’accordo, ma dipingerlo come un “illuminato” per me è semplicemente ridicolo a prescindere da tutte le teorie di chi invece sostiene il contrario.

          • silvia

            Illiminato forse no, usato e poi liquidato senza pieta’ come tanti dello star system si.

          • Caio Giulio

            Questo intendevo sopra. è stato invece lui a decidere di abbandonare lo star system sciogliendo i beatles dopo aver incontrato Yoko.

          • marcoferro

            sai una volta ascoltai una piccola intervista a quel tipo che assassino Lennon, era anche suo fan. disse che lui leggendo il giovane holden di Salingen capì che doveva uccidere Lennon. ti giuro comprai quel libro e lo lessi solo per vedere se anch’io riuscivo a vedere quel perche, ma niente, non trovai assolutamente niente dei motivi che spinsero quell’idiota a fare quello che fece, era solo un mentecatto senza speranza,,,

          • Caio Giulio

            Il più classico dei manchurian candidate, per te che ami i film, e quello era un gran bel film ,-)

          • marcoferro

            per quanto riguarda i film io frequento il sito italiafilm. la trovo tutto in prima visione, e tutte le serie…

          • Caio Giulio

            Il tocco del male l’hai visto? Sempre con Denzel che sinceramente apprezzo visto che non parla mai di politica e razzismo.

          • marcoferro

            aspetta era quello dove c’era un demone che passava da un corpo all’altro solo toccando le persone ? se è quello si, era bello…

          • Caio Giulio

            Esatto, però vatti a rivedere il manchurian candidate, ottimo anche quello, con riferimenti al famigerato progetto mk-ultra tanto per dire.

          • marcoferro

            lo farò appena avrò tempo, sai tengo una lista di film da parte…

          • Ormai MaKron-Ultra. Anni di ricerche devono aver prodotto qualcosa.

          • Caio Giulio

            Sshhh.. che ci leggono 😉

          • marcoferro

            tranquillo ne esistono a decine…

          • Caio Giulio

            Sì, ma parecchi li fanno fuori, tipo megavideo etc.

          • marcoferro

            seguo anche filmxtutti, mi piace questo sito perche spesso mette dei video rarissimi. tipo quello che ho visto due giorni fa. della durata di 4 minuti, del 1908 c’era una nudo integrale, incredibile potrebbe essere il primo film erotico della storia…

          • Caio Giulio

            Siamo totalmente OT, ma hai mai visto la Loren adolescente in un filmino che pare fosse girato dalla madre? Io sì 😉

          • marcoferro

            ho visto una sua foto a 16 anni con le tette al vento, ma girava solo in francia…

          • Caio Giulio

            No esiste un filmino amatoriale dove lei si dimena sul letto, chiaramente senza presenze maschili. Se lo cerchi lo trovi e parliamo di un bianco e nero amatoriale del dopoguera.

      • televisione falsa

        Perché adesso qui in Italia siamo felici e sorridenti ???? A me sembra che siamo in un inferno

        • silvia

          Sono d’accordo, ma una guerra vera sarebbe terrible. Certo quelli che resteranno vivi saranno liberi ma bisogna vedere in che condizioni.

    • televisione falsa

      Stessa cosa dicasi per l’Italia

  • Bruno Rosso

    Guardiamola da un punto di vista razziale: che cosa sono gli USA? Un crogiolo di razze diverse, cioè quello che è ormai diventata l’Europa occidentale.
    Quindi cosa c’è di meglio di una guerricciola dal Baltico al Mar Nero per sfoltire un po’ di virgulti bianchi e lasciar posto a nuove “risorse”?
    Con buona pace dei nazi-ukropi 😀

    • marcoferro

      alle prime avvisagli di guerra vedrai come i negri se ne scapperanno da dove sono venuti…

      • Bruno Rosso

        Quelli servono per ripopolare le zone di conflitto, DOPO i combattimenti.

        • marcoferro

          non credo ne rimarranno molti dopo la guerra, se non si toglieranno dai piedi anche loro finiranno in mezzo. immagina i migranti a crocco, con una eventuale guerra pensi che si continuerà a dargli la pappa ? mentre i buonisti vedrai come scompariranno e penseranno solo a li kazzi loro…

        • silvia

          eh? gli afro sarebbero come gli Italiani degli anni 50, che si sono rimboccati le maniche per tirare su un paese? Guarda che questi al massimo sono cacciatori/raccoglitori che quando vedono delle terre devastate si tengono alla larga.

        • ws

          certo… con tanta pastorizia …😎

  • donato zeno

    Agosto 1917.Agosto 1939.Agosto 2017?Cmq McTumor farà danni sinchè campa.

    • marcoferro

      ancora per uno o due mesi…

      • Caio Giulio

        Ma pure un anno,due,tre, quattro e magari cinque che tanto non lo rielegge nessuno e crepa come come si merita

        • donato zeno

          prima è meglio è

      • paolinks

        E’ dal ’93 che “lotta” che tumori vari ed ancora li’ quella vecchia pezza ammuffita.

        • marcoferro

          ma questo sta nel cervello ed è maligno. sempre se si può chiamare cervello quel mezzo chilo di merda secca…

          • paolinks

            “ma questo sta nel cervello”….ma quello e’ semplicemente il cervello di McCain LOL

            scherzi a parte, ha avuto parecchi tumori maligni, in posti non proprio facili ( la gente normale e’ morta per le stesse cose )

            quindi questo tizio ha accesso a qualcosa che i comuni mortali non possono nemmeno sognare

            una terapia efficace contro il cancro? poteri occulti? il famoso sangue dei bambini fa davvero bene? questi sono mostri ed e’ inutile giudicare i mostri col metro umano

          • marcoferro

            in effetti ci sono seri dubbi che la massa tumorale sia il cervello della vecchia emorroide…

    • silvia

      non avevo fatto caso alle date grazie per averle ricordate

  • winston-universe

    Tutto un Bluff.
    Gli USA ormai vivono solo di finanza e del apparato industriale-militare. Non si può vivere di sola finanza e guerre. US non potrà mai vincere una guerra contro la Russia, penso chi i generali americani questo lo sanno benissimo.
    USA è guidata da mentecatti come l’Italia, se va avanti così perderà il suo ruolo di superpotenza e lascerà il posto alla Cina e Russia. Questo vuol dire che l’occidente si andrà a fare fottere.
    UK e Francia ebbero già problemi con la Libia, senza il supporto di Obama, Gedaffi sarebbe ancora vivo. nemmeno immaginarsi cosa succede con la Russia nel caso che gli europei gli viene in mente di avventurarsi milirarmente con i Russi.

    My 2 cent.

    • Laura

      Purtroppo, come durante la guerra fredda, anche stavolta la mano che arma gli USA è la stessa che arma la Russia. E qui il problema non è quanto potrà durare l’economia USA basata si finanza coi suoi QE e industria della guerra, ma quanta gente uccideranno prima di arrendersi all’evidenza che non si possa continuare

      • cagliostro

        e cosa dovrebbero fare i russi, se non difendersi?

        • Laura

          Io sto dicendo un’altra cosa

      • winston-universe

        Cara Laura, viviamo in tempi deliranti.
        Come cristiano born again ti consiglio questo sito. Puoi leggerlo o buttarlo nel cesso, fà come vuoi.
        http://www.immanuel.at/Diskurs1133I.htm
        Un altro sito interessante imho e questo, anche se non sono un pentacostale.
        http://destatevi.org/
        Molto interessante sul sito destatevi e la tematica “gesuiti” che consiglio di leggere.

        I complotti sono sempre esistiti nella storia della umanità fino ad oggi.

        Salut.

  • Nabir oBar

    Lo ricordo ma questi il false flag l’hanno già girato durante le esercitazioni nato ad aprile maggio dove era richiesta la presenza di attori russi per una simulazione
    https://it.sputniknews.com/mondo/201703304273758-germania-comparse-esercitazioni-nato/

  • giuseppe

    …quando arriveremo (arriveranno) al vertice della tensione? Chi premerà per primo il grilletto? Sarà un altro falso attacco tipo “Golfo del Tonchino”…? Oppure una bomba sporca sul suolo yankee?

  • Peppino Prisco

    ci penserà la korea del nord a sterminare gli yankees.

  • televisione falsa

    Se le cose dovrebbero andare per il peggio sarebbe anche un bene perché la civiltà occidentale compresa Israele è uno schifo e ha bisogno di un reset

    • giuseppe

      …dovrebbero…?
      dovessero.

  • Angeles Negre Cuevas

    Gli americani hanno fretta, che, come dicono in Spagna: “La prisa es mala consejera” la fretta è cattiva consigliera, la Russia, no…può aspettare ancora!

    • Mikahel

      Putin è stato chiaro, attaccherà per primo.
      Gli USA non hanno fretta di attaccare ma di fare fronte unito, visto che non hanno il controllo dei paesi confinanti, ma solo una specie di gentle-agreement.

      • paolinks

        Ma il problema e’ proprio quello. Per quanto possano corrompere i governi dei Paesi dell’est, quando arrivera’ la guerra, la gente di quei posti cosa fara’?

        Personalmente dubito fortemente che andranno a farsi massacrare per lo zio Sam. Mica sono tutti ucraini!!

        • Mikahel

          Secondo me vedremo Russi e cinesi alle porte di Berlino in poco tempo.
          Speriamo Putin sia quel che dice è non un comunista travestito da pecora!

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi