Budapest: European Clash of Civilization

Di Nuke The Whales , il - 41 commenti

Budapest è una città che mi ha sorpreso. Vi riporto alcune fotografie scattate durante la vacanza, queste permettono di capire “come la pensano gli ungheresi” su certi argomenti.

    “Non lasciategli l’ultima risata”

In vacanza, di continuo, mi sono trovata davanti questi manifesti – il faccione di Soros è stato un richiamo irresistibile – e visto che gli ungheresi parlano quasi tutti bene l’inglese ho deciso di chiedere a molte persone cosa ne pensavano. Vicino all’università alcuni ragazzi affermano che Orban sta usando Soros per attribuirgli ogni male possibile e viene usato anche per cose che non hanno nulla a che fare con gli attuali problemi ungheresi. Qualcuno si lamenta che Orban a volte si comporta in modo leggermente dittatoriale, ma alla fine in Ungheria le cose vanno molto bene, c’è lavoro e va bene così. Ho cercato “risorse” ma non ne ho trovate nella capitale, ho cercato “diversamente bianchi” ma gli unici tre erano turisti britannici.

Orban sta inviando ai cittadini ungheresi un questionario formulato dal governo per esprimersi sul Piano Soros. Li ho trovati qua tradotti su  https://ungherianews.com/2017/10/04/consultazione-nazionale-sul-piano-soros/ :

  1. George Soros vuole convincere Bruxelles a ricollocare almeno un milione di immigrati dall’Africa ed il Medio Oriente nel territorio dell’Unione Europea, compresa l’Ungheria;
  2. George Soros, insieme ai funzionari di Bruxelles, vuole anche lo smantellamento della barriera di protezione alla frontiera e l’apertura dei confini per i migranti;
  3. Una parte del Piano Soros prevede la ricollocazione obbligatoria da parte di Bruxelles degli immigrati dall’Europa Occidentale all’Europa Orientale. Tra questi paesi dovrebbe partecipare anche l’Ungheria;
  4. Bruxelles, ispirandosi al Piano Soros, vorrebbe obbligare ogni stato membro, inclusa l’Ungheria, a pagare 9 milioni di fiorini per ciascun immigrato come aiuto di stato;
  5. George Soros vorrebbe inoltre che i migranti ricevessero pene meno severe per i crimini da loro commessi;
  6. L’obiettivo del Piano Soros è quello di relegare in secondo piano le lingue e la cultura europea, cosi da garantire una più veloce integrazione degli immigrati irregolari;
  7. Una parte del Piano Soros prevede il lancio di attacchi politici contro quei Paesi che si oppongono all’immigrazione, e l’imposizione di pesanti sanzioni contro questi Paesi.

https://www.agenzianova.com/a/0/1644255/2017-09-19/ungheria-premier-orban-ribadisce-posizione-budapest-su-immigrazione-e-conferma-distanza-da-visione-bruxelles/linked : “Vogliamo un’Ungheria ungherese e un’Europa europea”, ha proseguito Orban, aggiungendo che il futuro dell’Ue dipende dalla scelta dei due distinti gruppi di paesi di rispettare o meno la volontà democratica dei cittadini nazionali. “Accettiamo il fatto che i paesi ‘di immigrati’ decidano di divenire tali, ma allo stesso tempo chiediamo che essi accettino la nostra scelta, opposta alla loro”, ha affermato il premier di Budapest. Il problema, secondo Orban, è che oggi “i paesi pro-immigrazione vogliono creare una differenza fra i due gruppi di nazioni, raccomandando però che anche noi ci comportiamo come loro; se ci rifiutiamo, ci forzano a farlo”. 

Se un Paese ha a cuore l’indipendenza della propria nazione, la sicurezza e la cultura nazionale è ovvio che non accetterà mai le pretese di Bruxelles. Se l’ondata migratoria porta avanti l’Islam – in una nazione profondamente cristiana – la popolazione si batterà con dignità e non perseguirà le errate politiche UE.

E se poi “devo dire la mia” mentre sono in ferie in una capitale sicura, ben organizzata, scenografica e pulita: preferite rilassarvi alle terme Gellért o preferite fare il bagno in questa piscina?

ALESSIA  http://liberticida.altervista.org/ e  http://www.orazero.org/

 

 

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • GianAntonio

    Mi posso trasferire a vivere li… domani mattina?

    ..giusto il tempo di preparare le valigie.

    • Mario Rossi

      Beszél on magyarul? 😉

      • Parlano tutti inglese, anche persone di una certa età.

        • Mario Rossi

          Si ma vuoi mettere esprimersi nel loro idioma e coglierne le sfumature di colore? Io vivo in un altro grande paese Visegrad ed ogni giorno alla radio sento slogan tipo “rafforzare i confini”, “difesa dell’identità cristiana”, “no all’Islam”, e la politica é speculare a quella italiana, con una chiesa militante. Vuoi mettere il piacere di non sentire le stronzate della B. tutti i santi giorni e sentire la gente fare discorsi primitivi sensati?

          • Derek Di Perri

            Teljesen egyetértek nalád, Mario Rossi!

      • GianAntonio

        Magyarul tanulhatok

    • Mario Rossi
      • GianAntonio

        Ho appena letto l’articolo.

        Ora preparo le valigie.

  • Massimo Decio Meridio

    Se po’ votà Orban da qui ?

  • Mario Rossi

    Drugo… questo tuo breve racconto mi sta emozionando, e riportando alla magnifica estate del 1993 e successive… Moskva ter con la sua stupenda rotatoria che incrociava i tram, Torokbalint, Kelety Paliaudvar, Hotel Stadion… Batthyani ter, ul. Andrassy, Margit hid e la sua isola col magnifico giardino botanico…. ed il mitico uccello totemico “turul” sul “Lanchid hid”… Rakoczy ter, la piazza del gangsterismo ungherese degli anni ’90, … il Magyar Nemzeti Muzeum… e la piazza Ossok ter, la piazza degli Eroi, con Arpad Goncz il Re dei Re…
    Per non parlare del campeggio a Szekesfehervar (mi mancano un po’ di accenti per condire a dovere il nome della città)… la paprika della Baranya… che tempi, e chissà che fine ha fatto la mia amica Ildikò… 🙂
    Comunque, venendo a noi, non credo che le elezioni 2018 cambieranno in modo significativo il quadro politico italiano: il partito razzista anti italiano continua a veleggiare sul 25% e fra cespugli, cimici e altri parassiti vari, digiunatori di jus soli, responsabili di ogni stagione e cialtroni riciclati, con il beneplacito dell’Autorità Autoreferenziale Autocostituitasi (El Pap, Il Savio, Der DDR Republik, etc.) avrete un altro bel governo terzomondista che finirà la sua opera di demolizione dell’Italia, ovvero quella del prelievo forzoso dei vostri risparmi direttamente dal conto corrente, in nome della “solidarietà verso chi ha di meno”, con la scusa “ce lo chiede l’Europa”…
    Sono c… anzi, visto che siamo in Ungheria… pöcs vostri…

  • cagliostro

    nella foto manca il prete culattone,

  • Natalie

    Mi viene voglia di mandare i miei figli a studiare in Ungheria

  • AnonimoSchedato

    Alessia, ti rendi conto di quanto sei crudele a mostrarci quella normalità a cui aneliamo, così “banale” e così lontana ?

    • marcoferro

      hai detto una grande verità, “la normalità a cui aneliamo”. ma per i nostri capoccia traditori e venduti la normalità è tenere in libertà negri che defecano per strada oppure vogliono palpeggiare ragazzine in pieno giorno alle fermate di autobus. come qui..http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/molesta_studentesse_strada_bloccato_senegalese-3293294.html

      • Ronf Ronf

        E perchè la Boldrini sta zitta quando sono i migranti a fare le molestie?

        • marcoferro

          quella è una masochista con gravi turbe mentali. starebbe bene con un pigiamino con i bottoni sulla schiena. a me sembra una matta…

    • E da vera bischera ci sono andata in ferie.

      • Mario Rossi

        Perché “bischera”?

        • Mauro Rossini

          ipotizzo… si sente bischera perchè alla fine delle ferie se ne tornò a casa…

  • Peccato solo che l’ungherese sia una lingua ostica da imparare.

    • Mario Rossi

      Nem, ez nem nehéz, csak meg kell tanulni..

    • Ronf Ronf

      Ma gli ungheresi parlano bene anche l’inglese, quindi il problema vero è che in Italia non si insegna (e quando viene fatto lo si fa molto male) la lingua inglese

  • Albert Nextein

    Soros fa proposte demenziali.
    Orban fa benissimo a chiudere e controllare le frontiere.
    Anche a costo di uscire dall’unione europea.

    • Mario Rossi

      Per una porta che si chiude, c’è n’è sempre un’altra che si apre, e non detto che dietro l’altra non ci sia mai uno zio Vladimiro sorridente e come gadget di benvenuto non ti dia una bomboletta di gas a marca GAZPROM 😉 per accendere le sigarette, ovviamente..

  • Lucio

    Perché Soros vorrebbe questo? Un ricco inavvicinabile come lui.

    La cosa che mi ha reso triste in questo articolo è leggere che sono ragazzi ad affermare che forse Orban sta’ esagerando.
    Oramai la nuova generazione è fottutamente, riempita di stronzate come multietnicità e assenza di confini. Morale: siamo finiti.

    • Mario Rossi

      Gli Ungheresi, più essendo di meno di noi italiani, hanno molte più chances di salvarsi, perché vogliono salvarsi. I giovani la crescono in un ambiente culturalmente sano, e a quelli che hanno dei dubbi sulle dottrine politiche di Orban, basterà fare un po’ di passeggiate nel Londonistan, nella banlieue parigina, oppure alla stazione centrale di Milano, o leggere i deliri quotidiani buonisti dei nostri politici. In poche parole, un bagno salutare nella nostra realtà, farà apprezzare meglio la loro. E intanto voi in Italia continuate a votare PD o M5S, mi raccomando…

    • iuter andrea

      Leggi la sua biografia. Lui ha fatto enormi guadagni proprio destabilizzando economie di nazioni come quella inglese e italiana.

      • Dogui

        Con la Brexit ha perso qualche miliardo di dollari. E spero ne perda ancora.

        • iuter andrea

          La brexit non è ancora successa e con i tempi biblici per farla si ha tutto il tempo per salvare il patrimonio.

          • Dogui

            Ha longato la sterlina prima della brexit e il giorno dopo si è trovato qualche miliardo in meno in tasca.
            http://fortune.com/2016/06/27/soros-pound-brexit/

          • iuter andrea

            se non è una scommessa (di finanza o generica non importa) e a meno che non ha cambiato le sue sterline il giorno dopo non ha perso niente visto che poi la sterlina si è rivalutata già 2 giorni dopo.

          • Ronf Ronf

            Era dopo le Presidenziali USA che Soros aveva perso alcuni dei suoi miliardi in Borsa, non sul Brexit @iuter_andrea:disqus @disqus_UMHOq4sk32:disqus 😉

          • Dogui

            Anche sul Brexit il suo fondo ha perso soldi.
            Ereno long pensando al Remain , se l’è presa in saccoccia.
            http://fortune.com/2016/06/27/soros-pound-brexit/

  • paolo

    Morirà prima o poi?

  • aiccor

    sono una popolazione compatta culturalmente. E’ la loro forza, roba che noi ce la scordiamo. Ma poi dico: ma dobbiamo pendere dalle labbra di soros?? come ha tutto sto potere da sottomettere l’europa? possibile che una nazione non possa prendere provvedimenti contro un solo uomo? o non è solo un uomo?

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi