Jamie Dimon teme che il suo lavoro sia diventato obsoleto

Di Francesco Simoncelli , il - 12 commenti

di Jeffrey Tucker

Nulla dell’invettiva anti-Bitcoin di Jamie Dimon (“Bitcoin is a fraud”) ha senso. La tempistica era strana. Dopotutto, bitcoin si è mostrato al mondo fin dall’ottobre 2009. Non c’erano notizie che avrebbero potuto spingere l’amministratore delegato di JP Morgan ad affermare quanto segue:

Questa moneta non funzionerà. Non si può avere un business in cui si può inventare una valuta dal nulla e pensare che le persone che la acquistano siano veramente intelligenti.

Se foste in Venezuela o in Ecuador o in Corea del Nord o in altri Paesi del genere, o se foste un trafficante di droga, un assassino, o cose del genere, lo fareste meglio con bitcoin piuttosto che con i dollari USA. Quindi potrebbe esserci un mercato, ma sarebbe un mercato limitato.

È peggio dei bulbi di tulipano. Non chiedetemi di posizionarmi short. Potrebbe arrivare anche a $20,000 prima che questo accada, ma alla fine esploderà. Onestamente, sono scioccato che chiunque non l’abbia ancora capito.

Il pezzo si chiude con una minaccia non poco velata nei confronti di qualsiasi impiegato stia giocando con bitcoin – un atto che avrebbe messo in cattiva luce l’individuo più bravo e capace di qualsiasi azienda.

Rabbia contro la tecnologia

Potreste notare qualcosa di strano in tutta questa storia. Non ha alcun contenuto sostanziale. Non un argomento confutato. Bitcoin è una valuta, forse la valuta più preziosa del mondo, migliaia di volte più preziosa per unità rispetto al dollaro. L’opinione di Dimon, secondo cui nulla di prezioso può essere creato con le cifre, è semplicemente antiquata. Ci sono stati innumerevoli tentativi di creare una valuta prima di bitcoin e tutti sono falliti per motivi tecnologici specifici.

E bitcoin non è stato creato dal nulla. È stato creato utilizzando risorse reali per confermare le transazioni sul primo libro mastro decentralizzato che tiene traccia dei diritti di proprietà (cosa che l’umanità deve fare per progredire). Questo significa portare valore fuori dal Venezuela o dalla Corea del Nord in un altro luogo, ed è notevole ed emancipatorio.

Dal nulla

Ma se si vuole parlare di denaro creato dal nulla, che dire delle migliaia di miliardi creati dalla FED nel 2009 ed utilizzati in parte per salvare JP Morgan? Infatti i salvataggi di Morgan sono iniziati prima che la maggior parte del resto del Paese sapesse che nel 2008 c’era una crisi immobiliare. Ma in realtà questo non è particolarmente niente di nuovo: Morgan ha lavorato a braccetto con lo stato per più di un secolo.

È abbastanza ovvio: Jamie Dimon non sa e non vuole sapere niente di bitcoin. Non è un crimine, ma parlare dell’argomento come se si fosse un’autorità è patetico.

Allora perché l’ha fatto?

Egli stesso l’ammette: ha parlato con sua figlia, forse durante una cena, e lei stessa s’è vantata di possedere bitcoin.

«È arrivata e pensava d’essere un genio», ha detto in preda alla rabbia.

Quindi papà ha deciso di rimettere al suo posto questa stupida ragazza. Le ha dato una bella strigliata. Inoltre si sarà chiesto dove aveva preso uno strumento monetario così particolare. Da parte sua non credo sappia dove ottenere criptovalute o cosa farne.

Forse li ha trovati in uno dei migliaia di bancomat in tutto il Paese?

I tipi come Dimon credono di possedere il sistema. Sono i grandi intermediari. I padroni dell’universo monetario. Nessuno entra nel sistema o esce senza il loro permesso. È stato così per migliaia di anni.

Bitcoin sta cambiando tutto questo. Scaricate un wallet, trovate un amico e siete i proprietari di una valuta in grado di acquistare qualcosa nel mondo, in qualsiasi parte del mondo. E c’è di più: qualsiasi individuo può raccogliere capitali, senza intermediari. Senza JP Morgan.

Diciamo solo che Dimon ha un lieve conflitto d’interessi qui. Ha ragione di temere l’obsolescenza del suo lavoro.

Problemi di rabbia

E questo potrebbe spiegare i suoi problemi di rabbia. Secondo me la figlia può confermarlo.

Però una cosa è sicura: sua figlia sa di più sul mondo moderno rispetto a lui. Scommetto che è più brava di lui anche con Instagram.

Forse dovrebbe essere amministratrice delegata di una JP Morgan ricostituita, concentrata sulla modernizzazione del denaro e della finanza piuttosto che costringerci in strutture sfruttatrici ormai agli sgoccioli.

[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐


Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Guido Sogliani

    Attendiamo con impazienza che licenzi pure sua figlia, vuoi che la figlia di papi non sia in un ramo d’azienda?

    • paolinks

      Dovrebbe licenziare anche se’ stesso, visto che JP Morgan sta da tempo facendo incetta di Bitcoin.

      Questo e’ il classico tizio che vuole che gli altri si tolgano di mezzo e gli vendano i loro Bitcoin a due soldi.

  • Domenico

    Le cryptovalute sono sicuramente in bolla. Come un po’ tutta la finanza del resto.
    La cosa da tenere in mente è che nessuna bolla va mai a zero, c’è sempre un sottostante dal forte potenziale innovativo che la regge. Proprio come con le dot-com qualcosa alla fine delle società in bolla rimane ed è quello che rivoluziona il futuro.

    • Silvius Brabo

      Con meno di 130 mld di euro (pensa a quanto capitalizza Amazon, Google o Apple…) a livello mondiale non può ancora considerarsi bolla.

  • Giovanni Netto

    ultime dalla siria … si lo so che c’entra come i cavoli a merenda….

    “It’s true, Russia targeted our forces, but this isn’t something that
    will scare or stop us. We are a military force and however much the
    state targets us we will reply in kind. The regime wants to intervent
    and stop us from progressing here. Whomever targets us we will target them. Whether it’s the Syrian regime or Russia, it doesn’t matter,” he said.

    https://southfront.org/sdf-vows-to-fight-against-russians-if-its-needed-video/

    in sintesi…

    noi (SDF) siamo un esercito cazzuto ……quindi se solo i coglioncelli con la stella rossa OSANO tirnaci anche un sassolino … risponderemo colpo su colpo e li sconfiggeremo..

    mi domando come faranno a fermare i Kalibr? con il retino per farfalle? ahahahahah!!
    https://youtu.be/KtExaZ9TwrM

    ma che cazzo fumano questi?

  • paolo pulicani

    Bhè quanto a diffusione di bitcoin non si comincia bene. Da una centralizzazione da monopolio istituzionale ad una centralizzazione da monopolio tecnologico….

    https://howmuch.net/articles/bitcoin-wealth-distribution

    …..

    • paolinks

      Li’ pero’ non dice quanti dei wallet “miliardari” sono di proprieta’ di exchange e mining pool.

  • Albert Nextein

    Dimon parla pro domo sua.
    Fa parte del sistema antico, davvero truffaldino.
    Basta guardare cosa valeva un dollaro nel 1910 e cosa vale oggi.
    La blockchain è altro.
    Qualcosa che Dimon non vuole capire.
    ad arte.
    Ma penso che anche lui possieda molti bitcoin.
    Tanto per sputare nel piatto dove mangerà.

    • luis

      pare proprio che, dopo aver fatto la sparata, e dopo aver in questo modo abbassato il prezzo dei bitcoin, alcune controllate della JPMorgan abbiano poi acquistato bitcoin a man bassa. Quindi il prezzo è salito e il detrattore ci ha grassato sopra !!!!

  • marcoferro

    io continuo a ripetere che questi bitcoin non mi ispirano la minima fiducia, aria fritta è per me…

  • iuter andrea

    finora quello che vedo su bitcoin è:
    -dicevano che c’era il limite, che non può aumentare perchè non si può stampare “come se non ci fosse un domani come accade con la moneta fiat…però intanto c’è già stato un fork che in pratica ha generato la seconda serie di btc (esattamente come sarebbe la seconda serie per le banconote stampate).
    -le transazioni son lunghe, ma sopratutto il prezzo da pagare per esse. guardacaso i probitcoin non ne parlano mai.
    -fuori da internet, nessuno ne parla nessuno li utilizza.

    è un commercio di aria fritta, certo qualcuno ci fà enormi guadagni, ma sperare di applicarla a tutti è da arroganti truffatori.

  • Lorenzo Ghiselli

    Bitcoin è una idea semplice e rivoluzionaria, ma per il momento è troppo volatile e poco utilizzata. Se dovesse prendere piede, non oso immaginare dove potrebbe arrivare.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi