Dopo 48 ore, primo arrestato e Musumeci è già in bilico. Dai, adesso riditemi che vale la pena votare

Di Mauro Bottarelli , il - 174 commenti


Hai voglia adesso a parlare di giustizia ad orologeria. In punta di autonomia dalla politica, infatti, la magistratura ha atteso che il voto siciliano si compisse, prima di arrestare e spedire ai domiciliari il neo-eletto deputato siciliano dell’UDC, Cateno De Luca, per evasione fiscale. Ovviamente, l’inchiesta che vede coinvolto l’esponente centrista, eletto con la coalizione di centrodestra che ha incoronato Nello Musumeci, era in corso da tempo e, con ogni probabilità, pronta a entrare nella fase esecutiva prima di domenica 5 novembre: per garbo istituzionale e per non turbare l’andamento del voto, si è atteso la chiusura delle urne e la proclamazione dei risultati.

Poi, sbam! Ora, Cateno De Luca (la cui foto di copertina, per quanto mi riguarda, è già un inno all’astensionismo) era un dei cosiddetti “impresentabili” nelle liste del centrodestra, quelli che hanno fatto la fortuna dei perdenti, dal PD ai Cinque Stelle, i quali hanno trovato terreno fertile per polemiche in stile Mani Pulite che nascondessero un po’ di magagne e oggettive responsabilità politiche (Di Maio e Cancelleri hanno girato l’Isola in lungo e in largo per un mese, mettendo il carico da novanta su un appuntamento che poi hanno perso, voti di lista parte) . Insomma, già in passato era incappato nelle maglie della giustizia durante la sua carriera politica e forse sarebbe stato meglio dirgli di stare a casa, piuttosto che candidarlo. Tanto che lo stesso Nello Musumeci, subito dopo la notizia dell’arresto, si è tolto un bel macigno della scarpa, di fatto rivendicando d’ora in poi l’ultima parola sulle scelte riguardanti la sua giunta.

C’è però un problema. Anzi, tre. Primo, Quello di Cateno De Luca era il 36mo seggio del centrodestra su 70 a disposizione al Parlamentino siciliano, ovvero garantiva la maggioranza, seppur molto risicata. Ora, a nemmeno 48 ore dal voto, Nello Musumeci è già a rischio a ogni votazione, a ogni provvedimento. Certo, quel seggio in più non garantiva nulla nel Paese dove il trasformismo politico e la questione del vincolo di mandato sono dirimenti ma era già qualcosa. Così, la strada parte decisamente in salita. Un segnale preventivo per un uomo ritenuto troppo libero e onesto per il ruolo che è chiamato a ricoprire? Secondo punto, Cateno De Luca fa parte di quell’UDC di Lorenzo Cesa che aveva dimostrato come i partiti centristi servano ancora per vincere, nonostante la pessima figura fatta invece in tal senso da AP di Angelino Alfano. Ma dove aveva dimostrato la sua utilità?

Nelle file del centrodestra, mentre AP si era schierata nel centrosinistra a favore della tanto travagliata candidatura di Micari, creando un enorme mal di pancia in MDP, la quale non a caso ha rotto, scegliendo di sostenere Claudio Fava e sancendo così la morte preventiva di ogni speranza del centrosinistra nell’Isola. Anche qui, il segnale è chiaro, al netto dell’impresentabilità di De Luca. Terzo e più importante, quanto accaduto rappresenta un assist spettacolare per i Cinque Stelle. Con il caso De Luca, infatti, a finire sul banco degli imputati è la possibilità stessa di infilare nelle liste proprio personaggi di dubbia personalità, mischiandoli agli altri. Esattamente quanto consentirà il Rosatellum-bis, la legge elettorale con cui andremo a votare in primavera, dopo l’imprinting del presidente, Sergio Mattarella, della scorsa settimana.

Bingo, non solo fin da oggi c’è la scusa giusta e pronta per coprire qualsiasi risultato negativo a livello elettorale ma, soprattutto, la prova provata a tempo di record che il Sistema ha varato una legge che manderà in Parlamento corrotti ed evasori, insomma impresentabili di ogni risma. E solo il Movimento 5 Stelle, il quale ha protestato in maniera a dir poco muscolare contro il Rosatellum-bis, potrà essere argine a questa degenerazione. Un possibile drenaggio di voti legalitari sia verso il i delusi del PD che verso la Lega senza più Nord di quel Matteo Salvini che la nuova legge elettorale l’ha voluta e sostenuta.

Insomma, al netto che la magistratura debba fare il suo lavoro, il ricasco politico del caso De Luca rischia di essere enorme. E se poi De Luca risultasse estraneo alle accuse mosse, quasi certamente dopo il voto legislativo, conoscendo i tempi della giustizia italiana? Non sarebbe stata una turbativa molto grave, ancorché involontaria, del processo elettorale non solo siciliano ma a livello nazionale in vista delle politiche? Insomma, in un modo o nell’altro, l’effetto orologeria c’è. Comodissimo. Il PD per qualche giorno, in caso di necessità, potrà evitare di far volare gli stracci in pubblico riguardo la leadership di Matteo Renzi, certamente non un bello spettacolo. MDP di Bersani e D’Alema potrà evitare di dar conto del risultato residuale ottenuto in Sicilia, di fatto la riprova che non contano un cazzo di niente e sono lì a pregare tutti i santi che Grasso dica sì alla leadership della sinistra extra-PD.

Mentre Angelino Alfano potrà evitare il processo interno ad AP lanciato subito dopo lo spoglio da Roberto Formigoni, il quale ha detto chiaro e tondo che d’ora in poi la coalizione dovrà essere con il centrodestra, visti i risultati. Nel frattempo, festa un po’ rovinata per Forza Italia, già poco entusiasta per il troppo protagonismo nella vittoria di Fratelli d’Italia, per la Lega che si trova invischiata seppur lateralmente in una questione di impresentabili del Sud e di manette e, soprattutto, proprio per Giorgia Meloni, giustamente protagonista negli ultimi giorni, avendo imposto il nome di Nello Musumeci contro i veti degli alleati, regionali e nazionali e ora intenzionata a reclamare il dividendo politico a Roma.

Ora vi chiedo, al netto di tutto questo e di ciò che sicuramente porterà con sé nei prossimi giorni e settimane che ci dividono dalle politiche, quanto vale il voto di chi è andato alle urne, nemmeno 48 ore dopo lo spoglio? Gli equilibri siciliani, già in bilico, ora vedono Nello Musumeci camminare sul filo del trapezista fin della prima seduta di giunta, rimettendo potenzialmente in discussione alleanze e tenuta politica: non è che gli impresentabili, lungi dall’essere caduti per sbaglio nelle liste, siano stati sabotatori scientemente candidati per minare da principio lo scomodo – perché troppo onesto – Musumeci e garantire una via di fuga, leggi nuove elezioni nell’Isola in tempi brevi? Il dubbio viene e se viene, vi prego di ridirmi con calma tutte le straordinarie motivazioni per cui vale la pena votare, stante i dubbi e le pastoie emerse quando le urne siciliane non sono nemmeno state riposte nei magazzini.

E’ un teatrino e io a fare il pupo di qualcuno, proprio non ci sto. Se non voti, lasci ad altri la delega in bianco sul tuo futuro? E spiegatemi, di grazia, dopo l’ennesimo straordinario esempio di pantomima tra Poteri giunto dalla Sicilia, quando è stata l’ultima volta che un voto in Italia non si sia sostanziato poi in una pastoia parlamentarista? Vogliamo parlare della banche, di colpo diventate l’ossessione populista di Matteo Renzi, novello Robin Hood dei correntisti inculati? Al netto che la pagliacciata della Commissione d’inchiesta finirà – senza alcuna possibile proroga – con la fine della legislatura, ieri Pier Ferdinando Casini ha detto che i nomi dei grandi debitori resteranno top secret.

Ora, al netto che li sappiamo già, almeno noi che ci occupiamo e interessiamo di certe cose, come mai il primo (e forse unico) atto concreto di un’istituzione con poteri pari a quelli della magistratura è omettere parte della verità, senza che nessuno dica un cazzo? Io i nomi – da Zonin a Caltagirone, in poi – li voglio a stampati caratteri cubitali sulle prime pagine dei giornali, al pari di quanto accadrà domani all’impresentabile Cateno De Luca, certamente meno impresentabili di lorsignori che si sono fottuti miliardi, senza che nessun vigilante avesse alcunché da dire. Perché hanno mangiato tutti. Vogliamo parlare della pantomima dei lavori usuranti da escludere dall’aumento dell’età pensionabile? Per mesi il governo nemmeno si è posto o il problema, ora che c’è odore di urne convoca le parti sociali d’urgenza e danza un balletto ridicolo con INPS e Bankitalia, altro ente dalla specchiata propensione al controllo, per cercare di esentare qualche categoria, sperando di comprarsene il voto.

A casa mia si chiamata, appunto, voto di scambio: nulla da dire, tanto abbiamo Cateno De Luca da appendere al lampione del pubblico ludibrio e del gioco delle parti politico. Dai, ditemi che vale ancora la pena di credere a questo Paese, al fatto che un ventenne (ma anche un trentenne) pagando i contributi prima o poi andrà in pensione, alla favola bella del voto che ci mette in mano le chiavi del nostro futuro, al suffragio universale, al parlamentarismo di sto cazzo e alle sue pastoie maleodoranti. Io vi ascolto. Con interesse. Ma attenzione, perché per quanto suicida come tattica a livello di ottica contrattuale, la scelta dei lavoratori dell’ILVA di Genova di occupare la fabbrica, proprio mentre al ministero stava partire la trattativa con sindacati e proprietà indo-lussemburghese, ci dice che la gente comincia veramente ad averne pieni i coglioni e a mettere in pratica la tattica disperata del “tanto peggio, tanto meglio”. Come ha fatto Renato Pozzetto ne “La patata bollente” per ottenere i depuratori, dopo l’ennesimo malore di un collega. Eccolo qua,

la patata bollente-Renato Pozzetto (dal direttore)

in tutta la sua primitiva e brutale schiettezza e non pragmatica concretezza: mi spiace ma in questo momento storico, con queste dinamiche e questi soggetti, votare non serve a un cazzo, se non a tenere in piedi il teatrino di una falsa legittimazione popolare ai loro giochi di potere, impresentabili o meno. Il collasso del sistema non è lontano, i numeri dell’ISTAT possono vendere tutte le cazzate pre-elettorali che vogliono ma quando il governo tedesco sarà formato e l’Italia avrà tenuto il suo vuoto rito politico di primavera, partirà la resa dei conti. Oltretutto con la BCE che, giocoforza, potrà sorreggere la baracca sempre meno e sempre meno platealmente. Devo essere complice di chi ora è così umanamente e politicamente misero da scaricare la colpa di ogni nefandezza del mondo su Cateno De Luca, l’impresentabile in un mondo di virtuosi e vergini? No, grazie. Resterò un illuso che lascia scegliere ad altri ma questa merda ve la regalo proprio tutta. Timbri elettorali sulla scheda compresi, se vi fanno sentire più liberi e protagonisti.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Semplice

    Per quelli che lo hanno votato si, sicuramente vale la pena, altrimenti perchè votarlo ?

    • alboino

      Probabile che molte promesse pendenti dovesse soddisfare l’eletto ai suoi elettori.

  • Winston Smith

    Se gli avessero mandato l’avviso di garanzia prima delle elezioni, sarebbe stato (giustamente) ‘giustizia ad orologeria’.
    Adesso, che la magistratura lo indaga (per evasione fiscale, quindi per ‘legittima difesa’) è ancora ‘giustizia ad orologeria’…
    Insomma decidiamoci.

    • Caio Giulio

      Ma sarà un ladro sicuramente, la cosa che veramente è ad “orologeria”, ma ferma sempre sulla stessa ora, è la coglionaggine di chi riesce a far eleggere sempre queste merde.

      • alboino

        Chissà quante promesse pendenti doveva soddisfare l’eletto ai suoi elettori!

  • biafra66

    Carissimo Bottatelli, non si perda tra “cazzari” votati da “cazzoni”, tutti orgogliosamente e “orgoglioni” nella loro divisa tricolore. Mentre vi raggirano con il più classico dei film “manette e politica”( la “cicilia” è un sequel perfetto), dicevo mentre vi intortano con pirlate, i piromani vi hanno acceso la miccia della bomba ,sulla quale siete seduti; mi riferisco alla banca Creval e all’andamento dei titoli bancari(?) Italioti. Vedo che gli “amici” di Bridgewater sono già allo sportello per l’incasso…mentre voi siete ancora al votare o no, ma per chi poi?
    Preparate l’elmetto….piovono…azzi!

    • Caio Giulio

      Ma tanto che ci vuole? basta solare tutti come ben sai e continui a pontificare.

      • biafra66

        Giornata difficile in borsa? ….”stai sereno” domani andate di rally! Questo dimostra che “fate tutto voi” da soli…o anche questo è colpa del “surplus commerciale tedesco”?
        Pagate il debito…ladroni.

        • Caio Giulio

          Ipse dixit l’amico dei sola veri, quelli che basta che scendono nella loro piazzetta con quattro tamburi e la facce colorate e poi fottono i loro vicini che di soldini ne hanno prestati tanti.
          Quindi vedi di non fare il fenomeno, che noi per ora li stiamo ancora pagando, al vostro contrario da truffatori.

          • biafra66

            Ah…..adesso ho capitoooo!
            I vichinghi devono aver fregato anche te….certo farsi fregare dai compatrioti a casa propria ha tutto un altro gusto. E sempre per fare “buona informazione” sono stati olandesi e inglesi a fare i furbacchioni. ..ma qui hanno la spina dorsale (al contrario che da voi) li hanno presi a calci in culo e cacciati da banche e dal paese…alcuni ingabbiati nella lussuosa prigione locale. Studia la storia.

          • Caio Giulio

            Dalle mie parti non pagare i debiti si chiama truffa PUNTO.
            Spina dorsale? Ma se manco avete un cazzo di esercito, vi si mangerebbero a colazione come e quando vogliono, e l’unico mistero è il perchè l’avete sfangata, anche se mai dire mai.

          • biafra66

            Hihih…perché a cialtronia avete un esercito?…qui almeno si risparmiano gli stipendi dei generali…da voi? C’è però un ottima guardia costiera e polizia di frontiera. ..e sparano!
            ..e poi chi avrebbe interesse ad invadere una terra di vulcani ghiacciai muschi e terremoti giornalieri?
            Infatti i neri vengono tutti da voi. Vabbe’…notte eh?!?! ..vado a farmi una “schifosa birra locale”. Coraggio anche per oggi l’avete sfangata.

          • Caio Giulio

            Bravo, vatti a bere il piscio locale mentre io vado con un buon Montepulciano abbinato con delizie nostrane.

          • biafra66

            ….mastica piano bene e non amaro…potrebbe andarti tutto per traverso….e gli ospedali dalle tue parti non sono un granché. Saluti cari …dal nord!

          • Caio Giulio

            Vai,vai, che il piscio ti si scalda nel frattempo.

  • Roberto Marson

    Concordo al 100% con il contenuto dell’articolo,alle prossime elezioni stiamo tutti a casa e non rendiamoci complici di questi politici parassiti nessuno escluso.

  • marcoferro

    i siciliani dovevano votare e dare la vittoria ai 5stelle, semplicemente. ma è il sonno quello che i siciliani vogliono e odieranno sempre chi tenta di svegliarli come diceva qualcuno…

    • Caio Giulio

      Meglio che sto zitto, ma sui siciliani troppo ci sarebbe da dire..

      • marcoferro

        tipo i 27 mila forestali ? ah ah , assurdo.

        • Caio Giulio

          Peggio, sono clientes fino al midollo, campano di compari e comparielli proprio per dna di secoli di asservimento.

          • alboino

            E gli altri tanto più “abbozzano” quanto più sali di latitudine. Lo spostamento a nord della sciasciana “linea delle palme e del caffé” ha fatto tracollare il QI di chi la trapiantava.

    • Sergio Andreani

      Cazzi loro.
      Imparino a tingersi la pelle di nero.

      ” Basta poco: che ce vo’ ?!? “

    • Ronf Ronf

      Circa il 3% degli elettori ha votato per i partiti di destra come voto di lista e poi ha fatto il voto disgiunto sul candidato Presidente del M5S e più di così era davvero impossibile (in Liguria il disgiunto tra la lista della Lega e il candidato Presidente del M5S alle Regionali 2015 era del 2%). @hurom:disqus @disqus_NfACm7BGSM:disqus @biafra66:disqus @disqus_NzzpDCyZ7r:disqus @disqus_DZ1bKqlkK3:disqus @sergioandreani:disqus @WinstonSmith1970:disqus

      • Caio Giulio

        Quattro gatti, speriamo nei ballottaggi.

        • Ronf Ronf

          Nei ballottaggi, il centrodestra ha SEMPRE votato in modo compatto per il M5S contro il PD in tutte le varie Comunali (dal 2012 in poi, cioè da quando il M5S è emerso) e i grillini hanno ricambiato il favore nelle Comunali 2017.

          • cagliostro

            mi fa piacere leggerti in questo post,
            dove riconosci che il mv non è la sinistra.

          • Ronf Ronf

            Il problema del M5S sono i militanti, i consiglieri regionali e i parlamentari che spesso sono molto a sinistra: si veda infatti quanto accaduto con Orellana (eletto in Senato con il M5S, ha tradito perchè lui è di sinistra). Grillo e Casaleggio invece non sono di sinistra: comunque tu spesso mi hai offeso a causa del mio sostegno alla Meloni, quindi ora ti dico una cosa. Tra agosto e novembre 2 senatori si sono staccati da FI per andare con la Meloni: come vedi, il partito della Meloni serve per svuotare il partito di Berlusconi. Prescisamente si tratta di Stefano Bertacco (uscito da FI il 1 agosto 2017) e di Bartolomeo Amidei (uscito da FI il 8 novembre 2017). E notare che entrambi sono entrati in Senato solo dopo il settembre 2014 (quando un senatore si dimette, allora entra il primo dei non eletti) e in Veneto c’erano loro tra i primi non eletti: Bertacco e Amidei sono entrambi al primo mandato, NON hanno mai avuto problemi giudiziari, vedi su Wikipedia le loro biografie. Ora capisco perchè per me è fondamentale far sopravvivere il partito della Meloni? Fratelli d’Italia serve per azzoppare FI: quei 2 Senatori sono entrambi del Veneto, quindi questo vuol dire che FI al Nord sta crollando non solo verso la Lega ma persino verso la Meloni e questo vuol dire che manca poco al crollo definitivo di FI (notare che quei 2 senatori sono 2 politici ex AN che nel 2013 si erano candidati nel PDL, quindi ora se ne vanno verso Fratelli d’Italia che è l’erede di AN). Capisci cosa vuol dire questo, vero? E infatti il Presidente della Liguria Toti sta dicendo a Gianni Letta e Ghedini “o Silvio se ne va oppure crolla FI”

          • cagliostro

            orellana, come zaccagnini ed altri, hanno tradito x soldi.

          • Ronf Ronf

            Chi li ha candidati? Io oppure il M5S? Chi ha distrutto la legge elettorale del 5% usando un pretesto idiota ben sapendo che il PD mai e poi mai avrebbe accettato la proposta sul Trentino? Sempre voi del M5S. Infatti in Commissione il PD aveva detto ai grillini “se passa l’emendamento sul Trentino a causa vostra, allora poi vi beccate il maggioritario e quindi voi piangerete disperati”. Ovviamente in Commissione il M5S ha votato NO alla proposta sul Trentino e quindi il PD disse “bene, ci possiamo fidare di voi” e il M5S disse che avrebbe votato di NO anche in Aula. Poi però il M5S in Aula (perchè i giornalisti di sinistra stavano attaccando il M5S) ha cambiato idea votando SI e quindi è crollata sia la legge elettorale che le possibilità di vittoria del M5S (nei sondaggi aveva il 40% per le Regionali in Sicilia prima del crollo dell’accordo sulla legge elettorale: dopo è costantemente sceso e quindi poi ha perso. Ti ricordo che come voto di lista il M5S ha ottenuto soltanto il 27% e questo non basta per vincere nei collegi maggioritari e quindi era meglio avere il proporzionale con il 5% di sbarramento)

          • cagliostro

            In siciala ha vinto la coalizione dei mafiosi, e lo sai bene, il 53% non ha votato.
            Fossi in te non mi vanterei troppo del 5,2% di fdi e lega
            Vista la bella compagnia con cui siete imparentati.
            X la legge elettorale, il rosatellum, sono convinto che che se ne dica portera dei vantaggi sostanziali al mv.
            E Il 34% ottenuto avendo contro le cosche avendo contro le tv e contro tutti i media non è cosa da poco.

          • Ronf Ronf

            Ma tu non eri quello che mi avevi detto DUE GIORNI FA che il 27% come VOTO DI LISTA del M5S non era sufficiente per vincere nel maggioritario? TU STESSO MI AVEVI DATO RAGIONE! Ti ricordo che il voto di lista è quello che si da al partito, mentre tu hai citato il voto per il candidato Presidente: poi ti avevo detto che c’era un 3% di destra che ha votato Meloni-Salvini come voto di lista ma che si è messo a fare il voto disgiunto a favore del candidato Presidente del M5S (e tu mi avevi dato ragione persino sul fatto che alle Politiche c’è solo il voto di lista visto che NON c’è il voto disgiunto quando si fanno le Politiche). E avevi persino detto che la piantavi di insultarmi… ti ricordo che io stesso ho detto che i voti della Lista Musumeci Presidente (quella in color giallo scuro) vanno sommati ai voti di Salvini e Meloni perchè alle Politiche non c’è la lista civica, quindi siamo ad un 12-13% che non è da buttare. E io stesso PRIMA delle elezioni ti avevo preannunciato questa cosa: ti serve del fosforo!

          • cagliostro

            Io non sto affatto insultandoti, me ne guarderei bene e non ne vedo il motivo.
            Che poi il mv non sia di sinistra ne è confermato che molti votanti di destra lo votino ne è una prova.
            Che poi le percentuali siano variabili è un dato di fatto
            La politica vive giorno x giorno

      • marcoferro

        io credo che con questa votazione ora si ha una idea di cosa saranno le elezioni di marzo a livello nazionali. con impresentabili, innominabili, etc..legge elettorale voluta anche da salvini e qui mi ha deluso. unico ad opporsi il m5s.

        • cagliostro

          salvini è parte integrata del sistema,

          • marcoferro

            attacca tutti e poi si allea con loro è un comportamento incoerente.

          • Caio Giulio

            E’ un altro cazzone che mi sta deludendo. Tornare con il nano moribondo è suicida.

          • marcoferro

            si concordo, il pedo-nano senile è finito ma non sembra rendersene conto…

          • cagliostro

            è alla spasmodica ricerca di poltrone, un puffo degno compagno del bomba, 2 buffoni.

          • marcoferro

            https://www.youtube.com/watch?v=lM7WJD8YZTQ&t=62s questo mi fa morire dal ridere…

          • alboino

            un italiota del mucchio.

        • Ronf Ronf

          Occhio che il Rosatellum-bis NON prevede le preferenze (che invece ci sono alle Regionali), quindi prevede un sistema misto di liste bloccate per il 64% di quota proporzionale e un sistema di collegi maggioritari uninominali per il 36% di quota uninominale. Mettere un impresentabile nel maggioritario, sai cosa significa? Perdere il seggio. Mettere un impresentabile nella quota proporzionale vuol dire rischiare i ricorsi che ti farebbero annullare la lista: il problema quindi è decisamente più piccolo di quanto @disqus_DZ1bKqlkK3:disqus pensa…

          • marcoferro

            ma in sicilia lo hanno fatto e ha preso pure i voti. per non parlare del figlio di 21 anni di quel frantantonio, come kazzo si chiama questo, genovese, che ha preso 17 mila voti.

          • Ronf Ronf

            Ripeto: alle Regionali c’è la doppia preferenza, alle Politiche non c’è. Cosa non è chiaro? Questo significa che alle Regionali gli impresentabili possono candidarsi in maniera molto più semplice rispetto alle Politiche perchè alle Politiche gli impresentabili dovrebbero o mettersi nei collegi maggioritari o nel listino bloccato proporzionale: nel primo caso sarebbe un suicidio (tutti gli altri lo attaccherebbero e il collegio maggioritario verrebbe perso) e nel secondo caso ci sarebbero gli altri candidati a protestare boicottando tutta la lista. Con le preferenze invece si può candidare chiunque perchè chi NON è impresentabile può sperare di essere eletto al posto dell’impresentabile: con le liste bloccate invece mancherebbe questa speranza e senza il lavoro dei NON impresentabili poi non arrivano i voti di opinione che servono per vincere alle Politiche (e figurati poi cosa succederebbe nel maggioritario…)

          • marcoferro

            comunque fino a marzo, se fosse marzo ancora non si sa, c’è ancora molto tempo e il solito asteroide potrebbe trarci d’impaccio…

          • AnonimoSchedato

            Credi davvero che i ricorsi potrebbero annullare le liste bloccate e quindi togliere legittimità alla votazione?
            Ma chi avrebbe il coraggio di fare una cosa del genere?
            Lo trovo irrealistico. Lista bloccata = voto svuotato di ogni valore, quindi nessuna legittimità. IMHO.

          • Ronf Ronf

            C’è la Legge Severino a stabilire che certa gente non è candidabile, quindi se tu candidi della gente che ha determinati guai giudiziari, allora esiste una possibilità che ti venga annullata la lista e con il maggioritario poi avresti la decadenza del parlamentare e quindi il voto anticipato in quel collegio!

          • AnonimoSchedato

            A parte l’ovvia soluzione dei prestanome (o uomini di paglia), si può essere impresentabile anche senza un procedimento penale in corso. Comunque è un inizio.

          • Ronf Ronf

            Ma allora in quel caso viene eletto il prestanome che non ha problemi giudiziari, quindi davvero io non capisco dove sta tutto il vostro problema… e vi ricordo che il parlamentare (specialmente nel maggioritario all’italiana) non conta un cavolo a livello singolo: anzi, gli impresentabili sono i più fedeli quando stai al governo (il problema infatti sorge quando sei all’opposizione… Verdini era il più fedele a Silvio quando lui era al governo: infatti a creare danno erano gli “onesti” Follini e Fini)

          • AnonimoSchedato

            Personalmente il mio problema è trovare un metodo che aiuti i migliori, per quanto questa possa essere possibile, e renda più difficile galleggiare agli escrementi.

          • marcoferro

            ronfo qua stimo parlando della first figa melania, che ce ne fotte del rosatellum in questo momento…anche se a te piace la yespica.

  • Caio Giulio

    Certo, adesso tutti quelli che permettono a certi noti ladri di farsi eleggere, grattandosi i coglioni, sono gli agnellini della situazione. Bene, bravi bis, continuate così che con quattro commenti si cambiano le cose… sì , però in peggio, tranquilli.

  • Lo Ierofante

    Quisquiglie da basso impero.

    • Caio Giulio

      Infatti nel basso impero manco i tribuni esistevano più, grazie a una plebe sempre più cogliona e sconfitta.

  • hurom

    sono 15 anni che lo ripeto. o il teatrino di nani troie e ballerine lo si fa SALTARE delegittimandolo con il NON-VOTO e lo sciopero fiscale quando, come e dove si può., ad oltranza,
    altrimenti questi guitti col culo incollato alle cadreghe che fingono di farsi la guerra non ce li leviamo dalle palle.
    sono come zecche sui coglioni, devono essere rimosse con cura, altrimenti ci riinfettano.

    • Caio Giulio

      E come le rimuovi? aspettando che muoiano?

      • hurom

        non votando e pagando il minimo di gabelle ive, tasse imu inps accise e canoni, gli togli il sangue. la zecca o muore di inedia o si stacca e cerca di parassitare qualcosa altro.

        • Caio Giulio

          Allora stai fresco, visto che anche come evasore totale, le tasse le paghi eccome, anche solo per campare attraverso le accise e l’IVA. Poi se pensi che questi si mettano paura di quelli come te..

          • hurom

            appunto consumo il meno possibile, scambi tra privati, e compravendita di usato.
            dalle mie tasche esce una frazione di ciò che mi estorcerebbero se “mi affidassi a mamma stato” . non ho detto che esco da matrix-italia, solo che ci navigo con furbizia.

          • Caio Giulio

            Ma come vedi non serve a niente, anche se ci fossero un milione come te.

          • hurom

            io a differenza tua conservo nel mio cuore un certo qual ottimismo, ben cosciente che si deve toccare il fondo per poter risalire, e ci siamo quasi, è il momento peggiore, oscurità e mancanza di visione ed ossigeno, prima della risalita.
            qualcuno la chiama fine della kali yuga

          • Caio Giulio

            Parlando di zecche, lo sai che se lasciate fare alla fine uccidono l’ospite quando è troppo debole per combatterle?

          • hurom

            ho avuto un cane morto così. appena è spirato, migliaia di zecche sono emerse brulicando da ogni dove, in fuga dal cadavere. una scena raccapricciante, da alien.
            l’ ospite nel nostro caso è “il sistema italia” e DEVE MORIRE per essere sotituito da un altro sistema. dittatura illuminata, smembramento nazionale, secessione, annessione, fate vobis.

          • Caio Giulio

            A me è successo con un gatto affetto dalla sindrome felina, le pulci l’avevano ridotto a pelle e ossa nonostante i vari trattamenti. era ormai troppo debole appunto.

          • marcoferro

            in Grecia per esempio stanno nella merda fin sopra i capelli, con la mortalità infantile a livello del terzo mondo, fame, disoccupazione, gente che non ha neppure il riscaldamento in inverno, ne i soldi per curarsi, etc..oppure non succede niente, la gente continua a sprofondare apaticamente senza alzare un dito invece di mitragliare i loro politici…

          • hurom

            evidentemente non hanno ancora toccato il fondo nemmeno loro.
            quando non avranno più nulla da perdere, allora si muoveranno, anche solo per essere schiacciati dai blindati.

          • marcoferro

            che devono sopportare ancora le cavallette, che vadano tutti sotto i ponti e che si nutrano di un pezzo di pane raffermo ? spero che non ci arrivino a tanto ne loro ne noi….

          • Caio Giulio

            Magari alba dorata, tanto per dire 😉

          • marcoferro

            preferirono quella truffa vivente di tzypras invece che votare loro, quindi si sono dati la zappa sui piedi i greci

          • alboino

            Ma semmai ci arrivano, ci schiacceranno i blindati, come prevede il tuo pre-corrispondente. Allegria!!!

          • alboino

            grande scoperta e … grande incoraggiamento!

          • alboino

            Però uno sciopero fiscale non può essere un gesto personale e spontaneo, se vuol funzionare. Sennò ti tagliano le gambe. Dovrebbe essere un atto organizzato politicamente, Ma qual è il partito o movimento che l’organizza? Finora non lo vedo proprio. E la spiegazione è, a mio lume di naso, abbastanza semplice. Manca una “base” da cui un simile movimento possa nascere. Ogni serio movimento di protesta è l’inevitabile espressione di uno scontento diffuso. Se tal movimento non c’è, vuol dire che lo scontento non è così diffuso … e che si può ancora tirare a campare…

          • hurom

            deve essere un atto squisitamente individuale, dove ognuno fa del suo meglio. basta con i movimenti, collettivismi e “l’unione fa la forza”. questa è la filosofia dei deboli, nani psicologici, io da solo conto un cazzo, se non ho la tribù/branco intorno a me non mi muovo.

            si deve essere consapevoli, preparati e responsabili, per se stessi e il proprio ambiente famigliare.
            quando sempre più persone faranno così, si arriva alla massa critica , alla 100esima scimmia, che fa ribaltare il banco .

          • marcoferro

            prendi la rivoluzione di ottobre, bastarono circa 200 persone e l’appoggio della polizia segreta. avevano una lista di personalità da far fuori subito e quello fecero..

          • Caio Giulio

            Lo dico da sempre, che mai come oggi, i famigerati mille basterebbero eccome, visti i piedi di argilla di questa respubica.

          • marcoferro

            ma dovresti avere sempre l’appoggio dell’esercito minimo per poi poter operare…

          • Carlo Robotti

            200 Puffi, leggi meglio, c’è scritto Puffi.

          • alboino

            allora… auguri!!… e speriamo che il tuo ambiente familiare sia d’accordo con te.

          • alboino

            Tant pis, tant mieux!

          • alboino

            Complimenti!

          • cagliostro

            complimenti, polli e galline un po di cavoli e zacchete fregato lo stano niente macchine ne benzina x il tel, cloni quello del vicino e il wi-fi quello del bar, x la corrente al palo enel piu vicino e il gioco è fatto,

          • Antonello S.

            Quello che riesci a risparmiare in questa maniera, e con un certo sacrificio, se dicono se lo riprendono in un nano-secondo.
            Meglio godersi la vita e pensare a coltivare le proprie emozioni.

    • alboino

      Nutri troppe speranze negli italioti, che oramai sono all’entropia inerziale. Entropia sia che si voti, chiunque si voti, oppure che ci si astenga. E’ inerziale perché continuerà riproponendo lo stesso schifo, nei millenni a venire, ammesso che le “speranze di vita” del genere umano siano di millenni.

      • Caio Giulio

        Invece in Francia stanno bene, vero? La lista è lunga, ma non mi sembra che ci sia tutto questo cambiamento europoide in giro o sbaglio?

        • marcoferro

          confidiamo sempre nel solito e solido asteroide…

    • cagliostro
    • Flavio Bosio

      Ma l’italopiteco adora andare a votare…

      • cagliostro

        invece chi non vota fa il servo al padrone,
        siete forti,

        • Caio Giulio

          Ma dai che hanno capito tutto! Loro si che sono svegli e furbi, almeno poi al bar possono blaterare che “mica si fanno prendere per il culo” loro.

          • hurom

            voi vi riconoscete in questo organigramma oligarco-massonico e nelle loro regole.
            io ed altri no.
            punti di vista e punti di azione differenti.

          • Caio Giulio

            Le vostre non sono azioni, non siete nemmeno lontanamente ghandiani, siete solo prenditori passivi utili al sistema. Di fatto il non voto è un voto in più per i sinistri di turno.

        • Cruciverba

          Quello che non capite voi è che siete servi uguali , sia che ne siate consapevoli o che non lo siate .

          • cagliostro

            Si si, ma un pochino meno servi di chi non vota, almeno noi proviamo a far cambiare il corso politico , chi non vota non fa niente anzi favorisce la casta che puo contare sull’ inettitudine di masse consenzienti.

          • cagliostro

            Quindi grazie ai faccendieri, ai trasformisti, ai giornalai, responsabili di tutto ciò … oltre naturalmente agli astensionisti e a quelli che hanno predicato l’astensionismo. Perché l’astensione non è altro che disimpegno, e il disimpegno non ha mai fatto cadere alcun governo, l’indifferenza non ha mai provocato cambiamenti, anzi è sempre servita a mantenere lo status quo e a lasciare al potere i soliti noti.

    • enricodiba

      Si non votare, mi raccomando cosi ti si ….. meglio.
      Diverso il discorso per lo sciopero fiscale.

  • Rifle

    Il punto di svolta, qualunque cosa dica o faccia il prossimo governo tedesco, sarà il cambio al vertice della BCE.
    Finché ci sarà Draghi il baraccone Italia verrà protetto e non perché Draghi è Italiano ma perché deve (su ordine della finanza internazionale) tutelare questo Euro e l’attuale struttura finanziaria europea.

    Bene, spesso dimentichiamo tutti che il mandato di Draghi scade in ottobre 2019, cioè tra 2 anni, cioè un quarto della durata del suo mandato.

    Non sono pochi.
    Chissà quante e più gravi cose avverranno in questi due anni.

    Un po’ diverso sarebbe se i tedeschi avessero a disposizione un grimaldello legale per obbligarlo ad andarsene prima.
    Non ne ho mai sentito accennare perciò penso che non esista.

    Finché Draghi è lì i tedeschi, volenti o nolenti, possono solo abbozzare.

  • RUteo

    Primi arresti per la cosca Musumeci !

  • Disca

    “Io i nomi – da Zonin a Caltagirone, in poi – li voglio a stampati caratteri cubitali sulle prime pagine dei giornali” Il problema è che i nomi corrispondono ai proprietari dei giornali….

    • marcoferro

      io li vorrei vedere stampati sulle loro lapidi….

      • cagliostro

        cosa pensi di questo: Tuttavia, il segno che la battaglia è lungi dall’essere conclusa, due informazioni separate mi sono stati trasmessi la scorsa settimana riguardo Trump. Una era una “fonte vicina alla Corea del Nord” e l’altra era un ufficiale veterano della CIA in Asia. La fonte legata alla Corea del Nord ha detto che se Trump provoca una guerra contro la Corea del Nord, “non avrebbe lasciato l’Asia vivo”. La fonte della CIA, da parte sua, ha detto: “Ho sentito sussurrare nelle ombre che c’è una sorpresa speciale in attesa per lui in Vietnam e non è l’incontro a margine con Putin. “

        • Caio Giulio

          Come sei criptico. Tu immagina se lo fanno fuori mentre si reca da Putin,sarebbe la fine. Probabilmente spero siano solo fantasie malate del deep state.

          • cagliostro

            leggi qui:
            Secondo la US Naval Intelligence, la forza reale dietro la pulizia di Hollywood è stata la NSA, che ha informato le vittime dei pederasti che potevano fornire le prove per sostenere le loro accuse contro i loro torturatori.

            Ora che Washington DC, politici, università e Hollywood sono epurati dal satanico controllo dei gangster Khazariani, supponiamo che le strutture mediche e pharmacidical siano i prossimi sulla lista. Un raid pesante sulla sede American Medical Association, con particolare attenzione alle informazioni correlate al cancro, sarebbe un ottimo punto di partenza. Su questo fronte, si capisce che Bill Gates ha già cantato come un canarino in custodia speciale.

          • Caio Giulio

            Magari ! Però mi sembra un tantino troppo esagerato, per ora almeno. Speriamo che un giorno ci arriveremo, magari il prima possibile,

          • Caio Giulio

            Magari ! Però mi sembra un tantino troppo esagerato, per ora almeno. Speriamo che un giorno ci arriveremo, magari il prima possibile,

          • AnonimoSchedato

            Avrebbe dovuto esserci un link dopo il “leggi quì”?

          • cagliostro

            leggi qui:
            Secondo la US Naval Intelligence, la forza reale dietro la pulizia di Hollywood è stata la NSA, che ha informato le vittime dei pederasti che potevano fornire le prove per sostenere le loro accuse contro i loro torturatori.

            Ora che Washington DC, politici, università e Hollywood sono epurati dal satanico controllo dei gangster Khazariani, supponiamo che le strutture mediche e pharmacidical siano i prossimi sulla lista. Un raid pesante sulla sede American Medical Association, con particolare attenzione alle informazioni correlate al cancro, sarebbe un ottimo punto di partenza. Su questo fronte, si capisce che Bill Gates ha già cantato come un canarino in custodia speciale.

          • cagliostro

            se queste notizie sono vere sarebbe un vero cambio di rotta. La notizia ha del clamoroso. Per approvare la fusione Time Warner+AT&T le autorità USA hanno richiesto la cessione della CNN, per evitare concentrazioni (…, work in progress). Chiaramente, essendo la CNN il più acerrimo nemico mediatico del presidente Trump nonchè TV clintoniana dichiarata per eccellenza, da domani il supporto mediatico per le verità pro-Clinton scemeranno terribilmente. Non solo sulla CNN, credetemi.

            L’ammistrazione Trump sembra ora in full control.

            Il titolo Time Warner è in crollo in borsa dopo la news; c’è da credere che da domani tutti i media saranno molto più circospetti nel trattare le vere fake news.

        • marcoferro

          la povera melania, la first figa, sarebbe inconsolabile…

          • cagliostro

            potremmo cercare di consolarla noi

          • marcoferro

            ah ah ti piacerebbe vero ?

          • Caio Giulio

            Beh, anche la sua capo addetta stampa non è male per niente.

          • cagliostro

            anzi, forse forse,

          • marcoferro

            sarà anche un koglione su tante cose er pannocchia ma per quanto riguarda le donne è in gamba…

          • Caio Giulio

            Beh, uno che ha organizzato per anni miss universo..

          • marcoferro

            pensa che fino a un anno fa alla casa bianca c’era quello scimmione col pesce sotto, che schifo. una coppia di froci neri hanno abitato la casa bianco garantito

          • Caio Giulio

            Il tyson in gonnella pare che lo vogliano candidare nelle prossime elezioni. Tu pensa come sono ridotti i sinistronzi americani.

          • marcoferro

            ho visto una foto recente di Michello è un armadio, mentre la scimmia assassina bombama è invecchiato e incanutito….

          • Caio Giulio

            La tulsi invece, a proposito di dem come la vedi? Seconde me, se la mettevano al posto della befana assassina battevano pure Trump 😉
            https://www.sott.net/image/s16/327744/full/151120123348_tulsi_gabbard_apr.jpg

          • marcoferro

            quella della hawai mi sembra. credo sia troppo al di fuori dei sistemi di potere. vogliono sempre un presidente che possono manovrare e ricattare, o al limite comprare. quella ragazza sarebbe una mina vagante. questo dal loro punti di vista, dal nostro invece sarebbe stata un buon presidente almeno per quel poco che la conosciamo.

          • Caio Giulio

            Già il fatto che difendeva Assad la dice lunga, ma vedrai che sarà lei la prossima star dei dem quando si saranno liberati delle vecchie babbione rincoglionite al comando.

          • marcoferro

            e i bush non hanno qualche nipote da candidare ? pensa che io sentii parlare perfino di Cessa klingon…

          • Caio Giulio

            A, se vogliono perdere per i prossimi decenni, la cessa è perfetta, anche se il travellone abbronzato non sarebbe da meno.

          • marcoferro

            che tristezza, e quei koglioni dei merighi li voterebbero pure a questi soggetti

          • cagliostro

            come in sicilia,

          • marcoferro

            già, solo che quelli non hanno 24 mila forestali. pensa che tutto il canada ne ha 4 mila per esempio…

          • cagliostro

            reddito di cittadinanza mascherato e serbatoio di voti a disposizione delle cosche, alla faccia di chi non vota,

          • Salvo Di Trapani

            Qualcuno sa quanti sono i cassintegrati al Nord, per favore?

          • marcoferro

            saranno tanti, ma ti dico preferisco che li diano agli italiani piuttosto che mantenere negri parassiti e inutili, pagare l’interesse sul debito pubblico e pagare le guerre per stare dietro agli americani, etc..

          • Andrew

            Michello è fantastica!
            Ahahah 🙂

          • cagliostro

            le belle gnocche vanno servite

  • Antonello S.

    L’unica alternativa ad un voto democratico, seppur assurdo e farsesco, è il totalitarismo.

    • cagliostro

      come in nord korea?

    • AnonimoSchedato

      Intanto definiamo “voto democratico”, visto che nei secoli ha cambiato significato.
      Democratico secondo il modello originale (quello che oggi chiameremmo “democrazia diretta”) o secondo la definizione che va oggi di moda in italia (cioè “o mangiare sta minestra o saltare quella finestra”) del rappresentativo che non rappresenta che la metà del paese (quella che si lascia condizionare dalla TV) ?

      Poi il totalitarismo mi risulta possa essere anche votato dalla maggioranza (esempio i nazionalsocialisti tedeschi che nel 1933 le hanno vinte le elezioni!) .

      Poi, la maggioranza ha la legittimità di mettere la minoranza al lavoro forzato?
      Perchè il 70% tra tasse e contributi a fondo perso è lavoro forzato, secondo me.

      Potrei continuare, ma spero di aver lanciato un sasso nello stagno.

      • Caio Giulio

        La democrazia è morta al momento del suffragio universale, mi spiace ma prima almeno votavano quelli che un qualcosa ci capivano, mentre oggi troppi votano solo con la pancia.

        • AnonimoSchedato

          Più che la pancia, votano con i pensieri di un altro (solitamente appresi in TV).
          La democrazia diretta potrebbe essere una soluzione, anche si lascia il suffragio universale, dovendo votare su cose complesse come le leggi e non sulla simpatia del “rappresentante”, i più cesserebbero di occuparsene.

      • Fabrizio de Paoli

        La democrazia diretta sicuramente è più rappresentativa delle volontà popolari ma comunque non se ne esce.
        Il fatto è che, in presenza di uno stato come l’italico, esprimere una scelta con un voto ti svincola dai COSTI che eventualmente quella scelta comporta.
        C’è un solo modo per accollarsi quella responsabilità ed è quello di scegliere pagando di tasca propria come succede nel mercato.
        Vale a dire che voto (scelgo) quando ho ricchezza da spendere e quando e se voglio spenderla (compro) in una direzione precisa.

        • AnonimoSchedato

          Siamo d’accordo. La libertà di scelta si esprime più nel mercato che nelle menti pervertite dal potere dei burocrati e, soprattutto, il mercato permette più scelta ai suoi attori, privilegiando i capaci e i meritevoli come nessuna burocrazia potrà mai . Non che non abbia il suo insieme di problemi, però.
          La cattiva allocazione del potere e il sopruso, così come le varie forme di violenza, inclusa quella economica, sono possibili anche in questo sistema. E saranno sempre usati per minarne le basi.
          Credo che ci sia spazio per entrambe, alcuni problemi possono essere risolti meglio con la democrazia (come gestiamo un monopolio naturale?) e la maggioranza delle altre con un mercato libero (eventualmente temperato da organizzazioni che operano nel mercato ma con scopo diverso dal profitto, come ad esempio quello mutualistico tra liberi aderenti).

    • marcoferro

      anche una semi-anarchia non sarebbe male, il belgio è stato senza governo per quasi 2 anni e addirittura il pil è cresciuto senza quei parassiti.

    • Flambeau

      Tutti i pensatori liberali hanno sempre concepito la democrazia come una forma di governo da tutelare da ogni totalitarismo, tanto quello dell’uomo solo al comando quanto quello della folla, “mob” direbbe Tocqueville ne “la democrazia in America”.

      Oggi questo concetto si è perso e con esso i valore democratici, viviamo nell’epoca della dittatura della maggioranza (che poi è dittatura di chi controlla la pancia della maggioranza).

    • paolosenzabandiere

      Una “maggioranza” anticostituzionale del 26% aiutata da una finta opposizione che non ha fatto solo il Nazareno con Berlusconi ma che ha di fatto aiutato Renzi in mille modi (M5S, FdI e lega) si può chiamare democrazia?

    • Goffry

      Non esiste già?

  • Non capisco perché non inserire nella Vs testolina la terza via tra votare e non votare: andate alle urne e rendete il Vs voto grande, scrivete improperi o minacce sulla scheda!!!!!!!!
    Minacce precise che a norma dell’attuale legge elettorale resteranno impeseguibili ma verbalizzate
    Il partito dei lampioni è forte e farà la differenza.

    • paolosenzabandiere

      Lampioni? Il secolo dei lampioni? Dovesse venire, sarà illuminante.

      • Dopo l’illuminismo è ora del lampionismo ahahahahah.
        Ricordatelo sulla scheda e scriveremo un pezzo di storia. Come fu il luddismo per la prima rivoluzione industriale così sarà il lampionismo per la falsa democrazia.

        • Goffry

          Allora, direi di riciclare il verismo…

    • auric

      Il suo sfogo sulla scheda elettorale farà forse arrossire una giovane scrutatrice e provocare un sorrisetto nel presidente di seggio, ma la sua protesta rimarrà ignorata ed etichettata come scheda nulla. La loro tattica sarà quella di equiparare lei è il suo voto ad una nullità, niente più che il colpo di testa di un eccentrico. E sarà ignorato. Consideri invece un voto fastidioso,a loro come magari anche a lei stesso, come per il M5S. Da bambino sentivo gli adulti dire che votavano DC turandosi il naso. Faccia così anche lei, voti M5S turandosi il naso e soffocando i conati di vomito, se tanto le ripugna. Ma vedrà, poi ci divertiremo. Ormai è tutto un cinema. Diventiamo sceneggiatori anche noi.

      • Certo certo 50% di schede nulle, magari zeppe di minacce non fa notizia. Sei proprio schiavetto allora che non sai divertirti!
        Il punto non è la scheda nulla ma le minacce ed il fatto che resti attivo nei fatti e non una pecora X o un coglione disinteressato!

        • auric

          Le minacce sulla scheda elettorale anonima non fanno paura a nessuno, ma lei può naturalmente provare a dimostrare il contrario, mentre io sono pronto a riconoscere di sbagliarmi se lei avrà un qualche successo tangibile. Vede, le rivoluzioni si fanno con le armi vere, o con lo sciopero fiscale, questi sono i fatti a cui lei attribuisce importanza. Se invece parliamo di banali elezioni, le sue minacce vergate con matita statale su scheda altrettanto statale non vanno al di là del suo seggio elettorale. Quattro insulti o minacce sulla scheda elettorale vanno bene per sentirsi meglio vantandosene su un blog. Questo è senz’altro positivo a livello personale, come urlare “governo ladro” allo stadio, ma non ha alcuna efficacia politica o sociale. Se poi vogliamo tirare in ballo l’essere schiavi, anche il solo fatto di andare a votare, qualunque cosa si scriva sulla scheda, è di per sé una schiavitù. Allora ben venga la posizione di Bottarelli, che riconosce l’inutilità del voto “democratico”di per sé, e suggerisce di astenersi da questo esercizio di schiavi o bestie ammaestrate. Non critico la sua scelta di scrivere minacce sulla scheda elettorale, solo penso che sia uno spreco di sane risorse e di onestà incazzatura, che potrebbero ben più utilmente essere incanalate in un messaggio più forte ed efficace. Naturalmente, come si dice in inglese, this is my humble opinion.

          • Credo che le minacce e/o insulti sulla scheda siano fatti concreti che dimostrano l’inutilità del voto. Se non ci arrivi o volevi dargli altre letture is your humble opinion!
            Non è stando a casa che dimostri l’inutilità del voto, anzi si sfregano le mani se non voti! E questa non è una mia opinione ma realtà.
            Smettila di lucidarti le catene e agisci come hai detto, fai lo sciopero fiscale.

          • Goffry

            yawn… sai cosa frega degli eletti in Parlamento o in Regione se va a votare il 30% o il 20%… ?

        • andrea pippo

          in effetti è una strana via. primo perchè agli eletti gliene frega poco, a meno che e solo a meno che non si scriva tutti la stessa cosa dimostrando una salda organizzazione. in altre parole migliaia di voti bene organizzati e pronti a prendere un indirizzo preciso alle successive elezioni. ma è fantascienza.
          figurati che dopo anni che mi sono sempre chiesto, ma chi cazzo ha votato quel 40% di renzi, ho scoperto che erano proprio persone che conoscevo. a quel tempo, essendo che io mi approcciavo a loro dicendo, appunto, ma chi cazzo lo ha votato, non hanno detto di averlo fatto. adesso quando dico che renzi va sbattuto fuori dalle balle, qualcuno dice: e pensare che l’ho anche votato la prima volta (alle europee si intende perchè non è mai stato candidato fino ad ora). e quindi ho capito che i coglioni sono tutti intorno a me. non ci si può fare niente. siamo fottuti.

      • ettore,

        I 5 stelle sono troppo politicamente corretti, meglio votare chi è tanto politicamente scorretto da chiamare Patria quella che gli altri chiamano Paese.

      • Vincenzo Laino’

        Vale lo stesso discorso che ho fatto ad un altro lettore.Lei sa quanti deputati e senatori M5S ( cito questo partito solo perche’ tirato in ballo da lei,ma vale per tutti gli schieramenti) sono passati dall’altra parte ? Col voto degli elettori che si erano tappati il naso ?

    • Cruciverba

      E’ che dopo tanti anni di insulti inizia pure a mancare la fantasia per qualcosa di nuovo che abbia un bell’impatto … pero’ sono confidente che trovero’ qualcosa a tema come sempre 😉 ah ah ah

  • Caio Giulio

    NOO..scommetto che avevano le macchinette elettroniche per votare:
    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/usa_danica_roem_conquista_un_seggio_virginia_la_prima_transgender_eletta_un_congresso-3354193.html
    Se così non fosse, sarebbe la dementocrazia at it’s best.

  • auric

    No Bottarelli, non è ancora il momento. Intanto, il Movimento 5 Stelle. Per rompere i coglioni al sistema dei parassiti di professione. Perchè le massaie, ignoranti e credulone finchè si vuole, vanno però a guardare i conti della spesa. Poi al prossimo giro possiamo anche astenerci, quando la merda nei ventilatori sarà già stata sparsa. Come giustamente ha ricordato il nostro ospite fk, il Qualunquismo è evaporato presto, ma il M5S è ancora qui, almeno per ora. La situazione italica è drammatica se non grottesca, almeno divertiamoci un po’.

  • marioam

    Vabbé, da quel popolo di parassiti disonesti che sono i siciliani che cosa ti aspetti?

    • biafra66

      Nulla…proprio nulla.

  • Andrew

    Eccolo qui, immancabile, il post quotidiano che promuove l’astensionismo.

    L’articolista che scrive (del tutto condivisibili) fiumi di articoli contro la sudditanza del nostro paese ai poteri forti stranieri, della sudditanza del teatrino UE a Mr. Soros, e che come soluzione ha…l’astensionismo dal voto elettorale.

    Mi sembra come un uomo che non vuole più fare sesso e penetrare una patata in quanto …opss… la patata urina. Che schifo!! Orrore!

    Bottarelli, non si preoccupi, non ci vada a votare, c’è chi voterà per lei. Stia sereno.

    • Vincenzo Laino’

      Al netto di tutte le affermazioni lette ; Io secondo lei dovrei votare un partito X per eleggere un parlamentare y ( imposto dall’alto ovviamente),per sperare che il partito x col suo bravo parlamentare y formino un governo ( mettiamo giusto per esempio di cdx).Salvo poi,col mio voto il parlamentare y ( puo’ capitare come sa anche col partito x) mollano tutto e vanno dall’altra parte ?.Sentendo pure gli esponenti del partito x che parlano di me come gli elettori che contribuiscono alla stabilita’,etc etc.
      Ma lei quando critica l’astensionismo scherza vero ?

      • Andrew

        Se mi parla dell’assurdità del fatto che la Costituzione non preveda il vincolo di mandato elettorale, non posso che essere d’accordo.

        Per il resto non so che dirle, se non unirmi a lei nel disgusto per la politica, che rimane – ns malgrado – l’unico strumento per esprimere il voto e guidare la nazione per quanto possibile.
        Che questo poi sia difficile, è ovvio.

        Bottarelli è un bravo articolista, ha grande acume ed io manco posso permettermi di portargli le scarpe se si parla di scrivere, commentare i tempi che corrono.

        Posso però permettermi come lettore di esprimere non tanto il disappunto ma proprio la delusione nell’appurare che la conclusione dei (pur condivisibili) articoli sia sempre quello di promuovere l’astensione elettorale, come se questa servisse a cambiare qualcosa.

        A mio avviso, è proprio quello che cercano le lobby finanziarie mondialiste e quanto di più merdoso preme per annullare la sovranità nazionale, che (a mio avviso paradossalmente) sono appunto i soggetti che Bottarelli non manca di riprendere nei suoi articoli.

  • Covpepe

    Bravi, non andate a votare. Lasciate che ci vadano solo i piddini di merda, gli zombie rossi telecomandati che non mancano mai un appuntamento elettorale.
    Che siano loro a decidere per voi, sempre e comunque. Quanto siete furbi!

    • Goffry

      Mi sembra una cosa talmente logica… sai cosa frega degli eletti in Parlamento o in Regione se va a votare il 30% o il 20%… ?

  • Goffry

    Alla fine il Bottarelli è arrivato alle stesse conclusioni che vado dicendo da mesi. E’ game over. Kaputt. Se una buona parte (per ennemila ragioni e convenienze) dei 50 milioni di elettori italioti è una testa di cazzo, è fatica e tempo sprecato far loro cambiare idea o pensare in modo logico. Per fare un esempio: dove passa la maggior parte del tempo un italiano medio? A cazzeggiare su FB, WA, siti sportivi e viaggi. Per il resto verranno inondati dagli eventi, come previsto. Per fortuna ci sono zone del paese (in primis al Nord, dove sto io) che verranno impattate poco e avanti così, cercando sempre di emergere e galleggiare. Nel 2030 l’Italia sarà un nuovo Sudamerica, questo è certo.

  • johnny rotten

    Andare o non andare a votare rimane una scelta individuale e insindacabile, la cosa sicura è che nessun partito merita il voto, in ogni caso.

  • thomas

    Siamo nella merda fino al collo,Speriamo con il sopraggiungere della stagione invernale che congeli,così da poterci pattinare sopra! Olè……

  • Andrea

    Hanno fatto benissimo ad aspettare per gli arresti, altrimenti la solita pantomima degli arresti preventivi. Il punto è che ci sono così tanti ladri in italia, che dovremmo sostituire quelli nel carcere con quelli onesti, facciamo prima….
    Paese di miserabili

  • gio610

    nella vita gli errori si pagano tutti, prima o poi. e penso con paura e tristezza ai miei figli, dato che io probabilmente, per ragioni anagrafiche, non vedrò quel momento.
    la rabbia mi viene dal fatto che i politici pagheranno meno di tutti (e loro lo sanno)

  • Buon Giorno

    Forse per evitare che la politica italiana venga condizionata dalla magistratura (che ricordo é un potere onnipotente, irresponsabile e non eletto, con buona pace della democrazia) bisognerebbe ripristinare l’immunitá parlamentare per tutta la durata del mandato sia a livello nazionale che locale (ovviamente introducendo il vincolo di un solo mandato o di piú mandati MA NON CONSECUTIVI).

  • Zamax

    Il catastrofismo apocalittico è noioso, ed è il rovescio della medaglia del giacobinismo palingenetico dei grillini. In fondo è un fenomeno perfettamente italico, o “itagliano” come si dice da queste parti. E’ allora per un senso razionale e condivisibile di autoconservazione se gli italiani si affidano a Berlusconi: molto meglio lui che i pazzi furiosi, o i candidati del “partito della nazione”.

    • Max Hur

      Certo , la mummia di Arcore è l’ usato sicuro che poi però,se non sei un imbecille, sai che al di la del sogno immediato ti lascerà a piedi sul primo rettilineo .Ennesima riprova che gli italiani sono un branco di pecore con la memoria di un pesce rosso.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi